Degno di essere visto - Lungo la Via Della Seta - Turkestan Travel
Degno di essere visto

Bishkek - Bazar Osh

Bishkek - Bazar Osh

Il bazar di Osh è uno dei pochi posti a Bishkek dove si può sperimentare l’atmosfera di un bazar asiatico. Il bazar di Osh è il più grande mercato di Bishkek. Si trova molto vicino al centro, nella parte occidentale della città. Puoi trovare tutto quello che vuoi: cibo, prodotti fatti in casa, vestiti, scarpe, attrezzature turistiche, libri, attrezzi, ecc. Le classiche file del bazar di Osh sono piene di frutta e verdura fresca, pane piatto rossastro, kurut bianco come la neve e molto altro. Nella sala della carne del mercato, si possono trovare sia la carne fresca di manzo e di maiale comune agli europei, sia la tradizionale carne di cavallo kirghiso, di montone e anche di yak, così come le specialità kirghise come il chuchuk.

I turisti potrebbero anche essere interessati alla “fila turistica” dove possono comprare un souvenir del Kirghizistan. Qui si vendono prodotti tradizionali kirghisi di feltro, vestiti nazionali e utensili vari, magliette con stampe dedicate al Kirghizistan, strumenti musicali nazionali e varie cose rare, avanzi dell’epoca sovietica.

Degno di essere visto
Mauntains in Kyrgyzstan

Bishkek - Gola Ala Archa

Bishkek - Gola Ala Archa

La Gola di Ala-Archa è uno dei luoghi più famosi del Kirghizistan. La Gola di Ala-Archa si trova non lontano da Bishkek, nella regione di Chui, ed è un parco nazionale. Ogni anno la gola attira migliaia di turisti, sia locali che stranieri. Ci sono diverse ragioni per la sua popolarità. In primo luogo, la Gola di Ala-Archa si trova a soli 30 km da Bishkek; quindi, è molto facile da raggiungere e ha tutte le infrastrutture necessarie: una strada ben pavimentata, negozi, alberghi, caffè e luoghi di riposo in mezzo alla natura pittoresca.

In secondo luogo, la gola di Ala-Archa ha le sue particolarità geografiche – si trova nella parte centrale e più alta della cresta montuosa kirghisa, la seconda catena montuosa più lunga del Tien Shan. Pertanto, le montagne si innalzano il più possibile sopra la pianura e numerosi sentieri verso le cime più alte della catena montuosa kirghisa iniziano qui.

Ala-Archa è famosa per la sua natura incontaminata: estese foreste di abeti, boschetti di betulle, numerose sorgenti con pura acqua glaciale e rocce imponenti.

Degno di essere visto

Bishkek - Oak Park

Bishkek - Oak Park

Oak Park o “Duboviy Park” (anche Chyngyz-Aitmatov Park) è il più antico parco di Bishkek e si trova nel cuore della città. È uno dei luoghi più belli e idilliaci della capitale, e un viaggio a Bishkek sarebbe incompleto senza visitarlo.

La storia del parco inizia nel periodo pre-rivoluzionario, nel 1890, quando il Club dei giardinieri, guidato dal botanico A.M.Fetisov, iniziò a piantare alberi intorno all’ex chiesa di San Nicola, che ora ospita una galleria d’arte. Per inciso, l’edificio della galleria, costruito nel 1885 e situato nel Oak Park (“Duboviy Park”) è considerato uno dei più antichi edifici di Bishkek ed è incluso nella lista dei monumenti storici e culturali di importanza nazionale.

Nel 1914, il cinema Edison, che non esiste più, fu aperto nel parco, il primo cinema del Kirghizistan.

Nel 1919, dopo la fondazione dell’Unione Sovietica, i soldati dell’Armata Rossa che difesero il giovane stato sovietico contro le guardie bianche ribelli furono sepolti nel parco. Oggi, sulla loro tomba si trova un monumento eretto nel 1970 con cannoni di ghisa e una fiamma eterna accesa per commemorare i caduti della Grande Guerra Patriottica.

Il parco è anche sede del Teatro Chingis Aitmatov del dramma russo. L’edificio è un esempio eccezionale di architettura costruttivista.

Altre attrazioni del parco includono la fontana a 12 vasche, un impressionante museo di sculture all’aperto e una statua della regina kirghisa Kurmanjan Datke.

Degno di essere visto
Bischkek - Ala Too Platz

Bishkek - Piazza Ala Too

Bishkek - Piazza Ala Too

Piazza Ala-Too è la piazza centrale di Bishkek e la piazza principale del paese. Ospita la Casa Bianca, il Museo Storico dello Stato, un pennone con la bandiera nazionale, un monumento alle vittime della rivoluzione del 7 aprile, una statua di Chingiz Aitmatov e una statua di Manas, l’eroe dell’epica popolare kirghiza.

Il nome della piazza deriva dalle montagne del Tien Shan centrale e occidentale, che le tribù nomadi kirghise chiamavano Ala-Too – tradotto “le montagne colorate”. L’intera piazza, compreso l’edificio del Museo di Storia, che è stato progettato come il Museo Lenin, forma un insieme architettonico unitario. Una caratteristica della piazza è il rivestimento in marmo e granito degli edifici. Piazza Ala-Too è stata sistemata relativamente di recente – nel 1984 – ed è attraversata da diverse strade di Bishkek: Chui Avenue e Kievskaya Street.

Al centro della piazza c’è una statua di Manas il Grazioso, eretta nel 2012. In precedenza, la Statua della Libertà, eretta nel 2003, si trovava in questo punto, mentre la statua di Lenin, ora situata dietro il Museo Storico, si trovava nella Piazza Vecchia della città.

Molto vicino al Monumento Manas c’è un pennone di 45 metri con la bandiera nazionale della Repubblica del Kirghizistan. Ogni giorno, una guardia d’onore è in servizio vicino alla bandiera, cambiando ogni poche ore.

L’edificio principale della piazza è naturalmente il museo storico, che ha una caratteristica forma cubica. La grande piazza di fronte al museo ha fontane e aiuole.

La seconda parte della piazza di fronte al museo ha numerose fontane, tra cui una grande fontana di luce e musica nel mezzo, così come molte panchine e aiuole.

Nella parte più meridionale della piazza si trova una statua del grande scrittore kirghiso Chingiz Aitmatov.

Degno di essere visto
Burana Tower - Kyrgyzstan

Bishkek - Torre Burana

Bishkek - Torre Burana

La Torre di Burana, non lontano da Bishkek, è un importante monumento dell’antica cultura della Valle di Khui e della famosa Grande Via della Seta che la attraversa. La torre, un tempo il minareto più alto dell’Asia centrale, era il centro della capitale dello stato Karakhanid, la città di Balasagun, che si trovava in questa zona dal X al XII secolo. Originariamente era alta 40 metri, ma durante il terremoto la parte superiore della torre è crollata, e da allora la torre è alta solo 21 metri.

La Torre di Burana è di grande importanza culturale per Bishkek e per il Kirghizistan, poiché è l’unico esempio di architettura antica sopravvissuto nella regione che si è conservato fino a questo punto. Oltre alla torre, l’intera area dell’insediamento di Burana è anche di grande interesse. Sul sito ci sono numerosi tumuli, resti di antiche fortificazioni e il cosiddetto “Giardino delle Pietre” – una collezione di balbal (antiche lapidi di pietra) e strumenti di pietra (macine, ecc.).

Il complesso si trova in una zona molto pittoresca, vicino alle gole di Shams e Kegeti, a sud di Tokmok. Da qui si apre un magnifico panorama sulla parte orientale della catena montuosa kirghisa e in maggio e giugno si possono vedere campi di papaveri in fiore.

C’è un museo sul terreno dell’insediamento dove si può conoscere la ricca storia del luogo. C’è un negozio di souvenir e posti per riposare. L’ingresso al complesso costa 60 som. Il prezzo include una visita al museo e la possibilità di salire sulla torre stessa.

Degno di essere visto
Abdulla Khan Medrese in Buchara

Bukhara - Abdulla Khan Madrasa

Bukhara - Abdulla Khan Madrasa

La Madrasa di Abdulla Khan a Bukhara, costruita nel 1588-90, è una delle opere più eccezionali dell’architettura centroasiatica. L’entrata principale di questa Madrasa è progettata come un alto portale. La dimensione della facciata e la varietà dei materiali decorativi le danno un aspetto colorato e festoso. I toni freddi delle maioliche (blu, verde-azzurro, bianco) giocano bene con la luce del sole.

La Abdulla Khan Madrasa a Bukhara si trova di fronte alla Madari Khan Madrasa e forma con essa un unico insieme architettonico chiamato Kosh Madrasa. Nell’architettura dell’Asia centrale, il termine “kosh” è usato per descrivere l’insieme di edifici composti da due facciate che si fronteggiano. (gemello, accoppiato) e in riferimento alle due medre “medre gemelle”.

La scuola di Bukhara introdusse caratteristiche locali nell’architettura tradizionale della madrasa, il cui aspetto nel XV secolo è sorprendente se si confrontano le prime madrasa superstiti in Asia centrale costruite da Ulugbek a Bukhara, Gijduvan e Samarcanda. Ulugbek Madrasa a Samarcanda aveva belle facciate e alti minareti sottili a due livelli agli angoli della struttura. Il principio di base della pianta rimase invariato: le stanze erano disposte intorno al cortile interno. A Bukhara, la facciata principale è aperta da logge ad arco, mentre negli angoli dell’edificio ci sono torri tozze – guldasta tagliate al livello delle ali laterali. Le medre di Bukhara differiscono anche nelle loro caratteristiche di design.

Le porte delle madrase sono fatte con grande abilità da singoli pezzi di legno con la più fine intaglio senza un solo chiodo.

La pianta della madrasa ha una serie di caratteristiche che mostrano che gli architetti hanno cercato di utilizzare lo spazio interno nel modo più razionale possibile, includendo il maggior numero possibile di stanze. Di fronte alla facciata principale c’è un gruppo di hujshras (un piccolo spazio abitativo per gli alunni/studenti) e dietro di loro, a destra e a sinistra dell’ingresso, ci sono la moschea e il darshkhanah. Una caratteristica interessante è la posizione della moschea; la sua pianta è leggermente ruotata rispetto agli assi principali della madrasa, ma non verso la kibla (cioè verso la Mecca), ma rigorosamente ai lati del mondo.

Degno di essere visto

Bukhara - Bazar a Cupola Toqi Sarrafon

Bukhara - Bazar a Cupola Toqi Sarrafon

La Bukhara medievale era un’importante città commerciale, che accoglieva mercanti da tutte le parti dell’Asia centrale, Iran e India, Russia e Cina. Lo status commerciale di Bukhara si rifletteva nella pianificazione e nello sviluppo della città. Le grandi strade del centro servivano da bazar, ognuno dei quali vendeva un particolare tipo di prodotto. Per il loro miglioramento nelle piazze e negli incroci stradali, furono costruiti complessi piani a cupola multiventilati, chiamati “stream” – arco, volta. Tre di queste strutture sono state conservate: Toqi Zargaron (Bazar della cupola dei gioiellieri), Toqi Sarrafon (Bazar della cupola dei cambiavalute) e Toqi Telpak Furushon (Bazar della cupola dei venditori di berretti).

Il maestoso Bazar a cupola Toqi Sarrafon si trova all’incrocio di diverse strade che collegano il centro della città di Bukhara con un sobborgo medievale (Registan e Rabat). La struttura ha preso il nome dai Sarrafs – i mercanti che l’hanno cambiata. Tradizionalmente, lo scambio di valute di diversi stati era fatto dagli indiani. Questo significa che la cupola può essere chiamata uno dei più antichi “cambi di valuta” in Oriente. La parte principale della struttura – un’enorme cupola – si trova su quattro grandi archi e su tutti i lati questa struttura è circondata da vari edifici. Gli archi sono interessanti perché sono eseguiti in uno stile architettonico unico. Il loro design è chiamato “charzamin” e questo tipo di finitura è tipico di Bukhara. Naturalmente, la cupola moderna non raccoglie esperti di valuta, ma un numero inimmaginabile di souvenir tradizionali orientali sono raccolti qui. I viaggiatori troveranno tappeti luminosi e zucchetti a fantasia, ma anche gioielli originali (collane, orecchini, anelli) e tutti i tipi di utensili e attrezzi da cucina e anche gioielli costosi.

Degno di essere visto
Toki Telpak Furushon Buchara

Bukhara - Bazar a Cupola Toqi Zargaron

Bukhara - Bazar a Cupola Toqi Zargaron

Il bazar a cupola Toqi Zargaron (Taqi Zargaron in alcune fonti) è il bazar più esteso tra i bazar di Bukhara. Si trova a nord degli altri tre famosi bazar a cupola della città, vicino al complesso Poi Kalon. Questo maestoso capolavoro architettonico fu costruito tra il 1569 e il 1570 durante il regno di Abdullah Khan II della dinastia Shaibanid.

Il bazar a cupola Toqi Zargaron divenne il primo bazar di questo tipo nella città dopo che Bukhara ricevette il titolo onorifico di capitale del grande stato e divenne uno dei punti importanti della Grande Via della Seta. L’istituzione di Bukhara come una delle più importanti città amministrative, commerciali e artigianali dell’Asia centrale contribuì significativamente alla prosperità dei bazar a cupola. La loro costruzione permetteva non solo di organizzare un commercio diffuso, ma anche di alleggerire la pressione sulle strade centrali per rendere il movimento in città il più comodo possibile. Il bazar a cupola Toqi Zargaron è stato costruito sul sito del Chorsu – il nome dato all’intersezione di strade commerciali e bazar. Insieme ad altri monumenti di Bukhara, il bazar a cupola Toqi Zargaron è stato incluso nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO come “Centro storico di Bukhara”.

“Toqi” è il nome delle cupole dei bazar coperti costruiti all’incrocio delle strade più frequentate. “Zargar” si traduce come “gioielliere”, quindi la cupola Toqi Zargaron era anche chiamata “bazar della cupola del gioielliere”.

La struttura è eseguita nello stile tipico dell’architettura persiana. La cupola è piuttosto allungata e i bordi verticali della struttura si proiettano fortemente in avanti, verso l’esterno. Intorno allo spazio centrale sotto la cupola c’erano negozi di mercanti e laboratori di artigiani locali. Piccole cupole sovrapposte furono costruite anche sopra le gallerie con banchi e laboratori, creando un tetto a più cupole sopra le file dei commercianti. Le gallerie unite sotto la volta possono essere descritte come corridoi medievali.

Il diametro della cupola centrale di Toqi Zargaron è di 14 metri.

Il materiale usato per la costruzione del bazar a cupola era mattoni di ceramica. Toqi Zargaron è il più complesso in termini di costruzione e disposizione tra gli altri bazar coperti conservati di Bukhara. Lo spazio interno è organizzato in modo tale da rimanere fresco anche nelle calde giornate estive. Nessun elemento decorativo è stato usato nella costruzione, poiché la cosa più importante era una disposizione costruttiva ed efficiente. I negozi dei commercianti si estendevano dalla cupola alla madrasa Ulugbeg.

Tra le mura della struttura c’è letteralmente un regno di gioielli. Una volta c’erano 36 laboratori di artigiani e bancarelle di gioielli in nicchie di gallerie e piloni. I gioielli tradizionali orientali venivano realizzati proprio all’interno delle mura del complesso del bazar e poi venduti anche qui.

Qui si possono comprare orecchini, collane, anelli, copricapi lussuosi fatti con pezzi scorrevoli. Gli orecchini tradizionali di Bukhara consistevano in un cerchio di grande diametro con pendenti attaccati ad esso. Le pietre preziose e il rivestimento di smalto servivano come gioielli. Diversi maestri diversi erano di solito coinvolti nella produzione in diverse fasi di lavoro. Gli strumenti e la conoscenza della lavorazione dei gioielli sono stati trasmessi di padre in figlio. Si presume che qui furono coniate anche monete d’oro, d’argento e di rame, tra l’altro per l’Emirato di Bukhara.

In misura molto minore, vi si vendevano candele e sapone aromatico, che erano valutati anche più dei gioielli. I commercianti di tappeti, i caravanserragli per i commercianti e i viaggiatori, i magazzini di oggetti erano di solito situati vicino alla cupola.

Oggi, il commercio si svolge qui come diverse centinaia di anni fa. Il bazar a cupola Toqi Zargaron è un’attrazione popolare. I turisti vengono qui non solo come parte delle escursioni, ma anche per comprare gioielli unici e altri oggetti d’argento fatti dagli artigiani locali. Qui si vendono anche altre merci: Souvenir, vestiti, stoviglie, antichità, tappeti, libri, quadri, monete, strumenti musicali. Secondo le recensioni dei viaggiatori, i prezzi del bazar coperto sono accettabili. Come in qualsiasi mercato, è comune contrattare con i venditori e negoziare sconti.

Degno di essere visto
Ark in Bukhara

Bukhara - Cittadella dell'Arca

Bukhara - Cittadella dell'Arca

Nel centro di Bukhara c’è un bastione degli ultimi emiri – la Cittadella dell’Arca. I resti archeologici dell’inizio della nostra era, quando alcuni insediamenti esistevano già sul sito di Bukhara, sono molto più profondi della sua posizione attuale.

Alti muri di mattoni con un’estremità dentellata nascondono un’enorme collina – è qui che la città di Bukhara è apparsa in tempi antichi, più di duemila anni fa. Questa è la sua fortezza, la Cittadella dell’Arca.

Nel corso dei secoli, la sua altezza è aumentata gradualmente man mano che nuovi edifici venivano eretti al posto di quelli fatiscenti. La leggenda dice che la tomba di Siyavush, il leggendario fondatore della città, si trovava qui.

La regina Hutak Khatun visse e governò qui nel 7° secolo d.C., usando astuzia e diplomazia per difendere Bukhara dagli arabi per diversi anni. Lo storico medievale Narshakhi scrisse di questi eventi: “Allah instillò la paura nei cuori degli infedeli ed essi se ne andarono senza accettare la battaglia”.

Resti di antiche fortezze e palazzi sono nascosti nei depositi archeologici dell’Arca. Nel tardo Medioevo, gli emiri di Bukhara vivevano qui. Accanto alla porta c’era una frusta (“Kamchin”) come un impressionante ricordo del potere dell’emiro.

Dell’ex potente sviluppo dell’Arca rimangono solo pochi edifici. La farina veniva raccolta 24 ore su 24 sulla terrazza superiore di Nagorakhan. Orologi da trofeo – carillon (fatti nel XIX secolo dal prigioniero italiano Orlando) suonavano ogni ora sul campanile e cinque volte al giorno l’azanchis (la persona che chiama alla preghiera) appariva sulla torre annunciando l’inizio della preghiera.

Durante il Ramazan o Kurban e altri eventi festivi, un’orchestra suonava con quattro cambi unici di tenda e di vestito dei musicisti: luminoso, giallo, rosso fuoco e nero.

La piazza di fronte all’entrata della Cittadella dell’Arca – Registan, era l’arena principale di tutti gli eventi della città e il centro religioso di Bukhara. La Cittadella dell’Arca è il risultato degli sforzi di migliaia di schiavi che, molti secoli fa, hanno creato una collina artificiale a mano e senza attrezzature sotto il sole radiante.

Per presentare la portata di questa opera gigantesca, noi, gli uomini della nostra epoca, dobbiamo dimenticare la tecnologia moderna ed escludere anche mezzi di trasporto come Arava. Questa possente fortezza si erge sulla piazza del Registan come simbolo di grandezza, potenza e invincibilità.

Questo è l’obiettivo perseguito da coloro che sono al potere. Eppure l’impressione era ingannevole. Per molto tempo, la cittadella dell’Arca non ha resistito. Ripetutamente è stato costruito e distrutto.

L’età della Cittadella dell’Arca non è determinata con precisione, ma almeno un migliaio di anni fa questa maestosa fortezza era già la sede del sovrano di una terra vasta e densamente popolata.

Per molti secoli, l’Arca rimase la residenza principale dell’emiro di Bukhara, il luogo da cui veniva esercitato il comando supremo del paese. Qui, in una cittadella potentemente fortificata, vivevano non solo l’emiro, ma anche il visir capo, i capi militari, i servi più numerosi dell’emiro.

La Cittadella dell’Arca è un testimone vivente della ricca storia della città. Quando i guerrieri di Gengis Khan conquistarono Bukhara nel 1220, gli abitanti della città si chiusero sull’Arca e i guerrieri di Gengis Khan la invasero, uccidendo i difensori, saccheggiando oggetti di valore e distruggendo la fortezza.
Più volte sono scoppiate rivolte nella città e poi l’Arca è diventata l’epitome della tirannia crudele, con i sampietrini che volano alle sue porte, come nel 1708 durante la rivolta associata all’abolizione della riforma monetaria.

Qui nella Cittadella dell’Arca, oltre ai governanti maledetti dal popolo, vivevano e lavoravano grandi scienziati, poeti e filosofi. Nel Medioevo, quando la cultura di Bukhara raggiunse il suo apice, Rudaki, Firdousi, Abu Ali ibn Sina, Farabi e più tardi Omar Khayyam lavorarono qui.

L’Arca è un grande complesso fuori terra. In termini di pianta, si avvicina a un rettangolo irregolare che si allunga un po’ da ovest a est. Il suo angolo sud-est è leggermente tagliato.

Si trova nel centro della parte occidentale della città moderna. La lunghezza delle mura è di 789,60 m, l’area di 3,96 ettari. L’altezza dal livello della piazza Registan, vicino alla quale si trova, varia tra 16 e 20 metri.

L’entrata anteriore della Cittadella dell’Arca è architettonicamente progettata in forma di due torri a pilastri. La parte superiore della torre è collegata alla galleria, sopra la quale c’è una stanza con terrazze.

L’entrata della porta (Tahkul) è una rampa o un sentiero in graduale salita che conduce alla moschea Jami attraverso un lungo corridoio coperto. La rampa è recintata su entrambi i lati con una massiccia ringhiera di pietra, la sua lunghezza è di circa 20 metri.

Su una delle pareti della Cittadella dell’Arca c’era una grande frusta di cuoio (simbolo del potere dell’Emiro). Dalla porta della Cittadella dell’Arca inizia un lungo corridoio buio, lungo il quale si trovano le stanze per l’acqua e la sabbia, le celle per i prigionieri.

Dai materiali storici e dai racconti dei testimoni oculari, si sa a quali sofisticate torture ricorreva l’emiro per sottomettere i suoi sudditi. C’è un grande complesso di edifici nella Cittadella dell’Arca stessa.

La metà orientale della Cittadella dell’Arca è ora un monumento archeologico. La moschea Childukhtaron, alla quale è associata la leggenda delle quaranta ragazze torturate e gettate nel pozzo, è stata conservata qui.

Dall’alto della Cittadella dell’Arca, c’è un panorama unico e mozzafiato della parte antica di Bukhara. I restauratori di Bukhara chiamano la Cittadella dell’Arca un libro di testo per maestri costruttori. Nella Cittadella dell’Arca sono in corso ampi lavori di restauro.

Le mura sul lato della piazza Registan e molte stanze all’interno della cittadella sono state restaurate.

Degno di essere visto

Bukhara - Complesso Bahauddin Naqshbandi

Bukhara - Complesso Bahauddin Naqshbandi

Il complesso Bahauddin Naqshbandi si trova alla periferia di Bukhara, nel villaggio di Kasri-Orifon. Il complesso monumentale della tomba del santo fu ricostruito diverse volte, poiché ogni sovrano di Bukhara considerava suo dovere fare le proprie aggiunte.

L’insieme conservato della tomba di Bahauddin include un maestoso khanaka – una dimora sufi costruita dal Khan Abdulaziz nel 1545. La grande moschea con due aivan, uno dei quali sormonta il minareto, fu costruita a metà del XVIII secolo per la madre di Khan Abulfeyz.

Il complesso di Bahauddin Naqshbandi a Bukhara ha preso la forma tipica del XVI secolo di combinare una necropoli con un edificio cerimoniale. Nel 1544, lo sceicco di Abdulazizkhan I fu sepolto sotto forma di una volta a pavimento – dakhma con un recinto scolpito in marmo in cima.

La madre del sovrano Abulfeyz-khan (1711-1747) fece costruire una moschea con due aivan (terrazze) con i propri fondi, e nel XIX secolo il visir di Nasrulla-khan Hakim Kushbegi fece costruire un’altra moschea.

Il minareto (torre) fu costruito nel 1720. Durante il periodo sovietico, questo santuario era in uno stato di devastazione. L’altra moschea, situata nella parte interna del cortile della necropoli, fu costruita quasi un secolo dopo da Hakim Kushbegi.

Eventi interessanti sono legati alla costruzione della strada da Bukhara alla necropoli sacra. La storia della sua costruzione è presentata nella biografia degli emiri di Bukhara come segue: “L’emiro Nasrulla-khan Bokhadur era nella città di Karshi prima della morte di suo padre Kushbegi”.

Nel 1826, il beato emiro Haydar morì e il trono di Bukhara fu ereditato dal principe Hussein, che governò dal 6 ottobre al 19 dicembre di quell’anno e fu poi avvelenato da suo fratello Omar-khan, anche Omar-khan governò Bukhara solo brevemente – per quattro mesi.

L’emiro Nasrullah, avendo radunato un esercito e arruolato il sostegno di Hakim Kushbegi, intraprese una campagna verso Bukhara per punire il fratricidio. Pochi giorni prima della sua adesione, l’emiro Nasrullah lasciò il suo esercito vicino a Faiziabad e visitò la tomba del santo sceicco Bahauddin, dove giurò: “Se diventerò emiro, farò un hajj settimanale a piedi da Bukhara alla tomba del santo sceicco”. Il 24 aprile 1827, Nasrullah Khan Bokhadur salì al trono.

Come aveva promesso, fece il suo primo hajj al Mazar di Bahauddin. Il giovane emiro ordinò di lastricare la strada dalle porte della nobile Bukhara fino al sacro mazar di Sheikh Bahauddin.

Il suo ordine fu presto eseguito. L’ultimo emiro di Bukhara, Sayyid Mir Alimkhan, continuò le tradizioni dei suoi predecessori e costruì diversi edifici pubblici vicino alla necropoli, tra cui una grande pensione e un grande bagno.

Il complesso Bahauddin Naqshbandi a Bukhara fu costruito in modo permanente. Qui, nel complesso, ci sono anche due pozzi sacri. Allo sceicco Bahauddin, il cui nome completo è Sayyid Muhammad Bahauddin Naqshbandi ibn Sayyid Jalaliddin, migliaia di pellegrini, turisti e fedeli musulmani viaggiano e vagano in ogni momento.

Un pellegrinaggio a questo luogo santo per tre volte equivale a un Hajj alla Mecca. Il nome dello sceicco Bahauddin era il più venerato da queste parti dopo quello del profeta Muhammad.

Ogni volta che un credente desiderava buona fortuna, pregava lo sceicco Bahauddin e invocava le parole magiche “Ya Bahauddini bola gardon” come un incantesimo per allontanare i guai. (“O Bahauddin, salvatore dai guai”).

Secondo i credenti, li aiutava a proteggersi dall’impuro. La gente invoca la santità di Bahauddin quando vuole proteggersi dalla corruzione e dalle malattie o chiedere benedizioni sul cammino.

E così succedeva che chi chiedeva al santo intercessione o aiuto lo otteneva sempre. Il mausoleo è considerato uno dei luoghi di pellegrinaggio più popolari per i musulmani, poiché tre pellegrinaggi al mausoleo di Bahauddin Naqshbandi equivalgono a un pellegrinaggio alla Mecca.

Un’attrazione interessante del complesso è il personale di Naqshbandi. Secondo la leggenda, lo sceicco conficcò il suo bastone nel terreno e questo cominciò a crescere e alla fine divenne un albero.

Nelle sue nicchie giacciono le donazioni dei pellegrini. Si crede che dopo aver chiesto allo sceicco di intercedere in qualche atto nobile, si debba andare sotto il bastone. Dopo l’indipendenza dell’Uzbekistan, il santuario è stato restaurato in onore del 675° compleanno di Bahauddin Naqshband nel 1993.

La darvazakhana (sala d’ingresso) fu costruita con un’alta cupola. Le Aivan – terrazze magnificamente decorate sono state replicate. Un ampio giardino collegava la tomba sacra di Hazrat Bahauddin e la tomba di sua madre in un’unica composizione.

Anche Dakhmai Shohon (Necropoli dei Governanti) è stata restaurata, dove sono sepolti i resti di alcuni governanti delle dinastie Temurid, Shaibanid, Ashtarkhanid e Mangyte.

Degno di essere visto
Bolo Havuz Moschee in Buchara

Bukhara - Complesso Bolo Havuz

Bukhara - Complesso Bolo Havuz

Le più grandi città d’Oriente avevano una caratteristica sorprendente in comune ed era l’esistenza obbligatoria del Registan. Questo era il nome della piazza centrale della città dove si trovavano molti edifici pubblici. Qui si trovavano le moschee più importanti della città, grandi palazzi e minareti, così come ospedali, camere di commercio e la cancelleria di stato.

Bukhara aveva anche il suo registan, situato di fronte alla fortezza chiamata Arca. Purtroppo, di tutti gli edifici di questa enorme piazza di Bukhara, solo il complesso Bolo Havuz è sopravvissuto fino ad oggi. Fu costruito all’inizio del XVII secolo per ordine dell’emiro Shakhmurad, che era il sovrano di Bukhara a quel tempo. Emir voleva dimostrare agli abitanti della città che era un uomo normale. Perciò voleva costruire una moschea pubblica sul Registan, che intendeva visitare personalmente ogni venerdì.

Il nome del complesso si traduce in tedesco come “piscina per bambini”. È legato al fatto che il bolo havus era usato come fonte d’acqua. Praticamente ovunque in Asia centrale c’erano problemi con la disponibilità di acqua potabile. Per questo motivo, era necessario costruire serbatoi d’acqua artificiali (havuze) che potessero fornire a tutti gli abitanti acqua vitale. I portatori d’acqua prendevano l’acqua dai serbatoi e la distribuivano al bazar, negli ospedali e nelle zone residenziali a pagamento.

Questa tradizione di distribuzione dell’acqua continuò nel complesso di Bolo Havuz a Bukhara fino all’arrivo dell’Unione Sovietica. Il nuovo potere statale proibì alla popolazione di utilizzare il serbatoio d’acqua artificiale per evitare malattie di massa causate dall’acqua stagnante. Ma la popolazione ha continuato a usare quest’acqua per vecchia abitudine, quindi il serbatoio d’acqua ha dovuto essere prosciugato.

La moschea è riuscita a sopravvivere fino ad oggi e riceve ancora visitatori per le preghiere del venerdì. L’edificio stesso ha ancora un aspetto grazioso e lussuoso (ricordate, fu costruito per il sovrano), rendendolo uno dei luoghi più popolari della moderna Bukhara. L’edificio è stato decorato per oltre tre secoli con venti colonne di legno con intricati intagli che sostengono con sicurezza il soffitto della moschea. Gli abitanti della città non chiamano Bolo-Havuz con altro nome che “la moschea delle quaranta colonne”. Il complesso ha ottenuto questo nome a causa dei venti pilastri e del loro riflesso nello stagno.

Vicino alla moschea c’è un minareto che è stato costruito un po’ più tardi. È costruito in uno stile elegante e combina il lusso e la grandezza dell’Asia. Per molto tempo, il minareto è stato leggermente inclinato, aumentando gradualmente il grado di inclinazione. Molte persone l’hanno paragonata alla famosa Torre di Pisa in Italia. Dopo la ricostruzione, tuttavia, l’edificio è stato completamente rinforzato e sollevato ad un angolo ripido.

Degno di essere visto
Gaukushon Ensemble in Bukhara

Bukhara - Complesso Hodja Gaukushon

Bukhara - Complesso Hodja Gaukushon

Nel centro storico di Bukhara si trova il complesso architettonico Hodja Gaukushon, la cui costruzione risale al XVI secolo. Il nome di questo gruppo è piuttosto interessante: “Gaukushon” significa letteralmente “assassino di tori”. Si spiega con il fatto che qui si trovava un enorme mercato con un macello. Anche in epoche precedenti, questo grande spazio era utilizzato come luogo di commercio. Sotto i nuovi governanti della dinastia Shaibanid nel XVI secolo, Bukhara iniziò il suo rapido sviluppo e la costruzione di molte strutture architettoniche uniche che sono sopravvissute fino ad oggi. Sotto gli Shaibanidi, la costruzione di nuovi edifici religiosi iniziò nella piazza Gaukushon – una grande medrese e una moschea jome con un alto minareto apparvero qui.

L’idea per la fondazione di questo ensemble è venuta dallo sceicco Hodja Saad della venerata famiglia Juibar. Fornì fondi per la costruzione di oggetti grandi e importanti e divenne il principale sostenitore del progetto. Successivamente, il suo nome è stato aggiunto al nome della moschea e dell’intero complesso in segno di rispetto e gratitudine. Lo sceicco era anche chiamato “Hodja Kalon”, che significa “Grande Hodja”, quindi le strutture del complesso sono talvolta indicate come “Hodja Kalon”. Lo stesso sceicco di Hodja Saad fu sepolto nella tomba di Khor-Bakr insieme a tutti i membri della sua dinastia familiare.

Il grande complesso architettonico Hodja Gaukushon di Bukhara, insieme ad altri edifici della parte storica di Bukhara, è sulla lista del patrimonio storico architettonico dell’Organizzazione mondiale dell’UNESCO. Ora ci sono negozi di souvenir che vendono beni per i turisti vicino alla madrasa e c’è un ristorante vicino alla piazza. I viaggiatori che hanno visitato il complesso notano che alcune parti degli edifici sembrano un po’ trascurate, nonostante i lavori di restauro che sono stati fatti.

Hodja Gaukushon Ensemble a Bukhara consiste in una madrassa di sorprendente bellezza e una moschea (cattedrale) jomé con un minareto impressionante che è solo secondo in altezza al famoso minareto di Kalon, si crede addirittura che il minareto di Hodja sia una copia in scala. La decorazione utilizzata per il complesso Hodja Gaukushon è una decorazione ganch a due toni.

La madrasa è un’istituzione educativa musulmana i cui laureati possono entrare in istituzioni educative superiori. Sulla piazza Gaukushon è stata costruita una struttura basata su uno schema di cortile tradizionale in tipico stile orientale. La madrasa è un edificio a due piani con hujrasas a volta. L’edificio stesso ha la forma di un trapezio corretto, poiché si trovava all’incrocio di diverse strade. Fu costruito a metà della seconda metà del XVI secolo – 1570 sotto il sovrano Abdullah Khan II della dinastia Shaibanid. Qui, gli studenti hanno studiato la storia dell’Islam, l’arabo, la Sharia e il Corano.

Quasi trent’anni dopo, nel 1598, una moschea chiamata “Masjid Dschome Hodscha” fu costruita sulla piazza a nord del Gaukushan Medrese. La moschea Hodja era una moschea Dschome (moschea cattedrale), conosciuta anche come “moschea Dschuma” o “moschea del venerdì”. Cioè, c’era il namaz, la preghiera collettiva di mezzogiorno dei fedeli della comunità musulmana, che si svolge il venerdì. La moschea poteva ospitare diverse migliaia di persone. La maggior parte dei fedeli erano alloggiati in un cortile con gallerie a volta sotto cupole sostenute da pilastri di mattoni. L’edificio principale, la maxura, è di fronte al mihrab, una nicchia nel muro rivolta verso la Mecca.

Tra la madrasa e la moschea c’è un minareto che si riflette nell’acqua della casa, una struttura idrotecnica del tipo di un bacino artificiale che serve da serbatoio di acqua potabile. I viaggiatori scrivono che il bacino è mantenuto in uno stato pulito e buono, è piacevole sedersi e riposare dopo una passeggiata. Il minareto è costruito con mattoni cotti e ha una forma conica. Le fondamenta sono fatte di pietra con fasci di legno intorno. All’interno, una scala a chiocciola conduce a una rotonda lanterna con una cornice di stalattiti. Ci sono 12 aperture di finestre nel minareto.

Degno di essere visto
Hoja Zaynuddin

Bukhara - Complesso Hodja Zaynuddin

Bukhara - Complesso Hodja Zaynuddin

Il complesso Hodja Zaynuddin a Bukhara fu costruito prima del 1555. Qui si può conoscere il contenuto regionale dell’edilizia urbana culturale-monumentale e pubblica, tenendo conto degli interessi del disegno architettonico della strada e del quartiere.

I due lati dell’edificio centrale a cupola della moschea sono progettati in base alla loro posizione rispetto alla zona residenziale, con la quale sono collegati da un aiwan ombreggiato (la parte più importante di un palazzo, cioè la sala delle udienze) e un grande bacino d’acqua fatto di lastre di pietra, che forniva acqua potabile agli abitanti del quartiere e ai visitatori della moschea.

Nell’angolo sud-est all’uscita a gradini verso l’acqua c’era uno sfioratore scolpito in marmo a forma di bocca aperta del drago – Azhdar, decorato con ornamenti ed epigrafia.

Il tipo di edifici di culto a cui appartiene la moschea Hodja Zaynuddin Khanaqa si chiama moschea-chanaqa.

Una caratteristica della moschea-chanaqa è l’edificio centrale con una cupola, che veniva usato dai sufi per le loro cerimonie religiose con canti corali accompagnati da strumenti musicali.

La fusione di moschea e chanaqa, che in realtà simboleggiava la fusione dell’Islam classico e del sufismo, è ampiamente osservata nel tardo periodo medievale. I complessi moschea-chanaqa avevano spesso diversi locali che permettevano di combinare diverse funzioni (moschea propriamente detta, chanaqa, madrasa parziale, mazar (tomba), ecc.)

Una delle attrazioni del complesso è una tomba venerata (mazar), chiamata “Khodja Turk”, situata in una delle nicchie esterne della moschea, che ha la forma di una tomba con due aste in piedi (tugh).

Il design di questa tomba prefigura la tradizione classica del Corano, secondo la quale anche i sovrani non venivano sepolti in mausolei lussuosi ma modestamente all’aperto, in un cortile khazir con un muro di mattoni e un portale d’ingresso.

Al suo interno, la sepoltura era organizzata in un saghana, un sarcofago a forma di arco, o in un dakhma, una piattaforma funeraria rettangolare rivestita di pietra. I mausolei furono costruiti soprattutto sotto i Temuridi.

La costruzione di mausolei fu vietata durante il periodo shaybanide e si ricominciò a costruirli solo a partire dalla fine del XVII-XVIII secolo. La facciata meridionale dell’edificio è costituita da una profonda nicchia, una sorta di portico aperto, come per accogliere i fedeli e attirarli attraverso corridoi ombrosi all’ombra della moschea.

Niente qui ricordava la vita quotidiana, perché la ricchezza e il lusso da favola della moschea erano in netto contrasto con la povertà e la privazione della gente che cercava conforto nella religione.

Il disegno (ora rossastro e blu, precedentemente dorato o su uno sfondo d’oro) trasmette solo leggermente l’effetto straordinario ottenuto in passato attraverso l’uso della tecnica del kundal.

Ma anche adesso, la tavolozza di colori di toni blu cielo e rosso arancio dell’interno del complesso Hodja Zaynuddin a Bukhara fa una forte impressione. Pannello eccellente e simile a un mosaico della moschea, diviso in campi rettangolari separati, pieno di figure geometriche, cartigli ornati ed eleganti archi con un ricco motivo di colore.

Adiacenti alla cupola principale della moschea su entrambi i lati ci sono gli aiwan, il cui design architettonico è profondamente tradizionale e risale ai primi esempi di architettura vernacolare dell’epoca feudale.

Degno di essere visto
Labi Hovuz in Bukhara

Bukhara - Ensemble Labi Havuz

Bukhara - Ensemble Labi Havuz

Labi Havuz (presso lo stagno) è il più grande ensemble costruito a Bukhara nel XVII secolo. Tre edifici della Madrasah Kukaldash (1568 – 1569), Khanaqah Nadir Divanbegi (1622) formano il ensemble in cui il Labi Havuz è l’elemento organizzativo centrale.

La parte più antica di questo complesso di edifici è la Madrasa Kulba Kukaldash, che ha 160 celle ed è considerata la più grande di Bukhara. Le stanze della madrasa Kukaldash danno un’impressione di ristrettezza, di sovraffollamento di corridoi, di scale, di inciampi. Il meglio che l’architettura di questa madrasa ci ha conservato sono le costruzioni e gli ornamenti decorativi delle due sale principali della moschea e della darskhana (studio), e i soffitti a cupola sotto i corridoi che portano dalle porte della madrasa al cortile. Particolarmente belle nella madrasa sono le porte di legno intagliato con complessi motivi a stella.

Altrimenti, può servire come modello di estrema incuria nella costruzione e negligenza da parte dei dignitari che, in competizione tra loro, costruiscono istituzioni caritatevoli ma risparmiano il massimo.

L’insieme Labi Havuz di Bukhara si è infine formato dopo la costruzione del Grande Havuz e della Khanaqah (ritiro). Le rive del bacino di raccolta dell’acqua (stagno), tagliate ad angolo, erano rivestite di grandi blocchi di pietra, sulle cui sporgenze i meshkaben – portatori d’acqua i cui servizi erano utilizzati dagli abitanti di Bukhara – scendevano a prendere l’acqua.

L’acqua veniva usata per irrigare le strade, per le necessità di costruzione e come acqua potabile. Pittoreschi alberi secolari si trovano ancora oggi intorno allo stagno. Poco dopo la costruzione del laghetto di raccolta dell’acqua, una madrassa di Nadir Diwanbegi fu costruita dall’altro lato della piazza.

È interessante con le sue belle proporzioni della facciata e i resti di dipinti di daini, uccelli fantastici negli archi. Tutta la parte del cortile della madrassa è un piccolo campione. Il design architettonico di Labi Havuz è molto attraente.

L’inclusione di un enorme specchio d’acqua, orlato da un fitto bordo di verde, nel complesso di edifici monumentali, il cui inizio attivamente unificante non è una piazza tradizionale ma uno specchio d’acqua, era una parola nuova nella storia dell’arte centroasiatica e il fascino di questa tecnica nelle condizioni della città meridionale non può essere sottovalutato.

Si dice che quando Nadir-Divan-Begi costruì la khanaqah (ritiro), una grande casa appartenente a una vedova ebrea si trovava al posto della havuz esistente. Il Divan-Begi decise che questo luogo era ideale per costruire un bacino di raccolta dell’acqua al Khanaqah.

Si avvicinò alla vedova con l’offerta di vendere la fattoria ad un buon prezzo. Ma la donna ebrea non avrebbe accettato in nessun caso.

Degno di essere visto
Nodir Devonbegi in Buchara

Bukhara - Ensemble Nodir Devonbegi

Bukhara - Ensemble Nodir Devonbegi

Il Nodir Devonbegi Medrese, parte di Ensemble Nodir Devonbegi a Bukhara, fu progettato e costruito come un caravanserraglio, e alla sua apertura cerimoniale fu dichiarato medrese da Imam Kulikhan (1622 – 1623). L’edificio ha dovuto essere ricostruito e riedificato per adattarsi al nuovo titolo. Un altro piano è stato aggiunto all’edificio a un piano per la residenza degli studenti. Un portale e delle logge apparvero anche nella struttura e alcune torri furono aggiunte alla facciata. La madrasa è interessata al fatto che la sala principale per le lezioni non è stata costruita.

Pertanto, non ci sono aiwan nella madrasa di Nodir Devonbegi, non ci sono stanze a cupola Darskhana, il cui ruolo era svolto da grandi stanze ad angolo. L’ampio e alto passaggio attraverso il portale, tipico dei caravanserragli, e l’uscita verso il cortile posteriore della casa sono stati conservati.

Il portale conteneva eleganti immagini di animali provenienti da mosaici. Tra di loro ci sono una coppia di uccelli della fortuna Semurg (Simurg è il re degli uccelli così come un uccello guardiano nella mitologia dei popoli turchi dell’Asia centrale e si dice che abbia poteri soprannaturali) che volano verso il sole. Nelle loro forti zampe artigliate questi mitici uccelli tengono i cervi. Il portale è anche decorato con un’iscrizione sacra che loda Allah e il suo profeta Muhammad (S.A.V.).

Sul lato opposto della madrasa c’è una khanaqah che porta il nome dello stesso visir. Questa struttura fu costruita tra il 1619 e il 1620. Questo edificio è composto da diverse parti. La parte principale è un enorme portale allungato decorato con immagini epigrafiche sui lati. Ci sono hujschras su entrambi i lati del portale. Il gruppo d’ingresso centrale del Khanaqah è abbastanza semplice e modesto, decorato in stile classico – ornato di fiori.

La madrasa è separata dalla khanaqah da un enorme stagno artificiale, a forma di rettangolo, che si estende da est a ovest. È l’Havuz di Nodir Devonbegi. Le sue rive sembrano grandi passi in una tonalità di giallo brillante. Il materiale principale utilizzato per la costruzione di questi gradini era il calcare.

La facciata principale della Khanaqah si riflette meravigliosamente nell’acqua della casa e allo stesso tempo serve come una sorta di schermo architettonico e decorativo che completa la prospettiva. Per secoli, un sottile portale intessuto di maiolica si rifletteva nello specchio della casa.

La moschea Masjidi-Kalon è chiamata Khanaqah dal derviscio ungherese Hermann Vambery, dove all’ombra degli alberi ‘attori che rappresentano le gesta di famosi guerrieri e profeti non mancano mai per folle di ascoltatori e spettatori curiosi.

L’edificio Khanaqah è relativamente piccolo in pianta, compatto, quadrato. Alto due piani, quasi completamente nascosto dietro un alto portale. Solo sopra le facciate laterali è visibile una cupola leggermente rialzata.

La sala spaziosa e alta si apre all’interno. Occupa quasi tutta la superficie della khanaqah, con piccoli hujschras disposti solo nei suoi massicci d’angolo.

Degno di essere visto
Buchara - Fayzobod Chanaqah

Bukhara - Fayzobod Khanaqah

Bukhara - Fayzobod Khanaqah

Nel nord-est di Bukhara, vicino alle mura della città storica, si trova il Fayzobod Khanaqah. Il Fayzobod Khanaqah non è una delle attrazioni più popolari di Bukhara. A causa della sua lontananza dal centro storico della città, pochi turisti visitano la casa di preghiera musulmana. Tuttavia, c’è molto da scoprire qui.

L’edificio religioso fu costruito nel XVI secolo. Il mattone bruciato è stato usato come materiale di base. I lavori di costruzione furono eseguiti dal 1598 al 1599. Era guidato dall’iniziatore dell’idea e seguace sufi Mavlon Poyanda-Muhammad Ahsi (Ahsiketi) Fayzobodi. Sfortunatamente, il Sufi non godette a lungo del risultato – morì due anni dopo il completamento della costruzione. Dopo la sua morte, fu deciso di rinominare anche il Khanaqah. Così, “Shokhi Akhsi” divenne la casa di preghiera “Fayzobod Khanaqah”.

La trasformazione ha riguardato solo il nome. Le precedenti funzioni della struttura dell’edificio sono rimaste invariate. Come prima, i musulmani si sono riuniti a Fayzobod Khanaqah per le preghiere del venerdì. Questo è testimoniato dalla nicchia (mihrab) in una delle pareti della stanza, che punta verso la Mecca. L’importanza dell’edificio religioso nella vita dei musulmani non si limitava a questa funzione.

Fayzobod Khanaqah serviva anche come una sorta di ritiro sufi. I dervisci (l’equivalente musulmano di un monaco) che erano di passaggio spesso si fermavano qui. Una parte dell’edificio era specificamente designata per il loro soggiorno come khanaqah (ritiro sufi).

Il Fayzobod Khanaqah a Bukhara è un tipico esempio di architettura del XVI secolo, con proporzioni e simmetrie nette. L’edificio è stato restaurato più di una volta, ma la sua identità e unicità non hanno sofferto in alcun modo.

La prima cosa che cattura l’occhio è un alto portale che incornicia l’entrata centrale dell’edificio. Il portale sovrasta l’intero edificio e ha la forma di un rettangolo verticale con una nicchia ad arco incisa. Bella e maestosa, è anche costruita secondo tutte le regole architettoniche dell’epoca.

Su ogni lato del portale ci sono le gallerie ad arco, che danno all’edificio un aspetto elegante. La facciata dell’edificio, riccamente decorata, funge da armonioso complemento. Per quanto riguarda la cupola principale della moschea, appare modesta e semplice. Ma questo è solo il caso a prima vista. Man mano che vi muovete all’interno dell’edificio, vi renderete conto di quanto vi sbagliate. La cupola è generosamente decorata con motivi di ganch bianchi, la tecnica è chiamata “chaspak”. Fa apparire la cupola senza peso.

Due colori predominano all’interno della moschea: il blu e il bianco. L’oro e il marrone sono usati come colori aggiuntivi. Si possono notare quando si guarda il mihrab in dettaglio.

Degno di essere visto
Handelspassage Abdulla Khan

Bukhara - Galleria Commerciale Abdullah Khan

Bukhara - Galleria Commerciale Abdullah Khan

In Oriente, il commercio è sempre stato considerato un’occupazione onorevole. E nella nobile Bukhara, i bazar ronzavano e le porte delle botteghe artigiane erano aperte in modo ospitale lungo le strade. Ma nel XVI secolo, a Bukhara furono costruiti enormi portici commerciali coperti, uno dei quali, la Galleria Commerciale Abdullah Khan (chiamata anche Tim Abdulla-Khan), dal nome del suo costruttore, un sovrano della dinastia Shaibanid, esiste ancora oggi. La galleria commerciale fu costruita nel 1577 per vendere prodotti di seta e lana. La galleria commerciale si trova su una strada di mercato che collega le cupole di Toki Zargaron e Toki Tilpak-Furushon.

Questa enorme struttura, a pianta quadrata con diverse cupole, si trova in una delle principali vie del mercato della città. La sua cupola centrale si erge sopra la base ottaedrica, con archi a bifora gettati tra i suoi pilastri. Intorno alla sala principale c’è una galleria coperta da molte piccole cupole su potenti supporti. Le nicchie ad arco formano lo spazio del centro commerciale per 56 gallerie commerciali. Tutte le stanze del porticato sono collegate da un sistema di ampie enfilade a volta. Una luce leggera cade attraverso la finestra tagliata nel tamburo principale della cupola e brilla in piccole cupole.

Una soluzione interna intelligente ha creato un microclima particolare nella galleria commerciale di Abdulla-Khan. La circolazione dell’aria, la penombra e il fresco rinfrescante accolgono i clienti nelle calde giornate estive. E non è difficile immaginare i sentimenti dei viaggiatori quando, dopo un lungo viaggio attraverso paludi di sale e sabbia, la loro carovana entrò nelle volte dell’ospitale Bukhara, dove li aspettava un meritato riposo.

La Galleria Commerciale Abdullah Khan era per la vendita della seta, per la quale Bukhara era famosa anche prima che gli arabi la conquistassero. Nel villaggio di Zandana, vicino a Bukhara, i tessuti di seta venivano tessuti ed esportati in Occidente sotto il nome di Zandanechi dai commercianti lungo la Grande Via della Seta dalla Sogd. Dal XVI secolo, il bakhmal di velluto con un motivo abrasivo fu tessuto in seta a Bukhara. E per diversi secoli il famoso panno – khan atlas, la cui maestria è stata tramandata di generazione in generazione, di padre in figlio, è stato tessuto dagli scaffali dei bazar di Bukhara.

Gli edifici commerciali sopravvissuti erano solo una piccola parte delle strade di Bukhara, che nel Medioevo erano densamente popolate di negozi e laboratori. Ma anche quelli che sopravvivono di tanto in tanto presentano un’immagine impressionante della città storica d’Oriente, dove le merci d’oltremare stesse servivano come migliore decorazione per i negozi.

Degno di essere visto
Poykend

Bukhara - Insediamento Poykend

Bukhara - Insediamento Poykend

A 60 km a sud-ovest di Bukhara si trova l’antico insediamento chiamato Poykend con una superficie di circa 20 ettari. C’era una grande città commerciale di Poykend o Città Bassa fino alla metà del XI secolo.

Il nome è associato alla posizione della città nel corso inferiore del fiume Zeravshan sul confine occidentale della Sogd. Nel V-VIII secolo, l’insediamento di Poykend era la città più ricca di Bukhara. Durante il V secolo, Poykend era uno dei principali centri commerciali della Grande Via della Seta, insieme a Samarcanda.

Ogni anno, per mezzo anno, in primavera, quasi tutta la popolazione maschile della città parte con l’enorme carovana per i confini della Cina. Una delle sanguinose guerre dei khan turchi e degli scià di Persia finì in pace alla fine del VI secolo con l’assedio di Poykend da parte del comandante persiano Bahram Chubin.

L’insediamento di Poykend, insieme a Bukhara, si sottomise agli arabi nei primi decenni dell’VIII secolo. Secolo agli arabi.

Gli arabi hanno distrutto una città dopo aver catturato grandi ricchezze e aver fatto prigionieri gli abitanti. Le statue d’oro e d’argento degli idoli pagani dell’insediamento di Poykend furono fuse in lingotti e inviate alla corte del Khalif.

I mercanti che tornarono dalla Cina in carovana riscattarono alcuni dei cittadini e ricostruirono la città. Il centro della città di Poykend era una cittadella di 90 x 90 m, e i primi insediamenti sul suo territorio apparvero prima del tempo.

Nell’alto Medioevo, qui c’era un palazzo del sovrano, oltre a templi ed edifici amministrativi. Due shahristan adiacenti alla cittadella: il primo con una superficie di 12 ettari era abitato dagli Eftaliti, il secondo con una superficie di 7 ettari fu costruito all’inizio del VI secolo.

Il Poykend medievale, compresi i due shahristan, era circondato da mura di fortezza con torri ogni 60 metri. A nord dell’insediamento c’era una necropoli con sepolture zoroastriane.

Durante il dominio dei Samanidi, la città riconquistò la sua posizione di importante centro commerciale e artigianale, in competizione con Bukhara. Decine di nuovi caravanserragli sorsero intorno ad esso. I resti della moschea Juma dell’XI secolo sono stati trovati sulla cittadella della città e il suo minareto, a giudicare dalla sua base, superava le dimensioni del minareto Kalon di Bukhara.

A causa dell’approfondimento dello Zeravshan, Poykend fu privato dell’acqua nel XI secolo e cadde in rovina. La città è stata inghiottita dal deserto per migliaia di anni, che l’ha conservata fino ad oggi.

Nel XX secolo, a Poykend, che fu riscoperto dagli archeologi, fu dato il nome di “Pompeo d’Asia”.

È così che Muhammad Narshakhi descrive la fondazione di Poykend nella sua opera “Tarikhi Bukhara” (X secolo):

Il popolo del Turkestan della regione meridionale del Kazakistan vicino a Bukhara fondò una città e la chiamò Poykend, la città ricca. “Le persone che vennero qui dal Turkestan si stabilirono qui perché questa zona aveva molta acqua e alberi, c’erano bei posti per cacciare; tutto questo piacque ai coloni.

All’inizio vivevano in yurte e tende, ma poi arrivarono sempre più persone e i coloni iniziarono a costruire edifici. Molte persone si riunirono e scelsero uno del loro ambiente e ne fecero l’Amir. Il suo nome era Abruy.

La città in sé non esisteva ancora, ma c’erano già alcuni villaggi, come ad esempio: Nur, Harkan-Rud, Vardana, Taravja, Safna e Isvana. Il grande villaggio dove viveva il re si chiamava Poykend e la città si chiamava Kala-i-Dabusi.

Dopo qualche tempo, il potere di Abruya crebbe e cominciò a governare brutalmente la zona, tanto che la pazienza degli abitanti era esaurita. I contadini e i ricchi mercanti lasciarono questa zona per il Turkestan e Taraz, dove costruirono una città e la chiamarono Khamukat, perché i grandi contadini che erano a capo dei reinsediati chiamavano Khamuk, che nella lingua di Bukhara significa perle, e Kat significa una città; così questo nome significava “città di Khamuk”.

Generalmente, la gente di Bukhara chiama i nobili “Khamuk”. Quelli che rimasero a Bukhara mandarono ambasciatori ai loro nobili chiedendo loro di proteggerli dalla violenza di Abruya. I nobili e i contadini chiesero aiuto al sovrano dei turchi chiamato Kara-Jurin-Turk, che il popolo chiamava Biyagu per la sua grandezza.

Biyagu inviò immediatamente suo figlio Shiri-Kishwar con un grande esercito. Arrivato a Bukhara, prese Abruya per Poykend e ordinò di riempire un grande sacco con delle api rosse e vi fece cadere Abruya, dal quale morì.

A Shiri-Kishwar piacque molto la terra che aveva conquistato e mandò una lettera a suo padre chiedendogli di nominarlo sovrano di quella regione e di potersi stabilire a Bukhara. Ben presto ricevette la risposta che Biyagu gli lasciava questa provincia.

Shiri-Kishwar inviò un ambasciatore a Khamukat per convincerlo a riportare in patria tutti coloro che erano fuggiti da Bukhara con le loro famiglie. Scrisse una lettera promettendo che tutti coloro che erano tornati a Bukhara da Khamukat su suo invito sarebbero diventati suoi vicini.

Questa promessa fu causata dal fatto che tutti i ricchi e i nobili furono espulsi e i poveri e le classi inferiori rimasero a Bukhara…”.

Degno di essere visto
Varakhsha in Bukhara

Bukhara - Insediamento Varakhsha

Bukhara - Insediamento Varakhsha

Il nome dell’antico insediamento di Varakhsha a Bukhara parla al cuore e alla mente di archeologi, restauratori, architetti, storici dell’arte, turisti e storici locali. Nel 1937, iniziarono gli scavi nell’antica capitale dei Bukharhudat, i governanti pre-arabi di Bukhara.

Da allora, il mondo ha conosciuto gli eccezionali valori artistici che hanno fornito una visione diversa del ruolo e del significato della cultura dei popoli dell’Asia centrale e dello sviluppo della civiltà mondiale.

Murales dell’Asia centrale di epoca pre-islamica sono stati scoperti nell’insediamento Varakhsha a Bukhara. I murales raffigurano persone e animali – il mondo che vive e respira.

I murales di Varakhsha rappresentano “lo stile di pittura, piatto e convenzionale, ma con significativi elementi realistici”. Le pitture murali sopravvissute sono datate dagli studiosi al VII – VIII secolo d.C.

Si crede che il dipinto sia stato creato durante il regno di Bukhara Khudat Buaniyat, che fu ucciso per aver sostenuto la ribellione di Mukanna. Non c’è dubbio che c’è un edificio speciale a Bukhara – il palazzo del sovrano.

La sua costruzione fu favorita dalla situazione politica del paese negli ultimi secoli prima della conquista araba – l’emergere di molti domini indipendenti.

Tra i resoconti delle fonti scritte, il più famoso è il resoconto di Narshakhi del palazzo dei governanti di Bukhara Khudats a Varakhsh, che, secondo l’autore, “non aveva eguali”.

Il palazzo Varakhsha si trova direttamente sui bastioni meridionali dell’insediamento, a ovest della cittadella. L’edificio del palazzo, come hanno dimostrato gli scavi, ebbe origine nel V secolo d.C. ed esistette fino alla fine dell’VIII o all’inizio del IX secolo.

Nel corso del tempo, ha subito molte ricostruzioni. Sono state identificate tre fasi della sua storia, accompagnate da grandi ricostruzioni, senza contare le riparazioni minori.

Al momento del suo picco, era una costruzione chiaramente organizzata. Nella struttura dell’edificio del palazzo, c’erano principalmente tre grandi sale cerimoniali disposte in fila – le Sale Est, Rossa e Ovest, ognuna delle quali aveva le stesse dimensioni: 17 x 2,5, 12 x 8,5, 7,25 x 6,6, con un’altezza delle pareti di almeno 6,5 metri per la più grande Sala Est.

In queste sale c’erano sufa di argilla (piattaforma di terra per riposare) lungo tutte le pareti. Nella Sala Est, il sufa si allargava lungo il muro onorevole (sud) e formava un’ampia piattaforma. Nella Sala Rossa di fronte alla sufa c’era un’elevazione speciale per le lampade o i bracieri.

I soffitti delle sale erano di legno del tipo darbaza (porta). Le pareti delle sale cerimoniali erano riccamente decorate con rappresentazioni pittoriche di vari contenuti. L’immagine del ricevimento reale con il re in persona seduto sul trono sulla parete sud della sala orientale, così come la presenza della suddetta piattaforma, permettono di identificare la sala del trono in quest’ultima.

Nella Sala Rossa, le pareti erano dipinte con scene di caccia ai predatori e animali di fantasia. La presenza di pitture murali è stata notata anche nella sala occidentale. A ovest, le sale cerimoniali erano chiuse da un ampio cortile di 30 x 9 metri.

L’intera area del cortile era pavimentata con mattoni bruciati. La parte meridionale del cortile era sopraelevata rispetto al resto dell’area, formando una sporgenza su cui c’erano tre gradini.

L’edificio principale del palazzo, costruito su un’alta piattaforma, si ergeva chiaramente sopra il resto degli edifici di Shahristan.

Degno di essere visto
Kukaldash Madrasa in Bukhara

Bukhara - Kukaldash Madrasa

Bukhara - Kukaldash Madrasa

Una delle attrazioni più famose di Bukhara – la Kukaldash Madrasa – si trova vicino al complesso architettonico Labi-Hauz. Questa istituzione educativa fu costruita nel periodo dal 1568 al 1569. Questa è la più grande madrasa di Bukhara e una delle più grandi istituzioni educative simili in tutta l’Asia centrale.

Il nome “Kukaldash” è molto comune. A Tashkent c’è una madrasa con lo stesso nome. Il nome significa “amico del sole” o “fratello di latte”.

La Madrasa Kukaldash a Bukhara ha una forma architettonica e una decorazione completamente atipica per quell’epoca. La maggior parte delle istituzioni educative a Bukhara durante questo periodo sono state costruite schematicamente secondo un modello. Erano strutture maestose con un lussuoso gruppo d’ingresso circondato su tutti i lati da enormi mura. Nella costruzione di Kukaldash, questa tradizione non è stata osservata. I muri che circondano la struttura non sono affatto vuoti, sono decorati con numerose nicchie e balconi con ornamenti a ganche. Ci sono un totale di 160 celle su due piani e nel cortile dell’edificio.

La Madrasa fu costruita durante il regno di Abdullakhan II. Il finanziamento di questo grande progetto di costruzione è stato fatto dall’emiro Kulbab. eser Emir è stato in grado di ottenere il rispetto e l’approvazione di tutti nella sua posizione statale. Questa saggezza e diplomazia permisero a Kulbab di ricevere uno dei titoli più onorevoli, il titolo di Kukaldash. Più tardi, una madrasa prese il suo nome.

Ci sono speculazioni che il Kukaldash Madrasa a Bukhara sia uno dei componenti dell’insieme Labi Havuz, ma questa affermazione è fondamentalmente sbagliata. Esperti di archeologia, dopo aver esaminato attentamente tutti gli edifici, hanno concluso che Kukaldash è una struttura indipendente.

Kukaldash non è sempre servito come madrasa. Nel corso degli anni, il suo scopo è cambiato regolarmente. C’è stato un momento nella storia della struttura in cui è stata utilizzata come caravanserraglio. I più famosi e talentuosi maestri dell’epoca furono impegnati nella costruzione della madrasa. Gli archi di ganch sono strettamente intrecciati e insieme formano una volta di travolgente bellezza e ornamento. Le porte della madrasa sono decorate con mosaici applicati senza colla o chiodi. Il gruppo d’ingresso anteriore è decorato con ornamenti geometrici.

La madrasa ha vissuto molti eventi, compreso un terremoto devastante. A quel tempo, gli elementi hanno distrutto completamente il portale di fronte all’edificio, che è stato poi semplicemente fissato con staffe di metallo.

Durante il regno di Beklar begi, i mattoni furono usati per estendere il piano superiore dell’edificio e le meravigliose cupole blu cielo. Tuttavia, grazie a degli artigiani di talento che hanno iniziato volentieri la sua ricostruzione, la madrasa ha mantenuto il suo fascino fino ad oggi.

Kukaldash è di grande importanza per la storia moderna perché uno dei più famosi scrittori dell’Asia centrale, Sadriddin Ayni, ha vissuto a lungo in una delle celle e ha creato le sue grandi opere. È morto a metà del XX secolo, ma la sua opera è immortale. Ha lasciato un gran numero di importanti capolavori letterari ai suoi discendenti e oggi il nome dello scrittore è immortalato nelle mura della Kukaldash Madrasa – un piccolo memoriale è stato eretto all’interno dell’edificio e alcuni degli effetti personali di Sadriddin Ayni e persino alcuni dei suoi testi scritti a mano sono esposti al pubblico.

Degno di essere visto
Madrasa Abdulaziz Khan

Bukhara - Madrasa Abdulaziz Khan

Bukhara - Madrasa Abdulaziz Khan

Madrasa Abdulaziz Khan è l’ultima delle più grandi madrasa di Bukhara (1652), con un grande cortile, una spaziosa darskhona (sala di studio), moschee estive e invernali, e hujshras (uno spazio di vita per gli alunni/studenti coranici) abbastanza confortevoli. In un piccolo cortile di fronte all’ingresso della zona giorno degli hujshra c’è un tashnau – un pozzo di scarico coperto da una lastra di pietra.

La stanza ha un muro di gesso che separa la camera da letto. La Madrasa Abdulaziz Khan, dal nome del suo fondatore, può senza esagerazione occupare un posto speciale nello sviluppo architettonico di Bukhara.

Abdulaziz Khan, il sovrano dell’epoca, ordinò la costruzione di una madrasa in stile persiano con un grande cortile diviso da quattro aiwan (la parte più importante di un palazzo, cioè la sala delle udienze). Il portale d’ingresso, costruito secondo il principio del “Kosh”, si distingue per le sue dimensioni impressionanti, l’altezza e la ricca decorazione esterna.

L’aiwan della Madrasa Abdulaziz Khan è sfaccettato e decorato con stalattiti pendenti. Invece dei soliti e abituali ornamenti geometrici, astrali e vegetativi, forme più complesse e colorate sono utilizzate per rivestire la madrasa Abdulaziz Khan.

La Madrasa Abdulaziz Khan contiene immagini del drago cinese e dell’uccello fortunato Semurg (Simorgh è il re degli uccelli nonché un uccello guardiano nella mitologia dei popoli turchi dell’Asia centrale e si dice che abbia poteri soprannaturali). La combinazione di colori contiene prevalentemente toni gialli. I caminetti per il riscaldamento sono un’innovazione.

I nomi del capomastro Muhammad Sapih, dei decoratori Mim Hakan e Muhammad Amin sono intrecciati nell’ornamentazione. La Madrasa Abdulaziz Khan è un insieme architettonico unico con la Madrasa Ulugbeg, ma è più interessante nel design.

L’ingresso si distingue per la sua alta e ricca ornamentazione esterna. Tutte le tecniche di costruzione dell’epoca sono state utilizzate nella costruzione del cortile e delle stanze: piastrelle intagliate e mosaici intagliati, maioliche in rilievo, dorature.

Nel secolo scorso, il complesso si chiamava Zargaron Madrasa perché fu costruito accanto al bazar dei gioiellieri (Zargar, Zerger), di fronte alla Madrasa Ulugbeg. Secondo il piano dei costruttori, doveva mettere in ombra il bel lavoro degli architetti del XV secolo.

Nella Madrasa Abdulaziz Khan, la varietà degli ornamenti decorativi della facciata principale e delle moschee invernali ed estive è sorprendente. Qui vengono create delle hujra piuttosto leggere e confortevoli per gli studenti, e la madrasa è una specie di simbolo della vecchia Bukhara senza tempo.

Tutte le tecniche decorative sono utilizzate nella decorazione artistica dei muri del cortile e dei locali: mosaici di piastrelle e mattoni intagliati, maioliche in rilievo, intaglio in marmo, pittura sul gancetto, doratura (kundal) e pittura con colori a colla sull’intonaco.

Ci sono due moschee nella madrasa – estiva (nel cortile) e invernale (nell’angolo occidentale del corridoio d’ingresso). Entrambe le moschee sono costruite nello stile della madrasa stessa. Gli stessi approcci sono utilizzati nella loro decorazione.

È interessante la pittura delle pareti con disegni di genere, che era un’innovazione nell’architettura tradizionale dell’epoca. I dipinti sono fatti con vernice blu su uno sfondo blu, sono mostrati anche paesaggi con alberi e pergolati.

I lavori alla Madrasa Abdulaziz Khan non sono stati completati. Non c’è decorazione sul lato sinistro della facciata e sul lato destro del cortile. In assenza di Abdulaziz Khan, un colpo di palazzo ebbe luogo a Bukhara, egli fu spodestato dal trono e i lavori della madrasa si fermarono.

Il monumento architettonico è anche una chiara testimonianza storica dei cambiamenti in atto nello stato. Sul territorio della madrasa c’è un museo di scultura artistica del legno.

Nella sua esposizione ci sono bastoni dervisci (XIX secolo), scrigni, porte intagliate, persiane, tavoli, sgabelli per tessuti in legno di pero (XIX – XX secolo). Nel 1930, la Madrasa Abdulaziz Khan kapitale fu restaurata.

Il famoso maestro nazionale usto Shirin Muradov ha partecipato ai lavori di restauro. Tra il 2006 e il 2009, il portale d’ingresso è stato rinnovato con i fondi del programma di conservazione del patrimonio culturale del Ministero degli Affari Esteri.

Degno di essere visto
Mausoleum Chashma Ayub in Buchara

Bukhara - Mausoleo Chashma Ayub

Bukhara - Mausoleo Chashma Ayub

Il mausoleo Chashma Ayub a Bukhara (e la fontana con lo stesso nome) si traduce come “la sorgente di Giobbe”. In arabo, Job suona come Ayub. Il luogo è sacro a tre religioni. Secondo la leggenda, il profeta Giobbe venne all’insediamento ancora prima che la città di Bukhara fosse costruita sul sito. A quel tempo, la gente del posto stava morendo di sete. Avevano pregato Dio per essere liberati dalla siccità. Giobbe, rispondendo alla supplica del popolo sofferente, colpì la terra con il suo bastone – e nel luogo del colpo, apparve un pozzo di acqua pura e fresca. Come risultato di questo fenomeno magico, la gente del posto ha attribuito nuovi miracoli al pozzo nel corso dei secoli. Si crede che l’acqua del pozzo abbia proprietà curative e possa far avverare i desideri.

In un modo o nell’altro, ma eventi sconosciuti in qualche modo legati al nome Ayub hanno giocato un ruolo nella formazione della città qui e l’emergere di una diaspora di ebrei di Bukhara. Anche nei tempi preislamici, Chashma Ayub era il centro sacro di Bukhara e il cimitero “Naukand” fu costruito nelle vicinanze.

Il mausoleo fu costruito durante la dinastia Karakhanid nel XII secolo. In due secoli, Amir Temur decise di continuare il lavoro iniziato dai suoi predecessori e assunse i migliori maestri per trasformare e migliorare la costruzione. Gli architetti che hanno lavorato alla creazione dell’aspetto maestoso del monumento architettonico erano di Shakhrisabz di Khorezm e il loro stile individuale e unico può essere visto in molte caratteristiche dell’edificio.

Durante cinque secoli, dal XIV al XIX secolo, il mausoleo fu ripetutamente ricostruito e rimodellato. Ci sono diverse tombe sul suo territorio. La tomba di Khoja Hafiz Gunjori è considerata la più antica. Il famoso studioso e teologo fu sepolto qui nel 1022.

Oggi, il mausoleo di Chashma Ayub a Bukhara è interessante non solo per le antiche pietre tombali, ma anche per il museo dell’acqua. Le esposizioni del museo permettono di studiare in dettaglio il processo di nascita e di stabilimento dell’approvvigionamento idrico nella regione. Si possono trovare pipe per l’acqua in ceramica del XVIII e XIX secolo, una grande varietà di contenitori in pelle, vetro e altri materiali che erano esclusivamente per l’acqua, modelli di serbatoi d’acqua e altri oggetti. Nel museo si può seguire la storia dell’approvvigionamento idrico durante 10 secoli. Inoltre, il Museo dell’Acqua mostra vividamente la storia della tragedia del Mare d’Aral: con mappe del deserto che si diffonde e foto tristi. Di grande interesse per i turisti è la mostra unica di tappeti che si tiene sul territorio di Chashma-Ayub.

Degno di essere visto
Bayan Quli Khan Mausoleum in Buchara

Bukhara - Mausoleo di Bayan Quli Khan

Bukhara - Mausoleo di Bayan Quli Khan

Uno dei discepoli dello sceicco Sayf ad-Din Baharzi fu il Chinggisid Bayan Quli Khan (morto nel 1358). Nel 1346, il potere nella parte occidentale dell’Ulus Chagatai mongolo, a cui Bukhara apparteneva, fu preso da Amir Kazagan.

Amir Kazagan non apparteneva al clan dei Genghisidi e governò in nome di Bayan Quli Khan. Quando il potere passò al figlio di Kazagan, Amir Abd-Allah, questi giustiziò Bayan Quli Khan. Bayan Quli Khan fu sepolto vicino al mausoleo di Sheikh Sayf ad-Din Baharzi.

Intorno al 1358, sotto i Temuridi, il mausoleo del khan mongolo Bayan Quli Khan (morto nel 1358) fu costruito a Bukhara vicino alla tomba onoraria del famoso studioso dell’Asia centrale Sheikh Sayf ad-Din Baharzi (morto nel 1261). Il mausoleo presenta una ricca decorazione ornamentale con terracotta scolpita.

Questo edificio a due camere è composto da Ziyarat-khana (sala di pellegrinaggio) e Gurkhana (sala di sepoltura), con uno stretto corridoio di passaggio. La facciata principale, a cui è dedicato il portale, si distingue dalle altre e copre le cupole tozze dell’edificio.

Le facciate dell’edificio e l’interno di Ziyarat-khana sono dominati dalla terracotta fusa intagliata (persa in molte zone), da grandi lastre e nel riempimento delle vele – blocchi interi.

L’ornamentazione è dominata da piastrelle girih, imitazioni su lastre di muratura, ma soprattutto le più belle tessiture vegetali e le iscrizioni capricciose. Nel colore predomina l’azzurro, completato dal bianco e dal blu.

L’edificio sopra il luogo di sepoltura dello sceicco Sayf ad-Din Baharzi (seconda metà del XIV secolo) confina con il seminterrato del mausoleo di Bayan Quli Khan a Bukhara. È anche composto da due camere (Gurkhana e Ziyarat-khana), ma eccellente nella composizione e di dimensioni significative.

Entrambe le camere sono coronate da cupole ovoidali; dominata dalla cupola della Ziyarat-khana. Le facciate laterali sono accentate da volte in cornici rettangolari. La sepoltura è segnata da una lapide in maiolica a tre livelli.

Il volume prismatico del Mausoleo Bayan Quli Khan a Bukhara contiene due stanze: la sala a cupola – Ziyarat-khana e l’oscura volta sepolcrale dietro di essa, circondata ai lati dei corridoi, come si usava nei templi buddisti.

Il principale valore artistico del mausoleo è la terracotta scolpita e le piastrelle in miniatura con cui è decorato all’interno e all’esterno. Una gamma di 11 colori è tipica dell’era pre-temuride: blu, nero manganese, bianco e in misura minore – blu.

La piattaforma su cui si trova il mausoleo è rivestita con un motivo tradizionale: Muratura di mattoni di fango con inserti di “archi” smaltati di blu sulle pareti verticali, e la sua superficie è rivestita di parquet in forma di scanalature esagonali in un contorno rettangolare. La sua soluzione architettonica era innovativa per l’epoca: è uno dei primi esempi di mausoleo a due camere.

Degno di essere visto
Sayf ad-Din Baharzi Mausoleum in Buchara

Bukhara - Mausoleo di Sayf ad-Din Baharzi

Bukhara - Mausoleo di Sayf ad-Din Baharzi

Lo sceicco Sayf ad-Din Baharzi (1190 – 1261), il discepolo dell’eccezionale sufi di Khorezm Nadschm ad-Din Kubro (m. 1220), predicò a Bukhara, dove fondò la famosa Chanaqa dei seguaci del sufismo “kubroviyya”.

A Bukhara, lo sceicco Baharzi riuscì a convertire il khan dell’Orda d’Oro Berke all’Islam. Alla fine del XIX secolo, guidò una medrese a Bukhara fondata dal dignitario mongolo, il musulmano Ma’skd-bek.

La Chanaqa Sufi di Fatkhabad emerse all’inizio del X secolo, apparentemente qualche tempo dopo l’istituzione della fratellanza (tariqa) Kubrawiyya nel Khorezm, fondata da Nadschm an-Din al-Kubra.

La Qubrawiyya rappresentava la scuola mistica dell’Asia centrale, era tradizionalmente sunnita, ed estese la sua attività ai confini della Cina occidentale, operando nel XVIII secolo.

Sayf ad-Din Baharzi era un murid (discepolo) di Nadschm ad-Din Kubro, suo seguace e divulgatore delle idee di al-Kubro. I Chanaqa praticavano lo zikr silenzioso e forte, il canto di sé, e predicavano le idee di al-Qubro – purezza rituale, digiuno, silenzio, ritiro dal mondo e ricordo spirituale di Dio.

Come nella Tariqa Kubrawiyya, l’autorità dello sceicco supremo (califfo) nella comunità Fatkhabad era ereditaria; tutti i discendenti di Sayf ad-Din Baharzi erano sceicchi e capi della Fatkhabad.

Il Mausoleo di Sayf ad-Din Baharzi a Bukhara si distingue per le sue forme grandiose, la grandezza della sua costruzione e la straordinaria semplicità e chiarezza della sua idea architettonica. È un edificio con un piano più complesso – con una tomba – purkhona e uno spazio di ricordo – ziyarat-khona.

Due cupole in alto formano il profilo dell’edificio. Il mausoleo di Sayf ad-Din Baharzi a Bukhara è quasi disadorno, ma l’elemento decorativo più ricco del monumento – una lussuosa pietra tombale che si trova nella stanza del gurkhona – lo copre più che bene.

Questa lapide, con la sua sorprendente delicatezza e versatilità di disegno, l’intricatezza senza limiti della tessitura dell’ornamento vegetale e la più intricata legatura delle iscrizioni arabe, è un vero capolavoro dell’intaglio medievale.

Dopo la sua morte, Sheikh Sayf ad-Din Baharzi fu sepolto a Bukhara nel distretto di Fatkhabad. Alla fine del XIII secolo, il mausoleo fu costruito sopra la sua tomba, a cui fu aggiunta nel XIV secolo la Chanaqa a cupola con portale.

Questa chanaqa fu un luogo di culto sufi fino alla fine del XVIII secolo. Fu un luogo di incontri sufi fino alla fine del XVIII secolo.

Degno di essere visto
Mausoleum Imam Kazikhan in Bukhara

Bukhara - Mausoleo Imam Kazikhan

Bukhara - Mausoleo Imam Kazikhan

Il mausoleo (il Mazar) dell’Imam Kazikhan a Bukhara è menzionato nel Libro di Mullozoda, dove viene dato il nome completo dell’Imam (Imam Hasan bin Mansur bin Mahmud bin Abdu-laziz Margilani). È anche riportato qui che il “Khazrati Imam Kazikhan” era un giudice (Qozi) a Bukhara e ha scritto diversi libri.

Una leggenda molto interessante su di lui è stata conservata a Bukhara. Hulagu Khan arrivò a Bukhara con le sue truppe. Ha annunciato la sua intenzione di distruggere Bukhara se non avesse ricevuto una risposta corretta alla domanda su chi lo avesse condotto ai capi di Bukhara.

Gli abitanti di Bukhara chiesero quaranta giorni per pensarci, ma non riuscirono a produrre nulla di soddisfacente. Infine, c’era un ragazzo in un maktab (scuola) che si impegnò a rispondere a Hulagu Khan.

Poiché il tempo a disposizione stava per scadere e non si poteva trovare una soluzione più onorevole, decisero di mandare questo ragazzo da Hulagu Khan. Il ragazzo chiese che gli fossero portati un cammello e una grande capra bianca e che lui stesso fosse mandato da Hulagu Khan in un palanchino (maofa).

Quando Hulagu Khan vide il ragazzo davanti a sé, si arrabbiò e disse: “Non hanno trovato un maggiore, non hanno trovato un vecchio con la barba bianca, per mandarmi un bambino?”

Il ragazzo rispose: “Se hai bisogno di qualcuno alto, ecco un cammello. Se volete qualcuno con la barba bianca, ecco una capra. Se volete una risposta, eccola. Chi ti ha portato da noi? Sei stato guidato dalle nostre cattive azioni”.

Hulagu Khan fu sorpreso dalla saggezza del ragazzo e disse: “Ho viaggiato attraverso molti paesi e nessuno a cui ho fatto questa domanda ha potuto dare la risposta giusta, ma tu hai trovato una buona risposta alla quale non c’è nessuna obiezione. Puoi chiedere quello che vuoi”. Il ragazzo chiese che gli fosse data tanta terra quanta ne avrebbe sopportata la pelle del cammello. Il ragazzo fece macellare un cammello e la sua pelle venne divisa in sottili strisce e circondò la città con queste. È così che ha ottenuto Bukhara da Hulagu Khan.

Dove giacevano i fili, ha fatto costruire un muro. Hanno iniziato a costruire il muro, ma lui non c’era più. Per goffaggine, i costruttori presero l’argilla per il muro dalla parte della città ed è per questo che la città finì in una valle, non c’era un fossato fuori.

Quando il ragazzo tornò, era molto arrabbiato con se stesso per non aver specificato da dove doveva essere presa la terra: “Se avessi preso la terra da fuori, avresti ottenuto una fortezza inespugnabile”.

Il ragazzo raggiunse la santità e divenne famoso con il nome di Imam Kazikhan. La sua tomba (mazar) era considerata un aiuto per le malattie. Il mausoleo dell’Imam Kazikhan a Bukhara era molto venerato e non si passava mai a cavallo (si scendeva da cavallo quando si passava).

Hulagu Khan nella vita dell’Imam Kazikhan

Hulagu Khan (1217 – 1265, Maraga, Iran) – nipote di Gengis Khan, fratello del Gran Khan Munke – il capo dell’impero mongolo, fondatore della dinastia e dello stato Hulaguide.

Si sa che nel 1256 Hulagu Khan guidò l’esercito dei cristiani orientali, la maggior parte dei quali erano turchi – nestoriani, in una crociata senza precedenti in Medio Oriente.

Hulagu sconfisse lo stato ismaelita in Iran (1256) e il califfato abbaside (1258), combatté i mamelucchi in Siria (1260) e l’Orda d’oro (1262). Nel 1256 si proclamò sovrano, pur riconoscendo nominalmente la sovranità del Gran Khan, dal quale ricevette il titolo di “Ilkhan” (Khan della tribù) nel 1261.

Sulla tomba, gli anni della vita dell’Imam Kazikhan sono indicati tra il 1132 e il 1212. Se questa datazione è corretta, l’imam Kazikhan aveva 85 anni più di Hulagu Khan e non poteva assolutamente essere il ragazzo durante la sua crociata.

Inoltre, l’Imam Kazikhan fu sepolto in questo mazar 44 anni fa, quando Hulagu Khan si stava avvicinando alle mura di Bukhara con il suo esercito. Quindi, o le date riportate sulla tomba non sono credibili o l’incontro dell’Imam Kazikhan con Hulagu Khan è una pura fabbricazione.

In ogni caso, è molto importante che Bukhara abbia conservato le informazioni su un evento unico come la crociata di Hulagu Khan dall’Est.

