Leggenda del Mausoleo Daniele - Turkestan Travel

Leggenda del Mausoleo Daniele

Sulle rive di un piccolo affluente dello Zerafshan, il Siyab, si trova un luogo sacro sul quale sono scese delle benedizioni. Secondo la leggenda, i resti di Daniele, un profeta biblico del Vecchio Testamento, sono sepolti qui in questo mausoleo. L’altra versione dice che qui giace Doniyar (Doniel) – il compagno del predicatore arabo Qussam ibn Abbas, ma tutte le opinioni concordano che Doniyar è un santo venerato da persone di tutte e tre le religioni del mondo.

Si crede che lo spirito del santo sepolto qui protegga la città di Samarcanda e porti prosperità e benessere. I fedeli vengono qui per pregare nel mausoleo e chiedere aiuto. I pellegrini rendono un omaggio speciale alla sorgente ai piedi del mausoleo.

Quindi chi è sepolto nel mausoleo di Samarcanda? Secondo una versione, i resti di San Daniele furono portati a Samarcanda da Amir Temur. Secondo la leggenda, il Grande Temur intraprese una campagna in Asia Minore e conquistò quasi tutte le città. Tuttavia, quando si avvicinò a una piccola città dell’Iran – Suza – con il suo enorme esercito, non poté prenderla perché la città oppose una resistenza senza precedenti e non si arrese all’invincibile esercito. Amir Temur chiese alla gente del posto e al suo maestro spirituale perché non poteva prendere la città e ricevette la risposta che la città era custodita dallo spirito di Daniele, il profeta ebreo del Vecchio Testamento. Annunciò la fine dell’assedio e chiese agli abitanti della città di condurlo alla tomba del santo. Trascorse un po’ di tempo con le reliquie, convinse gli incaricati a seppellirle e il mattino seguente inviò una carovana con i resti del santo a Samarcanda.

Secondo un’altra leggenda, quando la carovana raggiunse Samarcanda, i cammelli si fermarono improvvisamente in un posto che assomigliava a Suza e non si mossero. Per quanto i mahout ci provassero, i cammelli non si muovevano. Si decise allora di seppellire i suoi resti mortali e di costruire un mausoleo al suo posto.

Un’altra versione dice che i resti del Profeta Tabba sono nel mausoleo. Questa versione è menzionata nella “Piccola Qandiya” che si riferisce alle parole dello sceicco Hodja Abdu-Darun di Samarcanda: “… il Profeta di Allah attraversò il fiume Jeyhun (Amu Darya) e raggiunse Samarcanda. Era un abile indovino. La gente della città gli ha mostrato il suo rispetto. Si stabilì qui e morì a Samarcanda. In arabo era chiamato Tabba nabi (Profeta Tabba). Il Profeta disse: “Io, Muhammad figlio di Abdullah, ho trovato la perfezione della conoscenza del mondo nascosto nella sua tomba”. E chiunque voglia ascoltare la rivelazione deve servire nel Mazar del Profeta ogni venerdì dopo le preghiere del venerdì…”

Un’altra leggenda afferma che i resti di Daniele, un compagno del Qussam ibn Abbas, riposano nel mausoleo. Questa versione è riportata dallo storico arabo Abu-Tokhir Hodja nella sua opera Samaria (fine XIX secolo). Egli scrive che molte persone confondono Daniele con il giusto arabo Hodja Daniel, che venne a Samarcanda con Qussam ibn Abbas, un cugino del Profeta Muhammad, per diffondere l’Islam. Secondo questa versione, Hodja Danyol era particolarmente rispettato dagli abitanti di Samarcanda.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...