Edifici di Merv - Turkestan Travel

Edifici di Merv

Merv è conosciuta nella storia come “Merv ash-Shahidjan” e ha edifici antichi. Si dice che la cittadella (kukhendiz) fu costruita da Tahamurt e la città antica (medina) da Zu’l-Karnein. (La città si trova in una zona pianeggiante lontana dalle montagne, dove non si vedono montagne e non ce ne sono nelle immediate vicinanze; il terreno è salino e sabbioso).

Le strutture di Merv sono costruite in fango e ci sono tre moschee per le preghiere del venerdì. La prima moschea dove si sono tenute le preghiere del venerdì è una moschea costruita all’interno della città (interna) all’inizio dell’Islam.

Man mano che il numero di musulmani aumentava, fu costruita una moschea chiamata “vecchia moschea” vicino alla città, dove i fedeli eseguivano le loro preghiere.

Al-Shafi’i, Ahmad ibn Hanbal e Ibn Malik, basati sulle tradizioni delle azioni e delle parole di Muhammad (SAV) (Hadith), in contrasto con la quarta scuola, la più diffusa, di Abu Hanifa, che si basa su inferenze (Paradiso) e analogie. Le preghiere comuni nella prima moschea sono state abbandonate ed è conosciuta come la “Moschea di Beni Mahan”.

Poi fu costruita una moschea che si trova sul Madjan. Si dice che questa moschea, il bazar e l’edificio del governo furono costruiti da Abu Muslim. Dietro questa moschea c’è la casa del tavolo, e in questa casa c’è un edificio a cupola che fu costruito da Abu Muslim e nel quale egli sedeva e nel quale siedono ancora i governanti di Merv.

È un edificio a cupola di mattoni cotti, largo 55 cubiti e con un tetto a vista, con quattro porte che conducono a un portico alto 30 cubiti, con un pavimento rettangolare davanti a ogni portico.

La cittadella è grande quanto il centro della città, ma è deserta; è su una collina, e sebbene sia su una collina, ha dei canali d’acqua sotterranei che scorrono ancora oggi; a volte ci sono meloni, orti e altre cose.

Per quanto riguarda i bazar, erano alle porte (interne) della città, dalla parte della “vecchia moschea”, e ai tempi di Abu Muslim furono spostati a Madjan. I bazar di Merv sono tra i più puliti.

Il luogo di preghiera del festival si trova nel quartiere “Ras al-Maydan” in piazza Abu Jahma, e questo luogo di preghiera è circondato su tutti i lati da edifici e strutture e si trova tra il canale Khurmuzfarra (Il canale Khurmuzfarra scorreva oltre il muro occidentale della città di Sultan Qala) e il Madjan.

I quartieri in cui è divisa la città hanno certi confini; questi quartieri hanno canali ben noti. Di questi, il canale di Hurmuzfarra, sul quale si trovano molti edifici della città (balad), è verso Serakhs, il luogo dove si entra da Serakhs.

Ha molti edifici; al-Husayn ibn Tahir (Al-Husayn ibn Tahir, membro della dinastia Tahirid), che tenne Merv per un certo periodo (dall’877) dopo la caduta del dominio della dinastia, costruì qui questi edifici; e qui volle spostare il bazar e la casa del governo.

È da questo canale che il quartiere di Ras al-Shabai, sede del glorioso sceicco Abu’l-Fadl Muhammad ibn Ubeidallah, attinge la sua acqua. (Abu’l-Fadl (Abu’l-Fazl) Bal’ami era un visir samanide morto nel 940).

Poi un canale conosciuto come al-Majan; su di esso ci sono la casa del governo, una nuova moschea Juma, una prigione e la casa di Abu-i-Nejm, un liberto della famiglia Abu Mu’aith; è una casa a cupola.

In esso, i seguaci abbasidi si tingevano i vestiti di nero; questo edificio a cupola esiste ancora oggi. Poi il canale conosciuto come al-Raziq, che si apre alla porta della città; da questo canale gli abitanti della città (interna) (Medina) prendono l’acqua e la portano agli hawza (stagni) in essa (Medina); su questo canale “la vecchia moschea” e nella sua parte inferiore i palazzi di Khalid ibn Ahmed ibn Hammad, che era il sovrano di Bukhara.

Infine, c’era un canale conosciuto come Asadi al-Khorasani (il canale Asadi o Asadi al-Khorasani scorreva apparentemente oltre le mura di Gjaur-kala sul lato est) che forniva acqua ai quartieri di Bab Sanjan, Beni-Mahan e altri; su questo canale c’erano le case dei Merv Marzban.

Questi sono i canali su cui si trovano i quartieri e gli edifici. Questi edifici e questi canali (il canale Asadi o Asadi al-Khorasani, che apparentemente scorreva oltre le mura di Gyaur-kala sul lato est) sono circondati da un muro; un altro muro circonda (tutta) la città e i suoi villaggi (rustak); comprende tutti gli insediamenti urbani e si chiama ar-Rai – tracce di questo muro sono ancora visibili oggi.