Il mausoleo (il Mazar) dell’Imam Kazikhan a Bukhara è menzionato nel Libro di Mullozoda, dove viene dato il nome completo dell’Imam (Imam Hasan bin Mansur

Degno di essere visto
Zentralasien entdecken

Bukhara - Mausoleo Ismail Samani

Bukhara - Mausoleo Ismail Samani

Il mausoleo di Ismail Samani, situato di fronte all’Arca di Bukhara, nelle profondità del Parco Centrale della Cultura e del Tempo Libero, è famoso in tutto il mondo. Questa costruzione unica attira l’attenzione degli studiosi di tutto il mondo.

La struttura unica è anche studiata da architetti e storici e dipinta da essa da artisti. Chiunque sia interessato al passato storico dei popoli dell’Asia centrale è inevitabilmente attratto da loro.

Il monumento testimonia il grande sviluppo delle tecniche di costruzione e l’alto livello dell’architettura. Durante questo periodo, per la costruzione si usano mattoni tostati di alta qualità e malta di alabastro.

La costruzione del Mausoleo di Ismail Samani a Bukhara fu preceduta dallo sviluppo delle conoscenze matematiche, soprattutto della geometria, che dotò i costruttori più esperti e abili di metodi di progettazione preliminare degli edifici e di calcolo delle loro proporzioni basati su relazioni matematiche.

Questo ha dato origine alla deliziosa armonia del tutto e delle sue parti che possiamo osservare nel Mausoleo di Ismail Samani a Bukhara. Il mausoleo è una specie di edificio centrale, che è un cubo con superfici leggermente inclinate e una cupola emisferica.

Caratteristica del mausoleo è un disegno che collega la cupola con i quadrati delle pareti. Questo progetto ha determinato in larga misura l’aspetto interno ed esterno dell’edificio.

L’edificio del mausoleo doveva essere robusto, anche se assolveva il compito della costruzione più leggera. Sui muri massicci, spessi 1,8 m, le pareti della stanza quadrata erano dotate di archi relativamente sottili – quattro archi sulle pareti e quattro angoli.

Le spesse pareti hanno impedito alla struttura di crollare per un millennio. Nella parte superiore dell’edificio, dietro gli archi, c’è una galleria piena di luce che si apre all’esterno con un’arcata di piccole finestre a bifora.

Questo rende la struttura leggera e resistente e crea una sorta di illuminazione all’interno del mausoleo. Tutte e quattro le facciate del Mausoleo Ismail Samani sono uguali. Il centro di ogni lato è intersecato da un grande arco a bifora, e gli angoli sono fiancheggiati da massicce colonne di tre quarti di mattoni.

Le pareti interne ed esterne dell’edificio sono trattate con mattoni a motivi, creando una ricca texture di luce-ombra sulle pareti che aggiunge una certa luminosità all’edificio.

Il mausoleo Ismail Samani di Bukhara, costruito a cavallo tra il IX e il X secolo, era dedicato alla Legione dello Spirito Santo. Secondo la leggenda, fu costruito da Ismail Samani – l’attuale fondatore dello stato Samanide, che conquistò Bukhara nell’874 e ne fece la sua capitale – per suo padre Amad ibn Asad.

Più tardi, il mausoleo divenne la tomba di famiglia dei Samanidi: Ismail stesso vi fu sepolto e poi, secondo le iscrizioni sopra l’ingresso, il nipote di Ismail. Il tempo di costruzione del mausoleo di Ismail Samani è tra 892 e 943 anni.

L’edificio è stato ben conservato fino ai nostri giorni ed è in ottime condizioni. Il mausoleo è giustamente considerato una delle opere più perfette dell’architettura mondiale.

Lo scopo del mausoleo come tomba portò alla creazione di uno spazio quadrato ad una sola camera con una struttura interna a tre livelli: un quadruplo, un ottagono e un guscio a cupola.

Bisogna credere che all’epoca della costruzione del mausoleo, una tale interpretazione dell’interno dell’edificio a cupola era un lungo cammino di sviluppo e divenne una tradizione.

La disposizione delle aperture di luce della galleria del Mausoleo Samanide è di particolare interesse per noi: la posizione relativamente alta delle aperture di luce, le loro piccole dimensioni che ricordano le feritoie, la presenza di davanzali inclinati e nicchie di finestre a strisce all’esterno dell’edificio.

Degno di essere visto
Kalon Minor - Bukhara

Bukhara - Minareto Kalon

Bukhara - Minareto Kalon

Per più di otto secoli, il minareto Kalon ha dominato l’antica Bukhara, senza il quale è difficile immaginare l’aspetto architettonico della città. Il minareto determina in gran parte la silhouette della città. Questo è abbastanza comprensibile, perché può essere visto da lontano, non importa da quale lato ci avviciniamo a Bukhara.

Il minareto Kalon (“Grande Minareto”) è diventato il simbolo principale della sacra Bukhara. Per mille anni, questa torre sacra ha dominato Bukhara e proclamato la grandezza della fede islamica.

Ai piedi del minareto si trova il complesso centrale di Bukhara – Poi-Kalon (“Ai piedi del Grande”), che comprende la Moschea Kalon (XV – XVI secolo), la Madrassa Miri-Arab (XVI secolo) e la Madrassa Amir Alim Khan (inizio XX secolo).

Il minareto di Kalon sostituì il primo minareto di Bukhara, che, secondo al-Narshahi, fu costruito nel 918-919 e smantellato negli anni 1120 su ordine del Karakhanide Arslan-Khan. Molte leggende sono associate al minareto di Arslan-Khan, la cui cima si dice si trovi sulla pianura di Samarcanda.

Il creatore del capolavoro architettonico, “la perla dell’Oriente medievale”, è l’Ustod (maestro) Baqi. Il suo nome è associato a una meravigliosa leggenda su un certo architetto che non ha risparmiato la sua vita per conservare il segreto della costruzione dei minareti e trasmetterlo ai suoi studenti.

Allo stesso tempo, l’insieme Poi-Kalon è una delle piazze centrali più importanti tra i giardini principali della Moschea Kalon Jome (la Cattedrale della Moschea) e la Madrassa Miri-Araba. Sul terzo lato, la vista della piazza è chiusa da un minareto e da una sala della biblioteca a volta.

Il minareto Kalon fu costruito nel 1127 dal Karakhanid Arslan-Khan dopo che il vecchio minareto, che si trovava vicino alle mura della cittadella, fu sepolto e la moschea della cattedrale fu spostata nei limiti della città.

Il nuovo minareto è stato costruito interamente in mattoni cotti con un legame fine. Ha la forma di una torre rotonda alta 45,5 metri con un diametro di 9 metri alla base e 6 metri in cima.

La superficie del minareto è decorata con 12 strisce di ornamenti geometrici, alcuni dei quali contengono scritte Kufi. Il minareto mostra l’anno di costruzione – 1127 e il nome dell’architetto – Baqi.

Secondo la leggenda, dopo aver gettato le fondamenta del minareto, Baqi improvvisamente “scomparve” e riapparve solo quando la soluzione si indurì. Temeva che il Khan avrebbe affrettato la costruzione e questo avrebbe portato al crollo del minareto, come accadde nel 1121.

All’interno della torre c’è una scala a spirale con 104 gradini, e in cima c’è una lanterna con 16 archi decorati con stalattiti. In passato, la parte superiore del minareto era sopra la lanterna, ma dopo la sua perdita, è stata costruita qui una sovrastruttura moderna.

La parte superiore del minareto Kalon fu danneggiata durante il bombardamento dell’artiglieria e il bombardamento aereo di Bukhara da parte dell’Armata Rossa nel 1920 e restaurata in seguito a lavori di restauro.

Il minareto di Kalon ha un altro nome – “Torre della morte”, che è legato al fatto che era un luogo di esecuzione – le persone venivano gettate a morte dalla sua piattaforma superiore.

Al minareto di Kalon fu data una forma originale che fu poi ripetutamente imitata. Sopra la lanterna c’era probabilmente un secondo braccio, di cui rimane solo la base del perno centrale.

Il minareto di Kalon è austero, maestoso ed equilibrato nelle sue forme monumentali e molteplici. Allo stesso tempo, è chiaro e filigranato in tutti i suoi dettagli. Le sue proporzioni e divisioni hanno resistito a tutti i terremoti che hanno distrutto più di un grattacielo in Uzbekistan.

Il segreto della sua stabilità sta nelle proporzioni empiricamente corrette delle sue parti, nella costruzione delle sue fondamenta e nell’alta qualità della sua muratura. Il minareto Kalon è collegato da un ponte al tetto della Moschea Kalon Jome (la Cattedrale della Moschea), da dove si può entrare all’interno del minareto e salire alla rotonda attraverso una stretta e ripida scala a chiocciola in mattoni con 105 gradini.

Dalla rotonda del minareto, si ha una magnifica vista su Bukhara, sui resti delle sue mura.

Degno di essere visto
Miri Arab Medrese in Buchara

Bukhara - Miri Arab Madrasa

Bukhara - Miri Arab Madrasa

Miri Arab Madrasa è un’istituzione educativa e religiosa islamica del XVI secolo a Bukhara. È inclusa nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Poi-Kalon Madrasa fa parte dell’insieme architettonico Poi-Kalon (comprende tre edifici – madrasa, moschea e minareto). Miri Arab Madrasa si trova sul lato opposto della Moschea Kalon.

Miri Arab Madrasa a Bukhara fu costruita nel primo terzo del XVI secolo per ordine dello sceicco Sayyid Abdullah al-Yamani Khazaramavti. Questo sceicco una volta ebbe una grande influenza sul sovrano Ubaidullah Khan. Un’enorme fortuna fu spesa per la costruzione della moschea: una versione – 3.000 prigionieri persiani furono venduti come schiavi per lo scopo e un’altra versione – le risorse furono raccolte in campagne militari.

Gli storici non sono nemmeno d’accordo sulla data esatta della costruzione della madrasa. Alcuni dicono che è il 1535 – 1536 e il resto – che a quel tempo Miri Arab Madrasa era già stato costruito, perché prima della sua morte Sayyid Abdullah al-Yamani Khazaramavti (morì nel 1526) ordinò di essere sepolto nella zona della Madrasa. È possibile che nel 1535 – 1536 Miri Arab sia stata ricostruita, da qui questa data. Per inciso, fu proprio dopo la morte di Sayyid Abdullah al-Yamani Khazaramavti che alla madrasa fu dato il nome di Miri Arab, che significa “proprietà dell’arabo”.

Anche se la costruzione è stata eseguita secondo lo schema strutturale esistente, l’insieme è stato eseguito con una certa portata e libertà. La madrasa ha 111 hujschras abbastanza spaziose, ognuna delle quali consisteva in un piccolo soggiorno, un salotto con armadi e un ripostiglio.

Gli spaziosi aivan servivano come auditorium estivi. La tomba del fondatore e costruttore della madrasa occupa il posto di una grande darshana sulla facciata principale.

Le dimensioni della madrasa di Miri Arab sono 73 x 55 metri.

La sua maestosa facciata si trova su un’alta piattaforma sopra il complesso della Moschea Kalon ed è completamente ricoperta di mosaici. È circondato da massicce torri d’angolo. Al centro della facciata c’è un alto portale d’ingresso con una volta ottagonale semicircolare e logge a due piani sui lati.

Le sale d’angolo sono coronate da cupole turchesi. I loro alti tamburi cilindrici sono decorati con mosaici di piastrelle che formano i bordi e testi epigrafici.

Agli angoli della facciata anteriore della madrasa ci sono due grandi sale. Nella sala meridionale c’è un’udienza e una moschea, e nella sala settentrionale c’è una necropoli di Sheikh Miri Arab (“Principe degli arabi”) – questo era il nome di Sayyid Shams ad-Din Abdullah al-Arabi, che veniva dallo Yemen.

Negli anni ’80 del XV secolo, Miri Arab si trasferì in Asia centrale e divenne un apprendista di Khodja Ahrar. Era il capo dei musulmani di Bukhara e godeva di grande autorità nelle corti di Muhammad Shaybani e Ubaidullah Khan.

Ubaidullah Khan venerava Miri Arab come suo maestro spirituale. Ubaidullah Khan era l’uomo più colto del suo tempo. Recitava liberamente il Corano, scriveva commenti in uzbeko antico, scriveva diversi trattati sufi, era un cantante e musicista di talento.

Fino al 1920, la madrasa era situata nell’Emirato di Bukhara (uno stato situato sul territorio degli attuali Uzbekistan, Tagikistan e parte del Turkmenistan). Dopo il 1920, quando l’Unione Sovietica salì al potere, le madrase furono chiuse. Nel 1945, tuttavia, il muftì Eshon Bobokhon riuscì a scoprire Miri Arab. Fino al 1989 era l’unica madrasa dell’URSS (un’altra dal 1956 al 1961 era a Tashkent, ma fu chiusa a causa dell’incidente dell’edificio).

Gli studi nella madrasa duravano 9 anni, se lo studente aveva già un’istruzione secondaria secolare – 4 anni. Il programma includeva materie laiche e religiose ed era supervisionato dal Consiglio per gli Affari Religiosi del governo dell’URSS. C’erano pochissimi studenti nella madrasa: tra i 40 e gli 80 vi studiavano ogni anno.

Le attrazioni della madrasa sono i portali interni aperti situati sugli assi del cortile, che servono come aule estive. La decorazione esterna utilizzava mosaici intagliati con ornamenti per lo più vegetali e una scrittura complessa a forma di sülüs.

Fu questa madrasa a fornire all’Oriente islamico le figure più illuminate negli studi religiosi, nella poesia e nella cultura.

Nel frattempo, la Miri Arab Madrasa è una delle più importanti istituzioni educative religiose di Bukhara. Qui, i futuri muftis (giuristi islamici) conoscono tutte le complessità dell’Islam.

Degno di essere visto
Baland Moschee in Buchara

Bukhara - Moschea Baland

Bukhara - Moschea Baland

La moschea Baland è una manifestazione tipica dell’innovazione nell’architettura di Bukhara alla fine dell’era Navoi e nei primi decenni del khanato uzbeko. Il nome Moschea Baland deve la sua fama alla sua posizione sulle alte fondamenta di pietra.

A sud del parco della città e del Kosh Medrese, nella profondità degli edifici residenziali di Bukhara, si trova la moschea storica chiamata Baland (“Alto”). Questa moschea del ricco distretto di Bukhara ha più di cinquecento anni.

La parte più antica è un edificio invernale rettangolare. È chiusa da un’aivan a forma di L con pilastri, che serve da moschea estiva. Le colonne di legno con capitelli di stalattite su basi di marmo e soffitto aivan sono state fatte nel XIX secolo, sostituendo le strutture precedenti.

Il soffitto sospeso della Moschea Baland è unico, decorato con ornamenti geometrici e cupole intagliate nel legno. La piccola sala interna della struttura ha un mihrab riccamente decorato e un pulpito di legno – minbar. Il mihrab e i pannelli delle pareti sono coperti da un mosaico Kashin intagliato in tonalità blu-verde.

Le pareti della moschea sono coperte da una pittura multicolore in tecnica kundal con abbondanti dorature. L’ornamentazione floreale e vegetativa dà a questo dipinto l’impressione di “tappeti” murali.

Un’atmosfera spirituale speciale è creata dalle iscrizioni arabe in complicata scrittura Sülüs.

Il volume cubico con soffitto sospeso piatto e Aivan sulle colonne di legno intagliato è un esempio tipico delle moschee Guzar del quartiere. Lo splendore colorato della moschea si concentra nel suo interno, nella decorazione del soffitto e delle pareti.

La dominanza delle superfici è compensata qui da proporzioni classicamente trovate delle parti: un pannello, sopra di esso pannelli grandi e piccoli, poi un fregio. Il pannello della Moschea Baland consiste in una serie di cornici rettangolari, ciascuna riempita con un motivo a mosaico.

La parte centrale del muro è decorata con un pannello a forma di lancetta riempito con un motivo floreale, poi uno stretto pannello di iscrizione sopra la cornice, poi un cordone modellato sopra la cornice – si alternano tra loro e variano in forma e motivo.

Il soffitto è di legno, intricatamente intagliato, con una rientranza di pietra a goccia al centro della figura a forma di stella. Le piastrelle esagonali dei pannelli sono decorate con pittura ornamentale in oro.

Nella Moschea Baland, i mezzi di decorazione pittorica delle pareti sono sviluppati con straordinaria brillantezza.

Non è sorprendente che nell’architettura dei tempi successivi, gli architetti si siano ripetutamente rivolti all’interno della moschea come modello e degno esempio.

Degno di essere visto
Kalon Minor - Bukhara

Bukhara - Moschea di Kalon

Bukhara - Moschea di Kalon

L’edificio religioso esiste da più di 500 anni ed è sempre stato chiamato la moschea principale di Bukhara. È una moschea jome (cattedrale) o moschea del venerdì (moschea juma), il che significa che è il luogo di preghiera comune dei musulmani devoti a mezzogiorno del venerdì, quando viene eseguito il namaz generale. La moschea Kalon di Bukhara è molto spaziosa e può ricevere fino a 12 mila persone alla volta che vengono per la preghiera solenne.

Ai piedi del minareto di Kalon si trova il complesso architettonico monumentale – la Moschea di Kalon e la Mir-Arab Medrese. Insieme alla piccola piazza che si trova tra di loro, formano un unico complesso chiamato Poi Minar, cioè “ai piedi del minareto”.

Dietro la madrasa Mir-Arab, alla cupola del bazar Zargaron, in un antico incrocio di Shahristan si trova un insieme delle madrase Ulugbek e Abdulaziz Khan, e a sud ci sono altre due cupole di bazar – Toki Telpak-Furushon e Toki Sarrofon.

A nord c’è la possente Cittadella dell’Arca e accanto ad essa a est c’è la prigione dell’Emiro (zindan). La moschea di Kalon è una delle strutture che compongono il magnifico insieme architettonico di Kalon.

La moschea stessa è una delle strutture uniche di Bukhara e la storia della sua costruzione è una delle pagine più interessanti della solida cronaca della città.

Per quasi mezzo millennio, la moschea è stata testimone e partecipe della vita della città. Migliaia di fedeli si riunivano sotto la sua cupola nei momenti di preghiera.

La moschea Kalon di Bukhara fu costruita nel 1514, al tempo in cui regnava Ubaydulla-Khan della dinastia Shaibanid. La moschea è considerata una delle più antiche e la seconda più grande dopo Bibi-Hanum (Samarcanda) in Asia centrale. Nel XVI secolo, Bukhara divenne la capitale dello stato e vi furono costruiti molti edifici importanti e grandiosi. La Moschea Kalon è stata costruita sul sito dell’antica moschea principale di Bukhara, costruita dalla dinastia Karakhanid nel XII secolo e distrutta quando Gengis Khan conquistò la città. Di questa prima moschea si sono conservati i frammenti della parte inferiore delle pareti con muratura figurativa. Ci sono opinioni che la moschea principale si trovava in un’altra strada prima del XII secolo. È stato spostato qui durante la ricostruzione del centro di Bukhara.

L’architettura dell’edificio religioso è tradizionale per il periodo Temurid. È una struttura rettangolare con quattro aivan. La moschea ha 7 ingressi e l’ingresso principale si trova sul lato est; questo gruppo d’ingresso è decorato con un portale in mosaico e scritte in arabo. Una scala conduce al cortile interno. Una grande cupola blu doppia è eretta sopra la sala centrale, che ha la forma di una croce. La cupola esterna è posta sopra il tamburo del mosaico. Sui due lati dell’edificio principale ci sono le cupole blu. Sul lato occidentale c’è un mihrab (Mihrāb è la nicchia di preghiera islamica nelle moschee che indica la direzione della preghiera), che indica la direzione della Mecca ed è anche decorato con mosaici. Il cortile rettangolare è incorniciato da gallerie composte da 288 cupole. Sono basati su 208 colonne. L’edificio occupa un’area di un ettaro.

La moschea di Kalon è una moschea all’aperto – i fedeli erano alloggiati sia nel cortile aperto che nelle gallerie coperte. Nel cortile si trova la tomba di uno dei primi imam della moschea di Kalon. All’inizio del XX secolo, un padiglione con 8 facce fu costruito sopra la tomba, che serviva come pulpito della moschea. Grazie alla buona progettazione acustica della sala, migliaia di fedeli potevano sentire le preghiere lette dal pulpito.

Ci sono magnifiche gallerie a volta nella zona del cortile. Con il caldo, è particolarmente piacevole passarci, perché le gallerie diventano molto fresche. In totale, sono tutti coronati da 288 cupole costruite su 208 colonne.

I materiali utilizzati per la costruzione sono mattoni cotti, pietra e legno. Le facciate in mattoni sono decorate con mosaico chiaro, smalto bianco e blu e lettere arabe. Il nome del mastro costruttore della moschea – Bayazid al Purani – è stato trovato nell’ornamentazione della facciata. Le pareti della moschea sono decorate con ornamenti e versetti coranici in oro.

Alla fine del ventesimo secolo, la moschea Kalon di Bukhara è stata restaurata ed è in uso oggi. I turisti non sono ammessi all’interno durante le preghiere del venerdì, e negli altri giorni l’ingresso è chiuso dopo le 20:00, quando iniziano le preghiere.

Degno di essere visto
Magoki Attori Moschee in Buchara

Bukhara - Moschea Magoki Attori

Bukhara - Moschea Magoki Attori

Nel centro di Bukhara c’è una moschea storica chiamata Magoki Attori, che è unica in molti modi perché ha conservato la pianta dell’edificio e la decorazione originale. Gli studiosi hanno stabilito che la moschea fu costruita prima dell’Islam e fu una delle prime a Bukhara. Sul sito di costruzione Magoki-Attori c’era il tempio degli adoratori del fuoco, un tempio della luna, così gli fu dato il secondo nome – Moschea Moh (persiano – Mah, tagiko – Moh – la luna). Prima che venisse costruita la prima sinagoga, gli ebrei adoravano nella stessa moschea dei musulmani. Nelle vicinanze c’era il Mercato della Luna e c’era un vivace commercio di medicine e spezie. Durante la celebrazione di Nowruz, un gran numero di figure di varie divinità della religione zoroastriana venivano esposte in questo bazar, rappresentando un ricco raccolto e la fertilità.

Negli ultimi lavori di Narshakhi, la moschea costruita sul sito del Tempio della Luna è chiamata “Magok”, che significa “in una fossa”, quindi la gente del posto la considerava una moschea sotterranea, da qui il suo nome Magoki Attori.

Dopo l’introduzione dell’Islam, il tempio degli adoratori del fuoco fu distrutto e al suo posto fu costruita una moschea. I ritrovamenti archeologici nella zona hanno portato gli studiosi a concludere che la data approssimativa di costruzione di questa struttura è del IX secolo.

Nel tentativo di ricostruire la costruzione originale della moschea, gli archeologi hanno scoperto che era costruita con sei colonne portanti e una massiccia cupola di dodici. Un arco con un elaborato intaglio che poggia su due pilastri di pietra è stato costruito per l’ingresso principale. Si trovava nella parte lunga dell’edificio ed era leggermente decentrato.

Purtroppo, l’edificio originale Magoki-Attori fu quasi completamente distrutto da un incendio alla fine del X secolo. Al giorno d’oggi, si possono vedere solo gli elementi rimanenti delle pareti e i frammenti del mantello intagliato. Due secoli dopo, la casa di preghiera fu ricostruita usando lo stesso piano di costruzione. La nuova moschea è esistita per circa tre secoli ed è stata distrutta durante questo periodo. Tutto ciò che rimane di questa struttura è il portale sud con la sua unica decorazione.

Nella costruzione della moschea Magoki Attori a Bukhara, i costruttori hanno combinato con successo modelli di mattoni in forma di “archi” con inserti smaltati e mosaici di terracotta. I pannelli disposti verticalmente erano massicciamente coperti da iscrizioni in arabo, oltre che generosamente decorati con rilievi. La forma insolita dei motivi e l’originale gioco di ombre su di essi suggeriscono un alto livello di abilità artistica da parte degli architetti di Bukhara dell’epoca.

Nel 1547, quando la moschea fu ricostruita, il livello del terreno intorno ad essa crebbe così tanto che fu necessario costruire un nuovo ingresso e fare una discesa sotto forma di un’ampia scala.

A quel tempo, il portale sud era già a 6-8 metri di profondità. Negli anni ’20, il portale fu scavato, le sue parti superiori e laterali distrutte furono rinforzate, e la facciata fu pulita e parzialmente restaurata.

Degno di essere visto
Labi Hovus in Buchara

Bukhara - Nodir Devon Begi Khanaqah

Bukhara - Nodir Devon Begi Khanaqah

Il Nodir Devon Begi Khanaqah a Bukhara è un grande edificio a più camere con una sala centrale a cupola (11,2 m di lunghezza del lato) trafitto ai lati da nicchie poco profonde. Il Khanaqah fa parte dell’insieme Nodir Devon Begi.

Grazie alla sua posizione e alla grande sala esistente con una buona acustica, il Nodir Devon Begi Khanaqah a Bukhara è stato il centro della vita culturale e religiosa di Bukhara per secoli.

Sia gli Ashtarhanidi che gli Shaibanidi promossero le comunità sufi. Un ruolo speciale nel loro stato nei primi decenni del loro dominio fu svolto dallo sceicco Khodja Hashim di Juibar (morto nel 1636).

Grazie a lui, Imamkuli-khan (1611-1642) riuscì a stabilirsi sul trono di Bukhara. Khodja Hashim fu il consigliere spirituale non solo del Khan di Bukhara, ma anche del sovrano di Samarcanda, Yalangtush-biya (che in seguito seppellì Khodja Hashim nella medrese Sher-Dor), così come di un importante dignitario degli Ashtarkhanidi Nodir Devon Begi.

Quest’ultimo è meglio conosciuto per aver costruito una madrasa vicino alla necropoli di Khodja Akhrar a Samarcanda.

Probabilmente su istruzioni di Khodja Hashim, Nodir Devon Begi costruì una grande khanaqah sufi a est della moschea Magoki Attari nel 1619-1620. Si tratta di una struttura massiccia con una sala cruciforme sotto la cupola e hujshras negli angoli.

Degno di essere visto
Zentralasien entdecken

Bukhara - Segreto del Mausoleo Samanid

Bukhara - Segreto del Mausoleo Samanid

A ovest della piazza Registan nella sacra Bukhara, nel verde del parco, situato nell’antico cimitero “Naukand”, c’è una perfetta creazione architettonica – il mausoleo Samanid e il relativo mistero. Si crede che questa sia la tomba dei governanti Samanidi, costruita tra la fine del IX e l’inizio del X secolo. Secoli.

È possibile che la costruzione del mausoleo sia stata una risposta samanide alla chiamata del califfato abbaside, dove il mausoleo di Qubba al-Sulabiyya fu costruito sopra la tomba del califfo di al-Muntasir nell’862.

È importante per il nostro argomento che questi furono probabilmente i primi mausolei islamici in cui la forma originale della cupola destra “Qubba dome” fu incarnata. Il segreto del mausoleo samanide risiede nella sua più ricca decorazione in mattoni e nella sua squisita composizione architettonica, che molti studiosi attribuiscono alla cultura pre-islamica dell’antica Sogdiana.

Questa contraddizione ha dato origine a versioni ponderate della precedente costruzione del mausoleo e persino a interpretazioni come un tempio solare zoroastriano. Cerchiamo di risolvere questo problema sulla base di un’analisi semantica del simbolismo del mausoleo.

Secondo noi, il mausoleo ha una composizione simbolica principale nei suoi archi, che è il suo cosmogramma essenziale. Questo caratteristico segno quadrato si trova simmetricamente su entrambi i lati dell’ingresso ad entrambi i lati del mausoleo.

Ognuno dei segni ha quattro quadrati inscritti nella sua struttura. Il quadrato interno è inscritto in un cerchio. Il contorno dei quadrati esterni contiene 40 “anelli di perline”. All’interno delle piazze ci sono anche grandi e piccoli segni “a due ali”.

Notiamo che questa composizione di segni è una proiezione piana della soluzione di volume del mausoleo stesso, cioè i loro cosmogrammi sono identici. Questa idea, oltre alla connessione “cubo-quadrato” e “cupola-cerchio”, è suggerita dal parallelo tra 40 “perline” dello scudo e 40 aperture ad arco nella parte superiore esterna delle pareti.
Nel Mausoleo Samanide, tutto, dai mattoni, alla pianta e alle facciate, è costruito su una piazza e i suoi derivati. Questo sottolinea ancora una volta il valore cruciale della piazza nei simboli del mausoleo. Forse l’influenza dell’immagine della Kaaba è già molto forte qui.

Partendo dal quadrato, il cosmogramma del mausoleo può quindi essere scomposto in tre segni in base al quadrato:

il già noto segno “cerchio nel quadrato”,
il segno “quadrato inscritto nel quadrato” e
il segno “due quadrati con quaranta perline”.
1. “Cerchio in un quadrato” è l’archetipo originale del mausoleo, come mostrato sopra.

2. la caratteristica del mausoleo è la sua apertura tipo chortaku sui quattro lati del mondo, che spiegava la possibilità della fonte del suo potere spirituale.

Probabilmente questa idea è espressa da un quadrato interno spostato di orientamento, i cui angoli indicano la posizione degli ingressi. Le ali sopra gli archi del mausoleo sono un simbolo tradizionale di spiritualità (pensate alle ali degli angeli).

L’esistenza di questi segni determina il superamento della vanità mondana all’ingresso del mausoleo, l’iniziazione al divino. La semantica del segno “un quadrato inscritto in un quadrato” può anche essere interpretata come simbolo dell'”unità del macrocosmo e del microcosmo”.

Il movimento dal piccolo al grande quadrato è l’allargamento, significando il macrocosmo e l’infinito dell’universo. Il movimento all’indietro (riduzione) rappresenta il microcosmo e il mondo spirituale.

3 “Due quadrati con quaranta perline” si riferiscono al simbolismo del numero sacro 40. Nella tradizione islamica, il destino dell’anima alla nascita e alla morte è collegato ad esso: Quaranta giorni l’anima entra nel corpo di un neonato, quaranta giorni non lascia la terra dopo la morte.

Considerando lo scopo del monumento, possiamo anche supporre che le “quaranta perle” del mausoleo simboleggiano i “quaranta santi” – Chiltan (persiano, tagiko – “quaranta persone”) che proteggono il mondo.

Gli uzbeki e i tagiki, i kazaki e i kirghisi hanno conservato antiche leggende sui “chiltani” – i quarantenni dei “santi segreti” o del “popolo più interno”. Più tardi, si intrecciarono con le credenze sufi e ismaelite, portando i Chiltani nella cerchia dei santi musulmani.

Poi il “recinto” quadrato di 40 perline sullo scudo significa la protezione del mausoleo da 40 santi potenti, la connessione spirituale del santo sepolto con loro. L’immagine delle 40 fonti di luce (finestre ad arco) che illuminano il mausoleo e contrastano così l’oscurità corrisponde bene all’immagine dei 40 santi che proteggono il mausoleo.

Inoltre, il numero sacro “quaranta” per Maverannahr e Khorezm nell’alto medioevo era una delle caratteristiche dell’associazione segreta dei mittenti del culto Siyavush (corporazione degli zhretses).

L’immagine di Siyavush incarnava una divinità solare associata a un culto calendrico-agrario il cui sacerdote principale nella Bukhara preislamica era il sovrano della regione. Così, il cosmogramma del mausoleo samanide combina simboli islamici e preislamici.

Questa è la prova della doppia fede della popolazione, che accettò ufficialmente la nuova fede islamica ma continuò a praticare rituali “pagani”, così come il fatto che i due erano ufficialmente riconosciuti dai Samanidi.

Probabilmente, la proclamazione della statualità samanide indipendente dal califfato abbaside negli anni 60-70 del IX secolo richiedeva credenze e simboli religiosi locali pre-islamici nell’interesse della sovranità culturale e della santificazione della nuova dinastia dominante.

Questo spiega il “mistero” del mausoleo islamico dei Samanidi.

Degno di essere visto
Sitorai Mohi Hossa - Bukhara

Bukhara - Sitoraï Mokhi Khossa

Bukhara - Sitoraï Mokhi Khossa

Il palazzo estivo dell’emiro di Bukhara Sitoraï Mokhi Khossa (dal persiano “Casa della Luna e delle Stelle”) si trova a 4 chilometri a nord di Bukhara. La costruzione del palazzo iniziò alla fine del XIX secolo, quando i migliori artigiani dell’impero furono inviati a San Pietroburgo e Yalta per conto dell’emiro di Bukhara, Ahadkhan, per studiare l’esperienza degli architetti russi. Nel 1890, architetti locali sotto la direzione di Usto Hodja Hafiz costruirono un vecchio palazzo.

Pertanto, l’architettura dell’insieme è una combinazione di elementi della tipica architettura europea con l’arredamento decorativo dei palazzi di Isfahan e le tradizioni architettoniche locali vecchie di secoli.

Alcuni dei palazzi esistevano anche sotto gli Amir Nasrullah e Muzaffar. Ma fu solo sotto Amir Abdullahad che iniziò la costruzione su larga scala a Sitoraï Mokhi Khossa a Bukhara.

Il palazzo nuovo più interessante, composto da diverse strutture notevoli, come l’arco trionfale della porta d’ingresso con mosaici; gallerie con una linea retta intorno al cortile; una sezione di architettura europea con una serra di fronte a un grande bacino d’acqua (1917 – 1918) e le stanze dell’harem dell’emiro, situato nel mezzo del giardino. La parte principale del palazzo consiste in diverse stanze e appartamenti privati dell’emiro.

La stanza più famosa di questa zona è la Sala Bianca. La costruzione della sala durò 2 anni (1912 – 1914). Sotto l’Amir Alim-khan, il nuovo complesso di palazzo Sitoraï Mokhi Khossa fu costruito a Bukhara.

L’edificio principale del palazzo ospitava le sale di ricevimento e gli alloggi personali dell’Amir. Il nuovo complesso Sitoraï Mokhi Khossa ospitava principalmente i funzionari russi, mentre i governanti e le autorità di Bukhara venivano ricevuti nel vecchio palazzo.

Accanto al nuovo palazzo c’erano le caserme della guardia personale di Amir Alim-khan, la centrale elettrica, i locali per i funzionari e i servitori privilegiati, le officine e altri edifici domestici.

Il progetto dei nuovi edifici è stato disegnato dall’ingegnere Margulis. Stufe in maiolica olandesi, vetri colorati, specchi erano forniti da fabbriche russe. I leoni di marmo all’entrata furono fatti da artigiani di Nurata, che fecero anche gli sfioratori di marmo per le case a forma di bocca di drago.

Un gruppo di 25-30 operai specializzati guidati dal leggendario artigiano Usto Shirin Muradov ha completato la decorazione del palazzo. Muradov creò soprattutto gulganch (intonaco scolpito) che copriva le pareti e il soffitto del palazzo.

Degno di essere visto

Bukhara - Toqi Telpak Furushon

Bukhara - Toqi Telpak Furushon

Toqi Telpak Furushon (in alcune fonti – Taqi Telpakfurushon) è uno dei bazar interni tradizionali conservati di Bukhara. Fu costruito nel 1570-1571 sotto Abdullah Khan II, uno dei governanti della dinastia Shaibanid. Furono gli Shaibanidi che iniziarono a fare di Bukhara un importante centro commerciale, situato all’incrocio di molte vie carovaniere. Il simbolo del raggiungimento di questo obiettivo erano le cupole commerciali che riunivano sotto i loro tetti i commercianti di diverse parti del mondo.

Il materiale utilizzato per costruire la cupola commerciale era costituito da piastrelle di ceramica. Questa struttura insolita è una specie di esagono alla base. Tale soluzione urbana era molto favorevole in termini di compattezza, poiché Telpak Furushon è stato costruito in un incrocio dove cinque strade convergono in un unico luogo. La sua parte centrale è una bellissima cupola sferica con piccole aperture che la attraversano. La cupola è sostenuta da sei piloni, ha 12 lati di illuminazione, i turisti sono particolarmente interessati a guardare la cupola dall’interno.

Il diametro della cupola principale del Toqi Telpak Furuschon è di 14,5 metri.

Oltre alla cupola principale, piccole cupole con nicchie sono state costruite sopra la galleria commerciale. Intorno alla cupola principale c’erano di solito magazzini, caravanserragli per i mercanti in visita e magazzini per i prodotti in vendita. L’uscita dal passaggio occidentale della cupola commerciale conduce alla via Mekhtar Ambar, dove si può visitare l’antico caravanserraglio di Kuleta, dove i viaggiatori riposavano nei tempi antichi. Come parte della parte storica di Bukhara, la cupola è stata inclusa nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Nel XVI secolo, Bukhara divenne famosa come un importante centro commerciale e i bazar delle sue strade cominciarono a trasformarsi in grandi mercati. La particolarità di questo periodo era la collocazione dei negozi commerciali in diverse strade secondo il tipo di prodotti venduti. Per creare le condizioni più favorevoli al commercio e ai mercanti che viaggiavano sulla Grande Via della Seta, iniziò la costruzione di cupole commerciali – soffitti a volta multi-ventilati agli incroci e alle piazze chiamate “flussi”. Venivano qui commercianti dall’India, dall’Impero russo, dall’Iran, dalla Cina e da molti altri paesi. Si può dire che le cupole commerciali della Bukhara medievale erano un prototipo dei moderni centri commerciali, ma differivano per il fatto che in ciascuna di esse si poteva comprare un certo tipo di prodotto.

Inizialmente, i librai si riunivano sotto la cupola di Telpak Furushon. Per questo motivo, il suo nome originale era Kitab Furushon, che letteralmente significa “la cupola dei librai”. Sotto le volte di Telpak Furushon, iniziò allora la vendita di ogni tipo di copricapo per adulti e bambini, uomini e donne: perline ricamate, copricapi in oro o pietre preziose, massicci telpaks (cappelli di pelliccia), cappelli di pelliccia, turbanti insoliti, chugurmas (cappelli fatti di pelliccia e lana di pecora) e altre cose simili. Sono stati comprati sia dai locali che dai visitatori stranieri. Questa tradizione è sopravvissuta fino ad oggi. A causa del fatto che a un certo punto la direzione del commercio sotto la cupola fu cambiata, anche il suo nome fu cambiato.

La parola “telpak” è un copricapo tradizionale fatto di lana di pecora. Toqi Telpak Furuschon significa letteralmente “la cupola dei commercianti di copricapi”.

Oggi, i turisti possono visitare il Toqi Telpak Furushon per vedere un edificio con una lunga storia e comprare vari souvenir, oggetti d’antiquariato, vestiti, stoffe fatti da artigiani locali. In questo famoso luogo di Bukhara si può ancora comprare una varietà di scialli e bei cappelli. Puoi negoziare con i venditori e abbassare il prezzo, anche se non è così alto come scrivono i turisti.

È piacevole camminare lungo le colorate file di negozi orientali dopo aver visitato le madrase e le moschee della città vecchia. Inoltre, c’è sempre un’ombra fresca sotto i portici commerciali coperti e c’è sempre una leggera brezza. Non lontano dalla cupola commerciale c’è un’officina di fabbro dove si fabbricano coltelli e altri utensili con una tecnologia antica.

Degno di essere visto
Ulugbek Medrese in Buchara

Bukhara - Ulugbek Madrasa

Bukhara - Ulugbek Madrasa

Durante il regno di Ulugbek, un discendente di Amir Temur, l’istruzione si sviluppò attivamente. Ulugbek si impegnò in attività educative e costruì molte famose madrasa in diverse città del paese, compresa Bukhara con i suoi rigidi principi islamici. La madrasa Ulugbek di Bukhara fu costruita ancora prima delle famose istituzioni educative simili di Samarcanda (Ulugbek madrasa di Samarcanda) e Gijduvan e divenne il loro prototipo.

L’edificio della madrasa fu eretto nel 1417. La costruzione fu realizzata dai migliori architetti dell’epoca – Ismayil Isfagani e Najmiddin Bukhari. Tuttavia, la Madrasa ha acquisito il suo aspetto moderno con rivestimento in maiolica solo nel 1585 durante i lavori di restauro. I contemporanei ricordano che nella sua prima visita alla madrasa, Ulugbek fece regali costosi a tutti gli studenti e agli insegnanti.

Originariamente, l’istituzione educativa costruita su ordine di Ulugbek era destinata alla formazione di 80 apprendisti. Molta attenzione fu data qui all’istruzione matematica e astronomica, alla lingua araba e alla religione. Secondo i dati storici, fino a 150 alunni hanno studiato qui allo stesso tempo. Avevano non solo un alloggio, ma anche uno stipendio decente.

La struttura appare ancora oggi molto armoniosa ed equilibrata. Una decorazione piuttosto austera e modesta non impedisce alla struttura di essere maestosa e considerata una delle maggiori opere di architettura dell’epoca.

La Madrasa è una struttura di dimensioni impressionanti e di forma rettangolare. La facciata dell’ingresso principale è decorata con un grande portale. La struttura differisce nel suo design da molti edifici simili. Secondo la tradizione, nella maggior parte delle madrasa il corridoio centrale più largo conduce al cortile interno. Nella madrasa Ulugbek di Bukhara, questa tradizione è rotta. Il corridoio che parte dalle porte è diviso in due parti, la prima porta alla moschea e la seconda alla sala di apprendimento. Il gruppo d’ingresso dell’istituzione educativa è stato decorato con un estratto intagliato del Corano che ogni vero musulmano deve lottare per la conoscenza. Questo detto era una specie di motto dello stesso Ulugbek. Accanto c’è un’altra iscrizione che dice che le benedizioni di Dio attendono coloro che hanno afferrato la saggezza dei libri.

Il saggio sovrano è conosciuto in tutto il mondo per le sue numerose conquiste scientifiche nel campo dell’astronomia. E la decorazione astrale della madrasa riflette il desiderio di Ulugbek di comprendere i misteri del cielo. Se si osservano i motivi e gli ornamenti sulle pareti dell’edificio, si può vedere che sono applicati in diverse tecniche – è associato a numerosi restauri di madrasa.

Degno di essere visto
Zindan in Buchara

Bukhara - Zindan

Bukhara - Zindan

“Zindan” in persiano significa “prigione”, “dungeon”, una fossa per i prigionieri a Bukhara. La prigione del XVIII. La prigione del XVIII secolo fu costruita nell’angolo nord-occidentale dell’antica Shahristan.

Esternamente, Zindan sembrava una piccola fortezza. Zindan consisteva in diverse celle per i debitori, celle singole e un buco profondo sei metri chiamato il buco nero, dove i prigionieri e il cibo per loro venivano calati su corde. C’erano solo due zindan (prigioni) a Bukhara.

Uno di essi si trovava all’interno della fortezza dell’Arca e vi erano tenuti dei prigionieri politici.

La parola “zindan” dal persiano significa “sottoterra, nell’oscurità”. Due volte al mese i prigionieri venivano portati sulla piazza del Registan davanti all’Arca, dove l’Emiro decideva quali criminali dovevano essere giustiziati e quali perdonati.

Oggi, Zindan ha diverse stanze con manichini che rappresentano i prigionieri e anche una camera di tortura con strumenti di tortura. Le mostre del museo forniscono informazioni sui procedimenti giudiziari nell’Emirato di Bukhara nel XIX e all’inizio del XX secolo.

Sul territorio della prigione c’è una tomba del reverendo prigioniero “Kuchkar-Ata” (VIII secolo). Dietro la Fortezza dell’Arca (da nord-est) c’è un edificio carcerario medievale – “Zindan”.

Questo alto edificio, che ricorda una fortezza, oggi ospita un museo. In passato, la prigione era composta da due parti. Nella prima parte, i prigionieri erano alloggiati in celle situate in diversi cortili.

Nel secondo, i criminali erano in fosse profonde dove venivano calati con delle corde. È da qui che deriva il nome “zindan”, che in persiano significa “sottoterra, oscurità”.

Degno di essere visto
Ulugbek Madrasah in Gijduvan

Gijduvan - Madrasa Ulugbek

Gijduvan - Madrasa Ulugbek

Uno dei monumenti, che sappiamo non essere menzionato nella letteratura scientifica, si trova nel grande insediamento di Gijduvan, a 40 km da Bukhara. La struttura è interessante perché è la terza madrasa costruita da Ulugbek, aggiungendosi alla lista delle strutture costruite da lui.

Inoltre, è un importante monumento di uno dei periodi più gloriosi dell’architettura dell’Asia centrale, che fu dovuto all’emergere del potente Impero Temurid, alla concentrazione di una ricchezza significativa nelle mani degli emiri e delle classi dirigenti, all’afflusso di manodopera a basso costo sotto forma di schiavi prigionieri e al rapido sviluppo del commercio e dell’artigianato nelle città dell’Asia centrale.

L’architettura di questo periodo differisce molto nella forma e nel contenuto dall’architettura dell’epoca precedente. Si sviluppò dalle tendenze di grande potenza dell’emirato e si sforzò di eclissare tutto ciò che era venuto prima per la sua grandiosità, le sue forme monumentali e la sua ricchezza di ornamenti in azzurro e oro scintillante.

L’afflusso di artisti e architetti reclutati dai territori conquistati da Amir Temur, soprattutto dalla Persia, determinò il carattere diverso dell’architettura, che incorporò vari elementi accanto all’antica tradizione dell’Asia centrale. La fusione di questi elementi eterogenei ha portato a un’architettura che ha uno stile proprio ed è un importante contributo all’architettura mondiale.

Durante il regno di Amir Temur (noto in Occidente come Tamerlan, 1370-1405), lo stile si sviluppò da piccoli edifici saldamente legati alla vecchia tradizione locale (primi mausolei a Shah-i-Zinda risalenti al periodo Temurid, Khashma-Ayub a Bukhara e altri) alla sua massima espressione nella Moschea Bibi-Khanum.

Un’intensa attività edilizia continuò sotto Ulugbek, il nipote del sovrano, e i Temuridi che gli succedettero. Alla vigilia della caduta dell’impero Temurid, che è esistito solo per poco tempo e che veniva costantemente preparato dalle crisi del paese e da una nuova ondata di invasori, furono costruiti palazzi, moschee e madrase le cui forme e decorazioni erano caratterizzate da austerità e splendore.

Il periodo d’oro della vita culturale raggiunse il suo apice, seguito da un lento e graduale declino nel corso di diversi secoli. In architettura, questo declino si manifestò nel fatto che le forme architettoniche create sotto Amir Temur e i suoi successori, così come gli insiemi generali e le piante degli edifici, rimasero i modelli immutabili imitati dai costruttori successivi che non introdussero nulla di fondamentalmente nuovo.

L’evoluzione dello stile continua, naturalmente, insieme al cambiamento dei fattori economici e politici, ma si riflette in gran parte solo nell’interpretazione dei singoli elementi dell’edificio, nella decorazione più sofisticata, perdendo la perfezione tecnica di esecuzione raggiunta nei secoli XIV-XV, che il paese impoverito non poteva sostenere, e nello sviluppo di alcune tecniche strutturali, soprattutto nel sistema dei soffitti a cupola.

Le madrase costruite da Ulugbek sono i più antichi edifici di questo tipo in Asia centrale. Vediamo un tipo architettonico completamente sviluppato. Non si sa se questo tipo sia stato sviluppato prima o solo nel periodo Temurid. Possiamo solo dire che le madrase di Ulugbek sono l’ultima parola in questo sviluppo, perché le madrase dei periodi successivi ripetono principalmente le forme di Ulugbek e permettono solo piccole differenze.

La madrasa Ulugbek a Gijduvan è una delle parti principali dell’insieme architettonico che apparve tra abbastanza popolare e godette di rispetto e fama ben oltre il distretto di Gijduvan, il mazar di Abdul-Halyk Gijduwani, un famoso mistico-Sufi. L’edificio della madrasa non è grande. Si affaccia ad est attraverso l’ingresso. Un confronto di tre madrase costruite da Ulugbek ci dà un quadro chiaro degli elementi principali delle madrase come tipo architettonico e della loro relazione reciproca.

Le caratteristiche più tipiche di tutte le madrase sono il significativo sviluppo della sezione del portale con un enorme ‘peshtak’ decorativo, due grandi sale a cupola su entrambi i lati dell’ingresso che servono da auditorium o moschea, e un cortile quasi quadrato circondato da archi a uno o due piani sotto i quali sono disposti gli ingressi alle hujshras (celle).

I piani di tutte e tre le madrase sono in gran parte simmetrici. Ma un confronto tra questi monumenti rivela alcune caratteristiche distintive, principalmente le seguenti.

La madrasa di Samarcanda, la più ricca e importante di tutte, ha due entrate separate e non contigue sotto un grande arco di portale che si diramano in direzioni diverse attraverso corridoi craniali e portano al cortile interno dell’edificio. Gli spazi a cupola su entrambi i lati dell’ingresso sono relativamente poco sviluppati, data la scala massiccia della struttura, e l’attenzione è stata spostata sul retro, sul lato occidentale, dove sono stati costruiti una grande sala-moschea per le assemblee e due importanti stanze ausiliarie.

Su tutti e quattro i lati del cortile ci sono grandi archi, alti entrambi i piani, che dividono le arcate di ogni lato in due. Le hujschras erano un tempo disposte su due piani (il piano superiore non si è conservato). Sulla facciata, ci sono solo archi decorativi leggermente abbassati ai lati del portale (peshtak). Tutti e quattro gli angoli dell’edificio terminano con alte torri – minareti.

Ci sono piccoli portali laterali sulle facciate sud e nord. In contrasto con la madrasa di Samarcanda, la madrasa di Bukhara, che probabilmente servì da modello per tutte le madrasa più grandi a Bukhara e più tardi a Tashkent, Kokand, Khiva e altre città, ha un solo ingresso sotto l’arco del portale, che si divide in due uscite a gomito sul cortile immediatamente di fronte alla porta. La moschea e la darskhana (sale di studio), situate simmetricamente nella parte anteriore dell’edificio, assumono un’importanza relativa molto maggiore.

I grandi archi nel cortile sono costruiti solo sul lato nord di fronte all’entrata e sul lato sud tra le uscite del cortile. Sulla facciata anteriore dell’edificio, su ogni lato del portale, ci sono due file di archi hujshras, quattro in numero.

Le torri laterali della facciata sono state parzialmente o completamente ricostruite durante una delle ristrutturazioni. Non hanno alcun rivestimento e quindi non offrono alcuna indicazione della loro altezza originale. Così la madrasa di Bukhara, costruita un po’ prima di Samarcanda, è più modesta nelle dimensioni e nella decorazione e dà un’immagine di una chiara semplificazione delle forme di base.

La terza madrasa Ulugbek a Gijduvan è ancora più semplice nel piano e più modesta nelle dimensioni. Sotto una snella facciata frontale in peshtak, che appare particolarmente alta a causa della scarsa altezza dei muri adiacenti, che sono alti solo un piano, una doppia porta decorata con intagli conduce in una piccola sala di passaggio a volta e attraverso questa – direttamente nel cortile della madrasa.

L’ingresso è fiancheggiato da due edifici tradizionali – la moschea a destra e la Darskhona a sinistra. Il cortile quasi quadrato della madrasa è circondato da un portico di un piano, sotto il quale si trovano le entrate di dieci hujjras. Ci sono quattro hujjras ciascuno sui lati sud e nord e due sul lato ovest.

Un grande arco è costruito solo sul lato occidentale, di fronte all’ingresso. La facciata esterna non ha hujjras, come nella madrasa di Samarcanda, e allo stesso modo ci sono pseudo-archi di valore decorativo. Questa è la seconda parte in cui la moschea e il darskhan sono descritti in dettaglio.

Come già detto, sono disposti simmetricamente su entrambi i lati dell’ingresso e hanno la stessa pianta. Sono stanze oblunghe, ciascuna divisa in tre parti da modanature fortemente sporgenti. I pilastri sono collegati a coppie da archi a sesto acuto. Ognuna delle tre parti così formate è coperta dall’arco.

Il centro di queste volte ha anche una cupola a lanterna su un basso tamburo esagonale, trafitto da finestre che illuminano lo spazio. Le pareti di entrambe le stanze sono intonacate con alabastro e senza alcun ornamento.

Le hujras della madrasa sono piccole stanze coperte da cupole in quattro casi e da semplici volte a bifora negli altri. La madrasa di Gijduvan è molto simile a quella di Bukhara nella sua decorazione esterna, sia nei metodi tecnici di esecuzione che nell’ornamentazione.

Questa somiglianza è rafforzata dal fatto che entrambe le madrase sono state profondamente rinnovate alla fine del XVI secolo. La varietà delle tecniche utilizzate nel rivestimento di entrambe le madrase (Bukhara e Gijduvan) non è grande e si limita alla posa figurativa di semplici piastrelle blu e blu non smaltate e smaltate che formano semplici motivi geometrici o brevi iscrizioni cufiche che cambiano ritmicamente, e piastrelle di maiolica che riempiono i tamponi degli archi o formano fasce di iscrizioni in diverse parti dell’edificio.

In entrambe le madrase, una parte considerevole della facciata ormai fatiscente di Ulugbek fu sostituita da una nuova, di Abdullakhan. I maestri dell’epoca di Abdullakhan (fine del XVI secolo), lavorando con i loro metodi molto tipici, non cercarono di imitare gli ornamenti e le tecniche dell’epoca Temurid, che erano stati ripetuti solo mezzo secolo prima nella maiolica di Mir-Arab e nella Grande Moschea di Bukhara.

Grazie a questo, gli elementi introdotti dai costruttori del XVI secolo sono facilmente riconoscibili nella facciata. Le principali caratteristiche distintive di entrambi i tipi di maiolica sono che le maioliche dell’epoca di Ulugbek sono fatte in un grande disegno chiaro con contorni accentuati.

I toni di colore delle maioliche sono blu, bianco e blu con oro. Nelle maioliche della fine del XVI secolo, il motivo diventa più fine e si trasforma nel caratteristico taglio “finemente inciso” di tralci a spirale, foglie e fiori intricati. I contorni del disegno sono un po’ confusi e le tonalità adiacenti si confondono tra loro. Tonalità: bianco, blu, azzurro e verde. Non ci sono dorature; né mosaici di piastrelle intagliate né intarsi di marmo intagliato, di cui la madrasa di Samarcanda è così ricca, si trovano in queste due madrase.

L’unica parte della madrasa Ulugbek di Gijduvan che ha un rivestimento continuo è la sua facciata. I piloni del portale, divisi da travi orizzontali in tre rettangoli – pannelli, sono decorati con disposizioni di mattoni smaltati colorati di colore blu e azzurro con semplici motivi geometrici non smaltati. La stessa tecnica è usata per decorare le pareti accanto al portale e le torri negli angoli.

In quest’ultimo caso, le iscrizioni cufiche rettangolari sono disposte con mattoni. Sopra l’arco d’ingresso al cortile della madrasa, che racchiude le colonne del muro dello scudo, c’è una larga banda orizzontale di lettere bianche su uno sfondo blu. L’iscrizione è frammentaria, ma il suo inizio e la sua fine possono essere letti senza difficoltà.

Più avanti segue una grande lacuna in cui sono sopravvissute singole tessere, di cui sopravvivono solo frammenti di frasi. “Questo grande luogo, una dimora come i giardini del Paradiso “il più grande sultano, il più misericordioso Hakan… il salvatore del mondo e della fede Ulugbek Kuragan, che Allah prolunghi il suo regno”.

L’estremità dell’iscrizione è caduta. Sul bordo delle ultime lastre sopravvissute, i numeri (36) alla fine possono essere chiaramente letti alla rottura vicino al bordo superiore. Poiché, a nostro parere, i numeri alla fine di una tale iscrizione non possono essere ricondotti ad altro che alla data di costruzione dell’edificio, la data del suo completamento dovrebbe essere l’836, cioè il 1433 d.C. Di conseguenza, questo monumento è la più giovane delle tre madrase costruite da Ulugbek.

Sopra il piccolo arco che serve da ingresso al cortile ci sono diverse piastrelle di maiolica di Ulugbek. Una parte della maiolica riempie il timpano di questo arco, e su entrambi i lati dell’arco ci sono due rettangoli con due linee di iscrizioni eseguite nel tipico stile Abdullakhan. Questa iscrizione, come quella precedente, ha lacune più grandi.

“Riparato per ordine di Sua Maestà, esaltato come Saturn…. …degno Salomone, valoroso come Alessandro…. …Nushirvan… Consolidatore della pace, dello stato e della fede Abdul-Ghazi Abdullah Bahadurhan, che Allah prolunghi il suo regno”.

Sul lato sinistro dell’iscrizione è scritto in piccole lettere: “Completato nei mesi del 991, la diligenza…”. Così, il compito fu riparato nel 991 – 1583, solo 150 anni dopo la sua costruzione.

Il cortile della Madrasa di Ulugbek a Gijduvan non ha rivestimento, o almeno non è sopravvissuto fino ad oggi, anche se ci sono alcune lacune di rivestimento nella muratura delle pareti. L’eccezione è un grande arco sul lato ovest del cortile, che è rivestito internamente con lo stesso motivo di mattoni multicolori della facciata anteriore. Il bordo esterno smussato di questo arco è decorato con diverse piastrelle di maiolica, che sono state incollate a caso e senza motivo durante una delle riparazioni successive.

Direttamente di fronte all’entrata della madrasa si trova la Hodja Abdul-Halik-Mazar, situata in un piccolo cortile chiuso da una recinzione di mattoni sui lati nord, est e sud. Il cortile è chiuso sui lati nord ed est da una recinzione di mattoni sostenuta da cinque pali di legno. Adiacente al cortile a ovest c’è una moschea costituita da un capannone su due pilastri di legno. I pilastri poggiano su zoccoli di pietra e sono coronati da capitelli di stalattiti a forma di cifre. Uno dei plinti porta un’iscrizione, mezza mangiata dal tempo, che recita: “Questo edificio benedetto fu completato grazie agli sforzi di Hazret Shah Sultan nell’anno 947” (1541 d.C.). (1541 D.C.). Tenendo conto delle evidenti riparazioni e alterazioni, la moschea stessa appartiene apparentemente al periodo indicato nell’iscrizione. Una caratteristica interessante della moschea è un mihrab di legno con una nicchia di stalattiti, che ha tre file di stalattiti e una piccola mezza cupola.

L’ornamento a forma di stella che copre il mihrab è per lo più sbriciolato e presenta tracce di macchie. Di fronte alla moschea, quasi al centro del cortile, c’è una dakhma con la tomba dello sceicco, che è coperta da lastre di pietra grigia. Non c’è nessuna lapide, solo una lastra di marmo (con la data 1331 (1913) sul lato ovest della dakhma) con un’iscrizione con diversi cronogrammi “tarihs” sulla morte dello sceicco.

La madrasa e il mazar sono circondati da un grande cimitero a ovest, a nord e in parte a sud. La madrasa è circondata da un grande cimitero a ovest, a nord e in parte a sud. Tutto sommato, è un complesso molto interessante di edifici costruiti durante i secoli intorno al famoso Mazar, un nido dei Khoja che trascorrono qui i loro ultimi giorni in attesa dei sempre più rari pellegrini.

Questo complesso è interessante anche perché, come abbiamo mostrato sopra, le sue singole parti sono datate dalle iscrizioni di edifici moderni, il che è di grande importanza nella completa assenza di fonti letterarie.

Degno di essere visto
issyk Kol - Kyrgyzstan

Il lago Issyk Kul

Il lago Issyk Kul

Il lago Issyk-Kul (anche Yssyk-Köl) è senza dubbio la principale attrazione del paese. Issyk-Kul è unica sotto ogni aspetto. Il lago si trova nel mezzo dell’enorme bacino di Issyk-Kul, che si trova tra due enormi creste di montagna: Kyungey-Ala-Too e Terskei-Ala-Too, che occupano quasi tutta la zona. A 1700 m sul livello del mare, Issyk Kul è il secondo lago alpino più grande del mondo dopo il lago Titicaca in Sud America. La profondità massima del lago è di 702 metri, il che lo rende uno dei laghi più profondi del mondo. Il litorale del lago è lungo quasi 700 km, una chiara indicazione delle sue dimensioni. L’abbondanza del lago è alimentata da numerosi fiumi glaciali che scendono dalle pendici del Tien Shan – ce ne sono più di 80.

L’acqua di Issyk-Kul è salata e non gela nemmeno in inverno. È da lì che il lago ha preso il suo nome: Issyk-Kul significa “lago caldo” in kirghiso. Il lago fornisce uno speciale clima marittimo nella valle, che è molto insolito per le alte montagne e per l’Asia centrale nel suo insieme. Per esempio, gli inverni qui sono molto più miti che in altre parti del paese, mentre le estati, al contrario, non sono così calde. Le acque di Issyk-Kul si riscaldano fino a 20-25 gradi Celsius in estate, rendendo il lago un luogo di balneazione popolare per i kirghisi e i turisti di altri paesi.

Le rive del lago sono geograficamente molto diverse. La parte occidentale del fiume consiste in un terreno secco e sabbioso con poca vegetazione e un basso livello d’acqua. Più vicino al centro, il lago diventa molto più ampio e le parti più profonde dell’Issyk-Kul sono qui. In questa sezione, la riva opposta è appena visibile e il lago sembra più un vero mare. Nella parte orientale, invece, il lago è un po’ più fresco grazie ai numerosi affluenti. Le rive del lago qui sono paludose ed erbose, con molte piccole isole, insenature, ecc. Il livello dell’acqua è più basso qui.

Le rive di Issyk-Kul non sono solo geograficamente ma anche culturalmente molto diverse. La riva nord del lago è tradizionalmente più visitata e sviluppata per il turismo, poiché ha un litorale liscio e buone spiagge, cosa che non è il caso della riva sud. Sulla riva nord di Issyk-Kul ci sono numerose pensioni, hotel e case di ricreazione che accolgono gli ospiti tutto l’anno. I luoghi vicino alla città di Cholpon-Ata e il villaggio di Bosteri sono particolarmente popolari. La costa nord, tuttavia, è più adatta per una vacanza relativamente passiva. Non ci sono molte attrazioni geografiche, ma ci sono tutte le condizioni per un completo relax sulle rive del lago. Famiglie e gruppi di amici si sentirebbero a casa qui.

La riva sud di Issyk-Kul, invece, è più deserta e tranquilla. Anche se non ci sono molte spiagge, ci sono molti luoghi diversi non toccati dall’uomo. La ragione è che la riva sud è vicina alle montagne Terskey Ala-Too. Pertanto, la costa è molto frastagliata e il fondo è molto roccioso. La parte occidentale della costa sud è dominata da gole di argilla e da montagne e colline aride. Il paesaggio cambia solo nel mezzo, quando le montagne si avvicinano il più possibile alla costa. La riva sud è adatta a chi cerca solitudine, esperienze nella natura e ricreazione “selvaggia” lontano dalla civiltà e dal rumore.

Issyk Kul ha una vecchia e ricca storia. La prima menzione scritta del lago risale al II secolo a.C. I popoli primitivi vivevano sulle sue rive. I popoli preistorici vivevano sulle sue rive e hanno lasciato numerose incisioni rupestri che si possono vedere ancora oggi. Anche le antiche tribù scite, il cui villaggio principale di Chigu si trova ora sotto il lago, vivevano lì. I monaci nestoriani che portarono le reliquie di San Matteo sulle rive del lago trovarono rifugio qui (la loro esatta ubicazione è ancora uno dei più grandi misteri di Issyk-Kul). Attrazioni più moderne includono la città di Karakol, nota per la sua architettura, e il centro culturale Rukh-Ordo a Cholpon-Ata. Ogni due anni, sulle rive del lago si svolgono anche i World Nomad Games, la più importante competizione sportiva etnica del mondo.

Degno di essere visto

Issyk Kul - Canyon Fiaba

Issyk Kul - Canyon Fiaba

Il Canyon “Fiaba” (o Canyon Skazka) è una piccola gola sulla costa meridionale di Issyk-Kul, famosa per le sue scogliere di argilla rossa. Il Canyon si trova a circa 120 chilometri da Balykchy, vicino al villaggio di Tosor.

Il Canyon “Fiaba” è un luogo molto popolare tra i turisti. La ragione è la facile accessibilità del Canyon e i suoi paesaggi e contrasti mozzafiato. Le migliaia di anni di erosione del suolo hanno fatto il resto, creando una moltitudine di bizzarre figure di pietra e argilla nel Canyon. Il Canyon è composto da argilla colorata, minerali e rocce che esaltano la bellezza paesaggistica del luogo.

Alcune delle sculture naturali del Canyon hanno un nome proprio. La più sorprendente è la “Grande Muraglia Cinese”, che ricorda molto il famoso monumento architettonico cinese. Inoltre, non c’è praticamente nessuna nevicata in inverno, quindi si può vivere la favola in tutto il suo splendore in qualsiasi momento dell’anno. Il Canyon “Fiaba” è molto vicino alla strada Issyk-Kul e alla riva del lago, il che lo rende una buona scelta per una vacanza o un picnic.

Degno di essere visto
Nature in Kyrgyzstan

Issyk Kul - Gola Chon Kemin

Issyk Kul - Gola Chon Kemin

La gola di Chon Kemin e la valle omonima sono una riserva naturale unica, non lontano da Issyk Kul e nella parte settentrionale del Kirghizistan. La valle ospita un parco nazionale. Il Chon-Kemin è caratterizzato dalla sua lunghezza: Nella parte orientale è una gola stretta, nella parte centrale si allarga gradualmente in un’ampia valle e si chiude di nuovo all’uscita. La valle ha un’altitudine di 1.400 metri nella parte inferiore e sale a 2.800 metri nella parte superiore. Il fiume turbolento e impetuoso che scorre attraverso la gola è lungo 116 chilometri ed è una destinazione popolare per gli appassionati di rafting. Nel complesso, c’è molto da fare per ogni escursionista e ciclista e la zona ha molto da offrire sia per gli escursionisti che per i ciclisti.

Chon-Kemin si trova tra le più grandi catene montuose del Tien-Shan settentrionale: Zailiisky Alatau in territorio kazako e Kyungey Ala-Too sulla riva settentrionale del lago Issyk-Kul. La gola è circondata su entrambi i lati da alte montagne, ghiacciai e foreste di conifere Tyan-Shan. Chon-Kemin è anche ricco di laghi: ci sono sette laghi nel bacino del fiume Chon-Kemin, tra cui il grande Kel-Kogur (chiamato anche Kel-Tor dalla gente del posto) e il Jashil-Kel. Ci sono numerosi sentieri escursionistici nella gola verso i molti passi di montagna che collegano Chon-Kemin con Issyk-Kul, tra cui il più famoso Kek-Airyk, sentieri escursionistici e a cavallo verso i laghi, e un lungo percorso in bicicletta.

Degno di essere visto

Issyk Kul - Gola Djuuku

Issyk Kul - Gola Djuuku

La gola di Djuuku (anche Zhukuu, Zauka) è la gola più lunga (non lontano da Issyk Kul), nella catena montuosa di Terskey Ala-Too ed è famosa per la sua natura diversificata, i magnifici panorami e gli ampi spazi aperti. Si trova sulla riva meridionale del lago Issyk Kul, a 70 chilometri da Karakol. Al giorno d’oggi, la gola di Djuuku attrae principalmente i turisti con la sua bellezza naturale, ma nei tempi passati questo luogo faceva parte delle rotte di numerosi commercianti e viaggiatori di diversi paesi. In tempi diversi, sciti, cinesi, antichi turchi, cristiani nestoriani e, naturalmente, i nomadi kirghisi trovarono rifugio qui. Nonostante il terreno difficile della gola, Djuuku è stato per molto tempo l’unico percorso dalla valle di Issyk-Kul verso la Cina. La gola serviva anche come bypass tra le montagne e la parte occidentale del Tien Shan. La gola di Djuuku fu visitata dal famoso monaco Xuanzang, uno dei personaggi principali della leggenda cinese di Sun-Ukun, e anche dal famoso viaggiatore Pyotr Semenov-Tyan-Shansky, che fu testimone di una terribile battaglia tra le tribù Bugu e Sarybagysh del Kirghizistan, che abitano la valle di Issyk-Kul.

La lunghezza della gola è dovuta alla sua forma insolita: Nella parte inferiore, la gola si estende rigorosamente da nord a sud, mentre nella parte superiore gira bruscamente verso ovest. Così, il fiume che scorre attraverso la gola raggiunge una lunghezza record di 55 km. La vista nella gola è molto pittoresca: rocce rosse, una fitta foresta di abeti Tian Shan, diversi laghi d’alta quota e un fiume aspro che serpeggia a zig zag nel fondovalle. Nella parte superiore, la gola si fonde in un particolare deserto d’alta montagna che si collega con il famoso altopiano di Arabel, ricco di laghi.

Numerosi percorsi turistici conducono attraverso la gola di Djuuku. È molto popolare tra gli escursionisti e i ciclisti. È anche un ottimo posto per una gita di un giorno o un picnic.

Degno di essere visto
Red Mountain in Kyrgyzstan

Issyk Kul - Gola Jety Oguz

Issyk Kul - Gola Jety Oguz

La gola di Jety Oguz (anche Dzhety Oguz, Djety Oguz, ecc.) è una delle attrazioni più popolari della regione di Issyk-Kul. Si trova a 30 km da Karakol e attira molti turisti, sia locali che ospiti dall’estero.

Jety-Oguz significa “7 tori” in kirghiso. La gola ha ottenuto questo nome speciale a causa del massiccio di argilla rossa, che è una sorta di biglietto da visita della gola. Le rocce hanno un colore molto chiaro, che è una rarità nelle montagne di Tien Shan.

Jety-oguz è anche conosciuto per le sue terme balneologiche con sorgenti di radon e zolfo. La struttura si trova ad un’altitudine di 2.200 metri e può ospitare fino a 250 persone alla volta. Queste sorgenti calde sono utilizzate per curare le malattie del sistema nervoso, del sistema muscolo-scheletrico e della pelle. È anche possibile fare una cura preventiva alle terme.

La gola di Jety-oguz è abbastanza lunga, quasi 40 km, e ci sono molti posti interessanti da visitare in questa vasta area della regione di Issyk-Kul. Ampiamente conosciute sono le cascate di Jety-oguz, tra cui la cascata Maiden’s Spits, così chiamata per la forma bizzarra dell’acqua che scorre lungo la scogliera.

12 chilometri sopra il villaggio si trova la Valle dei Fiori, dove si trovano le Logge dei Cosmonauti. Il nome non è affatto poetico – ai tempi dell’Unione Sovietica, i partecipanti alle missioni spaziali si allenavano e recuperavano qui. Qui crescono molti alberi e in maggio questa piccola valle è coperta da un tappeto di papaveri.

Numerosi percorsi turistici conducono attraverso Jety-oguz. Da qui si può attraversare il passo Teleta fino alla gola di Karakol e al lago Ala-Kul, raggiungere la riserva naturale di Sarychat-Ertash o ammirare le cime di Oguz-Bashi e Zhukov.

Degno di essere visto

Karakalpakstan - Fortezza Ayaz Kala 1

Karakalpakstan - Fortezza Ayaz Kala 1

Il Fortezza Ayaz Kala 1 si trova su una collina naturale a 170,9 metri sul livello del mare, nella parte meridionale delle saline di Ayazkol e nella parte di drenaggio delle sabbie di Pashahaykum, 21 chilometri a nord e leggermente a est dell’insediamento di Bustan, 19,9 chilometri a nord e leggermente a ovest dell’insediamento di Shark Yulduzi, 19,5 chilometri a nord-ovest dell’insediamento di Jambaskala e 42,7 chilometri a nord-est della città di Beruni nel distretto di Ellikala nella Repubblica del Karakalpakstan.

La fortezza fu rilevata da A.I. Terenozhkin nel 1937. Nel 1939 e nel 1946, lo studio del monumento fu continuato da S. P. Tolstov. Nel 1968 – 1970, il Museo d’Arte Statale dell’ASSR Karakalpakstan ha effettuato ulteriori misurazioni e pulizie nella fortezza Ayaz Kala 1.

La fortezza misura 182 m x 152 m e ha una forma quadrangolare con i lati allineati con le direzioni cardinali. È stato costruito su una collina piatta ed è circondato su tre lati da precipizi alti un metro.

Non c’è una divisione interna. I muri, alti fino a 10 metri in alcuni punti, erano costruiti sulla terraferma con mattoni di fango, con dimensioni di 32 – 46 x 32 – 46 x 10 – 13 cm. Lo spessore del muro esterno a livello del suolo è di 2,4 metri, quello interno di 2,1 metri. L’inclinazione della superficie del muro esterno rispetto alla fondazione è di 86°.

Tra le pareti c’è un passaggio cieco largo 2,5 m senza lucernari e feritoie, che è coperto da una volta a cassetta. La volta ha un’altezza di 1,87 metri. La volta ha un mattone trapezoidale.

La volta è rivestita di malta di argilla all’interno. Il corridoio vuoto ha un giunto per il pavimento. Nel muro nord, direttamente dietro la seconda torre dall’angolo nord-est, c’è un corridoio ad arco, largo 1,55 metri e alto 1,42 metri.

La prima fila della volta è di mattoni trapezoidali, la seconda fila è di mattoni in muratura. La porta si trova nella parete sud ed è nascosta da una struttura rettangolare a cortina che sbalza per 37 metri.

Il suo ingresso è nel muro orientale. I lati della porta hanno un passaggio che conduce a un corridoio cieco tra le pareti. Il passaggio meglio conservato è nel muro nord. Il passaggio meglio conservato nel muro nord è largo 1,14 m e alto 1,8 m.

È a volta. Ci sono torri semi-ovali sulle mura esterne. I muri di cinta sono di 13,8 metri nelle pareti est e ovest, 11,5 metri nella parete nord e 9-15 metri nella parete sud, a causa del precursore.

Le torri sono biforcate agli angoli da una coda di rondine. Le torri sono larghe 8,4 metri e sporgenti 8,15 metri. Gli angoli dei guardiani sono lunghi quanto la bisettrice dell’angolo, 7,5 metri di lunghezza e 6,5 metri di larghezza.

C’è un tiro a segno sopra un corridoio per sordi. Le due torri del muro nord sono appena sopra il pavimento del poligono di tiro. Le parti superiori delle mura della fortezza, il mastio e le due torri del muro nord hanno feritoie, la distanza media tra di loro è di 1,5 metri.

Le feritoie hanno la forma di una freccia. Sono larghi 13 e 20 centimetri e alti 0,48 m alle entrate e 2,9 e 3,5 metri alle uscite. Le feritoie hanno un angolo d’albero di 48° o 54°. Le feritoie sono coperte da tegole, che sono alloggiate in un tetto a capanna.

Ci sono sette feritoie nei muri settentrionale, occidentale e orientale, quattro delle quali sono in pendenza. Le torri hanno 8 feritoie ciascuna. Intorno alla terza alla quinta torre del muro nord, contando dall’angolo nord-est, vicino all’angolo sud-ovest della portineria e della fortificazione stessa ci sono mucchi di mattoni che sono stati preparati per la costruzione ma non utilizzati.

I mattoni sono ammucchiati con la sabbia. Torri incompiute, ma non costruite per tutta l’altezza del muro; i mattoni ancora in uso e la completa assenza di tracce di costruzione indicano che la fortificazione non fu completata.

Il monumento è stato datato da alcuni reperti di ceramica nei materiali dello strato inferiore del Koy-Krylgan kala e potrebbe essere datato al IV-III secolo a.C. La punta di freccia a tre punte in bronzo con l’incavo nascosto è stata trovata durante i lavori di sgombero davanti all’edificio della porta.

Ha proporzioni allungate. L’iscrizione in coreano, composta da tre caratteri, è stata scoperta sul lato nord della porta. Nel dodicesimo e all’inizio del tredicesimo secolo, vennero fatte piccole modifiche nell’angolo sud-est della fortezza.

Degno di essere visto

Karakalpakstan - Fortezza Ayaz Kala 2

Karakalpakstan - Fortezza Ayaz Kala 2

La fortezza di Ayaz Kala № 2 si trova su una collina naturale, nella parte meridionale di Ayazkol e nella parte orientale di Pashahaykum Sands, all’estremità orientale della montagna Sultan-Uvays, circa 20,5 chilometri a nord e leggermente a est dell’insediamento di Bustan, 19,5 chilometri a nord e leggermente a ovest dell’insediamento di Shark-Yulduzi, 19,4 chilometri a nord-ovest dell’insediamento di Jambaskala e 42,3 chilometri a nord-est della città di Beruni nel distretto di Ellikala della Repubblica del Karakalpakstan.

La fortezza di Ayaz Kala 2 in Karakalpakstan fu rilevata da S.P. Tolstov nel 1939 e datata al primo secolo d.C. Nel 1971 è stato effettuato lo scavo. Il monumento è costruito su una collina conica naturale con un’altezza di circa 30 metri sopra il livello dei takyr circostanti e ha una costruzione complessa.

Le pareti nord e sud della fortezza sono parallele. La parte orientale ha la forma di un semi-ovale. La parte occidentale è arrotondata in modo che l’angolo nord-occidentale sporga leggermente. La parte principale della fortezza ha una sezione trasversale da sud a nord di 36 metri e da ovest a est di 65 metri.

Un complesso d’ingresso confina con il lato sud del castello principale. Si sporge di circa 20 metri verso sud ed è lunga 31 metri. La parte inferiore delle mura, alta 3,35-3,85 metri, è costruita in pahsa (terra battuta, un materiale usato per le costruzioni di terra in Asia occidentale e centrale). La parte superiore delle pareti è costruita con 37-37 x 37-38 x 8-9 cm di mattoni pieni.

L’inclinazione della parte inferiore delle pareti alla base è di 85°. La parte superiore del castello ovale è decorata tutto intorno con mezze colonne. Sporgono di 0,40-0,45 m dal piano delle pareti. La lunghezza delle semicolonne lungo la facciata è di 1,55-1,60 metri.

L’altezza delle semicolonne va da 2,4 a 3,7 metri. La superficie di ogni semicolonna è decorata con cinque feritoie artificiali. La parte superiore dei semipilastri non si è conservata. Alla base dei semipilastri lungo tutta la circonferenza delle pareti ci sono delle feritoie con un contorno rettangolare.

Le feritoie sono disposte ogni due semipilastri. La larghezza delle aperture è di 0,18 metri. L’altezza delle caditoie è di circa 0,85 metri. Le feritoie hanno un angolo di pavimento di 35°. Il fondo della caditoia è da 0,78 a 0,80 metri sopra il fondo della corsia di tiro.

La metà della feritoia che porta alla linea di cottura ha un pavimento piatto in mattoni di argilla. La sovrapposizione dell’altra parte della feritoia è parallela al pavimento. Lungo il muro esterno del forte c’è un portico per le armi largo 2,32 m.

La larghezza del muro interno è di 1,23 metri. Al centro della parte più occidentale della collina, nel punto più alto, c’è una depressione circolare con un diametro di circa 15 metri e una profondità di 3,3 metri.

I bordi più bassi dello scavo sono affioramenti di arenaria con concrezioni di ferro. Due fosse di prova situate tra la terraferma e il livello del suolo rivelano strati di mattoni di fango fino a 2,7 metri di spessore, che misurano 38 – 40 x 38 – 40 x 8 – 10 cm, riempiti di sabbia.

Lo spessore della muratura utilizzata per livellare i pendii aumenta verso le mura del castello. Il livellamento delle colline era necessario per la costruzione di un piccolo castello sulla cima della collina.

Gli scavi indicano anche che l’intera area del castello era probabilmente coperta da stanze relativamente strette e a forma di corridoio. I soffitti erano probabilmente a volta. Le pareti sono spesse fino a 0,7 metri.

L’altezza massima delle pareti è di 0,7 metri. Lo strato culturale del pavimento è costituito dalla massa dorata morbida nella parte inferiore e da uno strato di letame. I corridoi e la zona di soggiorno tagliano una depressione al centro del castello, che testimonia la fondazione più tardiva del castello.

6,4 metri a est della curva nel muro nord si trova un’apertura ad arco larga 2 metri e lunga 3,5 metri. L’arco è fatto di mattoni trapezoidali. Il complesso d’ingresso rettangolare confina con il muro sud.

Nella sua parete est ci sono 9 incisioni di lastre poco profonde distanziate tra loro da 0,88 a 1,8 metri. Le fessure d’ingresso sono larghe 0,11-0,19 metri. La loro altezza va da 0,97 a 1,10 metri. L’angolo di incidenza è di 300.

Alcune delle feritoie hanno la stessa altezza delle aperture di entrata e di uscita. Sulla parete orientale c’è un pendio di talco aperto largo 1,25 metri. La parte occidentale ha l’aspetto di una torre, che è sfalsata di 8 metri. Il complesso d’ingresso è una struttura di fronte all’ingresso.

I resti di una rampa lunga da 50 a 55 metri sono stati conservati sul versante occidentale. La larghezza della rampa è di 2 metri e la larghezza totale è di 3,1 metri. L’angolo della rampa è compreso tra 15 e 200 metri. Alla sua estremità orientale, incontra una torre rettangolare di 9 x 8 metri.

Si trova a 5-6 metri dal muro ovest del complesso d’ingresso. La torre a sbalzo con il complesso d’ingresso dal ponte a bascula. Il materiale ceramico è rappresentato da vasi in ceramica e stucco risalenti alla seconda metà del VII secolo e alla prima metà dell’VIII secolo.

Nel XII – inizio XIII secolo, 6 stanze furono costruite lungo il muro nord. Nel complesso d’ingresso, la parte superiore del muro meridionale e la torre occidentale sono stati costruiti con mattoni grezzi di 26 x 26 x 4 – 5 cm ad un’altezza di 3,3 metri.

L’intero complesso nell’angolo sud-est è stato riempito con sabbia continentale presa da una fossa al centro del castello. Diverse stanze sono state costruite nella parte occidentale del complesso d’ingresso.

L’estesa fortezza su una collina pianeggiante, probabilmente costruita nel IV secolo a.C., fu rinforzata cinque secoli dopo, durante l’impero Kushan, da un incredibile castello su una collina ripida alta 60 metri per rendere la salita, difficile per un uomo a piedi anche in una posizione facile.

Le mura di Ayaz-kala si affacciavano su tutte e quattro le direzioni cardinali, e l’unico ingresso, preceduto da un elaborato labirinto, era costruito a sud in modo che il vento del sud soffiasse polvere e rifiuti fuori dalla città.

Secondo la leggenda locale, in tempi di grande agitazione, quando il vecchio sovrano moriva e non c’era nessuno per prendere il suo posto, veniva predetto dai sacerdoti alla folla riunita che chi avrebbe inseguito un falco reale sul suo braccio sarebbe stato eletto il nuovo Shah.

Tuttavia, l’uccello non si posò sul braccio ma sulla testa di un soldato comune, e quando lo scacciarono, tornò nello stesso punto per la seconda volta. Il popolo incoronò il guerriero che supervisionò personalmente la costruzione di un nuovo castello sulla collina e vi regnò a lungo e giustamente.

Per non dimenticare le sue origini, il guerriero di ieri e re di oggi ordinò che un vecchio stivale consumato fosse appeso in un posto importante davanti al trono.

La leggenda conferma indirettamente che nuovi forti e palazzi furono costruiti con straordinaria facilità nell’antica Khorezm durante la successione delle dinastie regnanti. Dalla cima della montagna Ayaz-kala, si vede il lago omonimo, Ayazkol, le cui acque sono così salate che in estate sembrano essere coperte da una crosta di ghiaccio.

A nord, la silhouette del castello più vicino, Kyrkkyz-Kala, è appena visibile all’orizzonte. Lì, gli archeologi hanno trovato una sorprendente sepoltura secondo i riti degli antichi adoratori del fuoco – le parti di uno scheletro umano, pulite dal sole e dagli uccelli rapaci, furono messe in un vaso di ceramica – ronzante a forma di testa di donna.

