La leggenda di Shirak - Turkestan Travel
DIE LEGENDE VON SCHIRAK

La leggenda di Shirak

Nel settimo secolo a.C., le tribù del popolo scita che vivevano a est lungo il corso inferiore del Syr Darya attaccarono la Mydia, la base del successivo impero persiano. Queste tribù erano i Saci. Nel 530 a.C., le truppe di Ciro II furono sconfitte in una battaglia contro i Massagets, guidati dai Tomyris. I persiani non potevano perdonare i nomadi per queste sconfitte ingiuriose, e nel 520 a.C. Dario I decise di lanciare una campagna contro i Saci per spezzare finalmente la resistenza dei nomadi.

Dario I raccolse 700.000 soldati contro i Saci. Questo dimostra che non solo intendeva sottomettere i Saci, ma perseguiva anche altri obiettivi. Conquistando gli Sciti, avrebbe indebolito la posizione degli Sciti del Mar Nero, che potevano sottomettersi ai Persiani senza l’aiuto dei loro parenti orientali. Dopo aver conquistato la regione del Mar Nero, Dario fu in grado di lanciare una campagna di successo contro le città-stato greche.

A quel tempo non c’era un’autorità unificata nella terra dei Saci. Numerose tribù dei Saci combattevano per il territorio e i pascoli e si attaccavano costantemente tra loro. Secondo la leggenda, tra loro c’era un capo tribù, Skunkha, il cui figlio Shirak era uno di migliori guerrieri Saci. Ma Shirak ha preferito vivere una vita tranquilla, badando al gregge di pecore e vivendo in amore e felicità con la sua famiglia. Ma un giorno la tribù di Shirak fu attaccata dai vicini Saci, che erano stati corrotti da Dareus. La moglie di Shirak fu uccisa nella battaglia e lui stesso fu ferito. Cavalcò lontano nella steppa, vi seppellì la sua amata e la pianse per sette giorni. Il settimo giorno giurò sulla tomba di sua moglie che si sarebbe vendicato dei traditori dei Sacchi e dei Persiani.

Quando tornò alla sua tribù, si presentò ad un consiglio dove erano riuniti i capi dei Saci Omar, Tamir e Saqesfar. Hanno discusso un piano di difesa. Shirak ha proposto il suo piano. Ha detto: “Siamo ora sul bordo di un deserto desolato e senz’acqua. Dopo di noi arriva Dario con il suo esercito. Se attiriamo i persiani, li conduciamo nel cuore del deserto, i persiani moriranno. La vita è data all’uomo una volta sola; un giorno la morte arriverà comunque. Non è meglio morire perché i posteri si ricordino di te che di un uomo che ha dato la vita per la sua patria e il suo popolo? L’unica cosa che chiedeva era che si prendessero cura dei suoi figli.

Dopodiché, Shirak si stracciò tutta la faccia, gli tagliò le orecchie e il naso e andò nel campo persiano. Quando fu portato davanti a Dario, quest’ultimo gli chiese perché avesse tradito il suo popolo, al che Shirak rispose: “Guarda cosa mi hanno fatto! Devo vendicarli! Vi condurrò con delle deviazioni nelle retrovie dell’esercito scita. Ecco come li ripagherò per essersi presi gioco di me!”.

I persiani credevano a Shirak. Disse loro di mangiare cibo solo per sette giorni. Shirak li condusse nel deserto senz’acqua. Molti persiani morirono di sete e di calore durante il viaggio. Shirak promise loro che avrebbe condotto le truppe alle oasi, ma le truppe andarono sempre più lontano nel deserto e non c’era acqua. Allora Ranasbat, il comandante persiano, puntò la sua spada alla gola di Shirak per ucciderlo. Shirak esclamò: “Questa è la vittoria!” e cadde morto.

Le unità persiane si ritirarono dal deserto con gravi perdite. Lo stesso re Dario I sopravvisse, ma gli ordinò di lasciare la terra dei Saci. Più tardi ottenne molte vittorie su altri popoli dell’Asia e dell’Europa, ma i picchi rimasero fuori dalla portata delle frecce persiane.
Il ricordo di Shirak e della sua grande devozione al suo popolo ha resistito attraverso i millenni, e ancora oggi viene cantato nelle fiabe e nelle canzoni popolari dei popoli dell’Asia Centrale.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...