La città interna (medina) ha quattro porte: la porta chiamata “Porta della città” accanto alla moschea Juma, la porta Saitjan, la porta Balin e la porta Mushkan, da cui si entra a Maverannahr, e vicino alla quale si trovava la dimora e l’accampamento di al-Ma’mun quando soggiornava a Merv fino a quando il potere califfale non è passato nelle sue mani.

Merv ha un grande fiume da cui si diramano tutti i canali sopra menzionati e i canali delle comunità (Rustak); inizia oltre Bamiyan ed è conosciuto con il nome di Margab, cioè fiume di Merv. Alcuni dicono che questo fiume prende il nome dal luogo da cui scorre, che si chiama “Margab”.

Altri dicono che “marg” significa “boschetto”. Questo fiume scorre vicino a Mervarrood, e su di esso si trovano le loro terre, e il confine di questo fiume nella regione di Merv è (il villaggio di) Kukin, (dovrebbe probabilmente essere chiamato Laukar o Levker tra Khauzan e al-Qarinein.

Hauzan appartiene a Merverrood, al-Qarinein a Merv. La divisione di questo fiume inizia nel villaggio di Zark, dove si trova lo spartiacque del Merv. E da questo fiume, per ogni quartiere e strada, si fanno dei piccoli canali sui quali si collocano delle tavole di legno (l’estratto di Parigi aggiunge: “Queste tavole sono collocate nel villaggio di Bukht Ab, che si trova a mezzo farsakh dalla città).

E quando l’acqua aumenta, ogni utente prende la sua parte del surplus, e allo stesso modo quando l’acqua diminuisce (riceve meno). E un capo separato gestisce quest’acqua, e ha più importanza di quello che si occupa delle tasse. (Sahib ma’una sembra essere l’incaricato delle tasse e delle imposte diverse dall’Haraj.

E mi hanno detto che più di 10.000 persone si nutrono di quest’acqua – ognuno di loro ha un ufficio presso quest’acqua. Merv era un campo dei musulmani nel primo periodo dell’Islam, e in esso il regno di Persia venne ai musulmani, perché Yazdgerd, il re di Persia, fu ucciso in un mulino (vicino al villaggio) da Zarq.

Fu da qui che iniziò la propaganda abbaside, e fu nella casa della famiglia di Abu-i-Nejma al-Musaiti che furono dipinti i primi abiti dei “vestiti neri”; fu qui che il potere di califfo passò ad al-Ma’mun, ed egli sconfisse suo fratello Muhammad figlio di Zubeida. (cioè Muhammad al-Amin, il califfo abbaside (193 – 198 = 809 – 813); Zubeida è il nome di sua madre).

Da lui (Merv) proveniva la maggior parte dei capi militari (qayyid) del califfato e dei suoi funzionari (qatib) in Iraq, i governanti del Khorasan e molti giuristi importanti e famosi parolieri. Se nel nostro libro non ci fossimo attenuti ai confini conosciuti e se quello che abbiamo spiegato non fosse stato conosciuto da storie e libri, avremmo scritto di diverse classi di persone e di altre cose che abbiamo brevemente menzionato.

Al tempo dei Persiani questo popolo era eccezionale in talento e apprendimento tra tutte le terre di Iranshahr (cioè Iran, si legge nel Manoscritto C; nell’edizione: Abrashahr.), così che il medico conosciuto come Barzue superava gli altri medici persiani e il musicista chiamato Barbud superava gli altri nel canto e nella musica.

Il pane di Merv è così buono che nessun altro pane in Khorasan è più fine e saporito, e la frutta secca di Merv – uva (uva sultanina) e altre cose – è preferita all’uva di altri luoghi; e Herat è famosa per la sua abbondanza, molti di loro si trovano in altri luoghi, ma hanno un gusto e un valore migliore (di tutti) i frutti di Merv.

L’eccellenza dei frutti di Merv è provata dal fatto che i meloni sono affettati ed esportati in Iraq. Merv supera le altre città del Khorasan per la sua pulizia e la bellezza del luogo, la disposizione degli edifici e dei quartieri tra canali e alberi, l’isolamento dei vari artigiani nei bazar.

Nel deserto di Merv cresce l’Ushturgaz (una pianta che produce manna), che viene esportata in altri paesi; anche la seta viene esportata, così come la seta grezza in grandi quantità. Mi è stato detto che la base per la produzione della seta nel Jurdshan e nel Tabaristan è stata portata da Merv in tempi antichi, e (oggi) i semi del baco da seta sono talvolta portati nel Tabaristan; il più morbido “cotone Merv” è raccolto a Merv e si producono buoni “tessuti Merv”, che sono esportati in vari paesi.

Nel (distretto di) Merv ci sono vecchi e nuovi pulpiti (mimbar) (cioè moschee Juma). Il distretto di Merv ha dei pulpiti (mimbar) (cioè Moschee di Juma), vecchie e nuove; ce ne sono due nella città di Merv, e una ciascuna a Kushmaykhan, Khurmuzfarra, Sindj, Jirenj, (Jirenj, o piuttosto Gireng, un grande villaggio situato sul Murghab, sopra Merv ad-Dandankan, al-Karinein, Bashan, Harak, as-Sausakan: questi sono i pulpiti (del distretto) di Merv che conosco.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...