Degno di essere visto

Karakalpakstan - Fortezza Ayaz Kala 3

Karakalpakstan - Fortezza Ayaz Kala 3

La fortezza Ayaz Kala 3 si trova su una collina naturale, si trova nella parte meridionale della salina di Ayazkol e nella parte senza drenaggio della sabbia di Pashahaykum, 20,1 km a nord e leggermente a est dell’insediamento di Bustan, 19,4 km a nord-est dell’insediamento di Shark-Yulduzi, 18,8 km a nord-ovest dell’insediamento di Jambaskala e 41,9 km a nord-est della città di Beruni nel distretto di Ellikala della Repubblica del Karakalpakstan.

La fortezza Ayaz Kala 3 fu esplorata per la prima volta nel 1939-1940 dalla spedizione archeologica del Karakalpakstan e Khorezm guidata da S.P. Tolstov. Tre insediamenti spiccano nel grande gruppo di siti. La prima è la Fortezza Ayaz-kala n. 3, con minareti e labirinti, circondata da uno spesso muro. All’interno della fortezza si trovano i resti di un ampio palazzo.

L’archeologo S.P. Tolstov, nel suo libro “Sulle orme dell’antica civiltà korezmiana. Parte 1.” (1948): “La leggenda popolare associa questa fortezza al nome di un eroe, uno schiavo Ayaz, che vinse la mano della principessa che viveva nella fortezza Kyrk-kyz con i suoi quaranta amici.

L’immagine del gigante schiavo coraggioso e saggio Ayaz è una delle immagini più antiche del folklore turco dell’Asia centrale. Una leggenda kazaka registrata nel Basso Syr Darya collega questa immagine ad eventi leggendari che hanno predetto la formazione del Mare d’Aral, la scomparsa del Canale Ustyurt dell’Amu Darya e la formazione dell’antica Khorezm.

Secondo questa leggenda, non c’era il Mare d’Aral nei tempi passati, e i fiumi Syr Darya e Amu Darya, che si fondevano, sfociavano nel Mar Caspio attraverso Lauzan, Kunya-Urgench e Aibugir. Sul sito del Mare d’Aral viveva il popolo Adagy, governato dal crudele e infido Fasyl Khan, e sul territorio lungo gli Uzboys viveva il popolo Baysyn, guidato da Ayaz Khan, un ex schiavo, che era diventato il sovrano dello stato grazie alla sua saggezza e giustizia.

A causa dei terribili crimini di Fasyl-khan, che disonorò la figlia di un santo, le acque inondarono l’intero regno di Fasyl alla sua preghiera. In questo punto si formò il Mare d’Aral e i due grandi fiumi cominciarono a confluirvi.

Il loro vecchio letto si prosciugò e il popolo di Baisyn, guidato da Ayaz-khan, si trasferì a Khorezm e fondò il regno chiamato Urgench. Adagiys e tutte le sue città morirono sott’acqua, e ancora oggi, nei giorni limpidi, le tracce dei loro edifici possono essere viste sul fondo del Mare d’Aral…”.

Incontriamo l’immagine dello schiavo Ayaz nel XVII secolo in “Genealogia dei Turkmeni” di Abulgazi”. Prove laconiche dell’esistenza dell’immagine di Ayaz già nell’XI secolo le troviamo nel “Dizionario” di Mahmud Kashgari che scrive: “Ayaz è il nome di uno schiavo”. Apparentemente, questo non è un nome specifico per gli schiavi in generale, ma un nome personale di uno schiavo che era ben noto ai turchi, gli informatori di questo eccezionale linguista altomedievale.

L’insediamento di Ayaz-kala è un monumento storico unico – le rovine di un’antica fortezza del periodo Kushan. La fortezza fu costruita nel III-II secolo a.C. durante il periodo d’oro della cultura Kushan.

La fortezza serviva come fortificazione militare e proteggeva i confini del regno. Il sito scelto per la costruzione della fortezza stupisce ancora con la sua elaborazione dettagliata. L’edificio si trova su una collina piatta alta 60 metri.

Le doppie mura della fortezza di Ayaz Kala, costruite con mattoni di fango, sono allineate con le quattro direzioni cardinali. Il muro esterno, che è sopravvissuto fino ad oggi, è alto 10 metri e spesso circa 2,5 metri.

L’ingresso alla fortezza (lato sud) è protetto da un labirinto. L’ingresso ha una caratteristica speciale – è stato costruito in modo che i venti del sud potessero soffiare via dalla fortezza polvere e detriti.

Degno di essere visto
Karakalpakstan - Fortezza Janpik Kala

Karakalpakstan - Fortezza Janpik Kala

Karakalpakstan - Fortezza Janpik Kala

La fortezza di Janpik Kala si trova a sud-ovest della catena montuosa Sultan-Uwais e a nord-ovest della piccola catena montuosa Aktau, a 564 metri dalla riva destra (nord) del fiume Amu Darya, 8,3 chilometri a sud-est del villaggio di Karatau e 10,4 a est e leggermente a nord del villaggio di Kuyuk Kupir nella parte nord-est della riserva Baday-Tugay nel distretto di Qorauzak della Repubblica del Karakalpakstan.

La fortezza è datata al X – XI secolo, XIII – XIV secolo d.C. È uno dei monumenti pittoreschi della riva destra dell’Amudarya, confinante con la parte settentrionale della Riserva della Biosfera della Bassa Amudarya.

La vasta area della riserva si trova a sud, sull’altro lato del fiume Kok Darya. La distanza dalla città di Beruniy su una strada diritta attraverso l’insediamento di Aktau è di 51 chilometri, sulla strada principale asfaltata è di 77 chilometri.

La fortezza storica di Dzhanpik Kala si trova a 7,1 chilometri a sud-est della fortezza di Gyaur Kala e può essere raggiunta dallo stesso percorso. In pianta, la fortezza ha una costruzione complessa.

Nella parte orientale, la cittadella è conservata sotto forma di muri rettangolari di pahsa.

Le pareti sono decorate con semicolonne raggruppate e i vertici terminano a coppie con archi a gradini. Gli scavi archeologici servono a stabilire la cronologia della fortezza. Il vasellame più antico risale al IV secolo a.C. – I. secolo d.C.

La data dell’ultima occupazione della roccaforte fortificata è determinata dalle monete del 1319-1320 e del 1345-1346. Numerosi artefatti precedentemente portati da vari paesi dell’Est e dell’Ovest (Cina, Egitto, Russia, Europa e India) si trovano negli scavi.

La collina serviva come città portuale fluviale nel Medioevo. Alla periferia di Janpik-Kala, si possono vedere le distese infinite della riserva Baday Tugai. S.P. Tolstov, un importante esploratore della storia del Khorezm che scoprì decine di insediamenti antichi unici lungo il corso inferiore del fiume Amudarya negli anni ’30 e ’50, credeva che la fortezza di Janpik-Kala ai piedi delle montagne Sultan Uvaysdag (comunemente conosciuta come “Karatau”) fosse il sito archeologico più bello ed esotico di questa zona del Karakalpakstan.

Più vicino alla riva del fiume, su uno dei suoi picchi, si scopre improvvisamente la cima aguzza di un’alta torre d’argilla, chiaramente fatta dall’uomo, anche se fatiscente. La torre di guardia, visibile dall’autostrada Nukus-Beruni, puntava verso la fortezza, separata dalle rive del fiume Amudarya da una striscia verde della riserva Baday Tugay, un regno di uccelli acquatici, fagiani, gatti selvatici, sciacalli e un rifugio di nobili cervi di Bukhara.

Situata direttamente sul confine tra le colline del deserto e l’impenetrabile foresta del Tugai, la fortezza chiudeva un tempo un passaggio strategicamente importante tra le montagne senz’acqua e un fiume navigabile il cui limo fertile costituì la base per la nascita della civiltà agricola duemila anni prima di Cristo.

Qui, sulle zone costiere naturalmente irrigate, si sviluppò la prima cultura sedentaria in stretto contatto con i popoli cacciatori e nomadi – prima dagli Urali, poi dalle tribù scite dei Saks e dei Massagetae.

In seguito, le interazioni tra nomadi e contadini furono estremamente complesse e dinamiche. Si impegnarono in faide feroci l’uno con l’altro, allo stesso tempo scambiandosi informazioni per un beneficio reciproco e unendo le forze per respingere insieme i conquistatori.

Secondo gli archeologi, i più antichi resti di ceramica nella zona di Janpik-Kala possono essere datati intorno al IV secolo a.C., quando il Khoresm aveva già ottenuto la libertà dall’impero persiano achemenide ed era sfuggito alle conquiste di Alessandro il Grande.

Fu l’epoca in cui la più stabile dinastia di governanti locali della leggendaria famiglia Afridi si stabilì sulla riva destra dell’Amudarya, che mantenne una relativa indipendenza dalle grandi potenze dell’antichità fino all’Alto Medioevo.

Gli studiosi datano la costruzione delle superstiti possenti mura della fortezza di Janpik-Kala al IX-XIII secolo d.C., quando un’ondata di conquiste arabe si era già diffusa in tutta l’Asia centrale.

Per la riva destra del Khorezm, era ancora il tempo degli Afridi. Qutayba ibn Muslim, che conquistò i principati frammentati di Bukhara e Sogdiana nel 709, attese secondo la sua tattica preferita fino a quando non scoppiarono disordini interni a Khorezm, iniziati nel 712 dal figlio ribelle del governatore, Hurrzad.

Hurrzad, ha contrastato la vecchia aristocrazia con la dipendenza dai poveri, infettata da sentimenti settari, quasi come il quinto secolo, il tempo di Mazdak nell’Iran sasanide. Dopo la prima campagna di Qutayba, il popolo si ribellò di nuovo e uccise il sovrano, e gli arabi dovettero tornare per mettere sul trono il suo fedele figlio Ascajamuk II, che riconosceva la dipendenza vassallatica dal khalifato.

Fu solo verso la fine dell’ottavo secolo che suo nipote Shaushaffar adottò il nome islamico Abdallah. Quando la dinastia dei viceré arabi Mamunidi si era già stabilita sulla riva sinistra dell’Amu Darya, l’ultimo degli Afridi governò sulla riva destra, nell’antica Kyat, fino alla fine del X secolo. Secolo.

La fortezza di Janpik Kala in Karakalpakstan, i cui massicci bastioni conici e le doppie mura sono facilmente riconoscibili come una fortezza medievale, apparentemente risale a questo periodo. I resti delle alte mura della cittadella interna, decorate con l’immagine di antiche colonne, conservano la parentela con l’architettura dei famosi palazzi e fortificazioni del millenario impero Afridi, che precedeva la fortezza ai piedi del Karatau di cinque-sette secoli.

Il materiale da costruzione nella regione non è cambiato durante questo periodo. Come le enormi Ayaz-Kala e Toprak-Kala vicino all’antica Kyat (“Kas”), la relativamente piccola cittadella di Janpik è costruita in pahsa – grandi blocchi di argilla compattata.

Solo le basi delle mura e gli archi d’ingresso sono stati fortificati in alcuni luoghi con murature in pietra fatte di massi non tagliati, e anche questo probabilmente non a causa del cambiamento delle tradizioni edilizie, ma perché c’era abbastanza pietra nelle montagne vicine.

Alla fine dell’XI secolo, la dinastia del Grande Khorezm Shah salì al potere a Khorezm, il cui fondatore Kutbitdin Muhammad I ottenne l’indipendenza de facto dai sultani selgiuchidi. Il suo discendente Ala ad-Din Tekesh respinse l’invasione dei Karakitay e quasi salì al trono dei khalif di Baghdad.

Suo figlio Muhammad II governò un vasto impero che si estendeva da Kashgar al Caucaso e al Golfo Persico. Questo impero fu devastato dall’invasione delle orde di Gengis Khan. Tuttavia, gli ultimi ritrovamenti archeologici all’interno delle mura di Janpik-Kala risalgono agli anni Quaranta del XIV secolo.

Questo può indicare che la fortezza e il porto fluviale sulle rive del fiume Amu Darya non furono sottoposti alla distruzione finale sotto i mongoli, che non sopravvissero alle conseguenze quando i governanti dell’Impero Temurid competevano con i khan dell’Orda d’Oro per Khorezm.

È anche possibile che la fortezza di Janpik-Kala fu abbandonata e cadde in rovina quando il fiume capriccioso deviò il suo corso lontano dalle sue mura e diede vita a quella che oggi è una meraviglia della natura – una striscia di molti chilometri di foreste alluvionali di Baday-Tugai in Karakalpakstan, il cui status protetto oggi protegge la tranquillità e i segreti di questo luogo favoloso.

Attualmente, il monumento è un sito storico e archeologico per visite culturali ed escursioni.

Degno di essere visto
Fortress Koy Krylgan Kala

Karakalpakstan - Fortezza Koy Krylgan Kala

Karakalpakstan - Fortezza Koy Krylgan Kala

La fortezza di Koy Krylgan Kala si trova su una collina naturale a 100,6 metri sul livello del mare, nella parte settentrionale del deserto di Kyzylkum, 17,7 chilometri a sud-est del villaggio di Ellikala, 17,4 chilometri a sud-ovest del villaggio di Jumbaskala, 31,3 chilometri a est e leggermente a nord della città di Beruni nel distretto di Ellikala della Repubblica di Karakalpakstan.

Migliaia di forti sono sparsi nelle infinite distese della steppa di Khorezm. Le rovine della Fortezza delle pecore morte di Koy-Krylgan-Kala sono veramente uniche. La fortezza fu trovata per caso nel 1938 dagli archeologi della spedizione Choresm.

Nel 1950, una nuova fase di scavi iniziò sulle rovine della fortezza. Questo ha rivelato che la fortezza era passata attraverso due fasi di sviluppo. La prima fase apparteneva ai secoli IV-III a.C. La seconda fase della sua vita fu nei primi secoli dopo Cristo.

Si è scoperto che nella prima fase di sviluppo, la parte centrale della fortezza fu distrutta da un incendio. Ancora oggi rimane un mistero se sia stato un incidente o intenzionale. Koy-Krylgan-kala (la Fortezza della Pecora Perduta), un notevole monumento dell’antichità korezmiana, è caratterizzato dall’alta maestria degli antichi artigiani.

Il tempio dei culti sepolcrali e astrali Koy-Krylgan-kala è esistito per diversi secoli dal IV secolo a.C. al III-IV secolo d.C. L’edificio centrale di Koy-Krylgan-kala è a pianta rotonda, una struttura monumentale coronata da una galleria con una serie di piccole cannoniere.

Il diametro dell’edificio alla base era di 44,5 metri e lo spessore delle pareti variava da 7 a 6 metri. I muri sono costruiti con pakhsa e mattoni di fango. I locali formano la figura cruciforme nella pianta. Tutte le otto stanze del piano inferiore erano bloccate da doppie volte.

Erano probabilmente per scopi cultuali speciali, mentre le stanze superiori contenevano offerte alimentari o sacrificali e utensili da tempio, nonché immagini di terracotta di divinità e probabilmente erano usate per cerimonie cultuali.

Sono state trovate piccole terrecotte di culto, vasi in miniatura, rhytons e ceramiche decorate con motivi mitologici, tipici dell’inventario delle sepolture. L’edificio stesso era circondato da un doppio anello di mura fortificate, e tra le mura furono costruite delle torri.

Due delle torri avevano camere interne che si affacciavano l’una sull’altra, separate dal corridoio da muri grezzi fatti di mattoni di fango dello spessore di un metro, il che significava che si poteva entrare nelle torri solo con una breve rampa di scale.

Dal cortile si aprivano delle feritoie nelle torri. Come risultato degli scavi del Koy Krylgan Kala, sono stati identificati due periodi principali della sua esistenza, separati da intervalli di tempo significativi.

Lo scopo del monumento era diverso in ogni periodo, come si riflette nel tipo di reperti, l’uso dei locali, ecc. All’inizio della nuova era, questo palazzo torreggiante era un osservatorio, una specie di centro astronomico di Khorezm.

Qui è stato trovato un astrolabio, uno strumento angolare, che veniva usato anche per osservare il sole e altri corpi celesti. I ritrovamenti di rappresentazioni in terracotta di divinità e ossari statuari (un ossario è una scatola di argilla, un deposito di ossa in cui le ossa dei morti venivano ripulite dagli involucri esterni secondo i riti zoroastriani e incoronate con una figura umana) e l’analisi della pianta dell’edificio centrale hanno portato alla conclusione che Anahita e Siyavush – le divinità più popolari dell’antica Khorezm – erano venerate qui.

I ricercatori credono che l’uguale adorazione del sole e dell’elemento acqua, che gli antichi Choresmiani incarnavano, sia la ragione del disegno del Koy-Krylgan-kala, che è basato su simboli solari – un cerchio e una croce.

Gli ossuari statuari raffiguranti figure di divinità femminili e maschili, che incarnano la venerazione della gente per i loro antenati defunti, sono monumenti notevoli dell’antica arte korezmiana.

Le figure, a volte eseguite quasi a grandezza naturale, sono una rappresentazione realistica del tipo antropologico delle persone, del loro abbigliamento e del loro copricapo. La comparsa di ossuari sotto forma di statue antiche a Khorezm testimonia la persistenza della tradizione.

Frammenti di circa 10 statue funerarie in ceramica sono stati scavati a Koy-Krylgan Qala. Le figure, che differiscono per dimensioni, danno l’immagine dello stesso tipo. Per esempio, tutte le immagini femminili mostrano una giovane donna seduta in una posa statica e solenne.

A volte le gambe dei troni sono raffigurate sugli ossuari, e gli adattamenti sono fatti per adattarsi ai piccoli baldacchini. Le sculture funerarie sono stilisticamente simili alle statuette, che si crede rappresentino le divinità.

Gli studiosi ritengono che gli ossuari statuari rappresentano i morti sotto forma di una divinità ctonia – molto probabilmente Ardvisura Anahita, trasmettono un’immagine che appartiene al concetto di grande dea, la madre di tutti gli esseri viventi e la padrona del regno dei morti.

Sono stati trovati anche ossuari statuari che raffigurano un uomo seduto. Probabilmente trasmettevano l’immagine di Siyavush – il dio della natura morente e resuscitante, che era strettamente associato al culto dei morti.

C’erano ossari che riproducevano strutture monumentali. Nelle rovine di Koy-Krylgan-kala 2 (a poche decine di metri dal monumento principale), è stato trovato un ossario che assomiglia a una struttura rettangolare con pareti leggermente arrotondate che divergono verso l’alto, imitando una tenda.

Questo ossario potrebbe aver replicato l’aspetto di una tenda eretta durante le cerimonie di sepoltura in tempi precedenti. Il prototipo immediato di questa forma potrebbe essere stato le strutture della cripta.

Tale era la prevalenza di questo rito di sepoltura zoroastriano con il sistema di credenze del circolo zoroastriano, il culto degli antenati, che i resti di ossuari statuari sono stati trovati nelle rovine di molte abitazioni rurali del periodo in esame.

Quasi ognuna di queste abitazioni aveva una stanza che sembrava una sala di preghiera domestica ed era destinata allo svolgimento dei riti di culto degli antenati davanti agli ossari statuari che vi si trovavano. Le figure di terracotta degli dei e delle dee adorati dagli antichi coreani furono eseguite con non meno abilità degli ossari.

Tra questi c’è la già citata Anahita, la Grande Dea Madre, di solito raffigurata in un’ampia veste con molte pieghe. Le figure dei cavalli simboleggiavano la divinità del sole Mitra o Siyavush.

I ritrovamenti dell’immagine del dio Dioniso come un uomo nudo con un grappolo d’uva in una mano e un coltello ricurvo per la vite nell’altra ricordano un altro culto, quello bacchico, che si svolgeva anche in questo periodo.

I ritrovamenti di magnifici vasi di ceramica con raffigurazioni in rilievo di scene di caccia, vita di corte, figure dell’antica mitologia di Khorezm o l’epico “Albero della vita” con cervi daini completano il quadro dello stato di sviluppo dell’arte a Khorezm nel IV-III secolo a.C. e un po’ più tardi.

I motivi sui sigilli di argilla e di pietra ricordano i motivi dell’arte scita dello stesso periodo o di un po’ prima. Queste includono rappresentazioni di un avvoltoio, di un uccello o di un cervo in volo al galoppo e così via.

L’alto livello di cultura di Khorezm nella metà del 1° millennio a.C. è testimoniato dallo sviluppo della scrittura con scrittura aramaica. I primi documenti scritti nell’antica lingua Khorezm sono stati trovati durante gli scavi del Koy-Krylgan Kala e datati al 3°-2° secolo a.C.

Le iscrizioni sono state fatte con inchiostro o con uno strumento appuntito su vasi e terracotta. Uno di essi, scolpito nel muro di un hum, recita “Aspabarak” o “Aspabadak” (“A cavallo”).

Degno di essere visto

Karakalpakstan - Fortezza Kyrkkyz Kala

Karakalpakstan - Fortezza Kyrkkyz Kala

La fortezza Kyrkkyz kala (“quaranta ragazze”) si trova sulla collina naturale, 94,6 metri sopra il livello del mare, nella parte sud-est della salina di Ayazkol, nella parte settentrionale della sabbia di Bilkum, 8,8 chilometri a nord-est del villaggio Kyrkkyz, 15,2 chilometri a nord-ovest dell’insediamento di Kokcha, 12,8 chilometri a nord e leggermente a ovest dell’insediamento di Jambaskala, e 28 chilometri a nord-est dell’insediamento di Ellikkala nel distretto di Ellikala della Repubblica di Karakalpakstan.

La fortezza di Kyrkkyz Kala del I-VI secolo d.C. si trova fuori dalla città ed era probabilmente una residenza di campagna dei governanti. Questa fortezza era già conosciuta nel III-IV secolo. La fortezza Kyrkkyz Kala (Piccola) ha la stessa età della Kyrkkyz Kala (Grande).

La fortezza fu fortificata nei secoli V-VI e le vecchie mura furono circondate su tutti i lati da un nuovo muro di mattoni cotti. I minareti a due piani costruiti nei muri della fortezza hanno delle pergamene a doppia fila per sparare.

Al centro della porta nord, poco prima dell’entrata, c’era un labirinto. C’è una versione secondo cui un ingresso fortificato potrebbe essere stato nella parte meridionale della fortezza. Il forte è stato costruito con mattoni di fango su un piccolo tumulo di pietra.

L’insediamento fu scoperto nel 1938 durante gli scavi archeologici. Le sue dimensioni sono 65x63x65 metri e aveva due piani con finestre a freccia nel muro esterno. Secondo i ricercatori, la fortezza fu costruita per proteggere i confini nord-orientali dell’antico Choresm.

Gli archeologi hanno trovato sepolture nella fortezza che sono state fatte secondo i riti degli antichi adoratori del fuoco. Le ossa umane erano collocate in vasi di ceramica – bombi a forma di testa di donna. Questa fortezza era una volta un posto di scambio sulla Grande Via della Seta. La fortezza fu costruita in mattoni di fango con l’aggiunta di argilla, e i soffitti a volta erano fatti di mattoni bruciati.

Secondo gli scavi, si crede che la fortezza fosse divisa in quattro parti. Le parti nord-ovest e nord-est avevano ciascuna 5 stanze collegate solo da un corridoio. Anche la parte sud-ovest aveva cinque stanze, ma c’erano solo due corridoi.

La parte sud-est aveva due stanze e un corridoio. L’altra parte della residenza aveva una sala di ricevimento dove i dervisci pregavano. L’interno della residenza non si distingueva per una decorazione sontuosa.

La raffinatezza dell’interno è caratterizzata da diverse forme e tecnologie della muratura delle aperture delle finestre e delle aperture ad arco. I resti scavati di argilla e mattoni indicano che furono usati nella costruzione del castello.

Secondo la disposizione del castello, c’erano molte piccole stanze e una grande stanza di mattoni bruciati lungo il muro nord. Tra i 30 e i 50 metri dal muro sud c’era un edificio a più stanze in cui sono stati trovati resti di ferro, rifiuti di scorie e un forno per la fusione del ferro.

Nel sud-est della fortezza, sono stati trovati i resti di un’officina di ferro di 12 metri per 13, risalente al VII-VIII secolo d.C. Nel 1984, un vaso di ceramica pieno di monete di rame fu trovato nella pianura vicino alla fortezza Kyrkkyz Kala in Karakalpakstan.

Le monete erano state corrose dall’umidità e dal sale. Solo una delle monete ha conservato il suo aspetto. Durante la pulizia, un bassorilievo del sovrano di Khoresm senza barba è stato trovato sul dritto della moneta.

La corona sulla testa del sovrano è raffigurata come il sole nascente e la luna nuova è mostrata sopra il sole. Siyavush è raffigurato sul rovescio della moneta. In primo piano di Siyavush, una donna è raffigurata mentre suona uno strumento a corda simile a un dutar.

La donna indossa un abito leggero e un duzi duppi (un copricapo per donne Khorezm), che veniva indossato in occasioni formali. Il volto di Siyavush non è visibile e il cavallo è mostrato in movimento.

La donna è raffigurata come una bella regina vestita con gusto. La composizione sulla moneta suggerisce che le donne khorezmiane nel periodo pre-islamico si vestivano splendidamente e padroneggiavano l’arte della danza e del canto e suonavano perfettamente gli strumenti musicali.

L’immagine di un sovrano senza barba e le antiche iscrizioni di Khorezm sulla moneta suggeriscono che la moneta è stata coniata nel 5°-6° secolo (nella sua opera “Ancient Khorezm”, S. P. Tolstov afferma che le antiche monete di Khorezm che raffigurano sovrani senza barba risalgono al 5°-6° secolo dopo Cristo).

Il nome della fortezza significa “quaranta ragazze”. Secondo la leggenda, la fortezza fu la casa della coraggiosa regina Gulayim e dei suoi quaranta compagni. Queste donne coraggiose hanno combattuto contro nemici temibili.

Degno di essere visto

Karakalpakstan - Fortezza Toprak Kala

Karakalpakstan - Fortezza Toprak Kala

La fortezza Toprak kala si trova a 212 metri a ovest dell’autostrada Nukus – Khorezm, 3,6 chilometri a nord e leggermente a ovest dell’insediamento Shark Yulduzi, 12,3 chilometri a nord-ovest dell’insediamento Bustan e 26,9 chilometri a nord e leggermente a est dell’insediamento Beruni nel distretto Ellikala della Repubblica del Karakalpakstan.

La fortezza Toprak Kala si trova a pochi chilometri da Urgench in direzione della città di Khiva, dove si trovava il palazzo dei Khorezmshakh nel III-IV secolo d.C. L’antica fortezza è ora una costruzione di forma rettangolare, le cui dimensioni sono 350 × 500 metri.

Nonostante le numerose distruzioni, l’altezza delle mura della fortezza raggiunge quasi dieci metri in alcuni punti. Di tutto il complesso, solo l’angolo sud-est della fortezza è ben conservato, ma anche questo ci dà un’idea delle dimensioni dell’edificio più antico.

Nel 1940 furono eseguiti lavori esplorativi sulla fortezza: fu fatta una grande fossa stratigrafica nella parte sud-est della città, fu compilata la sua pianta, fu raccolto il materiale di scavo.

Nel 1950, un piccolo scavo è stato effettuato sul muro di fortificazione occidentale. Poi ci fu una pausa nei lavori del monumento, che non fu ripresa fino al 1965 e durò tre anni fino al 1975.

L’insediamento di Toprak Kala copre un’area di 500 metri per 350. A pianta rettangolare, è circondato da mura di fortezza che si conservano sotto forma di pozzi, raggiungendo in alcuni punti gli 8-9 metri.

Le mura avevano numerose torri quadrate con angoli arrotondati e un ampio fossato. Si nota che le fortificazioni della città hanno subito una ricostruzione significativa.

In origine, era una fortificazione con un corridoio a due piani con un seminterrato a volta e feritoie a forma di freccia al piano superiore. Il muro esterno del bastione era decorato con lobi e nicchie tra i lobi.

Dopo la ricostruzione, il piano terra del corridoio fu murato e trasformato in un basamento di sei metri di altezza, nel quale furono murate anche le torri precedenti. Le pareti della galleria a un piano sono state sostituite da finestre a fessura poco profonde con cavità e lobi. Le nuove torri avevano una forma semicircolare.

Al centro del muro meridionale, l’ingresso alla cittadella, c’era una complessa portineria, anch’essa ricostruita. Da essa per tutta la città fino alla cittadella, che si trovava nell’angolo nord-ovest della fortezza, correva una strada centrale larga circa 9 metri; essa divideva la città in due parti, che a loro volta erano divise da strade laterali larghe circa 4,5 metri in 5 blocchi quadrati di 100×40 metri.

Gli scavi sono stati effettuati in due quartieri, contrassegnati A e B, situati nella metà occidentale della città. Sono stati scoperti strati datati dal II al VI secolo d.C.; tuttavia, a giudicare dalla presenza di certi tipi di monete di monetazione corrusca e di vasellame, il sito dell’insediamento deve essere stato coperto dagli strati precedenti.

Si distinguono tre orizzonti negli strati stratigrafici dell’insediamento. Il quarto superiore non è stato conservato. Uno dei quartieri, A, è stato trovato completamente occupato dagli edifici del tempio che erano stati tradizionalmente eretti lì durante la storia della città.

L’area totale del tempio era di 42 x 42 metri. Al suo interno c’erano tre edifici costruiti secondo lo stesso piano: una catena di stanze con soglie e porte in legno si estendeva da ovest a est.

Uno di essi, il grande edificio I, che misurava 35 x 18 metri e si affacciava sulla strada tra i blocchi A e B, era composto da tre grandi stanze di 11 x 4 metri. Le sue mura erano spesse fino a 3 metri.

Infine, la stanza occidentale e apparentemente più importante, una delle pareti aveva una nicchia con focolare ad arco e altre caratteristiche architettoniche, era un tempio del fuoco. Nell’altro edificio, chiamato Edificio II, sono state trovate le corna di un khar d’ariete, decorate con braccialetti di bronzo dorato, attorno al quale sono state poste sul pavimento numerose offerte – cocci e vasi di vetro interi, gioielli, perline, pendenti, anelli, ecc.

È stato trovato anche un frammento di una scultura in alabastro dipinto che rappresenta una persona, così come frammenti di lamina d’oro, ecc. Entrambi gli edifici sono stati datati al IV-VI secolo, ma l’edificio II è di un periodo successivo all’interno del suddetto intervallo di tempo.

Nel blocco residenziale, è stata scoperta un’abitazione a più stanze, che comprendeva soggiorni, magazzini, cortili, ecc. Tracce di artigianato sono state registrate nei locali che si affacciano sulle strade laterali e centrali.

Soprattutto nel primo periodo dell’esistenza della città, c’erano laboratori (o officine) per fare archi. Come risultato degli scavi nel sito dell’antica città, abbiamo ottenuto materiale vario e ricco che ci permette di caratterizzare in dettaglio la cultura Kushan-Afrikid dell’antico Khorezm, finora poco studiata, oltre a fornire importanti informazioni sulla storia delle antiche città del Khorezm.

Il corpo principale del palazzo fu costruito su una base di mattoni di fango in cui si estendevano le mura settentrionali e occidentali della città. Aveva la forma di una piramide tronca con un’altezza di 14,3 metri e un’area di base di 80 x 80 metri.

Presto furono aggiunti altri tre array su plinti alti fino a 25 metri, con aree di 35 x 35 metri, 40 x 35 metri e 35 x 20 metri. I muri esterni del palazzo originale sporgono di 1,5 metri oltre il bordo della piattaforma.

Su una distanza considerevole vengono lavati via, ma dove sono adiacenti altri massicci rimangono fino a un’altezza di 7,5 metri prima di sgretolarsi, probabilmente almeno 9 metri. Le facciate erano decorate con un sistema di sporgenze verticali e nicchie e ricoperte di alabastro bianco.

L’ingresso era sul lato est con una scalinata intorno alla torre d’ingresso. Circa 100 stanze parzialmente conservate al primo piano del corpo centrale e alcune stanze al secondo piano. Le pareti delle stanze sono state conservate in tutta la loro altezza nelle zone periferiche e coperte da zoccoli applicati, ma nella parte centrale del complesso sono state in gran parte lavate via.

I soffitti erano a volta, per lo più fatti di mattoni di fango trapezoidali, e le travi erano piatte. Nelle grandi stanze, le travi erano sostenute da colonne di legno con zoccoli di pietra. Nella disposizione interna del palazzo possiamo vedere la divisione in tre complessi principali, che erano quasi isolati l’uno dall’altro.

Sul lato sud-est del palazzo c’era un complesso di 12 stanze disadorne in cui troviamo recipienti per lavare, resti dell’archivio del palazzo e deposito di armi. Lungo il bordo meridionale del palazzo, lungo un lungo corridoio separato da un muro di mattoni bruciati, c’erano quattro blocchi simili composti da due stanze e una scala che portava verso l’alto.

Il corridoio portava a un piccolo cortile con nicchie circolari, intorno al quale erano raggruppati quattro santuari a due camere con altari a due piani e nicchie. In uno di essi, sono stati conservati dei dipinti murali che rappresentano una scena di lutto.

Questo suggerisce che i santuari erano destinati a riti funebri eseguiti da sacerdoti i cui appartamenti erano collegati al corridoio. La parte più grande del palazzo era occupata dal complesso di sale cerimoniali e santuari associati a vari aspetti della cultura reale.

Le pareti erano decorate con affreschi e cinque sale erano decorate con bassorilievi policromi in argilla. Solo una parte insignificante dell’antica decorazione è giunta fino a noi tra le macerie / ciò che è stato salvato durante gli scavi negli anni ’40 si trova ora nel Museo dell’Ermitage.

Tuttavia, è possibile immaginare l’arredamento e presumibilmente determinare la funzione di diverse stanze.

La “Sala dei Re” nella fortezza di Toprak-Kala era un santuario dinastico dove il fuoco bruciava su un altare davanti alle grandi immagini di 23 re di Khorezm (a differenza delle altre, queste sculture sono a grandezza naturale). Erano su delle suole divise da partizioni in un certo numero di scatole.

In ognuno di essi, oltre alla statua del re, c’erano due altorilievi femminili e uno maschile.

La “Sala delle Vittorie” della fortezza di Toprak-Kala – porta sui suoi muri bassorilievi di zar seduti e dee che volano accanto a loro. Queste composizioni /salvo solo le gambe delle figure/ richiamavano probabilmente le immagini sulle monete raffiguranti il momento della consegna dei sovrani con i distintivi della dignità reale.

“Sala dei guerrieri dalla pelle scura” nella fortezza di Toprak kala. Qui, le immagini in bassorilievo dei re in piedi in nicchie sotto sovrapposizioni di argilla in forma di enormi corna di montoni stilizzati. Guerrieri dalla pelle scura (la posizione di queste piccole figure non può essere determinata con precisione) trombavano la gloria dei re. La decorazione del santuario della sala era apparentemente subordinata all’idea di gloria militare e di fortuna.

La “Sala dei cervi” nella fortezza di Toprak kala era decorata con figure di questi animali, sopra la quale c’era una cintura con immagini di grifoni. Altri frammenti di bassorilievo includono frutti di melograno, viti, ecc. La decorazione può aver trasmesso il ciclo di vita del regno vegetale e animale.

Nella “Sala delle maschere danzanti” della fortezza di Toprak-Kala, le immagini di uomini e donne che ballano in coppia sono state parzialmente conservate sulle pareti. La nicchia principale conteneva apparentemente l’immagine di una grande dea con un predatore (sono stati trovati singoli frammenti).

Le altre due grandi nicchie possono aver contenuto dei compagni. Un podio d’altare è aperto in mezzo alla sala. La sala era, come si può pensare, destinata alla rappresentazione di misteri che simboleggiavano la connessione del re con le forze fertili della natura.

L’importanza di questo santuario è indicata dal fatto che era direttamente collegato alla parte principale del complesso del trono. Questo insieme consisteva in un piazzale e un’aivan divisi da un portale a tre arcate.

Sotto l’arco centrale, si incrociano le diagonali del quadrato in cui è iscritto tutto il palazzo principale. Il campo supplementare nord-occidentale racchiudeva una grande stanza quadrata, che ora è stata quasi completamente lavata via.

Era attraversato da corridoi sulle cui pareti erano raffigurate onde e pesci. Forse il campo nord-occidentale era un santuario dedicato all’elemento acqua. La disposizione meridionale aveva anche uno scopo cerimoniale e probabilmente cultuale.

Tracce di pittura e i resti di un podio rettangolare sono stati trovati nello spazio assiale. Il massiccio nord-est consisteva in 8 stanze molto alte e allungate coperte da volte, alcune delle quali sono sorprendentemente sopravvissute fino ai giorni nostri.

Lo scopo di queste stanze, non decorate e create poco dopo la costruzione, rimane poco chiaro. Il reperto più importante trovato nel palazzo sono gli antichi documenti della Khorezmia.

L’origine di vari oggetti e prodotti è stata registrata sulla pelle; diverse date sono state conservate, le prime sono 188 e 252 anni dell’era Khorezmian, che iniziò nella prima metà del primo secolo d.C.

Le registrazioni sull’albero sono elenchi di liberi e schiavi abili e disoccupati che erano membri di varie famiglie korezmiane. Il palazzo, che aveva principalmente uno scopo sacro, fu abbandonato all’inizio del IV secolo d.C. e, dopo una parziale riparazione, fu usato come cittadella della città.

La maggior parte dei reperti domestici appartengono a questo periodo. L’esplorazione del complesso settentrionale di Toprak-kala nel 1976 – 1979 ha mostrato che si tratta di un gruppo di edifici situati fuori dall’insediamento di Toprak-kala circa 100 m a nord del palazzo scavato da S. P. Tolstov nel 1946 – 1950 e ulteriormente esplorato nel 1967 – 1972.

Gli edifici del complesso settentrionale coprono un’area di circa 12 ettari. La lunghezza della catena di edifici si estende lungo l’asse nord-sud – 350 metri. la stessa lunghezza della matrice, allineata in direzione latitudinale. Ci sono 10 edifici, ma questa cifra è provvisoria.

È probabile che diventi più piccola poiché gli scavi hanno mostrato la tendenza a raggruppare i singoli bastioni in strutture palaziali molto grandi. L’edificio più vicino al “Palazzo Alto” è l’edificio n. 1 del complesso settentrionale, che fu scavato tra il 1976 e il 1979 e si trova su un asse ovest-est.

La dimensione dell’edificio è determinata dall’area della base di circa 160 – 180 x 50 metri, la cui altezza raggiunge circa 2,5 metri. Circa 50 stanze sono sgombrate qui, queste sono le grandi sale del palazzo, ma anche piccole stanze di servizio.

I corridoi e le piccole stanze avevano dei dipinti alle pareti. Tuttavia, solo pochi sono sopravvissuti. Una stanza era dominata da ornamenti colorati su uno sfondo bianco e nero. Sono state rappresentate rosette grandi e piccole, loti, tulipani, liane, ecc.

In un’altra stanza, gli ornamenti avevano un carattere completamente diverso e imitavano i motivi geometrici dei tessuti o dei tappeti / l’immagine delle frange era anche conservata. In una terza stanza di una grande sala, sono stati trovati dei nastri sulle pareti che formavano una griglia romboidale.

In un’altra stanza sono stati trovati i resti di una scultura, purtroppo solo frammenti, che rappresentano la parte inferiore delle gambe e il vestito. In questa stanza è stato trovato anche un grande pezzo di marmo grigio (0,70×0,70 m) con lati ben levigati (0,2 m) e con la parte superiore scheggiata.

È parte di una scultura o un piedistallo per un altare. Si tratta quindi di un complesso di palazzi. C’erano anche dei locali di servizio – la parte orientale dell’edificio, ma sono mal conservati. Si conserva una parte dell’area con fosse per vasi, ceneri, rifiuti e focolari.

Nel secondo edificio, che ha le dimensioni conservate di 70 per 35 metri e un’altezza dello zoccolo di 1,2 metri, ci sono 25 stanze. Ci sono anche sale e piccole stanze. Le pareti della maggior parte delle stanze sono ricoperte di intonaco bianco. Tuttavia, ci sono anche frammenti di dipinti a colori in diversi colori (rosso, rosa, blu, grigio).

Qui, come nel primo edificio, ci sono alcune sale con basi di legno di colonne. Al posto delle basi di colonne in pietra arenaria polimitica, che avevano una base a tre livelli su cui era installato il secondo pezzo di forma modellata, si conservano le basi di colonne che erano profondamente tradizionali per l’architettura dell’epoca.

I pezzi fusi sono caduti dalle basi. Ci sono un certo numero di grandi sale senza basi di colonne. Questi sembrano essere stati spazi aperti. In una delle sale c’è un dipinto di ornamenti floreali e geometrici come base sotto il pavimento della stanza.

Questo suggerisce che il palazzo potrebbe essere stato ricostruito. Sulla parete nord del secondo edificio ci sono due torri No.1 e No.2, che sono basi monolitiche rettangolari di alcuni edifici superstiti. La loro funzione non è chiara.

Il loro significato di fortificazione può essere assunto se il cortile sul lato est può essere dimostrato. Ad ovest degli edifici n. 1 e n. 2, in direzione meridiana, l’edificio n. 7 ha dimensioni di circa 100 per 30 metri e altezze da 10 a 150 centimetri nella parte sud e fino a 5,5 metri nella parte nord.

Più di 50 stanze sono state liberate in esso. Nella parte meridionale abbiamo tre complessi di tre stanze, che sono molto simili ai complessi della parte sud-occidentale del “Palazzo Alto”. Nella parte settentrionale, le stanze inferiori erano murate. Due scale portavano al secondo piano.

Muri spessi e coni murati avevano conservato il piano terra fino ad oggi. In una delle fosse si è trovato che la base dell’edificio 7 poggiava sul terreno, mentre la base dell’edificio 2 era ricoperta alla giuntura da uno strato di materiale culturale spesso circa 30 centimetri. Ne consegue che l’edificio n. 2 è stato costruito dopo l’edificio n. 7.

Sembra che gli edifici n. 1, 3 e 7 siano stati costruiti nello stesso periodo, poiché i loro basamenti sono identici fino a 2,5 m, mentre l’edificio n. 2 è stato costruito un po’ più tardi. Solo lo zoccolo dell’edificio n. 3 non si è conservato. Il basamento si trova 80 metri a est dell’edificio n. 7 e 8-10 metri a nord dell’edificio n. 2.

Gli edifici n. 4, 5, 6 sono estesi in direzione meridiana a nord dell’edificio n. 3. Di loro sono rimaste solo le basi dei locali. Tra gli edifici n. 7 e 2 e 3 si trova il cortile nord del complesso. Ad ovest dell’edificio n. 7, gli edifici n. 8, 9 e 10 si estendono in direzione della larghezza.

Tra gli edifici 8, 9 e 10 ci sono i cortili; e infine, più a ovest, c’è il pozzo del sistema di copertura, nel quale sono state trovate due monete di Huvishka. Inoltre, una moneta risalente all’epoca di Vima Qadfiza è stata trovata nel 1978 sul pavimento della stanza 24 dell’edificio n. 1.

Una piccola testa dorata di un cucciolo di leone di 3 x 2,5 cm è stata trovata nel passaggio della stanza n. 24. Nella stanza n. 3 dell’edificio n. 1, è stato trovato uno stampo in alabastro per fare un’immagine in bassorilievo di “satiri”.

Degno di essere visto

Karakol - Gola Altyn Arashan

Karakol - Gola Altyn Arashan

La Gola Altyn-Arashan (tradotto come “Primavera d’oro”) è una gola di montagna nella parte orientale delle montagne Terskey-Ala-Too vicino alla città di Karakol. Questa gola è uno dei luoghi turistici più popolari del Kirghizistan per la sua natura unica, le sorgenti calde direttamente nella gola, le estese foreste di abeti e i panorami mozzafiato.

Durante l’Unione Sovietica, l’area della gola è stata riconosciuta come una riserva naturale specialmente protetta per la sua grande diversità naturale. La gola ha ricevuto lo status di riserva naturale nel 1963 e lo ha mantenuto fino ad oggi. Questo è uno dei pochi posti in Kirghizistan dove le foreste relitte dell’abete rosso di Tien Shan sono conservate in numero così grande. Le sorgenti calde di Altyn-Arashan sono anche molto conosciute. Situate a un’altitudine record di 2.600 metri, le sorgenti hanno un effetto curativo grazie al contenuto di radon e idrogeno solforato dell’acqua e mantengono una temperatura elevata tutto l’anno: 35 gradi per la sorgente del radon e 41 gradi per la sorgente dell’idrogeno solforato. In alcune sorgenti sono state costruite piscine coperte, mentre altre sono ancora “selvagge” e si trovano in buche da bagno o grotte scavate nella roccia.

Il grande afflusso di turisti ad Altyn-Arashan è assicurato dal fatto che attraverso questa gola si può raggiungere il lago alpino Ala-Kul, il più bel lago Terskey-Ala-Too, dopo aver attraversato il passo omonimo a 3.800 m sul livello del mare. La strada conduce attraverso l’affluente di sinistra dell’Altyn-Arashan, 5 km sopra il villaggio.

Uno dei motivi per cui i turisti amano questo posto è il muro di Aksu, conosciuto anche come Palatka Peak, a causa della sua insolita forma trapezoidale, che è molto rara nelle montagne Tian Shan. La vista della parete è diventata una specie di marchio di fabbrica della gola. Per gli appassionati di trekking, c’è un’escursione alla base del picco dove c’è un piccolo lago glaciale Kashka-Suu e diverse cascate: Sharkyratma, Kuldurek, Tash-Tektir, Porta Archaly e Porta Takyr.

La gola di Altyn-Arashan, a differenza di altre gole di montagna del Tien Shan settentrionale, ha un rilievo geografico complesso. Nella sua parte inferiore, Altyn-Arashan è una gola stretta con un’alta pendenza e un fiume agitato che può inondare la strada in estate. Nella parte superiore, la gola si allarga considerevolmente e diventa una particolare valle alpina con una pendenza molto dolce. A monte, la gola si divide e forma due bracci che si avvolgono intorno alla parete di Aksu a destra e a sinistra.

La Gola Altyn-Arashan è utilizzato come campo base per le escursioni radiali, come punto di trasferimento sulla strada verso Ala-Kul, la gola di Ak-Suu o le valli di Karakol e Djety-Oguz. È anche un posto meraviglioso per rilassarsi nella natura incontaminata del Tien-Shan.

Degno di essere visto

Karakol - Moschea Dungan

Karakol - Moschea Dungan

La Moschea Dungan è uno dei luoghi più interessanti di Karakol, insieme alla Chiesa dei Tre Santi.

La moschea Dungan è un edificio molto speciale associato alla grande diaspora Dungan a Karakol e ha una storia di più di 100 anni. Nel 1877, una guerra civile scoppiò in Cina tra i musulmani cinesi e i seguaci delle religioni tradizionali cinesi. I musulmani cinesi furono sottoposti a gravi oppressioni, costringendo più di 300.000 persone a fuggire attraverso le montagne Tien Shan verso il Kirghizistan, dove molti di loro si stabilirono, anche a Karakol. Questi musulmani cinesi erano chiamati Dungan e sono ancora oggi conosciuti come tali.

Dopo essersi stabiliti nella città, i Dungan decisero di costruire una moschea per loro, per la quale fu invitato un noto architetto di Pechino, Zhou-Si. La costruzione della moschea ha richiesto tre anni e ha una caratteristica speciale: La costruzione in legno è stata messa insieme senza un solo chiodo ed è ancora intatta dopo 120 anni.

La prima cosa che salta all’occhio quando si vede questo incredibile edificio sono i motivi chiaramente cinesi. Il tetto della moschea è dipinto in diversi colori e la moschea ha un interessante tetto spiovente, una caratteristica tradizionale degli edifici cinesi. Colpiscono anche le sculture in legno incredibilmente intricate che adornano le facciate dell’edificio.

È un monumento unico dell’architettura dell’Asia centrale che non ha quasi nessun equivalente. La moschea è aperta ai turisti, anche se si consiglia alle donne di coprirsi con un foulard, che possono acquistare gratuitamente all’ingresso della moschea. Si raccomanda anche che i non musulmani non entrino nella moschea, ma si limitino a vedere il terreno e l’edificio dall’esterno.

Degno di essere visto

Karakol Città

Karakol Città

La città di Karakol è il vero centro turistico del Kirghizistan. Turisti da tutto il mondo vengono qui ogni anno, e questa popolarità non è una coincidenza. Oltre all’impressionante architettura e storia della città, le attrazioni naturali circostanti sono estremamente popolari: l’enorme lago Issyk-Kul e le montagne più alte della catena del Tien-Shan. Per coloro che viaggiano a Karakol per la prima volta, abbiamo messo insieme una guida di viaggio speciale.

Karakol è sorprendentemente diversa da tutte le altre città del Kirghizistan a causa della sua sorprendente architettura vecchia russa, molti punti di riferimento antichi e bellezze naturali sorprendenti, di cui ci sono molti intorno a Karakol. È stata fondata nel XIX secolo ed è stata a lungo la città più grande e sviluppata del Kirghizistan. Oggi è l’autentica capitale della regione di Issyk-Kul, dove si uniscono le caratteristiche culturali dei diversi popoli, il che si vede soprattutto nella cucina di Karakol.

Architettura

Karakol deve la sua caratteristica architettura ai coloni russi che fondarono la città nel 1869. La maggior parte degli edifici del centro storico della città sono stati costruiti alla fine del XIX secolo e sono nel classico stile russo, con muri imbiancati, alti soffitti dipinti, facciate intagliate e persiane. C’è un intero blocco di queste case in città, che sono ancora utilizzate dai residenti o dalle istituzioni.

Gli edifici storici più famosi di Karakol sono la Cattedrale della Trinità, un’antica chiesa ortodossa di legno, la Moschea di legno di Dungan, costruita in stile cinese e senza un solo chiodo, e il Vicolo dei Mercanti con i suoi ciottoli sgombri, dove si trova il museo locale.

Un’altra caratteristica speciale di Karakol è il gran numero di alberi, compresi i possenti pioppi. Ci sono diversi grandi parchi nella piccolissima città, e numerosi alberi crescono sulle proprietà delle fattorie, rendendo le strade di Karakol fresche e fresche anche nelle giornate più calde.

Attrazioni naturali

Karakol si trova in un posto bellissimo, proprio sotto le alte montagne della gamma Terskey Ala-Too. È uno dei luoghi geograficamente più diversi del Kirghizistan, che ospita una varietà di bellezze naturali in un’area relativamente piccola, per cui la maggior parte dei turisti che visitano il Kirghizistan vengono qui. Qui a Karakol, le acque blu delle alte montagne di Ala-Kul, le sorgenti calde e le viste mozzafiato delle gole di Altyn-Arashan e Ak-Suu, così come i percorsi di trekking impegnativi e belli nelle montagne di Karakol e la gola di Jety-Ozuz, attirano i viaggiatori. È un vero paradiso per gli amanti delle escursioni in montagna e del trekking.

Il campo di sci di Karakol, molto conosciuto, si trova nella gola dello stesso nome, dove gli alpinisti di molti paesi vengono a conquistare le montagne Terskei-Ala-Too. Da Karakol, il sentiero inizia verso le zone più difficili da raggiungere del Kirghizistan – il ghiacciaio Inylchek e le alte cime dei picchi Pobeda e Khan Tengry.

Non bisogna dimenticare che Karakol è molto vicina alle piacevoli rive dell’Issyk-Kul, ed è per questo che molte persone vengono qui a passare le loro vacanze estive. Anche il parapendio sulle colline vicino alla città è molto popolare, e in inverno Karakol diventa il centro delle vacanze sciistiche kirghise con una stazione sciistica ben sviluppata e grandi opportunità per il freeride e lo sci di fondo.

Cucina

La cucina di Karakol è sorprendentemente diversa dal resto del Kirghizistan, a causa del gran numero di Dungan che vivono in città. Quindi, se vieni a Karakol, assicurati di provare i piatti locali, che sono famosi in tutto il paese e anche oltre.

Ashlyan Fu
Il piatto forte di Karakol è l’Ashlyan Fu – una zuppa Dungan piccante servita fredda. Gli ingredienti principali dell’ashlyan fu sono due tipi di tagliatelle: tagliatelle semplici fatte di farina di grano e tagliatelle amidacee. I noodles sono conditi con brodo freddo, spezie laza piccanti e molte erbe.
Di solito viene servito con torte di patate fritte e tè caldo.

Laghman
Anche questo è un piatto tradizionale di Dungan che si è diffuso in tutta l’Asia centrale ed è ugualmente popolare in tutte le parti del paese. Il Lagman è fatto con una tecnica speciale di noodles bolliti conditi con carne al vapore, verdure e spezie. C’è anche un tipo di lagman che usa il riso al posto dei noodles, chiamato ganfan.

Karakol manty
Anche il solito manty a Karakol può essere molto diverso da tutti gli altri. Qui, il manty è tradizionalmente servito non solo con la carne, ma anche con varie erbe – specialmente il jusai. Manty a Karakol è anche tradizionalmente servito con un condimento piccante, laza, fatto con peperoncino e aglio.

Naturalmente, oltre ai piatti tipici di Karakol, si possono provare anche piatti tradizionali kirghisi come beshbarmak, pilaf, kurdak, shorpo, ecc. Puoi trovare una lista più dettagliata dei piatti kirghisi qui.

Degno di essere visto
Rabat Malik Karawanserei

Kermene - Rabat Malik Caravanserraglio

Kermene - Rabat Malik Caravanserraglio

Il caravanserraglio di Rabat Malik (Rabat Reale) a Kermene è una delle più grandi strutture architettoniche situate lontano dalla Grande Via della Seta, che collega il Medio Oriente con la Cina. I Rabat ebbero un ruolo speciale nello sviluppo militare e spirituale dell’Asia centrale come stazioni per le guardie a cavallo nelle zone di confine e come fortezze per i Gaziy, i combattenti per l’Islam.

Con l’ascesa dell’Islam, tuttavia, l’importanza dei rakat in senso militare evaporò gradualmente, e i forti furono usati come locande e caravanserragli o convertiti in case religiose per i seguaci religiosi, khanakas.

Da questo punto di vista, il caravanserraglio di Rabat Malik è un patrimonio religioso. Si trova nella steppa tra le due più antiche città dell’Asia centrale – Bukhara e Samarcanda, a 18-20 km dalla città di Kermene.

Ci sono diverse leggende sull’origine di Rabat Malik che esistono ancora tra la gente del posto. Secondo uno di loro, Rabat Malik fu costruita da Malikkhan, il capo di una delle tribù, su ordine di Allah mentre dormiva.

Malik-khan, secondo un’altra leggenda, era un ladro che predava i dintorni e si diceva che fosse una minaccia per la zona. Secondo una leggenda, uno dei nativi di passaggio, Malik Khan – il costruttore del mattatoio, appare come una vittima: fu accecato da Gengis Khan per disobbedienza durante l’invasione mongola.

La zona dove si trova il caravanserraglio di Rabat Malik è chiamata Chul-i Malik (Steppa Reale). Fino al secolo scorso, l’insediamento di Malik si trovava nelle vicinanze. Nel frattempo, Rabat Malik è stato quasi completamente perso.

Solo un portale solitario sorge nella piatta steppa. Anche il nome del monumento, che la popolazione locale chiama Porta di Bukhara, è cambiato. Ci è voluto poco più di un secolo perché le rovine della monumentale e maestosa struttura con una facciata riccamente decorata, costruita nella steppa negli anni 40, fossero quasi completamente distrutte.

I primi appunti di viaggio, le descrizioni e gli schizzi del secolo scorso mostrano che Rabat Malik era in realtà già distrutta a quel tempo, ma era conservata in una forma più olistica rispetto ai giorni nostri.

Lo schizzo di A. Lemon, che era lì nel 1841-1842, contiene informazioni preziose. Il disegno cattura la parte più spettacolare del monumento – la facciata principale con un portale al centro e le torri gulda agli angoli, che erano ancora intatte a quel tempo.

Ora, a parte il portale Rabat Malik, non rimane nulla. Ma nell’attestazione di A.Lemon, pubblicata da I.I.Umnyakov (I.I.Umnyakov, 1927, p.181) e quasi contemporaneamente da B.N.Zasypkin (B.N.Zasypkin, 1928, p.214), viene data una descrizione della parte del cortile di Rabat Malik, che ora manca completamente.

Ecco la descrizione: “Attraverso la porta con volta gotica di costruzione molto massiccia si può entrare nella fortezza. La fortezza è un luogo di rovine cadute e mucchi di pietre, e possiamo solo immaginare cosa fossero una volta.

Appena oltre l’ingresso, strette gallerie parallele, che ricordano le stalle dei cavalli, si estendono su entrambi i lati. Poi si può entrare in un cortile piuttosto grande, da cui uno stretto corridoio conduce alla sala principale.

Quest’ultimo forma un grande edificio circolare indipendente, con massicce colonne gotiche sulle sue pareti interne, che sono abbastanza ben conservate e variamente decorate con arabeschi in rilievo. Un tempo sostenevano la cupola con alte volte di questa rotonda, che ora è crollata e copre il pavimento con detriti grandi e piccoli.

Poiché non c’erano finestre nelle pareti, la luce doveva provenire dall’alto. In fondo a questa grande sala c’è una piccola porta che conduce all’ultima stanza, dalla quale si entra ora nel grande frutteto”.

Il caravanserraglio di Rabat Malik a Kermene è anche popolare perché è considerato una delle poche strutture dell’Asia centrale il cui tempo di costruzione è determinato con precisione. V. V. Bartold e più tardi I. I. Umnyakov erano certi che le informazioni del “Kitabi Mullozade” (prima metà del XVI secolo) e le note a margine di questo manoscritto sulla costruzione di una Rabat reale da parte del sovrano karakhanide Nasr Shems al-Mulk nell’anno 471 AH (1078 – 1079) risalgono a Rabat Malik nella steppa presso Kermene.

Degno di essere visto
Ak-Mosque in Chiwa

Khiva - Ak Moschea

Khiva - Ak Moschea

La Moschea Ak, chiamata anche Moschea Bianca, si trova alla porta orientale del centro di Ichan-Qala a Khiva. Si tratta di un piccolo edificio, la cosiddetta “moschea di quartiere” (un tipo di moschea costruita per i residenti di un quartiere in visita).

Le fondamenta dell’edificio furono gettate nel XVII secolo sotto l’Anush-khan e l’edificio attuale fu ricostruito nel 1838 – 1842. La moschea Ak è un tipico esempio di moschee di quartiere, solitamente costruite per la popolazione di un piccolo “microdistretto” di Khiva conosciuto come Mahalla o Guzar.

La camera centrale a cupola – Khanaqa (6,Z5 õ 6, 35 m) è circondata su tre lati da alti aiwan a più colonne. Nella profondità delle pareti meridionali di Khanaka e Aywans ci sono nicchie mihrab.

L’attrazione speciale delle moschee sono i pilastri di legno – le colonne strette, le basi con graziosi intagli. Sono interessanti anche le porte scolpite su cui sono incisi i nomi dei maestri – Usta Nurmuhammad e Usta Qalandar.

Il nome Ak Mosque (“Moschea Bianca”) si riferisce non solo al rivestimento Gantsch sulle pareti dell’edificio, ma anche alla sua importanza fondamentale tra le piccole moschee del quartiere.

Probabilmente questo nome è rimasto dalla moschea precedente costruita sotto Anush-Khan, i cui resti sono conservati sotto le mura del nuovo edificio. La sala di preghiera principale si trova nell’edificio invernale della moschea, coronata da una cupola bianca.

Sono interessanti i finali intagliati delle porte della moschea, le grate delle finestre traforate, le colonne di legno con zoccoli intagliati. Nell’insieme, la moschea Ak rappresenta uno dei modelli dell’architettura dell’Asia centrale. I nomi dei maestri si possono leggere nelle incisioni sulle porte della moschea.

Degno di essere visto
Ichan Qala in Chiwa

Khiva - Aminkhan Madrasa

Khiva - Aminkhan Madrasa

“Per volontà dell’Onnipotente, per ordine del Sultano del suo tempo, Abulgazi Muhammad Aminkhan ibn Allakulikhan (che la sua tomba sia illuminata), con le parole che possa essere un luogo di misericordia, costruì questa benedetta madrasa a Khiva, data Hijra 1270 (1854)”.

Durante il regno di Aminkhan a Khiva c’erano 64 madrase attive, la più grande e bella delle quali era la madrasa costruita da Muhammad Aminkhan (in dialetto Madaminkhan), che è ben conservata fino ad oggi.

La madrasa si trova nella parte occidentale di Ichan-Kala, sul lato destro all’entrata dalla porta principale Ata-Darvaza. Questa struttura architettonica è grande e magnifica, in linea con i particolari metodi di costruzione dell’epoca.

È costruito in mattoni cotti e le sue pareti sono spesse 1,5 m. La madrasa ha due piani e consiste di 130 stanze (hujras – una hujra descrive una cella, un piccolo spazio vitale per gli studenti, in una madrasa in Uzbekistan, per esempio. Si chiamavano così anche le stanze per i dervisci itineranti in una khanqah), in cui, secondo le fonti storiche, studiavano contemporaneamente 260 studenti. Gli storici raccontano la storia della costruzione della madrasa e del minareto: “Nel quarto anno del regno di Muhammad Aminkhan, la costruzione della madrasa e del minareto fu iniziata nella direzione della Qibla (verso la Kaaba, la direzione sud di Khiva) di fronte all’Arca.

Bekniyaz Diwanbegi ha ordinato la costruzione. Quando Bekniyaz iniziò la costruzione, Muhammad Karim di Diwan fu incaricato di supervisionarla. Muhammad Karim trovò dei famosi maestri di Choresm e iniziò a costruirlo.

Su ordine del Khan a Yangiariq (villaggio) ai piedi del deserto, fu anche iniziata la costruzione del palazzo di campagna – Hovli e giardino – e Ismail Diwan ibn Adina Diwan fu nominato suo direttore su ordine di Abdullah Kushbegi.

Nel 1851, il concorso per la costruzione della medrese fu indetto da Muhammad Aminkhan e il progetto disegnato dal Maestro Supremo di Khiva (Ustabashi) Abdulla “Jin” piacque al Khan. La madrasa è stata costruita in tre anni.

Il Khan contento ordinò a Bekniyaz Diwanbegi di preparare tutto il necessario per le grandi celebrazioni e la festa. I fratelli del khan e i parenti stretti che sono venuti alla festa sono stati presentati con abiti tessuti in oro e cavalli da corsa. Nessuno che ha partecipato alla festa è rimasto senza un regalo.

I contemporanei lodarono la costruzione della madrasa in versi con un cronogramma codificato e furono anche presentati con doni dal Khan. Accanto alla madrasa, fu iniziata la costruzione di un minareto così maestoso che i poeti glorificarono la sua costruzione incompiuta con le parole “Come un pilastro che sostiene la cupola del cielo”.

Il portale della madrasa era decorato con belle piastrelle di maiolica su cui erano scritti elogi ai costruttori della madrasa nella scrittura Nasta’liq della calligrafia araba.

La medrese ha una struttura architettonica simile ad altri edifici simili. È costruito simmetricamente su due piani, con una pianta rettangolare e un ampio cortile della stessa forma. Ci sono torri d’angolo guldasta in quattro angoli della madrasa.

Le torri su entrambi i lati del portale centrale della madrasa sono particolarmente degne di nota. Dietro la facciata principale si trovano un minareto a cinque cupole, una moschea d’inverno, un auditorium e sale ausiliarie.

Le stanze al primo piano servivano come alloggi e locali di servizio, mentre gli alloggi al secondo piano hanno logge a volta che si aprono su un lato, dando all’edificio un aspetto attraente.

Il cortile è ornato da quattro piccoli portali, la cui parte anteriore è decorata con maioliche con motivi di Khiva, sotto le quali sono tessute iscrizioni calligrafiche in scrittura araba nello stile Thuluth.

Le aperture delle finestre della medrese hanno griglie a forma di panjara. Uno strato impermeabilizzante di pietre di montagna è stato posato nella parte inferiore delle pareti nel seminterrato della madrasa (la loro altezza è di 68 cm). Le dimensioni complessive della madrasa sono 71,7 m x 60,0 m, e il cortile interno della madrasa è di 38,0 m x 38,0 m. La moschea invernale – 9,4 х 8,4 metri, l’auditorium – 5,6 х 5,5 metri, la moschea estiva – 5,6 х 5,6 metri, l’altezza del portale – 25 metri.

Secondo la descrizione del viaggiatore Hermann Vambery, arrivato a Khiva nel 1863, la madrasa fu costruita da Muhammad Aminkhan in forma di caravanserraglio, il minareto, situato vicino alla madrasa, fu lasciato incompiuto a causa della tragica morte del Khan.

Le 130 stanze (hujshras) della madrasa erano destinate a 260 studenti, per la madrasa le terre del Waqf (Waqf è un istituto di diritto islamico simile alla fondazione) furono assegnate in certe dimensioni. L’area di queste terre era di 32.525 tanaps e il raccolto ottenuto da esse veniva distribuito tra gli studenti e gli impiegati della madrasa.

Il reddito annuale di queste terre del waqf era di 12000 khiva batman (batman – 20 kg) di grano e 5000 tilla (monete d’oro) di denaro. C’erano da 2 a 3 studenti in ogni hujra della madrasa, le porte di tutte le hujra si affacciavano sul cortile della madrasa e c’era un camino in ogni hujra.

Nella madrasa si insegnavano le scienze religiose e secolari, e allo stesso tempo erano proibiti i giochi di intrattenimento e il canto. La durata degli studi nella madrasa era illimitata, alcuni studenti hanno studiato in un corso per 3 – 4 anni, anche 8 – 10 anni.

L’educazione nella madrasa si svolgeva in 3 fasi:

1° Primario ‘adno’.
2° Medio ‘avsat’.
3° Gruppi superiori ‘a’lo’.

Nella fase primaria, gli studenti sono stati insegnati la grammatica araba, la logica, la Sharia, i riti religiosi e la letteratura in arabo e persiano. Durante le due fasi rimanenti, gli studenti studiavano diligentemente Tahsib (logica), Ilohiyot (teologia), giurisprudenza e altre scienze.

Ogni figlio di un musulmano che raggiungeva l’età di 15 anni era ammesso in una madrasa, tenendo conto della sua alfabetizzazione. Gli studenti erano chiamati mullah o talibul ilm. Gli studenti che si diplomavano nelle madrase producevano poeti, storici, scrivani, calligrafi, studiosi e persone colte.

La madrasa ospitava una grande biblioteca e la sede della Corte Suprema del Qādī (Qādī è, secondo la dottrina statale islamica, un giurista che svolge principalmente funzioni giudiziarie per conto del califfo, seguendo il sistema di norme della Shari’a).

Degno di essere visto
Amir Tura Medrese in Chiwa

Khiva - Amir Tura Madrasa

Khiva - Amir Tura Madrasa

Nella parte settentrionale di Ichan-Qala a Khiva, la Madrasa Amir-Tura si trova tra le case residenziali. Fu costruito nel 1870 dal fratello di Muhammad Rahim-khan II (1863-1910) e porta il suo nome. La facciata principale della madrasa è rappresentata da un alto portale con una nicchia ottagonale e un’arcata alata a due piani. Le alte pareti delle altre facciate esterne creano anche l’illusione di una struttura a due piani.

A differenza di molte altre madrase, questa è molto ascetica e modesta. La sua architettura a portale riesce interamente senza decorazione. Solo le torri laterali della madrasa, chiamate guldasta, non sono pesantemente decorate. Sono decorate con sottili strisce di mosaico verde.

L’eleganza e la semplicità della struttura è data da un reticolo traforato di ganch nelle finestre dei rifugi – hujshras. Queste griglie sono chiamate panjara. Se confrontiamo le dimensioni dell’Amir Tura Madrasa con quelle di altre strutture simili, possiamo definirlo di medie dimensioni, non troppo grande, ma nemmeno piccolo.

La facciata principale dell’edificio consiste in un alto portale con una nicchia ottagonale senza ornamenti. Ci sono informazioni affidabili al riguardo: Nel momento in cui gli operai iniziarono a decorare la parte esterna dell’edificio, le truppe dell’Armata Rossa entrarono in città. Naturalmente, era impossibile lavorare in queste condizioni e così la decorazione esterna si limitò alle maioliche, che i maestri riuscirono a finire la sera del giorno precedente.

La ricostruzione della struttura è iniziata negli anni ’80 e si è conclusa alla fine degli anni ’90. Oggi, la Madrasa Amir-Tura è uno dei monumenti più popolari di Ichan-Qala a Khiva.

Degno di essere visto
Badehäuser Anush Khan in Chiwa

Khiva - Bagni di Anush Khan

Khiva - Bagni di Anush Khan

Gli hammam – i bagni di Anush Khan a Khiva, nella città orientale – hanno profonde tradizioni storiche sulla struttura tecnologica, volumetrico-spaziale e progettuale.

Gli hammam (bagni) sono di particolare interesse per la storia architettonica di Khiva, poiché sono il più antico monumento architettonico di questo tipo.

Essi includono i bagni di Anush Khan a Khiva, costruiti sotto Abulghazikhan nel 1657. È ancora il primo monumento di architettura civile con tale scopo, ed è quindi di particolare importanza per la storia dell’architettura di Khiva.

Le pareti sono state isolate in questo modo. Attraverso l’infilata di sale dove la temperatura sale gradualmente, si entra poi nella sala centrale dove si svolgeva effettivamente l’abluzione.

Intorno alla sala centrale ci sono diverse stanze laterali con scopi diversi.

Il bagno era riscaldato da condotti di fumo situati sotto il pavimento, e l’acqua veniva presa dal pozzo situato vicino al locale caldaie. Le stanze erano riscaldate da un sistema di condotti di fumo sotto il pavimento.

Intorno alla stanza centrale c’erano piccole stanze, ognuna delle quali aveva uno scopo funzionale specifico, l’acqua per il bagno veniva presa dal pozzo, che si trovava vicino al locale caldaie.

Secondo gli storici, i bagni di Khiva furono costruiti intorno al 1657-1664 da Abdulgazi-khan in onore di suo figlio, Anush Khan. I bagni orientali del Medioevo (compresi quelli di Anush-Khan) consistevano di solito in un vestibolo, spogliatoi e bagni.

I bagni dell’Anush-Khan avevano un sistema di riscaldamento semi-sotterraneo che aiutava a conservare il calore, così come un sistema di riscaldamento e fognatura unico per l’epoca.

Ancora oggi, si può visitare questa struttura sommersa a Ichan-Kala, la cui esistenza è riconoscibile solo dalle cupole che si alzano dal suolo.

Degno di essere visto
Bikanjan Bika Madrasa in khiva

Khiva - Bikanjan Bika Madrasa

Khiva - Bikanjan Bika Madrasa

La Bikanjan Bika Madrasa fu costruita a Khiva nel 1894 e si trova di fronte alla piazza di Ata-Darvaz. Il complesso di culto, composto da una madrasa, una moschea e un minareto, è stato costruito sul vecchio territorio accanto al mausoleo del venerato popolare Sha-Qalandar Bobo, che fa parte del complesso.

Secondo la leggenda, Sha-Qalandar Bobo era uno Shah e dopo aver lasciato questa posizione divenne un derviscio errante (Qalandar). Secondo la leggenda, Sha-Kalandar Bobo era uno scià, e dopo aver lasciato quella posizione, divenne un derviscio errante (kalandar). Dopo essere arrivato a Khiva con due dervisci, è rimasto qui a vivere.

Dopo la morte di Sha-Qalandar Bobo, i suoi discepoli costruirono un mausoleo sulla sua tomba, che è diventato un luogo venerato. Secondo i resoconti storici, il mausoleo fu costruito nel XVI secolo. Nel 1894, una madrasa, una moschea e un minareto furono costruiti vicino al mausoleo.

Nella tradizione orale degli abitanti dell’epoca, si conosce il nome del maestro usta Abdullah, che costruì gli edifici del complesso. La costruzione della madrasa fu iniziata da uno dei figli del khan, ma dopo la posa delle fondamenta, egli morì e i lavori furono fermati per 4 anni.

Bikanjan Bika, la sorella di Muhammad Rahim Khan II, decise di finire questa costruzione della madrasa a Khiva. Ma i lavori sono stati iniziati senza il permesso del Khan, che poi ha iniziato a ostacolare la costruzione e infine i lavori sono stati congelati per sette anni.

Più tardi, quando fu chiaro che la sorella del khan voleva continuare la costruzione, il permesso fu concesso e la madrasa fu completata. Il nome del maestro che diresse la costruzione era Usta Abdullah.

A quattro metri dall’entrata, quasi al centro della facciata principale, c’è un minareto. Il complesso, la cui facciata principale è rivolta a nord, consiste in una madrasa a un solo piano, di pianta quadrata ma con un cortile trasversale e una composizione asimmetrica dell’ingresso.

Si entra attraverso un vestibolo a tripla volta con un passaggio a gomito attraverso una serie di compartimenti ad arco. Locali darskhana e moschea, diversi in architettura: darskhona coperto con tetto di travi, la moschea – una massiccia cupola sfero-conica.

Gli ingressi dal vestibolo vengono spostati sulla facciata principale. Le hujra rettangolari sono coperte da volte Balkhi, le entrate di una coppia di hujra si trovano negli angoli inclinati dei cortili con nicchie sfaccettate – angolari, allargate in area e con sorbo.

La facciata principale rivolta a nord è architettonicamente indipendente dalla struttura degli edifici nascosti dietro di essa: ai lati dello stretto portale coreico, coronato da un disegno “sharafa”, ci sono torri gulda negli angoli con “archi” verdi incastonati nella loro superficie.

Dimensioni della madrasa nel piano generale – 32,0 x 32,0 m, il diametro del minareto alla base – 6,5 m, altezza – 18 m. Il mausoleo – 6,2 x 6,2 metri, la camera – 4,0 x 4,0 metri.

Degno di essere visto

Khiva - Caravanserraglio Allakulikhan

Khiva - Caravanserraglio Allakulikhan

Nel 1806, alla porta Palvan-Darvaza di Khiva – Allakulikhan Caravanserraglio fu aggiunta una lunga galleria di stanze commerciali coperte da cupole. A questa porta, che chiudeva la strada più frequentata, si concentrò la vita commerciale della città durante il periodo Allakulikhan (1825-1842).

Nel XIX secolo in relazione all’espansione dei legami economici con Bukhara, la Persia e la Russia, Khiva ha bisogno di nuove aree commerciali. Nel 1832 – 1833, un enorme caravanserraglio fu costruito qui per ordine di Allakulikhan. Per collocarlo, il muro di Ichan-Qala vicino al palazzo Tash-khuli doveva essere demolito.

Il caravanserraglio era destinato alla sosta dei mercanti, allo stoccaggio delle merci e al commercio. Era composto da un grande cortile e da hujshras a due piani. L’edificio del caravanserraglio ha una forma rettangolare che si estende da sud a nord.

Il caravanserraglio Allakulikhan a Khiva è costruito come una madrasa e ha 105 camere. Gli alloggi erano al secondo piano, mentre i magazzini e le stalle erano al primo piano. Questo è l’unico caravanserraglio sopravvissuto nel Khorezm.

In termini di architettura, il caravanserraglio Allakulikhan è molto vicino a una composizione tipica di una madrasa. Tuttavia, il corridoio centrale è direttamente collegato al cortile. Ci sono due piani di hujras intorno al cortile.

C’è un mercato coperto a Khiva – direttamente di fronte al Caravanserraglio Allakulikhan – che corre lungo la facciata. Le dimensioni della struttura sono 69 x 58 metri, 46,3 x 42,4 metri. Così, il commercio, lo stoccaggio delle merci e l’alloggio dei mercanti erano concentrati in un solo luogo.

Il bazar coperto consiste in due grandi sale a cupola, alternate e parzialmente circondate da 14 sale a cupola più piccole, che si alzano a spirale su forti pilastri di mattoni e sono collegate da sedici archi passanti.

Grandi porte ad arco conducono da est e da ovest nel bazar coperto. Nella sua costruzione e scopo assomiglia al Palazzo Abdullah Khan nella città di Bukhara.

Al centro del muro settentrionale del bazar coperto si trova una terza porta che conduce al saray – l’unico “vero” caravanserraglio in tutta la vasta area dell’ex Khanato di Khiva.

Il suo ampio cortile quadrato è circondato da un muro di mattoni, lungo il quale sono disposti 105 hujshra. Questi hujra servivano come scali per i mercanti di seta in visita e per immagazzinare la seta grezza e i prodotti di seta.

Un ufficio doganale era situato nella porta hujras per raccogliere i dazi del commercio della seta. Il capannone e il bazar coperto, come menzionato nella descrizione della madrasa Allakulikhan, era un waqf della biblioteca cittadina.

Secondo il documento del waqf conservato nel museo di Khiva, le entrate del waqf dovevano essere spese principalmente per comprare libri e mantenere la biblioteca.

Uzbekistan

Nel 1806, alla porta Palvan-Darvaza di Khiva – Allakulikhan Caravanserraglio fu aggiunta una galleria con stanze commerciali coperte da cupole.

Degno di essere visto
Ichan Qala - Chiwa

Khiva - Complesso di Atajan Tura

Khiva - Complesso di Atajan Tura

Il complesso Atajan Tura fu costruito nel 1893 – 1899 dal fratello minore di Sayid Muhammad e si trova a Khiva nella regione di Khorezm. Rahimkhan II (Feruz) – era Atajan Tura, che fu temporaneamente proclamato Khan durante l’assedio russo della città.

Il 1° giugno 1873, Atajan Tura scrisse una lettera al legittimo Khan Sayid Muhammad Rahim su richiesta del primo governatore generale del Turkestan Kaufman, chiedendogli di tornare a Khiva.

Il 12 agosto 1873, il Khanato di Khiva e la Russia firmarono il trattato di Gandymyan. Il complesso di Atajan Tura a Khiva consiste in una moschea estiva e invernale, una medrese, una scuola, un bagno, ecc. Oggi l’intero complesso è completamente restaurato e ospita un centro di arte popolare.

Degno di essere visto

Khiva - Complesso Sayid Niyaz Shalikarbay

Khiva - Complesso Sayid Niyaz Shalikarbay

Il complesso Sayid Niyaz Shalikarbay fu costruito nel 1842 da un ricco mercante di Khiva. La nipote di Sayid Niyaz Shalikarbay Pashsha ana (nonna), che narra di suo nonno dalle parole di suo padre Hudaibergen ata (nonno), ricorda quanto segue: “Nostro nonno Sayid Niyaz Shalikarbay era chiamato il lavatore di scialli (dapmachi).

Suo padre era un ricco mercante, dopo la sua morte tutta la ricchezza fu ereditata da Sayid Niyaz.

Ha continuato ad espandere la sua produzione. Un giorno, Sayid Niyaz e il suo amico, il mercante di Bukhara, Eshmatbay, caricarono varie merci sui cammelli e partirono per l’Iran con una carovana.

Hanno avuto la fortuna di vendere tutta la merce che portavano in poco tempo e sono rimasti in Iran per diversi mesi dopo aver fatto amicizia con i commercianti del posto. Hanno speso tutto il denaro (tranne il capitale iniziale) che avevano guadagnato con il commercio con i loro amici, hanno mangiato e bevuto, fatto festa e consumato quasi completamente.

Ma dato che Sayid Niyaz bai era una persona aperta e generosa, non poteva lasciare la compagnia dei suoi amici. Quando fu il momento di tornare in patria, il suo amico Eshmatbay disse: – “Cosa faremo ora, cosa faremo ora?”. – Sayid Niyaz rispose: “Ora andremo al mercato e useremo il denaro (sarmoya) rimastoci il più possibile, compreremo delle merci, le caricheremo sui cammelli e torneremo a casa”.

Quando gli amici andarono al bazar, non avevano abbastanza soldi per comprare merce buona. Per questo motivo, dopo aver passeggiato per il mercato, si trovarono vicino a un giovane seduto in un angolo, rannicchiato come un vecchio, con barba e baffi incolti, in abiti stracciati, che vendeva gomma bianca o gomma Bukhari.

Dissero che non potevano comprare altro che gomma bianca con i soldi che gli rimanevano, inoltre, i giorni della festa musulmana (i’d-hayit) si avvicinavano e il commercio sarebbe stato probabilmente buono, così comprarono tutta la gomma bianca (ak sakich) dall’uomo.

Felicissimi, diedero al giovane il resto del denaro, caricarono il carico sui cammelli ed Eshmatbay andò a Bukhara e Sayid Niyaz a Khiva. Quando Sayid Niyaz arrivò a Khiva, schiacciò un pezzo di gomma da masticare e non poteva credere ai suoi occhi – monete d’oro (tillya), perle e pietre preziose caddero dai pezzi di gomma.

Sayid Niyaz Shalikarbay prese la precauzione di nascondere metà delle ricchezze in un luogo che conosceva e disse a sua moglie che questi tesori sarebbero stati sufficienti per le loro sette generazioni se lui non fosse tornato. Legò il resto del tesoro nella sua cintura e andò dal Khan.

Dopo aver ricevuto il permesso di ricevere, venne dal Khan e disse: “Se c’è un comando supremo, allora datemi il permesso di costruire una moschea con il denaro che ho acquisito in modo onesto. Allora Sayid Niyaz Shalikarbay depose le ricchezze che aveva portato davanti al Khan e gli raccontò la storia che era successa.

Il Khan rimase assorto in una lunga riflessione e poi disse: – “Per costruire la moschea, ti do il permesso, ma devi anche mandare al maestro la sua parte. “Così, a est della porta di Palvan-Darwaza Ichan-kala (nel territorio di Dishan-kala), fu iniziata la costruzione di una moschea.

Si dice che solo un maestro abbia lavorato nella costruzione della moschea e che il resto del lavoro sia stato fatto dai bambini. Ogni bambino che ha portato un mattone ha ricevuto una noce.

Per raccogliere le noci, i bambini correvano a raccogliere i mattoni e quindi la costruzione della moschea procedeva a ritmo serrato. Dopo che la costruzione è stata completata, i credenti hanno iniziato a pregare nella moschea.

Nei giorni della festa musulmana khayit, Khan e il suo entourage andavano al khayit namaz (preghiere in onore della festa) alla moschea Namazgah, situata fuori dalle porte di Gandimyan-darwaza a Dishan-Kala. Vedendo Sayid Niyaz Shalikarbay in piedi nell’arco di benvenuto davanti alla moschea, il Khan lo salutò con le parole “madrasa muborak” (“che la madrasa sia benedetta”) e passò con il suo entourage.

Sayid Niyaz fu sorpreso e disse tra sé: “Perché il Khan ha detto questo! Poi, pensando che la parola pronunciata dal Khan non dovesse rimanere inascoltata, iniziò a costruire una madrasa sul lato est di una moschea.

La moschea fu costruita durante il regno del Khan Allakuli di Khiva. La costruzione della moschea ha richiesto quanto segue: La moschea dovrebbe essere coperta e avere spazio per molte persone, e la parte interna del cortile dovrebbe avere luoghi freschi per il riposo dei musulmani (durante i mesi caldi). Esattamente queste condizioni sono ora presenti nella moschea del complesso Sayid Niyaz Shalikarbay a Khiva.

Il complesso Sayid Niyaz Shalikarbay consiste in una moschea (invernale ed estiva), una madrasa a due piani, un minareto e due cortili. La moschea invernale è una struttura monumentale con nove cupole che poggiano su quattro pilastri massicci. La moschea ha tre porte su tre lati, l’ingresso principale dalla porta nel muro aiwan sul lato nord.

