Leggenda di Chupan-Ata - Turkestan Travel

Leggenda di Chupan-Ata

Secondo la leggenda di Chupan-Ata, un re crudele visse più di mille anni prima del Profeta. Radunò un esercito di centocinquantamila uomini e decise di prendere Samarcanda, sterminare gli abitanti vecchi e deboli e portare in cattività quelli sani e belli. Lo zar crudele decise di prendere Samarcanda e di fermarsi dove oggi si trova Chupan-Ata. Il re crudele decise di non attaccare immediatamente la città, ma di aspettare tre giorni finché gli abitanti spaventati si sarebbero rifugiati dietro le forti mura di Samarcanda e vi avrebbero portato le loro ricchezze. “Allora attaccheremo e faremo più bottino, ma fino ad allora dobbiamo essere pazienti”, disse il re.

Quando videro che un grande esercito nemico si stava avvicinando alla città, gli abitanti furono così spaventati che persero la testa per la paura. A quel tempo, la gente di Samarcanda era ancora pagana. Tuttavia, il re di Samarcanda era consapevole che il paganesimo non era la vera fede, ma un inganno. Quando la catastrofe colpì, ordinò quindi che tutti gli idoli fossero frantumati e rotti e che gli abitanti pregassero per la salvezza il Dio della terra e del cielo, dell’ovest e dell’est. Il re si ritirò in una stanza buia e pregò per tre giorni senza uscire. Gli abitanti salivano di notte sui loro tetti, si mettevano a nudo e pregavano. A quel tempo non c’erano profeti o leader tra loro e consideravano i profeti precedenti come impostori. Nella loro angoscia, riconobbero il vero Dio e pregarono: “O Dio del cielo e della terra! Togli questo problema dalla nostra testa, liberaci dal nemico.

Passarono tre giorni e arrivò la notte in cui il nemico voleva prendere la città. Quella notte una montagna apparve dalla Siria e coprì l’intero esercito nemico – non un solo uomo, non un solo cammello, non un solo cavallo, non una sola cosa nemica rimase – tutto fu inghiottito dalla montagna, tutto fu perso e nulla sfuggì.

Al mattino, gli abitanti sorpresi di Samarcanda videro la montagna, su cui c’era un terreno pianeggiante e l’accampamento nemico, di cui non c’era traccia. I più audaci si misero a vedere la montagna, e dietro di loro tutta la città accorreva, spronata dalla curiosità. La gente rimase ancora più stupita quando vide un uomo sul pendio della montagna che sembrava e vestiva come se fosse uno straniero. L’uomo stava dormendo con una pala sotto la testa. Si svegliò e si guardò intorno con stupore, si asciugò gli occhi e finalmente chiese: “Dove sono, cos’è questo posto!” Gli fu detto che il posto era Samarcanda e gli fu chiesto chi era e da dove veniva! Poi ha detto loro che era un agricoltore della Siria, che ieri era il suo turno di irrigare il campo, che il suo campo era in pendenza, che era stanco e si era addormentato nel campo e non sapeva cosa fare dopo. In effetti, c’erano coltivazioni tutt’intorno. Allora gli abitanti della città si accorsero che il Signore aveva spostato questa montagna dalla Siria e aveva sepolto sotto di essa il re crudele e tutto il suo esercito.

Ancora oggi, qui sono stati scavati vari oggetti militari come armature, carri armati, lance, frecce, ecc. Chiunque può convincersi che la montagna è davvero una montagna della Siria confrontando le rocce che compongono le montagne della Siria con quelle di Chupan-Ata – sono assolutamente identiche.

Samarcanda è anche soprannominata Mahfuza – la conservata. Perché si chiama così è chiaro dalla narrazione.

Secondo un’altra versione della leggenda di Chupan-Ata, gli abitanti videro un pastore circondato da un gregge di pecore. Ecco perché la collina è anche chiamata Chupan-Ata (Chupan significa pastore, Ata significa padre).

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...