L’aiwan della moschea estiva ha tre colonne di legno che mostrano le migliori tradizioni dell’intaglio del legno a Khiva. Sulle colonne dell’aiwan nelle spire modellate è scritta in scrittura araba la data dell’anno Hijrah 1212 (1797). Sulle pareti dell’aiwan della moschea d’estate ci sono pannelli decorati con intagli gunch.

Ci sono pannelli a motivi sulle pareti dell’Aiwan della Moschea d’Estate. La medrese è attaccata al lato nord-est della moschea. Ha due piani, cinque hujra al piano terra e sei al piano terra. Attualmente, la moschea funziona come moschea Jame di Khiva e del distretto.

Degno di essere visto

Khiva - Complesso Sha Qalandar Bobo

Khiva - Complesso Sha Qalandar Bobo

Il complesso Sha-Qalandar Bobo consiste in una madrasa a un solo piano e un minareto. Il complesso fu costruito alla fine del XIX secolo nel luogo di sepoltura dello sceicco Sha-Qalandar Bobo a Khiva.

Secondo la leggenda, Sha-Qalandar Bobo o Sheikh Qalandar Bobo era uno sceicco sufi e venne a Khiva in cerca della fede insieme ai suoi due fratelli Dervisci.

Qui rimasero, apparentemente non volendo separarsi dalla loro amata città.

La città e la sua gente, a cui ha insegnato il sufismo, lo hanno ringraziato costruendo questo bel complesso, il Mausoleo di Sha-Qalandar-Bobo, in suo onore qui a Khiva. Il mausoleo Sha-Qalandar-Bobo si trova al centro del cimitero omonimo e si trova a sud-ovest della Bikanjan Bika Medrese.

Il complesso è stato restaurato nel 1997, ha un portale con una sola cupola e una tomba. C’era un mausoleo a tre camere del XVI secolo con due camere di sepoltura, di cui sopravvive una struttura a cupola con un portale.

Ai margini del cortile della madrasa si trova una fila di hujrasas residenziali, sale a cupola della moschea e aule. Il portale della facciata principale della madrasa ha un minareto di 18 metri di altezza e 6 metri di diametro alla base.

Secondo un’antica leggenda, la città di Khiva fu costruita intorno a un pozzo scavato da uno dei discendenti del biblico Noè. Secondo la leggenda, l’acqua di questo pozzo era particolarmente pura e deliziosa. Si trova ancora nella città ed è uno dei monumenti dell’antichità. Khiva fu fondata più di 2,5 secoli fa, dopo di che divenne uno degli insediamenti più ricchi e prosperi del Khorezm. All’inizio della sua nascita, la città fu succeduta da varie dinastie regnanti, fu ripetutamente conquistata da tribù bellicose, e all’inizio del XIII secolo, le truppe di Gengis Khan distrussero quasi tutta la città.

Degno di essere visto
Scheich Mavlon Bobo Komplex in Chiwa

Khiva - Complesso Sheikh Mavlon Bobo

Khiva - Complesso Sheikh Mavlon Bobo

Il complesso Sheikh Mavlon Bobo fu costruito nel XIX secolo nel villaggio di Qiyot vicino a Khiva e consiste in un complesso di moschee, cimitero e minareti. Il cimitero qui è la tomba di Shermuhammad Munis e Muhammad Rizo Erniyozbek Öghli Ogahiy. Il mausoleo è stato ristrutturato tra il 1989 e il 1999. Il complesso Sheikh Mavlon Bobo a Khiva è stato restaurato nel 1999 alla vigilia del 190° anniversario della battaglia di Akhavi.

Shermuhammad Munis Chorasmiy (1778-1829) fu un poeta di talento, pittore, calligrafo, traduttore, storico, studioso, poeta e insegnante, politico. Aveva un meraviglioso “Mirob” della sua vita “Munisul-ushaq”, “Un amico dell’amante”, così come “L’educazione di Sawodi” come insegnante e “Firdavs-ul-ikbol” come traduttore.

Muhammad Rizo Erniyozbek Öghli Ogahiy (1879-1874) fu uno dei grandi esponenti della letteratura del XIX secolo. Era il nipote di Munis e fu educato da Munis. Era uno studioso e un poeta maturo, traduttore e storico del Khanato dopo Munis. Ha fondato una scuola per tradurre più di 20 culture, che sono considerate rari capolavori della letteratura e della cultura mondiale. Questo è stato scritto in Riyad-ud-dawla (1825-1842) nel 1844. “Zubdat ut-tavorikh” (1843-1846) fu pubblicato nel 1846, l’opera “Sultan Jaml” (1846-1855), scritto nel 1856 “Davlat Gulshani” (1856-1865), un lavoro scritto nel 1865, (1865-1873) è stato scritto sulle pagine di carta Kokand in inchiostro rosso su una copertina di pelle rossa, il nome dell’artista e l’anno, 227 pagine , 14-25 cm. L’opera rappresentava la storia di Khorezm nella sua interezza nelle guerre ed era dedicata all’Emirato di Bukhara e al Khanato di Kokand con la Russia.

Con le sue opere sulla storia dell’anarchia, sviluppa e promuove le tradizioni di Munis in questo campo. “Firdavs-ul-iqbol” di Munis e Ogahiy ha cinque opere sulla storia del Khorezm, non solo lo studio della storia del popolo uzbeko, ma anche dei fratelli tagiki, kazaki, turkmeni, karakalpak, russi, e la storia, la cultura, l’arte, le tradizioni, la psicologia del popolo afgano, l’origine di questi popoli, la fonte di sostentamento, ecc. È caratteristico che queste opere siano state scritte dal famoso poeta, dai Munis progressivi e dagli Ogahiys in quanto sono basate sulla storia, la vita, il lavoro quotidiano, la costruzione di moschee, medre, vari eventi, rivolte popolari, la vita e il lavoro di grandi persone, studiosi, poeti e altre informazioni descritte in modo accurato e preciso.

Ci sono 14 opere dell’autore, di cui 22 sono conservate in 11 copie nel Collegio di Studi Orientali intitolato a Beruni.

Degno di essere visto
Dishan-Kala in Khiva

Khiva - Dishan Kala

Khiva - Dishan Kala

Dishan-Kala significa “città esterna”, “fortezza esterna”. Dopo un’altra incursione nel Khorasan, 20.000 abitanti del sud furono trasferiti con la forza a Khorezm e alla sua capitale Khiva. Le mura di Dishan-Kala furono costruite nel 1842 – 1889 per proteggere ulteriormente la città di Khiva dai frequenti attacchi turcomanni. La lunghezza delle sue mura è di circa 6 chilometri.

Anche i palazzi suburbani del Khan, Rafanik e Nurullabay, rientravano nei limiti della città. Da allora, il grande anello della città divenne noto come Dishan-Kala. Il Dishan-Kala è stato costruito secondo i metodi indigeni – ad ogni famiglia di tutto il khanato è stato assegnato un dipendente per un periodo da 12 a 30 giorni all’anno, il che significa che ogni giovane doveva lavorare qui.

Il rafforzamento di Dishan-Kala era necessario non solo per garantire la sicurezza degli abitanti dei sobborghi, ma anche per proteggere le proprietà del khan e della nobiltà fuori dalle mura di Ichan-Kala.

Nell’interesse della proprietà feudale, Alla-Kuli-khan non smise di costruire le mura di Rabad finché non estese le difese della città, che erano piuttosto pericolose con il numero relativamente piccolo dei suoi abitanti e l’insignificante esercito che il khan poteva possedere a quel tempo.

Secondo la leggenda popolare, le mura furono costruite in sole sei settimane e un quarto dell’intera terra fu raccolto per il lavoro. Si diceva che l’intera popolazione contadina di Beshkal (Mangit, Shavat, Khiva, Khazarasp e Urgench) fu riunita per la costruzione delle mura di Dishan-Kala e costretta a lavorare per tre anni (36 giorni lavorativi).

C’erano 10 porte rivestite di mattoni cotti disposte nelle mura del Dishan-Kala, cioè (in senso orario):
1) Hazarasp – a est lungo Hazarasp Road.
2) Pishkanik – a est, prende il nome dal villaggio di Pishkanik.
3) Bagishamol – nel sud, che prende il nome da un grande giardino di Allakuli-khan (prima prendevano il nome dal villaggio Angarik).
4) Sheikhlar – nel sud, dopo un villaggio che apparteneva al Waqf di Pahlavan-Mahmud Gumbez.
5) Tazabagh – nel sud, che prende il nome dal giardino di terra di Muhammad-Rakhimkhan II, e prima era chiamato kishlak Sirchali.
6) Shahi-Mardan – a ovest, conosciuto come Kishlak.
7) Dash-ayak – nel nord, dal nome del villaggio.
8) Kosh-Darvoza – nel nord lungo la strada per Urgench, che prende il nome da due porte ad arco (kosh).
9) Gadaylar – a nord; la strada per raggiungerli passa attraverso il quartiere Gadaylar (mendicante) fino a Dishan-Kala, da cui prendono il nome.
10) Gindum-Kan – nel nord, dal nome del villaggio.

Dishan-Kala era un normale Rabad di una città dell’Asia centrale: la massa principale della popolazione era costituita da artigiani, lavoratori a giornata, commercianti e un piccolo numero di agricoltori.

Dishan-Kala è meno affollato di Ichan-Kala. È irrigato dagli aryks (canali d’acqua) e vi si trovano spesso i propri giardini e piantagioni di alberi, che sono completamente assenti a Ichan-Kala.

Dishan-Kala ospitava, come oggi, bazar, negozi e file di artigiani della città di Khiva. Dei monumenti storici di Dishan-Kala, solo la costruzione del mercato degli schiavi ai tempi di Allakuli-Khan merita un’attenzione speciale.

Degno di essere visto
Ichan Qala - Khiva

Khiva - Giardino a Dishan Qala

Khiva - Giardino a Dishan Qala

Il giardino di Dishan-Qala, nella città storica di Khiva, consiste in diversi cortili separati con alte pareti di fango, una sala di ricevimento, un cortile di ricreazione, un harem e altri servizi in mezzo alle piantagioni del giardino.

Il giardino aveva tutti i tipi di uva, mele, pere, prugne, fichi, melograni, pesche, ecc.

Il giardino era diviso in metà maschile e femminile ed entrambe avevano havuze (bacini d’acqua) sulle cui rive c’erano pergolati e terrazze – aiwans. Le rive delle havuze, i cortili, i bordi dei giardini e tutti i sentieri che vi conducevano dalla città di Khiva erano piantati con ombrosi hujschumen (olmi sferici).

Intorno a questo giardino c’erano anche i giardini degli eredi al trono e dei vari funzionari del khanato. Giardini simili dei nobili feudali di Khiva erano sparsi in tutti i sobborghi più vicini della città. Questi giardini furono creati principalmente sotto Allakuli-Khan.

All’inizio del XX secolo, il giardino Nurullabay di Dishan-Qala occupava un posto centrale nella vita amministrativa e politica della città di Khiva. I diwan (amministrazione), il corpo di guardia e l’harem* di Isfandiyar-khan erano situati lì. Nell’area di questo giardino, dietro il muro di Dishan-Kala, il centro di una nuova vita culturale di Khiva cominciò ad emergere.

Con la conquista russa dell’Asia centrale e con la rivoluzione d’ottobre che seguì, molte strutture e giardini di Ichan-Qala e Dishan-Qala furono distrutti.

*Il termine harem (in arabo: حريم‎, harīm, o haramlik, propriamente “luogo inviolabile” o “proibito”)[1] indica il gineceo: il “luogo riservato” destinato alla vita privata delle donne nel mondo islamico medievale e moderno (fonte: Wikipedia).

Degno di essere visto
Kunya-Ark in Ichan Qala in Chiwa

Khiva - Harem a Kunya Ark

Khiva - Harem a Kunya Ark

Kunya-Ark è una fortezza storica di Khiva, uno dei palazzi del Khan di Ichan-Kala. La storia dell’origine della fortezza è inseparabile dalla storia di Khiva. Solo alcuni edifici del XIX secolo rimangono sul territorio dell’Arca. Qui nell’Arca, oltre alle residenze dei khan e dei funzionari di corte, c’erano le istituzioni statali, la zecca, le moschee estive e invernali, l’harem, l’armeria, l’officina per la produzione di proiettili e cartucce, il magazzino, la cucina, le stalle, lo zindan e l’area speciale per il combattimento degli arieti, la sala di ricevimento (salamkhana, arzkhana per il ricevimento, per il trattamento delle denunce e delle domande).

L’harem si trova lungo il muro settentrionale di Kunya-Ark a Khiva ed è separato dal resto del complesso da un alto muro comune con un piccolo ingresso (ora abbattuto). È un’alternanza di stanze separate con aiwan che si estendono in fila da ovest a est, di fronte a un cortile comune.

L’harem occupava più della metà dell’area totale dell’Arca di Kunya. Cinque aiwan ombreggiati separano alloggi simili dove il sovrano di Khiva viveva con le sue quattro mogli principali. Dall’altra parte vivevano le concubine e i servi. La parola “harem” risale alla parola araba “haram”, cioè “proibito”. L’ingresso nella zona era severamente proibito a tutti gli uomini tranne che al sovrano. Tuttavia, non si parlava di vita dissoluta, di lussuria sfrenata e di orge sfrenate, almeno negli harem dell’Asia centrale. Piuttosto, la modestia caratterizzava la vita strettamente regolata negli harem dei khan.

Le pareti all’interno degli harem sono intonacate con gantsch e in alcuni luoghi decorate con pannelli intagliati o gruppi di nicchie con intagli a traforo su gantsch. Le aiwan sono a una sola colonna e decorate in modo semplice come le camere. Questo harem a Kunya-Ark a Khiva fu costruito da Muhammad-Rahimkhan (quest’ultimo).

Degno di essere visto
Ichan Qala in Chiwa

Khiva - Itchan Kalа

Khiva - Itchan Kalа

Itchan Kalа è un centro storico di Khiva, circondato da mura che servivano come protezione dai nemici. Itchan Kalа è orientato con i suoi lati verso le direzioni cardinali; la sua lunghezza da nord a sud è di circa 650 metri, la larghezza – circa 400 metri, quindi la sua superficie è pari a 26 ettari.

Ci sono quattro porte che portano alla città: la porta settentrionale – Bakhcha-Darwaza, o porta di Urgench; la porta occidentale – Ata-Darwaza; la porta orientale – Palvan-Darwaza (ex porta Khazarasp) e la porta meridionale – Tash-Darwaza o Kunya-Bazar-Darvaza.

Intorno alla fortezza corre un antico fossato, meglio conservato nella parte meridionale. Le sue mura poggiano su un alto e piuttosto ripido terrapieno, che in alcuni punti si trova interamente sotto il cimitero moderno.

Le mura, dotate di potenti torri, danno alla fortezza un aspetto monumentale. Il livello della superficie di Itchan Kalа è 3-6 metri più alto di quello di Dishan Qal’a (città esterna) a Khiva. A giudicare da una serie di tagli in fosse, questa elevazione è fatta di sabbia coperta da strati culturali spessi da 1 a 1,5 m.

Ai piedi della collina Itchan Kalа ci sono effettivamente le cosiddette fosse di sabbia barchan, che sono menzionate nelle leggende popolari sopra menzionate sulla fondazione di Khiva. Le mura di Itchan Kalа sono basse ma molto spesse.

All’interno sono quasi verticali e all’altezza di 6 – 7 metri hanno un treno per i combattenti, che è coperto davanti da un sottile parapetto alto due metri con feritoie. Le pareti sono ripide nella parte superiore all’esterno e si inclinano ripidamente al centro per prevenire le frane. Le pareti sono alte 7-8 metri. Sono più spessi sul fondo (5-6 metri).

La larghezza del muro è di 2-2,5 metri. I bastioni sono incorniciati da merli e hanno feritoie triangolari e quadrate per facilitare il puntamento. Le torri consistono in grandi bastioni semicircolari che sono solidi all’interno e hanno le stesse feritoie delle mura, ma nessuna feritoia sul davanti – solo sui lati per proteggere gli ingressi alle mura.

Le torri non hanno feritoie sul davanti, ma ce ne sono alcune sui lati per proteggere gli ingressi alle mura. I muri all’esterno erano costruiti in semplice pakhsa (la pakhsa è argilla battuta (pressata) usata per le costruzioni in Asia centrale) in muratura d’epoca. Questo materiale è stato apparentemente realizzato quando Muhammad-Amin-Inak ha restaurato le pareti alla fine del XIX secolo.

Nelle zone distrutte, la muratura sottostante è esposta, divisa in blocchi. Questo tipo di muratura divisa in blocchi è ben noto dalle strutture architettoniche e di fortificazione di Choresm nei secoli X-XII d.C. Chr. ma, come sappiamo, ha tradizioni piuttosto antiche.

Sul lato interno del muro, i resti di muratura in mattoni di fango, di dimensioni 36 x 36 x 9 cm, 38 x 38 x 10 cm e 37 x 39 x 10 cm, sono stati scoperti all’estremità inferiore del muro; file orizzontali di essi intervallati da strati di pakhsa di 10 – 12 cm di spessore.

Sopra questa muratura, fino alle fondamenta, c’era una muratura molto particolare che consisteva in lastre quadrate di mattoni grezzi larghe da 50 a 60 cm e spesse da 5 a 20 cm, posate direttamente sul bagnato (alcune erano mal piegate) su un fango spesso, che le faceva affondare o aderire al muro.

L’epoca di quest’ultima muratura non ci è chiara, la troviamo anche in parti relativamente tardive delle mura di Khazarasp, ma non è presente in nessuno dei monumenti che ovviamente risalgono al periodo pre-mongolo.

La corretta muratura di grandi mattoni, di cui si possono seguire le tracce ai piedi del muro, è molto vicina ai modelli di costruzione del 5°-8° secolo d.C. a Khorezm. Secondo le fonti scritte, Khiva è conosciuta fin dal X secolo, ma i dati archeologici ci permettono di stabilire definitivamente che la città esisteva all’interno di Itchan Kalа fin dal VI-VIII secolo d.C. e ha mantenuto la sua disposizione generale fin da allora.

Alcune prove circostanziali suggeriscono che le origini della città risalgono a un’età ellenistica più antica, ai primi secoli prima e dopo l’inizio della nostra era.

La fortezza è molto ben conservata in tutto. Solo in un punto, 60-70 metri a est della porta Bakhcha-Darwaza, il bordo è stato scavato per costruire.

Questa sezione del muro ha rivelato parti di un’antica fortificazione sotto forma di torri poliedriche e circolari, che si trovavano al centro dell’altezza del muro. Entrambi erano fatti di pakhsa, che è stato rotto in blocchi dalle superfici.

L’importanza delle parti antiche delle fortificazioni può essere facilmente spiegata confrontandole con i monumenti dell’architettura delle fortezze del periodo pre-mongolo: le rovine della città di Zamakhshar vicino alla città di Tashauz e le montagne di Uly-Guldursun e Kovat-Kala nella regione di Turtkul in Karakalpakstan, che furono costruite secondo un unico sistema.

In tutti e tre i casi, il muro principale con le torri era circondato da un secondo muro di cinta, che aveva la forma di un semplice parapetto con proiezioni di piccole torri semicircolari o poliedriche. Le torri trovate sono i resti di un tale muro della fortificazione medievale di Khiva. Essi indicano che Khiva nel X – XII secolo era molto simile nell’aspetto alle rovine della fortezza di cui sopra. All’interno di Itchan Kalа c’è solo una strada più o meno diritta, che può essere convenzionalmente chiamata la strada principale, che collega la porta orientale Palvan-Darwaza con la porta occidentale Ata-Darwaza.

Il resto della piazza è coperto da una fitta e disordinata rete di stradine, vicoli e cul-de-sac. La maggior parte dei monumenti di maggior valore architettonico e storico di Khiva sono concentrati nella parte centrale di Itchan Kalа; si estendono da est a ovest in una larga fascia su entrambi i lati della “strada principale”.

Sul lato nord della porta Palvan Darwaza si trova la Medrese Allakuli-khan, affiancata a nord da un bazar coperto (tim) e dal saray. Di fronte al saray sul lato occidentale, dall’altra parte della strada, si trova il palazzo di Allakuli-khan – Tash-Hauli.

A sud, di fronte alla porta Palvan Darwaza, si trovano i bagni e la moschea Ak di Anushakh. A qualche distanza a sud-ovest della moschea Ak si trova l’alto minareto dell’Islam Khoja con una piccola madrasa.

A ovest della moschea Ak, passando una serie di architetture semplici e tardive, madrase e altri edifici, si incontra un secondo minareto alto e una grande moschea Kalon sul lato sinistro della strada.

A sud, la cupola blu del Pahlavan Mahmud Gumbez si erge in mezzo al cimitero. A sud, dall’altra parte della strada, c’è la madrasa Shirgazi-Khan.

A ovest del palazzo Tash-Khauli, lungo il vicolo che passa per la Medrese Muhammad-Amin-Inak, si trova la Medrese Arab-Khan. Sul lato nord della porta Ata-Darwaza si trova la vecchia cittadella del Khan Kunya-Ark di Khiva e sul lato sud si trova la medrese a due piani di Muhammad-Amin-Khan e il minareto incompiuto Kalta Minar o Kuk Minar, splendente con le sue tegole.

Degno di essere visto

Khiva - Kalta Minor

Khiva - Kalta Minor

Uno dei minareti più famosi di Khiva è il Kalta Minor incompiuto (chiamato anche Kuk Minaret o Minareto incompiuto) di Muhammad Aminkhan. La forma del minareto è una specie di tronco di cono, che sembra molto impressionante anche quando non è finito. Ci sono molte storie e leggende tra la gente locale su ciò che è successo.

Si dice che il Khan di Khiva ordinò la costruzione di un grande e alto minareto nella città: “Si dovrebbe poter vedere Bukhara dal minareto”. L’emiro di Bukhara, che aveva sentito parlare di questo, venne dal maestro che costruì il minareto, gli parlò e promise di dare molto denaro; aveva intenzione di costruire una torre simile anche a Bukhara. Il Khan di Khiva lo venne a sapere e ordinò che i mastri costruttori fossero buttati fuori dalla torre dopo la fine dei lavori di costruzione. Il Khan non voleva che lo stesso minareto fosse costruito altrove. Quando l’hanno imparato, hanno costruito delle ali o hanno annodato una corda e l’hanno usata per scendere e fuggire, o almeno così ci dicono i miti e le leggende.

Supponendo una contrazione dinamica dal Kalta Minor di Khiva, dovrebbe raggiungere un’altezza di circa 100 metri quando sarà completato e sarà il minareto più grande e più alto del mondo. L’attuale minareto più alto si trova a Delhi, è il Qutub Minar con un’altezza di 72,5 metri, 15,5 metri di diametro, 2,5 metri di diametro in cima (Kalta Minor a Khiva ha un diametro di 14,5 metri, è alto 29 metri e profondo 15 metri alla base).

La cima del minareto è raggiunta da una scala da un secondo piano, cioè si può accedere al minareto tramite scale a chiocciola di legno che portano verso l’alto. Questi gradini sono stati restaurati di tanto in tanto.

La costruzione del Kalta Minor fu iniziata nel 1853 da Muhammad Aminkhan e fermata nel 1855 dopo l’assassinio del Khan durante la campagna da Khiva all’Iran settentrionale e l’adesione di Abdullakhan.

Le iscrizioni mancanti in scrittura araba in farsi, su maiolica, che erano cadute dalla cima del minareto nel corso del tempo, sono state restaurate nel 1997, alla vigilia del 2500° anniversario della città di Khiva.

Rustam Tahirov, maestro restauratore di maioliche, ha restaurato le lettere sulla maiolica. Il contenuto del loro testo è approssimativamente il seguente: “È stato eretto un alto minareto che porta gioia all’anima umana. Il cielo non ha ancora visto una cosa simile. La sua gloria ha raggiunto gli emiri della terra. I suoi lati sono privi di difetti e mancanze. Se lo si guarda con gli occhi della rettitudine, il cipresso che lo precede sarà come paglia fine. È meglio dell’albero del tubo per calmare i cuori. Il suo bellissimo aspetto ha cambiato la faccia della terra e del cielo come un paradiso. È diventato una specie di pilastro del cielo che la mente non può comprendere”.

Per questo motivo, il poeta Muhammad Reza Agachi ha scritto l’anno della sua costruzione: “La Colonna del Cielo senza fine, costruita nell’anno di Hijrah 1271 (1855)”. A proposito della costruzione del minareto, il Mullah Alim Makhdum Hoji scrive quanto segue nella sua opera “Storia del Turkestan”: “Dopo il completamento della costruzione della madrasa, un decreto fu emesso per ordine del Khan sulla costruzione del minareto più alto vicino alla madrasa.

Durante la continuazione della costruzione del minareto (1855), Muhammad Aminkhan intraprese una campagna in Iran e morì come martire (Shahid), di conseguenza, il minareto che aveva iniziato a costruire rimane incompiuto.

Infatti, la storia di questo evento è la seguente: Muhammad Aminkhan fu ucciso nell’anno Hijrah 1271, il secondo giorno della settimana, Dushanbe (lunedì), del mese di Jumadul Okhir nel territorio di Qonlitepa, che è sotto i Serakh.

Aveva circa trentacinque anni quando i turcomanni lo uccisero e gli tagliarono la testa, che fu portata a Teheran, il palazzo dello scià, insieme al suo copricapo (kulakh), alla corona e ad altre cose il quindicesimo giorno di quel mese.

Ma Nasriddinshah non era soddisfatto di questo atto dei turkmeni. Perché il sovrano di Khivak e il figlio del Khan di Khorezm, a partire dai suoi padri e nonni, e lo Scià dell’Iran hanno servito Allah fedelmente e rispettato i fondamenti dell’Imam Mawlai Hanif Ahmadiyya, nell’interesse del Profeta Muhammad (S.A.V. ), (egli) senza molte esitazioni, emise il decreto dello scià di costruire un mausoleo con un’alta cupola a Teheran, vicino alla porta centrale dello stato, in cui tutti i suoi averi e le provviste furono sepolti insieme alla testa del Khan, fu recitata una preghiera commemorativa dal Corano e furono date donazioni ai poveri e ai bisognosi per placare i suoi spiriti.

La base della storia di Qonlitepa è che Muhammad Aminkhan faceva una campagna militare (chapovul) ogni anno per punire i turcomanni disobbedienti di Merv e Serakhs, compresi gli iraniani.

In una di queste campagne, nella battaglia di Qonlitepa, una persona chiamata Niyazkhan ibn Urazkhan Serakhsi decapitò il Khan e si impadronì dei suoi beni e del suo equipaggiamento. Tra i visir e i comandanti, 14 persone che erano fratellastri da parte di padre, per un totale di 32 persone, furono uccise nella battaglia. Tra questi, i Qozi di Khorezm, Bekchan Divanbegi, Khudayarbiy, Abdulla Mahram, Davlatyarbiy, Bekchan Sardar, Niyazkuli Mingbashi, Allakuli Yuzbashi, Haknazar Mingbashi, Davlatyaz Yuzbashi, che arrivarono in soccorso alla testa di 1000 cavalieri.

Bekmurad e Muhammad Sheikh Arbab fecero ripetutamente irruzione (chapovul) nel Khorasan con 2000 cavalieri. Di questi, 70 uomini sono stati uccisi. Jafar Okai, che era il sovrano e il suo visir Mirahmad Jamshidi, furono entrambi gravemente feriti”.

Tuttavia, anche in questo stato, il minareto appare maestoso e bello. È decorato con piastrelle di maiolica di diversi colori. All’inizio del nostro secolo, dopo averlo glorificato, la gente lo soprannominò “Ulli minar” (“Il Grande Minareto”). “Kok minar” (“Minareto blu”).

I contemporanei descrissero così Muhammad Aminkhan. Mirza Rizakulihan Sherozi Lalabash, che venne come ambasciatore dalla parte dello scià dell’Iran, lo racconta così nel suo Libro dei Viaggi: “In questo vilayat non ci sono risse, litigi, furti o rifiuto di restituire il denaro preso in prestito.

Nessuno discute con un altro, nemmeno alza la voce. Se una persona, non importa a quale classe appartenga, ha qualcosa da comunicare, può andare da Sua Altezza, Khan Muhammad Aminkhan ed esprimere la sua preoccupazione (reclamo) senza ostacoli.

Se si tratta di una questione secolare, prende lui stesso la decisione, ma se si tratta di una questione di sharia, la affida al Qozi Kalon. L’imam non ha altre pretese sulla proprietà di altre persone.

Quando si tratta di zakat, egli fa pagare una parte su quaranta; non opprime in materia di denaro. Tutto costa poco in questa terra, i frutti sono abbondanti e molto saporiti e i loro meloni sono eccellenti, i frutti del gelso (tut) sono più saporiti che a Shamran e gli anjir (fichi) sono migliori che a Mazandaran.

Ma l’uva non è così buona. Le fattorie e i canali sono pieni d’acqua. Il Khan di Khiva si prese la briga di fornire acqua e terra ai suoi sudditi. Ad ognuno di loro fu assegnato un tanap di terra, ad ognuno di loro che andava in viaggio fu dato un cavallo, e ad ognuno di loro furono dati due cammelli per caricare i loro carichi per il viaggio.

Pertanto, i suoi diecimila soldati, che non ne sanno nulla (dei nemici), appariranno come trentamila e incuteranno timore nei cuori degli stranieri. La zona intorno al palazzo (di Urda) è stata scavata.

Se il cavallo o il cammello di qualcuno muore durante la marcia, il proprietario è compensato per la perdita in denaro del suo valore, e ogni persona che ritorna dalla marcia riceve cinque tomans. Il salario di ogni uomo non supera i cinquanta tomans.

Per questo il Vilayat è prospero e le sue casse non sono mai vuote”, conclude la sua descrizione del comportamento e delle maniere della gente locale. La madrasa di Muhammad Aminkhan è stata restaurata e trasformata in un hotel nel 1979.

Degno di essere visto
Zitadelle Kunya Ark in Chiwa

Khiva - Kunya Ark Cittadella

Khiva - Kunya Ark Cittadella

Kunya Ark è una cittadella storica nella città di Khiva. Lo spessore degli strati culturali suggerisce che l’area della fortezza (circa 1 ettaro) fu abitata per molto tempo. Molto probabilmente, fu la prima costruzione che servì come inizio della fondazione della città.

Secondo Abulgazikhan, non c’era una cittadella dell’Arca a Khiva negli anni 90 del XVI secolo. Si sa anche che un nuovo Kurinishkhona (ricevimento) fu costruito su questo sito al tempo di Arangkhan (1686 – 1688).

La storica cittadella Kunya Ark collega il muro occidentale di Ichan-Kala con la residenza di Ak-Sheikh Bobo a Khiva. Alla fine del XIX secolo, la cittadella Kunya Ark divenne una “città nella città” e fu separata da Ichan-Kala da un alto muro.

La cittadella Kunya Ark era l’antica residenza ufficiale del Khan di Khiva. Ospitava la cancelleria, l’arsenale, la zecca, la moschea e la sala per i ricevimenti. È una fortezza, non un palazzo, circondata da un alto muro di mattoni di fango.

Al centro di questa fortezza si trova una struttura religiosa – una torre del leggendario santo Ak Sheikh Bobo. È separata da Ichan-Kala (centro storico di Khiva) da possenti mura di fortezza perfettamente conservate. Sul territorio della cittadella di Kunya-Ark c’erano il palazzo del Khan di Khiva, le moschee invernali ed estive, il mulino delle polveri, la zecca, il tribunale, le officine, i magazzini e altri edifici.

Poco rimane della costruzione della cittadella: entrambe le moschee, la zecca, l’edificio dell’harem, il corpo di guardia alla porta orientale. Le porte e i balconi degli edifici sono decorati con abili sculture in legno.

Del palazzo del khan rimane solo la Kurinish-khona (sala di ricevimento dei visitatori), composta dalla sala del trono e dalle stanze per l’archivio dei manoscritti rari e la tesoreria del khan.

Nella sala del trono, le colonne di legno su una base di marmo intagliato e i pannelli di maiolica sul soffitto attirano l’attenzione. La Moschea d’Estate conserva anche l’unico soffitto dipinto e le maioliche in rilievo sui muri.

L’attuale complesso Kunya Ark fu restaurato all’inizio del XIX secolo. La piazza vicino all’entrata dell’Arca di Kunya era usata per le parate militari e le battaglie di addestramento.

C’era anche un luogo speciale per l’esecuzione delle sentenze e uno zindan (prigione) adiacente alle mura orientali dell’Arca Kunya.

La zecca è stata restaurata e il suo arredamento del XIX secolo è ricreato con manichini di maestri di zecca del XIX secolo e un’esposizione di monete, seta e carta moneta.

All’interno dell’edificio a due piani dell’harem, i visitatori possono aspettarsi interni e alloggi di lusso. Si ritiene che la cittadella Kunya Ark di Khiva sia stata costruita sulle rovine di strutture precedenti.

Durante gli scavi archeologici, qui sono state trovate monete e frammenti di ceramica del periodo storico precedente. Il primo edificio di Kurinish-khona fu costruito nel 1686 – 1688 da Arang Khan e fu ricostruito a metà del XVIII secolo, durante l’invasione dell’Iran. Fu distrutta a metà del XVIII secolo durante l’invasione iraniana.

L’edificio moderno fu costruito nel 1804 – 1806 da Iltuzar-khan. L’Aiwan di Kurinish-khona fu ricoperto di maiolica durante il regno di Allakuli-Khan. Kurinish-khona consiste di diverse stanze: cortile aperto, aiwan, sala con trono e stanze laterali nella parte occidentale del cortile (tesoro del khan, stanza per conservare i manoscritti, stanze per la ricreazione).

Al centro del cortile c’era un rialzo rotondo sul quale era stata eretta una yurta, dove il khan riceveva gli ambasciatori dei suoi vicini nomadi. Il trono del khan si trovava contro la parete sud della sala del trono ed è ora in un museo di Mosca. Era fatta di legno e ricoperta di piatti d’argento con ornamenti finemente intagliati.

Degno di essere visto
Ichan Qala - Khiva

Khiva - Kurinish khana

Khiva - Kurinish khana

La Kurinish-khana di Khiva fu iniziata a costruire da Eltazar-Khan sotto la direzione del suo consigliere capo Yusuf-Mikhtar. Si tratta di un cortile separato circondato da un basso muro di terra comune.

Vi si accede attraverso l’unica porta piuttosto stretta nel muro orientale e si entra nel cortile con una terrazza circolare di mattoni nel mezzo, che era destinata alla costruzione della yurta.

In questa yurta, i khan di Khiva ricevevano i sardar e i biy turkmeni e karakalpak, deliberatamente adattati ai loro gusti e alle loro tradizioni nomadi. A sinistra dell’entrata, sul lato sud del cortile, c’è un bellissimo aiwan su una piattaforma di mattoni sostenuta da due pilastri intagliati.

I muri di Aiwan sono interamente rivestiti di mattoni dipinti, con fiori bianco-verdastri su uno sfondo blu. Sotto il soffitto dell’Aiwan c’è un solido volume di poesia in uzbeko.

Il soffitto dell’aivan fu restaurato nel 1934 e ridecorato con motivi vegetali multicolori. Nel muro meridionale dell’aivan ci sono tre uscite con porte intagliate che portano all’interno della sala di ricevimento o del trono.

La stretta sala del trono si estende per tutta la lunghezza dell’aivan. Nel breve muro occidentale della Kurinish-khana, fu fatta un’alcova per il khan per sedersi, mentre il resto della stanza era per gli ospiti di Khiva.

Degno di essere visto

Khiva - Kutlug Murad Inak Madrasa

Khiva - Kutlug Murad Inak Madrasa

Kutlug Murad Inak è la prima Madrasa a due piani di Khiva, costruita secondo lo schema di Bukhara, con alcune semplificazioni della struttura, le grandi sale della Darskhona (sala di studio) sono state omesse, non ci sono aiwan profondi (terrazza, sala di udienza) nel cortile, le hujschras (hujra o chudra descrive una cella, un piccolo spazio vitale per gli studenti, in una madrasa) sono state costruite al suo posto.

C’è una storia interessante sulla costruzione della tomba di Kutlug Murad Inak, che voleva che fosse sepolto nella madrasa che aveva costruito, come la maggior parte dei governanti di Khiva.

Ma morì a Dishan-Kala (Città Esterna – Fuori Ichan-Kala) e fu deciso che non era un buon segno portare il defunto attraverso le porte della città a Ichan-Kala. Così il clero ricorse a un trucco: le mura di Ichan-Kala alla porta orientale furono distrutte e la madrasa si trovò nel territorio di Dishan-Kala.

Il corpo è stato portato attraverso un buco nel muro e sepolto nella madrasa sotto il pavimento della stanza centrale. Nel cortile della madrasa c’è una sorgente – la Sardoba – che è coperta da una cupola. Le torri d’angolo della facciata principale sono decorate con piastrelle smaltate e in terracotta con motivi in rilievo.

Secondo le iscrizioni sulle porte scolpite, la madrasa fu costruita nel 1804 – 1812 dallo zio del Khan di Khiva Allakulikhan, il sovrano della regione (Muzofot) Kungrad, un leader militare Kutlug Murad Inak.

La madrasa ha due piani, 81 hujshrasas per gli studenti, una darskhona confortevole e una moschea. Nel cortile della madrasa c’è una struttura sotterranea a forma di sardaba (bacino d’acqua), che è chiamata localmente “teyi zamin” (un bacino d’acqua sotterraneo).

La maggior parte della popolazione della città (Ichan-kala) prendeva l’acqua potabile da questo bacino sotterraneo. Per la madrasa, 24634 tanap del terreno è stato assegnato come sovvenzione Waqf (Waqf è un istituto di diritto islamico simile alla fondazione).

Gli artigiani di Khiva, che stavano costruendo per la prima volta una madrasa a due piani nella città ricostruita, hanno cercato di prendere spunto da modelli già noti. Hanno fatto affidamento su una complessa struttura della Madrasa Abdulazizkhan a Bukhara.

Per risparmiare sui costi, gli architetti che hanno costruito la madrasa hanno semplificato un po’ la sua struttura, hanno fatto a meno delle aiwan estive e di due grandi stanze alle ali del portale. Invece, si sono accontentati della costruzione di celle ordinarie.

I maestri di Khiva introdussero un’innovazione nel vecchio complesso, cioè decorarono i portali del cortile con disegni. All’interno del portale orientale della madrasa si trova una moschea estiva, sopra la quale una bolakhona di legno è posta al livello del secondo piano.

Gli elementi di innovazione possono essere visti nella loro composizione: i bolakhonas settentrionale e meridionale (il “talaq” nativo – sovrastruttura leggera sopra il piano terra) sono più larghi di quelli occidentale e orientale. In questo modo, si è cercato di rendere il cortile più pittoresco.

La madrasa di Kutlug Murad Inak si differenziava dalle madrasa costruite in precedenza a Khiva, che assomigliavano ad una fortezza nella forma, avendo una facciata più lussuosa. Tale risultato è stato raggiunto grazie all’apparato sul portale di archi pentatedrali e nicchie in stile Bukhara e aumentando il numero di ornamenti diversi.

Le porte scolpite della madrasa sono notevoli, così come le porte della moschea e della Darskhona. Ogni porta è un esempio notevole dell’alta arte dell’intaglio del legno.

Le superfici intorno alle volte sono decorate con una varietà di maioliche, mentre le torri d’angolo della madrasa sono decorate esattamente con le stesse maioliche; gli esempi di intaglio ganch all’interno del portale gli conferiscono un bellissimo aspetto.

Anche se tutti questi elementi architettonici alterano in qualche misura l’aspetto generale dell’edificio, le aperture e le alte e forti torri d’angolo che adornano le due ali della facciata principale danno alla struttura un aspetto da fortezza.

Anche se i maestri cercarono di introdurre alcune innovazioni nella decorazione delle facciate esterne in base al nuovo piano, non notiamo una tale circostanza all’interno della madrasa. Anche la moschea e la Darskhona sono molto semplificate e non hanno decorazioni. Solo sulla cupola del Myonsaray e sulla cupola della Moschea d’Estate ci sono esempi isolati di ornamentazione semplice.

Il resto dei locali della madrasa sono simili hujshras a forma di quadrilatero rettangolare, coperti da una volta Balkhi. Le hujschras sono illuminate dalla luce del giorno attraverso le finestre panjara sopra le porte d’ingresso.

Ci sono anche nicchie e supas (elevazioni per sedersi e riposare) negli hujra. Alcuni hujra hanno scaffali di legno a forma di secondo piano, che occupano quasi la metà degli hujra e sono usati per conservare il cibo e gli oggetti domestici necessari.

La Madrasa Kutlug Murad Inak è l’unica madrasa di Khiva ad utilizzare la terracotta in rilievo caratteristica dell’architettura di Bukhara, che decora le torri d’angolo della madrasa.

Per il suo tempo, la madrasa era una grande sede di apprendimento e le seguenti informazioni sono state conservate sulle sue attività: “Nell’anno 1275 (Hijra), il quarto giorno del mese di Safar (13 settembre 1858), 1880 batman di grano furono presi dalla Madrasa Kutlug Murad Inak sulla base del Waqf e distribuiti come segue – “ai poveri come ‘Ushr’ (decime) o Kavsan (donazione ai poveri) 50 batman (il batman di Khiva è equivalente a 20 kg. ), un mutevelli per 180 battitori, un farrash (pulitore) per 50 battitori, un barbiere per 30 battitori, due akhun per 324 battitori, un muazzin con l’imam della moschea per 130 battitori e il resto 1. 160 Batman sono stati distribuiti tra gli studenti, per gli studenti superiori (29 di loro) 21 Batman ciascuno, per un totale di 616 Batman, per gli studenti medi (18 di loro) 10,5 Batman ciascuno, per un totale di 191 Batman, e per gli studenti inferiori (48 di loro) 5 Batman ciascuno, per un totale di 255 Batman. Secondo questo documento, c’erano 95 studenti in questa madrasa nel 1858 ed erano istruiti da 2 akhuns.

Inoltre, in questa madrasa, c’era il mutavalli (la persona autorizzata a gestire la madrasa), l’imam, l’azanchi (muazzin), il farrash (pulitore che pulisce e tiene puliti i locali della madrasa) e il barbiere che rade la barba e i baffi degli studenti.

C’era una grande piazza davanti alla madrasa, circondata da file di bancarelle e un piccolo mercato. Gli studenti che si sono diplomati alla madrasa hanno superato gli esami. La commissione speciale (khayat) fu nominata dal Khan. I membri della commissione erano a volte il khan stesso, nella maggior parte dei casi l’erede al trono, il kazi-kalon (magistrato capo), il kazi-urda (magistrato comunale) e un certo numero di studiosi-ulama.

Agli studenti che superavano gli esami venivano dati i titoli di Mufti (un emittente ufficiale di opinioni giuridiche islamiche), A’lam, Ahund, Mukarrir (un insegnante che conduceva lezioni pratiche e ripeteva gli argomenti studiati con gli studenti, che svolgeva anche i compiti di un bibliotecario di madrasa – Kitabdar).

Tra i laureati c’erano poeti, storici, scrittori, calligrafi, studiosi e persone colte. Il noto poeta uzbeko Avaz Utar e il poeta Karakalpak Berdakh hanno studiato alla Madrasa Kutlug Murad Inak a Khiva.

Nel 18° anniversario dell’indipendenza della Repubblica dell’Uzbekistan, la madrasa è stata restaurata e vi è stata aperta una mostra permanente di famosi maestri di belle arti del Khorezm.

Un totale di 52 dipinti di artisti di Khorezm che rappresentano la vita, lo stile di vita, la cultura e i costumi di Khorezm sono in mostra. Tra i dipinti ci sono le opere di famosi artisti Tura Kuryazov, Kichko, Khudaiberganov e A. Allaberganov. La superficie della madrasa è di 140 metri quadrati.

Nel cortile della Madrasa Kutlug Murad Inak si trovano i laboratori degli artigiani di Khiva.

Degno di essere visto

Khiva - Madrasa Abdullakhan

Khiva - Madrasa Abdullakhan

La Madrasa Abdullakhan, situata a sud della Madrasa Kutlug Murad Inaka a Khiva, fu costruita nel 1855 dalla madre di Khiva Khan in memoria di suo figlio Abdullakhan, dopo la sua tragica morte. Il portale dell’edificio, se lo trascuriamo, manca di qualsiasi ornamento e la sua struttura è molto semplificata.

A sud si trova una sala a cupola della moschea, leggermente spostata rispetto all’asse trasversale del vestibolo. Nell’angolo nord-est della madrasa non c’è una sala a cupola, invece ci sono tre hujshras (sala di studio). Il cortile rettangolare della madrasa è circondato da hujshras coperti secondo il metodo tradizionale balkhi, e c’è una fontana nel centro del cortile.

Nel libretto di Kamiljan Hudaibergenov “Albero genealogico dei khan di Khiva” (“Khiva khonlari shazharasi”), nelle righe dedicate ad Abdullakhan, si legge quanto segue: “Abdullakhan era un uomo che si fidava delle parole di tutti. Diffamando Mir Ahmad (il comandante del Khan), ha versato il sangue innocente di diverse persone. Era un uomo molto spietato e impaziente. Ma apprezzava molto l’amicizia, amava la giustizia ed era coraggioso. Di lui non sono rimasti figli, c’era solo una figlia che era sposata con Abdulaziz Tura. Dopo la morte di Abdullakhan, per preservare il nome di suo figlio, sua madre costruì una madrasa”.

Oggi, la madrasa è il luogo d’esposizione del Museo della Natura di Khorezm, il cui scopo è di presentare ai turisti e ai visitatori del museo le bellezze naturali dell’Oasi di Khorezm, la sua flora e fauna, il rilievo, il clima, e le misure prese per proteggerle e conservarle, per consegnarle alle generazioni future in condizioni sicure e sane. La natura dell’Oasi di Khorezm è particolare. Il museo fornisce informazioni utili sulle montagne Sultan Wais, il delta del fiume Amu Darya, la fauna selvatica dei deserti Karakum e Kyzylkum e le specie di piante utili. L’esposizione del Dipartimento della Natura di Khorezm. La mostra è stata creata nel 1960. L’ultima riesposizione del dipartimento ha avuto luogo nel 2008. L’area utilizzabile dell’esposizione è di 180 mq.

Degno di essere visto

Khiva - Madrasa Abdurasulbay

Khiva - Madrasa Abdurasulbay

La Madrasa Abdurasulbay di Khiva (1906) confina con l’angolo sud-est della Moschea Yar Muhammad Devon. Fu costruito a spese di Abdurasulbay, un nipote di Muhammad Niyaz Mirzabashi (Kamil Khwarizmi), un grande poeta, compositore e traduttore (Kamil Khwarizmi (1825-1899) fu un poeta e musicologo uzbeko. Il suo vero nome era Muhammad Niyaz Mirzabashi. Il suo vero nome era Mukhammad Niyaz Mirazabashi. Ha studiato in una madrasa a Khiva. Era uno studente della scuola Agakhi. Servì come segretario e capo della cancelleria di Muhammad-Rahim-Khan II).

L’ingresso è situato tra due cortili e consiste in due sezioni di cupola interconnesse, con un lato rivolto verso il cortile della madrasa. Le due figlie di Abdurasulbay sono sepolte in due hujja.

La Madrasa Abdurasulbay di Khiva ha due cortili, e la disposizione della madrasa è abbastanza grande (area 30×65 m). In quella occidentale (6,9х3,6 m; in forma trapezoidale) ci sono due stanze cruciformi agli angoli, una moschea coperta da una cupola al sud, due hujshras con due aperture d’ingresso al nord. Il cortile orientale (7,1 m x 5,5 m; rettangolare) è anch’esso circondato da camere di chiusura. Le stanze del primo piano (sopra il corridoio) e altre stanze per gli studenti hanno soffitti a volta. Le facciate sono decorate con mattoni spazzolati, dipinti di verde (smalto) nella parte superiore del portale e delle pareti.

All’ingresso della madrasa c’è un cancello composto da due ali. La lama di destra ha un’iscrizione sulla traversa con il nome del maestro: “Bogbek. Ma la seconda riga dell’iscrizione, che porta il nome di suo padre, non si è conservata.

Oggi è un patrimonio culturale in Uzbekistan. È anche, un oggetto di servizio turistico e di esposizione, che ospitava un laboratorio di ricamo suzane.

Degno di essere visto

Khiva - Madrasa Allakuli Khan

Khiva - Madrasa Allakuli Khan

La Madrasa Allakuli-Khan, insieme all’adiacente Caravanserraglio Allakuli Khan, fa parte del complesso di siti storici e architettonici Ichan-Kala di Khiva, che è un museo all’aperto con edifici risalenti al XIV secolo.

Sulla strada dall’entrata orientale di Ichan-Kala al bazar coperto c’era anticamente la Madrasa Allakuli-Khan, una delle più famose di Khiva e dintorni. La madrasa fu costruita su fondi del khan uzbeko Allakuli a metà del XIX secolo, i lavori furono eseguiti nel corso di due anni, la costruzione iniziò nel 1833 e fu finita nel 1835.

Il nome di Allakuli-Khan, il successore in carica di suo padre Muhammad Rahim-Khan I, è strettamente associato nella storia di Khiva al rafforzamento del potere della città, al consolidamento dei confini del paese e al rapido sviluppo delle relazioni con molti paesi del mondo. Durante il suo regno, la città fu attivamente costruita con residenze, palazzi, luoghi di commercio, moschee e caravanserragli. Il famoso Khan di Khiva – Allakulikhan, al fine di trasformare la città nel luogo più bello e attraente dell’Asia, decise di demolire la vecchia madrasa fatiscente, che a tempo debito fu costruita con un telaio e mattoni grezzi, e di costruire al suo posto nuove istituzioni educative di mattoni cotti. È così che è nata la Madrasa Allakuli-khan a Khiva.

La Madrasa Allakuli-khan fu costruita su una piattaforma artificiale all’altezza di tre metri, che si ergeva chiaramente sopra le cupole della vicina istituzione educativa Hojamberdibiya ed era inclusa nel territorio della parte interna della città di Khiva.

Nel penultimo secolo, il piano terra ospitava una biblioteca pubblica accessibile agli studenti di tutte le madrase della città. La biblioteca era sostenuta dalle entrate del vicino caravanserraglio e del tema. L’edificio serve ora come museo di arte medica e storia della medicina, che prende il nome dal famoso guaritore Abu Ali Ibn Sina, conosciuto nel mondo della medicina come Avicenna. C’è anche un centro artigianale restaurato all’interno della madrasa.

L’architettura della Madrasa Allakuli-khan non è impressionante, eppure l’imponente edificio è considerato una delle strutture più grandiose e belle della sua epoca nella città.

Il cortile della Madrasa Allakuli-khan di Khiva è un po’ diverso dai cortili tradizionali delle istituzioni educative dell’epoca. Le file di hujra a due piani poggiano sui bordi delle cupole del bazar e si innalzano sopra le cupole della porta d’ingresso del Palvan-darwaza. L’edificio della madrasa non è rettangolare, ma ha una forma trapezoidale con un cortile di quattro piani e due piani.

Il complesso della Madrasa Allakuli-khan comprende 99 hujras (o celle), 2 moschee (moschea invernale ed estiva nell’aiwan occidentale), un’aula (darskhana) e una sala d’ingresso. Ogni hujra aveva una porta e una finestra, e la sua parte inferiore era decorata con mattoni cotti a forma di quadrato e le pareti erano intonacate con ganch. Le volte degli hujra sono in stile rustico.

Gli interni degli edifici delle madrase, comprese le moschee, non hanno decorazioni particolari e grandi cupole. I muri degli edifici sono piatti, le nicchie sono profonde e antiestetiche. Tutti gli ornamenti sono sulle pareti esterne dell’edificio. La facciata principale della madrasa, eseguita in forma di maiolica del tipo Choresm nei colori grafici del bianco e nero e del blu pittorico, che copre tutte le superfici verticali e le mezze volte, si affaccia sul cortile di un’altra istituzione educativa chiamata Khojamberdybiya. La maiolica su diversi muri ha un modello diverso a seconda del luogo.

L’architettura del tardo Medioevo korezmiano è qui presentata in tutto il suo splendore. La grande scala non toglie nulla alla sorprendente proporzionalità e l’arredamento tradizionale dà all’edificio sia austerità che leggerezza celestiale. Le nicchie ad arco e il portale sopra l’entrata, i timpani e le cornici della doppia arcata, così come i tre quarti delle colonne del portale sono anch’essi decorati con maioliche e dipinti in contorni neri, oltre a bellissimi motivi vegetali. Il portale sud dell’edificio attira l’attenzione con un ornamento in forma di molti anelli intrecciati.

Degno di essere visto

Khiva - Madrasa Arab Muhammad Khan

Khiva - Madrasa Arab Muhammad Khan

La Madrasa Arab Muhammad-Khan è uno dei più antichi tra i monumenti architettonici di Khiva. Si trova nel cuore di Ichan-Qala, accanto all’altra madrasa, non meno famosa, ma più tardiva, di Muhammad Aminkhan. La madrasa fu commissionata dal sovrano shaybanide di Khorezm, Arab-Muhammad-khan, per commemorare il trasferimento della capitale da Urgench a Khiva.

L’arabo Muhammad-khan era una figura famosa nella storia di Khorezm. Regnò dal 1603 al 1621, durante il quale ottenne un successo significativo nel governare lo stato. Su suo ordine, Khiva divenne la nuova capitale dello stato di Khorezm. Sotto il suo governo, Khiva divenne una delle più belle città dell’Asia centrale, non inferiore in bellezza a Bukhara e Samarcanda. Ha portato avanti una serie di misure per migliorare la città. Sotto il suo comando furono costruite medre, moschee e istituzioni civiche, anche se non molte di esse sono sopravvissute fino ad oggi.

Nel 1616, l’arabo Muhammad-Khan ordinò di costruire una madrasa per i cittadini di Khiva per commemorare questo evento significativo. In origine, c’era un’altra piccola madrasa sul sito dell’attuale struttura, che fu costruita da una nota donna di Khiva. Arab Muhammad-Khan comprò da lei questo edificio insieme al terreno adiacente.

La Madrasa araba Muhammad Khan era un edificio in mattoni a un piano di forma rettangolare. Un’iscrizione del Corano è stata tradizionalmente scolpita sul portale d’ingresso. C’erano piccoli minareti negli angoli dell’edificio. All’interno della madrasa ci sono hujrasas per gli studenti e una moschea per le preghiere. Ci sono sale di studio sul lato della moschea.

È stato ricostruito e restaurato diverse volte. Nel 1838, la Madrasa araba Muhammad-Khan fu ricostruita per ordine del sovrano di Khorezm Allakulikhan a causa della fatiscenza secondo gli standard caratteristici della tarda architettura di Khiva. È stato aggiunto un secondo piano. Il numero di hujra e di aule nella madrasa è stato aumentato. Il portale dell’edificio è stato parzialmente ricostruito. Così, è sopravvissuto fino ad oggi. Oggi, la madrasa è uno dei luoghi più popolari per i visitatori di tutto il mondo.

Degno di essere visto
Madrasa Atajanbay in Khiva

Khiva - Madrasa Atajanbay

Khiva - Madrasa Atajanbay

La madrasa Atajanbay si trova vicino alla madrasa Mazari-Sharif a Khiva. La madrasa fu costruita nel 1884 da un ricco proprietario di Khiva, Atajanbay. Vista dall’alto, la disposizione della madrasa si presenta come un quadrilatero che si estende da est a ovest, asimmetrico rispetto all’ingresso sul muro esterno meridionale.

C’è un corridoio interno tra la Madrasa Atajanbay e la Madrasa Mazari Sharif. Queste due madrase appaiono come un unico complesso.

La città vecchia, o Ichan-kala, è protetta da possenti mura con fortificazioni militari ed è la vista principale di Khiva. Gli edifici per difendere la città sono stati costruiti per decenni e secoli, quindi si possono trovare strutture costruite nel XIV secolo o in altre epoche. Ci sono forti storici, tombe, palazzi e moschee, abitazioni e bagni. Ichan-Kala è una città speciale all’interno della città perché vive con la sua cultura originale e conserva le sue antiche tradizioni. Secondo la leggenda, la fortezza fu costruita con lo stesso tipo di fango di Medina, che fu costruita dal Profeta Muhammad (S.A.V.).

Ci sono 4 porte nella città storica di Ichan-kale – da nord, sud, ovest ed est. La porta orientale è collegata a quella occidentale dalla strada principale, dove si trovano i capolavori architettonici. Questo complesso monumentale è protetto dall’UNESCO.

Degno di essere visto
Qozi Kalon Medrese in Chiwa

Khiva - Madrasa di Qozi Kalon

Khiva - Madrasa di Qozi Kalon

La Madrasa Qozi Kalon, costruita nel 1905, si trova di fronte all’angolo nord-ovest della Moschea Juma di Khiva. La madrasa fu costruita dal giudice capo Salim Akhun-khan. Anche se questa madrasa non è grande e bella come altre, qui si insegnavano varie scienze.

Oltre alle discipline religiose, qui si insegnavano anche le basi del diritto e della fiscalità. La madrasa ha un portale basso nella parte anteriore, con la facciata centrale rivolta a nord.

Il portale ha un ingresso a tre ali e le porte sono decorate con motivi intagliati. A destra e a sinistra del vestibolo tripartito si trovano le stanze a cupola della moschea invernale e le aule della madrasa.

Ci sono 15 hujras coperti dalla volta di Balkhi. La madrasa è stata co-costruita da Khudaibergen Hajji, Kalandar Kochum, Bagbek Abdurakhmanov, Matchan Kulimov, Vais kulyal e altri.

Secondo Abdulla Baltayev, un maestro nazionale di ornamentazione, 35 studenti hanno studiato alla madrasa. Il figlio di Qozi-Kalon Salim akhun Babaakhun Salimov divenne il primo ministro della giustizia (nazir) del KhNSR.

Oggi, il museo delle arti musicali di Khorezm si trova nei locali della Madrasa Qozi Kalon a Khiva. L’area dell’esposizione è di 125 metri quadrati. Un totale di 352 articoli sono esposti nell’esposizione, riflettendo la storia dello sviluppo della musica in Khorezm dai tempi più antichi ai giorni nostri.

Qui c’è la possibilità di ascoltare le melodie degli antichi maqom di Khorezm. Le dimensioni complessive della madrasa sono 32,5 m x 23,4 m.

Degno di essere visto
Medrese Dost Alam in Chiwa

Khiva - Madrasa Dost Alam

Khiva - Madrasa Dost Alam

La Madrasa Dost Alam (1882) fu costruita con i soldi di Dost Alam, che era un avvocato alla corte del Khan di Khiva Muhammad Rahimkhan II. Di regola, gli avvocati e i giuristi venivano educati in una madrasa.

La Madrasa di Dost Alam a Khiva è un piccolo edificio di un piano e sembra un rettangolo con torri d’angolo se visto dall’alto. Hudaybergan Haji supervisionò la costruzione e Kolondar Kochim fu il capomastro.

La maggior parte dei monumenti architettonici di Khiva si trova nella parte centrale, chiamata Ichan-Qala. Ichan-Qala è circondata da enormi mura di fortezza con 4 porte – da nord, sud, ovest ed est. La porta orientale è collegata a quella occidentale dalla strada principale, dove si trovano i capolavori architettonici. Questo complesso monumentale è protetto dall’UNESCO.

Alla fine del XVI secolo, la città divenne il centro del Khanato di Khiva e conobbe una seconda fase di sviluppo e prosperità, diventando uno dei più importanti e grandi centri dei musulmani in Oriente. La città è piena di magnifici monumenti, tra i quali si possono trovare sia edifici secolari che religiosi. Nel XIX secolo, durante l’invasione russa dell’Asia centrale, la città fu conquistata e parzialmente distrutta dalle truppe russe.

Le leggende dicono che la fortezza fu costruita con la stessa argilla di Medina, che fu costruita dal Profeta Muhammad (S.A.V.). All’inizio del suo sviluppo, la città fu succeduta da varie dinastie regnanti, fu ripetutamente conquistata da tribù in guerra e all’inizio del XIII secolo, le truppe di Gengis Khan distrussero quasi tutta la città.

Degno di essere visto
Madrasa Islam Khodja in Khiva

Khiva - Madrasa Islam Khodja

Khiva - Madrasa Islam Khodja

Le strutture più notevoli della parte storica di Khiva sono il minareto e la madrasa, parte del complesso di edifici Islam Khodja. Secondo l’idea geniale dell’architetto, l’attrattiva delle strutture deriva dal loro insolito contrasto: il minareto più alto della città è accanto alla minuscola madrasa. Così, il minareto appare semplicemente gigantesco per l’effetto visivo di essere uno accanto all’altro. Il minareto era originariamente destinato a servire come punto di riferimento per i viaggiatori che si avvicinavano alla città; in origine, questo punto di riferimento architettonico doveva servire come una sorta di faro.

La Madrasa di Islam Khodja (1910) si trova dietro il minareto di Islam Khodja. Islam Khodja, il Gran Visir di Isfandiyar Khan, era un uomo molto progressista. Oltre al minareto e alla madrasa, aprì una scuola per i bambini locali, un ospedale, un ufficio postale e costruì ponti e strade.

Tuttavia, l’attività edilizia di Islam Khodja fu interrotta da un vile omicidio che coinvolse Isfandiyar-khan. Fu sepolto vivo nella terra e anche l’architetto Raimbergen fu assassinato.

Questa madrasa a Khiva fu costruita con il denaro di Islam Khodja, il consigliere di Isfandiyar Khan. I maestri artigiani del villaggio di Madir Bolta Vaizov e Madiminov hanno eseguito il completamento della madrasa con piastrelle smaltate su disegni di Esh-Muhammad Khudaiberdiev.

La madrasa Islam Khodja è un complesso architettonico unico a Khiva, che riflette l’influenza dei tempi e lo spirito di ispirazione creativa dei maestri nazionali. La madrasa consiste di 42 hujrasas, una grande sala a cupola e un alto minareto.

La maestria degli architetti è evidente nelle combinazioni contrastanti di forme architettoniche usate abilmente nello spazio limitato. La nicchia del mihrab è decorata con maioliche e incisioni in ganch.

La madrasa Islam Khodja è considerevolmente piccola, asimmetrica in pianta e ha un ingresso principale appena fuori dal minareto Islam Khodja a Khiva. L’interno è rappresentato da una sala piuttosto spaziosa sotto la cupola centrale, quarantadue hujshras (celle) lungo il perimetro del cortile. Una moschea confina con l’edificio centrale da sud-est. La cupola della struttura è profonda e massiccia; il mihrab (una nicchia che indica la direzione verso la Mecca) e tutto l’interno sono decorati con maioliche e ganch a motivi elaborati. La parte esterna della madrasa all’entrata è decorata nello stesso stile del maestoso minareto adiacente. La struttura della porta d’ingresso forma il secondo piano.

Degno di essere visto

Khiva - Madrasa Khodshamberdiboy

Khiva - Madrasa Khodshamberdiboy

La Madrasa di Khodshamberdiboy (1688 – 1834) fu costruita nel 1688 a Ichan Qala vicino alla porta orientale Palvan Darwaza, di fronte alla madrasa di Allakuli Khan a Khiva. Nel 1834, Allakuli-khan costruì una nuova grande moschea e demolì e ricostruì parzialmente quella esistente.

Questo creò due piccoli cortili, separati l’uno dall’altro, e la madrasa fu chiamata Khurdshun perché assomigliava a una bisaccia di cuoio, Khurdshun. Ci sono 16 hujshras e una stanza quadrata a volta – Darskhona. Le porte d’ingresso sono decorate con intagli in legno.

La madrasa di Khodshamberdiboy è un edificio in mattoni a un piano costruito nel 1688, come indicato dall’iscrizione sulle porte scolpite.

La madrasa ha apparentemente ottenuto il suo nome “Khurdshun” dopo la costruzione della Madrasa Allakuli-Khan a Khiva, quando un grande peshtak di Khodshamberdiboy fu smantellato e sostituito da un passaggio basso. La madrasa sembrava divisa in due parti, come un khurdshun (bisaccia).

Possiamo solo indovinare i modesti meriti architettonici della madrasa di Khodshamberdiboy, perché l’unica cosa che è rimasta di essa e che è stata integrata nella nuova madrasa è una moschea situata nella parte sud e locali interconnessi. Per dimensioni e design, la moschea è vicina alla hujra, solo la pianta quadrata, la nicchia del mihrab e la copertura della cupola riempita di nido d’ape negli angoli la distinguono dai locali ordinari della madrasa. Per creare un passaggio verso il portale della madrasa Allakuli-khan, le vecchie cupole delle hujrasa della madrasa Khodshamberdiboy furono smantellate, i muri bassi furono riempiti di terra e i piccoli cortili furono disposti lungo i lati di un nuovo percorso – una rampa. La madrasa era divisa in due parti come i sacchi kurjun (il nome fu poi dato alla madrasa ricostruita). Il vecchio portale fu smantellato e il nuovo ingresso fu progettato come una modesta darvazakhana a una sola cupola, combinando gli ingressi ai cortili e una rampa verso il portale della madrasa Allakuli-khan. Dall’esterno, la madrasa è costruita in modo tale che il tetto delle sue basse hujshras continua a coprire il pavimento della madrasa Allakuli-khan, e l’intera madrasa kurdshun agisce come una sorta di piattaforma (sufa) di fronte alla facciata principale della maestosa madrasa Allakuli-khan.

La disposizione interna della Madrasa di Khurdshun è disordinata, lo spessore delle pareti varia da 0,5 a 3 metri, gli ingressi alle hujra dai cortili settentrionale e meridionale non hanno nicchie ad arco e non sono uniti in un ritmo particolare, le dimensioni e le proporzioni delle hujra sono arbitrarie. Tutto questo si spiega con le condizioni complicate della ricostruzione della madrasa.

Degno di essere visto
Ichan Qala - Khiva

Khiva - Madrasa Mamat Maram

Khiva - Madrasa Mamat Maram

La Madrasa Mamat Maram fu costruita a Khiva nel 1903. Situata all’incrocio delle vie Baltayev e Anash Khalfa, la madrasa fu costruita da uno dei più influenti funzionari e consiglieri di Muhammad Rahim-khan II.

La madrasa e la moschea Mamat Maram rappresentano un complesso tipico di Khiva. Il sito della madrasa comprende 7327 tanap (1 tanap è 334,4 metri quadrati). L’edificio è costruito in mattoni cotti.

La facciata è rivolta a sud con un leggero spostamento verso ovest. I tre angoli, tranne l’angolo sud-ovest, hanno piccole torri – guldastas. Nell’angolo sud-ovest, le stanze laterali della moschea e il minareto si proiettano, adiacenti al vestibolo dritto a due cupole.

Khudaybergen Ibn Koshmuhammad Khivaki su Khiva:

“Khorezm è un vasto paese nella quinta zona climatica, con un clima fresco. La capitale era la città di Urgench dal tempo degli antichi re persiani 11 fino a venti anni fa. In tempi moderni, in seguito alla rimozione di Jayhun, la capitale della regione è stata spostata a Khiva, che è sotto il suo controllo. Khiva è una città spaziosa con un clima sano, il luogo di nascita dello sceicco Najm ad-Din Kubra. Oggi, questa terra non è più prospera come un tempo. È governata da un discendente di Tukai-Timur-khan, un figlio di Juchi-khan, e il suo esercito è composto da uzbeki chiamati Saka Turkman, che sono discendenti della tribù Guz. Si dice che la vastità di Khorezm era tale che la terra sotto il suo controllo era divisa in centosettanta tumani. Ora solo due di questi tumori sono stati migliorati. Il popolo di Choresm è coraggioso, forte, sensibile, intelligente e non è mai in minoranza in battaglia”.

Degno di essere visto
Medrese Matniyaz Divan Begi in Chiwa

Khiva - Madrasa Matniyaz Divan Begi

Khiva - Madrasa Matniyaz Divan Begi

La Madrasa Matniyaz Divan Begi (1871) si trova a Khiva, di fronte al muro orientale della Madrasa Muhammad Rahimkhan. La madrasa fu costruita dal ministro delle finanze di Muhammad Rahimkhan II (Divan Begi), Muhammad Niyaz.

Come ministro delle finanze di Khiva, Khan Muhammad Niyaz (Matniyaz in dialetto) Divan Begi costruì una madrasa nella parte centrale di Ichan-kala e un bazar coperto Chorsu accanto ad essa. La Madrasa Matniyaz Divan Begi si trova vicino alla Madrasa Muhammad Aminkhan.

La facciata è rivolta centralmente a ovest e l’area antistante è paesaggistica e piantumata. La strada centrale di Ichan-Kala corre a nord della madrasa, e l’edificio del ristorante “Khiva” di recente costruzione, situato nell’edificio della madrasa, confina a sud con il mausoleo di Seyyid Alauddin.

La madrasa è a un solo piano (tranne la parte del portale), ha 21 celle, locali per la Darskhona (sala conferenze) e la moschea invernale. Durante il periodo in cui la madrasa era attiva, la biblioteca per gli studenti della madrasa era situata qui.

Dei 21 hujjras, 19 erano al piano terra e gli altri due hujjras erano al secondo piano, dietro il portale d’ingresso. L’ingresso alla madrasa era attraverso un piccolo mionsaray (vestibolo) a tre ali.

Si poteva entrare attraverso un piccolo minareto a tre piani (vestibolo). La madrasa era tradizionalmente costruita con torri guldasta angolari che fiancheggiavano i quattro angoli. La facciata sul lato nord ha arcate poco profonde, il resto delle facciate, tranne quella centrale, sono senza archi.

La madrasa ha una forma rettangolare che si estende da ovest a est. La facciata principale si affaccia sulla Madrasa di Muhammad Rahimkhan e ha un alto portale con nicchie a cinque lati al centro e torri agli angoli.

Il portale è decorato con maioliche, le cupole delle torri sono coperte da piastrelle smaltate verdi e le basi hanno un motivo geometrico di piastrelle blu, bianche e verdi.

La decorazione principale è sul portale, sulla facciata centrale, in piastrelle di maiolica con motivi floreali “islimi” così come motivi simili, che sono solo scolpiti ora, sulla porta d’ingresso a due ante.

Su una lastra di marmo posta nel cartiglio sopra la porta d’ingresso c’è un’iscrizione in caratteri arabi. Durante il periodo in cui la madrasa era attiva, 42 studenti hanno studiato qui. Dal 1979, la Madrasa Matniyaz Divan Begi è utilizzata come ristorante e, insieme alla Madrasa Muhammad Aminkhan (come albergo turistico), forma il complesso turistico “Khiva”, adatto sia ai turisti locali che a quelli stranieri.

Le dimensioni generali della madrasa: lunghezza 36,4 m, larghezza 31,8 m. Il cortile della madrasa, lunghezza 21 metri, larghezza 17 metri.

Degno di essere visto
Medrese Mazari Sharif in Chiwa

Khiva - Madrasa Mazari Sharif

Khiva - Madrasa Mazari Sharif

La Madrasa Mazari Sharif (1882) si trova a Khiva, a sud-est del complesso Pahlavan Mahmud. Fu costruito dal maestro Qalandar Kachim su ordine di Muhammad Rahimkhan II. La Madrasa Atajanbay confina con la Madrasa Mazari Sharif sul lato est. L’ingresso alla madrasa si trova nel muro meridionale, attraverso una galleria ad arco con un grande passaggio ad arco verso il cortile. Solo il portale d’ingresso è decorato con mattoni verdi smaltati. Rahimkulikhan ebbe un figlio di nome Isa Tura, fu Khokim di Tashauz (città nel territorio della Turkmenia) per qualche tempo e costruì una madrasa a suo nome vicino al mausoleo di Pahlavan Mahmud, che si chiama “Mazari Sharif” (“Tomba del Nobile”).

C’è una leggenda al riguardo. Si dice che Isa Tura si ammalò nella città di Istanbul durante un pellegrinaggio alla Mecca, poi fu messo in una kajawa (una specie di barella per trasportare i regnanti e i dignitari di corte) e così portato all’Hajj e riportato indietro.

Al suo ritorno a Khiva, raccontò al Khan quello che era successo. Muhammad Rahimhan Sani (Feruz), che era sul trono del Khan a quel tempo, disse a Isa Tura che “uno dovrebbe prendere delle difficoltà sulla strada di un pellegrinaggio”. Passò del tempo e Isa Tura, seguendo il consiglio del Khan, si preparò bene e andò di nuovo in pellegrinaggio (Hajj) alla Mecca. Al suo ritorno dall’Hajj, Isa Tura si ammalò di nuovo, ma già nella città di Mazari Sharif (città nel territorio dell’Afghanistan settentrionale). Dopo il suo recupero a Khiva, il figlio del Khan costruì una piccola madrasa, chiamata Mazari Sharif, in onore di questa città per i suoi parenti.

Degno di essere visto
Muhammad Amin Inaq Medrese in Chiwa

Khiva - Madrasa Muhammad Amin Inaq

Khiva - Madrasa Muhammad Amin Inaq

La Madrasa di Muhammad Amin Inaq si trova di fronte all’angolo occidentale di Tash Hauli a Ichan Qala di Khiva. Fu costruito nel 1785 da Muhammad Amin Inaq, che gettò le basi della dinastia dei Kungrat Khan, il cui figlio Kutli Murad (Bala Khan) fu ucciso in una lotta per il trono ed è sepolto qui.

Vista dall’alto, la madrasa ha la forma di un rettangolo allungato in senso trasversale. Il principio principale della struttura è stato conservato, cioè la disposizione degli hudjra residenziali intorno a un cortile e una sala comune all’ingresso.

Il portale divide proporzionalmente la facciata in due ali a un piano con nicchie e torri (guldasta) inutilizzate ai lati. Secondo la leggenda, una delle stanze della madrasa contiene la tomba di Muhammad Amin Inaq stesso o del suo figlio minore Kutlug Murad Bala khan.

Nel 1935, alcuni edifici storici di Khiva caddero in rovina. Secondo gli abitanti di Khiva dell’epoca, che stavano lavorando per restaurare le strutture, due tombe sono state trovate nella madrasa di Muhammad Amin Inaq.

I corpi nella tomba erano ben conservati, oltre ai sudari, erano anche avvolti in pelle di animale. La tomba contiene più di venti hujjras e ha un alto portale nella parte anteriore senza ornamenti.

Il complesso ha una scala di piastrelle quadrate cotte su entrambi i lati della sala d’ingresso, che porta al tetto della madrasa. Di fronte a questa madrasa a Khiva, la madrasa Fazilbiy fu costruita nel 1799, con la sua facciata centrale rivolta verso la madrasa di Muhammad Amin Inaq, che insieme ad essa formava il tipo tradizionale di madrasa Kosh in Oriente.

Fazilbiy servì durante il regno di Muhammad Amin Inaq come Amir al-Umaro – comandante in capo delle truppe del Khanato di Khiva, e il suo salario annuale era di 500 tilla – monete d’oro.

L’edificio della madrasa fu distrutto nel 1945 – 1955. La Madrasa di Muhammad Amin Inaq è stata restaurata alla fine degli anni ’80, il suo interno coloratamente decorato con i motivi Hanj di Khiva, dopo che il cortile è stato ridecorato in una sala matrimoni per i cittadini di Khiva.

L’interno dell’edificio è magnifico e unico.

Degno di essere visto

Khiva - Madrasa Sayyid Muhammad-khan

Khiva - Madrasa Sayyid Muhammad-khan

In uno dei luoghi pittoreschi di Ichan Kala a Khiva si trova la Madrasa di Sayyid Muhammad-Khan. L’edificio fu costruito nel 1876 dopo la morte del Khan Sayyid Muhammad di Khiva da suo figlio Sayyid Muhammad Rahim-khan II sotto la guida di Muhammad Murat – il capo dell’esercito del Khan.

La madrasa è composta da due cortili: un cortile interno e un cortile esterno. Il cortile esterno è circondato da celle a un piano e ha una forma rettangolare. All’ingresso c’è una facciata a due piani rivestita di piastrelle bianche e blu, affiancata da insolite torri verdi. La madrasa ospita anche una moschea invernale ed estiva, una biblioteca, una darskhona (sala di studio) e varie stanze ausiliarie. Sayyid Muhammad-Khan fu il decimo sovrano della dinastia Kungrat del Khanato di Khiva, governando dal 1856 al 1864. Durante il regno di Sayyid Muhammad-Khan, una vedetta (kurnishkhona) fu costruita a Khiva e il commercio, le arti, l’artigianato e la scienza erano ben sviluppati.

Durante il suo regno, l’eminente storico Agakhi visse a Khiva e scrisse la storia di Khorezm. La Madrasa Sayyid Muhammad-Khan è una creazione architettonica e una delle più magnifiche madrase di Khiva.

Said Muhammad-khan (1823-1864), regnò 1856-1864, fu il decimo sovrano della dinastia uzbeka Kungrat nel Khanato di Khiva.

Nel 1855, Muhammad Amin-khan, il sovrano di Khiva, fu tragicamente ucciso nella battaglia di Serakhs. Dopo la sua morte, il potere a Khorezm passò ad Abdulla-khan (1855), ma anche lui morì sei mesi dopo in battaglia con le tribù nomadi. Poi Kutlug Murad-khan salì sul trono. È stato assassinato in un attentato.

Dopo la sua morte nel 1856, il figlio di Muhammad Rahim-khan, Sayyid Muhammad-khan (1856-1864) prese il potere nel Khanato di Khiva. Ha portato ordine nello stato e ha impedito gli attacchi delle tribù nomadi.

Durante il governo di Sayyid Muhammad-khan, mantenne relazioni diplomatiche con la Russia, l’Impero Ottomano, l’Iran e l’Afghanistan. Nel 1858, l’inviato russo N.P. Ignatiev visitò Khiva.

Nel 1863, Sayyid Muhammad-khan ricevette il famoso viaggiatore Hermann Wamberi.

Nel 1864, suo figlio Muhammad Rahim-khan II (1864-1910) salì al potere.

Degno di essere visto

Khiva - Madrasa Shergazi Khan

Khiva - Madrasa Shergazi Khan

La Madrasa Shergazi-Khan si trova nel centro della città storica di Ichan Qala a Khiva, di fronte all’entrata del Mausoleo Pahlavan Mahmud. La Madrasa Shergazi-Khan è una delle più antiche e più grandi di Khiva. Il suo ingresso si trova 2 metri sotto il pavimento della strada a causa della subsidenza naturale e dell’aumento dei luoghi di sepoltura.

L’edificio della madrasa è a un solo piano, tranne una sezione d’ingresso a due piani, e comprende un cortile con quattro aiwan, un complesso di vestiboli e un auditorium.

La Madrasa Shergazi-Khan (1719-1726) è la più antica e conosciuta delle istituzioni educative rimaste a Khiva. Persone che poi sono diventate poeti e scienziati famosi sono state educate qui.

Pertanto, la madrasa era popolarmente conosciuta come “Maskan-i fazilan”, cioè “dimora degli istruiti”. Il talentuoso poeta uzbeko Pahlavankuli Ravnak (nato nel 1725) fu educato lì.

Il classico della poesia turkmena, Makhtumkuli (1733-1793), ha vissuto e studiato qui. Le parole di sincera gratitudine si sentono nella poesia del poeta dedicata alla laurea di Shergazi-Khan Madrasa a Khiva:

“Per tre anni hai condiviso il sale con me ogni giorno,
Mi dispiace, me ne vado, la bella Shergazi!
Eri il mio rifugio in inverno e in primavera, –
Perdonami, bella Shergazi!
Vivrò per distinguere l’amico dal nemico,
La verità è ora un sacro alleato per me;
Qui si è aperto un libro d’oro per me.
Perdonami, me ne vado, bella Shergazi!”.

La storia della costruzione della madrasa vive nella memoria della gente. La Madrasa Shergazi-Khan fu costruita in onore della conquista dello storico stato di Khorasan da parte del Khan di Khiva, Shergazi.

Shergazi-Khan tornò da questa campagna con un solido trofeo, compresi 5000 prigionieri di guerra. Il Khan promise loro, in cambio della loro libertà, di costruire una bella struttura architettonica.

Avendo creduto alle parole di Khan, i prigionieri iniziarono a costruire la madrasa in tre anni e mezzo e la finirono nel 1726, dopo averci messo tutta la loro abilità.

Tuttavia, le condizioni sono state deliberatamente ritardate. L’ira degli schiavi era spietata: Durante una delle visite alla costruzione, il khan fu decapitato. E non è un caso che la data di completamento della madrasa sia stata definita dal poeta-storico Muniz con le parole: “Ah, salva dagli schiavi!”. “Dod, az gulomon!” – 1139 г. (1726 D.C.).

Nonostante le considerevoli riparazioni alla fine del XIX secolo, la madrasa nel suo insieme era in uno stato di sofferenza e di abbandono fino alla Rivoluzione.

La facciata della madrasa si affaccia sul complesso Pahlavan Mahmud. Il sentiero che scende le scale sottolinea che è stato costruito molto prima degli edifici circostanti.

La composizione architettonica dell’intera struttura è in gran parte del tipo tradizionale di madrasa, con una facciata principale a due piani con un alto portale al centro ed edifici a un piano intorno a un cortile quadrato.

Qui ci sono solo 55 hujra. Il portale contiene un’iscrizione di carattere storico che proclama le condizioni di mantenimento del waqf della madrasa. Anche il chierico Beket Ata si è laureato alla Madrasa Shergazi.

A quel tempo, bisognava avere una certa conoscenza di base prima di entrare in questa madrasa, bisognava studiare l’alfabeto arabo nelle moschee locali, imparare l’Haftiyak in 2-3 anni, che è una settima del Corano.

Degno di essere visto

Khiva - Madrasa Turt Shaffaz

Khiva - Madrasa Turt Shaffaz

La madrasa Turt Shaffaz si trova a Dishan-Kala (città esterna di Khiva), all’incrocio di Allaberganov Street e Turt Shaffaz Street. La costruzione della Madrasa Turt Shaffaz a Khiva iniziò nel 1875 e fu completata nel 1885, durante il regno di Muhammad Rahim Khan II.

Era un memoriale di culto. Oggi ci sono tre madrase, una moschea, uno stagno, un minareto e un mausoleo. Le strutture sono disposte intorno a uno stagno quadrato con alberi lungo il perimetro.

La parte centrale dell’insieme è la moschea, un edificio a cupola a quattro colonne con aiwans sulla facciata, le cui colonne sono decorate con sculture in legno. La moschea ha un piccolo minareto.

Il complesso comprende tre madrase fatiscenti con ingressi murati. Sono utilizzati come cimitero, così come il mausoleo Mazar. Isfandiyar Khan e i suoi tre comandanti militari furono sepolti qui.

Ed è per questo che la gente chiama questo complesso “Turt Shaffaz” (quattro guerrieri).

Isfandiyar Khan – Khan di Khiva nel 1910-1918, il dodicesimo sovrano della dinastia uzbeka di Kungrat nel Khanato di Khiva.

È nato nel 1871. Nel 1910, dopo la morte di suo padre – Muhammad Rahim-khan II, Isfandiyar Khan prese il potere a Khorezm. A differenza di suo padre, non si distingueva per nessun talento speciale. Durante il suo regno, Islam Hodja, il visir – primo ministro di larghe vedute, ebbe un ruolo importante nello stato. Ha finanziato la costruzione di una fabbrica di purificazione del cotone, un ospedale, una farmacia, un ufficio postale, un telegrafo e una scuola laica a Khiva. Nel 1908-1910, Islam Hodja costruì una fabbrica di cotone, un ospedale, una farmacia, un ufficio postale e una scuola secolare. Islam Hodja ha costruito un insieme della più piccola madrasa e del più alto minareto di Khiva nel sud-est di Ichan-Qala. Islam Hodja fu poi assassinato, non all’insaputa di Isfandiyar Khan.

Degno di essere visto
Yakubbay Chodscha Medrese in Chiwa

Khiva - Madrasa Yakubbay Khodja

Khiva - Madrasa Yakubbay Khodja

Il complesso storico di Khiva “Ichan-Kala” ha molti monumenti archeologici dei secoli XIX-XX. Quando vieni qui, puoi sentire la connessione di diversi tempi e popoli. Come nella favola di Aladino, ci sono molti mausolei storici e madrase nelle strade di questa vecchia città, che portano da uno all’altro. Uno di questi monumenti archeologici di Khiva è la Madrasa Yakubbay Khodja, situata a ovest del vecchio mausoleo di culto di Pahlavan Mahmud. La madrasa fu costruita nel 1873 dal ricco mercante Yakubbay Khodja di Khiva.

Vista dall’alto, la madrasa si presenta come un rettangolo che si estende lungo l’asse longitudinale da ovest a est. Il gruppo del vestibolo termina con una stanza a cupola, tradizionale per l’architettura musulmana, che conduce al cortile interno attraverso un portale ad arco. Nell’angolo nord-est della madrasa si trova una piccola moschea a cupola in muratura. Le porte di legno sono decorate con ricche piastrelle dei maestri di Khiva.

Degno di essere visto
Matpanabay Medrese in Chiwa

Khiva - Matpanabay Madrasa

Khiva - Matpanabay Madrasa

La Madrasa Matpanabay (1905) si trova a nord della Moschea Juma a Khiva. Questa madrasa fu costruita da uno dei ricchi mercanti del Matpanabay Khanate nel 1905.

La costruzione della madrasa Matpanabay fu realizzata dai migliori artigiani di Khiva, Khudaybergen Hodshi e Kalandar Kochum. Il portale della madrasa è rivolto a est e c’è un corridoio sul lato sud per l’accesso alla madrasa. Vista dall’alto, la madrasa appare simmetrica lungo il suo asse centrale est-ovest, con un dettaglio: manca una stanza nell’angolo nord-ovest.

La facciata principale ha un piccolo portale e un rilievo indistinto che divide il portico in nicchie. La madrasa ha più di dieci hujshras per gli studenti, una darskhona e una moschea a cupola nel sud. I discendenti di Matpanabay vivono nella città di Tashauz, in Turkmenistan.

Nel 2001, l’esposizione del museo della storia di “Avesta” è stata aperta nelle sale della madrasa, dedicata al 2700° anniversario della creazione di questo famoso libro degli antichi Khorezmiani. “Avesta” non è solo un’opera storica inestimabile che ha registrato le opinioni e i concetti religiosi dei nostri antenati, ma anche una fonte storica unica, allo stesso tempo è venerata dalla comunità scientifica mondiale come un patrimonio storico inestimabile.

In considerazione di ciò, l’organizzazione internazionale UNESCO ha deciso nella sua 30a sessione a Parigi nel novembre 1999 di celebrare il 2700° anniversario dell’Avesta in grande stile.

Le celebrazioni dell’anniversario hanno avuto luogo nella patria di Avesta in Uzbekistan, più precisamente a Khorezm. Visitando il museo “Avesta” si ottengono molte informazioni sulla storia più antica, il modo di vivere, i riti e i costumi, la cultura spirituale, la scienza e altre aree che riguardano la vita dei popoli dell’Asia centrale e dell’Oriente in generale.

Degno di essere visto
Abdal Bobo Mausoleum in Khiva

Khiva - Mausoleo Abdal Bobo

Khiva - Mausoleo Abdal Bobo

Il mausoleo di Abdal Bobo, costruito tra l’ottavo e il diciottesimo secolo a Khiva, si trova nella parte orientale di Dishan Qala (città esterna), a sud della Madrasa Abdullah Nasfurush e a est della Madrasa Palvon Qori. Questo mausoleo fu costruito in onore di Abdal Bobo, il cui vero nome era Polvon Ahmad Zamchiy.

Dopo l’invasione araba, Abdal Bobo divenne uno dei fautori della religione islamica a Khiva. Dopo la sua morte, una moschea invernale ed estiva, un minareto e un laghetto furono costruiti intorno al suo luogo di sepoltura. Il mausoleo di Abdal Bobo a Khiva fu costruito nello stile di Bukhara.

Ahmad Zamchiy è un discendente del Profeta Muhammad (s.a.w.) da parte di Hazrat Ali. Ahmad Zamchiy era un contemporaneo di Abu Muslim Qutayba – ci sono informazioni sulle loro battaglie comuni in varie fonti. Egli rese grandi servizi alla diffusione dell’Islam in città storiche dell’attuale Uzbekistan come Karshi, Bukhara, Miyankol e Samarcanda.

Secondo le leggende, si sa che lui (Ahmad Zamchiy) scese nella grotta Shahi Zinda a Samarcanda e partecipò alle battaglie “Loy” a Bukhara. Dopo la sua morte, molti governanti delle città sognarono di seppellirlo nella loro città.

Secondo la volontà di Ahmad Zamchiy, sette tobutes (bare) furono preparate e questi tobutes furono inviati a sette città. La cosa interessante è che quando questi tobute furono aperti, c’era un cadavere in ognuno di essi.

Degno di essere visto
Uch-Awliyo Mausoleum

Khiva - Mausoleo di Uch Awliyo

Khiva - Mausoleo di Uch Awliyo

Il mausoleo Uch-Awliyo si trova a Khiva, vicino alle mura occidentali del palazzo Tash Hauli, fu costruito in memoria di tre santi e appartiene allo sviluppo Ichan-Kala. L’enorme sala del mausoleo è coperta da una cupola con una volta cellulare.

Gli scavi archeologici hanno liberato il mausoleo dagli strati di terra. Ci sono molte sepolture nel mausoleo. La data più antica è il 1561, si può vedere sul pannello della porta intagliata. All’inizio degli anni ’80 del XX secolo, il portale d’ingresso fu danneggiato da una forte pioggia, e anche i pilastri aiwan della moschea furono gravemente danneggiati.

Dopo il restauro e la ricostruzione dell’area circostante, il mausoleo di Uch-Awliyo è diventato un luogo frequentemente visitato a Khiva. Una nicchia più profonda nell’asse della sala incorona una volta a traliccio “kolab-kari”, che commemora il lavoro dei maestri di Bukhara che furono probabilmente coinvolti nella sua costruzione. I nomi degli intagliatori di Khiva sulla porta d’ingresso del mausoleo: Abdurahman, Abdullah ibn Sayyid Asad Hussein, figlio di Ahmad Samarkandi, e l’anno 969. Le dimensioni del mausoleo: 16×10 m, sala – 6×6 m, altezza del portale 12 m.

Degno di essere visto

Khiva - Mausoleo di Yunus Khan

Khiva - Mausoleo di Yunus Khan

Il mausoleo di Yunus Khan fu costruito a Khiva tra il 1558 e il 1559. Si trova a sud del Khoja Maram Medrese e fa parte dell’insediamento Ichan-Kala di Khiva.

È un mausoleo con un portale a due cupole e una tomba. Le due stanze sono coperte da cupole coniche.

Fu uno dei predecessori della dinastia Khorezm-Khan. Yunus-Khan fu sepolto in una delle stanze del mausoleo di Khiva. Non si sa ancora chi sia sepolto nella seconda tomba.

Secondo un’antica leggenda, la città di Khiva fu costruita intorno a un pozzo scavato da uno dei discendenti del biblico Noè. Secondo la leggenda, l’acqua di questo pozzo era particolarmente pura e deliziosa. Si trova ancora nella città ed è uno dei monumenti dell’antichità. Khiva fu fondata più di 2,5 secoli fa, dopo di che divenne uno degli insediamenti più ricchi e prosperi del Khorezm. All’inizio del suo sviluppo, la città fu succeduta da varie dinastie regnanti, fu ripetutamente conquistata da tribù bellicose, e all’inizio del XIII secolo le truppe di Gengis Khan distrussero quasi tutta la città.

A metà del XIII secolo, la città divenne il centro del Khanato di Khiva e il secondo periodo di sviluppo e prosperità, uno dei più importanti e grandi centri dell’Islam in Oriente. La città è ricca di magnifici monumenti, tra i quali si possono scoprire sia edifici secolari che religiosi.

Degno di essere visto
Pahlavon Mahmud Mausoleum in Khiva

Khiva - Mausoleo Pahlavon Mahmud

Khiva - Mausoleo Pahlavon Mahmud

Il Mausoleo Pahlavon Mahmud è la più grande cupola di Khiva. La struttura di Ichan-Qala è ricoperta di piastrelle smaltate blu e ha una cima scintillante e dorata. Pahlavon Mahmud (1247 – 1326) nacque a Khiva.

Da qualsiasi punto di Ichan-Qala si può vedere l’unica cupola turchese di Khiva, appollaiata su un tamburo – la cupola Khanaka sulla tomba di Pahlavon Mahmud – poeta e pensatore, filosofo e lottatore professionista.

Il mausoleo fu costruito in onore del famoso poeta di Khiva e di un uomo noto per la sua forza eroica, Pahlavon Mahmud.

Ci sono leggende sulla sua forza e sul suo coraggio. Pahlavon Mahmud, come tutti i filosofi dell’epoca, aveva una professione che manteneva la sua famiglia. Era un pellicciaio e cuciva cappotti di pelliccia.

Il clero musulmano lo elevò al rango di santo dopo la sua morte. Inizialmente, il mausoleo era modesto e piccolo, ma divenne rapidamente un luogo di pellegrinaggio con molte hujras, khanakas e moschee.

Nel XVII secolo, il portale d’ingresso al mausoleo fu costruito sul lato sud. I membri della famiglia del Khan di Khiva furono sepolti nella tomba di famiglia annessa al Mausoleo Pahlavon Mahmud. Le lapidi di marmo di Abdulaziz-khan (1663) e Anush-khan (1681) furono trasferite nel nuovo edificio e collocate dietro il loculo di Muhammad Rahim-khan.

Nel 1719, Shergazi-khan costruì una nuova madrasa a sud del cimitero e la allineò al mausoleo di Pahlavon Mahmud.

Nel 1810, dopo un’incursione di successo a Kungrad, Muhammad Rahim-khan I decise di cambiare radicalmente l’insieme. Più tardi, l’edificio fu esteso dal mausoleo originale verso est e in parte verso sud.

Nelle opere di Shamsiddin Samii “Komus up-apam” di Lutf Alibek Ozar “Otashkada”, così come nel libro “Manokib”, c’è l’informazione che ha creato un masnaviy chiamato “Konzul hakoyik” (“Tesoro della verità”). Il suo rubai è ampiamente conosciuto.

L’inestimabile poesia di Pahlavon Mahmud, che ha educato diverse generazioni, è giunta fino a noi attraverso i secoli. Libri come “Hazrat Pahlavon Hikoyalari”, “Pahlavon Mahmud Manokiblari” sono stati scritti sulla vita del religioso.

Nel Khorezm, Pahlavon Mahmud era anche conosciuto come Pahlavon Pir e nelle pubblicazioni letterarie è conosciuto come Hazrat Pahlavon e come Mahmud Pirivaliy. Come servitore della Tariqat, Pahlavon Mahmud si guadagnava da vivere come pellicciaio, proprio come Hazrat Bahauddin tesseva disegni multicolori sui tessuti. Per la Tariqat i servi vivevano dei frutti del loro lavoro. Hanno aderito alla sacra scrittura del Profeta Muhammad alayhissalom:

“Leggete il Corano e seguitelo.
Non siate estranei ad essa e sforzatevi di comprenderla più profondamente.
Non fate errori indulgendo nelle vostre speculazioni,
Non arricchitevi facendone un mezzo di esistenza.

Come testimonia la leggenda, Pahlavon Mahmud visse in Iran e in India per diversi anni. Secondo “Manokib”, Pahlavon Mahmud combatté contro i nemici dell’India e salvò il re indiano Raja Rapoy dalla morte durante la battaglia.

Quando il re volle ringraziarlo e gli chiese cosa volesse, Pahlavon Mahmud espresse la sua unica richiesta, che era quella di liberare i connazionali catturati che erano stati fatti prigionieri qualche anno prima.

Il re fu molto sorpreso dalla generosità di Pahlavon Mahmud, perché era disposto a dargli metà del suo regno e sua figlia in matrimonio. Il re lasciò andare i prigionieri e diede loro cibo e cavalli per il viaggio. Pahlavon Mahmud e i suoi compatrioti tornarono in Khoresm.

Costruì un mausoleo con i suoi soldi per commemorare i suoi compatrioti che erano morti nelle battaglie contro i mongoli tatari e ne fece un luogo di pellegrinaggio. Quando Pahlavon Mahmud morì, fu costruito un mausoleo sulla sua tomba a Khiva.

Il rivestimento in maiolica che adorna la cupola, il portale d’ingresso e la lapide era la caratteristica principale della struttura. I rivestimenti in maiolica sono stati creati dai maestri che erano impregnati dello spirito della poesia di Pahlavon Mahmud, come se cercassero di abbinare i loro incredibili disegni blu e bianchi con le poesie del chierico.

La tomba di Pahlavon Mahmud fu elevata al rango di santo dal clero e poiché il poeta apparteneva alla famiglia Kungrad. Nel XIX secolo, i khan di Khiva lo elessero santo della dinastia Kungrad.

Da allora, il complesso intorno al mausoleo è diventato un memoriale dei membri della famiglia del Khan – i khan Abdulaziz, Shahniyaz, Muhammad Rahim Khan I, Temurgozi e altri governanti dei secoli 17-18 sono sepolti qui.

Durante il regno di Allakuli-Khan, l’edificio fu decorato con pannelli di maiolica. Nel 1810, il maestro Adina Muhammad Murad di Khozarasp supervisionò la costruzione.

Il rivestimento in maiolica risale al 1825 quando l’altro lato della galleria fu costruito da Nur Muhammad figlio di Usto Kalandar Khivaki e Sufi Muhammad figlio di Abdal Jabbar.

L’autore dei disegni era Abdullah Jin e Nadir Muhammad fece la porta di legno intagliato nel 1893 – 1894. Nel 1913, un edificio a due piani fu costruito nel cortile di fronte al mausoleo.

Nelle stanze di questo edificio si trovano le tombe della madre e dei figli di Isfandiyar-khan, così come una tomba per Isfandiyar stesso. Secondo la versione accettata, Isfandiyar morì fuori Ichan-Kala, nel palazzo di Nurullabai, e non fu sepolto nel luogo preparato per lui.

Anche suo figlio Temur Gazi, che fu avvelenato, non fu sepolto qui, ma nel mausoleo Said Mahir Jahan accanto a suo nonno. La costruzione del magnifico complesso architettonico fu completata con l’erezione di aiwan con colonne scolpite nella parte sud-est del cortile.

Degno di essere visto
Mausoleum Said Muhammad Mahir in Khiva

Khiva - Mausoleo Said Muhammad Mahir

Khiva - Mausoleo Said Muhammad Mahir

Il mausoleo Said Muhammad Mahir si trova a Khiva ed è apprezzato come la tomba di famiglia dei khan di Khiva. Il complesso commemorativo consiste in tre gruppi di strutture monumentali, tra cui le tombe di alcuni Khiva-Khan. Syed Muhammad-khan, Muhammad Rahim-khan II (Feruz) e suo nipote Temur Gazi Tura, figlio di Isfandiyar-khan furono sepolti qui.

Tre anni di lavori di restauro hanno permesso di ricostruire l’edificio distrutto dal tempo. In questo lavoro i restauratori hanno aggiunto nuovi puzzle di decorazione. Durante lo scavo delle tombe qui, sono state trovate diverse persone sepolte senza riti adeguati. Forse queste persone furono i primi predicatori dell’Islam in queste zone. Gli scienziati non sono d’accordo, e sulla data di costruzione di ogni elemento del complesso. Hanno dimostrato che la costruzione è stata effettuata in due fasi. La parte più antica del complesso è il Mausoleo ed è il più antico edificio religioso conservato in Asia centrale.

In volte speciali intorno al mausoleo Said Muhammad Mahir si trovano le tombe dei discendenti dei khan di Khiva, delle loro mogli e dei loro figli. Secondo la leggenda, uno sceicco sufi chiamato Chadirli Eshon visse qui.

Dopo la sua morte, fu sepolto lì e il cimitero che più tardi si sviluppò vicino alla sua tomba divenne noto come Chadirli Eshon. Quasi tutti gli elementi del mausoleo (cupole, muri, trombe a gradini) sono fatti di mattoni di fango senza decorazione esterna e le pietre tombali sono ricoperte di maiolica nello stile tradizionale del Choresm del XIV secolo.

La facciata principale è coperta di mosaici e i lati sono decorati con torrette guldasta, il che dà l’impressione di monumentalità. Le facciate laterali sono abbellite da ingressi ad arco. Il portale dell’edificio ha una forma allungata non tradizionale. Grazie alla sua posizione e alla presenza di una grande sala con una buona acustica, fu il centro della vita culturale di Khiva per molti secoli.

Nel 1825, l’edificio fu drasticamente restaurato su ordine di Allakulikhan, così che l’aspetto attuale del mausoleo si riferisce al periodo della nuova rinascita dell’architettura a Khorezm (prima metà del XIX secolo).

Nella seconda metà del XIX secolo, Sayyid Muhammad-khan ordinò la costruzione del mausoleo sulla tomba dello sceicco. Di conseguenza, il complesso si trasformò in una tomba di famiglia dei Khiva-Khan.

Degno di essere visto
Mausoleum Sayid Alauddin in Khiva

Khiva - Mausoleo Sayid Alauddin

Khiva - Mausoleo Sayid Alauddin

Il mausoleo di Sayid Alauddin è uno dei primi monumenti della città di Khiva che ci è giunto in una forma piuttosto distorta e ricostruita e appartiene allo sviluppo Ichan-Qala. Il fatto stesso che il mausoleo fosse mezzo sepolto negli strati culturali indica l’antichità del monumento.

Tuttavia, la forma originale del mausoleo e il tempo della sua costruzione rimangono incerti. Un’iscrizione su una delle lapidi suggerisce che Sayid Alauddin morì nell’anno Hijra 702 (1303 d.C.). Il mausoleo sopra la tomba dello sceicco poteva essere costruito solo nella seconda metà del XIV secolo, poiché la credenza popolare associa la sua costruzione al nome di Amir Kulol, morto nel 1380.

Più tardi, una stanza quadrata (Ziyaratkhona) fu aggiunta al mausoleo da ovest e l’ingresso al complesso fu costruito dal lato nord. Tutti questi cambiamenti radicali furono commissionati da Allakulikhan (1825 – 1842).

In relazione alla sepoltura di Khan Sayid Muhammad-Khan (1819 – 1863), che era venerato dallo sceicco, la dakhma (plinto rialzato) e due sagane (tombe) su di esso furono apparentemente costruite insieme per due tombe.

Il rivestimento della dakhma e delle sagane è nelle migliori tradizioni della maiolica di Choresm nel ХIV. Secolo. Il motivo della maiolica è vicino ai motivi del mausoleo di Nadschmiddin Kubro (anni ’30 del ХIV secolo), che ha fuorviato i ricercatori.

Infatti, la decorazione in maiolica della dakhma e della sagana del mausoleo di Sayid Alauddin è stata realizzata negli anni 1960. L’architettura del mausoleo è abbastanza ordinaria; i muri, le cupole, le trombe a gradini sono tutti in mattoni e non hanno rivestimenti.

Durante lo scavo archeologico, sono stati trovati i resti di ceramica intagliata dell’edificio originale. Così, l’aspetto attuale del Mausoleo di Sayid Alauddin può essere attribuito al periodo della nuova rinascita dell’architettura a Khiva (Khorezm), cioè la prima metà del XIX secolo.

Il monumento fu restaurato nel 1825. L’edificio è cresciuto nello spessore degli strati archeologici. All’inizio era un Gurkhan con portale e una particolare struttura ottagonale subcupola con la stalattite a sbalzo che riempiva gli angoli.

Dopo un po’ di tempo, fu aggiunto un portale-cupola più grande Ziyaratkhana. In Gurkhana è lapidi (XIV secolo.), maiolica rivestita, con policromia e rilievo spiccano densi ornamenti floreali e vegetali e il legame di iscrizioni arabe.

Il mausoleo di Sayid Alauddin a Khiva consiste in due stanze a cupola collegate tra loro, una serve come mausoleo di Sayid Alauddin e l’altra come khanaka. Un portale basso, che porta i segni evidenti di una ricostruzione successiva, conduce a una grande khanaka quadrata, che fu poi convertita in moschea.

Il khanaka ha un alto soffitto a cupola. La superficie della parete ovest è coperta di versi persiani; i passaggi più interessanti per noi sono i seguenti: “Per qualche tempo ha abitato nella Kaba (alla Mecca) e infine è venuto qui. Il suo nome è Sheikh Alauddin – una perla unica dal mare della scienza. Questo gumbaz è stato costruito in passato e rivaleggia con le cupole del cielo. È stato costruito dall’emiro Kulol”.

Si afferma inoltre che il Gumbaz fu rinnovato durante il regno di Allakuli-Khan (1825-1842). Qui la frase serve come data e denota l’anno 1241. (1825), cioè l’anno del lavoro di riparazione. A quel tempo, il portale crollato fu restaurato, i soffitti a cupola furono riparati e la lapide di alabastro descritta qui sotto fu restaurata.

Al centro del muro orientale del Khanaka c’è un ampio ma basso arco a sesto acuto che conduce a una piccola e semplice stanza con una lapide (sagana) di Sayyid Alauddin. La tomba ha la forma di un parallelepipedo di mattoni cotti ed è rivestita di piastrelle smaltate con un basso rilievo sottosmalto.

I suoi angoli sono decorati da semicolonne su cui poggia una piccola cornice e le superfici delle pareti sono interrotte in campi ornamentali da cornici rettangolari e lisce. La tomba è alta 1,25 m, larga 1,20 m e lunga 2 m.

Sopra, due identiche repliche in miniatura di piastrelle di pietre tombali a forma di volta a bifora delle comuni pietre tombali moderne dei cimiteri musulmani dell’Asia centrale stanno parallele l’una all’altra.

Le pareti piastrellate di entrambe le “pietre tombali” sono rivestite di piastrelle fuse con iscrizioni in rilievo di versi arabi in una complessa scrittura Khati-Sulus, contenenti il nome e il tempo della morte dello sceicco. L’ornamentazione in rilievo dell’intera tomba consiste in rami intrecciati, fogliame e mezzitoni floreali eseguiti in toni bianco-verdastri che sono in armonia sorprendentemente dolce con la combinazione di colori blu dello sfondo.

Secondo l’iscrizione sulla lapide, Sayid Allaudin morì nel 702, cioè nel 1303 d.C. Egli è menzionato da Imam Yafi e Ahmad Razi, un biografo della seconda metà del XIV secolo, nella sua enumerazione degli sceicchi del Khoresm.

L’emiro-Kulol, un famoso mistico dell’ordine Naqshbandi e maestro di Bakhauddin, al quale l’iscrizione Khanaka del XIX secolo attribuisce la costruzione di questo gumbaz, morì nel 1380 d.C. Era ricco e aveva autorità tra l’élite dirigente dell’epoca.

Era l’epoca del trionfo degli ordini reazionari degli sceicchi, che trovarono un forte sostegno finanziario e amministrativo tra la nobiltà mongola e schiavizzarono e sfruttarono rapacemente la popolazione nelle città e nei villaggi dell’Asia centrale.

Questa nobiltà aveva bisogno dell’aiuto del clero locale per giustificare ideologicamente il suo dominio. I mongoli e i loro delegati della nobiltà locale costruirono molti khanakas e mausolei per i morti e i venerati sceicchi viventi, accompagnati da grandi donazioni di terre, aryks (canali d’acqua) e villaggi, i cui proventi venivano utilizzati per sostenere tutti i tipi di darvishe e sceicchi.

Per esempio, il più antico documento Waqf di Khoresm, ora conservato nella biblioteca del Museo di Khiva, ci informa che Timur Kutluk, viceré del Khan dell’Orda d’Oro, costruì due grandi khanaka per lo sceicco Sulayman Haddadi, uno dei quali era ai piedi della collina Mizdahkan e un altro da qualche parte vicino alla città di Khiva.

Ha donato due appezzamenti di terreno per il mantenimento di questi khanakas, il cui reddito era equivalente a 55.000 barili di grano all’anno. È possibile che il mausoleo di Sayid Alauddin sia stato effettivamente costruito a spese del ricco sceicco Emir Kulol, ma nella sua biografia piuttosto dettagliata non c’è alcuna indicazione che abbia visitato Khiva o sia stato coinvolto nei lavori di costruzione lì.

In ogni caso, il tempo di costruzione del mausoleo dato nell’iscrizione di Allakuli-khan trova una conferma diretta nello stile e nella tecnica della lapide di Sayid Alauddin. A questo proposito, quest’ultimo è strettamente legato alla lapide di Nadschmeddin Kubro a Kunya-Urgench.

Un parallelo stretto si trova nella facciata di vetro di Turkan-Aka, il mausoleo della sorella di Temur a Samarcanda, che è ricoperta di piastrelle in rilievo. Non c’è motivo di dubitare che questi smalti, che sono tra i migliori per qualità ed esecuzione artistica, siano apparsi a Khorezm durante il periodo dell’Orda d’Oro, fossero conosciuti in altre zone dell’Asia Centrale ai tempi di Timur, e siano scomparsi dall’uso all’inizio del XV secolo.

La tomba di Najmeddin Kubro risale agli anni Quaranta del XIV secolo e il mausoleo di Turkan Aka – alla seconda metà del XIV secolo. Ovviamente, la realizzazione della lapide di Sayid Alauddin e, come si vedrà, anche la costruzione del mausoleo di Sayid Alauddin stesso possono essere attribuiti a questa data.

I dettagli strutturali più importanti come i tamburi, le cupole e la forma degli archi suggeriscono che l’edificio fu eretto nello stesso periodo della lapide. La pianta dell’edificio è interessante, come un edificio a più cupole del tipo che convenzionalmente raggruppiamo sotto il termine “gumbaz”.

Il gumbaz dello sceicco Mukhtar 30 (morto nel 1288 d.C.) nel villaggio di Astana, nel distretto di Yangi-Aryk, nella regione di Khorezm, la cui costruzione è anche attribuita all’emiro Kulol, appartiene anche a questo tipo di edificio. Consiste in una moschea, un khonako e un mausoleo e differisce dal Gumbaz di Sayid Alauddin solo per le sue dimensioni maggiori.

La stessa disposizione e composizione architettonica dà un famoso Gumbaz Sheikh Sayfiddin-Bokharazi (moschea, khanaka, mausoleo) vicino alle montagne di Bukhara. Fu costruito per ordine della moglie reale mongola Tuli-khan.

Altri monumenti nel Khorezm risalgono ad esso: il mausoleo di Sheikh-Abbas (moschea, mausoleo e khanaka) nella città di Shabaza e il mausoleo di Narindjan-Bobo (moschea, mausoleo e khanaka) nel distretto di Turtkul, Karakalpakstan, che furono costruiti nel XIV secolo d.C.

Queste osservazioni suggeriscono che gli edifici di culto di questo tipo complesso non erano diffusi fino al XIV secolo.

Degno di essere visto
Ichan Qala - Khiva

Khiva - Mausoleo Shakhimardon

Khiva - Mausoleo Shakhimardon

Il mausoleo di Shakhimardon, costruito nel XVIII secolo, si trova a 500 metri a ovest di Dishan-Kala, sul territorio della fattoria collettiva Pakhlovon Makhmud del distretto di Khiva della regione di Khorezm. Nel XVIII. Nel secolo scorso fu costruito un cimitero intorno al mausoleo. La gente associa questo luogo al nome di Hazrat Ali, il genero del Profeta. Infatti, i primi ad essere sepolti qui furono i coraggiosi guerrieri di Khoresm Shah. Il mausoleo Sсhaсhimardon è la parte centrale del complesso commemorativo, che comprende anche una medrese (fine del XIX secolo) e una karikhona (1908). Ci sono anche Toz Mahram e Shahsufar Mahram Medrese e un mausoleo dove sono sepolti i membri della famiglia Toz Mahram.

Il mausoleo Shahimardon a Khiva fu chiuso durante il periodo sovietico come parte della politica anti-islamica delle autorità. Tuttavia, ha continuato ad essere visitato dai fedeli. Il 27 marzo 1945, con decreto n. 410, il Consiglio dei Commissari del Popolo dell’URSS trasferì dalla Direzione dell’Architettura sotto il Consiglio dei Commissari del Popolo dell’URSS al Consiglio Spirituale dei Musulmani dell’Asia Centrale e del Kazakistan (SADUM) sette mazar più visitati, tra cui Shakhimardon. Lo shakhimardon è stato usato ufficialmente dal clero musulmano per un breve periodo di tempo. Durante questo periodo, un hotel e un resort acquatico sono stati costruiti presso il Mausoleo Shaсhimardon di SADUM. Il decreto n. 9363-rs del Consiglio dei Ministri dell’URSS del 18 giugno 1950 permise alle autorità uzbeke di ritirare Shaсhimardon dal SADUM. Tuttavia, Shakhimardon è rimasto chiuso solo sulla carta. Il direttore di una delle scuole sovietiche e il segretario di una delle organizzazioni VKP(b) sono diventati lo sceicco del mausoleo Shakhimardon, formalmente chiuso.

Degno di essere visto

Khiva - Mausoleo Sheikh Qalandar Bobo

Khiva - Mausoleo Sheikh Qalandar Bobo

Il Mausoleo dello Sheikh Qalandar Bobo fu costruito nel XVI secolo, si trova a sud-ovest della Bikanshan Bika Medrese e fu costruito al centro del cimitero omonimo, che appartiene all’insediamento Dishan Qala di Khiva.

Secondo la leggenda, lo Sheikh Qalandar Bobo era uno sceicco sufi che venne a Khiva con i suoi due fratelli Darvish. Il mausoleo ha un portale con una sola cupola e una tomba; è stato restaurato nel 1997.

Khiva è la città delle leggende, delle storie misteriose e dei miti. Molti grandi nomi e personalità semi-mitiche hanno vissuto, studiato e creato in questa terra. Sono rimasti nella memoria della gente attraverso le loro gesta e azioni e sono diventati una parte inseparabile della storia della regione.

Lo Sheikh Qalandar Bobo era una di queste famose personalità di Khorezm. Secondo la leggenda, era uno sceicco sufi che viaggiava molto e visitava molti paesi. Alla fine, si stabilì a Khiva, dove insegnò i principi del sufismo e rafforzò la fede nell’Islam. Sheikh Qalandar Bobo era noto per la sua modestia, lo stile di vita ascetico e insieme ai suoi due fratelli aiutava i bisognosi. Dopo la sua morte, lo sceicco fu sepolto nel cimitero vicino alla medresa Bikanshan Bika, e alla fine del XIX secolo, un complesso commemorativo fu costruito qui: una medresa con un minareto. Gli edifici non si distinguono per alcuno stile, disegno o decorazione particolare, come in linea di principio si addice al luogo di sepoltura di un rappresentante del sufismo.

Il mausoleo di Khiva, dove è sepolto lo Sheikh Qalandar Bobo, risale al XVI secolo. Un tempo, il mausoleo era abbastanza grande e conteneva diverse tombe. Secondo la tradizione medievale, una medrese e un minareto furono costruiti nelle vicinanze nel XIX secolo. Del mausoleo stesso, tuttavia, rimangono la struttura a cupola con un portale, la medresina successiva e il minareto. Il minareto è alto diciotto metri e ha un diametro di sei metri alla base. La medrese stessa è piccola e nel cortile ci sono celle dove vivevano studenti e insegnanti. Quando si visitano le aule, si può capire come si svolgevano le lezioni e cosa veniva usato per esse. Dopo l’ultima ricostruzione nel 1997, il complesso è aperto a ricevere i visitatori.

Degno di essere visto

Khiva - Mausoleo Tugon Tura

Khiva - Mausoleo Tugon Tura

Il mausoleo di Tugon Tura, costruito nel XIX secolo, si trova in via Yusuf Tashpulatov a Ichan-Kala della città di Khiva, di fronte all’angolo nord-ovest del palazzo Tash Hauli.

Secondo le informazioni disponibili, il mausoleo fu costruito in onore di Tugon Tura, che discendeva da musulmani turchi ed era uno degli inviati a Khiva di Qutayba ibn Muslim, che conquistò Khorezm nel 712. Il mausoleo fu restaurato nel XIX secolo.

Nella città vecchia, chiamata anche centro della città, il numero di attrazioni è semplicemente fenomenale – qui non si possono fare due passi senza incontrarne una nuova. Tutti hanno sia una storia incredibile che un esterno squisito e lussuoso. Questo non vuol dire che la città esterna sia poco interessante – ci sono anche molti posti da visitare. Ma mentre la città esterna non è particolarmente ben conservata, la città interna si presenta quasi nella sua forma originale.

Secondo un’antica leggenda, la città di Khiva fu costruita intorno a un pozzo scavato da uno dei discendenti del biblico Noè. Secondo la leggenda, l’acqua di questo pozzo era particolarmente pura e deliziosa. Si trova ancora nella città ed è uno dei monumenti dell’antichità. Khiva fu fondata più di 2,5 secoli fa, dopo di che divenne uno degli insediamenti più ricchi e prosperi del Khorezm. All’inizio della sua nascita, la città fu succeduta da varie dinastie regnanti, fu ripetutamente conquistata da tribù bellicose, e all’inizio del XIII secolo, le truppe di Gengis Khan distrussero quasi tutta la città.

Degno di essere visto
Abdal-Bobo in Chiwa

Khiva - Minareto Abdal Bobo

Khiva - Minareto Abdal Bobo

Il minareto Abdal-Bobo a Khiva è piccolo (altezza – circa 10 m, diametro della base – 3, 2 m), ma impressionante, con diametro fortemente decrescente verso l’alto un tronco grassoccio coronato da un’elegante cornice – Sharafa.

Sulla strada per Koy-Darwaza si trova un complesso architettonico Abdal-Bobo, costruito intorno a un piccolo cimitero suburbano. Qui, sulle rive del Khauz, presso una grande moschea nelle vicinanze, si svolgeva il commercio di schiavi.

Il minareto Abdal-Bobo del XVIII secolo, si trova in via Ataeva a Dishan-Kala di Khiva. Fu costruito come parte dell’insieme dello stesso nome dopo la morte di Pahlavan Ahmad Zamchi (il suo vero nome Abdal-Bobo).

Dishan-Kala è il nome della storica città “esterna” di Khiva. La tradizionale divisione della città in due parti separate: una città interna (Shahristan) – Ichan Kala (letteralmente: cerchio interno di difesa) e una città esterna (Rabad) – Dishan Kala (cerchio esterno di difesa). A differenza di Ichan-Kala, che ha conservato quasi completamente il suo aspetto esterno, rimangono solo alcune porte delle mura difensive esterne, in particolare la porta Kozh-Darwasa, a 500 metri dalla porta nord di Ichan-Kala (Bagcha-Darwasa), così come le porte Khazarasp-Darwasa e Gandimyan-Darwasa. Allakuli-khan costruì il bastione esterno nel 1842 per proteggersi dagli attacchi degli Yomud (una delle tribù turkmene).

Secondo il poeta e traduttore Agahi, Allakuli-khan costruì le mura del Dishan-Kala in 3 anni e costrinse tutti i suoi subordinati a lavorare gratis per 12 giorni all’anno. Più di 200 mila persone hanno partecipato alla costruzione del muro. Le dimensioni del muro esterno erano le seguenti: Lunghezza – 5650 m, altezza – 6-8 metri, spessore alla base – 4-6 metri. È interessante sapere da dove è stata presa tanta argilla per costruire le mura. Le ricerche hanno rivelato che l’argilla veniva estratta a due chilometri a nord della città, nel territorio chiamato Govuk-kul; ora c’è un grande lago. E ancora oggi, l’argilla locale di ottima qualità è utilizzata dai moderni vasai. La leggenda dice che l’argilla di questa zona fu usata quando il profeta Maometto costruì Medina, e il lago che fu creato in seguito è considerato sacro.

Degno di essere visto
Khiva - Minareto Chilli Avliya

Khiva - Minareto Chilli Avliya

Khiva - Minareto Chilli Avliya

Il minareto Chilli Avliya fu costruito nel XIX secolo nella periferia di Dishan-Kala a Khiva. Il minareto si trova accanto alla Madrasa Chilli Avliya, all’incrocio con Yakubova Street e appartiene alla città esterna di Dishan-Kala.

Il minareto è costruito in mattoni cotti, ha quattro aperture ad arco con scale interne ed è decorato con cinture di maiolica. Il minareto Chilli Avliya a Khiva è alto 12 m e ha un diametro di 3,5 m.

Secondo un’antica leggenda, la città di Khiva fu costruita intorno a un pozzo scavato da uno dei discendenti del biblico Noè. Secondo la leggenda, l’acqua di questo pozzo era particolarmente pura e deliziosa. Si trova ancora nella città ed è uno dei monumenti dell’antichità. Khiva fu fondata più di 2,5 secoli fa, dopo di che divenne uno degli insediamenti più ricchi e prosperi del Khorezm. All’inizio del suo sviluppo, la città fu succeduta da varie dinastie regnanti, fu ripetutamente conquistata da tribù bellicose, e all’inizio del XIII secolo le truppe di Gengis Khan distrussero quasi tutta la città.

A metà del XIII secolo, la città divenne il centro del Khanato di Khiva e il secondo periodo di sviluppo e prosperità, uno dei più importanti e grandi centri dell’Islam in Oriente. La città è ricca di magnifici monumenti, tra i quali si possono scoprire sia edifici secolari che religiosi.

Degno di essere visto
Das Minarett der Dschuma-Moschee in Chiwa

Khiva - Minareto della Moschea Djuma

Khiva - Minareto della Moschea Djuma

I cinque minareti di Khiva si trovano su una linea ad una distanza di circa 200 m l’uno dall’altro. Al centro c’è il minareto della moschea principale di Khiva, la Moschea Djuma.

A ovest c’è Kalta-Minor e più avanti il minareto del complesso Sha-Qalandar-Bobo. A est c’è il minareto della moschea Sayid Biy, e poi il minareto di Palvan-Qori. Il diametro del minareto della Moschea Djuma è di 6,2 metri alla base e la sua altezza è di 32,5 metri.

La cima del minareto è coronata da una lanterna a otto arcate con una cornice di stalattiti e una cupola. Il minareto della Moschea Djuma fu costruito nel XVIII secolo. Il più antico e il secondo minareto più grande della Moschea Djuma si trova vicino all’ex Moschea Jome a Khiva.

Fu costruita al posto della struttura distrutta dal grande funzionario di corte Abdurrahman Mihtar. A differenza di altri minareti di Khiva, il minareto della moschea Djuma non è quasi decorato.

I minareti di Khiva hanno un posto unico e molto importante nel mondo dell’architettura. Creano un sistema chiaro di punti di riferimento spaziali nella percezione della città e segnano le posizioni delle grandi moschee, madrase, complessi. È difficile considerare il loro scopo diretto – fornire una piattaforma rialzata per la proclamazione dell’azan, la chiamata alla preghiera – come la ragione della loro molteplicità. È anche dubbio che i minareti ornati di tegole a Khiva fossero principalmente destinati a svolgere la funzione di torre di guardia. Il minareto simboleggiava il potere e la dignità del suo costruttore – segnava la posizione dell’edificio principale da cui era stato creato, come una linea verticale che poteva essere vista da lontano.

Il significato di un minareto come pilastro commemorativo, simbolo di una fortezza e potere di autorità è confermato dalla leggenda sopravvissuta a Khiva di come Muhammad Amin-khan avesse progettato il minareto più alto dell’Asia centrale “dal quale si sarebbe vista Bukhara”, di come il capomastro sia stato soffiato dal geloso sovrano di Bukhara che non voleva lasciare Khiva in carica, e di come, come risultato, il Kalta Minor, una torre conica di diametro senza precedenti nell’impronta non sia stato completato.

Degno di essere visto
Residence of Islam Khodja in Khiva

Khiva - Minareto Islam Khodja

Khiva - Minareto Islam Khodja

Il minareto Islam Khodja di Khiva fu costruito nel 1908. L’intero complesso fu completato nel 1910. Il costruttore di questo complesso, il visir Islam Khodja, era una personalità colta e progressista.

Da ovest a est, dalla porta Ata Darwaza alla porta Palvan Darvaza, la città è attraversata da una strada principale lunga circa 400 metri. È fiancheggiata dalle facciate e dai muri laterali di grandi edifici.

Lungo il suo asse ci sono diverse piazze con minareti che si alzano nel cielo. Nell’arco della porta di Koy Darvaza, tutta la loro catena è catturata: Abdal Bobo, Palvan Qori, Sayyid Shelkarbiy, Islam Khodja, Juma, Kalta Minor, Bikajanbika.

Da questi minareti della storica Khiva, i muazzin chiamavano simultaneamente i fedeli a compiere un dovere sacro – eseguire una preghiera.

Il minareto Islam Khodja è chiamato il simbolo di Khiva e la sua forma che si restringe verso l’alto risale ai primi modelli di architettura (Kunya-Urgench, XIV secolo). La muratura di mattoni si alterna a strisce di motivi smaltati sul minareto. Il minareto è alto 56,6 metri e ha un diametro di 9,5 metri.

Il destino di Islam Khodja, il fondatore della madrasa e del minareto, fu tragico. A differenza della maggior parte dei dignitari del Khan, il suocero di Isfandiyar-Khan e il capo visir del Khanato era un uomo colto e lungimirante.

Islam Khodja era un visitatore ripetuto a Pietroburgo, si interessava agli eventi dell’Impero russo, capiva la necessità di attuare le riforme che il tempo dettava nel Khanato.

Ha incoraggiato lo sviluppo del commercio, degli affari e delle relazioni culturali con la Russia e ha sostenuto lo sviluppo dell’industria nazionale. Su sua insistenza, furono costruiti a Khiva una fabbrica per la pulizia del cotone, un ospedale, una farmacia, un ufficio postale e un telegrafo; furono considerati progetti per costruire una ferrovia che collegasse il Khanato di Khiva con la Russia.

A spese di Islam Khodja, fu costruita nel khanato la prima scuola in stile europeo, dove si insegnavano matematica, fisica, chimica e altre materie scientifiche e umanitarie.

Il clero e la nobiltà reazionaria erano ostili alla politica di Islam Khodja e accoglievano con ostilità tutte le sue innovazioni. Alla fine riuscirono a convincere Isfandiyar-khan a passare dalla loro parte. Lo hanno convinto che Islam Khodja era una minaccia per l’autocrazia del Khan.

Il destino del capo visir era segnato. Una notte, mentre Islam Khodja stava tornando alla sua tenuta di campagna in una carrozza, diversi uomini sconosciuti lo accoltellarono e scomparvero. Tuttavia, nessuno voleva cercarli. Il Khan sapeva dell’omicidio e non ha interferito.

Degno di essere visto
Ichan Qala - Chiwa

Khiva - Minareto Kaptarkhon

Khiva - Minareto Kaptarkhon

Il minareto di Kaptarkhon è stato costruito nel XIX secolo e si trova sul sito della moschea di quartiere con lo stesso nome a Khiva. Nella parte superiore ci sono quattro aperture dalle quali i Muazzin leggono “Azan”.

Il minareto è costruito in mattoni cotti e decorato con mattoni a motivi, solo il cornicione ha una fascia di piastrelle blu.

Il minareto Kaptarkhon a Khiva è alto 8 metri e ha un diametro di 2 metri.

I minareti furono originariamente costruiti come torri di avvistamento e punti di riferimento per i viaggiatori. Dopo l’arrivo dell’Islam in Asia centrale, i minareti furono usati per le chiamate alla preghiera. I minareti apparvero allora in ogni città intorno alle moschee di Jome. Il numero di minareti grandi e piccoli a Khiva era originariamente un centinaio, oggi il loro numero non supera i 20.

Ogni volta che gli anziani raccontavano dei minareti, sorgeva la domanda: quanto sono grandi le fondamenta dei monumenti, se è possibile che alcuni di essi abbiano una forma conica? Forse la cosa più sorprendente delle storie è che le fondamenta del minareto si estendono su una grande distanza e sono molte volte più grandi della sezione trasversale dello scafo del minareto stesso.

I ricercatori dell’Accademia Mamun di Khorezm (Uzbekistan), guidati dalla dottoressa Durdiyeva, hanno condotto uno studio completo (strutturale) delle condizioni tecniche delle strutture del minareto di Saidniyaz Shalikarbay. Il complesso (minareto, moschea e piccola madrassa) Saidniyaz Shalikarbay è un esempio di architettura tardo feudale di Khorezm e si trova fuori dal muro della fortezza alla porta orientale di Ichan-Kala. Questo complesso fu costruito nel 1834-1835 sui fondi del mercante Saidniyaz Shalikarbay. La costruzione è stata diretta da Usto Muhammad-Rahim.

Dopo il tentativo riuscito di scoprire le fondamenta del minareto, Saidniyaz Shalikarbay ha effettuato un lavoro di misurazione. È sorprendente che il seminterrato fosse di piccole dimensioni, costituito da 4 gradini di mattoni quadrati ben murati su malta di fango, costruiti su una piattaforma di frammenti dello stesso mattone. Le sue dimensioni sono h=1,24 metri di altezza, e la rientranza dal livello del minareto al bordo della fondazione è di circa =1,20 metri. Pertanto, siamo convinti che i costruttori abbiano anticipato i cambiamenti caratteristici che hanno contribuito alla deformazione che si è verificata alla base del monumento, in quanto può influenzare negativamente sia la costruzione della fondazione che il minareto nel suo complesso.

Degno di essere visto
Minaret Murad-Tura in Khiva

Khiva - Minareto Murad Tura

Khiva - Minareto Murad Tura

Il minareto Murad-Tura si trova nella città di Khiva, il centro della regione di Khorezm in Uzbekistan. Il minareto è stato costruito nel 1888, la sua altezza è di 9 metri e il diametro del pavimento è di 3,2 metri.  Il minareto e la moschea vicina furono nominati in onore di Murad-Tura, il fratello del Khan Muhammad Rahimkhan II.

Accanto al minareto Murad-Tura si trova la Medrese Muhammad Rahimkhan II e il complesso architettonico Kunya Ark. Il minareto Murad-Tura è uno dei minareti in miniatura di Khiva. Il minareto di Murad-Tura è costruito in mattoni cotti e la parte superiore è decorata con una fascia ornamentale coperta da piastrelle di maiolica.

Le piastrelle brillano alla luce del sole e completano l’immagine del minareto. La moschea di Murad Tura non si è conservata fino ad oggi, e il minareto si trova oggi tra i condomini.

I minareti furono originariamente costruiti come torri di avvistamento e punti di riferimento per i viaggiatori. Dopo l’arrivo dell’Islam in Asia centrale, i minareti furono usati per le chiamate alla preghiera. I minareti apparvero allora in ogni città intorno alle moschee di Jome. Il numero di minareti grandi e piccoli a Khiva era originariamente un centinaio, oggi il loro numero non supera i 20.

Khiva porta giustamente il titolo di città museo, perché ogni visitatore troverà sicuramente qui interessanti e storici monumenti della cultura della storica popolazione musulmana e antichi complessi architettonici costruiti qui in diversi periodi della formazione della città.

Nella città vecchia, chiamata anche centro città (Ichan-Kala), il numero di attrazioni è semplicemente fenomenale – non si può camminare più di due passi senza incontrarne una nuova. Hanno tutti una storia incredibile e degli esterni squisiti e lussuosi. Questo non vuol dire che la città esterna (Dishan-Kala) sia poco interessante – ci sono anche molti posti da visitare. Ma mentre la città esterna non è ben conservata, la città interna si presenta quasi nella sua forma originale.

Degno di essere visto

Khiva - Minareto Palvan Kori

Khiva - Minareto Palvan Kori

Il minareto Palvan Kori si trova nella città di Khiva, il centro della regione Khorezm dell’Uzbekistan. Si trova nella parte orientale del quartiere storico di Dishan-Kala (Città Esterna), vicino al complesso Sayid Biy, che comprende una madrasa, una moschea e un minareto.

Il minareto fu completato all’inizio del XX secolo, nel 1905. La struttura è interessante soprattutto perché è sorprendentemente diversa dal tipo tradizionale di minareti di Khiva, che sono molto più stretti verso l’alto.

Il minareto Palvan-Kori è un tipo raro di minareto cilindrico assolutamente diretto di Khiva. È difficile dire cosa abbia causato questa architettura. Forse le nuove tendenze, perché è stato costruito alla fine del XIX, inizio XX secolo.

È notevole che anche la decorazione del minareto è insolita. Tale modestia nella decorazione non è caratteristica dell’architettura orientale. Tutta la decorazione è costituita da fasce di mattoni decorati con piastrelle smaltate verdi a forma di “archi”.

Caratteristica della maggior parte dei minareti di Khiva è il notevole restringimento nella parte superiore della struttura. L’unicità del minareto Palvan-Kori è che è un cilindro assolutamente dritto per tutta la sua altezza.

Oggi è difficile confermare cosa abbia influenzato la scelta di una tale soluzione architettonica. È probabilmente legato al desiderio dell’architetto di portare una novità nell’architettura tradizionale.

Anche le caratteristiche esterne di un minareto sono insolite. A differenza della maggior parte dei minareti in Uzbekistan, che sono decorati con piastrelle di maiolica, il minareto di Palvan-Kori ha solo mattoni figurativi in diversi punti.

Il minareto di Palvan-Kori si trova accanto alla medrese che porta lo stesso nome. È stato costruito da un architetto con un bel senso delle proporzioni e uno squisito gusto artistico.

Il minareto Palvan-Kori è uno dei più antichi di Khiva. La parte superiore del minareto ha quattro grandi aperture ad arco. Dimensioni: Altezza – 24 m, diametro della base – 4 m.

Degno di essere visto

Khiva - Minareto Shakhimardon

Khiva - Minareto Shakhimardon

I minareti di Khiva hanno un posto unico e molto importante nell’architettura. Creano un sistema chiaro di punti di riferimento spaziali nella percezione della città e segnano i siti di grandi moschee, madrase e complessi. È difficile considerare il loro scopo diretto – fornire una piattaforma rialzata per la proclamazione dell’azan, la chiamata alla preghiera – come la ragione della loro molteplicità. È anche dubbio che i minareti ornati di tegole a Khiva fossero principalmente destinati a svolgere la funzione di torre di guardia. Il minareto simboleggiava il potere e la dignità del suo costruttore – segnava la posizione dell’edificio principale da cui era stato creato, come una linea verticale visibile da lontano. Il minareto Shakhimardon fu trasformato in un mausoleo nel 1512-1535, costruito in onore di Elbarshahan a Khiva a metà del XVIII secolo. Il minareto Shakhimardon si trova nell’insediamento di Pakhlavan Makhmud nel distretto di Khiva della regione di Khorezm. Secondo gli anziani, gli iraniani che furono uccisi durante la presa di Khiva da parte di Nodirshok nel 1740 furono sepolti in questo cimitero. A quel tempo, il minareto fu restaurato. Questo minareto è uno dei più piccoli di Khiva, con un’altezza di 5 metri e un diametro di 1,5 metri.

Degno di essere visto
Minaret Turt Shaffaz in Khiva

Khiva - Minareto Turt Shaffaz

Khiva - Minareto Turt Shaffaz

Il minareto Turt Shaffaz è stato costruito nel 1855 all’entrata del complesso architettonico con lo stesso nome a Khiva vicino all’incrocio delle vie Allabergenov e Turt Shaffaz e fa parte dello sviluppo della città esterna di Dishan-Kala.

È decorato con “archi” verdi e ha quattro cinture di maiolica. Le aperture ad arco sono coperte da panjara. Il minareto è stato restaurato nel 1996.

Le dimensioni del minareto di Turt Shaffaz a Khiva sono 12 metri di altezza e 2,5 metri di diametro alla base.

Khiva porta giustamente il titolo di città museo, poiché ogni visitatore troverà sicuramente qui interessanti e storici monumenti della cultura della storica popolazione musulmana, antichi complessi architettonici costruiti qui in diversi periodi della formazione della città.

Secondo un’antica leggenda, la città di Khiva fu costruita intorno a un pozzo scavato da uno dei discendenti del biblico Noè. Secondo la leggenda, l’acqua di questo pozzo era particolarmente pura e deliziosa. Si trova ancora nella città ed è uno dei monumenti dell’antichità. Khiva fu fondata più di 2,5 secoli fa, dopo di che divenne uno degli insediamenti più ricchi e prosperi del Khorezm. All’inizio del suo sviluppo, la città fu succeduta da varie dinastie regnanti, fu ripetutamente conquistata da tribù bellicose, e all’inizio del XIII secolo, le truppe di Gengis Khan distrussero quasi tutta la città.

A metà del XIII secolo, la città divenne il centro del Khanato di Khiva e il secondo periodo di sviluppo e prosperità, uno dei più importanti e grandi centri dell’Islam in Oriente. La città è ricca di magnifici monumenti, tra i quali si possono scoprire sia edifici secolari che religiosi.

Degno di essere visto
Bogbonli Moschee in Chiwa

Khiva - Moschea Bogbonli

Khiva - Moschea Bogbonli

Nel mondo musulmano medievale, l’importanza di una città era talvolta determinata dalla presenza della moschea principale, cioè del venerdì, in essa. I padri della città hanno sempre avuto una cura speciale per assicurare la perfezione architettonica e artistica del suo aspetto. Ogni città cercava di superare le altre per la monumentalità della sua moschea jom’e. La Moschea Bogbonli si trova nella parte sud-est di Ichan-Qala a Khiva. Secondo l’iscrizione in versi sulla lastra di pietra all’entrata, la moschea fu costruita nel 1809 (1224 hijra), il nome del maestro Pahlavan-kuly che progettò la struttura è anche dato qui.

La porta porta il nome di un altro maestro intagliatore, Ruz Muhammad, figlio di Adin Muhammad, che ha fatto la porta intagliata della Ziyarat-khana del mausoleo Sheikh Mukhtar-Wali nel villaggio di Astana, distretto di Yangiaryk.

Secondo la leggenda, la moschea Bogbonli di Khiva fu costruita con il denaro di due fratelli giardinieri. La moschea ha una forma rettangolare, un aiwan con due colonne e una sala invernale a volta. Le colonne di legno intagliato dell’aiwan sono di valore artistico e ricordano l’ornamentazione delle colonne della moschea di Juma.

Degno di essere visto
Juma Mosque in Khiva

Khiva - Moschea Dzhuma

Khiva - Moschea Dzhuma

Tra le moschee conosciute in Asia centrale, la moschea Dzhuma di Khiva è notevole per il suo design tradizionale, a volte arcaico, e la sua struttura spaziale. Ha conservato caratteristiche di moschee millenarie.

La moschea Dzhuma (Jame) di Khiva, che significa jame o moschea del venerdì, era una delle strutture più notevoli della città nel Medioevo e si distingue per le sue forme architettoniche e i suoi volumi originali.

Assomiglia alle moschee storiche di Khorezm. Occupa una grande superficie di 55 m x 46 m ed è costruita come una moschea a più colonne. L’edificio si trova su una strada principale che collega le porte orientale e occidentale di Ichan-Kala.

Il viaggiatore arabo al-Maqdisi (al-Muqaddasi), che viaggiava a Choresm nel X. secolo a Khorezm, ha menzionato per la prima volta la moschea di Dzhuma a Khiva. Ma secondo l’affermazione degli antichi abitanti di Khiva, la vecchia moschea fu distrutta e al suo posto fu costruita la moschea attuale nel 1788 con la stessa pianta, la cui superficie fu un po’ ingrandita.

Si tratta di un’enorme sala rettangolare (45m x 55m) coperta da un tetto piatto; è circondata da un massiccio muro bianco con tre entrate. Al centro del muro sud si trova una nicchia mihrab, un luogo che indica ai fedeli la direzione della preghiera.

Era semibuio nella sala, poiché le poche botole-fessure sul tetto erano assolutamente insufficienti per illuminare una grande stanza. La vista esterna di una moschea è un po’ semplificata, l’altezza delle sue pareti è di 4,5 metri, l’altezza del suo minareto è pari a 42 metri.

La porta della moschea è rivolta a nord, mentre il vento del nord soffia attraverso due grandi lucernari al centro della moschea. Nell’antichità, i gelsi della varietà locale “balkhi” crescevano sotto le aperture, che allora assicuravano la purificazione dell’aria all’interno della moschea, cioè i nostri padri e nonni realizzavano così una biosintesi armoniosa tra la natura e l’uomo.

Va notato che la varietà di gelso “balkhi tut” (o “ak tut” – gelso bianco) era piantata nei cortili di molti edifici nei tempi antichi. Come dicono gli esperti, il gelso ha bisogno di pochissima acqua perché le sue radici trovano acqua anche sotto terra.

In questo modo, i nostri antenati ottenevano l’integrità e la conservazione degli edifici architettonici e residenziali perché il gelso, raccogliendo l’umidità intorno a sé, aiutava a mantenere l’equilibrio della distribuzione dell’umidità del suolo nella zona e intorno all’edificio.

La moschea di Dzhuma è un edificio a un piano con un tetto a travi piatte sostenuto da 213 colonne disposte in una griglia quadrata di 3,15 x 3,15 metri. Il mihrab della moschea si trova al centro del muro sud.

Su entrambi i lati del mihrab ci sono alte nicchie nel muro e il soffitto del mihrab è leggermente più alto del soffitto generale della moschea. La nicchia dell’arco del mihrab è dipinta con vernice verde e i pilastri sono dipinti in nero e rosso con immagini di alberi, arbusti, rose e iris, che sono stati creati alla fine del XVIII e all’inizio del XX secolo.

Le iscrizioni sono scolpite sulle lastre di marmo poste ai lati del mihrab, in una di esse, datata 1203 della Hidzhra (1788 – 1789) è scritta una lettera del Waqf fatta in relazione alla donazione di proprietà e fondi per la moschea.

Esso afferma che per ordine del visir Abdurahman (Mihtar) nel 1203, le terre del Waqf furono assegnate a Hijra nei villaggi di Kuyuktam (Goktam, ora un insediamento nel distretto di Kozhkupyr nella regione di Khoresm) e Bekabad per una moschea, i cui proventi dovevano essere spesi per la carità e le necessità della moschea.

La seconda lastra di marmo è leggermente più piccola e porta un cronogramma (tarih) che mostra l’anno 1080 Hijra (cioè 1666). Ci sono opinioni tra la popolazione locale che la moschea sia stata restaurata alla fine del XVIII secolo.

Ciò è confermato dalle iscrizioni sulle porte scolpite della facciata sud della moschea. Riferiscono che la moschea fu restaurata nel 1788 – 1789 sotto la direzione di una persona chiamata Abdurahman Mihtar.

Secondo gli studi del geografo arabo Muqaddasiy, la moschea di Dzhuma risale al X secolo. Questa moschea è unica nella sua struttura; non ha portali, cupole, gallerie o cortili. La moschea è accessibile da tre lati.

Sul lato nord della moschea si apre la via Palvon Qori con il suo minareto alto 33 metri. Il soffitto della grande sala è sostenuto da 213 pilastri di legno. Ci sono piccoli fori nel soffitto per la luce e la ventilazione. La parete sud ha nicchie di stalattiti e sul lato destro c’è una tavoletta di marmo che indica il reddito e la proprietà.

Nel 1996 – 1997 la moschea Dzhuma è stata restaurata e durante il restauro sono state sostituite molte colonne usurate.

Degno di essere visto
Hasan Murod Qushbegi Mosque in Khiva

Khiva - Moschea Hasan Murad Qushbegi

Khiva - Moschea Hasan Murad Qushbegi

La Moschea Hasan Murad Qushbegi fu costruita nel 1800 del XIX secolo e si trova dietro la Musa Tura Medrese a Khiva. La moschea Hasan Murad Qushbegi (il capo della guardia del Khan) fu costruita da Hasan Murad Qushbegi insieme al suo parente Shah Niyaz. Tuttavia, la moschea porta solo il nome di Hasan Murad Qushbegi.

La Moschea Hasan Murad Qushbegi si trova di fronte alla Medrese Amir Tura e dietro la Medrese Musa Tura a Khiva. La moschea è piccola, ha una pianta rettangolare, un aiwan con pilastri, due khanaka con pilastri e un annesso con alloggi adiacenti da nord. Il complesso comprende una moschea invernale e una estiva. Un minareto è stato eretto nell’angolo nord-est. Il minareto nell’angolo nord-est ha un minareto. Hasan-Murad-Kushbegi ha un design modesto: l’edificio è murato senza alcuna decorazione, l’interno è uniformemente dipinto nei colori rosso, nero, bianco e blu, compreso il soffitto.

C’è un minareto nell’angolo nord-est, costruito all’interno della struttura. La moschea è stata rinnovata nel 1997.

Degno di essere visto
Sheikh Mukhtar Ota Mosque in Khiva

Khiva - Moschea Sheikh Mukhtar Ota

Khiva - Moschea Sheikh Mukhtar Ota

Nella città vecchia, chiamata anche centro della città, il numero di attrazioni è semplicemente fenomenale – qui non si possono fare due passi senza incontrarne una nuova. Tutti hanno sia una storia incredibile che un esterno squisito e lussuoso. Questo non vuol dire che la città esterna sia poco interessante – ci sono anche molti posti da visitare. Ma mentre la città esterna non è particolarmente ben conservata, la città interna si presenta quasi nella sua forma originale. Sheikh Mukhtar Ota è una moschea di quartiere situata accanto alla parte nord del Mausoleo Pahlavan Mahmud a Khiva, costruita tra il 1810 e il 1838. La moschea è composta da locali invernali, taharat khana (dove la gente si lava) e alti aiwan estivi a colonna singola. La moschea Sheikh Mukhtar Ota di Khiva è stata restaurata nel 1997.

Degno di essere visto

Khiva - Moschea Yar Muhammad Devon

Khiva - Moschea Yar Muhammad Devon

Alcuni tipi di moschee sono stati progettati per la preghiera di un gran numero di musulmani durante le feste musulmane di Kurban Hayit e Ramadan Hayit, celebrate due volte all’anno, dove si riuniva un gran numero di residenti della città e del villaggio. La moschea Yar Muhammad Devon (Sayid-Ota) fu costruita a Khiva nel XVIII secolo. Si trova dietro il mausoleo di Said Allauddin e il suo muro orientale è adiacente alla Abdurasulboy Medrese. La composizione architettonica della moschea combina una sala a cupola e un aiwan alto e piatto. In pianta, la moschea Yar Muhammad Devon di Khiva sembra un rettangolo sfalsato con due lati che si assottigliano verso ovest; questo può essere dovuto al fatto che aggiunte successive sono state fatte all’edificio principale a forma di cubo.

Degno di essere visto
Medrese Matrasulboy Mizaboshi in Chiwa

Khiva - Muhammad Matrasulboy Mirzaboshi Madrasa

Khiva - Muhammad Matrasulboy Mirzaboshi Madrasa

La Madrasa Muhammad Matrasulboy Mirzaboshi (1905) si trova di fronte alle mura occidentali della Madrasa Sherghazi-Khan a Khiva. La madrasa fu costruita da Muhammad Matrasulboy Mirzaboshi, il figlio del poeta e compositore di Khiva Muhammad Niyaz Mirzaboshi (Komil Khorazmi).

Muhammad Rasul Mirzaboshi costruì la sua madrasa di fronte alla fine del Karikhan, situato a sud-ovest del mausoleo Pahlavan Mahmud. È stata costruita nella forma tradizionale della madrasa, senza alcun ornamento, con una porta bassa rivolta a nord. A causa delle sue piccole dimensioni e del suo aspetto modesto, è una delle numerose strutture che fanno parte del complesso del Mausoleo Pahlavan Mahmud.

La madrasa ha una struttura semplice e una forma trapezoidale. Il vestibolo d’ingresso è costituito da una stanza singola. L’ingresso è attraverso un’apertura di forma rettangolare. In una stanza a sinistra dell’entrata si trova una tomba (probabilmente il luogo di sepoltura di Muhammad Rasul Mirzaboshi). Ci sono un totale di tre celle di diverse dimensioni nella madrasa. Nell’angolo sud-ovest del cortile si trova una piccola moschea a forma di quadrangolo. Nel frattempo, un nuovo aiwan è stato costruito lì.

Muhammad Rasul Mirzaboshi è nato nel 1839. Ha ricevuto la sua educazione primaria da suo padre Komil Khorazmi e più tardi si è diplomato alla madrasa e alla scuola russa. Qazi Abdullah gli insegnò le lingue straniere. Parlava perfettamente persiano e arabo e conosceva la poesia orientale classica.

Nel 1906, con l’aiuto di suo padre, fondò una notazione musicale per strumenti a percussione, la prima in Asia centrale.

Khiva porta giustamente il titolo di città-museo, poiché ogni visitatore è sicuro di trovare interessanti e storici monumenti della cultura della storica popolazione musulmana e antichi complessi architettonici costruiti qui in diversi periodi della formazione della città.

Degno di essere visto
Ichan-Qal'a Mauern von Chiwa

Khiva - Mura Itchan Kala

Khiva - Mura Itchan Kala

Le mura della città di Itchan-Kala sono un raro esempio di fortezza medievale che è sopravvissuta fino ai giorni nostri. La città di Khiva era circondata da due serie di mura – Itchan-Kala (città interna) e Dishan-Kala (città esterna).

Le mura di Itchan-Kala furono costruite tra il V e il IV secolo a.C. Sono più alte delle mura di Dishan-Kala, probabilmente a causa del rilievo naturale (la leggenda dice che la città fu costruita su una collina sabbiosa).

Le mura della città furono costruite con mattoni di fango (40 x 40 x 10 cm) e ricostruite più volte nel corso dei secoli. Le mura Itchan-Kala di Khiva sono alte 8 – 10 metri, larghe 6 – 8 metri e lunghe 2250 metri.

Ogni 30 metri ci sono torri di difesa circolari che si estendono oltre le mura di Itchan-Kala. Sulle mura e sulle torri ci sono ringhiere frastagliate con strette feritoie per respingere gli attacchi nemici durante l’assedio.

Nel sistema di difese c’erano fossati riempiti d’acqua; ancora oggi questo può essere visto in rilievo nella parte meridionale e a nord e a ovest l’asfalto ha coperto i vecchi fossati.

Anche le porte della città facevano parte del sistema di protezione. Hanno adattamenti speciali che venivano usati dalle guardie che sorvegliavano la città.

Il passaggio è coperto da un tetto a volta (koy-darwoza) o, se il corridoio è molto lungo, da diverse cupole.

Ai lati del corridoio ci sono stanze a volta dove vivevano le guardie e gli esattori, c’era anche un’aula di tribunale e a volte una prigione. Nelle città orientali, le porte e gli ingressi degli edifici pubblici e delle case private hanno un significato speciale: più sono imponenti, maggiore è l’onore e il riconoscimento della città, degli edifici e del loro creatore.

Nel corso del tempo, la funzione difensiva della porta divenne meno importante e la porta divenne parte del disegno urbano. La porta era decorata con belle piastrelle colorate e ayat del Corano.

A volte venivano scritti dei testi sulle porte, come elogi al Khan o estratti di poesie. Alcuni cancelli sono stati convertiti in negozi nel corso del tempo. Le mura Itchan-Kala di Khiva hanno 4 porte: Ata-Darwoza, Polvon-Darwoza, Tosh-Darwoza e Bagcha-Darwoza.

Degno di essere visto
Musa Tura Medrese in Chiwa

Khiva - Musa Tura Madrasa

Khiva - Musa Tura Madrasa

La Madrasa Musa Tura si trova nel centro di Ichan Qala a Khiva, accanto alla Madrasa Yusuf Yasaulboshi. La madrasa fu costruita nel 1841 da Musa Tura, il figlio di Rahmankuli Inak, nipote di Muhammad Rahim Khan I e nipote di Allah Quli Khan.

La parola Tura fu aggiunta ai nomi dei discendenti della dinastia Khan. Nel 1855, Musa Tura fu ucciso in battaglia con i turkmeni Yomuds e sepolto a Khiva, nella sua madrasa. La madrasa ha una forma trapezoidale se vista dall’alto. Ha due cortili, un vestibolo a due cupole, hujshras, moschea e darskhona.

L’edificio è stato restaurato ed è ora utilizzato come negozio di artigianato.

Secondo un’antica leggenda, la città di Khiva fu costruita intorno a un pozzo scavato da uno dei discendenti del biblico Noè. Secondo la leggenda, l’acqua di questo pozzo era particolarmente pura e deliziosa. Si trova ancora nella città ed è uno dei monumenti dell’antichità. Khiva fu fondata più di 2,5 secoli fa, dopo di che divenne uno degli insediamenti più ricchi e prosperi del Khorezm. All’inizio del suo sviluppo, la città fu succeduta da varie dinastie regnanti, fu ripetutamente conquistata da tribù bellicose, e all’inizio del XIII secolo le truppe di Gengis Khan distrussero quasi tutta la città.

A metà del XIII secolo, la città divenne il centro del Khanato di Khiva e il secondo periodo di sviluppo e prosperità, uno dei più importanti e grandi centri dell’Islam in Oriente. La città è ricca di magnifici monumenti, tra i quali si possono scoprire sia edifici secolari che religiosi.

Degno di essere visto

Khiva - Ospedale Dishan Kala

Khiva - Ospedale Dishan Kala

L’ospedale si trova nella zona Dishan-Kala (città esterna) di Khiva. Fuori dalle mura della cittadella centrale (Itchan-Kala), all’inizio del XX secolo fu istituito un ospedale pubblico. I medici professionisti presero il posto dei tabibs – guaritori – che erano popolari tra la popolazione. Il complesso ospedaliero si estendeva per diverse centinaia di metri lungo le mura della fortezza interna della città di Itchan-Kala. Un noto pittore di Khiva chiamato Abdulla Baltaev prese parte alla costruzione e alla decorazione finale degli edifici dell’ospedale.

È degno di nota il fatto che la luminosa maiolica murale conservata fino ad oggi con l’iscrizione: “L’ospedale di Khiva, intitolato al figlio dello zar Alexey” racconta delle strette relazioni del sovrano di Khiva con l’impero russo. Tutti gli edifici sono costruiti nello stile dell’eclettismo, che combina elementi dell’architettura occidentale e motivi tradizionali locali. Vale la pena notare che l’ospedale è ancora in funzione.

Nel XIX secolo, il Khanato di Khiva non aveva materiali da costruzione avanzati che facilitassero la costruzione in massa di abitazioni e altri edifici. La ragione di ciò era la sua posizione geografica, che era lontana dalle città industrialmente sviluppate dell’Asia centrale. All’inizio del XX secolo apparvero persone che compresero la necessità di trasformazioni in tutte le sfere della vita e l’importanza di costruire relazioni con altri stati da cui si potevano adottare esperienze di successo.

Una di queste persone era il visir del Khan, Islam Khodja. Grazie ai suoi sforzi, furono stanziati fondi per la costruzione di edifici per strutture mediche, educative e di altro tipo. Così, nel 1912, l’ospedale, l’unico in tutto il Khanato, fu aperto. Gradualmente il personale dell’istituzione si espanse, impiegò molti medici esperti provenienti da diverse città dell’Impero russo. L’ospedale aveva anche un reparto femminile, che si occupava delle madri e dei loro bambini. Più tardi, un edificio della stazione postale e telegrafica fu aperto di fronte all’ospedale.

Per capire perché l’ospedale fu dedicato allo zar Alexey, il figlio dell’imperatore russo Nicola II, è necessario entrare nella preistoria della fondazione del Khanato di Khiva e delle sue relazioni con l’Impero russo. Fin dall’antichità, le rotte commerciali dell’Oriente correvano attraverso le città del Khorezm (l’odierno Uzbekistan), purtroppo le stesse rotte che gli invasori usavano per arrivare qui. I bellicosi mongoli, che volevano conquistare le nuove terre, conquistarono e distrussero molte città dell’Asia centrale.

Nel corso del tempo, ci fu una scissione tra i conquistatori che indebolì l’Orda d’Oro, si ruppe in diverse parti che iniziarono una lotta interna per il potere. Amir Temur si stabilì a Samarcanda e ne fece la capitale del suo impero. Più tardi, gli uzbeki nomadi arrivarono in queste zone. Le conquiste di successo portarono alla fondazione dei loro stati. Tra questi, i khanati di Khiva e Bukhara erano particolarmente importanti. Nel Medioevo, la Grande Via della Seta passava per Khiva e i commercianti facevano una sosta nella città. Grazie a questo, la città divenne prospera e guadagnò prestigio, il che la portò all’attenzione di altri stati.

Pietro I rivolse la sua attenzione anche a Khiva e cercò di convincere il Khan ad accettare la cittadinanza russa. Tuttavia, la spedizione di soldati e diplomatici doveva subire un triste destino: La maggior parte degli inviati furono uccisi, il resto fu venduto come schiavo. Fu solo nel 1873 che fu possibile sollevare un grande esercito russo per prendere la città. Non furono prese misure drastiche – il khan non perse il suo potere, ma in cambio i conquistatori ricevettero metà del territorio del khanato e riconobbero il suo protettorato.

Va notato che l’ultima condizione non influì molto sui diritti del khanato, poiché l’Impero russo esercitò una partecipazione minima nei processi interni del khanato. Isfandiyar khan, che governò all’inizio del 20° secolo, era piuttosto fedele a Nicola II. Di conseguenza, l’ospedale costruito nel 1912 nella zona di Dishan-Kala a Khiva fu intitolato all’unico erede dello zar.

Degno di essere visto
Tschodra Hovli in Chiwa

Khiva - Palazzo estivo Chodra Hovli

Khiva - Palazzo estivo Chodra Hovli

Il palazzo estivo Chodra Hovli (1871) è uno dei palazzi di campagna del Khan di Khiva costruito vicino a Khiva. È un esempio unico di un modello di edificio sommerso con torri fatte di mattoni di fango.

Al piano terra ci sono le stalle e i magazzini, al secondo e terzo piano ci sono gli alloggi, ognuno con un aiwan (terrazza) separato, e la metà femminile distaccata era al quarto piano.

“Le sezioni tipiche sono raggruppate intorno a un cortile nel palazzo estivo Chodra Hovli di Khiva, formando una varietà di composizioni. L’organizzazione del cortile è caratteristica sia delle abitazioni rurali che di quelle urbane, la differenza sta nel materiale (le case urbane hanno telai di legno riempiti con grumi di fango, mentre le case rurali hanno blocchi di fango), nella composizione (i cortili rurali includono un cortile di casa) e nella presentazione dell’architettura (i cortili sono simili a fortificazioni, circondati da muri bianchi con torrette).

La profondità della casa in entrambi i casi porta a un passaggio dal tetto profondo – dolon. La casa è divisa in due cortili: la metà anteriore per gli ospiti (Dishan-Hovli o tashqari) e la sezione residenziale privata (Ichan-Hovli o ichkari).

Nella metà anteriore, la sezione consiste in una sala di ricevimento – mehmon-khana con aiwan e nella sezione residenziale, il numero di sezioni residenziali è moltiplicato secondo la composizione della famiglia. Gli alloggi sono divisi in quartieri estivi, situati a nord, e quartieri invernali, situati sugli altri lati del cortile.

È molto tipico delle case urbane contrapporre l’alto öng Aiwan del nord e il basso ters Aiwan del sud, che migliora il movimento dell’aria nel cortile e permette di ridurre un po’ la temperatura nella calura estiva.

A volte c’è solo un aiwan nel cortile – ma ombreggia metà della proprietà e anche l’intero cortile. Nelle grandi case ricche, gli aiwan possono assumere la forma di una galleria leggera a colonne intorno al cortile.

E in un’abitazione rurale di tipo cottage, una kushka, una casa korezmiana costruita in pakhsa (chodra hovli), assume improvvisamente una forma a torre, a quattro piani, poiché la parte costituita da un soggiorno e da un aiwan sale verticalmente, passando da due celle cieche al piano terra a due aiwan aperti al quarto piano.

Questa casa è unica. Tali monumenti non sono sopravvissuti in Asia centrale, ma possiamo giudicare l’esistenza di edifici a più piani, soprattutto nelle aree urbane, dai dati archeologici e dai dipinti in miniatura che illustrano i manoscritti medievali.

L’immagine di un padiglione sontuoso come Chodra Hovli in piedi nel mezzo di un giardino orientale (Chorbogh), coronato da aiwan aperti”.

Degno di essere visto

Khiva - Palazzo Nurullabay

Khiva - Palazzo Nurullabay

Il Palazzo Nurullabay, costruito tra il 1910 e il 1918, si trova in via Mustaqillik (via dell’Indipendenza) a Khiva e si trova nel Dishan-Kala (fuori dal Kala).

Il Khan di Khiva Muhammad Rahimkhan (Feruz), che visitò più volte San Pietroburgo e fu accettato dallo zar russo, iniziò la costruzione del grande palazzo in stile semi-europeo per suo figlio Isfandiyar Tura nel 1906 sul territorio del giardino che portava il suo nome.

Il Palazzo Nurullabay è composto da quattro parti; ci sono più di 100 stanze, gallerie, stanze per le guardie, stalle, stanze per i servi e harem. L’intero palazzo è circondato da un muro di mattoni con mura e pilastri difensivi.

Isfandiyar-khan, che era al potere dal 1910 al 1918 dopo la morte di Muhammad Rahimkhan (Feruz), diede l’ordine di costruire una sala per i ricevimenti dietro il palazzo Nurullabay a Khiva, ma il visir capo era contrario a questa costruzione perché l’ospedale, il telegrafo e altre strutture erano in ritardo per mancanza di denaro nella tesoreria in quel momento. Tuttavia, il Khan nominò Rahmanbergham Mahram per supervisionare la costruzione e fu completato molto rapidamente nel 1912. 70000 pezzi d’oro sono stati spesi dalla tesoreria per i lavori di costruzione.

La sala di ricevimento di Isfandiyar Khan è composta da sette stanze: una sala d’attesa, una sala di ricevimento, una sala del trono, una sala dei banchetti e tre salotti. Lo zar russo Nicola II donò due lampadari e una piccola centrale elettrica dopo il completamento dell’edificio.

L’architettura del palazzo è caratterizzata da una miscela di stili europei e nazionali, che può essere spiegata dalle tendenze alla moda dell’urbanistica dell’epoca. L’edificio comprende una sala di ricevimento, un’aula di tribunale, edifici residenziali e una madrasa.

L’esecuzione dei soffitti, delle cornici e del parquet è stata fatta da specialisti tedeschi, mentre le piastrelle decorative in ceramica sono state ordinate appositamente a San Pietroburgo. Di particolare interesse sono le famose sculture di Khiva, ricoperte di dipinti dorati e colorati.

Sono stati costruiti sette caminetti per il riscaldamento. Le assi di parquet che coprivano il pavimento della sala di ricevimento sono state fornite da San Pietroburgo. L’Arzkhana si trovava nell’angolo sud-est del complesso.

Le stanze aggiuntive, per lo più a due lati, erano collegate ai corridoi interni e separate dalla strada da pareti con finestre apribili. Le facciate del palazzo Nurullabay e la sala di ricevimento che si affaccia sul cortile sono nascoste dietro un lungo aiwan angolare con colonne scolpite, tipico di Khiva.

Le dimensioni della struttura sono 186 m per 143 m, la sala di ricevimento 27 m per 32 m, l’Arzkhana 82 m per 71 m, il palazzo 87 m per 65 m, i muri del palazzo alti 7,5 m.

Degno di essere visto
Ichan Qala - Khiva

Khiva - Palazzo Tash Hauli

Khiva - Palazzo Tash Hauli

Palazzo Tash-Hauli (1831-1841) – un esempio eccezionale di architettura tarda che incarna i tratti caratteristici dell’architettura di Khiva. Tash-Hauli (Cortile di pietra) consiste in un complesso di palazzo e alloggi uniti in un unico organismo da un alto muro di mattoni.

Situato nella parte orientale di Khiva, il palazzo Tash-Hauli fu costruito da Allakuli-Khan. La costruzione del palazzo durò circa 8 anni, dal 1830 al 1838. Furono costruiti prima gli alloggi dell’harem, poi la mehmon-khona, il luogo dei ricevimenti ufficiali, e infine l’Arzkhona, la sala del tribunale.

I migliori architetti dell’epoca furono portati sul luogo dell’esecuzione per aver rifiutato di costruire il palazzo in due anni. Usto Kalandar Khivagi ha impiegato otto anni.

Nella parte meridionale del cortile dell’harem, furono costruiti piccoli aiwan, quattro dei quali erano per le mogli del khan (secondo la Shari’ah, un uomo non poteva avere più di quattro mogli), il quinto aiwan, riccamente decorato, serviva come soggiorno per il khan.

Ogni aiwan aveva un salone per i domestici. L’harem era arredato secondo la tradizione Khorezm di decorare la metà femminile (ichan hauli). Alcuni dei dettagli della fortezza fortificata si trovano nel design del palazzo, che è in linea con lo stile di vita appartato delle abitanti femminili dell’harem.

Dopo l’harem, fu costruito il mehmon-khona (ishrat hauli). Un cortile quadrato con un’elevazione circolare per la yurta è stato completamente costruito con camere e aiwan. L’aiwan meridionale era usato per le cerimonie e i ricevimenti degli inviati.

Gli aiwan decorati in maiolica del mehmon-khona, con il soffitto leggermente dipinto e le piccole torrette sui lati, sono simili a un teatro all’interno e pieni di solennità.

Arzkhona (tribunale) si trova nella parte sud-occidentale di Tash-Hauli. È due volte più grande del Mehmon-khona. Proprio come la Mehmon-khona, l’Arzkhona è decorata con maioliche. L’opera è del famoso maestro Abdullah, soprannominato “Genio”.

Questo maestro ha decorato tutte le corti del palazzo Tash-Hauli. Il regno del Khan di Khiva Allakuli-Khan è caratterizzato da un forte potere del Khan, da una politica internazionale di successo e dal progresso nel commercio con la Russia.

Questo ha permesso di decorare sontuosamente gli edifici. Il palazzo Tash-Hauli del Khan di Khiva Allakuli-Khan è l’oggetto architettonico più importante del XIX secolo. Piccoli lavori di restauro non hanno cambiato l’originalità del palazzo e può essere considerato un museo dell’architettura di Khiva di quel tempo.

Dall’esterno, il muro è animato da piccole mezze torri con lanterne. Il muro è coronato da merli. Tutto questo ricorda l’architettura delle fortezze del Medioevo. In primo luogo, fu costruita la metà meridionale del palazzo: il cortile di ricevimento – Arz-Houli e il cortile di intrattenimento – Ishrat-Houli.

Più tardi, un cortile familiare separato, haram, fu aggiunto ad essi. In termini di composizione, i primi due hanno molto in comune: rettangolari, leggermente allungati da nord a sud, sul loro lato sud c’è la sala principale con un alto aiwan, sopra la quale ci sono stanze con aiwan al secondo piano.

Il centro della composizione di questi cortili è senza dubbio l’aiwan principale, che si estende su due piani, con una colonna tradizionale nel mezzo. Le pareti della facciata sono assicurate da torri decorative – guldasta.

Le pareti dell’aivan sono completamente ricoperte di maioliche dipinte. Il terzo cortile – il più grande – si estendeva in un rettangolo da est a ovest. Intorno al cortile ci sono edifici residenziali e agricoli a due piani.

Ci sono cinque salotti “tipici” e tre corridoi in fila. L’alloggio consiste in un aiwan a una colonna con una stanza. Sul retro della casa c’è un buio ripostiglio con una scala che porta ad un piano rialzato.

La costruzione del palazzo fu iniziata da Usto Tajiddin, che fu poi succeduto dall’architetto Kalandar e dal piastrellista Abdullah.

Degno di essere visto

Khiva - Polvon Qori Madrasa

Khiva - Polvon Qori Madrasa

La Madrasa Polvon Qori fu costruita a Khiva nel 1905 del XX secolo. Si trova all’incrocio delle vie Polvon Qori e Karieva. Fu costruito da un ricco mercante di Khiva, Polvon Qori, uno dei confidenti di Muhammad Rahim-khan II.

Ha avuto un ruolo significativo nello stabilire relazioni commerciali con la Russia, Bukhara e la Turchia. Polvon Qori decise di costruire questo complesso con i profitti del commercio. La madrasa è composta da 17 hujrasas, moschee estive e invernali e un alto minareto.

Gli elementi decorativi sono concentrati solo sulla facciata principale. La parte superiore del portale è decorata con piastrelle verdi, mentre le torri d’angolo hanno piccole cupole verdi.

Il minareto Polvon Qori si trova nella parte orientale di Dishan-Kala a Khiva, accanto al complesso Seyid Biya, che comprende una moschea, un minareto e una madrasa a due piani. La struttura è interessante soprattutto perché è sorprendentemente diversa dal tipo tradizionale di minareti di Khiva ed è molto più stretta in cima.

Secondo un’antica leggenda, la città di Khiva fu costruita intorno a un pozzo scavato da uno dei discendenti del biblico Noè. Secondo la leggenda, l’acqua di questo pozzo era particolarmente pura e deliziosa. Si trova ancora nella città ed è uno dei monumenti dell’antichità. Khiva fu fondata più di 2,5 secoli fa, dopo di che divenne uno degli insediamenti più ricchi e prosperi del Khorezm. All’inizio della sua nascita, la città fu succeduta da varie dinastie regnanti, fu ripetutamente conquistata da tribù bellicose, e all’inizio del XIII secolo, le truppe di Gengis Khan distrussero quasi tutta la città.

Degno di essere visto
Tor Ata-Darwaza in Chiwa

Khiva - Porta Ata Darvaza

Khiva - Porta Ata Darvaza

La porta Ata-Darvaza, costruita nel 1842 e nel 1975 (restauro), è la porta principale di Ichan-Qala, situata nella parte occidentale della città di Khiva. All’interno della città vecchia c’era anche una stanza per la raccolta delle tasse (Bojkhona) e una stanza per il cambio dei soldi (Sarrafkhana). C’erano 43 negozi e un bazar coperto – Chorsu all’interno. Sul lato destro della porta c’è la Muhammad Aminkhan Medrese (1855), sul lato sinistro c’è il palazzo del Khan – Kunya Ark.

La porta Ata-Darvaza ha un’altezza di 10 metri e una larghezza di 4 metri. La dimensione della struttura e le sue dimensioni, le costruzioni secondo le possibilità architettoniche sono state date in standard molto accettabili.

Per rendere la struttura molto stabile, le forme delle arcate sono state disposte secondo la gravità del carico che cade su di esse. Travi di legno erano inserite nelle file di mattoni impilati e il carico che cadeva sulle cupole era distribuito su diversi archi.

In questo metodo, i mattoni sono posati in forma di “davra” e “balhi” per la costruzione di piccole cupole. Allo stesso tempo, l’interno dell’edificio è intonacato.

La porta Ata-Darvaza aveva quattro stanze principali, che furono distrutte negli anni venti del XX secolo e restaurate nella loro forma originale nel 1975 da maestri restauratori di Khiva.

Le foglie del cancello sono decorate con motivi geometrici. Le foglie delle due porte nella parte centrale sono decorate con quadrati equilateri delle stesse dimensioni (85cm x 85cm) e con motivi vegetali molto finemente intagliati “islimi” in cui sono inscritti cerchi con il disegno di stelle ottagonali.

All’interno dei cerchi nella porta di destra c’è una sura del Corano scritta in arabo, mentre nella porta di sinistra c’è Kalimai Shahadat con le parole “La ilaha illallohu Muhammadur Rasululloh” che significa “Non c’è altro Dio che Allah e Muhammad è il suo profeta”.

Le ali di questa porta erano in realtà attaccate all’entrata del palazzo di campagna di Muhammad Aminkhan costruito tra il 1850 e il 1851 nel villaggio di Angarik.

Due documenti fotografici che confermano questo fatto, cioè che erano montati nella casa di palazzo di Muhammad Aminkhan, sono conservati nel patrimonio del museo di Ichan-Kala a Khiva.

Il primo cameraman e fotografo uzbeko di Khoresm, Khudaibergen Divanov, ha documentato la vista della porta che si trovava nel villaggio di Angarik anche prima della distruzione della casa del palazzo.

Divanov ha fotografato specificamente questa porta da vicino e ha lasciato la sua iscrizione in fondo alla foto: “L’Hauli di Muhammad Aminkhan in Angarik. Come menzionato sopra, questa porta è attualmente la principale porta d’ingresso alla città.

Degno di essere visto
Bagcha Darwaza in Chiwa

Khiva - Porta Bagcha Darvaza

Khiva - Porta Bagcha Darvaza

La porta Bagcha-Darvaza, costruita nel XIX secolo, è la porta settentrionale di Ichan-Qala a Khiva, una struttura simmetrica nel muro della fortezza divisa in stanze. Il lato sud, di fronte a Ichan-Qala, è meno impressionante.

A differenza di Tash-Darvaza, le scale che portano alla cima partono dagli angoli meridionali delle torri e si trovano sui loro lati, in profondità all’interno delle mura di Ichan-Qala.

Dimensioni del cancello, secondo il piano: 18,0 x 16,0 metri, altezza – 8,5 metri.

La fortezza Ichan-Qala (fortezza interna) si trova nel centro storico della vecchia città di Khiva. Ichan-Qala occupa una superficie di circa 30 ettari. Le mura della fortezza raggiungono un’altezza di 10 metri. C’erano darvaza (porte) in ciascuna delle quattro parti delle mura di Ichan-Qala a Khiva: porta occidentale – Ata-Darvaza situata nella fortezza Kunya-Ark, porta settentrionale – Bagcha-Darvaza, porta orientale – Palvan-Darvaza e porta meridionale – Tash-Darvaza.

Le strutture per difendere la città sono state costruite durante decenni e secoli, quindi si possono trovare le strutture costruite nel XIV secolo o in altre epoche. Ci sono forti storici, tombe, palazzi e moschee, abitazioni e bagni. Ichan-Kala è una città speciale all’interno della città perché vive con la sua cultura originale e conserva le sue antiche tradizioni. Secondo la leggenda, la fortezza fu costruita con lo stesso tipo di fango di Medina, che fu costruita dal Profeta Muhammad (S.A.V.).

Ci sono numerosi monumenti nella città storica di Ichan-Qala. Sono magnifici palazzi e moschee, medre e mausolei, ma anche caravanserragli. Dal 1990, la misteriosa e affascinante città di Ichan-Qala è stata inclusa nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Degno di essere visto
Gandim'yan Darwaza in Chiwa

Khiva - Porta Gandimyan Darvaza

Khiva - Porta Gandimyan Darvaza

La porta Gandimyan-Darvaza fu costruita nel 1842 e fa parte dell’insediamento Dishan-Kala di Khiva. La porta di Gandimyan-Darvaza prese il suo nome dal vicino Kishlak (villaggio) dove il trattato di Gandimyan fu firmato nell’agosto 1873, annettendo il Khanato di Khiva alla Russia. Il trattato era il risultato di una campagna militare palesemente aggressiva, che a sua volta era espressione della politica coloniale.

Tuttavia, l’adesione alla Russia ha giocato un ruolo progressivo nel destino storico del popolo di Khorezm. La schiavitù e la tratta degli schiavi furono abolite, il feudalesimo e le guerre interne furono eliminate, e il capitale commerciale e industriale russo iniziò a penetrare nel khanato, incoraggiando lo sviluppo delle forze produttive locali.

I lavoratori e gli artigiani russi che arrivarono a Khiva, per lo più esiliati per “inaffidabilità”, portarono con sé la cultura russa e le idee rivoluzionarie.

Durante la ricostruzione della fabbrica di cotone, la darvaza Gandimyan fu demolita, ma fu ricostruita negli anni ’70 secondo gli schizzi e le fotografie superstiti.

Degno di essere visto
Khazarasp-Darvaza in Khiva

Khiva - Porta Khazarasp Darvaza

Khiva - Porta Khazarasp Darvaza

La porta Khazarasp-Darvaza fu ricostruita nel 1842 da mattoni bruciati durante la costruzione delle mura di Dishan-Kala a Khiva durante il regno di Allakuli-Khan.

La porta è costituita da due grandi torri di osservazione situate ai lati di un ampio passaggio sulla strada per Yangiarik. Sopra il passaggio c’è una galleria ad arco con una ringhiera sui lati, la cui parte superiore è decorata con merli.

Anche se è l’unico dettaglio decorativo del portale, la costruzione è impressionante per le sue forme espressive. La porta collega Khiva con gli insediamenti di Yangiarik, Bagat, Khanka e Khazarasp.

Dimensioni della porta Khazarasp-Darvaza di Khiva secondo il piano: 23,5 x 6,5 metri, altezza: 12,2 metri.

A differenza di Ichan-Kala, che ha conservato quasi tutto il suo aspetto esterno, solo alcune delle porte sono rimaste delle mura difensive esterne, in particolare la porta Khazarasp-Darvaza, a 500 metri dalla porta nord di Ichan-Kala (Bagcha-Darvaza), così come la porta Khazarasp-Darvaza e la porta Gandimyan-Darvaza. Allakuli-khan costruì il muro esterno nel 1842 per proteggersi dagli attacchi degli Yomud (una delle tribù turkmene). Secondo il poeta e traduttore Agahi, Allakuli-khan costruì le mura del Dishan-Kala in 3 anni e costrinse tutti i suoi subordinati a lavorare gratis per 12 giorni all’anno. Più di 200 mila persone hanno partecipato alla costruzione del muro. Le dimensioni del muro esterno erano le seguenti: Lunghezza – 5650 m, altezza – 6-8 metri, spessore sul fondo – 4-6 metri.

È interessante sapere da dove è stata presa tanta argilla per costruire le mura. La ricerca ha rivelato che l’argilla veniva estratta a due chilometri a nord della città, nella zona chiamata Govuk-kul, dove oggi c’è un grande lago. E ancora oggi, l’argilla locale di ottima qualità è utilizzata dai moderni vasai. Secondo la leggenda, quando il profeta Muhammad (SAV) costruì Medina, fu usata l’argilla di questa zona, e il lago che fu creato in seguito è considerato sacro.

Degno di essere visto
Kosch-Darwaza Tor in chiwa

Khiva - Porta Kosh Darvaza

Khiva - Porta Kosh Darvaza

La porta Kozh-Darvaza fu costruita a Khiva all’inizio del XX secolo ed è la porta settentrionale di Dishan-Kala, all’entrata dalla strada di Urgench.

È anche una struttura multicamera, spazialmente aperta nella carreggiata, con facciate rivolte a sud e a nord.

In pianta, la porta Kozh-Darvaza di Khiva è rettangolare, composta asimmetricamente, con spazi chiusi ai lati della doppia carreggiata, disposti come uno spazio quadrato e chiusi da quattro cupole sostenute da una colonna centrale. Gli archi semicircolari sono molto aperti: due campate verso la carreggiata sottostante dall’esterno e due campate all’interno, liberamente comunicanti tra loro. Le facciate dei passaggi sono fiancheggiate da possenti torri collegate da arcature – ravak – in alto tra le cupole blu delle torri d’angolo.

La composizione delle facciate principali è identica, le facciate delle stanze laterali sono vuote e architettonicamente non sviluppate. Gli spazi sono diversi: l’ala ovest si estende lungo il lato della porta, collegata al passaggio dei passaggi e ha uscite indipendenti verso le facciate principali. L’ala est ha due stanze rettangolari collegate al vialetto, con porte sulla facciata laterale e su quella principale. Le entrate delle stanze, che potevano servire come sale di guardia, tribunale e uffici doganali, sono decorate con nicchie occidentali a sesto acuto delle facciate principali.

Le campate della carreggiata sono coperte da singole cupole sferiche su finte sfere. Le stanze laterali hanno soffitti con travi a vista.

Le facciate principali della porta sono decorate con bande orizzontali di mosaici di mattoni sulle torri e sulla cima del ravak. Le cupole che coronano le torri sono coperte da piastrelle blu. Gli interni sono intonacati e imbiancati. Dimensioni: totale – 25,0 x 17,0 m; altezza – 9,45 m; la campata degli archi di passaggio – 4,2 m.

Degno di essere visto
Polvon Darvoza in Chiwa

Khiva - Porta Polvon Darvoza

Khiva - Porta Polvon Darvoza

La porta orientale del centro di Ichan Qala a Khiva è chiamata Polvon-Darvoza (dal nome del famoso lottatore e poeta, Polvon o Pahlovon Mahmud) o Porta degli Schiavi (alla sua destra c’era un grande mercato degli schiavi).

Il popolo di Khiva chiamava anche Polvon-Darvoza la Porta dell’Esecuzione (i decreti del khan e le esecuzioni sugli schiavi fuggitivi e i ribelli venivano eseguiti vicino alla porta). Proprio dietro la facciata della porta monumentale c’è una galleria coperta da sei cupole.

La porta orientale di Ichan-Kala differisce significativamente dalle altre porte di Khiva per le dimensioni della sua forma architettonica. Non è un caso che la gente abbia chiamato questa porta “Polvon-Darvoza”. La porta orientale di Ichan-Kala era anche usata per ospitare le bancarelle commerciali. La porta si presenta come un “dash kutcha” (corridoio di pietra) che si estende da ovest a est, le facciate sono decorate in forma di portali ad arco, il vialetto è bloccato da una catena di sei cupole e ci sono negozi negli archi laterali, due ciascuno.

Sopra il portale è stata conservata una lastra di marmo con un’iscrizione storica che indica l’anno di costruzione in parole e la città di Khiva (Shahri Kheyvak – 1221 (1806 d.C.)). Questo è senza dubbio l’anno di costruzione della porta originale, che si trova sulla linea del muro della fortezza.

Dopo il completamento della monumentale Allakulikhan Medrese nel 1835, una galleria con tetto a sei cupole – il Passaggio del Mercato – fu aggiunta a sud di essa, anticipando l’inizio della Porta Polvon-Darvoza.

All’entrata, da Ichan Qala, c’è un’iscrizione “Shahri Khiva” (Città di Khiva), le lettere disposte in modo da leggere la data di costruzione – 1221, cioè 1806 d.C. Questa è la parte più antica dell’edificio associato al bagno di Anush Khan.

La costruzione della porta fu completata da Allakuli-Khan nel 1835. Sul lato destro della porta all’uscita di Ichan-Qala, c’era un bazar di schiavi fino al 1873 e nelle nicchie della porta, gli schiavi fuggitivi e i ribelli aspettavano la loro punizione.

Il cancello attuale risale alla fine degli anni 1830 del XIX secolo. Nella zona Polvon-Darvoza, sotto Allakulikhan, si realizzarono le trasformazioni urbane più importanti: si costruì la medrese con 99 hujshras, il caravanserraglio e il Tim, e si completò la costruzione del palazzo Tashkhauli con la sua intricata disposizione e composizione a più porte.

Era anche qui che venivano promulgati i decreti del khan e si eseguivano le punizioni dei criminali. Da qui i nomi popolari di queste porte: Pashshab-Darvoza (la porta dell’esecuzione), Qul-Darvoza (la porta degli schiavi).

Le dimensioni previste sono 51,76 m x 17,5 m; le cupole grandi hanno un diametro di 5,2 m; due cupole piccole sono di 4,5 m; le panchine sono di 2,8 m x 4,4 m. Con il trasferimento della residenza del khan a Tash-Khauli, la piazza si trasformò in un centro pubblico di Khiva, i decreti del khan furono esposti alle porte della città e le esecuzioni furono effettuate accanto ad essa.

Uzbekistan

Degno di essere visto
Tash Darwaza Tor in Chiwa

Khiva - Porta Tash Darvoza

Khiva - Porta Tash Darvoza

Porta Tash Darvoza – la porta meridionale di Ichan-Kala a Khiva, costruita negli anni 30-40 del XIX secolo durante il regno di Allakuli-Khan. Le porte erano utilizzate dalle carovane provenienti dal Mar Caspio. La facciata principale meridionale ha due torri massicce.

La porta è un edificio volumetrico a sei camere di composizione longitudinale-assiale, simmetrico intorno all’asse centrale, sud-nord, che, bloccando la sezione stradale allungata, è seguito da due stanze a volta collegate da aperture ad arco con le stanze laterali-chiuse di dimensioni minori (servite per le guardie doganali, i guardiani e i negozi). Le stanze del lato sud sono collegate dal passaggio con piccole camere rotonde a due piani in torri cilindriche ai lati dei corridoi. I piloni settentrionali avevano due scale a chiocciola che portavano al tetto.

Le facciate della Porta Tash-Darvoza impressionano per la loro semplicità e monumentalità della forma. Archi di facciata a profilo piatto in cornici piatte a forma di U fiancheggiati da torri massicce sulla facciata sud e guldasta decorativi – sulla facciata nord. In cima alla facciata sud c’erano, fino a poco tempo fa, dei merli di mattoni fiancheggiati da frecce.

Lo strato superiore nella zona del passaggio non è stato sollevato, ma le strutture a cupola sono rimaste. I quattro archi di sostegno sotto i quadrangoli della cupola erano collegati da pianerottoli e rivestiti con false vele sferiche in mezzo. Anche le stanze laterali avevano soffitti a cupola.

Le facciate e gli interni della Porta Tash-Darvoza sono privi di decorazioni, lasciate nella trama della muratura nella cavità.

Le dimensioni della porta Tash-Darvoza a Khiva: generale in pianta – 19,7×17,0 m; altezza – 10,0 m; la campata degli archi del passaggio – 4,83 m; stanze laterali – 3,2×3,2 m; altezza generale – 9,3 m.

Degno di essere visto
Residence of Islam Khodja in Khiva

Khiva - Residenza Islam Khodja

Khiva - Residenza Islam Khodja

La residenza di Islam-Khodja, il consigliere spirituale di Isfandiyar Khan, consiste nella più piccola madrasa di Khiva (42 hujjras – camere per studenti) e il minareto più alto (57 metri).

Insieme, le strutture formano un insieme architettonico insolito ma armonioso. I più famosi maestri dell’epoca hanno partecipato alla sua costruzione. Il minareto di Islam-Khodja* è chiamato il simbolo di Ichan-Qala.

Ad un’altezza di 45 metri, c’è una terrazza panoramica da cui si può vedere tutta la città. La finitura del minareto con le piastrelle smaltate conferisce una certa leggerezza ed eleganza all’imponente struttura.

Per gli amanti dell’architettura, la sala a cupola e la lavorazione in maiolica dell’ingresso e delle pareti della madrasa sono interessanti. Coloro che non sono indifferenti alla storia saranno interessati al tragico destino di Islam-Khodja*, le cui idee progressiste non trovarono il favore dei suoi contemporanei, portandolo alla morte.

*Said Islam Khodja si distinse come dignitario durante il regno di Khan Said Muhammad Rahim II, che governò dal 1863 al 1910. Sotto il suo successore Khan Isfandiyar (regnò dal 1910 al 1920), salì alla posizione di visir o primo ministro. Ha ricevuto un mandato dal sovrano per attuare riforme di vasta portata nel khanato. Per esempio, ha cercato di riformare il sistema scolastico. Altre misure includevano la costruzione di una stazione postale e telegrafica e di una fabbrica di cotone.

A causa delle preoccupazioni per l’azione progressiva, altri dignitari del khanato presentarono una protesta scritta contro le innovazioni nel 1911. In risposta a ciò, il visir accusò i suoi oppositori di cospirazione e ottenne il loro arresto. Nell’estate del 1913, fu ucciso da un assassino a contratto.

Tra il 1908 e il 1910, Said Islam Khodja fece costruire la Medrese Islam Khodja a est della vecchia città di Khiva. Fece anche costruire il minareto Islam Khodja, il più alto della città.

Una delle figlie di Said Islam Khodja era la moglie di Khan Isfandiyar (fonte: Wikipedia).

Degno di essere visto

Khiva - Residenza Qibla Tozabog

Khiva - Residenza Qibla Tozabog

La residenza Qibla Tozabog è una delle residenze estive dei governanti di Khiva e si trova a sud-ovest della città, a una distanza relativamente breve di due chilometri. L’area del palazzo è di mezzo ettaro e fu costruito durante il regno della dinastia Kungrat di Khiva.

La residenza estiva fu costruita per l’undicesimo rappresentante della dinastia, Muhammad Rahim-khan II. Il Khan stesso aveva 52 anni in quel momento, ha ereditato il trono alla giovane età di 19 anni e per i lunghi anni del regno ha avuto il tempo di costruire le notevoli istituzioni educative spirituali, le moschee, i vari edifici di nomina civica. In particolare, il sovrano di Khiva fondò la più grande madrasa dell’Asia centrale, insuperabile in scala, che porta il suo nome ancora oggi.

Il nome della residenza Qibla Tozabog è tradotto come “giardino puro” e in effetti, c’è tanto verde sul suo territorio che crea freschezza, letti di fiori che decorano veramente questo luogo. Nell’architettura degli edifici e degli interni si sente l’influenza della civiltà occidentale. Secondo la moda dell’epoca, il sovrano di Khiva coinvolse gli architetti della Russia e di altri paesi nella costruzione. Ma anche gli stili orientali sono stati conservati. La residenza è circondata da un muro di fortezza, che è rinforzato da torri di guardia. L’ingresso alla residenza è attraverso un portale con decorazioni intagliate ornate.

Qibla Tozabog – una residenza suburbana del Khan a Khiva, la cui costruzione iniziò nel 1897, unisce in un unico complesso tre cortili disuguali per area. Ogni cortile era costruito con case spaziose a due piani, le facciate decorate con colonne di legno tradizionalmente decorate con intricati intagli. Sovrapposizioni impressionanti – gli Aiwan avevano anche ringhiere e pilastri ornatamente scolpiti. Nelle giornate calde e soleggiate, lui stesso amava passeggiare sui soffitti razionalmente progettati del Khan di Khiva accompagnato dal suo entourage. L’intero perimetro degli edifici del palazzo era denso di una varietà di servizi.

I tre cortili della Qibla Tozabog non sono simili tra loro. Il posto centrale nella prima è occupato dalla fontana con lo stagno artificiale che la circonda, che a sua volta è incorniciato da aiuole. Qui c’è anche un’ampia sala per ricevere gli ospiti e gli ambasciatori, il cui interno è progettato rigorosamente in stile europeo (in particolare, la sala ha grandi finestre luminose, che non sono tipiche dell’Oriente).

Degno di essere visto
Tim Allakuli Khan in Khiva

Khiva - Tim Allakuli-Khan

Khiva - Tim Allakuli-Khan

Dopo che Allakuli-Khan costruì un caravanserraglio a Khiva nel 1832-1833, che aveva una locanda, un magazzino e bancarelle, divenne chiaro che era necessario il bazar coperto – tim, che fu aggiunto al caravanserraglio nel 1836-1838. Combinava con successo le funzioni di porta della città, bazar e “lobby” del caravanserraglio. Oggi, il caravanserraglio e il Tim sembrano un’unica struttura.

Il commercio nel Tim si svolgeva nei negozi laterali, dove i mercanti stavano con le loro merci. Qui si potevano comprare non solo merci locali, ma anche tessuti russi o inglesi, sciarpe di seta, stivali da Bukhara, stoviglie dalla Cina, e così via. Il rais (presidente) controllava la correttezza delle bilance e sorvegliava l’ordinazione. Aveva il potere di risolvere le controversie sul posto con tasse e colpi. Una tassa è stata addebitata al cancello per l’importazione e l’esportazione di merci. Le dimensioni di Tim Allakuli-Khan a Khiva sono: 74 x 26,5 metri, diametro delle cupole da 9,5 a 6 metri.

Allakuli-Khan (1794-1842), governò negli anni 1825-1842 e fu il quinto sovrano della dinastia uzbeka Kungrat nel Khanato di Khiva. Salì al potere dopo la morte di suo padre Muhammad Rahim-Khan I (1806-1825).

Durante il regno di Allakuli Khan a Khiva, furono costruiti il Palazzo Tash-Hovli (1830-1832), la Medrese (1834-1835), il Caravanserraglio (1832-1833), Tim (Trade Dome), le moschee Saitbay, Ak Mosque e altre.

Nel 1842, Khiva era circondata da un muro esterno (Dishan-kala) lungo sei chilometri, costruito in 30 giorni.

Durante il regno di Allakuli Khan a Khiva, i poeti come Muniz Khorezmi, Rojih, Dilavar, Syed Mirza Junaid, Mirza Masiho hanno creato arte. Gli storici Muniz Khorezmi e Agakhi hanno scritto la storia di Khorezm.

Dopo la morte di Allakuli Khan, il potere a Choresm passò a suo figlio, Rahimkuli Khan (1842-1845).

Degno di essere visto

Nur Sultan - Astana Baiterek

Nur Sultan - Astana Baiterek

Nel 2002, il monumento “Astana – Baiterek” è stato eretto nel centro della città di Nur-Sultan. Questo monumento dimostra che la storia del popolo kazako è come un albero possente con una corona estesa e radici forti e lunghe che raggiungono sette strati in profondità nella terra. Le radici arrivano lontano e le foglie sono alte; cresceremo e ci svilupperemo, questo è il significato dell’oggetto.

Il Baiterek nel centro della città sostiene il cielo. L’edificio è alto 97 metri e simboleggia l’anno in cui fu proclamata la nuova capitale. Secondo il progetto architettonico, il Baiterek è composto da tre parti:

– La prima parte, il livello inferiore, scende di 4-5 metri. Qui c’è un piccolo modello di un regno sottomarino – un acquario di 7 metri in cui nuotano i pesci.

– La seconda parte è il Baiterek, una struttura metallica su cui corrono due ascensori ad alta velocità MITSUBISHI a bassa rumorosità.

– La terza parte è una sfera con un diametro di 22 m e un peso di 300 tonnellate, fatta del vetro camaleontico SUN GLASS, che cambia il suo colore secondo la luce del sole e simboleggia l’uovo d’oro dell’uccello magico Samruk.

Per visitare la sfera di vetro, bisogna prendere l’ascensore panoramico fino alla cima di Baiterek. Raggiungerete prima una piattaforma dalla quale potrete ammirare la città da un’altezza di 93 metri. Da qui si può vedere il nuovo centro amministrativo come se fosse nel palmo della mano. L’Akorda, il palazzo del governo, Fountain Avenue, il Senato, i Majilis, la Corte Suprema, gli edifici dei Ministeri degli Affari Esteri, della Difesa, dei Trasporti e delle Comunicazioni, gli edifici di KazMunayGas, KazTransOil – tutto fiorisce davanti ai tuoi occhi.

Dall’alta torre, la vasta steppa ha un effetto magico, e si fissa a lungo l’enorme orizzonte fino a quando non scompare nella notte. Al livello più alto, a 97 metri dal suolo, c’è l’impronta della palma del primo presidente del Kazakistan, Ayaly-Alakan. Quando ci metti la mano sopra, si sente la canzone “Menin Elim”, e sembra che tutto il Kazakistan stia cantando insieme.

Se ammirate la torre di notte, l’illuminazione notturna appositamente installata colora Baiterek con fino a cinquecento sfumature, poiché l’illuminazione è realizzata con mezzi informatici speciali.

Oggi, “Astana – Baiterek” è un luogo popolare non solo per i residenti di Nur-Sultan e della Repubblica, ma anche per tutti i visitatori vicini e lontani. Nel 2002, il Grand Prix ha vinto il 10° Concorso Internazionale dell’Unione Internazionale delle Associazioni di Architettura dei paesi della CSI e delle città di Mosca e San Pietroburgo. Mosca, San Pietroburgo ha vinto il Grand Prix e la medaglia d’oro. Nel 2003, Nur-Sultan ha ricevuto la medaglia d’argento per l’architettura della nuova città alla Triennale mondiale di architettura di Sofia, in Bulgaria. Nello stesso anno, è stato premiato all’unanimità con il Grand Prix e la medaglia d’oro al Festival degli architetti di Bishkek.

Degno di essere visto
Basar Chorsu Samarkand

Samarcanda - Bazar Cupola Chorsu

Samarcanda - Bazar Cupola Chorsu

Dietro la Madrasa Sher Dor di Samarcanda si trova lo storico Bazar a Cupola Chorsu. Nel frattempo, il bazar è stato restaurato. Chorsu (Chorsu – il mercato coperto, letteralmente – quattro angoli) è una struttura situata accanto alla Sher Dor Madrasah. Il Bazar a Cupola Chorsu si trova nel centro storico di Samarcanda e fa parte dell’insieme architettonico di Piazza Registan.

Le attrazioni storiche come il complesso delle tombe Shaybanid, la Madrasa Sher Dor, la Madrasa Tilla Kori e la Madrasa Ulugbek sono nelle immediate vicinanze.

Nella traduzione, “Chorsu” significa anche “incrocio”. È il nome comune dei bazar storici dell’Asia centrale, che è stato anche conservato da uno dei bazar storici di Tashkent. La struttura è un padiglione esagonale coronato da una grande cupola al centro e sei cupole più piccole nella linea centrale di ciascuna delle facce del muro. Il Chorsu fu costruito nel XV secolo all’incrocio che collega Samarcanda con Shakhrisabz, Bukhara e Tashkent.

All’inizio del XVIII. Nel secolo scorso, l’edificio fu ricostruito e convertito in un negozio di copricapi. L’edificio serviva come centro d’affari e di commercio. Qui non solo si vendevano varie merci, ma si facevano anche affari e accordi.

Nel XVIII. Nel secolo scorso l’edificio fu utilizzato come centro per la vendita di copricapi. Nel 2005, il bazar a cupola è stato restaurato e per ripristinare l’intera altezza dell’edificio, è stato scoperto uno strato di terra spesso tre metri dalla superficie.

Oggi, il Dome Bazaar Chorsu ospita una galleria di belle arti di Samarcanda, che espone opere di artisti uzbeki e sculture, così come opere inestimabili del passato. Nel 2005, l’edificio è stato dato alla locale Accademia delle Arti come galleria espositiva.

Oggi, qui si possono vedere anche le opere d’arte di autori uzbeki contemporanei.

Degno di essere visto
Muslim Tour in Usbekistan

Samarcanda - Complesso Imam al Bukhari

Samarcanda - Complesso Imam al Bukhari

Nel villaggio di Khartang nel distretto di Payaryk, a 25 km da Samarcanda, si trova uno dei luoghi di pellegrinaggio più venerati dell’Islam – il complesso dell’Imam al-Bukhari.

Abu Abdullah Muhammad ibn Ismail al-Bukhari è un famoso teologo e studioso di hadith (l’hadithologia è la scienza degli hadith, resoconti dei detti e delle azioni del Profeta Muhammad) e l’autore del secondo libro musulmano più importante dopo il Corano, “Al-Jomiy al-Sahih” (“Una raccolta affidabile”).

L’imam Al-Bukhari è nato a Bukhara nell’810. Si sa che il suo bisnonno fu uno dei primi ad abbracciare l’Islam. Suo padre era uno dei narratori di leggende sacre. Suo padre morì quando Al-Bukhari era ancora un bambino. Al-Bukhari rimase con sua madre, che lo allevò. Era una donna istruita che addestrava il ragazzo in varie scienze. Muhammad era una persona sensibile e intelligente e aveva una memoria eccezionale per la sua età. All’età di 7 anni aveva memorizzato l’intero Corano, e all’età di 10 anni conosceva a memoria diverse migliaia di hadiths. Nell’825, quando aveva 16 anni, al-Bukhari andò all’Hajj alla Mecca e Medina con sua madre e suo fratello maggiore Ahmad. Dopo il pellegrinaggio, sua madre e suo fratello tornarono a Bukhara e lui viaggiò per molti anni in vari paesi musulmani, studiando con famosi studiosi islamici dell’epoca.

Secondo la leggenda, raccolse centinaia di migliaia di hadiths, 300.000 dei quali conosceva a memoria. Ha dedicato 42 anni della sua vita a questi studi. Ha iniziato a scrivere il suo libro a Bassora e ha continuato a scriverlo per molti anni, includendo gli hadiths di 1080 esperti, secondo lui. Il suo libro contiene 7275 hadiths credibili. Una prova dell’autenticità dell’hadith è l’affidabilità del percorso di trasmissione e di ciascuno dei suoi collegamenti, che dà un’immagine morale del trasmettitore su cui si può contare. Al-Bukhari ha avuto particolare cura nell’identificare coloro che sono serviti come fonte della trasmissione. Ha incluso solo gli hadiths che sono state fatte dichiarazioni “credibili” da persone che erano testimoni diretti del deen del Profeta. L’imam al-Bukhari aveva lavorato al suo libro per 16 anni.

Si sa dalle fonti che scrisse molti altri libri, tra cui “Ta’rihih Kabir” (“La grande storia”). Dopo aver scritto “As-Sakhih”, tornò a Bukhara e cominciò a insegnare a chiunque volesse imparare, credendo che le persone che imparano insieme avrebbero grande beneficio per la società nell’alfabetizzazione. La sua autorità era così alta che un hadith a lui sconosciuto era considerato inaffidabile dal popolo.

Indipendentemente dalla sua volontà, si scontrò con il sovrano di Bukhara, con Tahiridd Holid ibn Ahmad, e fu costretto a trasferirsi nel villaggio di Khartang vicino a Samarcanda, dove morì nell’870. Il cimitero nel villaggio di Khartang nel distretto di Payarik nella zona di Samarcanda è diventato il luogo di pellegrinaggio più venerato e sacro. Nel XVI secolo, una piccola moschea fu costruita vicino al mausoleo Imam-al-Bukhari e furono piantati alberi Chinar.

Durante il periodo sovietico, questo luogo sacro musulmano cadde nell’oblio e nessuna cerimonia religiosa fu celebrata qui. A poco a poco, la moschea cadde in rovina, ma nel 1954 sarà riportata in vita grazie alla visita del presidente indonesiano Sukarno. Dopo la sua visita a Mosca, il presidente Sukarno arrivò a Tashkent e chiese di poter venerare i resti del santo Imam al-Bukhari. Le autorità della Republika, al sentire questo, erano anche confuse all’inizio, perché avevano già dimenticato chi era l’Imam al-Bukhari e dove si trovava la sua tomba. In fretta e furia, fu dato l’ordine di inviare immediatamente la commissione a Samarcanda. Le autorità non potevano rifiutare il presidente Sukarno perché in quel momento l’Unione Sovietica, su iniziativa di Khrushchev, stava cominciando a stabilire relazioni internazionali con molti paesi, compresi i paesi dell’Est islamico, e quindi il rifiuto minacciava uno scandalo internazionale. Tuttavia, quando le autorità arrivarono sul posto, videro un quadro poco attraente: la moschea era completamente abbandonata e non c’era nemmeno una lapide sulla tomba di Al Bukhari. E su ordine dell’Alto Comando, la moschea e l’area circostante sono state ripulite al meglio in un giorno e persino una strada asfaltata verso la moschea è stata posata in poco tempo. In breve, la moschea Al Bukhari ha accolto il presidente Sukarno. Si è inchinato davanti alla tomba del grande studioso e ha reso omaggio alla sua memoria. Il presidente Sukarno fu seguito dal presidente somalo Madiba Keita, che visitò anche Tashkent e chiese di visitare la tomba di San Ismail al-Bukhari. In seguito, apparentemente su ordine del Centro (Mosca), la moschea Ismail al-Bukhari fu consegnata al Consiglio islamico dei musulmani dell’Asia centrale e del Kazakistan. Da allora, la moschea è stata nuovamente visitata dalle preghiere.

Dopo l’indipendenza dell’Uzbekistan, il complesso dell’Imam Muhammad ibn Ismail al-Bukhari a Samarcanda fu restaurato. Nel 1998, un maestoso complesso commemorativo è stato costruito nel villaggio di Khartang, comprendente un mausoleo, una moschea, una biblioteca e una madrasa. Nello stesso anno 1998, le celebrazioni del 1225° compleanno del famoso scienziato si sono tenute a Samarcanda il 23 ottobre.

L’accesso al complesso è attraverso un portale d’ingresso con cancelli intagliati. Al centro del complesso si trova il mausoleo di Ismail al-Bukhari a forma di prisma rettangolare, quadrato alla base, che misura 9×9 m e 17 m di altezza. La cupola del mausoleo è doppia, scanalata e decorata con piastrelle blu. Le pareti sono decorate con mosaici, maioliche, ganche, onice e granito con ornamenti vegetali e geometrici. Al centro c’è una pietra tombale in onice verde chiaro.

Sul lato sinistro del cortile si trovano una moschea, una khonaqa e una galleria di preghiera con una superficie di 786 metri quadrati, dove 1500 fedeli possono pregare contemporaneamente. Sul lato destro ci sono una biblioteca e un museo con rare copie di libri manoscritti e litografici sulla teologia islamica, regali di statisti di vari paesi, compresa una parte della “Kiswah” – una coperta della Kaaba alla Mecca presentata al memoriale dal re dell’Arabia Saudita.

In fondo al cortile c’è un centro di formazione Hadith. Al centro del cortile c’è una piscina d’acqua – “Khauz” con antichi alberi Chinar, accanto alla quale c’è una sorgente d’acqua curativa.

Per ricercare a fondo e diffondere ampiamente l’eredità spirituale dell’Imam al-Bukhari, è stata creata una fondazione internazionale che dal 2000 pubblica una propria rivista spirituale ed educativa. I libri di Al-Bukhari sono usati nelle madrasse e nelle università islamiche come il principale libro di testo per lo studio della Sunnah (tradizione sacra) sul Profeta Muhammad.

Degno di essere visto
Shohi Zinda - Samarkand

Samarcanda - Ensemble Shahi Zinda

Samarcanda - Ensemble Shahi Zinda

Ensemble Shahi Zinda – una città completa di Samarcanda che rivaleggia in bellezza con tombe di fama mondiale come le piramidi egiziane, il Taj Mahal in India. È un luogo di pellegrinaggio del mondo, dove la gente è attratta da uno spirito speciale, un potere magico.

“Le venerabili e umili donne e sorelle di Amir Temur vollero essere sepolte sulla soglia di questo luogo, protette dagli angeli, – scrive Abu Tahir Khoja, – e costruirono qui strutture tali che il cielo azzurro distoglieva l’occhio del tempo – non videro strutture così belle ed eleganti in modo che la cupola turchese del cielo apriva i loro occhi – la luna e il sole – non ammirò piastrelle di tale colore.

Una serie di eleganti volte sepolcrali blu brillante si estendeva lungo le antiche pendici di Afrasiab. Shahi Zinda Ensemble a Samarcanda – uno dei santuari dell’Oriente musulmano – è un complesso monumentale di tombe che ha avuto origine nei secoli X – XI e oggi comprende quarantaquattro tombe in più di venti mausolei.

Il santuario più importante sulla cima della collina è il Mazar, che le leggende e le saghe attribuiscono a Kusam, il figlio di Abbas, il cugino del profeta Maometto. Il rituale di venerazione della sua tomba è stato stabilito in passato.

C’è una leggenda su di lui come Shahi-Zinda, il “re vivente”. Questo aspetto è noto in Asia centrale da molto tempo ed è associato all’immagine di Siyavush, la “divinità sofferente”. Le radici di questa storia risalgono a un antico culto di divinità sofferenti e morenti.

Questa immagine è stata più popolare tra le donne fin dai tempi antichi. A quanto pare, è grazie al culto dei “santi che scompaiono” che questa famosa necropoli è diventata il luogo di sepoltura femminile di Amir Temur.

Secondo gli scavi archeologici, l’area della necropoli era una zona residenziale della città antica fino al XI secolo. Le fondamenta e le cripte dei primi edifici dell’insieme risalgono al XII secolo. Secolo. Nel XIII secolo, dopo la conquista mongola, gli abitanti abbandonarono l’antica fortezza e Shahi-Zinda rimase a lungo nella desolazione.

All’inizio del XIV secolo, strutture colorate di mausolei apparvero una dopo l’altra sul sito della città morta. Al momento della morte di Temur, gli edifici di Shah-i-Zinda erano solo all’interno delle mura dell’antica Samarcanda. Dietro il muro della fortezza c’era un grande fossato e un precipizio.

Nel corso del tempo, le mura libere furono rase al suolo e gli edifici del gruppo inferiore furono eretti ai piedi dell’Afrasiab durante il regno di Ulugbek. Un mausoleo indipendente con due cupole e un portale a sud è apparso per primo.

Un’ampia scala è stata costruita per la salita ad Afrasiab. Gli edifici del gruppo inferiore furono completati tra il 1434 e il 1435. L’iscrizione sul portale d’ingresso informa: “Questa maestosa struttura fu fondata nell’838 d.C. (1434-1435 d.C.) da Abdulaziz-khan, figlio di Ulugbek Guragan, figlio di Shahrukh, figlio di Amir Temur Guragan”.

Mazarishah è molto popolare tra la gente. Testimoni oculari hanno riferito che i dervisci dell’ordine del cadmio passavano qui ogni giovedì degli anni 20. Il rituale di Jahriya, ideato dal grande sufi Ahmad Yassavi (forte Radia), iniziava nella moschea superiore, poi i partecipanti, senza fermarsi a dire “ho” o “eh”, scendevano i numerosi gradini della scala fino alla moschea inferiore con movimenti circolari.

Prima della fine della cerimonia, i partecipanti hanno cantato dei versi religiosi (hoviz). Si credeva che l’esecuzione di ziarat sui mazari del santo kusam avesse un’influenza sorprendente sull’umore estetico della “gente del cuore” (mistici).

Nel 2005, Shahi Zinda Ensemble ha subito un ampio restauro, rimuovendo la recinzione delle strade del mausoleo che sorgeva sul lato destro del percorso per aprire lo spazio dove sono stati trovati la moschea, le madrase altomedievali (XI secolo) e tracce di mausolei precedenti.

Degno di essere visto
Afrasiyab

Samarcanda - Insediamento Afrasiyab

Samarcanda - Insediamento Afrasiyab

Afrasiyab è il nome del leggendario e mitico re di Turan e uno dei leggendari eroi “Shahname”, poemi del grande poeta persiano Firdousi. Con lo stesso nome è noto il luogo dove si trovava l’antica Samarcanda – il suo nucleo originario – l’insediamento di Afrasiyab.

Fu uno dei primi insediamenti sul territorio della città moderna, chiamata Marakanda, e nacque a metà del primo millennio a.C., quando era circondata da mura di fortezza.

Turan, a sua volta, è il nome di un vasto territorio che occupa quasi tutta l’Asia centrale. All’inizio della VIII. Secolo dopo fu conquistata dagli arabi e presto divenne un importante centro di cultura musulmana.

Nel 1220 fu quasi completamente distrutta dal sovrano mongolo Gengis Khan. Afrasiyab fu conquistata da Alessandro Magno nel 329 a.C. Gli scavi effettuati (con interruzioni) dal 1874 hanno stabilito che la vita su Afrasiyab fu quasi continua dal VI secolo a.C. fino alla sua distruzione da parte dei Mongoli nel 1220.

L’insediamento Afrasiyab di Samarcanda consiste in una cittadella, un centro e un sobborgo. Sono stati aperti quartieri residenziali e artigianali, una moschea, i resti di un palazzo dei secoli VII-VIII, dove nel 1965 sono state scoperte pitture murali policrome.

L’insediamento Afrasiyab è oggi un vasto insieme di colline disabitate che confinano con la moderna città di Samarcanda sul lato nord. In un lontano passato, la vita ribolliva qui. Per questo motivo, i nostri scienziati sono molto interessati all’Afrasiyab.

Le ricerche archeologiche sull’insediamento di Afrasiyab iniziarono alla fine del XVIII secolo. Secolo, poco dopo che l’Asia centrale fu annessa dalla Russia, con scavi effettuati da Borzenkov nel 1874 e Krestovsky nel 1883.

I primi scavi amatoriali non erano di seria importanza scientifica, ma hanno dato risultati preziosi. Le successive ricerche archeologiche effettuate qui hanno pienamente confermato che Samarcanda era uno dei più grandi centri commerciali e culturali dell’Asia centrale molto prima del nostro tempo.

Nell’insediamento di Afrasiyab sono stati trovati bellissimi reperti di vasellame da tavola in argilla fusa e senza acqua, molte statuette in terracotta, frammenti di ossario, oggetti in vetro, vari utensili, gioielli femminili, monete e così via.

I reperti archeologici dell’insediamento Afrasiyab danno un resoconto impressionante della vita nell’antica Samarcanda durante i molti secoli della sua esistenza. Ora è provato che l’insediamento di carattere urbano in Afrasiyab esisteva due mila e mezzo anni fa.

La città era circondata da possenti mura di fortezza, all’interno delle quali si trovavano già in quell’epoca la cittadella-Shakhristan, una moschea Jame, abitazioni e laboratori artigianali. Il territorio della città era attraversato da strade di pietra dirette e divise in quartieri – guzars.

Il tumulo funerario scoperto durante gli scavi del 1965 nel centro di Afrasiyab era di eccezionale valore archeologico. Ciò che è stato trovato qui ha superato tutte le aspettative degli scienziati.

Edifici fatti di mattoni grezzi scavati nelle profondità del tumulo, pitture murali colorate, iscrizioni in Sogdian, molti oggetti domestici, oggetti di vetro – dai vasi in miniatura ai calamai – hanno rivelato agli archeologi e agli storici la ricca cultura originale della città antica.

In questo modo, i veli del mistero di Afrasiyab sono stati sollevati. Sono stati scoperti diversi edifici dal VI al VII secolo. I loro muri sono decorati con pitture molto ornate, dipinte con colori a colla su intonaco d’argilla.

In uno dei locali dove l’archeologo D.P. Varhotova ha effettuato degli scavi, sono stati trovati dei dipinti di genere particolare sulle pareti in tre livelli. Gli antichi pittori raffiguravano con colori vivaci una maestosa processione di uomini e donne che portavano ricchi doni e indossavano costumi di festa. Animali reali e fantastici prendono parte alla processione.

Questi dipinti di genere, che si distinguono per la luminosità dei loro colori, testimoniano l’alta abilità artistica dei loro creatori e forniscono un ricco materiale per studiare la storia culturale dell’Asia centrale prima della conquista islamica.

Sulle pareti del palazzo che apparteneva al sovrano Samarcanda Ishkhid, un artista di talento ha scritto una grande composizione. Un elefante bianco con una campana al collo e un insieme di nappe si muove davanti alla processione.

La figura principale sull’elefante rappresenta apparentemente una principessa o una regina. L’elefante è inseguito da tre donne a cavallo. L’immagine di una delle figure femminili è relativamente ben conservata.

Indossa un vestito rosso corto, pantaloni gialli e stivali neri. Le sue mani sono ornate da braccialetti e una sciarpa è gettata sulle sue spalle. Dietro le donne, sono raffigurati due uomini su cammelli.

I cavalieri sono armati con lunghe spade dritte e pugnali corti appesi alle loro cinture. Alla loro destra vedono uno stormo di uccelli simili a oche o cigni. Gli uccelli sono accompagnati da guerrieri barbuti vestiti di bianco, che conducono sui loro cavalli, e da un giovane che cammina dietro il cavallo.

Dietro di lui su un cavallo giallo c’è un cavaliere vestito con un caftano rosso di tessuto riccamente decorato. L’artista ritrae il cavaliere a una dimensione sproporzionata rispetto alle altre figure.

Con ogni probabilità, il dipinto raffigura un corteo nuziale. L’elefante viene portato a palazzo per incontrare lo sposo della principessa Chaganyan. È accompagnata dai suoi amici e da onorevoli dignitari.

La grande figura di un cavaliere su un grande cavallo giallo sembra essere lo sposo o il re di Samarcanda o uno dei suoi figli.

Ci sono iscrizioni Sogdian sulle facce, sulle mani e soprattutto sui vestiti raffigurati nei dipinti delle figure di cui sopra. È stata anche scavata una grande sala decorata con sculture in legno.

Sono stati carbonizzati nell’incendio che ha distrutto questo edificio tredici secoli fa. Questo ha contribuito a preservare e conservare le sculture. Bassorilievi paesaggistici sono stati trovati in altre stanze del palazzo.

La combinazione di colori che hanno mantenuto la loro luminosità e succosità è affascinante: blu, bianchi, gialli, rossi e marroni. La loro combinazione non dà l’impressione di essere vistosa. I toni dei murales sono combinati armoniosamente e lusingano l’occhio come un bouquet di fiori primaverili brillanti.

La sottigliezza del disegno, l’attenta elaborazione di tutti i dettagli, il disegno espressivo dei volti e delle figure sono sorprendenti. Tutto fa pensare alle tradizioni secolari dell’arte. Colpisce soprattutto la forza e la durata della composizione chimica dei colori che hanno resistito alla prova del tempo.

I nuovi brillanti modelli d’arte dei vecchi maestri di Samarcanda, che superano tutto ciò che si conosceva finora per l’accurata esecuzione e la colorazione, hanno già preso il loro posto d’onore nella storia dell’arte dei popoli d’Oriente.

Degno di essere visto
Sher Dor Madrasa - Samarkand

Samarcanda - Madrasa Sherdor

Samarcanda - Madrasa Sherdor

La Madrasa Sherdor fu costruita a Samarcanda sul sito della Ulugbek Khanaka, che fu costruita nel 1424 nella parte orientale della piazza di fronte alla Madrasa Ulugbek. All’inizio del XVII secolo, il khanaka, insieme ad altri edifici della piazza, era fatiscente e in rovina. Su ordine del sovrano di Samarcanda Jalangtush Bahadur, fu iniziata la costruzione delle madrase Sherdor e Tilla-Kari. La madrasa Sherdor (madrasa “con le tigri”, “casa dei leoni”) fu costruita da un architetto di nome Abdul-Jabbar, il maestro decoratore Muhammad Abbas.

La Madrasa Sherdor a Samarcanda rispecchia quasi la Madrasa Ulugbek che la precede, anche se in proporzioni inverse. Si distingue per la sua cupola sovradimensionata, che potrebbe aver causato la graduale distruzione dell’edificio pochi decenni dopo la sua costruzione. Le pareti della madrasa sono coperte da citazioni del Corano, il portale d’ingresso mostra lo stemma di Samarcanda – leopardi con il sole sulla schiena, c’è una svastica al centro dell’arco, e sopra c’è una speciale scrittura araba che recita “Il Dio è onnipotente”. Le facciate esterne e interne sono decorate con mattoni smaltati, mosaici e dipinti con ricche dorature. La decorazione della Madrasa Sherdor è chiaramente inferiore alla raffinatezza della Madrasa Ulugbek, costruita nel XV secolo, che cadde nell'”età dell’oro” dell’architettura di Samarcanda. Tuttavia, l’armonia delle forme grandi e piccole, la grazia del mosaico, la monumentalità, la nitidezza della simmetria – tutto questo mette la madrasa in fila con i migliori monumenti architettonici della città.

Degno di essere visto
Medrese Ulugbek

Samarcanda - Madrasa Ulugh Beg

Samarcanda - Madrasa Ulugh Beg

La Madrasa Ulugh Beg è la più antica Madrasa della piazza Registan di Samarcanda e fu costruita nel 1417-1420 dal sovrano Temurid e astronomo Ulugh Beg. La costruzione di questa struttura e più tardi dell’osservatorio portò Samarcanda alla fama di uno dei più importanti centri scientifici dell’Oriente medievale.

La Madrasa fu costruita nella parte occidentale della piazza Registan, qualche anno dopo fu costruita di fronte ad essa la Ulugh Beg Khanaka e il lato nord fu occupato da un caravanserraglio. Gli ultimi due edifici sono esistiti per circa due secoli e poi la Madrasa Sherdor e la Madrasa Tilla-Kari sono apparse al loro posto all’inizio del XVII secolo.

La madrasa rettangolare aveva quattro aywan e un cortile quadrato con profonde nicchie lungo il suo perimetro che portavano alle stanze dove vivevano gli studenti. Il retro del cortile era occupato da una moschea e sopra le aule d’angolo della madrasa c’erano quattro cupole, così come quattro minareti agli angoli della struttura. L’edificio si affaccia sulla piazza con un maestoso portale orientale con un alto arco a sesto acuto, sopra il quale si trova un pannello a mosaico con ornamenti geometrici di piastrelle colorate, irrigazione e ceramica intagliata.

La Madrasa Ulugh Beg a Samarcanda era una delle migliori università spirituali dell’Oriente musulmano nel XV secolo. Secondo la leggenda, il famoso poeta, scienziato e filosofo Abdurakhman Jami ha studiato lì. Le lezioni di matematica, geometria, logica, scienze naturali, insegnamenti sull’uomo e sulla visione del mondo e teologia sono state tenute da famosi studiosi dell’epoca: Kazizade ar-Rumi, Jemshid Giyas ad-Din al-Kashi, al-Kushchi e lo stesso Ulugh Beg.

Degno di essere visto

Samarcanda - Mausoleo Ak Saray

Samarcanda - Mausoleo Ak Saray

A Samarcanda, sul lato opposto accanto al Mausoleo dell’Emiro Gur si trova il Mausoleo di Ak-Saray, considerato il luogo di sepoltura dei rappresentanti maschi della famiglia Temurid nella seconda metà del XV secolo. L’edificio semidistrutto ha conservato un nucleo compositivo – la sala cruciforme sopra una cripta ottagonale.

Il mausoleo è famoso per la monumentale pittura dell’interno, che lo copriva completamente. È uno dei migliori esempi della fusione organica della costruzione e della plasticità architettonica della cupola sugli archi intersecanti e le vele a rete dello scudo.

Le pareti e i soffitti del soffitto erano coperti di pittura a rilievo dorata “kundal” con l’ornamento stilizzato su uno sfondo blu. L’interno della sala era circondato da un pannello a mosaico con un elegante motivo di vasi di fiori su uno sfondo di una griglia diagonale di piastrelle bianche e blu.

Il pannello della cripta era rivestito di marmo grigio. Sono in corso lavori di restauro per ripristinare il mausoleo. C’è una leggenda sul mausoleo di Ak-Saray a Samarcanda, che dice che un uomo decapitato è sepolto nella nicchia costruita vicino al muro orientale. Secondo una delle versioni, è la tomba del figlio di Ullugbek, Abdullatif, che fu giustiziato dopo la caduta del padre.

Degno di essere visto

Samarcanda - Mausoleo Bibi Khanum

Samarcanda - Mausoleo Bibi Khanum

L’iscrizione sul mausoleo di Bibi Khanum a Samarcanda.

“Nel nome di Allah misericordioso e gentile. Non c’è altro Dio che Allah e Maometto è il Suo Profeta. Testimonio che non c’è altro Dio all’infuori di Allah e testimonio che Muhammad è il Suo servo e messaggero. Non c’è altro Dio che Allah, l’unico Dio che non ha uguali, il mondo è suo, la lode è sua. Lui dà la vita e la toglie. Egli è eterno e immortale, nelle mani della Sua bontà è il Signore di tutte le cose. Tutto tornerà a Te”.

Mausoleo di Bibi Khanum a Samarcanda (inizio XV sec.) situato di fronte alla Moschea Jame Bibi Khanum fu costruito in onore della madre di sua moglie e fu uno dei primi ad essere costruito a Samarcanda sotto Temur.

I resti di un esterno ottaedrico e di un interno cruciforme del mausoleo di Bibi-Khanym sono i suoi componenti. La Madrasa Bibi Khanum esisteva anche nel XVII secolo.

Non è chiaro fino a che punto le parole di Malikho sulla struttura della Madrasa (fu distrutta da A’Bdullahan (XVI secolo) in modo che “non ne rimane nulla tranne il mausoleo di Bibi Khanum”.

Il Mausoleo Bibi Khanum a Samarcanda serviva apparentemente come luogo di sepoltura per le donne della dinastia Temurid (è associato, come una moschea, al leggendario sovrano Bibi-Khanum). Secondo Clavijo, la madre di Bibi-Khanum fu la prima ad essere sepolta lì.

Non ci sono informazioni sulla sepoltura della stessa Bibi-Khanum (Sarai Mulk-Khanum), anche se la tradizione popolare si riferisce a questa struttura come al Mausoleo di Bibi-Khanum. Si tratta di un’alta struttura ottaedrica con un tamburo cilindrico circondato da una grande iscrizione Kufi e una cupola esterna non salvata.

All’interno, sotto la pianta cruciforme della gurkhana, si trova una tomba di marmo con tre tombe di donne in sarcofagi. L’interno del mausoleo è decorato con un pannello di mosaico e dipinti sul plafond e sulle pareti, dove paesaggi eleganti sono presentati insieme a motivi ornamentali.

Nel 1941, qui sono stati effettuati scavi archeologici dello scheletro e delle tombe. Nel 1956 – 1957 si è lavorato allo studio storico-architettonico e archeologico dei monumenti.

Tutte le lapidi sono circondate da un reticolo di marmo impostato da Ulugbek. La sepoltura nella parte occidentale di Gur-i Emir, ritenuta la tomba di Syed Omar, doveva essere chiamata “la tomba di un uomo sconosciuto”, come sottolinea l’iscrizione sulla lapide stessa.

La lapide superiore di Temur è fatta di nefrite verde scuro, che fu fornita da Ulugbek dal corso superiore del fiume Ili nel 1425. Su questa pietra è incisa un’iscrizione araba che sostiene che Tamerlano discende da un antenato comune con Gengis Khan.

Alla fine dell’iscrizione c’è il racconto leggendario della testimonianza immacolata di uno degli antenati di Gengis Khan da parte di una donna chiamata Alunkuva, “che lo ricevette dalla luce che le penetrò attraverso la porta della montagna e le apparve davanti come immagine di un uomo perfetto”, uno dei discendenti del califfo Aliya.

Questa relazione inventata su Gengis Khan fu scritta dopo la morte di Temur. Nel 1740, su ordine di Nadir Shah, dopo la presa di Samarcanda, la pietra tombale in nefrite di Temur e le porte metalliche a due ante della moschea di Bibi-Khanum furono
sono stati consegnati a Mashhad.

Dopo averli ispezionati, Nadirshah ordinò che la pietra e la porta fossero riportate a Samarcanda e “messe al loro posto”. Le lapidi di altri membri della famiglia di Temur riempiono le stanze successive della struttura.

Durante il periodo del potere sovietico, dal 1924 in poi, furono eseguiti importanti lavori di ristrutturazione e restauro sul territorio del mausoleo: il soffitto del mausoleo fu fissato alle travi reticolari della volta, eliminando la pressione delle lapidi sul mausoleo.

Degno di essere visto
Abu Mansur al-Maturidi Mausoleum

Samarcanda - Mausoleo di Abu Mansur al-Maturidi

Samarcanda - Mausoleo di Abu Mansur al-Maturidi

Il Mausoleo di Abu Mansur al-Maturidi – si trova a Samarcanda, vicino alla famosa piazza Registan. Il mausoleo fu costruito sulla tomba di Abu Mansur al-Maturidi (870 – 944), un famoso teologo islamico, esperto di fiqh (giurisprudenza islamica) e interprete del Corano (mufassir).

Lo scienziato fu sepolto nel cimitero di Chokardiza a Samarcanda, dove, secondo la leggenda, sono stati sepolti più di 3000 scienziati-teologi. Un mausoleo fu costruito sopra la tomba, che fu distrutta negli anni ’30.

Abu Mansur al-Maturidi è nato nella città di Maturid, vicino a Samarcanda, dove ha studiato discipline religiose. Ha poi insegnato fiqh e kalam. Maturidi credeva che l’uomo avesse la libertà di scelta e che la fede consistesse nel riconoscimento verbale di Allah e non nei riti religiosi.

Nel 2000, in occasione del 1130° anniversario della nascita di Muhammad Abu Mansur al-Maturidi, un complesso architettonico progettato dagli architetti Salakhutdinov e Nurullaev è stato costruito sul sito del mausoleo distrutto a Samarcanda.

Gli interni sono stati decorati da Najmiddinov, l’esterno da Asadov. Le dimensioni del mausoleo sono 12 × 12 × 17,5 metri. L’edificio è coronato da una doppia cupola, quella esterna – scanalata – è decorata con maioliche blu, il tamburo è decorato con 24 archi.

Sulla lapide di marmo bianco sono scolpiti i detti di uno scienziato e si possono leggere i detti dell’Imam al-Maturidi. A ovest del mausoleo c’è un piccolo edificio con una cupola, sul lato nord c’è un tumulo (sufa) con lapidi dal IX al XVIII secolo. Nel giardino c’è un padiglione – una rotonda con la tomba del giurista Burhaniddin Al-Margiloni.

Imam Abu Mansur al-Maturidi aveva una grande conoscenza teologica ed era molto conosciuto e rispettato non solo tra i suoi numerosi studenti ma anche nel mondo accademico dell’Oriente musulmano.

Uzbekistan

Degno di essere visto

Samarcanda - Mausoleo di San Daniele

Samarcanda - Mausoleo di San Daniele

Il Mausoleo di San Daniele (Daniyar) a Samarcanda è un luogo di sepoltura unico del santo, venerato in tre religioni mondiali contemporaneamente: Giudaismo, Islam e Cristianesimo. Si trova sull’alta collina di Afrosiab, alla periferia di Samarcanda, al largo del fiume Siab. I musulmani lo chiamano il profeta Khodja Daniyar, gli ebrei lo chiamano il profeta Daniele, e nel cristianesimo è conosciuto come il profeta Daniele.

Nella religione ebraica, il profeta Daniele era uno stretto collaboratore del re babilonese Nabucodonosor per i suoi successi nella scienza, nell’arte e nella sapiente interpretazione dei sogni, che gli portarono fama. Nella sua vecchiaia, il Profeta si trasferì nell’antica città di Susa, dove morì e fu sepolto nel mausoleo reale.

L’Islam ha la sua versione. Il profeta Hoja Daniyar è considerato l’associato di Kusam ibn Abbas, conosciuto come il cugino del profeta Muhammad. Durante la campagna militare di Amir Temur in Asia Minore, l’esercito in arrivo non riuscì a catturare la città di Suza. I saggi locali dissero all’invasore a sorpresa che la città era protetta dai resti di San Daniele. Amir Temur andò alla tomba del santo per prendere una manciata di terra santa e portarla a Samarcanda. Tuttavia, sulla via del ritorno, una carovana di cammelli si fermò improvvisamente vicino alla città. Era un segno dall’alto e lì hanno deciso di costruire un mausoleo.

Dopo la costruzione del mausoleo, la tomba cominciò a crescere negli anni e raggiunse una lunghezza di più di 17 metri, secondo la leggenda. Il mausoleo di San Daniele a Samarcanda fu regolarmente completato e allungato, e proprio all’inizio del XX secolo, una lunga struttura rettangolare del mausoleo con una catena di cinque cupole basse fu costruita sopra la tomba del Profeta.

All’interno del mausoleo c’è una lunga dakhma in cui è sepolto il Profeta. Sul terreno del complesso del mausoleo, c’è una sorgente che è considerata curativa e sacra. Molti pellegrini bevono l’acqua di questa sorgente nella speranza di curare le loro malattie o semplicemente di essere santificati. Inoltre, un aywan (terrazza estiva) è stato costruito sul territorio del complesso per la preghiera.

Nel 2001, la città di Samarcanda e i suoi monumenti storici architettonici e archeologici, tra cui il Mausoleo e il complesso Khoja Doniyor, sono stati iscritti nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO con il nome di “Samarcanda – Crocevia di civiltà”.

Degno di essere visto
Gur Emir Mausoleum - Samarkand

Samarcanda - Mausoleo Gur Emir

Samarcanda - Mausoleo Gur Emir

L’iscrizione all’ingresso del Mausoleo Gur Emir a Samarcanda.

“Il misericordioso e onnipotente Allah ha detto: “Chiunque entri qui troverà la salvezza!
“Questo è il Paradiso che ci è stato promesso – entraci e restaci per sempre!
Allah ha detto: “Benedetto e Dio, guida i timorati di Dio nel Paradiso e nei fiumi del Paradiso, sicuri e protetti”. La verità sia su Allah Onnipotente!”.
Il Profeta disse, la pace sia su di lui, “La morte è il ponte che collega gli amici agli amici”.
“Il Profeta disse, la pace sia su di lui: felice colui che lascia il mondo prima che il mondo lasci lui; prepara la sua tomba prima che vi entri; compiace il suo Signore prima che vada da Lui”.

Gur Emir significa “tomba del re” in tagiko. Questo complesso architettonico con la sua cupola blu comprende le tombe di Amir Temur (Tamerlan), dei suoi figli Shokhrukh e Miranshah, dei nipoti Ulugbek e del sultano Muhammad.

Gur – Emir è il mausoleo del famoso comandante, sovrano e fondatore della dinastia Timurid – Amir Temur (Tamerlan) a Samarcanda (Uzbekistan).

Questo mausoleo occupa un posto importante nella storia dell’architettura islamica perché è un prototipo dei successivi mausolei dei Grandi Moghul (del Grande Impero Moghul in India), in particolare il Mausoleo di Humayun a Delhi e il Taj Mahal ad Agra, che furono costruiti dai discendenti di Temur che governarono l’India settentrionale per diversi secoli.

Una parte del complesso fu costruita alla fine del XIV secolo per ordine del sultano Maometto. Ad oggi, rimangono solo le fondamenta della madrasa e della khanaka, la porta d’ingresso e parte di uno dei quattro minareti.

La costruzione del mausoleo stesso iniziò nel 1403 dopo la morte improvvisa del sultano Muhammad, l’erede diretto di Amir Temur (Tamerlan) e il suo amato nipote. In realtà, però, solo l’altro nipote di Amir Temur (Tamerlan), Ulugbek, ha completato il mausoleo.

Durante il suo regno, il mausoleo divenne il luogo di sepoltura della famiglia della dinastia Timurid. L’ingresso dell’insieme del Sultano Maometto è riccamente decorato con mattoni intagliati e vari mosaici. La porta fu decorata artisticamente da un maestro esperto (ustad) Muhammad bin Mahmud Isfahani.

Esternamente, il mausoleo di Gur Emir è una struttura con una sola cupola. È noto per le sue forme semplici e l’aspetto monumentale. È una struttura ottagonale coronata da una cupola blu scanalata.

La decorazione esterna delle pareti consiste in piastrelle blu e bianco-blu disposte in modo tale che l’ornamentazione geometrica ed epigrafica sullo sfondo di piastrelle di terracotta può essere vista da lontano.

La cupola, di 15 metri di diametro e 12,5 metri di altezza, è dipinta in blu brillante con profondi rosoni e piastrelle bianche. Le decorazioni a coste danno alla cupola un’espressività sorprendente.

Durante il regno di Ulugbek, il passaggio fu creato per fornire un ingresso al mausoleo. All’interno del mausoleo è una camera alta e spaziosa con profonde nicchie sui lati e una varietà di decorazioni. La parte inferiore delle pareti è coperta da lastre di onice.

Ognuna di queste lastre è decorata con dipinti. Sopra il gruppo di mattoni c’è una cornice di marmo a forma di stalattite. Grandi aree delle pareti sono decorate con vari motivi; gli archi e la cupola interna sono decorati con scatole di cartapesta, dorate e decorate con vari motivi.

Le pietre tombali decorative scolpite nello spazio interno del mausoleo indicano semplicemente la posizione delle tombe reali nella cripta direttamente sotto la sala principale.

Amir Temur costruì anche una tomba per se stesso a Shakhrisabz, ma quando Amir Temur morì nel 1405 durante la sua campagna di conquista della Cina, le strade per Shakhrisabz erano coperte di neve e così fu sepolto a Samarcanda.

Durante il regno di Ulugbek, una pietra di nefrite verde scuro fu posta sulla tomba di Amir Temur. Questa pietra era anticamente utilizzata nel tempio del palazzo dell’imperatore cinese, poi come trono di Khan Kabek (discendente di Gengis Khan) a Karshi.

Nel 1740, il re di Persia – Nadir Shah – rubò la pietra, e si crede che da quel momento portò il fallimento ai suoi padroni successivi. I suoi consiglieri lo convinsero a riportare la pietra al suo posto.

La seconda volta che la pietra fu rubata avvenne nel 1941, quando gli archeologi sovietici scoprirono la camera sepolcrale. Durante questa ricerca, lo scultore Gerasimov ha restaurato i tratti del viso di Amir Temur basandosi sul suo cranio e si è anche confermato che era un gigante per il suo tempo, alto più di un metro e ottanta e paralizzato.

L’omicidio di Ulugbek e l’autenticità di altre tombe sono stati confermati. Accanto alla tomba di Amir Temur ci sono le lapidi di marmo dei suoi figli, Shokhrukh e Miran Shoh e dei suoi nipoti, Sultan Muhammad e Ulugbek.

I resti di Mir Said Baraka, il maestro spirituale di Amir Temur, sono anche in questo mausoleo. Alcuni architetti vedono il Mausoleo Gur Emir, il Mausoleo Rukhabad e il Mausoleo Aksaray come un insieme unificato di mausolei a causa della loro vicinanza.

Degno di essere visto

Samarcanda - Mausoleo Ishrat Khana

Samarcanda - Mausoleo Ishrat Khana

Il mausoleo Ishrat Khana a Samarcanda risale al regno del Temurid Abu Said (1451 – 1469), le cui rovine portano un nome un po’ inaspettato: “Ishrat Khana” – “Casa della gioia”, apparentemente a causa di un disegno architettonico molto ricco.

Ci sono leggende che collegano questa struttura a Temur, ma nel 1896 l’archeologo Vyatkin trovò un documento che afferma che una nobildonna Habiba-Sultan, moglie del sultano Temurid Ahmed Mirza, costruì un edificio a cupola sulla tomba di sua cognata, la principessa Hawend Sultan biki, figlia dell’allora sovrano Abu Said.

Questa struttura, che risale al 1464, era un mausoleo dinastico per una moglie e i figli della casa dei Temuridi. Documenti scritti del 1464 affermano che l’edificio fu commissionato dalla moglie del sultano Abu Said Habiba Sultan Begim per commemorare la sua figlia defunta, Sultan Hawend biki.

Gli scavi archeologici del 1940 hanno rivelato fino a trenta sepolture di donne e bambini. La struttura descritta rappresentava un intero complesso di edifici.

Il posto centrale era occupato dalla volta sepolcrale, che era decorata con un alto portale da ovest. Da sud, la galleria a cupola ad arco confinava con l’edificio, attraverso il quale fu stabilito un ulteriore ingresso alla tomba.

Sul lato nord c’era una moschea. Negli angoli dell’edificio c’erano stanze a volta per le persone che servivano il mausoleo. Solo le rovine di questo edificio sono sopravvissute.

Nel 1903, la cupola crollò insieme al tamburo alto in un terremoto. I lavori di restauro sono stati eseguiti negli anni ’40 per preservare il monumento. Il posto centrale era occupato dalla tomba, che era decorata con un alto portale da ovest.

Da sud, la galleria a cupola ad arco confinava con l’edificio, attraverso il quale fu stabilito un ulteriore ingresso alla tomba. Sul lato nord c’era una moschea. Negli angoli dell’edificio c’erano stanze a volta per le persone che servivano il mausoleo.

Il mausoleo di Ishrat Khana si trova a nord dell’Abdi Darun Mazar a Samarcanda. Si tratta di un edificio della seconda metà del XV secolo con un grande portale e un’alta sala centrale sulla quale si conserva ancora la cupola del XX secolo. Sotto la sala c’è una camera di sepoltura con 23 sepolture di donne e bambini.

All’interno del mausoleo sono stati utilizzati pannelli mazaici, pitture murali e soffitti. Il significato di Ishrat-khana “Casa della gioia” è quello di trasmettere l’idea della “casa eterna per la vita paradisiaca”.

Degno di essere visto
Ruhabad Mausoleum

Samarcanda - Mausoleo Ruhabad

Samarcanda - Mausoleo Ruhabad

A nord del Gur Emir Mausoleum si trova un mazar (mausoleo) costruito sulla tomba del mistico Burhaniddin Sagarji, morto nel XIV secolo. La data esatta di costruzione di questo mausoleo a Samarcanda, noto come Ruhabad (“Dimora dello Spirito”), non è stata stabilita.

Sulla base della natura dell’ornamentazione di piastrelle in rilievo intorno alla porta nord trasferita, alcuni studiosi datano questo mazar alla seconda metà del XIV secolo, mentre altri ritengono che sia stato costruito da Temur negli anni ’80 del XIV secolo.

Edificio monumentale in mattoni con una cupola con una composizione centrale: un cubo, ottagono con finestre sugli assi principali, cupola sferica. La facciata principale è evidenziata da ingressi ad arco incorniciati da piastrelle di terracotta intagliata.

Nel 1952, delle travi ad anello furono collocate qui per rafforzare il Mausoleo di Ruhabad e il soffitto fu riparato. I figli dello sceicco Abu Sa’id, dello sceicco Isom al-Din e di altri membri della famiglia Sagarji, specialmente la “principessa cinese” della moglie dello sceicco Sagarji, sono sepolti lì.

Abu Sa’id, Sheikhhzoda Isom al-Din era (secondo il viaggiatore arabo Ibn Batuta) lo sceicco (capo) centroasiatico dei musulmani a Pechino. Quando morì, suo figlio lo portò a Samarcanda e, secondo la volontà del padre, fu sepolto vicino alla tomba dello sceicco di Samarcanda Sheikh Basir.

Secondo una leggenda, c’è un nascondiglio con sette capelli del profeta Maometto sotto la cupola del mausoleo. Accanto al Mausoleo di Ruhabad a Samarcanda si trova una moschea estiva la cui decorazione è stata influenzata dalle tradizioni del Turkestan orientale o cinese.

Degno di essere visto
Mausoleum Shaybanids

Samarcanda - Mausoleo Shaybanid

Samarcanda - Mausoleo Shaybanid

A est della madrasa Tilla-Kari a Samarcanda si trova il mausoleo Shaybanid, una pila di pietre tombali, la più antica delle quali risale al XVI secolo. Il fondatore della dinastia Shaybanid fu il nipote di Abul Khair, Muhammad Shaybani, che si stabilì a Tashkent nel 1500 con il supporto del Chagatai Khanate, conquistò Samarcanda e Bukhara e rovesciò gli ultimi governanti della dinastia Timurid che vi regnavano. Shaybani si rivoltò poi contro i suoi sostenitori e conquistò Tashkent nel 1503. Nel 1506 catturò Khiva e nel 1507 attaccò Merv (Turkmenistan), la Persia orientale e l’Afghanistan occidentale. Gli Shaybanidi impedirono l’attacco dei Safavidi, che conquistarono Akkoyunlu (Iran) nel 1502. Lo scià persiano Ismail I della dinastia safavide era allarmato dal successo di Shaybani Khan. Si sono confrontati non solo con interessi politici, ma anche con la politica religiosa. Il fatto è che Shah Ismail dichiarò lo sciismo come ideologia di stato e Shaybani-Khan difese il sunnismo. Nel dicembre 1510 nella battaglia di Merv, in attesa di 30.000 rinforzi, Muhammad Shaybani-Khan uscì dalla città con l’esercito di 5.000 uomini e subì un’imboscata. Fu circondato dall’esercito di 17.000 uomini di Shah Ismail e fu sconfitto nonostante l’ostinata resistenza. Il corpo decapitato di Shaybani-Khan fu sepolto a Samarcanda, la capitale del suo impero. Oggi, la lapide di Shaybani-Khan è esposta nel Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo.

Il mausoleo Shaybanid di Samarcanda fu distrutto dalle forze di occupazione (della Russia zarista) negli anni 1870. Dopo la morte di Shaybani-Khan, rimase il suo unico figlio, Muhammad Temur Sultan (morto nel 1514). Dalla sorella (Khanzad) del fondatore del grande impero Mughal Babur, Shaybani Khan ebbe un figlio, Khurram, che però morì qualche tempo dopo la morte del padre. Nella primavera del 1511, suo zio Kuchkundzhi Khan (1511-1530) fu eletto Khan di tutti gli Uzbeki. Era il figlio di Abulkhayir-Khan (1428-1468) e della figlia di Mirzo Ulugbek (1409-1449) Rabiya Sultan Begim (morto nel 1485, sepolto in Turkestan). Va notato, tuttavia, che il vero potere nel paese apparteneva a Ubaidullah Khan, che riuscì a sconfiggere i Safavidi e ad ottenere l’indipendenza dall’Iran. Grazie a questo, la popolazione ha mantenuto la sua fede sunnita. Sotto il dominio di Kuchkundzhi Khan, Samarcanda rimase la capitale dell’Impero Shaybanide.  L’invasione uzbeka nel XVI secolo fu la tappa finale della storia popolare della moderna nazione uzbeka.

Degno di essere visto
Bibi Khanum

Samarcanda - Moschea Bibi Khanum

Samarcanda - Moschea Bibi Khanum

Dei grandi edifici di quel periodo, solo quattro sono sopravvissuti: i resti del palazzo Ak-Saray e la tomba di Amir Temur, il mausoleo del complesso Dorusiadat a Shakhrisabz, il mausoleo mistico dell’Hoja Sufi Ahmad Yassawi nel Turkestan e le rovine di una moschea Jome nell’allora capitale Samarcanda, che era conosciuta come la moschea Bibi-Khanum e doveva diventare la più grande moschea dell’Oriente musulmano.

Dalla collina Afrosiab, al viaggiatore si presenta il panorama di una città antica con un enorme bazar, dietro il quale si trova la struttura del XIV-XV secolo – la Moschea Bibi Khanum di Samarcanda. La Moschea Jome occupava un posto speciale nella vita della città medievale. Era un edificio di grande importanza pubblica, che incarnava il potere feudale dello stato e della religione.

La Moschea Bibi Khanum (Bibi Khanum tradotto come “Moglie più anziana”, secondo una delle leggende fu costruita dalla moglie più anziana di Temur, Saray Mulk Khanum) era chiamata diversamente – Moschea del venerdì di Samarcanda, dove venivano migliaia di musulmani maschi. In realtà, la moschea fu costruita nel 1399-1404 su ordine di Amir Temur dopo il suo ritorno dalla campagna indiana. Era un’epoca in cui l’architettura dell’Asia centrale stava sviluppando uno stile architettonico monumentale di facciata, le cui direzioni corrispondono alla famosa affermazione di Amir Temur: “Se dubiti del nostro potere, guarda i nostri edifici”. La moschea è stata costruita in poco tempo, cinque anni. Talenti locali e scalpellini dell’Azerbaigian, della Persia, del Khorasan e dell’India hanno partecipato alla costruzione. Per facilitare il lavoro pesante, sono stati utilizzati 99 elefanti provenienti dall’India.

Fino ad oggi, si sono conservate 5 strutture: un portale; di fronte, nella profondità di un cortile, grandi moschee; ai lati – piccole moschee; un minareto. L’enorme lavoro di storici, archeologi e storici dell’arte ci dà la possibilità di presentare l’aspetto originale della moschea. Una delle caratteristiche degli insiemi architettonici di questo periodo è l’enorme dimensione e proporzionalità, la proporzionalità delle parti compositive dell’insieme, di cui un bell’esempio è Bibi-Khanum.

È una struttura grandiosa che occupa l’area di un portale slanciato alto 167 x 109 m, alto 36 m e largo 46 m, un ampio cortile 54 x 76 m, una monumentale moschea principale che si erge sull’asse centrale del complesso. L’altezza e la larghezza della sala principale della moschea è di 41 m. Con una campata del portale di 18 m. Il cortile interno era delimitato da una galleria con 480 colonne e pilastri di marmo e piccole moschee di colore chiaro. Gli edifici erano costruiti con mattoni 27x27x5 cm su una ganche. L’entrata della moschea era decorata con due porte a sette ante in lega, lastre di marmo intagliate e i più ricchi ornamenti.

Al centro del cortile si trova ancora un leggio di marmo fatto per il Santo Corano in dimensioni gigantesche da Ulugbek. Ai bordi del cortile c’erano dei minareti, a proposito dei quali uno degli storici di Temur scrisse: “Il minareto alzava il suo capitello al cielo e gridava: “In verità, le nostre azioni ci indicano”. Sulla cupola della moschea era scritto già allora: “La sua cupola sarebbe l’unica se la Via Lattea non facesse coppia con essa”.

È da notare che la cupola della moschea, che poteva essere vista per molti chilometri dall’entrata principale quando ci si avvicina a Samarcanda, non è visibile perché l’altezza della cupola corrispondeva all’altezza del portale.

La costruzione della grande moschea è in tecnica maiolica in combinazione con mattoni non rigidi e intagliati, mosaico incastonato decorato con i migliori ornamenti vegetali, geometrici ed epigrafici. L’interno della moschea era decorato con dipinti in gesso sulle pareti e cartapesta dorata all’interno della cupola. La decorazione esterna delle piccole moschee è inferiore a quella della grande moschea. Si tratta di una tecnica architettonica il cui scopo è quello di sottolineare l’importanza dominante dell’edificio principale.

La decorazione dell’edificio ha concentrato tutto il meglio che i maestri hanno raggiunto fino all’inizio del XV secolo: Maiolica e mosaici intagliati, marmo intagliato, legno intagliato, pittura sull’intonaco e decorazione in cartapesta. Questa fu una nuova tappa nello sviluppo delle moschee tradizionali medievali. L’innovazione dei costruttori si riflette anche nella ricerca della massima estetica della forma. Un numero sorprendente di cose – doppie, sollevate sui tamburi delle cupole, picchi acuti dei minareti, alti portali, torri, eleganti colonne di marmo della galleria con un soffitto a volta. C’è un’introduzione delle verticali come elemento più importante dell’architettura.

La moschea Bibi Khanum di Samarcanda è stata costruita su larga scala, ma senza tener conto dei terremoti con un tale aumento di dimensioni. Nonostante le profonde fondamenta di pietra rotta, enormi masse di mattoni nei muri, il cui spessore raggiunge i cinque metri, cominciarono a cadere pietre sui fedeli dalla cupola incrinata già durante la vita di Timur.

A est della moschea, sul lato opposto della strada, si trova un monumento originale – un mausoleo a colonne ottaedriche Bibi Khanum con una tomba. Questo edificio non ha una facciata principale; probabilmente era attaccato alla Bibi Khanum Madrasa.

La decorazione del mausoleo mostra che la sua costruzione è contemporanea alla moschea. Ci sono sarcofagi di marmo in una spaziosa cripta sul pavimento. Quando fu aperto nel 1941, furono trovati i resti di altre due donne di mezza età in abiti ricchi. È possibile che uno di loro fosse il Sarai Mul Khanim. Una leggenda poetica sulla costruzione della Moschea Bibi Khanum è sopravvissuta fino ad oggi.

La bella Bibi-Khanum, moglie di Timur, doveva sorprendere e deliziare suo marito. Quando il sovrano era assente durante una delle tante campagne militari, chiamò a palazzo i migliori costruttori e maestri di Samarcanda e offrì loro di costruire la struttura. Il lavoro iniziò immediatamente. I muri sono cresciuti rapidamente.

Nel frattempo, la notizia dell’imminente ritorno di Timur raggiunse Samarcanda. Bibi Khanum ha continuato a esagerare. Allora il capomastro pose la condizione: “La moschea sarà costruita in tempo, ma… lei, Sua Maestà, mi darà un bacio”.
Il sovrano era indignato: “Ti darò uno dei miei schiavi a tua scelta. Perché guardi solo me? Guarda le uova dipinte, sono di colori diversi e non si assomigliano affatto, ma quando le rompi, differiscono in qualche modo? Noi donne siamo così”.

Ma il costruttore ha insistito: “Lascia che ti risponda. Ecco due bicchieri identici. Una la riempio con acqua chiara, l’altra con vino bianco. E ora si assomigliano, ma se li tocco con le labbra, uno mi brucia con fuoco liquido e l’altro non lo sento. È l’amore”.

Temur si stava avvicinando a Samarcanda. La rabbia di Bibi Khanum non aveva limiti. Per così tanto tempo, la tanto amata sorpresa del sovrano è stata in pericolo. Inoltre, come dice la leggenda, il costruttore era giovane e bello. E lei era d’accordo. All’ultimo momento ha cercato di coprirsi con il palmo della mano. Ma il bacio fu così appassionato che il suo calore penetrò nella mano della bella e le lasciò un segno rosso fuoco sulla guancia.

Solo pochi giorni dopo, Temur era arrivato in città. Cupole e minareti si alzavano davanti ai suoi occhi, stupendolo con il loro splendore. Ma la sua gioia fu oscurata. Quando vide il segno del bacio sul viso di Bibi Khanum, andò su tutte le furie. Bibi Khanum ha confessato tutto. Su ordine di “Iron Lame”, le guardie si precipitarono a cercare l’architetto. In fuga dalle persecuzioni, lui e il suo discepolo salirono sul minareto della moschea.

E mentre le guardie correvano su per gli innumerevoli gradini dietro di loro, trovarono solo un discepolo. “Dov’è il mastro costruttore?” – chiesero. – “Il maestro si fece le ali e volò a Meshhed”, rispose. Questa è una leggenda.

All’inizio del XX secolo, la Moschea Bibi Khanum era una distruzione e una rovina maestosa, il tempo era duro per la Moschea del Venerdì. Ma anche queste rovine lasciano un’impressione indelebile. Dagli anni ’60 ad oggi, a seguito di restauri e lavori grandiosi, sono state costruite le cupole interne ed esterne, è stata rinforzata la volta del portale e la base delle mura, sono stati restaurati gli interni delle piccole moschee e sono stati creati minareti. Il lavoro è in corso. La Moschea Bibi Khanum è un capolavoro immortale dell’architettura dell’Oriente musulmano.

Degno di essere visto

Samarcanda - Moschea Hazrat Khizr

Samarcanda - Moschea Hazrat Khizr

La moschea Hazrat Khizr di Samarcanda è menzionata per la prima volta al tempo della conquista araba di Sogd (inizio VIII secolo). Secondo la leggenda, dopo la presa di Samarcanda da parte delle truppe di Kutyiba nel 712, gli arabi tentarono di inondare la fortezza della città (Kala) bloccando il canale Arzis con una diga. Tuttavia, un enorme uccello bianco scese dal cielo e distrusse la diga. Per commemorare questo evento, uno dei confidenti di Qutaiba ibn Muslim, Muhammad ibn Vasi, costruì la moschea Hazrat Khizr sul sito del tempio zoroastriano venerato dai Sogdi sulla punta meridionale di Afrasiab. La moschea fu completamente distrutta nel 1220 durante la conquista mongola.

L’attuale moschea è stata costruita su una vecchia fondazione nel 1854. Nel 1884, l’edificio fu ampliato e ricostruito. Nel 1899, l’Aywan (terrazza estiva) della moschea fu ricostruita e fu aggiunta la Darvazahana (porta d’ingresso). Il lavoro fu completato nel 1919 quando il portale d’ingresso e il minareto orientale furono costruiti dal famoso maestro di Samarcanda Abduqadir bin Baqi (Abduqadir Baqiyev) e la Darvazahana (porta d’ingresso) fu coperta con una cupola a coste.

La moschea Hazrat Khizr di Samarcanda è un esempio eccezionale dell’architettura tradizionale della scuola di Samarcanda. È una struttura rettangolare di 30×16 metri. La composizione della moschea è asimmetrica. I suoi elementi principali sono una khanaqa invernale coperta da una cupola e un ayvan (terrazza estiva) su pilastri. Nella parte centrale del suo lato ovest si trova un mihrab con hujras su entrambi i lati. Sul lato della moschea c’è un ingresso quadrato con una cupola a coste su un tamburo sfaccettato (darvazahana) e un portale fiancheggiato da torri guldasta con una porta di legno intagliato del XIX secolo. Separato dall’edificio è un elegante minareto orientale. Sul lato ovest della facciata della moschea c’è una torre guldasta che bilancia il minareto. La moschea è decorata con dipinti sul soffitto, kirma su pannelli, ganch intagliato in ornamenti e medaglioni, ganch fusi in cornici e cornici di stalattiti.

Degno di essere visto

Samarcanda - Osservatorio Ulugbek

Samarcanda - Osservatorio Ulugbek

Un sito adatto è stato selezionato nel nord-est di Samarcanda per la costruzione di un osservatorio. Attraverso la selezione di famosi astrologi, è stata determinata una stella fortunata appropriata per l’Osservatorio di Ulugbek a Samarcanda.

La struttura è stata costruita solida come le fondamenta del potere e il fondamento della grandezza. Le fondamenta furono rafforzate e i pilastri eretti assomigliavano alle fondamenta delle montagne, che erano assicurate contro la caduta e protette contro lo spostamento fino al giorno del terribile giudizio.

Il concetto dei nove cieli e l’immagine dei sette cerchi celesti con gradi, minuti, secondi e decimi di secondo, l’arco celeste con i cerchi dei sette corpi celesti in movimento, le immagini delle stelle in movimento, i climi, le montagne, i mari, i deserti e tutto ciò che li riguarda sono stati raffigurati nei deliziosi disegni e rappresentazioni dell’incomparabile interno dei locali dell’edificio elevato.

Così lo storico Abd al-Razzaq scrisse di questo osservatorio nel 1428-1429. L’osservatorio era dotato dei migliori e più perfetti strumenti dell’epoca.

Era un enorme edificio a tre piani di forma cilindrica con un diametro di circa 50 metri e un tetto piatto, che ospitava alcuni strumenti astronomici.

La pianta dell’edificio era abbastanza complessa: c’erano grandi sale, stanze, corridoi, corridoi che collegavano queste stanze, ecc. Al centro dell’osservatorio c’era lo strumento principale – un grandioso sestante di marmo (forse un quadrante) con un raggio di 40,2 metri, montato nel piano del meridiano.

Solo la parte inferiore dell’arco dello strumento, divisa in gradi, è rimasta. Lo strumento è installato in una trincea tagliata nella roccia, larga circa 2 metri e profonda 11 metri. Una parte è stata sollevata dalla superficie del terreno.

Consisteva in due archi di pietra paralleli rivestiti con lastre di marmo di curvatura appropriata. L’Osservatorio di Ulugbek a Samarcanda ha determinato i valori costanti più importanti dell’astronomia: inclinazioni dell’eclittica, punti di equinozio, durata dell’anno stellare e altri valori derivati dalle osservazioni del Sole, dei pianeti e della Luna.

Molto probabilmente, Ulugbek fece osservazioni di stelle con piccole sfere armillari che non sono sopravvissute. Le enormi dimensioni del sestante, il successo della costruzione e l’insuperabile abilità degli astronomi di Samarcanda assicurarono che le osservazioni fossero molto accurate.

Per esempio, la durata annuale stellare di Ulugbeg è stata determinata in 365 giorni 6 ore 10 minuti 8 secondi. Il valore reale è 365 giorni 6 ore 9 minuti 6 secondi, cioè Ulugbek ha sbagliato di soli 62 secondi o 0,0002%!

L’opera più importante dell’osservatorio, le cosiddette Nuove Tavole Astronomiche (Sidge e Jedi e Guragoni), contiene una panoramica teorica dell’astronomia e un catalogo delle posizioni di 1018 stelle (pubblicato a Oxford nel 1665).

Tra le molte osservazioni di Ulugbeg, la tabella delle coordinate geografiche di 683 diversi insediamenti nel mondo è di grande interesse.

Dopo l’assassinio di Ulugbek, l’osservatorio di Samarcanda, incarnazione del suo governo e della sua illuminazione, fu spietatamente distrutto da fanatici religiosi. Già nel XVI secolo, si trasformò completamente in un cumulo di macerie. Per molto tempo, la posizione esatta dell’osservatorio è rimasta sconosciuta.

Fu solo nel 1908 che Vyatkin riuscì a trovare i suoi resti grazie a un documento del XVII secolo che dava alcuni indizi sull’ubicazione dell’osservatorio. Durante questi scavi, sono state trovate tracce di un muro rotondo in un mattone e parte dell’attrezzo principale.

Non sono stati trovati altri strumenti astronomici. Nel 1915, un soffitto a volta fu costruito sopra la trincea scavata con parte del sestante per preservare i reperti. Lo studio dell’osservatorio non ha avuto molta copertura fino al periodo sovietico.

Come risultato dello scavo di Sukharev nel 1941 e soprattutto dello scavo di Shishkin nel 1948, è diventato accessibile al pubblico ciò che è rimasto dell’osservatorio arabo un tempo famoso.

Il poeta Alisher Navoi ha scritto di Ulugbek:
“Tutti i suoi simili sono caduti nell’oblio; chi si ricorda di loro oggi?
Ma lui, Ulugbeg, ha raggiunto le scienze e ha ottenuto molto”.

Accanto ai resti dell’osservatorio c’è un piccolo museo con estratti delle famose “tavolette Gurgan” – tavolette con informazioni sulle stelle che Ulugbek e i suoi compagni d’armi hanno promosso, incisioni che testimoniano l’alta autorità di Ulugbek tra gli scienziati europei, una piccola collezione di strumenti astronomici dove si può imparare di più su Ulugbek e sui metodi scientifici che usava.

Degno di essere visto
Registan

Samarcanda - Piazza Registan

Samarcanda - Piazza Registan

Piazza Registan significa “piazza di sabbia”. Piazza Registan è un centro amministrativo, commerciale e artigianale della città in Oriente. La Piazza Registan a Samarcanda è uno degli esempi eccezionali di pianificazione urbana in Asia centrale, che è stata costruita tra i secoli XV e XVII e consiste di tre madrase – Ulugbek Medresse (1417-1420), Sher-Dor Medresse (1619-1636) e Tilla-Kari Medresse (1647-1660). Con la piazza del Registan, si possono “girare le pagine” di Samarcanda di diverse migliaia di anni di storia. Tutta la storia della città medievale si riflette anche qui. Sul lato nord-est si trova il mercato di Chorsu, costruito nel XVIII secolo.

Mercato di Chorsu costruito nel secolo scorso. Si dice che tutte le strade portano a Roma. Non c’è dubbio che tutte le strade da Samarcanda portano al Registan. Sei strade radiali convergevano verso la piazza, alla cui intersezione fu costruito il bazar Telpak-Furushon all’inizio del XV secolo. Sul lato nord della piazza, un caravanserraglio che porta il suo nome fu costruito da Ulugbek. Tutte le strade che la costeggiano erano piene di piccoli laboratori e panchine. Quattro anni dopo la costruzione del caravanserraglio, Ulugbek costruì un khanaka sul sito dove ora si trova Sher-Dor Medresse. Pertanto, il mercato doveva essere smantellato. Chiunque entri in questa piazza è in uno stato d’animo speciale: sembra che secoli dopo il clamore degli artigiani, il fruscio del bazar d’Oriente, le voci degli araldi che annunciano i decreti dei governanti vengano qui… Ai tempi dell’Amir Timur, il Registan era il principale mercato della città. Durante il regno di Mirzo Ulugbek, assume un carattere sfarzoso e ufficiale. Ma il Registan non ha perso l’importanza di essere il centro della vita pubblica, del commercio e delle attività artigianali della città fino ad oggi. Risultati eccezionali del pensiero artistico del XV secolo sono i complessi architettonici. Il compito urbanistico più importante al momento è la progettazione architettonica della piazza del Registan.

Degno di essere visto
Tilla Kori - Samarkand

Samarcanda - Tilla Kori Madrasa

Samarcanda - Tilla Kori Madrasa

La Madrasa Tilla Kori è stata costruita a Samarcanda, nella parte nord della piazza, dieci anni dopo la Madrasa Sherdor, sul sito del caravanserraglio del 1420. La facciata principale della piazza rispetto all’edificio è simmetrica e consiste in un portale centrale e in ali anteriori a due piani con nicchie ad arco e torri angolari. L’ampio cortile è costruito intorno al perimetro con piccole celle residenziali, hudjras. Sul lato occidentale del cortile c’è un edificio dominato da una moschea con due gallerie adiacenti su pilastri.

L’edificio della madrasa è riccamente decorato con mosaici e maioliche con ornamenti geometrici e vegetali. La decorazione interna è riccamente dorata, il che ha dato alla madrasa il suo nome, che significa “ornata d’oro”. Nel mihrab e nel minbar dorati della moschea, la superficie delle pareti e delle volte è coperta di kundal dipinto con ricco oro.

Nel corso della sua storia, la Madrasa Tilla Kori non era solo un’istituzione educativa per gli studenti di Samarcanda, ma serviva anche come moschea jome.

Degno di essere visto

Shahrisabz - Bagno

Shahrisabz - Bagno

Il bagno di Shahrisabz è considerato il più antico, più vecchio dei bagni di Bukhara e Samarcanda. La cosa interessante è che questo bagno a Shahrisabz è ancora in uso, anche se è stato costruito a metà del XV secolo.  La costruzione del bagno è rettangolare e inizia nella parte superiore con un guardaroba per gli indumenti esterni. Poi, lungo il bagno, con una superficie totale di 22,5 x 15 metri, ci sono 4 stanze e la stanza centrale continua non solo davanti ma anche lungo i suoi 2 lati – due stanze davanti e una a sinistra, un’altra a destra. Tutte le stanze tranne la prima sono stanze da bagno, solo questa prima stanza è visibile da terra, le altre sono visibili solo con le loro cupole, infatti sono scavate nel terreno per risparmiare calore e calore. Nella sala da bagno centrale, la più grande, la gente prendeva l’acqua fredda, calda o tiepida dai recipienti di fronte alle finestre in bacinelle di rame e poi cambiava in stanze diverse, alcuni di loro preferivano le stanze più calde, altri quelle più fresche. Lì si lavavano, si sciacquavano, si massaggiavano o si facevano coccolare da assistenti ai bagni. L’acqua veniva fornita ai serbatoi da una gru che attingeva acqua dal pozzo.

Le pareti e le volte delle terme erano spessissimo ricoperte di malta di calce, che aveva proprietà idrorepellenti, e consisteva di mattoni quadrati cotti. Il pavimento era di marmo e sotto c’era una fitta rete di condotti di riscaldamento fatti dello stesso mattone, fino a mezzo metro in diagonale.

Degno di essere visto

Shahrisabz - Bazar Chorsu

Shahrisabz - Bazar Chorsu

In un centro commerciale e artigianale come Shahrisabz, furono costruiti molti edifici commerciali, ma solo uno di essi, il bazar coperto Chorsu, costruito nel 1602, è sopravvissuto fino ad oggi.

Il termine “Chorsu” significa “quattro ruscelli”; era usato per riferirsi a un edificio bazar costruito all’incrocio delle strade principali del mercato. Si trova nel centro della città all’incrocio tra la vecchia strada che iniziava alla porta meridionale della città – Charimgar, che sotto Temur era chiamata la Porta di Termez – e la strada che attraversava Shahrisabz da est a ovest.

C’era un bazar e un bagno che funziona ancora oggi. Non è stato possibile trovare un posto più adatto per la costruzione della sala del mercato. Con la sua somiglianza esterna alle cupole commerciali medievali di Bukhara e Samarcanda, il bazar coperto Chorsu di Shahrisabz differisce nel suo aspetto originale.

Il bazar è un edificio centrale con un diametro di 21 metri. Quattro portali con aperture ad arco d’ingresso allineate con le direzioni cardinali conducono all’interno alla sala centrale.

Si tratta di un’area quadrata abbastanza estesa con angoli in pendenza. Da esso, i corridoi conducono a otto piccole sale d’angolo. La sala centrale è coperta da una cupola sferica su vele ad arco e le piccole stanze d’angolo hanno piccole cupole.

I costruttori non hanno decorato il bazar coperto con mosaici o maioliche. Tuttavia, l’eccellente muratura delle vele a spina di pesce a forma di scudo ha uno scopo estetico oltre che funzionale.

Ognuno dei negozi di Chorsu serviva a vendere un particolare tipo di merce – ceramiche, ricami a mano per i quali gli artigiani di Kashkadarya sono ancora famosi, tessuti importati e locali, tappeti e altri prodotti.

Degno di essere visto
Complex Chubin in Shakhrisabz

Shahrisabz - Complesso Chubin

Shahrisabz - Complesso Chubin

Il complesso architettonico Chubin si trova a nord-est della città di Shahrisabz, nel mahalla dello stesso nome. Non ci sono dati storici o letterari sulla costruzione del complesso. Il nome “Chubin” si riferisce molto probabilmente all’antica sede di una comunità di lavoratori del legno.

Il monumento è un complesso composto da membra funzionalmente interdipendenti – moschea, hujra che forma un cortile interno, e darwosachona. Il piano dell’edificio del complesso della moschea principale è elaborato su due assi simultanei.

Il centro compositivo dell’edificio è la sala quadrata, coperta da una cupola. Sull’asse ovest-est si trova una profonda nicchia semi-ottaedrica che serve come mekhrab e punto focale dell’interno.

Sullo stesso asse, a est dell’entrata della moschea, si trova una nicchia di portale semi-ottaedrale. Sull’asse nord-sud si trovano due sale a cupola collegate alla sala principale da aperture a basso livello e ingressi a portale che si affacciano sulle facciate esterne.

Le sale sono affiancate da stanze simmetriche a volta che si affacciano anche sulle facciate esterne e hanno nicchie ad arco. Le stanze d’angolo sono piene di enfilades a volta di due stanze ciascuna. Le facciate esterne di queste stanze hanno anche nicchie ad arco.

Nelle enfilades occidentali ci sono ulteriori passaggi dalla sala principale sotto forma di corridoi. Così, la concezione planimetrica dell’edificio conservava caratteristiche convenzionali adottate dalla soluzione composita di monumenti simili dei secoli XIV – XV.

Le facciate dell’edificio hanno una simmetria convenzionale. L’asse di simmetria delle tre facciate, nord, est e sud, è sottolineato da portali. I livelli dei piloni sono trasformati in piccole nicchie dai pilastri.

Nelle nicchie sono disposti archi con una pianta quadrangolare. La pianta del monumento può essere descritta come centrale, con enfasi sulla facciata principale rivolta verso il cortile. La composizione strutturale-spaziale del Complesso Chubin si riferisce funzionalmente al tipo architettonico di Khonaqo e gioca un ruolo speciale nella struttura urbana di Shahrisabz, con un posto nel sistema dei punti focali architettonici della città storica.

Degno di essere visto

Shahrisabz - Complesso Dorus Saodat

Shahrisabz - Complesso Dorus Saodat

Nel 1380, contemporaneamente alla costruzione del Palazzo Ak-Saray, a Shahrisabz iniziò la costruzione di un altro complesso monumentale conosciuto come Dorus-Saodat. Dell’insieme Dorus-Saodat, rimangono ancora oggi il mausoleo Jahongir e la tomba di Amir Temur, dove non fu mai sepolto. La ragione della costruzione del complesso commemorativo fu un triste evento – nel 1376, il figlio maggiore di Temur, Jahongir, che il sovrano amava molto e che stava preparando come suo erede, morì inaspettatamente nel suo ventiduesimo anno. Il popolo di Samarcanda piange la morte inaspettata dell’erede al trono, “il bel principe, il valoroso soldato, balenato sulla terra come una rosa”. Il principe stesso cadde in una profonda depressione.

Il corpo di Jahongir, morto a Samarcanda, fu trasportato nella casa ancestrale a Shahrisabz, dove fu sepolto in un cimitero ereditario nella zona dell’antica Shahrisabz Shahristan. Amir Temur ha probabilmente pensato di costruire qui il mausoleo per sé e per i suoi discendenti in quel momento. Tuttavia, solo quattro anni più tardi, dopo la conclusione della campagna di Khoresm, iniziò la costruzione del complesso funerario. Un mausoleo fu costruito sopra la tomba del principe e vi fu attaccata una medrese, che divenne il nucleo filosofico e spirituale dell’intero complesso. Alcuni ricercatori hanno interpretato il nome del complesso come “lezioni di potere” in arabo. Secondo lo storico arabo Malikho, la madrasa non sopravvisse. Fu distrutta nel XVII secolo per ordine di Abdullakhan.

Gli scavi archeologici sul sito del complesso Dorus Saodat hanno rivelato che Ziyaratkhona – una sala commemorativa – confinava con il mausoleo di Jahongir da est. A sud del mausoleo, è stata trovata la nicchia del portale della madrasa con una luce tra i pilastri di più di 20 metri. Dal portale, un corridoio portava nel cortile della medrese con i resti delle mura delle hujshras. Di fronte al cortile c’erano profondi aiwan dotati di sufas. Le lastre di pietra che pavimentavano nicchie di aiwans e un portale sono state conservate. La madrasa Dorus-Saodat non era originariamente destinata all’istruzione ma a funzioni cultuali-memoriali. Gli appezzamenti di terreno, i manieri e i giardini fiorenti furono assegnati al waqf della madrasa, i cui proventi furono utilizzati per mantenere la tomba della dinastia. Secondo Ruy González de Clavijo, la medrese e il mausoleo di Jahongir erano riccamente decorati con oro, azzurro e piastrelle. Anche il giardino con i bacini d’acqua è stato sistemato qui. Nel 1394, durante l’assedio di una fortezza curda in Iran, il secondo figlio di Amir Temur, il ventinovenne Umarshikh, fu ucciso. Anche il suo corpo fu portato a Shahrisabz e sepolto a Dorus-Saodat. Ogni giorno, per ordine di Temur, venti montoni bolliti venivano portati nella madrasa per commemorare le anime dei suoi figli che vi erano sepolti.

Amir Temur ordinò la costruzione di una tomba per sé, ma rimase incompiuta. Nel 1404, lo ispezionò e rimase insoddisfatto, dicendo che l’ingresso in esso era basso e ordinò di cambiarlo. Il mausoleo destinato ad Amir Temur non si è conservato, ma attraverso documenti storici e come risultato di ricerche archeologiche nella zona del complesso Dorus Saodat, è stata trovata la tomba di Amir Temur. È uno degli edifici più notevoli, maestosi e magnifici dell’epoca di Amir Temur. Secondo le descrizioni dei contemporanei, il lusso scintillante dei locali in superficie della Ziyaratkhona contrastava con l’ascetismo della cripta sotterranea. Dopo aver sceso le ripide scale dal lato sud della tomba, ci si trova in una piccola stanza di meno di 40 metri quadrati. Le pareti, i pavimenti, la cupola e gli archi che la sostengono sono fatti di blocchi di marmo grigio chiaro. Al centro c’è un sarcofago di marmo incastonato nel pavimento, coperto da un’enorme lastra monolitica di marmo di 11 centimetri di spessore con cinque anelli di ferro agli angoli e al centro. Sulle pareti, in volte e medaglioni, ci sono le sure del Corano e iscrizioni nella calligrafia di Sülüs che recitano: “Il dominio appartiene ad Allah. Solo Allah è eterno”, “Il bene è nella mano di Allah ed Egli è potente in ogni cosa”. Il destino decise a sua discrezione e il luogo di sepoltura di Sahibkiran divenne Gur-Emir a Samarcanda.

Il complesso Dorus Saodat è uno degli insiemi architettonici più romantici e misteriosi di Shahrisabz.

Degno di essere visto

Shahrisabz - Cripta di Amir Temur

Shahrisabz - Cripta di Amir Temur

Dietro il complesso Dorus Saodat a Shahrisabz si trova una cripta di Amir Temur, che gli esperti credono che il grande capo dell’esercito abbia preparato per se stesso. Il monumento è una costruzione architettonica unica. Non esiste un tipo di cripta simile in tutto il Vicino e Medio Oriente.

La cripta è stata trovata dagli archeologi a metà del XX secolo. Questa struttura sotterranea ha una pianta cruciforme ed è ricoperta di marmo con iscrizioni scolpite. Le fondamenta scavate mostrano che c’era un mausoleo con una moschea funeraria sopra la cripta.

Sulle pareti e sugli archi della cripta ci sono iscrizioni che dicono: “La sovranità appartiene ad Allah. Solo Allah è eterno”, “Il bene è nelle mani di Allah ed Egli è potente in ogni cosa”. La prima conoscenza del testo delle iscrizioni fu fatta da Y. Più tardi, nel 1942, il monumento divenne oggetto di ricerche da parte di M.E. Masson e G.A. Pugachenkova. Secondo loro, la cripta è destinata a una sola sepoltura, il che influisce sulla sua austera solidità e sulle sue straordinarie dimensioni.

Al centro della volta c’è un sarcofago di marmo coperto da una spessa lastra monolitica di più di 10 cm di spessore. Agli angoli e al centro della lastra ci sono anelli d’acciaio progettati per la sua installazione. Sulla lastra sono state incise delle iscrizioni che consistono in messaggi a Temur e che si riferiscono alla sua vita.

La vita di Amir Temur fu interrotta nel 1405 durante la sua campagna in Cina. Amir Temur non fu mai sepolto a Shahrisabz nella cripta a lui destinata, ma fu sepolto a Samarcanda nel Gur Emir Mausoleum.

Degno di essere visto

Shahrisabz - Ensemble Dorut Tilovat

Shahrisabz - Ensemble Dorut Tilovat

Ensemble Dorut Tilovat a Shahrisabz consiste in tre strutture sopravvissute sulla vecchia necropoli della nobiltà di Barlas: due mausolei di Hazrati Sheikh (Shamsiddin Kulol) e Gumbazi Sayidon e la moschea Kok Gumbaz Jome.

Sono tutti i resti di un antico insieme di edifici che una volta erano uniti nel medrese Dorut-Tilovat (Casa della Riflessione). La struttura più antica è il mausoleo di Shamsiddin Kulol, il consigliere spirituale di Amir Temur e di suo padre Amir Taraghai.

Shamsiddin Kulol (o Amiri Kalon – “Grande Emiro”) è conosciuto nel mondo musulmano come il maestro dello sceicco Bahauddin Naqshbandi di Bukhara, al quale insegnò lo “Zikr segreto” insegnando: “Le buone azioni si trovano solo in un’assemblea di persone e una società di persone consiste nella comunione reciproca basata sulla condizione di non fare gli uni agli altri ciò che è proibito. E se la società delle persone che camminano sul nostro cammino verso Dio ha questa unità, questo è il loro benessere e la loro felicità”.

Lo sceicco morì nel 1370 e la sua tomba fu circondata da grande riverenza e culto. Il complesso memoriale Dorut-Tilovat (“Luogo di Recitazione del Santo Corano” o “Casa di Riflessione”) fu stabilito nel 1370 – 1371 dopo la morte di Shamsiddin Kulol, l’eminente figura religiosa, il fondatore del sufismo, il consigliere spirituale dell’emiro Taraghai e dello stesso Amir Temur, e il maestro di Bahauddin Naqshbandi.

La sua tomba divenne immediatamente un luogo di venerazione per i suoi numerosi seguaci. Accanto alla tomba dello sceicco Kulol si trovava l’edificio del Dorut Tilovat Medrese. I resti mortali di Amir Taraghai furono posti in una delle stanze della madrasa.

Durante il regno di Amir Temur, la tomba di Shamsiddin Kulol fu coperta con lastre di marmo. Più tardi, durante il regno di Ulugbek, un mausoleo con una cupola fu costruito sopra la tomba di Shamsiddin Kulol e sui resti del precedente e più modesto edificio.

Di fronte al mausoleo, la moschea Kok-Gumbaz (la cupola blu) fu costruita nel 1435. L’iscrizione su un portale dice che la moschea fu costruita da Ulugbek su ordine di suo padre Shahruch.

È anche conosciuta come la moschea Jome del venerdì di Shahrisabz. Il Dorut Tilovat Ensemble si trova a sud delle rovine di Ak-Saray sull’asse nord-sud, vicino al monumento Charsu e al mercato cittadino di Shahrisabz.

Rispetto ad altre parti della città, è relativamente alto. A est di questo complesso, a una distanza di 200 metri, si trova un altro complesso – Dorus Saodat.

Come parte di questi complessi, questi edifici di culto delle epoche Amir Temur e Temurid formavano una volta un’unica necropoli della città di Shahrisabz. Amir Temur ordinò che per perpetuare la memoria di suo padre Amir Taraghai (morto nell’inverno del 1360) e del suo consigliere spirituale, lo sceicco Amir Shamsiddin Kulol al-Fachuri, e del suo figlio maggiore Mirza Ghiyasiddin Jahongir (morto nel 1376), fosse costruito un mausoleo separato ciascuno nel sud di Ak-Saray.

Un gruppo di mausolei collegati ad altre strutture sono conosciuti come complessi di architettura commemorativa – Darus-Saodat e Dorut-Tilovat. In particolare, la cripta di Amir Temur nel complesso Darus-Saodat, costruita appositamente per la sua sepoltura, è considerata la tomba più unica nel suo genere in Oriente.

I due complessi erano una volta un’unica necropoli, compreso un cimitero intorno e tra di loro. Questi complessi sono oggi molto conosciuti dalla popolazione e sono luoghi di ziyarat associati al culto dei santi.

La necropoli medievale di Shahrisabz occupa una superficie da 1 a 2 ettari. Come cimitero, non è stato utilizzato per molto tempo. È possibile che il cimitero sia stato spostato in un’altra parte della città a causa della riqualificazione della città nei primi giorni del potere sovietico.

L’area dell’ex cimitero è in parte utilizzata dalla popolazione, lo spazio tra i due complessi è paesaggistico e piantato con alberi.

Degno di essere visto
Mausoleum Gumbazi Sayidon in Shahrisabz

Shahrisabz - Mausoleo Gumbazi Sayidon

Shahrisabz - Mausoleo Gumbazi Sayidon

Sul lato sud del mausoleo Shamsiddin Kulol di Shahrisabz si trova un altro mausoleo, forse dei discendenti di Ulugbek, chiamato Gumbazi Sayidon. A sud del mausoleo Shamsiddin Kulol, un altro mausoleo a cupola fu costruito da Mirzo Ulugbek.

Era destinato ai membri defunti della dinastia Temurid e fu chiamato il Maqbara di Ulugbek. La piccola struttura affascina con le sue proporzioni aggraziate e la porta d’ingresso di bella esecuzione, che è coperta da un profondo intaglio a triedro con ornamenti floreali ed epigrafici.

L’intero insieme architettonico della Medrese Dorut-Tilovat può essere attribuito all’epoca di Ulugbek. Due anni dopo la costruzione della moschea Kok Gumbaz a Shahrisabz, una tomba conosciuta come il Mausoleo Gumbazi Sayidon – “Cupola Sayid” fu costruita sul muro meridionale del Mausoleo Shamsiddin Kulol su ordine di Ulugbek.

Questo ha completato l’insieme di Dorut Tilovat. Il piccolo mausoleo ad una camera di proporzioni squisite è ornato da una cupola blu su un alto tamburo su cui le iscrizioni Kufi sono scolpite in mosaico.

L’edificio quasi quadrato è stato costruito nello stile tipico del periodo Ulugbeg. L’ingresso da ovest è decorato da un piccolo portale leggermente sporgente e da una porta di legno coperta da un profondo intaglio tridimensionale di un ornamento vegetativo con iscrizioni epigrafiche.

La parte inferiore della sala principale del mausoleo è decorata con un pannello di piastre esagonali blu. Il plafond e le vele della cupola, le nicchie ad arco e tutte le pareti del Gumbazi Seyidon sono ricoperte dalle più sorprendenti pitture in rosso e blu.

La cintura sotto la cupola è piena di ornamenti geometrici che formano un motivo a stella. La cupola stessa è decorata con il complesso girikh poliedrico. Gli ornamenti tra gli archi sono dipinti con un motivo floreale e le superfici delle pareti sono decorate con spirali.

Attraverso le finestre tagliate nel tamburo, l’interno del mausoleo è illuminato da una misteriosa luce d’ombra in cui la cupola sembra galleggiare ad un’altezza irraggiungibile. Il portale del mausoleo porta un’iscrizione in caratteri arabi: “Il grande, onorevole e generoso sultano Ulugbek Guragan, dignitario dei sultani, maestro e difensore del popolo e della fede, ordinò la costruzione del mausoleo makbarat, chiamato “Awlad al-Mubarak” (“Progenie benedetta”). Possa Allah perpetuare la sua regola e il suo regno, nel mese della luna dell’anno 841 Hijrah (1437)”.

C’è stato a lungo disaccordo tra gli studiosi sull’identità delle sepolture nel mausoleo. Una volta si credeva che Ulugbek avesse costruito il mausoleo per i discendenti dei Temuridi. Tuttavia, non c’è alcuna indicazione su nessuna delle lapidi del mausoleo che qualcuno dei discendenti di Ulugbek sia stato sepolto lì.

Tra le lapidi di marmo dal 10° al 17° secolo che sono state portate al Mausoleo Gumbazi Sayidon, quattro appartengono a nobili figure storiche della famiglia Sayid di Termez. Bisogna notare che i Sayid fornirono grande assistenza all’Amir Temur contro i khan mongoli nella seconda metà del XIV secolo.

In particolare, Abu al-Mu’ali, la cui lapide può essere vista a Gumbazi Sayidon e altrove, fu direttamente coinvolto nelle battaglie con i Mongoli. Era anche presente all’adesione di Temur.

Intorno al mausoleo ci sono diverse altre tombe. Le lapidi di marmo dei secoli XV-XVII conservano i nomi dei Sayid di Termez. Da qui il nuovo nome del memoriale Gumbazi Sayidon (la cupola dei Sayid). Nel XVII secolo, il Khonaqo Arslan-khan fu aggiunto al lato est del mausoleo di Sheikh Kulol (demolito nel 1954).

Nel frattempo, gli ingressi ai mausolei furono ridisegnati in modo che il passaggio a Gumbazi Sayidon passasse attraverso il khonaqo e il mausoleo dello sceicco.

Degno di essere visto
Shamsiddin Kulol Mausoleum in Shakhrisabz

Shahrisabz - Mausoleo Shamsiddin Kulol

Shahrisabz - Mausoleo Shamsiddin Kulol

Il mausoleo di Shamsiddin Kulol fu costruito nei secoli XIV-XV a Shahrisabz in forma di quadrilatero rettilineo (12,1 x 10,6 m); la cupola non si è conservata e il mausoleo fu poi coperto con un tetto piatto.

L’emiro Shamsiddin Kulol, che visse per circa 90 anni e morì nel 1370, giocò il ruolo intellettuale più importante nella formazione e nello sviluppo del futuro eccezionale conquistatore e sovrano Amir Temur. Era un vasaio di professione, un teologo, filosofo e studioso per vocazione. Secondo le testimonianze storiche, Shamsiddin Kulol condusse una vita modesta e aiutò molte persone con consigli e azioni. Era molto rispettato e onorato nello stato Temurid.

Dopo la morte dello sceicco Shamsiddin Kulol, Amir Temur ordinò al suo maestro spirituale di costruire un monumento di marmo e una tomba per i suoi parenti e compagni d’armi. La tomba del filosofo illuminato, come luogo sacro, fu subito venerata da molte persone e dai suoi discepoli.

Più tardi, Mirzo Ulughbek (il nipote di Amir Temur), un eminente sovrano e personaggio pubblico, costruì un mausoleo a cupola di Shamsiddin Kulol sul sito della sua tomba e della struttura precedente. L’interno del mausoleo è incredibilmente decorato. Vari dipinti geometrici e vegetativi sono stati eseguiti su piastrelle smaltate e maioliche. Le porte intagliate nel legno sono come le porte del paradiso. Sono stati scolpiti dai più abili maestri. L’edificio è stato costruito con mattoni cotti in forma quadrata (26 x 26,5 x 5 cm).

Lo sceicco Shamsiddin Kulol al-Keshi, il maestro spirituale di Amir Temur, fu sepolto qui. Secondo le fonti, il padre del sovrano, Muhammad Taraghay, fu sepolto ai piedi dello sceicco Shamsiddin Kulol nello stesso mausoleo di Shahrisabz.

Le pareti sono state intonacate diverse volte, così che hanno perso parzialmente il loro aspetto originale. Sotto l’intonaco ci sono resti del mosaico che decorava la volta azzurra. All’interno del mausoleo c’è una tomba quadrata di marmo decorata con un affascinante ornamento intagliato.

Si crede che lo sceicco Shamsiddin Kulol abbia ispirato ad Amir Temur l’idea del suo alto destino di sovrano del mondo. Il mausoleo a cupola sopra la tomba dello sceicco fu costruito all’inizio degli anni 1370 e originariamente era aperto su tutti e quattro i lati.

L’ingresso della moschea è stato chiuso con un portale. Nel 20° secolo, sono rimasti solo i muri e parte della lapide di marmo scolpita.

Degno di essere visto

Shahrisabz - Moschea Kok Gumbaz

Shahrisabz - Moschea Kok Gumbaz

La moschea Kok Gumbaz fu costruita nel 1435 per volere del padre di Ulugbek, Shahrukh, a Shahrisabz. Questa ex moschea di Jome è stata costruita sulle fondamenta di una moschea pre-mongola con una disposizione simile.

Le gallerie estive un tempo erano annesse alla moschea Kok-Gumbaz, di cui rimangono le basi dei piloni quadrati che sostengono gli archi, con numerose cupole gettate tra loro.

Tra i complessi Dorus-Saodat e Dorut-Tilovat c’era un altro monumento religioso – una necropoli della nobiltà e del clero locale. Tra i maestosi palazzi e complessi commemorativi di Shahrisabz, la cupola blu – Kok Gumbaz – sorge direttamente dai verdi giardini.

Grazie alla sua posizione e alle sue dimensioni, è visibile da quasi ogni parte della città. Questo fa di Kok Gumbaz un elemento insostituibile del panorama della città. Kok Gumbaz significa “cupola blu”.

La moschea fu costruita nel 1435 sui resti di un edificio precedente situato nel complesso architettonico di Dorut-Tilovat, con la sua facciata rivolta verso il mausoleo di Shamsiddin Kulol.

Infatti, la moschea Kok-Gumbaz è la più grande moschea del venerdì a Shahrisabz e tutte le funzioni importanti si tenevano qui. L’iniziatore della costruzione di questa moschea fu Mirzo Ulugbek – scienziato-astronomo di fama mondiale, personaggio pubblico e nipote del grande Amir Temur.

Sul portale dell’entrata principale della moschea c’è un’iscrizione che afferma che Ulugbek ha costruito Kok-Gumbaz per conto di suo padre – Shakhrukh. La moschea Kok-Gumbaz è stata costruita sulle fondamenta dell’edificio pre-mongolo e gli architetti hanno seguito il layout del vecchio edificio durante la costruzione.

Le gallerie estive un tempo erano annesse alla moschea, di cui si conservano le basi di piloni quadrati che sostengono archi che erano coperti da numerose cupole.

I possenti piloni del suo portale orientale erano decorati con ornamenti e il timpano aveva un mosaico di stelle-girikh così tipico dell’epoca di Ulugbek. Sul portale c’è un’iscrizione in arabo: “Questa moschea Jome è la più bella moschea in un luogo elevato; ha una grande cupola. Questa cupola a Shahrisabz sembra il cielo blu sopra la città verde”.

I piloni del portale principale hanno scale a chiocciola che portano al tetto. La torre di Guldasta, che assomiglia a un piccolo minareto, è adiacente ai piloni. La parte inferiore è ricoperta di marmo, la parte superiore è coronata dal capitello in maiolica.

Sulle facciate nord e sud si trovano i corridoi aperti che conducono all’interno della moschea. Nella progettazione dell’edificio, gli architetti hanno cercato di rendere la sua altezza il più alta possibile in modo che il suo asse fosse allo stesso livello del Mausoleo di Kulol.

Questo ha permesso di ottenere una perfetta simmetria tra le strutture, dando all’intero complesso uno stile molto armonioso e studiato. Per ottenere questo, i maestri hanno dovuto addirittura violare la legge islamica cambiando la direzione della moschea verso la santa Mecca.

La cupola sferica blu è coperta da piastrelle di ceramica blu cielo, che simboleggiano il cielo senza nuvole sopra il vasto dominio del sovrano.

Da lontano, fondendosi con il cielo, assomiglia a un pallone, creando l’illusione della leggerezza e del volo. In basso, intorno alla base della cupola, c’è una striscia di colore chiaro iscritta con estratti di varie sure del Corano.

La bella scrittura calligrafica, così caratteristica del periodo Timurid, contiene molti detti saggi e famosi. Il più bello e importante è questo: “Il potere e la ricchezza appartengono ad Allah. Solo Allah possiede il dominio”.

Entrando nell’edificio, vediamo che l’interno è quadrato. Immediatamente la scala e le dimensioni della cupola si sentono in modo diverso. Carico e maestoso, torreggia alto sopra le nostre teste.

Il diametro della cupola è di 46 metri. Qui i suoni delle voci e delle azioni si animano e si fondono in un’eco bizzarra e allo stesso tempo minacciosa. Agli angoli dei muri massicci ci sono quattro scale a chiocciola che portano al livello superiore, alle stanze e al tetto.

La superficie delle pareti all’interno della moschea è coperta di ganch bianco (miscela di gesso e argilla). In alcuni luoghi ci sono ornamenti finemente dipinti e motivi fatti nei toni del blu e dell’azzurro.

Vicino alle pareti ci sono le nicchie che si affacciano sui lati del mondo. L’interno della moschea Kok Gumbaz è quasi quadrato in pianta e ha quattro nicchie profonde orientate sui lati del mondo.

Il mihrab si trova nella nicchia occidentale, che è piena di stalattiti ganch. L’intera superficie delle pareti della moschea è stata intonacata con malta bianca e dipinta con i migliori ornamenti blu-blu.

Per diversi secoli la moschea Kok-Gumbaz fu la principale jome di Shahrisabz, e ad est di essa c’era un mazar durante il regno di Ulugbek, dove sono conservate le tombe della nobiltà e del clero della famiglia Barlas, alla quale appartenevano i Timuridi.

Le lapidi di marmo portano i nomi dei comandanti che presero parte alle campagne di Shahrukh e Ulugbek.

Uzbekistan

La moschea Kok Gumbaz fu costruita nel 1435 per volere del padre di Ulugbek, Shahrukh, a Shahrisabz. Questa ex moschea di Jome è stata costruita sulle fondamenta

Degno di essere visto
Malik Ashtar Mosque in Shakhrisabz

Shahrisabz - Moschea Malik Ashtar

Shahrisabz - Moschea Malik Ashtar

Nella parte nord-est del centro storico di Shahrisabz, la moschea storica Malik-Ashtar si trova tra le case residenziali. Secondo la leggenda, fu costruita accanto alla tomba del signore della guerra arabo Malik-Ashtar.

Come la Khanaka di Khodjaa Mirhamid a Shahrisabz, il complesso della moschea Malik-Ashtar serviva anche come madrasa in passato. Ciò è evidenziato dalle hujras situate lungo il perimetro e coperte da cupole.

La Moschea Malik Ashtar ha una composizione classica di edificio di culto islamico. Incarna simbolicamente i principali elementi dell’universo: una casa di preghiera fatta di fango, alberi verdi, acqua ‘hausa’, una cupola rivolta verso il cielo, pilastri aiwan e minareto.

La piccola città di Shahrisabz (‘città verde’, Pers.) si trova a soli 90 km a sud di Samarcanda, ai piedi delle montagne Hissar e Zeravshan, alla confluenza dei fiumi Aksu e Tanhoz. È una delle città più antiche del mondo; secondo alcune fonti, c’erano insediamenti umani in questo sito già nel 1700 a.C. Le truppe di Alessandro Magno marciarono qui, il satrapo bactriano Bess fu catturato, sorse un movimento antiarabo e passarono le carovane della Grande Via della Seta. L’antica Kesh, il luogo di nascita di Amir Temur e l’ex “residenza” dei Temuridi, una volta era probabilmente più grande e più ricca della stessa Samarcanda.

A Shahrisabz, si sta facendo molto per restaurare e ricostruire i monumenti della cultura materiale. Un laboratorio indipendente di produzione scientifica e di restauro è stato stabilito lì, impiegando architetti, designer, maestri costruttori, abili intagliatori di legno e gesso e altri maestri di arti applicate. La preoccupazione di questa numerosa squadra creativa è di restaurare l’aspetto originale dei monumenti medievali e di conservare le creazioni dei vecchi maestri per i secoli a venire.

Degno di essere visto

Shahrisabz - muro di fortificazione

Shahrisabz - muro di fortificazione

Shahrisabz è il luogo di nascita di Amir Timur (Tamerlano nel 1336-1405). Nel XIV secolo, Shahrisabz fu circondata da un nuovo muro di fortificazione su suo ordine e divenne non solo una città di commercio e artigianato, ma anche di scienza e cultura. L’inviato spagnolo in viaggio verso Samarcanda alla corte di Tamerlano si fermò nell’antica Kesh. L’inviato Ruy Gonzalez de Clavijo scrisse dell’antica Shahrisabz: “…La città era circondata da un muro di terra e un profondo fossato, c’erano ponti levatoi alle entrate. Durante il periodo Temurid, la città divenne uno dei centri culturali dell’Oriente. Grandi studiosi e poeti come Navoi e Jami lo visitarono. Tamerlano pensò di fare di Shahrisabz la capitale del suo impero, ma scelse Samarcanda.

Le parti conservate delle muro di fortificazione di Shahrisabz mostrano che erano potenti fortificazioni, simili alle mura di Ichan-Kala a Khiva e di Ark a Bukhara. Erano anche costruiti con fango e mattoni d’argilla. Le mura della città erano spesse da 8 a 9 metri alla base e alte 11 metri. Dopo circa 50 metri, erano affiancati da torri semicircolari. Un profondo fossato correva intorno alle mura. Su ognuno dei quattro lati c’erano le porte della città con il ponte elevatore. Le mura della città resistettero a molti assedi e rimasero fino ai secoli XVIII-XIX, quando i Bek di Shahrisabz difesero la loro indipendenza nelle guerre con gli emiri di Bukhara.

Degno di essere visto

Shahrisabz - Palazzo Ak Saray

Shahrisabz - Palazzo Ak Saray

Oggi, Shahrisabz ha superato i suoi confini medievali, ma è ancora immersa nel verde smeraldo dei giardini e sopra di essi, come se emergessero dalle profondità del mare, sorgono le maestose creazioni degli architetti del XIV-XV secolo, tra cui il Palazzo Ak-Saray.

È risaputo che un paese, una città o un villaggio guadagna popolarità e riconoscimento generale attraverso un punto di riferimento storico, un evento o un’altra caratteristica che diventa il suo biglietto da visita unico.

Shahrisabz è particolarmente associato al Palazzo Ak-Saray. Ci sono molte leggende sorprendenti associate alla storia della direzione del palazzo. Uno di loro racconta che Temur, avendo concepito il progetto di erigere un edificio maestoso, chiamò l’architetto da lui e fissò il suo obiettivo.

Dopo aver ascoltato il sovrano, l’architetto chiese il permesso di entrare nella tesoreria. Dopo aver ricevuto il permesso, il maestro cominciò a fare blocchi per le fondamenta con argilla mescolata con oro davanti a Temur.

Vedendo la fermezza del governatore, ruppe i blocchi e restituì l’oro alla tesoreria. Quando Temur chiese: “Perché l’hai fatto?”. – L’architetto rispose: “Per assicurare la determinazione del sovrano a procedere con la costruzione di un edificio che richiede una spesa enorme”.

La seconda leggenda dice: dopo il completamento dei principali lavori di costruzione, Temur cominciò a mettere fretta ai maestri per eseguire gli arredi decorativi del palazzo. Tuttavia, quest’ultimo non si affrettò a coprire l’edificio con maioliche e mosaici.

Quando il sovrano furioso ordinò di portare il capo costruttore, si scoprì che era scomparso e che una catena era appesa al centro dell’arco principale del palazzo. Poiché non è stato possibile trovare un maestro uguale a lui, l’edificio è rimasto incompiuto.

Qualche tempo dopo, l’architetto riapparve improvvisamente e, dopo essersi assicurato che la catena dell’arco d’ingresso fosse notevolmente abbassata, si mise a decorare il palazzo. Alla severa richiesta di Temur di spiegare la sua strana fuga e la sua improvvisa ricomparsa, l’architetto disse: “Non ho osato disobbedire all’ordine del signore, ma non potevo nemmeno io, e in ogni caso mi aspettava una severa punizione, perché un edificio così magnifico deve assestarsi e rimanere saldo nel terreno, o tutto l’ornamento sarebbe stato distrutto”.

Il grande sovrano apprezzava la saggezza e il genio del maestro. “Se dubiti del nostro potere, guarda i nostri edifici”. Questa iscrizione adorna il portale del maestoso palazzo Ak-Saray, costruito dal grande capo militare Amir Temur nel XIV secolo.

Purtroppo, solo una parte del portale d’ingresso del palazzo ha raggiunto i nostri giorni, ma anche i resti di questo portale aiutano a immaginare la bellezza e la grandezza senza precedenti di questo edificio. Temur lo costruì su un campo nudo dopo aver portato qui 50 mila costruttori e maestri artigiani prigionieri da tutto il suo impero: da Khorezm, Iran, Iraq e India del nord.

C’è una leggenda secondo cui la sabbia dorata fu aggiunta quando si preparavano i primi mattoni per la costruzione reale!

Secondo il progetto del sovrano, l’edificio doveva essere insuperabile nella sua magnificenza. La scala della costruzione era veramente reale. Il grande sovrano non ha badato a spese. Voleva disperatamente che la sua struttura fosse la più grande e la migliore del mondo.

I ricercatori hanno ricostruito la disposizione e il design del palazzo dalle descrizioni dei contemporanei e dal materiale delle indagini archeologiche. Anche se Ak-Saray si traduce dall’uzbeko come “Palazzo Bianco”, il nome del palazzo significa “nobile, aristocratico”.

Incredibile, soprattutto per le dimensioni dell’edificio. Solo il cortile anteriore, la cui pianta è stata restaurata, occupava 250 metri di lunghezza e 125 metri di larghezza. E l’altezza del portale principale, coronato da merli ad arco, raggiungeva i 70 metri. È la dimensione di una casa di venti piani.

Le torri d’angolo erano alte almeno 80 m e l’arco d’ingresso aveva una campata di più di 22 m. Nell’agosto del 1404, l’ambasciatore del re castigliano Gonzalez de Clavijo visitò il palazzo Ak-Saray a Shahrisabz e lo descrisse come segue: “Il palazzo ha un ingresso molto lungo e cancelli molto alti, e qui all’ingresso c’erano archi di mattoni a destra e a sinistra, ricoperti di piastrelle in diversi motivi.

E sotto questi archi c’erano come piccole stanze senza porte, cioè spazi vuoti con un pavimento coperto di piastrelle, e questo veniva fatto in modo che la gente potesse sedersi lì quando il sovrano era nel palazzo.

Immediatamente dietro questa porta c’era un’altra porta, e oltre ad essa un grande cortile pavimentato con lastre bianche e circondato da gallerie riccamente ornate, e nel mezzo del cortile una grande piscina, e questo cortile era largo circa trecento passi; e attraverso di esso passarono nella stanza più grande del palazzo, attraverso la quale c’era una porta molto grande e alta, ornata con oro, azzurro e piastrelle, tutto molto artisticamente fatto.

E sopra la porta, al centro, c’era l’immagine di un leone rivolto verso il sole, ed esattamente le stesse immagini intorno ai bordi. Erano l’emblema del sovrano di Samarqand”.

Il palazzo era usato per la ricreazione e il divertimento, ma anche per l’amministrazione degli affari di stato. Nell’asse del cortile c’era una sala a cupola per le riunioni del divan, il consiglio di stato. Aveva piccole sale su due lati per le riunioni dei consiglieri – tavajibeks e divanbeks.

Sotto gli edifici del palazzo c’era un harem, riccamente decorato e sontuosamente arredato. Davanti c’era un giardino ombroso con stagni rivestiti di piastrelle decorate. La vera meraviglia di quegli anni era una hauz disposta sul tetto, da cui sgorgava una pittoresca cascata di ruscelli.

L’acqua scorreva nella casa dal passo di montagna Takhtakaracha attraverso una grondaia di piombo. L’arco del portale d’ingresso di Ak-Saray, crollato circa 200 anni fa, era il più grande dell’Asia centrale. La campata del portale era di 22,5 m. Di questa maestosa struttura rimangono due piloni scollegati.

L’altezza di questi tralicci raggiunge i 38 metri anche nel suo attuale stato fatiscente. Molto lavoro è in corso per restaurare e rafforzare i piloni del portale del palazzo. Il mosaico di opere in filigrana, composto in una complessa tavolozza di colori, stupisce con ornamenti e dipinti luminosi e intricati.

La parte conservata dei piloni e dell’arco monumentale è sorprendentemente grande, 18 piani di altezza e circa 20 metri di larghezza. Il Palazzo Ak-Saray è il più grande complesso di architettura civile non solo di Shahrisabz e dell’Asia centrale.

La tradizione storica attribuisce la distruzione del maestoso edificio all’emiro di Bukhara, Abdullakhan II, che, durante un altro assedio della recalcitrante Shakhrisabz, avrebbe ordinato la distruzione dei magnifici edifici di Temur e dei suoi discendenti.

Voleva cancellare la memoria del suo illustre predecessore, ma per quanto ci provasse, non poteva distruggere completamente il palazzo. Alla fine del XIX secolo, solo i piloni e parte dell’arco del portale principale rimasero del magnifico palazzo reale di un tempo.

La costruzione del Palazzo Ak-Saray incarnava l’idea di Sahibkiran di trasformare Shahrisabz in una seconda capitale nazionale, e la creazione dei complessi commemorativi Dorus-Saodat e Dorut-Tilovat rifletteva la sua ambizione di fare della sua città natale il centro spirituale del Mawara’unnahr.

Negli anni dell’indipendenza dell’Uzbekistan, sono stati eseguiti lavori di restauro sulle parti conservate del palazzo. Insieme ad altri monumenti di Kesh del periodo Temurid, il palazzo è sulla lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Degno di essere visto

Tashkent - Barak Khan Madrasa

Tashkent - Barak Khan Madrasa

Barak-khan Madrasa fu costruita nel XVI secolo per ordine del sovrano di Tashkent Navruz Ahmadkhan – nipote di Mirzo Ulugbek.

La costruzione della madrasa è stata effettuata a tappe e fu completata nel 1532.

L’edificio della madrasa Barak-khan si trova di fronte alla mahalla di Hazrati Imam. A quel tempo, questo mahalla era considerato un centro di studiosi, filosofi e conoscitori dell’Islam. Per cinque secoli, il Barak-khan Madrasa è stato un simbolo della grandezza della storia di Tashkent. Fino al 2007, ha ospitato l’Amministrazione spirituale dei musulmani dell’Uzbekistan.

Di fronte alla madrasa, nel museo situato nell’edificio della madrasa Mui Muborak, si conserva una famosa reliquia musulmana – il Corano del califfo Osman, o il Corano di Osman, che è considerato il più antico manoscritto del Libro Sacro sopravvissuto fino ai nostri giorni. Secondo la leggenda, il Corano di Osman fu portato a Maverannahr dallo stesso Amir Timur; in ogni caso, si sa per certo che era nella corte di Mirzo Ulugh Beg a Samarcanda nel XV secolo.

La madrasa Barak-khan comprende anche due mausolei incorporati che sono stati costruiti prima della costruzione della madrasa. All’estremità orientale del complesso si trova il mausoleo senza nome, originariamente costruito per lo stesso Barak Khan (Nowruz Ahmad Khan), ma morto a Samarcanda, dove sono conservate le sue ceneri. Il secondo mausoleo-Khanaka con due cupole è stato costruito sul luogo di sepoltura di uno dei governanti di Tashkent, Suyundsh Khan, un discendente di Mirzo Ulugbek.

La madrasa è costruita in mattoni ed è coronata da tre cupole blu. Il portale principale della madrasa è decorato con un mosaico e dipinti unici. Le porte delle celle (hujshras) e la porta della Madrasa Barak Khan sono intarsiate con avorio e metalli non ferrosi.

La Madrasa Barak Khan fu gravemente danneggiata da un terremoto nel 1868, e molte delle strutture sono state restaurate. Oggi, la madrasa ospita i laboratori dove lavorano gli scrittori del Corano e gli artigiani, come gli incisori di ottone e rame e gli intagliatori di legno.

Degno di essere visto

Tashkent - Bazar Chorsu

Tashkent - Bazar Chorsu

Il bazar Chorsu di Tashkent è uno dei più grandi dell’Asia centrale. Sotto sette enormi cupole rivestite di piastrelle colorate di ceramica smaltata ci sono padiglioni dove gli agricoltori vendono i frutti del loro lavoro. L’abbondanza e la varietà delle merci nelle bancarelle di frutta e verdura stupisce l’occhio in qualsiasi momento dell’anno. Montagne di mele rosse e pere al miele, grappoli di uva dolce nera, rosa e ambrata, pesche dalla delicata peluria, prugne ed enormi mele cotogne si accumulano sulle bancarelle. Fichi gialli accuratamente ricoperti di foglie verdi. I melograni con semi rosso rubino e i cachi rosso arancio sono posti in cesti. Enormi angurie e meloni profumati all’ananas si accumulano come cime di montagne.

Il bazar Chorsu non è solo il più grande bazar di Tashkent, ma anche il più antico. Più di due millenni fa, c’era un sobborgo di Tashkent – Rabad Chach. Qui, al confine tra i nomadi della steppa e le tribù stanziali, c’era una fiera speciale nei tempi antichi, dove sia i contadini e i nomadi locali che i mercanti stranieri scambiavano le loro merci e commerciavano. E nell’alto Medioevo, questo bazar si trovava all’incrocio tra il centro di Shahristan e Rabad, abitato da artigiani, e divenne un vero e proprio centro urbano. Le rotte commerciali emanate dalla Grande Via della Seta portavano qui da tutte le porte della città. Il bazar non era solo un luogo di commercio, ma anche una specie di club dove la gente apprendeva le notizie della città, e gli araldi – jarchi – annunciavano i decreti del khan.

Al giorno d’oggi, il bazar Chorsu conserva ancora la sua importanza. È equipaggiato secondo tutti i requisiti moderni. Quasi tutti i mezzi di trasporto portano lì, la comunicazione funziona perfettamente qui, i locali sono stati riparati e rinnovati e sono state costruite molte file di commercio e negozi.

In uno dei padiglioni, una nuvola di aromi speziati avvolge i clienti. C’è molto da vedere e da fare! Zafferano e cannella, pepe rosso e nero, chiodi di garofano, noce moscata e cardamomo, semi di cumino e zira, senza i quali non si può cucinare un vero pilaf uzbeko. L’agnello fresco e il manzo selezionato si trovano sotto un’altra cupola. I sacchi di riso si accumulano, i cristalli di zucchero navat brillano. I venditori fanno a gara per offrire uva sultanina e albicocche, mandorle e pistacchi, noci e arachidi.

Come nei tempi antichi, il bazar Chorsu di Tashkent è circondato da laboratori di artigiani che producono e vendono gioielli e abiti ricamati in oro, suzani ricamati e coltelli nazionali uzbeki, cesti di vimini e vassoi in rilievo di varie dimensioni e configurazioni, e strumenti musicali nazionali. Nella fila dei tappeti ci sono tappeti e palazzi di Khiva, Samarcanda e Bukhara.

L’architettura dell’edificio è accuratamente conservata e nonostante i restauri, un’enorme cupola smaltata con piastrelle blu e ricoperta di ornamenti tradizionali porta l’impronta dell’antichità e della cultura nazionale. La cupola ha un diametro di circa 300-350 metri. Questa struttura è un mercato invernale composto da tre piani dotati di ascensori.

Al livello più basso ci sono stanze seminterrate, corridoi e vari locali di servizio. Ai livelli medio e superiore ci sono le bancarelle con le merci. Le file del mercato sono divise secondo il tipo di merce venduta: Frutta, verdura, noci, dolci orientali, spezie, cereali, vestiti e articoli per la casa sono venduti in padiglioni separati.

L’attrazione principale del mercato è, naturalmente, le file di bancarelle. Si possono trovare prodotti per tutti i gusti: tappeti, souvenir, articoli per la casa, artigianato, spezie, dolci e tutto ciò che ha un tocco orientale.

L’assortimento tradizionale di ogni bazar, incluso Chorsu, include anche frutta e verdura locale di stagione, verdura, carne e prodotti caseari (katyk – latte acido, kefir, ricotta e kurt (palline di cagliata), spezie (pepe rosso e nero, cumino, cannella, noce moscata, zafferano, cardamomo, chiodi di garofano, zira, coriandolo, curcuma e pomodori secchi macinati). Secondo la gente del posto, il mercato di Chorsu vende sempre i prodotti più freschi e gustosi.

Il secondo livello del bazar Chorsu vende frutta secca (albicocche, uva sultanina, prugne), diversi tipi di noci e naturalmente dolci tradizionali orientali (navat, parvarda, arachidi in zucchero, uva sultanina colorata, noci in albicocche, noccioli di albicocca salati).

Nella parte aperta del mercato si trovano le bancarelle dove si possono provare diversi piatti della cucina uzbeka: Naryn, shashlik di fegato di montone allo spiedo, pilaf autentico uzbeko, samsa.

Ci sono anche vari laboratori dove i visitatori possono osservare gli artigiani che realizzano ciotole, vari strumenti musicali e bellissimi scrigni. Si possono anche comprare chapan uzbeki di souvenir, tyubeteykas (berretti da cranio), borse ricamate a mano e borse per cosmetici, così come bigiotteria fatta a mano e prodotti in oro e argento.

Al Chorsu Bazaar, come in qualsiasi altro mercato, dovrai contrattare. Ogni venditore avrà il proprio prodotto disponibile per il campionamento, che è qualcosa che non si dovrebbe trascurare. Puoi provare a comprare tutto dopo aver sfogliato tutte le file.

Un bel bonus è che qui c’è sempre qualcosa da mangiare: Lepeshkas calde, pilaf e molti altri piatti e bevande orientali si possono trovare vicino alle file di negozi.

Degno di essere visto

Tashkent - Bolshoi Opera e Balletto Teatro Alisher Nawoi

Tashkent - Bolshoi Opera e Balletto Teatro Alisher Nawoi

Il Teatro Accademico Statale Bolshoi Opera e Balletto Alisher Nawoi è giustamente considerato il teatro principale di Tashkent, il suo orgoglio nazionale e un centro attraente della cultura musicale e teatrale. Ha una storia gloriosa, ricca di tradizioni meravigliose. Questa storia è una solida base di alta cultura e maestria che ha reso il teatro d’opera e di balletto famoso in tutto il mondo. Per quasi nove decenni, il teatro ha accumulato conquiste, affinato le sue espressioni, migliorato le sue esperienze e sviluppato i suoi principi umanistici. Il teatro ha assorbito tutta la ricchezza del patrimonio classico nazionale e mondiale e ha creato esempi unici di arte musicale e scenica uzbeka.

La storia del Teatro Bolshoi Opera e Balletto di Tashkent, che porta il nome di Alisher Nawoi, risale agli anni 1920. In quel periodo fu fondato il Teatro del Dramma Musicale, sulla base del quale fu creato il Teatro Bolshoi, che oggi è il principale teatro del paese.

Il Teatro Musicale e Drammatico non aveva un proprio edificio per gli spettacoli, quindi gli artisti dovevano esibirsi nel teatro del circo “Coliseum”. Fu l’unico edificio artistico eretto nella prima metà del XX secolo. La costruzione del “Colosseo” è stata realizzata in dieci anni e la costruzione è stata diretta da Tsintsadze, un immigrato di Tbilisi. Pochi anni dopo l’apertura, il teatro fu nazionalizzato. Un po’ più tardi, negli anni ’30, vi si esibirono teatri musicali russi e uzbeki. Anche dopo la ricostruzione, l’edificio del “Colosseo” non poteva sostenere pienamente gli spettacoli previsti, specialmente quelli nazionali e i grandi spettacoli classici. La necessità di costruire un edificio speciale per il teatro aumentò e quindi fu bandito un concorso statale per preparare il miglior progetto. I progetti sviluppati sono stati pubblicati sulla stampa e il pubblico ha avuto l’opportunità di discuterne. Secondo la sintesi del concorso, il vincitore è stato l’accademico Alexey Shusev, che ha preparato il progetto per il nuovo edificio del teatro e ha anche disegnato molti altri progetti per gli edifici di Mosca, tra cui il Mausoleo sulla Piazza Rossa.

La costruzione iniziò nel 1939, ma il nuovo edificio fu interrotto nel 1942-1944 per la durata della guerra. Pittori uzbeki furono invitati a decorare e adornare le sale, e nel 1945 il lavoro finale per costruire un edificio fu realizzato con la partecipazione dei prigionieri di guerra giapponesi.

L’importante architetto ha progettato sei foyer laterali in uno stile individuale e originale, tenendo conto delle tradizioni architettoniche delle regioni del paese. Le sale erano previste a Tashkent, Khorezm, Fergana, Bukhara, Termez e Samarcanda. La sala di Bukhara si distingue per l’uso delle ganche a specchio. La sala Samarcanda si distingue per il suo originale intaglio a due strati. Notevole per la Sala Khorezm è la presenza di pannelli intagliati simili alle sculture in legno di Khorezm. La sala di Termez è decorata nello stile del palazzo del principe di Termez. Le gallerie e gli altri spazi teatrali sono decorati con murales.

Dopo la costruzione del teatro, fu proposto di costruire una fontana davanti all’entrata principale. È stato Aleksey Shusev, l’autore del progetto, a fare questo suggerimento. Alcuni anni fa, la fontana è stata rinnovata e ora è decorata con l’illuminazione originale accompagnata da musica. Residenti e ospiti della capitale dell’Uzbekistan vengono all’edificio del teatro per ammirare la nuova fontana “canterina”.

Nel 2012-2015, l’edificio del teatro stesso è stato ricostruito e la cerimonia di apertura dell’edificio rinnovato è stata presenziata dal primo ministro del Giappone.

Galateo e regole per visitare il teatro

Fin dall’antichità, è stata consuetudine vestirsi elegantemente per una visita a teatro.
Jeans, abbigliamento sportivo e scarpe sportive sono inaccettabili in teatro.
L’ingresso al teatro è possibile solo dietro presentazione di un biglietto. Il biglietto si acquista anche per i bambini dai 5 anni in su. I bambini sotto i cinque anni non sono ammessi agli spettacoli serali.
Dopo la terza campana, le porte dell’auditorium saranno chiuse e lo spettacolo avrà inizio.
Una volta iniziato lo spettacolo, è severamente vietato entrare nell’auditorium.
Se siete in ritardo, dovreste chiedere ai controllori di aiutarvi ad entrare nell’auditorium dalla balconata del 1° o 2° piano. Secondo il vostro biglietto o invito, potete sedervi nell’auditorium solo durante l’intervallo.
Se il suo posto è occupato, chieda all’esaminatore di aiutarla.
È inaccettabile entrare nella sala in abbigliamento esterno e venire all’evento indossando un copricapo.
È permesso passare la fila di fronte alla persona seduta.
È vietato portare cibo, acqua e altre bevande nella sala.
I telefoni cellulari e altri dispositivi ad alto volume devono essere spenti.
Durante lo spettacolo, la fotografia e la registrazione video sono permesse solo con il permesso della direzione del teatro.
È permesso fumare solo in luoghi appositamente assegnati.
È vietato parlare ad alta voce durante la performance.
È consuetudine regalare fiori agli interpreti solo dopo la fine dell’esibizione o del concerto.
Alla fine dello spettacolo, bisogna aspettare che il sipario si chiuda e che gli artisti escano verso il pubblico per inchinarsi.
È possibile lasciare la sala durante l’intervallo o alla fine dello spettacolo.
Durante lo spettacolo è possibile lasciare l’auditorium solo attraverso la porta dell’anfiteatro.
Il repertorio del Bolshoi Opera and Ballet Theatre Alischer Nawoi di Tashkent comprende spettacoli di opera e balletto, nonché spettacoli per bambini.

Le opere:

G.Verdi: “Aida”
G. Verdi: “Rigoletto
G. Verdi: “La Traviata
G.Verdi: “Il Trovatore”
S. Rachmaninov: “Aleko
G.Puccini: “La Boheme
V.A. Mozart “L’Imresario” singspiel comico in 2 atti
А.Rubinstein: “Il demone”
P.Chaikovsky: “Iolanta”
G. Bizet: “Cercatori di perle” (Les pêcheurs de perles)
G. Bizet: “Carmen”
Concerto dei maestri del Teatro Bolshoi. Chiusura dell’89° stagione teatrale
M. Makhmudov: “Kumush
G. Donizetti: “L’elisir d’amore
G. Donizetti: “Lucia di Lammermoor
M.Bafoev: “IL CIELO DEL MIO AMORE”
Parata dei tenori
S.Yudakov: “Trucchi di Maysara”
R.Abdullaev: “Sadokat”
J. Rossini: “Il Barbiere di Siviglia”
P. Mascagni: “Cavalleria rusticana”
T. Jalilov e B. Brovtsyn: “Tahir e Zuhra”
Ch.Gounod: “Faust
G.Puccini: “Tosca
M.Bafoev: “Hamsa
N.A. Rimsky-Korsakov: “La sposa dello zar
I balletti:

Le Danze Polovtsiane, atto 2 dell’opera “Prince Igor” di A. Borodin
M. Ashrafi: “Amuleto dell’amore
B. Asafyev: “La fontana di Bakhchisarai
L. Minkus: La Bayadère
K. Khachaturian: “Biancaneve e i sette nani
G. Verdi, P. Mascagni: “”La Dama alle Camelie””
L.Minkus: “Don Chisciotte”
I. Stravinsky, N. Rimsky-Korsakov: “Firebird, Scheherazade”
A. Adan: “Giselle
I.Stravinsky, N. Rimsky-Korsakov: “L’uccello di fuoco, Scheherazade”
A.Adan: “Le Corsaire”
P.I. Tchaikovsky: “Il lago dei cigni”
A. Melikov: “Il poema dei due cuori”
S. Prokofiev: “Romeo e Giulietta”
P. Tchaikovsky: “La bella addormentata
U.Musaev: “Tomiris”
F. Amirov: “Le mille e una notte
P.Chaikovsky: “Francesca da Rimini”
A. Ergashev: l’Humo
F. Chopin: Chopiniana
A. Borodin: “Danze Polovtsiane”
N. Rimsky-Korsakov: Scheherazade
P.Tchaikovsky: “Lo schiaccianoci”
Per i bambini:

G.Gladkov: “I musicisti della città di Brema”
P. Tchaikovsky: “Il ritorno dello schiaccianoci”
S. Varelas: “La lampada magica di Aladino”
M.Maksudi, A.Danielyan: “Megabyte Fairy Tale al Bolshoi”.
S.Prokofiev: “Pietro e il lupo”. Fiaba sinfonica”.
A. Ergashev: “La regina delle nevi”
E.Komarova, R.Sherezdanov: “Supereroi al Bolshoi”.
K.Khachaturian: “Cipollino”
Musicale:

R.Sherazdanov: “Mascherata di Capodanno”

Uzbekistan

Degno di essere visto

Tashkent - Cattedrale Cattolica Romana

Tashkent - Cattedrale Cattolica Romana

Le alte torri, i dettagli traforati, gli elementi ad arco, le vetrate e una struttura allungata verso l’alto – ecco come si può descrivere l’architettura della cattedrale cattolica romana del Sacro Cuore di Gesù a Tashkent. Il secondo nome dell’edificio sacro – Chiesa polacca – è diventato più popolare del primo.

La costruzione della cattedrale iniziò nel 1912, e l’architetto che progettò l’edificio a quel tempo era un polacco di nome Ludwig Panchakiewicz. La forza lavoro per la costruzione era costituita da soldati cattolici che avevano servito nell’esercito in Oriente. La maggior parte di loro erano specialisti altamente qualificati. Inoltre, i prigionieri del campo vicino a Tashkent hanno partecipato alla costruzione. Da loro hanno selezionato gli specialisti della scultura e dell’ingegneria.

Durante gli anni della rivoluzione, l’architetto e principale iniziatore della costruzione della chiesa Padre Pranaitis morì. La guida della continuazione dell’opera fu assunta da un altro abate. Ma con l’arrivo del governo bolscevico, la costruzione fu congelata. La ragione principale era la mancanza di sponsor.

Durante il dominio sovietico, l’edificio incompiuto della cattedrale cattolica romana del Sacro Cuore di Gesù non fu utilizzato per lo scopo previsto. La chiesa non era solo un campo, ma anche un dormitorio e persino un ospedale. Questo sfruttamento spietato ha lasciato un triste segno: alcune sculture sono state rubate, altre distrutte e danneggiate.

Fu solo alla fine degli anni ’70 che le autorità iniziarono a restaurare l’edificio sacro. Grazie agli sforzi congiunti degli architetti e degli ingegneri, il restauro non ha richiesto molto tempo. Dopo il suo completamento, la chiesa fu affidata alle cure del locale Ministero della Cultura. E negli anni ’80, l’edificio è stato ufficialmente riconosciuto come monumento dell’architettura e della storia.

Nel 1992, il governo della repubblica indipendente decise di dare la cattedrale ai cattolici della città. Un anno dopo, la cattedrale cattolica romana del Sacro Cuore di Gesù a Tashkent ha subito un altro restauro. L’ingegnere Aleksandr Ponomarev e l’architetto Sergei Adamov hanno guidato l’intero processo.

L’ottobre 2000 è stato significativo per la comunità cattolica nella capitale uzbeka, poiché la chiesa è stata consacrata dall’arcivescovo Marian Oles.

La cattedrale cattolica romana del Sacro Cuore di Gesù a Tashkent è impressionante non solo per la sua architettura ma anche per la sua decorazione interna. I visitatori varcano la soglia in una stanza spaziosa rivestita di piastrelle di marmo e granito. Tale lavorazione crea un’atmosfera di grandezza e di trionfo.

L’edificio a due piani è composto da diverse stanze:

La più antica è la cappella della cripta, la cui costruzione risale a prima del 1916. La sala è utilizzata per la Santa Messa (solo nei giorni feriali).
La sala San Giovanni Paolo II è usata per riunioni e conferenze della chiesa. Porta il nome del Papa.
L’area più grande è occupata dalla Sala di Sant’Antonio di Padova. Qui si può vedere un enorme pannello a mosaico e una scultura di Sant’Antonio fatta dal maestro Adamov.
Tuttavia, il fulcro della cattedrale cattolica romana del Sacro Cuore di Gesù a Tashkent è la sala al secondo piano. La stanza impressiona con una statua di bronzo di Gesù Cristo alta 2 metri che galleggia sul pavimento. Sul lato destro della scultura c’è un confessionale. Sopra l’altare c’è un organo a 26 voci. La sala è utilizzata per i concerti del coro e le funzioni domenicali.
Se esaminate attentamente il terreno intorno alla chiesa cattolica romana, troverete una targa commemorativa che elenca i nomi di coloro che sono morti nella seconda guerra mondiale.

Degno di essere visto

Tashkent - Cattedrale dell'Assunzione

Tashkent - Cattedrale dell'Assunzione

La cattedrale dell’Assunzione è la cattedrale ortodossa della diocesi della Chiesa ortodossa russa di Tashkent. Il capo della cattedrale è l’arcivescovo Vikenty di Tashkent e Uzbekistan. Accanto alla cattedrale si trova l’amministrazione diocesana e il centro ortodosso.

Negli anni ’60 del XIX secolo in Asia centrale fu una campagna militare, che portò alla necessità di un ospedale militare. Un cimitero fu costruito nelle vicinanze con una piccola chiesa temporanea consacrata nel nome del grande martire e guaritore Panteleimon.

Sul sito di questa chiesa nel cimitero, la costruzione della cattedrale iniziò nel 1877. Il direttore dell’ospedale chiese di ingrandire la chiesa perché la congregazione stava crescendo e il piccolo edificio non poteva ospitare tutti i parrocchiani. La somma necessaria per la costruzione fu raccolta grazie agli sforzi dei cittadini. I fondi più grandi provenivano dal governatore generale e dal ricco mercante Dmitry Zoho. Fu lui che tenne la posizione di supervisore nel tempio costruito per più di 10 anni.

La chiesa fu consacrata dopo il suo completamento nel gennaio 1879. San Panteleimon, il grande martire, fu dichiarato patrono della chiesa. Il campanile di pietra a tre piani si trova vicino al nuovo edificio.

Poiché la chiesa è stata originariamente costruita sul sito della cattedrale dell’ospedale militare di Tashkent, la gente del posto la chiama ancora la “chiesa dell’ospedale”.

Gli anni 1920 portarono un rinnovamento nella vita del tempio, che divenne proprietà del rinnovato Sinodo della Chiesa Ortodossa. Negli anni ’30, la chiesa fu chiusa e i servizi furono cancellati. Fino alla fine della seconda guerra mondiale è stato utilizzato come base per il campo medico del distretto militare locale. Dopo la guerra, si decise di aprire di nuovo la chiesa ai fedeli e la riconsacrazione fu effettuata nel 1958. Dopo la consacrazione, c’è stato un solenne scampanio di cinque minuti in tutte le chiese della diocesi. La chiesa rinata fu chiamata Cattedrale dell’Assunzione della Beata Vergine Maria. Allo stesso tempo, la cattedrale è diventata una cattedrale. Il vescovo Yermogen di Tashkent e dell’Asia centrale ha introdotto alcuni cambiamenti architettonici durante il suo mandato – la cattedrale è stata notevolmente ampliata.

Negli anni dell’indipendenza della repubblica, furono eseguiti lavori di ristrutturazione della cupola e di parte del campanile della cattedrale. L’area cominciò a raffinarsi ed espandersi. Molte risorse e sforzi sono stati fatti per decorare l’interno del tempio. La Divina Liturgia è stata tenuta in questa cattedrale dal Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Alexy II durante la sua visita a Tashkent. La Divina Liturgia di questo giorno importante si è conclusa con una processione religiosa.

Lo sviluppo e la modernizzazione del tempio non si ferma – nel 2014 è stato eretto un altro edificio per il servizio funebre del defunto – il Tempio di San Luca di Crimea. Questo famoso santo e chirurgo ha vissuto e servito a Tashkent nel 1917-1938.

Nel 2016, sono stati eseguiti ampi lavori di ristrutturazione del complesso della cattedrale. Nel frattempo, l’intero complesso edilizio di Tashkent comprende la Cattedrale dell’Assunzione, l’Acquedotto, il Battistero e il Seminario Teologico. Il territorio è verdeggiante e ha una fontana – si può fare una piacevole passeggiata in un piccolo giardino. Sul lato sud della cattedrale, in onore del centenario della diocesi di Tashkent, c’è una targa di marmo che elenca tutti i gerarchi prelati che hanno guidato la diocesi.

La bellezza della cattedrale dell’Assunzione, che è una combinazione di colori blu e oro, è stata notata dai viaggiatori di Tashkent. L’edificio è nello stile del classicismo, decorato con decorazioni bianche, e all’interno c’è un lampadario insolitamente grande. Il campanile, ricostruito alla fine del secolo scorso, ha ora 5 piani e colpisce per la sua architettura traforata. Davanti all’entrata del sito si trova un triplo arco con decorazioni e una cupola dorata.

I viaggiatori devono tenere presente che è vietato fotografare all’interno della Cattedrale dell’Assunzione della Madre di Dio.

Degno di essere visto

Tashkent - Circo

Tashkent - Circo

Come tutte le grandi città, Tashkent ha il suo circo con una storia di circa 100 anni. Risale all’epoca in cui artisti di vari paesi europei e della Russia si esibivano in Asia centrale. A quel tempo, circhi semi-permanenti erano organizzati da Shapito nella capitale dell’Uzbekistan e in altre città.

La data di apparizione del vero circo completamente funzionale è considerata il 1914, che è esistito a Tashkent fino al 1966, in quell’anno ci fu un terribile terremoto, che distrusse completamente il circo.

Dopo 10 anni fu ricostruito, il circo fu situato su Khadra e nel 1999 fu completamente rinnovato. La cupola del circo, dipinta nel colore del cielo, può essere vista da lontano. L’edificio stesso è stato costruito secondo le tradizioni della cultura orientale con sculture in legno, vetrate con motivi interessanti e mosaici in ceramica.

Per molto tempo, anche prima della costruzione del circo, artisti di diversi paesi hanno girato per il parco. Con l’apparizione del proprio circo, cominciò a realizzare il suo scopo principale, che era quello di popolarizzare le arti circensi nazionali. Durante la sua esistenza, circa 20 produzioni, più di 100 numeri di circo che si distinguono per la loro originalità, sono stati eseguiti qui.

Qui si sono esibiti anche giocolieri, acrobati e animali ammaestrati. Oggi, gli artisti dell’Uzbekistan girano il mondo con il loro programma. Si sono già esibiti in 30 paesi dell’Asia e dell’Africa, così come nei paesi europei.

Gli artisti del Circo Tashkent hanno vinto premi in vari festival nella Federazione Russa, Germania, Cina, Francia ed Emirati Arabi Uniti. Ogni singola performance degli artisti circensi di Tashkent provoca una sensazione e delizia il pubblico. Per questo motivo, i palcoscenici del circo non sono mai vuoti e gli spettatori riconoscenti applaudono i capolavori degli artisti del circo ad ogni spettacolo. Può prenotare un hotel a Tashkent sul nostro sito in pochi minuti.

Degno di essere visto
Komplex Hast Imam in Taschkent

Tashkent - Complesso Khast Imam

Tashkent - Complesso Khast Imam

Il complesso fu costruito sulla tomba di uno dei primi imam di Tashkent, il famoso studioso, esperto del Corano e dell’Hadith, poeta, artigiano Abubakr Muhammad Kaffali Shashi (morto nel X secolo) o Hazrati Imam (Khast Imam in breve). Secondo la leggenda, era soprannominato “Kaffal” (“il mastro fabbricante di chiavi”) per aver fatto una serratura incredibile la cui chiave pesava un chilo e mezzo. La sua tomba era molto venerata. L’intera area in questa parte della città vecchia è stata chiamata Imam in onore dello sceicco Hazrati. Nel XVI secolo, un mausoleo fu costruito sopra la tomba dello sceicco. Nonostante il fatto che l’edificio del mausoleo fu ripetutamente riparato, le pareti della parte vecchia del mausoleo rimasero mattoni cotti e una decorazione unica per Tashkent – maiolica del XVI secolo con un’iscrizione storica con i nomi dell’architetto e del calligrafo, così come la data di costruzione – 1541-1542. Questo monumento è di grande valore storico e artistico.

Nel XVI secolo, la base dell’insieme era la medrese Barak-khan. C’è una ricca biblioteca di manoscritti orientali. Di fronte alla Barak-khan Medrese si trova la moschea Tilla Sheikh (XIX secolo).

Il complesso Khast Imam comprende anche la Muyi Muborak Medrese di Tashkent, che significa “capelli benedetti”. Secondo la leggenda, un capello del Profeta Muhammad (s.a.w.) – una sacra reliquia dei musulmani – è conservato nella madrasa. L’edificio risale al XVI secolo ed è stato restaurato più volte. La Muyi-Mubarak Medrese ospita il famoso Corano del califfo Osman, il più antico del mondo. Questo Corano è la prima fonte del libro sacro, scritto sulla pelle di un cervo a metà del VII secolo. Sono stati scritti solo 6 Corani di questo tipo. Ci sono solo 4 copie rimaste nel mondo e la meglio conservata è in Uzbekistan. Ci sono pagine sparse dei 4 Corani rimanenti in Inghilterra, Turchia ed Egitto. La versione ufficialmente accettata di come il Corano sia arrivato in Uzbekistan da Osman è la seguente: Quando Amir Temur sconfisse il sovrano turco Bayazid nel 1402, il grande generale passò per la città irachena di Bassora, da dove prese il Corano e lo portò a Samarcanda, dove fu conservato in una madrasa. Nel 1869, il generale russo von Kaufman conquistò la città di Samarcanda e portò il Corano di Osman alla biblioteca imperiale di San Pietroburgo. Nel 1917, viene scritta una lettera al governo dell’Uzbekistan per chiedere che il Corano di Osman sia restituito al suo vero proprietario. Nel 1924, il Corano di Osman fu portato a Tashkent in una carrozza speciale, dove è conservato nel Museo della storia dei popoli dell’Uzbekistan. Nel 1989, il Corano è stato consegnato all’Amministrazione Spirituale dei Musulmani della Repubblica dell’Uzbekistan per una custodia permanente. Ora è conservato in un sarcofago tedesco che mantiene automaticamente l’umidità e la temperatura ottimali.

L’edificio dell’Amministrazione Spirituale dei Musulmani dell’Uzbekistan, che ospita più di 22 mila libri religiosi, è stato costruito nel 2007 accanto alla Muyi Muborak Medrese.

Nello stesso anno 2007, un nuovo edificio della moschea “Hazrati Imam” è stato costruito secondo le regole dell’architettura del XVI secolo con due minareti, la cui galleria “Aiwan” rappresenta il bel lavoro degli intagliatori di legno di diverse scuole (di Kokand, Samarcanda e Bukhara). Alberi esotici, arbusti e fiori di diversi paesi sono stati portati per questo complesso. Grazie alla riuscita illuminazione, il complesso architettonico ricorda un quadro da “1000 e una notte”.

Degno di essere visto
Zangiota-Komplex in Tashkent

Tashkent - Complesso Zangiota

Tashkent - Complesso Zangiota

Il complesso Zangiota (Zangi-ata, Zangi-ota) è una delle strutture più antiche di Tashkent. Il complesso si trova a 15 km da Tashkent nella piccola città di Zangiota. Il complesso fu costruito nei secoli XIV-XIX. Per diversi secoli l’insieme fu ricostruito ed esteso con nuovi edifici.

Il mausoleo contiene i resti del grande sceicco Oy-Khodja Zangi-Ota. Questo soprannome si traduce come “Padre Oscuro”, che ha ricevuto a causa della sua carnagione terrosa. Zangiota era un grande Sufi che era conosciuto e venerato dal popolo sia durante la sua vita che dopo la sua morte. Lo sceicco nacque in una nobile famiglia araba alla fine del XII secolo e predicò la fede islamica fino ai suoi ultimi giorni. Oy-Khodja fu portato ad addestrare lo sceicco sufi Ahmad Yassawi, che era riconosciuto come il capo spirituale di tutte le tribù turche dell’Asia centrale. Durante la sua vita, Zangiota fece molto per l’educazione e lo sviluppo dell’Islam tra la gente, guadagnandosi il rispetto dei credenti. Pertanto, dopo la sua morte, il sovrano Amir Temur decise di costruire un complesso commemorativo per il grande sceicco.

Il mausoleo di Zangiota è un popolare luogo di pellegrinaggio non solo per i musulmani uzbeki ma anche per i credenti di altri paesi.

È un’usanza nelle famiglie di Tashkent di portare un regalo caritatevole al complesso Zangiota per ogni dodici anni di vita (12, 24, 36 anni e più). Di solito contiene: 2 metri di stoffa bianca, un pacchetto di tè, un foulard bianco, un chilo di zucchero e gli ingredienti necessari per cucinare il pilaf.

Negli anni ’90, il numero di persone che volevano visitare il mausoleo è aumentato significativamente, così si è deciso di effettuare una grande ricostruzione del complesso fatiscente.

Il complesso commemorativo è diviso in tre zone territoriali. La prima zona comprende edifici costruiti nei secoli XIV-XIX, la seconda zona ospita il cimitero con il mausoleo di Anbar-ona, la moglie del grande sufi, mentre la terza zona è per l’aggiunta di un ampio giardino. La zona principale ospita gli edifici come il mausoleo di Zangiota, la moschea, il minareto e il cortile associato.

Si può entrare nel complesso attraverso la porta, che si trova in un grande portale decorato con mosaici colorati. È disposto in schemi e completato da una legatura araba. Il portale fu costruito durante il regno di Mirzo Ulugbek, il nipote di Temur. Inoltre, l’ingresso è ornato da due torri a destra e a sinistra di esso. Nella parte meridionale del complesso si trova una moschea costruita nel XIX secolo da un giudice locale.

Nei secoli XVIII-XIX, un nuovo edificio della scuola teologica musulmana, chiamato Madrasa, fu aggiunto all’insieme degli edifici. Ha un perimetro quadrato e ha usato mattoni bruciati come materiale per la sua costruzione. L’edificio ha un cortile trapezoidale dove si trovavano le finestre delle celle degli studenti.

L’attrazione principale del complesso è il mausoleo Zangiota stesso, composto da diverse camere. L’aspetto della pietra tombale, decorata con magnifici intagli artistici, è stato conservato dalla sua costruzione. Su di esso ci sono iscrizioni in arabo, vale a dire citazioni dal Corano e desideri tradizionali musulmani. Un sentiero asfaltato conduce dal memoriale di Zangiota al mausoleo di sua moglie. Il secondo complesso funerario fu costruito alla fine del XIV-inizio del XV secolo. Si tratta di un edificio ad una camera fatto di mattoni.

La moglie del venerabile sceicco Anbar-ona è considerata la patrona delle donne e delle madri. Le donne musulmane vengono alla sua tomba e chiedono figli o prosperità in famiglia. Affinché i loro desideri si avverino, devono camminare in senso orario intorno al mausoleo per 3 volte (niente a che vedere con l’Islam, nell’Islam tali rituali sono vietati).

C’è un’atmosfera di trionfo e serenità sul territorio del complesso. Grazie alle numerose fontane, sorgenti artificiali e alberi, è sempre fresco, i sentieri e i prati sono ben tenuti e l’erba viene tagliata regolarmente. Per il soggiorno confortevole dei pellegrini, ci sono luoghi di riposo sotto forma di panchine e padiglioni accoglienti, parcheggio, casa del tè. Si dovrebbe venire qui almeno per qualche ora per dare un’occhiata tranquilla a tutte le strutture, sentire l’atmosfera del luogo sacro e imparare di più sulle tradizioni e la cultura dell’Uzbekistan.

Degno di essere visto

Tashkent - Ensemble Sheikhantahur

Tashkent - Ensemble Sheikhantahur

L’area della Sheikhantahur ensemble si trova a Tashkent tra le vie Abdullah Kadiri e Alisher Navoi. L’insieme è composto da tre mausolei: il mausoleo dello sceicco Khovendi at-Takhur, il mausoleo di Kaldirgachbai e il mausoleo di Yunus-Khan.

Shaykhantahur nacque alla fine del XIII secolo nella famiglia di Khojjah nel villaggio di montagna di Bogustan, dove oggi corrono le onde del bacino di Charvak. Suo padre, lo sceicco Omar, era un discendente del secondo giusto califfo Omar. La gente credeva che lo sceicco Omar fosse in grado di fare miracoli e di dominare gli elementi. Era come se la grazia suprema fosse passata da lui anche a suo figlio. Il giovane Sheikhantahur comprese le verità dei sufi. Secondo i biografi, il sufi di Tashkent era particolarmente colpito dalla verità: “Le alte qualità spirituali e la conoscenza nella scienza sono direttamente proporzionali alla pazienza e alla gentilezza di un saggio rispetto alla maleducazione degli ignoranti”. Lo sceicco visse e predicò a Tashkent e morì tra il 1355 e il 1360. Secondo la leggenda, il mausoleo sulla sua tomba fu costruito su iniziativa di Amir Temur. È un edificio basso a due camere sotto due cupole di diversa altezza. L’edificio ha ottenuto il suo aspetto moderno dopo numerosi restauri e ricostruzioni all’inizio del XIX secolo. All’interno ci sono tre lapidi, una sotto la grande cupola e due sotto la piccola cupola. Il mausoleo conserva l’unico dei quarantotto Saurus di Iskander piantati da Alessandro il Grande. La conifera pietrificata si trova all’interno del mausoleo proprio accanto alla maestosa lapide dello sceicco.

Vale la pena notare che la famiglia Sheikhantahur comprendeva molti residenti di spicco di Tashkent, tra cui il famoso predicatore del periodo Temurid, Ubaidullah Hodja Akhror (1404-1490) e un sovrano indipendente di Tashkent nella seconda metà del XVIII secolo, Yunus Hoedja. Vicino al mausoleo di Shaykhantakhur, un altro mausoleo è sopravvissuto fino ai nostri giorni – Mazar Kaldyrgach-bay. Questo monumento architettonico del XV secolo si distingue chiaramente dagli altri edifici del complesso per la forma caratteristica di una cupola piramidale e ricorda i mazar delle steppe kazake. Infatti, sotto le volte di questo mausoleo riposano i resti di Tole-bai, uno statista di origine kazaka. Insieme al popolo di Tashkent, Tole-bai riuscì a scacciare l’invasore Changar-Malmyk dall’Asia centrale. Tole-bai nominò come suo confidente a Tashkent Yunus-khojah, il Chokim di Shaikhantakhur, che divenne un sovrano indipendente dello stato di Tashkent dopo la sua morte.

Un altro mausoleo conservato del complesso del tardo XV. Century è il mausoleo di Yunus-khan, un poeta e guerriero Mogol, il nonno materno di Bobur. L’edificio è stato restaurato diverse volte, è un raro tipo di khanaka a forma di T con un alto revak in cima alla facciata.

Oggi, l’insieme Sheikhantahur a Tashkent continua a mantenere il suo valore come un eccezionale monumento architettonico e di pellegrinaggio. La bellezza e la bellezza paesaggistica di questo angolo della città ha ispirato poeti e pittori.

Degno di essere visto
Medrese Kukeldash in Taschkent

Tashkent - Madrasa Kukeldash

Tashkent - Madrasa Kukeldash

Tashkent è una città con più di duemila anni di storia e ha conservato molti monumenti storici che sono eccellenti esempi di architettura dell’Asia centrale. Un posto speciale tra questi è senza dubbio occupato dalla madrasa Kukeldash costruita a Tashkent.

Una delle più grandi madrase dell’Asia centrale, Kukeldash si trova nel cuore storico della città – nel cosiddetto Registan di Tashkent (che è l’insieme architettonico centrale che esisteva in ogni grande città). La madrasa si trova su una piccola collina vicino al famoso bazar Chorsu, che per secoli è stato un crocevia per le carovane che viaggiavano lungo la Grande Via della Seta.

La madrasa fu costruita nel 1591 a spese del famoso statista dell’era Shaibanid, Kul-Bobo Kukeldash (“kukeldash” significa “il fratello di latte del Khan”). Secondo i documenti storici, Kul-Bobo non era solo un alto funzionario, ma anche uno scienziato e un poeta alla corte del sovrano Abdullakhan.
 L’architettura dell’edificio, costruito in mattoni cotti, è eseguito nelle migliori tradizioni dell’architettura orientale. La facciata della madrasa con il suo alto ingresso ad arco è decorata con mosaici colorati e maioliche. Il cortile rettangolare è diviso in hujshras (celle dove vivevano gli studenti), una piccola moschea e una sala di studio (darskhona).

Per molti secoli, la Madrasa Kukeldash è stata il centro della vita urbana di Tashkent. Nel XVIII. Nel secolo scorso c’era un caravanserraglio dove alloggiavano i viaggiatori e i mercanti in visita. Più tardi, nel XIX secolo, la madrasa servì come fortezza per i governanti del Khanato di Kokand. Negli anni 1930, le cupole blu della moschea, le darskhonas (sale di studio) e il secondo piano delle celle furono smantellate per la costruzione di altri edifici e successivamente restaurate dagli artigiani di Tashkent.
 Nel XIX secolo, la Madrasa di Kukeldash ha sofferto di due terremoti nel 1868 e nel 1886 ed è stata successivamente ricostruita nel 1902-1903. La volta distrutta del portale d’ingresso è stata parzialmente restaurata negli anni ’60.

Nel XX secolo, l’edificio della madrasa ha ospitato un museo dell’ateismo, poi un museo degli strumenti nazionali uzbeki.

Negli anni dell’indipendenza, l’edificio della Madrasa di Kukeldash è stato restaurato sulla base delle fotografie conservate negli anni 1980. Dopo il restauro del 1999, si è deciso di restituire la madrasa al suo ruolo di scuola islamica.

Degno di essere visto

Tashkent - Mausoleo Kaffal Shashi

Tashkent - Mausoleo Kaffal Shashi

Il mausoleo di Abubakr Kaffal ash-Shashi (anche Abu Bakr al-Kaffal al-Shashi) è uno dei più importanti monumenti culturali e architettonici di Tashkent e di tutto l’Uzbekistan. Fa parte del complesso Hazrat Imam, situato nel quartiere storico della capitale.

A causa di certi eventi, il complesso Khazrat Imam fu costruito vicino a questo mausoleo, attorno al quale furono costruiti sempre più edifici, fino a diventare un vero e proprio complesso. Il nome del complesso è quello del filosofo e grande studioso Abubakr Shashi, che fu un degno rappresentante del suo tempo. Nacque nella capitale nel XVI secolo, suo padre era un maestro fabbro. Ha ricevuto un’eccellente educazione nelle madrase delle varie città principali. A causa della sua profonda devozione all’Islam, fece molti pellegrinaggi alla Mecca, visitò grandi città e parlò con i migliori studiosi del tempo. Aveva una così grande conoscenza della teologia e un’autorità così indiscutibile che gli fu dato il nome di Grande Imam. La maggior parte dei suoi contemporanei credeva anche che non avesse eguali in tutto il Mawaraunnahr. Dopo aver ricevuto un gran numero di titoli ed epiteti onorifici, nella memoria dei suoi contemporanei era ancora un residente di Tashkent, per cui fu soprannominato “il fabbro di Tashkent”. Per inciso, c’è una leggenda secondo la quale ottenne il nome di “fabbro (Kaffal)” perché fece una serratura molto bella la cui chiave pesava più di 1 chilogrammo.

Come la maggior parte delle persone illuminate del suo tempo, Abubakr Kaffal non era solo un teologo. C’è un accenno al fatto che fosse un eccellente poeta e filosofo. Solo una piccola parte delle opere da lui prodotte è sopravvissuta fino ai nostri giorni. Ha passato molto tempo a studiare le correnti filosofiche e a diffondere i suoi insegnamenti, ma ha dedicato alcune delle sue opere alla poesia.

Abubakr ash-Shashi ha passato tutta la sua vita a diffondere l’Islam e l’illuminazione. Pertanto, dopo la sua morte, il suo luogo di sepoltura era considerato sacro. Il primo mausoleo, costruito quasi subito dopo la sua morte, non è sopravvissuto fino ad oggi. Perciò, sei secoli dopo, fu costruito un nuovo mausoleo, che si è conservato fino ad oggi.

Se si guarda attentamente la facciata del mausoleo, si possono leggere i nomi degli architetti che hanno partecipato alla sua costruzione e la data del suo completamento.

Il mausoleo è stato costruito in uno stile insolito per questo tipo di edificio, il khanaka. In origine, i khanaka erano costruiti come rifugi temporanei per i viandanti e i pellegrini. Questa è la loro somiglianza con i monasteri; tuttavia, la principale differenza tra i khanaka era che erano facili da entrare e uscire, cosa che non è caratteristica dei monasteri.

La tomba di Abubakr Kaffal ash-Shashi divenne un luogo di pellegrinaggio per un gran numero di musulmani di tutto il mondo, così fu deciso di costruire questo mausoleo a Tashkent in questo stile. È quadrata e ha una pianta asimmetrica. Si trova anche su un terreno elevato, che solleva l’edificio sopra le altre case. Anche se il mausoleo di Kaffal è molto massiccio, sembra sorprendentemente snello perché è coronato da una cupola. A differenza di quasi tutti i mausolei, il suo ingresso è rivolto a nord (si usa guardare la Mecca). Oltre alla grande sala, l’edificio ha tre piani di celle di pellegrinaggio.

Degno di essere visto

Tashkent - Mausoleo Qaldirgochbiy

Tashkent - Mausoleo Qaldirgochbiy

Il Mausoleo di Qaldirgochbiy (o Mausoleo Tölabiy) a Tashkent è uno dei luoghi più famosi dell’Uzbekistan. L’edificio del mausoleo si distingue per la sua cupola a forma di cono, che non è tipica degli edifici in Uzbekistan.

Il periodo di costruzione di questo edificio risale all’inizio del XV secolo. Questo mausoleo storico è particolarmente venerato dai kazaki che vivono nella capitale dell’Uzbekistan, nei suoi sobborghi e nel territorio del Kazakistan meridionale. Secondo la leggenda, l’edificio prende il nome da Tölabiy, un leader kazako. Regnò sull’Orda Maggiore nella prima metà del XVIII secolo. Regnò sull’Orda Maggiore nella prima metà del XVIII secolo e fu popolarmente soprannominato “Qaldirgoch”, che significa “Rondine Sacra”, da cui il secondo nome dell’edificio è “Mausoleo di Qaldirgochbiy”. Secondo la leggenda, il famoso tolabiy kazako che viveva qui si rifiutò di andare da qualche parte durante la conquista di queste terre quando tutti i locali lasciarono le loro case. Quando i soldati gli fecero la legittima domanda perché non fosse scappato con tutti gli altri, rispose che una rondine aveva costruito un nido sotto la veranda della sua casa e non poteva lasciarla a morte certa. Gli invasori furono molto sorpresi dal suo coraggio e lasciarono vivi Tölabiy e la sua famiglia.

Nella prima metà del XX secolo, sono sorti dubbi tra la gente sul fatto che un uomo di fede musulmana sia stato sepolto nel mausoleo di Tölyabiy senza violare i riti tradizionali e che, secondo molti, non fosse un vero seguace dell’Islam. Per verificare queste voci, il governatore della città di Kokand entrò di notte nel mausoleo, in consultazione con la guardia della medrese Eshon Kuli-Datha (che si trovava nel cimitero di Sheikhantahur). Così, alla luce di candele tremolanti tenute da un ragazzo di 12 anni, sono riusciti ad aprire una delle sagane. Poi un pugnale decorato con pietre semi-preziose è stato scoperto sotto il cuscino. Questo è inaccettabile secondo la tradizione musulmana. Fu deciso di lasciarlo dove era stato trovato e a tutte le persone coinvolte fu severamente proibito di parlare di ciò che era successo.

Alcuni decenni dopo, durante i lavori di riparazione, un ragazzo che era presente quando la sagana fu aperta, che era già diventato vecchio, volle trovare il pugnale con le gemme, ma non lo trovò al suo posto. Poco prima della sua morte, raccontò questo fatto a suo figlio. Così il segreto è stato declassificato.

Oggi non si sa esattamente chi sia sepolto nel mausoleo. Ma l’edificio è stato riconosciuto come monumento storico dell’architettura e protetto con cura dalla città.

L’edificio del mausoleo di Qaldirgochbiy a Tashkent ha una forma rettangolare regolare con un’insolita e sorprendente cupola piramidale. I ricercatori dicono che una tale forma di cupole è tipica per le costruzioni dei nomadi della steppa locale, poiché ricorda loro le cime native delle montagne Tien Shan e Alatau. Durante l’esistenza del mausoleo, la sua cupola fu gravemente danneggiata. Fu restaurato solo negli anni settanta del XX secolo.

La sala del mausoleo ha una forma cruciforme e consiste in quattro nicchie, ai cui angoli si trova un’antica scala circolare in mattoni e hujshras (stanze speciali per gli studenti). La cripta stessa, di forma quadrata, si trova sopra la sala principale.

Le fondamenta della struttura di base sono poste ad una profondità di circa un metro e mezzo e consistono in speciali fortificazioni di legno, grazie alle quali le mura del mausoleo sono rimaste sicure fino ad oggi. La facciata della struttura è praticamente scoperta, solo vicino alla base della cupola sono state conservate le stalattiti ganache del XV secolo. La decorazione della struttura, il disegno decorativo del territorio e il cortile adiacente non hanno potuto essere conservati.

Degno di essere visto

Tashkent - Mausoleo Yunus Khan

Tashkent - Mausoleo Yunus Khan

Non lontano da uno dei luoghi più importanti di Tashkent, il Mausoleo Sheikhantahur, si trova il Mausoleo Yunus-Khan e non molti sanno che personalità straordinaria e sorprendente fosse l’uomo in onore del quale questa struttura fu costruita nel XV secolo. Un fatto interessante è che Yunus-Khan il Moghul (1415-1485) era legato a due figure importanti che hanno lasciato un segno indelebile nella storia dell’Asia centrale. Questo rispettato e influente politico era un discendente di Gengis Khan, il conquistatore mongolo che governò Mawara’unnahr. Il nipote di Yunus-Khan era Zahiriddin Babur, il discendente diretto di Amir Temur, il capo militare che passò molti anni della sua vita a liberare Mawara’unnahr dal dominio mongolo. Inoltre, una delle parenti di Yunus-Khan divenne la moglie di un altro eccezionale rampollo della dinastia Timurid – Mirzo Ulugbek.

Yunus-Khan ha perso il padre all’età di 13 anni, il che ha cambiato radicalmente il suo ulteriore destino. Il ragazzo fu mandato a Herat e poi a Yazd, dove trascorse la sua infanzia sotto la tutela di Sharafiddin al-Yazdi, il famoso autore del “Libro delle Vittorie” (“Zafarnoma”) e storico di corte di Amir Temur. Sotto la guida sensibile del suo saggio maestro, il giovane Yunus-Khan ricevette la migliore educazione: imparò le scienze naturali, la teologia, la letteratura, le lingue araba e persiana, suonò strumenti musicali e cominciò a scrivere poesie. Dopo venti anni di “onorevole esilio” lontano da casa, Yunus-Khan tornò nel 1456 e fu nominato Khan dei Mongoli-Ulus. Dopo aver ottenuto l’appoggio dei Temuridi, divenne governatore di diverse parti di Fergana, e più tardi, grazie all’influenza dello sceicco Khodja Akhrar, aggiunse Tashkent ai suoi possedimenti. Il successo accompagnò Yunus-Khan in tutte le sue imprese, ma nel 1485 fu costretto a rinunciare al ruolo di governatore e a trasferire il potere ai suoi figli perché una malattia – la paralisi – lo aveva colpito. Trascorse due anni prima della sua morte in un monastero derviscio sufi vicino alla tomba di Havendi at-Takhur, dove fu sepolto. In segno di rispetto, i figli di Yunus-Khan hanno costruito un mausoleo.

Il Mausoleo di Yunus Khan è un edificio unico del XV secolo. Questo uno dei pochi monumenti conservati a Tashkent del periodo Temurid non ha praticamente strutture simili in Asia centrale (tranne che in Iran), poiché è costruito a forma di khanaka a T – dimora di dervisci e pellegrini con celle residenziali – hujshras, ospitate in due piani. Il Mausoleo di Yunus Khan, una struttura piuttosto massiccia con una doppia cupola e un portale, colpisce per le sue dimensioni. L’ingresso è decorato con un alto arco a punta. All’esterno, il mausoleo è decorato in un rigoroso stile ascetico: la facciata è decorata solo con griglie di legno, scritte arabe calligrafiche e l’ornamento “girikh”. La porta d’ingresso in legno intagliato fu trasferita al mausoleo di Yunus-Khan negli anni ’30 da una moschea di quartiere demolita. L’interno del mausoleo è decorato con colonne di pietra. Sotto la volta si può vedere un mukarnas, una volta piegata a forma di stalattiti. La sala del mausoleo è aperta su tre lati da aperture e la cupola esterna è costruita su un tamburo cilindrico. Il soffitto a cupola della sala principale ha la forma di archi e vele intersecanti. Il mausoleo di Yunus-Khan è pieno di mistero: un antico strumento orientale, il chang, è stato abilmente installato tra i pannelli della porta, rendendo le porte musicali. Inoltre, la tomba stessa non è stata trovata, la sua vera ubicazione rimane ancora oggi un mistero.

Attualmente, il mausoleo di Yunus-Khan fa parte del complesso dell’Università Islamica di Tashkent.

Degno di essere visto

Tashkent - Mausoleo Zayniddin Bobo

Tashkent - Mausoleo Zayniddin Bobo

Questo mausoleo a Tashkent è dedicato allo sceicco Zayniddin-Bobo (Zaynid-Din-bobo) – il figlio dello sceicco Shahobiddin Abu Khavs, il capo dei sufi a Baghdad, “lo sceicco degli sceicchi” – il fondatore della scuola che più tardi includeva Shamsiddin Kulol, il consigliere spirituale dell’emiro Taraghai – il padre di Temur e Temur stesso.

Lo sceicco Zayniddin è nato nell’anno 1214. La leggenda, scritta dalle parole del guardiano del mausoleo, dice che lo sceicco Shahobiddin Zayniddin Bobo venne da Baghdad a Tashkent 600 anni fa su istruzioni di suo padre e visse a Chillakhona. Dopo la sua morte, i suoi seguaci costruirono un piccolo mausoleo (Chortak) sulla sua tomba.

Più tardi Amir Temur ricostruì il Chortak, ci furono altre 3-4 riparazioni. Sul sito dell’edificio esistente c’era una vecchia rovina Chortak della fine del XIV secolo, i cui resti si trovano sotto l’edificio esistente. Le mura sottostanti risalgono al XVI secolo. La parte superiore dell’edificio dalle vele in su, così come il portale, furono ampiamente ricostruiti alla fine del XIX secolo.
Il mausoleo è un edificio a cupola multicamerale longitudinalmente assiale a quattro portali con un peschtak molto sviluppato, che evidenzia la facciata sud-est come facciata principale.

Una grande sala quadrata racchiusa nel prisma rettangolare dell’edificio principale, a pianta cruciforme per le quattro profonde nicchie al centro delle pareti. La sala è bloccata dalla doppia cupola. Con un tamburo cilindrico interno alto.

I dettagli fini sono decorati con i modelli di arti e mestieri: porta di legno intagliato a due ante ricoperta di ornamenti vegetali. Sopra di essa una finestra con griglia di legno (panjara): un’ampia cornice con un fine reticolo, nel pannello centrale – una stella rotonda girikh, costruita su un triangolo equilatero.

Il reticolo di ganch (panjara), una varietà di disegni decorano le aperture delle finestre grandi e piccole delle facciate secondarie.

Le dimensioni dell’edificio: la pianta complessiva di 16 x 18 m, l’altezza al vertice della cupola – 20,7 m, l’altezza del portale – 14,5 m.

Le iscrizioni del mausoleo sono di epoca successiva e si riferiscono alle sue riparazioni. Sul telaio di legno della porta è inciso: “Il maestro Mir Sharab Abdu Mumin Öghli”, la data è tagliata.

Nell’iscrizione sopra l’angolo sud-ovest del portale c’è la data delle maggiori riparazioni – 1339 AH (1920-1921). Questa riparazione e quella successiva del 1927 hanno deturpato l’aspetto del monumento. Il peshtak una volta era coperto da piastrelle smaltate. Frammenti di piastrelle di maiolica sono stati trovati tra le macerie durante gli scavi.

Il componente più antico del mausoleo è la chillakhona, che fu costruita con mattoni del XI-XII secolo. Il fatto che i mattoni siano stati usati nel XI-XII secolo indica che sono stati utilizzati all’inizio del XIII secolo.

Le parti inferiori del Chillakhona sono sopravvissute fino ai nostri tempi, mentre il Chortak sopra la tomba dello sceicco è apparentemente crollato e fu probabilmente ricostruito più tardi su ordine di Temur, secondo la leggenda.

La Chillakhona è lo spazio per il digiuno di quaranta giorni. Era così “incastrato” nel terreno che solo la cupola con la lanterna di luce è rimasta in superficie.

La Chillakhona consiste in due stanze disposte orizzontalmente: quella superiore è ottagonale con una nicchia mihrab su uno dei suoi lati sud-occidentali, mentre quella inferiore è anch’essa ottagonale ma con dimensioni molto più piccole.

La stanza inferiore è raggiungibile tramite una scala speciale e un corridoio disposto ad angolo retto.

Degno di essere visto

Tashkent - Memoriale Shahidlar Khotirasi

Tashkent - Memoriale Shahidlar Khotirasi

Il Memoriale Shahidlar Khotirasi è stato aperto a Tashkent nel maggio 2002. È dedicato agli abitanti dell’Uzbekistan che furono oppressi negli anni 1920-1940 del XX secolo. In quel periodo più di 100 mila persone erano sotto repressione, più di 13 mila furono fucilate. Tra loro c’erano grandi scrittori e poeti come Abdullah Qodiriy, Fitrat, Chulpon e altri. Anche molti noti politici e scienziati furono giustiziati. L’edificio è stato costruito proprio nella parte della città dove avvenivano le esecuzioni di massa dei condannati.

Affinché la memoria benedetta di queste persone non venga dimenticata, è stato costruito il complesso commemorativo, che ora è diventato uno dei punti di riferimento più popolari e conosciuti della capitale. Un decreto presidenziale ha dichiarato il 31 agosto come Giorno della memoria delle vittime della repressione.

Il Memoriale Shahidlar Khotirasi a Tashkent copre un’area di 17 ettari e comprende un parco, una rotonda e il museo “In memoria delle vittime della repressione”. Quest’ultimo è stato costruito in uno stile classico per l’Oriente, con sculture in legno incredibilmente belle che adornano le pareti e coronato da una cupola dai colori celestiali. Il museo ha fotografie e documentazione uniche che contengono informazioni sui tempi terribili di terrore sanguinoso, sulla lotta del popolo uzbeko per l’indipendenza e sui campi Gulag. Durante l’ultima ricostruzione per espandere le esposizioni, è stata aggiunta una sala per presentare le conquiste dell’Uzbekistan negli anni dell’indipendenza. Il museo è dotato di moderne attrezzature multimediali che permettono di trasmettere su un grande schermo musica, video documentari e altri materiali di valore. Il personale dell’istituzione svolge attività scientifiche ed educative: Studiano documenti d’archivio, raccolgono fatti storici e creano materiale per pubblicazioni artistiche.

La rotonda in onore delle vittime delle repressioni è un’enorme cupola turchese sostenuta da otto colonne di marmo. Ce ne sono due su ognuno dei quattro lati. L’altezza della struttura è di 27 metri.

Le scale di granito conducono alla rotonda da diversi lati. Quando i visitatori li scalano, raggiungono il lato coperto di lastre lucide. Nella parte centrale della rotonda c’è una giada simbolica con un’iscrizione incisa in arabo, uzbeko e inglese che si traduce come: “La memoria dei defunti che hanno combattuto per la loro patria vive per sempre”. Se si alza la testa, si può vedere il bellissimo soffitto blu scuro della cupola dipinto con motivi uzbeki. La sua parte esterna ha un bordo in rilievo, a spigoli vivi, che sottolinea ancora una volta lo stile nazionale dell’edificio.

L’area intorno alla rotonda è progettata come una composizione di passerelle e aiuole. Sono tutti a forma di anelli e semianelli con una rotonda al centro. I fiori nelle aiuole sono piantati in interessanti modelli multicolori.

La bella zona del parco simboleggia la forza d’animo e la perseveranza nelle credenze di coloro che furono vittime delle repressioni di Stalin. Il parco è disposto sulla riva dello stretto canale di Bozsu. Può essere attraversato da un pittoresco ponte che parte vicino alla rotonda. Ci sono anche fontane a livelli che creano un ambiente fresco. Abeti ornamentali, thuas, pini e betulle sono piantati sul terreno. Tutti gli arbusti e gli alberi bassi sono potati regolarmente.

Degno di essere visto

Tashkent - Moschea Khodja Akhrar Vali

Tashkent - Moschea Khodja Akhrar Vali

La Moschea Khodja Akhrar Vali Djuma (Moschea del Venerdì) è la fondazione del Registan Ensemble, situata nella zona della piazza Chorsu Bazaar a Tashkent. È l’unico esempio di moschea di tipo tribunale del venerdì praticato in Asia centrale nel tardo Medioevo.

L’edificio principale è una struttura cuboide, coperta da una cupola con quattro finestre in un tamburo basso. Il muro orientale che si affaccia sul cortile è intersecato da un grande arco. La cupola della struttura è sfero-conica, senza ornamenti. La cupola è basata su vele sfero-coniche. L’arco della nicchia ad arco del portale d’ingresso è a forma di bifora, non centroasiatica, ma piuttosto gotica abrasa. La moschea ha una pianta rettangolare allungata con un grande volume di costruzione all’estremità dell’asse longitudinale est-ovest.

Le fondamenta della moschea furono gettate nel IX secolo, dopo la conquista araba dell’antica Tashkent zoroastriana, allora chiamata Chach.

Nell’819, il giovane emiro Yahya ibn Asad, che aveva appena ricevuto una lettera dal viceré arabo nella parte orientale del califfato per governare tutte le terre di quella che oggi è la provincia di Tashkent, fermò il suo cavallo sulle colline che sono ancora chiaramente visibili tra le tre piazze della città – Chorsu, Chodra e Eski-Juwa. “Qui costruiremo la nostra capitale”, disse Yahya al suo entourage, che si muoveva rispettosamente dietro di lui, “su questa collina sorgerà Madinah ash-Shash, l’avamposto settentrionale di Mawara’unnahr!” Al suo seguito c’erano guardie turche che ripetevano all’unanimità le parole del comandante: “Sì, sì, qui la città di Shash sorgerà!”. Nella lingua dei turchi, “Madina ash-Shash” suona come “Shashkent”. E sul punto più alto della collina scelta, Yahya ibn Asad ordinò di porre la prima pietra della prima moschea del venerdì a Tashkent.

Nel 1432, Ubaydullah Khodja Akhrar, una delle figure più famose della vita sociale della dinastia Temurid, nato nel 1404 nel villaggio di montagna di Boghistan vicino a Tashkent, visitò Tashkent. Alla sua partenza, Khodja Akhrar ordinò la costruzione di una grande moschea del venerdì e di una madrasa nella vecchia Gulbazar Mahalla di Tashkent. La leggenda narra che Ubaydullah guadagnò il denaro per la costruzione vendendo ritagli di filo che si formavano da soli sui bordi di rotoli di stoffa tagliati in pezzi standard. Che sia vero o no, tuttavia, sulle vecchie fondamenta lasciate dalla prima moschea di Tashkent al tempo di Yahya ibn Asad, un caratteristico bugnato con una cupola e un soffitto a volta aperto a est è sorto a metà del 15° secolo.

Di fronte al vecchio ingresso principale della moschea, che si trovava sul lato nord, nel 1451 fu costruita una modesta medresina a un piano. Oggi non esiste più, poiché l’amministrazione cittadina decise nel 1954 di demolirlo per i mattoni necessari al restauro degli edifici vicini.

Tashkent, come si chiama la città, si trova vicino alle montagne, nella zona sismica. Pertanto, molti degli edifici monumentali medievali qui hanno spesso sofferto dei terremoti, a volte addirittura crollando del tutto. La Moschea del Venerdì non è stata risparmiata da frequenti restauri. Nel XIX secolo, durante il periodo d’oro dello stato indipendente di Tashkent sotto l’amministrazione dell’hokim (sindaco) di Sheikhantahur Yunus Khodja, la cupola principale fu riparata a fondo e le gallerie a volta con celle intorno a un lungo cortile interno furono completamente ricostruite.

Gravi danni alla moschea principale furono causati da un forte terremoto nel 1868, che danneggiò visibilmente la maggior parte dei monumenti dell’architettura medievale di Tashkent. La moschea è stata fuori uso per quasi due decenni. Fu solo nel 1888 che fu finalmente restaurata a spese dello zar russo Alessandro III, motivo per cui divenne nota come “Moschea dello zar”. E anche se l’aspetto dell’edificio ha dovuto essere leggermente alterato durante la ricostruzione, fa ancora un’impressione molto impressionante. Basta dire che è la terza moschea del venerdì più grande dell’Uzbekistan. Solo due edifici di questo tipo – Bibi-Khanum a Samarcanda e la Moschea Kalon a Bukhara – sono migliori.

In passato, quando non c’erano edifici alti, la cupola della moschea Khojah Akhrar Vali Dzhuma poteva essere vista da tutti i lati, specialmente dal bazar Chorsu, il più antico di Tashkent, che si muove nello stesso punto da più di mille anni. L’insieme architettonico intorno alla moschea Khodja Akhrar Vali Dzhuma è ora quasi completamente distrutto, ad eccezione di un edificio pesantemente restaurato della Medrese Kukaldash e della cupola della moschea Gulbazar Mahalla. Oggi, l’aspetto originale di questo notevole angolo della storica Tashkent può essere immaginato solo attraverso rare fotografie d’epoca.

All’epoca in cui la fotografia era ancora agli inizi, i fotografi amavano arrampicarsi sulla cupola alta 15 metri dell’edificio principale della Moschea Khodja Akhrar Vali per scattare foto a volo d’uccello del panorama della vecchia Tashkent con le loro attrezzature allora imperfette.

La moschea è stata ricostruita nel 2003, utilizzando metodi moderni di costruzione e decorazione. Ora non una, ma tre grandi cupole coronano la storica collina della Città Vecchia, la moschea sembra chic e festosa e molte persone vengono qui. E la posizione conveniente – nelle vicinanze si trova uno dei più antichi bazar di Tashkent.

Degno di essere visto
Minor Moschee in Taschkent

Tashkent - Moschea Minor

Tashkent - Moschea Minor

Uno degli edifici religiosi più recenti di Tashkent è la Moschea Minor. La moschea si trova sulla riva rinnovata dell’Ankhor (canale), che è molto paesaggistico e adatto alla ricreazione.

Anche se la moschea non è associata a eventi storici, non è avvolta da leggende misteriose, vale la pena visitarla per ammirare la bellezza e l’interno traforato. È giustamente considerato uno degli edifici più belli della capitale uzbeka. Vale anche la pena guardare la moschea da lontano, dalla riva dell’Ankhor (canale) – l’edificio bianco come la neve con la cupola blu brillante sembra incredibilmente maestoso e allo stesso tempo fragile, come un miraggio nel deserto.

L’ingresso per i visitatori è gratuito. Tuttavia, si applicano le regole dell’abbigliamento islamico. Le gambe e le spalle devono essere coperte, le donne ricevono un foulard all’entrata. Il cortile è aperto al pubblico, ma solo gli uomini sono ammessi nella moschea stessa. Per le donne, c’è una piccola stanza recintata con delle sbarre.

La costruzione è iniziata nell’estate del 2013 e un anno dopo, alla vigilia di una delle feste più sacre per il popolo musulmano, il Kurban Bairam, le porte della nuova Moschea Minor sono state aperte alla popolazione dell’Uzbekistan il 1° ottobre 2014.

I fondi per la costruzione della moschea principale nella capitale sono stati forniti dal bilancio statale dell’Uzbekistan e dall’amministrazione spirituale dei musulmani uzbeki. La moschea era dotata delle ultime tecnologie, il che era evidente nei bagni separati con tutte le comodità per i fedeli.

Decorato con marmo bianco, l’edificio della Moschea Minor è progettato per ospitare 2.400 visitatori alla volta. Questo fa della Moschea Minor uno dei più grandi centri musulmani di Tashkent. L’edificio è in stile religioso uzbeko, con cupole azzurre che ricordano il Registan di Samarcanda.

All’interno, la moschea ha un aspetto tradizionale per un luogo di culto dell’Asia centrale: un mihrab (una nicchia nel luogo di culto musulmano rivolta verso la Mecca) con versi del Corano e citazioni del Profeta Muhammad (S.A.V), pareti in gesso con intricati intagli e affreschi. Il mihrab locale è stato creato come una copia esatta del mihrab di Samarcanda.

Oltre alla sala di preghiera a due piani, l’edificio della moschea comprende: le stanze per le abluzioni e le terrazze che portano al cortile interno con colonne di legno intagliato.

Degno di essere visto

Tashkent - Moschea Namozgoh

Tashkent - Moschea Namozgoh

La moschea di Namozgoh fa parte del famoso centro islamico di Tashkent, la piazza Hast Imam, che in passato serviva come zona di terra dove la gente si riuniva durante le grandi feste religiose.

La costruzione di tutto il complesso religioso iniziò nel XVI secolo, la sua parte attuale è il mausoleo di Abubakr Muhammad Kaffal Shashi, il più venerato imam di Tashkent. Anche la piazza santa ha preso il suo nome.

La moschea Namozgoh fu costruita nel 1865 e da allora è la più grande moschea di Tashkent, dove si prega durante le feste di Ramadan e Kurban Hayit. Dal 1971 ospita l’Istituto Islamico di Tashkent. Negli ultimi anni, questo monumento architettonico ha subito alcune piccole modifiche.

La moschea Namozgoh di Tashkent fu poi ricostruita come il Mausoleo Hazrati Imam, la Muyi-Muborak Medrese e la Barakkhan Medrese, che furono costruite nel XVI secolo. La costruzione della moschea durò dal 1845 al 1865, prima che Tashkent fosse conquistata dalla Russia, fu costruita per i khan di Kokand che conquistarono la città nello stesso secolo.

Il sovrano del Khanato di Kokand a metà del 19° secolo era Khudoyar Khan, il cui lignaggio risale alla dinastia uzbeka della dinastia Ming. Il suo regno ha visto alti e bassi, perdita e ripristino del potere. Tashkent si unì al Khanato di Kokand nel 1807-1808 anni prima che Hudojar-khan salisse al trono, ma questo è precisamente quando la costruzione del santuario di Namozgoh iniziò nel 1845 dopo la sua prima adesione.

La costruzione del luogo di culto durò fino al 1865, dopo di che scoppiò la guerra tra la Russia e Kokand e la città fu catturata dalle truppe russe guidate dal tenente colonnello Mikhail Chernyaev. La moschea non è stata distrutta nonostante le ostilità e la gente poteva sempre venire qui per assistere alle preghiere del venerdì o delle feste.

La moschea rimase un luogo di culto fino alla rivoluzione del 1917, quando fu distrutta e saccheggiata. Il restauro della moschea non iniziò fino agli anni ’70 e lo sceicco Ziauddinhan ibn Eshon Babahan, che all’epoca era presidente dell’amministrazione spirituale dei musulmani dell’Asia centrale e del Kazakistan, prese il controllo del processo.

Nel 1971, lo sceicco chiese alle autorità sovietiche il permesso di aprire un collegio sul terreno del santuario; fu subito intitolato all’Imam al-Bukhari, che era un famoso teologo islamico.

L’istituto è stato fondato sulla base dei corsi aperti nel 1970 per la formazione avanzata degli Imam Khatib. Durante il periodo sovietico, l’Istituto era l’unico istituto di istruzione islamica superiore in Unione Sovietica che formava i chierici musulmani per la parte europea del paese, l’Asia centrale, la Siberia, il Kazakistan e il Caucaso.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, l’istituzione educativa sul terreno del santuario è stata rinominata “Istituto islamico di Tashkent” ed è ora sotto l’amministrazione dei musulmani dell’Uzbekistan. Dagli anni 2000, i diplomati dell’istituto ricevono un diploma di laurea.

L’istituto forma Imame-Khatibs, studiosi islamici e insegnanti di lingua araba. Si insegnano studi religiosi, scienze politiche, storia delle religioni e storia dell’Uzbekistan, ecologia, una serie di scienze teologiche, varie lingue, eloquenza, letteratura e calligrafia. L’arabo e l’uzbeko sono usati nell’insegnamento.

La moschea è una struttura allungata, attualmente si affaccia sul cortile dell’istituto, le sue dimensioni sono 56 per 15 metri, per la sua progettazione è stato utilizzato lo stile tradizionale orientale. Il santuario è coronato da una cupola blu che si estende fino al cielo ed è decorato con griglie di finestre in ganch e pittura ornamentale. La premessa invernale del santuario è la sala cruciforme che si sovrappone a un’alta cupola su entrambi i lati, da cui si estendono due file di gallerie a cupola a quattro campate. Parallelamente a loro, la colonna aivan è attraversata da un albero.

I costruttori hanno usato mattoni bruciati per costruire i muri della moschea. Mancano le decorazioni degli interni, l’unico dettaglio è la nicchia mihrab della sala principale, che è poco profonda e di piccole dimensioni, e i mukarnas di stalattiti nell’arco. La volta stessa è decorata con un panjara intagliato.

Per molti anni, la gente del posto ha tramandato la leggenda che i capelli d’oro del profeta Maometto si trovano tra le mura del luogo sacro. Questa storia gode di grande popolarità e attira alla moschea folle di turisti da molto lontano, così come pellegrini da tutte le parti del mondo. Ogni anno, il santuario è visitato da migliaia di religiosi che vogliono ascoltare gli hadiths sacri di persona, ma anche commemorare i grandi pensatori e toccare la storia antica.

Degno di essere visto

Tashkent - Museo della storia dell'Uzbekistan

Tashkent - Museo della storia dell'Uzbekistan

Il Museo Statale di Storia dell’Uzbekistan a Tashkent è uno dei più antichi musei della capitale e di tutta l’Asia centrale. Precedentemente il Museo Lenin, risale alla fondazione del Museo Popolare del Turkestan.

Il Museo Statale di Storia dell’Uzbekistan è stato aperto il 12 luglio 1876 con il suo nome originale – Museo Popolare del Turkestan, fondato su richiesta di scienziati russi e amanti della storia naturale, antropologia ed etnografia. Nel corso del tempo, il museo aumentò costantemente la sua esposizione principale e prese parte a molte mostre internazionali: Parigi (1900), Milano (1906) e molte altre. Il Museo Storico dell’Uzbekistan ha contribuito ad aprire musei storici a Samarcanda nel 1896 e a Fergana nel 1899.

Nel febbraio 1919, il museo fu rinominato “Museo di Stato del Turkestan” e poi cambiò il suo nome ancora una volta in “Museo principale dell’Asia centrale”.

Nel XX secolo, il museo ha cambiato nome e sede alcune altre volte. Oggi, il Museo Statale della Storia dell’Uzbekistan si trova in viale Rashidov a Tashkent, in un edificio costruito nel 1970 appositamente per il Museo Lenin.

L’esposizione del Museo della Storia dell’Uzbekistan copre la storia del paese dai tempi antichi fino al presente. La struttura dell’esposizione del museo è stata creata sul principio della continuità e della progressione della storia e della cultura sul territorio dell’Uzbekistan dai tempi antichi al presente. Le mostre raccontano il ruolo e il posto del patrimonio culturale creato qui nella storia della civiltà mondiale.

Lo scopo dell’esposizione museale è di mostrare ai visitatori le regolarità e le peculiarità dello sviluppo storico dell’Uzbekistan, la grandezza della storia del paese attraverso oggetti di cultura materiale, artistica e spirituale: vari utensili, stoviglie, specchi di rame, gioielli e cosmetici. La mostra è stata creata sulla base di criteri globali della scienza storica, ma tenendo conto delle regolarità e delle peculiarità della storia dell’Uzbekistan stesso.

Al piano terra del museo c’è un ufficio amministrativo, una sala cinema e una sala conferenze per 50 persone, dove si tengono varie conferenze scientifiche e seminari. Le esposizioni del museo occupano il terzo e quarto piano dell’edificio. L’area espositiva totale è di 2500 metri quadrati. Il numero di reperti supera i 10 mila e il numero di oggetti fino a 250 mila.

Alcuni dei reperti più famosi del Museo di Storia dell’Uzbekistan sono l’impressionante bollitore Sak in bronzo realizzato nel IV-V secolo a.C. e la scultura di Buddha con due monaci, chiamata “Triade”, realizzata approssimativamente nel I secolo d.C. e trovata dagli archeologi durante gli scavi nella regione Surkhandarya dell’Uzbekistan. Il museo espone anche campioni di ceramiche e tessuti antichi, e una collezione piuttosto grande di monete antiche, oltre a rari materiali d’archivio e documenti scritti a mano, carte storiche e fotografie.

Oltre ai vari tesori storici dell’Uzbekistan, il museo è anche orgoglioso degli eroi moderni del paese – campioni di lotta freestyle, kurash, tennis e i detentori del record di alpinismo che hanno conquistato il monte Everest nel 1998.

Nel progettare l’esposizione, è stato fatto un ampio e vario uso di complessi di reperti archeologici, materiale etnografico, monete, fonti scritte, fotografie. L’esposizione del Museo Statale di Storia dell’Uzbekistan cambia costantemente, viene migliorata e completata con nuovi reperti, creando spesso nuovi dipartimenti e mostre.

Nell’agosto 2011, per la prima volta nella storia di tutti i musei dell’Uzbekistan, il Museo Statale di Storia dell’Accademia delle Scienze Uzbeka ha aperto un museo per bambini chiamato “Nel mondo delle meraviglie”. Questo museo è destinato ai bambini dai 4 ai 14 anni.

L’obiettivo principale del Museo dei Bambini è quello di aiutare i bambini a sviluppare e arricchire la loro conoscenza della storia attraverso programmi e mostre non tradizionali, interessanti e a misura di bambino, così come mostrare e dimostrare le loro abilità e capacità nella pratica.

In archeologia, hanno l’opportunità di effettuare scavi archeologici utilizzando l’esempio del monumento antico “Kampirtepa su un piccolo terreno argilloso”. Nella sezione “Numismatica” si studia la storia e il valore delle monete dei diversi periodi storici. Nella sezione “Ceramica” puoi conoscere la storia e i metodi di fabbricazione della ceramica nazionale. Nella sezione “Ricamo” imparerete a ricamare gli zucchetti. Nella sezione “Belle Arti” possono non solo imparare a creare quadri, ma anche provare a creare dipinti, miniature e così via. Nella sezione “I doni dell’Uzbekistan”, i bambini imparano la coltivazione di vari ortaggi e frutta, mais, cotone e bachi da seta nel paese.

Il museo dei bambini ha anche un “Teatro delle marionette”, che espone una collezione antica di costumi tradizionali e marionette tradizionali uzbeke raccolte durante 110 anni, e permette ai bambini di mettere in scena loro stessi delle rappresentazioni scegliendo il loro personaggio preferito.

Questa parte del museo è molto importante per i bambini per acquisire conoscenze e abilità pratiche in diversi aspetti della vita scientifica, culturale ed economica, e promuove un grande amore e rispetto per la conoscenza, per il lavoro e per la loro patria.

Degno di essere visto

Tashkent - Museo della storia Temurid

Tashkent - Museo della storia Temurid

Il Museo Statale Uzbeko di Storia Temurid (o, come è popolarmente conosciuto, il Museo Amir Temur) si trova nella capitale dell’Uzbekistan – nel cuore della città di Tashkent. È stato aperto nel 1996 ed è dedicato al potente sovrano, il leader mongolo Amir Temur (o Tamerlano) e alla storia dello sviluppo dell’intera regione dell’Asia centrale durante il suo regno e la sua dinastia.

Il museo partecipa spesso a varie esposizioni internazionali, quindi ha fatto conoscere i suoi valori materiali e spirituali in tutto il mondo. Alcuni rari manufatti della collezione sono stati anche esposti in varie mostre straniere: la francese “Timurid Revival”, la tedesca “Expo-2000”, l’australiana “Colours of Fabrics and Ceramics” al Power House Museum. Varie mostre si tengono costantemente al Museo Temurid: “Manoscritti rari” in collaborazione con l’ambasciata indiana, “Pittura in miniatura” con l’ambasciata iraniana e “Oman lontano e vicino” con il Dipartimento Nazionale del Sultanato di Oman.

Quando il paese fu riconosciuto indipendente nel 1991, si cominciò a prestare grande attenzione al ripristino della cultura uzbeka e a riconoscere il valore di varie figure storiche che avevano avuto un ruolo importante nello sviluppo della società civile. Amir Temur è una tale personalità, un leader politico e militare, creatore di nuove riforme culturali, scientifiche ed educative e creatore di relazioni commerciali. Avendo creato un grande paese, consolidò il suo potere unendo i popoli dell’Uzbekistan. Il regno di Amir Temur contribuì allo sviluppo delle arti scientifiche e culturali, educative e architettoniche, musicali e visive.

L’anno 1996 fu dichiarato “Anno dell’Amir Temur”, il suo 660° compleanno fu celebrato ampiamente nel paese e come risultato l’Uzbekistan decise di costruire un museo statale nel centro della città di Tashkent che rappresentasse la storia dei Temuridi. L’apertura cerimoniale del museo ha avuto luogo nell’autunno 1996 e ha visto la partecipazione di ospiti locali e stranieri.

La cupola blu del museo evoca i ricordi del Mausoleo dell’Emiro Gur a Samarcanda. Anche se il museo è stato costruito secondo le tradizioni dell’architettura medievale, soddisfa tutti i requisiti moderni.

L’edificio del museo stesso è un edificio rotondo con una cupola standard in stile orientale. Questo museo di Tashkent si sviluppa su 3 piani, tutti, ad eccezione del piano terra, raccontano la storia dei Temuridi. Gli interni del museo sono decorati con marmo e dipinti, colonne e miniature, e anche con oro, che è stato utilizzato per la decorazione più di 20 kg. Sulle pareti delle sale ci sono affreschi che rappresentano la vita di Amir Temur. Nel museo c’è anche un lampadario di cristallo con un’altezza di 8,5 metri, composto da 106 mila pendenti.

Il Museo di Storia Temuridica ha circa 5 mila reperti, tutti relativi all’epoca di Amir Temur e della dinastia Temurid. Circa 2 mila di questi oggetti sono esposti nelle sale del museo. Il museo presenta la genealogia di Amir Temur, la sua ascesa al potere, le campagne militari, le relazioni diplomatiche e commerciali, le principali tappe dello sviluppo della città, l’educazione e la scienza. Ci sono anche reperti relativi ai membri della dinastia Temurid: le armi, le mappe, le monete, le miniature, i manoscritti, le ceramiche e i gioielli.

Le mostre:

  • Abbigliamento da guerriero (secoli XIV-XV)
  • Abbigliamento e copricapo da donna
  • Pannelli e lampadari di cristallo
  • Ceramica del XII secolo
  • Un modello del mausoleo di Gur-Emir (15° secolo, Samarcanda)
  • Cultura e storia della scrittura in Uzbekistan
  • La città-fortezza di Shakhrukhia
  • Il nostro patrimonio all’estero
  • Amir Temur-Klavikho-Samarkand
  • Episodi della vita di Amir Temur
  • Amir Temur e i Timuridi attraverso gli occhi degli artisti
  • L’era di Amir Temur e dei Timuridi attraverso gli occhi di studiosi e scrittori

I principali reperti del museo includono anche una copia del Corano di Usman e un impressionante pannello dedicato alla vita di Amir Temur. È eseguito nello stile della pittura in miniatura e diviso in 3 parti che rappresentano la vita del sovrano dalla nascita alla morte.

La mostra intitolata “Doni” mostra vari dipinti di Amir Temur di diversi tempi, i doni del Museo del Louvre in Francia e la corrispondenza tra Amir Temur e la dinastia Temurid con altri paesi, tra cui Pakistan e Iran, Malesia e Cina, Russia e Kazakistan, Turchia e Georgia.

Degno di essere visto
Museum in Tashkent

Tashkent - Museo delle Arti Applicate

Tashkent - Museo delle Arti Applicate

Il Museo Statale delle Arti Applicate dell’Uzbekistan si trova a Tashkent, nell’ex palazzo del diplomatico russo Alexander Polovtsov Junior. La storia della formazione del futuro museo inizia nel 1927 con l’organizzazione della mostra in cui i migliori maestri dell’Uzbekistan presentarono le loro opere, col tempo divenne un’istituzione permanente. Le opere che si erano accumulate nel corso degli anni servirono come base per la mostra del Museo delle Arti e dei Mestieri di Tashkent, fondato nel 1937, che fu poi rinominato Museo delle Arti Applicate dell’Uzbekistan.

Le volte del museo contengono diverse migliaia di oggetti d’arte che rivelano pienamente la storia dello sviluppo delle arti e dei mestieri in Uzbekistan, come la goffratura, la gioielleria, l’intaglio del legno e la ceramica, così come la tecnica originale del ricamo in oro.

Tutti gli oggetti conservati nel museo sono divisi in tre sezioni. Sono gli oggetti d’arte applicata creati secondo le regole delle vecchie tradizioni e scuole, opere d’arte della seconda metà del secolo scorso create secondo i canoni dei maestri popolari. L’ultimo, terzo gruppo sono le opere di artigiani moderni, che utilizzano prodotti ornamentali tradizionali, tenendo conto dello sviluppo dei rami moderni dell’attività creativa.

Non meno interessante per i visitatori è l’edificio del museo, che è un esemplare di arte architettonica e decorativa della fine del XIX secolo. Dei maestri intagliatori di talento hanno lavorato agli interni.

Il nucleo della collezione del museo consiste in opere create durante il periodo sovietico, ma troverete anche opere precedenti e opere contemporanee di arte applicata. I visitatori possono anche vedere ceramiche – brocche, vasi, servizi, vasi e altri oggetti creati da centri di ceramica nazionali riconosciuti. I pezzi di porcellana sono accattivanti per la loro ornamentazione e l’abilità degli artisti, che spesso usavano motivi di poesia nel loro lavoro.

Il ricamo a mano affascina anche molti visitatori del museo. Si caratterizza per la diversità delle tecniche, poiché quasi ogni regione ha il suo stile unico di ricamo. L’esposizione presenta campioni di scultura del legno, qui si possono vedere porte e colonne intagliate, mobili, scrigni, stoviglie, decorati con questo tipo di artigianato. Le signore dovrebbero essere particolarmente interessate ai gioielli – gioielli per la testa, il seno, le spalle e i capelli, così come anelli e bracciali.

La collezione è decorata con ricami in oro, strumenti musicali, miniature in lacca e dipinti su legno, cristallo e vetro, tappeti e palazzi, zucchetti, costumi tradizionali.

Di tanto in tanto, vengono organizzati per i visitatori spettacoli di gruppi di danza nazionali e mostre di costumi tradizionali. Nel cortile del museo ci sono negozi di souvenir dove è possibile acquistare vari prodotti artigianali come ricordo della vostra visita a questo paese originale.

I visitatori di molti paesi riconoscono la popolarità dell’artigianato uzbeko, poiché ogni articolo è unico a modo suo. Nessuno può rimanere indifferente agli oggetti belli della creazione umana. Le arti applicate e i mestieri degli artigiani uzbeki contribuiscono al tesoro della cultura tradizionale non solo del loro paese, ma anche del patrimonio culturale mondiale. Il tappeto originale di Bukhara o il tessuto di seta nazionale rappresentano lo spirito distintivo di questi paesi orientali. Opere in legno e ceramica, incisioni e gioielli portano il calore delle mani dei loro creatori e la loro visione estetica della bellezza.

Come funzionario del Ministero dell’Interno, Polovtsov è stato inviato a Tashkent per indagare sulle questioni di reinsediamento in Asia centrale. Il suo segretario Andreev trovò e comprò per lui una casa in città, che fu poi ricostruita in stile orientale. I migliori maestri della pittura, dell’intaglio del legno e del ganch furono portati per decorare gli interni del palazzo. Una delle stanze più decorate dell’edificio è la sala centrale, che era destinata a ricevere ospiti nobili. Le sue pareti sono decorate con sculture gunch riccamente ornate e sono state anche decorate con colori a tempera.

Il soffitto di legno a tre piani della stanza è coperto di dipinti ornati; colonne decorate con intaglio e pittura sono state erette per sostenerlo. I camini, che sono un esempio dell’abilità degli intagliatori, si fondono con successo nell’interno. Quando si entra nella sala, si desidera soffermarsi sulla porta per studiare i suoi graziosi intagli traforati. Altre sale, anche se non così ricche, sono anche decorate con gusto con sculture in legno e gesso e murales. Nel 1970, sono state aggiunte altre stanze allo storico edificio principale per aumentare lo spazio espositivo.

Degno di essere visto

Tashkent - Museo Islam Karimov

Tashkent - Museo Islam Karimov

Il nome completo di questo museo di Tashkent è molto lungo e lussureggiante in stile orientale: il Museo del Complesso Memoriale Scientifico-Educativo intitolato al primo presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Islam Karimov, sotto il presidente della Repubblica dell’Uzbekistan. Fino a poco tempo fa, l’edificio in cui si trova era uno dei più chiusi e inaccessibili alla visita del pubblico. Si trova in via Afrosiab a Tashkent ed è meglio conosciuto come “Oqsaroy Residence”. Il museo, la cui missione è di preservare la memoria di Islam Karimov, è stato aperto nel 2017. La scelta del luogo per l’organizzazione del museo non è casuale. Durante la vita di Karimov, il Palazzo Oqsaroy (tradotto: Palazzo Bianco) servì come sua residenza di lavoro.

Il lussuoso palazzo di 5.460 metri quadrati è diventato un monumento al leader autoritario che ha governato l’Uzbekistan per 27 anni ininterrotti, prima come primo segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista dell’SSR Uzbeko e dal 1991 al 2016 come primo presidente dell’Uzbekistan indipendente.

L’organizzazione del Museo di Islam Karimov a Tashkent è stata avviata dopo il decreto del Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan il 25 aprile 2017. Oltre al museo, la struttura del complesso commemorativo comprende: un centro scientifico ed educativo, una biblioteca con una sala di lettura e una sala conferenze. Il complesso museale di Oqsaroy è stato creato con il sostegno della Fondazione repubblicana di beneficenza di Islam Karimov, che è diretta da sua moglie Tatyana Karimova e dalla figlia Lola Karimova-Tilliyeva.

Oggi, l’esposizione è ospitata in due sale del palazzo. Una delle sale è dedicata ai documenti fotografici dell’archivio personale di Karimov, la seconda contiene la sua collezione d’arte. Qui sono esposti quadri che rappresentano il ritratto del presidente in diversi periodi della sua vita. È interessante notare che Islam Karimov non ha mai posato per i pittori, hanno fatto dei ritratti di lui dalle sue fotografie. Ci sono immagini del primo presidente che si rivolge all’ONU, parla ai bambini e recita preghiere con gli anziani. In altre immagini, appare come un bogatyr mitologico, sconfiggendo una tigre a mani nude o combattendo avvoltoi e falchi – simboli del terrorismo e dell’estremismo.

Oltre ai dipinti, alle fotografie rare e agli oggetti personali del primo presidente dell’Uzbekistan, il museo ha dei monitor interattivi dove si possono trovare tutte le informazioni sulla vita e il lavoro di Islam Karimov.

I visitatori possono percorrere il palazzo accompagnati da una guida e vedere le stanze dove si tenevano i ricevimenti dell’ambasciata, le riunioni e le celebrazioni durante la vita del primo presidente. Nelle sale della residenza, i pavimenti in parquet di legno pregiato, lo stile sobrio e allo stesso tempo lussuoso del design interno con predominanza di colore bianco, in conformità con il nome della residenza – Oqsaroy – White Palace.

La costruzione del complesso museale nell’ex residenza del primo presidente dell’Uzbekistan ha richiesto una riorganizzazione dello spazio intorno al museo. Durante la vita di Karimov, l’intero territorio dell’Oqsaroy era circondato da una recinzione di cemento e accuratamente sorvegliato; ai cittadini era vietato attraversare la zona, il passaggio delle auto era limitato e le scale che portavano all’argine Ankhor erano coperte di terra. Lungo la via Afrosiab, il palazzo era bloccato da alti scudi e tutti i passaggi erano pattugliati da guardie.

Dopo la decisione di aprire il museo di Islam Karimov, le recinzioni di protezione sono state smantellate, le passerelle lungo la strada del fiume e intorno al palazzo sono state sistemate, le panchine sono state installate e le aiuole sono state piantate.

Un monumento – una figura di Islam Karimov fusa in bronzo su un alto basamento – è stato posto davanti all’ingresso principale del museo. Il monumento è stato inaugurato nell’agosto 2017 alla presenza del presidente Shavkat Mirziyoyev e di Tatyana Karimova. Il suo creatore – lo scultore Ilham Zhabbarov – ha vinto un concorso internazionale tra 68 progetti per il monumento. Il famoso scultore è anche l’autore del monumento ad Amir Temur sulla piazza omonima nel centro di Tashkent.

Degno di essere visto

Tashkent - Piazza Amir Temur

Tashkent - Piazza Amir Temur

Piazza Amir Temur è una piazza con un piccolo parco nella parte centrale di Tashkent in Uzbekistan. La storia della piazza inizia nella seconda metà del ⅩⅨ secolo, quando la regione del Turkestan, chiamata in seguito Governo Generale del Turkestan, fu incorporata all’Impero Russo. Tashkent divenne la residenza dei governatori generali russi. Negli anni 60-80 ⅩⅨ secolo fu allestito un parco nel centro della città, intorno al quale furono costruiti ginnasi femminili e maschili, una banca statale e un seminario per insegnanti. L’edificio del liceo femminile ospita ora l’Istituto di diritto di Tashkent. Il complesso di edifici storici intorno alla piazza è stato conservato con cura. La chiesa di Sant’Alessandro Nevskij del seminario degli insegnanti, costruita nel 1898 dall’architetto A. Benua, non si è conservata.

Dopo la morte del governatore generale Konstantin Kaufman, la sua tomba fu situata nel parco e la piazza fu chiamata Konstantinovsky per molto tempo. Nel 1913, con l’aiuto di donazioni, un monumento a più figure con un’aquila a due teste e l’iscrizione: “Per Konstantin Petrovich von Kaufman e le sue truppe che conquistarono l’Asia centrale” fu eretto nel centro del parco. Il monumento fu distrutto dopo la rivoluzione del 1917 e il basamento aveva una ricca storia. Nel periodo sovietico c’erano molti monumenti: la bandiera e i cannoni, la falce e il martello, la colonna con la scrittura araba, Lenin, Stalin, una stele con il programma della CPSU, Karl Marx. E il parco, che per un breve periodo fu un giardino pubblico intitolato a Maria Spiridonova, fu chiamato il Giardino Pubblico della Rivoluzione. Il parco è stato utilizzato per raduni in anni diversi: il partito comunista negli anni 20-30, e dagli anni 60 – raduni di tatari di Crimea che chiedevano di tornare in Crimea dopo la deportazione. Dal 60-ⅩⅩ secolo un ristorante e una gelateria aprirono qui, la “gioventù dorata” cominciò a riunirsi. La piazza divenne un luogo popolare per le riunioni e la ricreazione.

Alla piazza fu dato il nome Temur un anno dopo che l’Uzbekistan dichiarò l’indipendenza nel 1994, e da allora è ornata da una statua equestre del grande conquistatore Amir Temur, creata dallo scultore Ilhom Jabbarov. Amir Temur è un simbolo per consolidare il popolo uzbeko basato sulla memoria delle grandi gesta dei suoi predecessori. Il conquistatore e generale che creò un potente impero nel XIV secolo, soggiogò gli stati dell’Asia Centrale e Minore, Caucaso, India, Turchia, appare seduto su un cavallo in abito imperiale. Il motto del famoso Temur – “Forza nella giustizia” – è scritto sul piedistallo in quattro lingue.

Nel corso degli anni, molte attrazioni sono sorte intorno alla piazza, formando il volto moderno di Tashkent: l’Hotel Uzbekistan, il Museo di Storia Timuride, il famoso Carillon di Tashkent e il grandioso Palazzo dei Fori, coronato da una cupola alta 48 metri. Accanto al parco è Arbat Tashkent – una strada pedonale Sailgoh, dove gli artisti di strada disegnano ritratti di passanti, vendono souvenir, artigianato e dipinti. Si può scegliere tra paesaggi orientali, zucchetti e turbanti, scarpe orientali in tessuto, ceramica uzbeka e gioielli.

Nel 2009, la piazza Amir Temur, dove si trova il parco a Tashkent, ha subito una grande ricostruzione. Al posto del vecchio parco, fu creata una piazza aperta con fontane, sentieri, prati e alberi appena piantati.

Degno di essere visto

Tashkent - Piazza dell'Indipendenza

Tashkent - Piazza dell'Indipendenza

Piazza dell’Indipendenza (Mustaqillik Maydoni in uzbeko) è la piazza principale dell’Uzbekistan e si trova nel cuore di Tashkent, la capitale di questo paese dell’Asia centrale. I cittadini si riuniscono spesso qui per celebrare le feste nazionali, nei giorni feriali e nei fine settimana si possono incontrare coppie in luna di miele e in generale c’è sempre un’atmosfera vivace e piacevole qui.

La zona del parco si trova vicino all’Ankhor – canale del fiume cittadino, sulle cui rive si possono spesso vedere i residenti di Tashkent che si rilassano. Lungo la piazza si può fare una piacevole passeggiata sotto il mormorio e gli spruzzi delle magnifiche fontane alte sette metri. Anche i maestosi viali di cipressi meritano un’attenzione speciale – bisogna semplicemente vederli con i propri occhi.

La Piazza dell’Indipendenza è l’attrazione turistica centrale di Tashkent con una storia complicata che risale al XIX secolo.

Nel 1865, il Khanato di Kokand cessò di esistere e Tashkent fu annessa all’Impero russo. Si decise di ricostruire la città in modo europeo secondo il piano generale, che prescriveva la disposizione delle aree e delle strade lungo una certa pianta (centrale-radiale). Il palazzo del Khan di Kokand, che si trovava non lontano dal sito attuale di Mustaqillik Maydoni, fu distrutto e al suo posto fu iniziata la costruzione di una residenza per il governatore generale del Turkestan (l’edificio fu chiamato Casa Bianca). Presto la piazza di fronte a questo palazzo fu chiamata Piazza Sobornaya, poiché la Cattedrale della Trasfigurazione (militare) fu costruita sul suo lato opposto. Negli anni ’30 la cattedrale fu demolita e la piazza fu ribattezzata Piazza Rossa.

Nel 1956 ci fu un’altra ridenominazione – la piazza fu intitolata a Lenin. Nell’aprile del 1966, Tashkent fu colpita da un forte terremoto che distrusse quasi completamente la parte centrale della città. Questo disastro costrinse a una ricostruzione radicale, che fu completata nel 1974. Il risultato è stato un’area 3,5 volte più grande. Questa piazza di Tashkent ha ricevuto il suo nome attuale “Piazza dell’Indipendenza” nel 1992 dopo il crollo dell’URSS e la secessione dell’Uzbekistan dalla sua struttura.

Il Monumento a Lenin (realizzato dallo scultore N. Tomski durante la ricostruzione della piazza) fu smantellato nel 1991 e al suo posto fu eretto il Monumento all’Indipendenza dell’Uzbekistan su un vecchio basamento. Raffigura un globo fuso in bronzo con i contorni ipertrofici dei confini dell’Uzbekistan e simboleggia il riconoscimento dell’ex Unione Sovietica come stato indipendente e membro paritario della comunità internazionale.

La ricostruzione generale ha dato alla piazza un aspetto moderno e gli edifici sono stati restaurati e rifiniti. La prima cosa che la gente vede all’entrata della piazza è l’Arco delle “Buone e Nobili Intenzioni”, che porta il nome ufficiale “Ezgulik”. La struttura è composta da sedici colonne di marmo chiaro collegate dalla sovrapposizione, su cui sono state poste figure di cicogne, simbolo di pace e serenità.

Dall’insieme di colonne parte un vicolo, su entrambi i lati del quale si trovano le fontane e i parchi più impressionanti. Il vicolo porta al Monumento dell’Indipendenza e al Monumento della Madre Felice. La figura di una donna che tiene un bambino è stata installata ai piedi del monumento nel 2006. Il Monumento della Madre Felice rappresenta la Patria e la sua cura per i “bambini” – il popolo uzbeko.

Sul lato sinistro della piazza si trovano il Senato (fino al 2003 è stato sostituito dalla Biblioteca Alisher Novoi), il Gabinetto dei Ministri della Repubblica dell’Uzbekistan, vari ministeri e altri edifici amministrativi. Di fronte agli uffici governativi c’è un parco con un viale della memoria e della gloria in omaggio ai caduti della Grande Guerra Patriottica.

Sui lati sinistro e destro del vicolo ci sono gallerie con colonne di granito e legno intagliate. Quattordici stele rappresentano quattordici regioni del paese. Su queste lastre ci sono libri commemorativi in cui sono scritti in oro tutti i nomi dei coraggiosi uzbeki che hanno dato la loro vita per difendere la loro patria contro gli invasori fascisti. Alla fine del vicolo si trova il Monumento all’Indipendenza e all’Umanesimo. La gente ricorda ancora il prezzo sanguinoso che i loro antenati hanno pagato per la libertà dei loro figli, quindi si possono vedere fiori posati al monumento tutto l’anno.

Degno di essere visto

Tashkent - Torre della TV

Tashkent - Torre della TV

Ogni città ha il suo biglietto da visita e Tashkent non fa eccezione. Si può vedere da lontano, e per osservare la creazione fatta dall’uomo, basta guardare in alto dal basso. Questa è la Torre della TV di Tashkent – una delle torri televisive più belle e più alte dell’Asia centrale.

Negli anni ’60, la televisione e la radio presero un posto fisso nella vita culturale dell’Uzbekistan. Il primo centro televisivo uzbeko alto 180 metri, costruito nel 1957, non poteva più coprire completamente i quattro milioni di persone della capitale e della regione di Tashkent. Inoltre, c’era la necessità di estendere le trasmissioni radio e televisive alle lontane regioni di montagna.

Il 1° settembre 1971, il Dipartimento per la costruzione del Centro Radiotelevisivo di Tashkent fu istituito sotto il Ministero delle Comunicazioni della Repubblica dell’Uzbekistan (ora Agenzia Repubblicana per le Comunicazioni e l’Informazione). I preparativi per il progetto di una nuova torre televisiva sono stati avviati in breve tempo. Il progetto è stato studiato e testato a fondo, poiché la costruzione di un tale grattacielo non aveva precedenti.

Finalmente, nel 1978, è iniziata la costruzione della nuova torre televisiva. Tutti i materiali necessari sono stati attentamente studiati, i requisiti tecnologici e gli standard sono stati osservati. L’attrezzatura in acciaio è stata consegnata a Tashkent dalla Germania.

La durata di qualsiasi costruzione dipende, ovviamente, dalle fondamenta. Le quattro colonne della torre televisiva e i tre piloni annessi sono stati sollevati da una profondità di 11 metri e poggiano su fondazioni in cemento armato non legate, creando un sistema classico in grado di mantenere un equilibrio molto elevato.

La costruzione della torre televisiva è stata realizzata dai costruttori del dipartimento “11-Balandqurilish”. Gli autori del progetto erano Y.P. Semashko, N.G. Terziev-Tsarukov e i suoi progettisti erano E.P. Morozov e M.D. Musheev. Ci sono voluti sei anni per costruire la torre. Il compito degli specialisti era di erigere l’edificio più alto di tutta l’Asia centrale e allo stesso tempo di risolvere tutti i problemi.

Le gravi condizioni invernali del 1984-85, l’altezza di 480 metri sul livello del mare, i venti regolari e la salita dell’attrezzatura hanno reso difficile misurare con precisione la pendenza. Ciononostante, i costruttori hanno avuto successo.

La torre è stata costruita con una gru speciale che può sollevare 25 tonnellate di carico ad un’altezza di 240 metri. La torre televisiva è anche dotata di tre veloci ascensori svizzeri Shindler, che non sono ancora stati utilizzati nel nostro paese e possono raggiungere un’altezza di 220 metri.

Il 15 gennaio 1985, la bandiera ha cominciato a sventolare nel punto più alto dell’edificio. L’attività della Tashkent TV Torre è impensabile senza i suoi dipartimenti e laboratori speciali. Il centro ha più di una dozzina di laboratori, stazioni televisive e radio nella regione di Tashkent.

L’altezza della torre televisiva è di 375 metri, è dotata delle più moderne tecnologie e attrezzature per la trasmissione radiofonica e televisiva. Il peso totale della costruzione supera le 6.000 tonnellate.

La lobby della Torre TV è decorata con pannelli a mosaico riccamente ornati e modelli delle torri più alte del mondo. La torre televisiva di Tashkent occupa il decimo posto tra questi.

Chiunque può salire sulla piattaforma panoramica e visitare il ristorante “Koinot” ad un’altezza di 110 metri. Il ristorante ha due sale: “Blu” in stile nazionale e “Rosso” in stile europeo. Lì puoi sederti a un tavolo su una speciale piattaforma rotante e ammirare una vista mozzafiato di Tashkent a volo d’uccello. Di notte, la torre brilla con migliaia di luci e affascina con la sua bellezza e grandezza – il simbolo del lavoro umano e del progresso tecnico.

Degno di essere visto

Tashkent - Zoo

Tashkent - Zoo

Lo zoo di Tashkent è uno dei luoghi più popolari per le uscite con i bambini nella capitale dell’Uzbekistan. Lo zoo di Tashkent è stato fondato nel 1924 sul territorio dell’ex serraglio di 3 ettari nella casa di campagna di una delle autorità. Nonostante il piccolo territorio, il parco si sviluppò e migliorò, e nel 1940 la sua collezione di animali contava circa 200 specie. Mezzo secolo dopo, nel 1994, fu iniziata la costruzione di un nuovo zoo, il cui territorio era situato accanto al Giardino Botanico. Nel 1997, lo zoo si è trasferito in una nuova sede e ha aperto le sue aree rinnovate al pubblico.

Oggi, la superficie dello zoo di Tashkent è di 21,5 ettari e ospita 373 specie di animali. Ci sono 12 mostre di animali e uno zoo di contatto per i visitatori. I nuovi terreni hanno grandi recinti per gli animali, compresi i grandi recinti invernali. Ci sono laghi artificiali e fontane, cascate e un canale d’acqua, un grande stagno con un bel ponte, e numerosi luoghi di riposo e sculture di animali in una piacevole area verde.

Il parco zoologico di Tashkent ha più di 10 mostre di animali – “Acquario”, “Terrario”, “Primati”, “Pappagalli”, “Uccelli”, “Rapaci”, “Uccelli acquatici”, “Ungulati”, “Invertebrati”, “Piccoli mammiferi”, “Vivarium”, “Stazione di allevamento di animali”, “Zoo di contatto”, “Casa delle farfalle”. Vicino all’entrata c’è il cosiddetto angolo dei bambini, dove sono tenuti piccoli uccelli e animali.

Uno degli edifici “Climatron” unisce 4 mostre dove c’è un clima confortevole per gli animali – l’acquario, il terrario, i primati e la sezione con uccelli esotici. L’acquario dello zoo contiene circa 100 metri cubi di acqua marina e circa 200 metri cubi di acqua dolce. Vi nuotano creature d’acqua dolce e salata, tra cui il pesce elefante, il pesce persico tigre, il pacu nero e il pesce reale di Nyasa. Il numero totale di specie di uccelli acquatici è di circa 165 specie. C’è anche molto da ammirare tra le più di 50 specie di abitanti del terrario, tra cui una varietà di serpenti, tartarughe, gechi, eulypharas, iguane, agami, skinks e coccodrilli.

Le specie di primati allo zoo sono rappresentate da macachi e gibboni, mandrilli e pavoncelle, e il lemure gatto. Mentre i visitatori si divertono a guardarli, c’è anche la reazione inversa: anche loro si divertono a guardare i visitatori. Gli uccelli esotici includono un gran numero di pappagalli in una varietà di colori e specie.

I predatori sono tra i residenti più popolari dello zoo. Il parco zoologico di Tashkent ospita varie specie di orsi, lupi, sciacalli, volpi, tigri e leoni. Tra gli uccelli che vivono lì ci sono più di 30 specie diverse – rapaci come la poiana, avvoltoi, grifoni, condor, falchi saker, falchi, aquile, aquile reali, così come i simpatici struzzi, pavoni ed emù. I piccoli mammiferi sono una mostra separata. Questi includono ricci, nutrie, criceti, marmotte, maras, scoiattoli, conigli, istrici, topi, porcellini d’India, tassi e un piccolo lory grasso.

Anche il gruppo degli ungulati è molto carino e popolare tra i visitatori – canguri sorprendenti, grandi elefanti, daini e lama, yak e cervi, montoni e capre, ippopotami e cammelli e una lunga e umile giraffa.

I recinti degli uccelli acquatici con cigni, oche, aironi, pellicani, quack e altri uccelli sono recintati e ombreggiati da grandi alberi. La casa delle farfalle è uno dei luoghi più visitati dello zoo. Grandi e piccoli abitanti con le loro belle ali volano qui tra il verde, le cascate e i visitatori. C’è anche un piccolo stagno con pesci colorati nella casa delle farfalle.

Sul territorio dello zoo ci sono un sacco di diversi servizi aggiuntivi e di intrattenimento per bambini e adulti:

  • Caffè e vari punti vendita di bevande, gelati e altre delizie
  • Negozio con giocattoli e souvenir
  • Parchi giochi per bambini
  • Una grande zona di intrattenimento e attrazioni per i bambini vicino al
    stagno (noleggio di auto elettriche, trampolini, giostre)
  • Noleggio di catamarani
  • Poligono di tiro
  • Passeggiate su pony, cavalli e cammelli
  • Giro in carrozza
  • Giro su un treno a vapore attraverso lo zoo
  • Escursioni
  • Servizi fotografici con animali
  • Noleggio di carrozzine

Degno di essere visto
Minarett in Vabkent

Vabkent - Minareto

Vabkent - Minareto

Il Minareto di Vabkent si trova nella città di Vabkent, distretto di Vabkent, regione di Bukhara. La letteratura specializzata menziona la sua somiglianza con il minareto Kalon di Bukhara, ma la dimensione è più piccola e la decorazione del minareto di Vabkent è peggiore.

Dall’esterno, il minareto è coperto da mattoni levigati disposti in ordine sfalsato. Sotto la lanterna del minareto c’è un’iscrizione in terracotta scolpita e ricoperta di smalto.

L’iscrizione afferma che il minareto fu costruito da Bukhara Sadr Burkhan ad-Din Abd-al Aziz II nel 595 AH (1198 – 1199). L’alto minareto può essere visto da lontano sulla strada verso la città.

Il minareto di Vabkent è una delle creazioni più raffinate dell’architettura uzbeka della fine del XII secolo. Secolo. La data di inizio della costruzione (1196 – 1197) si può leggere sotto le iscrizioni Kufi nel gradino decorativo inferiore che circonda la torre.

E sul piano superiore, c’è scritto in grafia “Diwani”: “Questo minareto è stato costruito nei mesi del 595”. Il minareto di Vabkent ha delle rifiniture più scadenti ed è 7 metri più basso del minareto Kalon di Bukhara.

Tuttavia, le proporzioni più sottili dello scafo fanno apparire il minareto di Vabkent più alto e più aggraziato di quello di Kalon. Il minareto è sfalsato all’esterno e rivestito con mattoni tagliati.

Sotto la lanterna c’è un’iscrizione smaltata in terracotta intagliata. Il minareto è alto quasi 39 m, 6,2 m di diametro in basso e 2,8 m in alto. L’esile tronco ascendente dell’enorme colonna è coronato da una lanterna a più archi con una magnifica cornice di stalattiti alla base e in cima.

Si può raggiungere questa rotonda solo attraverso la scala a chiocciola. Il tronco del minareto è decorato con cinture ornamentali (muratura figurativa, terracotta intagliata con ornamenti epigrafici e geometrici), tra le quali corrono campi lisci di rivestimento.

È disposto in coppie di mattoni con inserti tra loro di “archi” verticali e mattoni puntiformi, diversi su tutti i piani. Ognuno è piacevole all’occhio a modo suo.

La notevole uniformità di composizione qui è ottenuta attraverso raffinate interpretazioni del metodo di base.