Storia di Merv - Turkestan Travel
Merv - Turkmenistan

Storia di Merv

La storia della nascita della prima città sul sito di Merv antica risale al VII secolo a.C. La città era circondata da un forte muro di fortezza alto circa 25 metri, il sito attuale di Erk Kala.

Molto rapidamente, la città crebbe fino a diventare la capitale di tutta l’oasi. Nella città c’erano templi, caserme, la casa del governatore e altri edifici. Quando il grande comandante dell’esercito Alessandro Magno arrivò in questa città nel IV secolo a.C., rimase impressionato dall’originalità e dalla bellezza della zona e ordinò di costruire sei forti vicino alla città e di circondare la zona con una forte fortificazione.

In seguito, la prima città della storia di Merv Alexandria si chiamava Margiana. I Macedoni ebbero un breve dominio nel territorio dell’attuale Turkmenistan. Dopo la morte di Alessandro nel 332 a.C., il suo vasto impero crollò e Merv divenne parte del nuovo stato di Seleuco.

Il re seleucide Antiochus Soter (280 – 261 a.C.) costruì una nuova città – Antiochus Margiana, l’attuale Gyaur Kala. A metà del III secolo a.C., i popoli dell’Asia centrale si rivoltarono contro l’Impero Seleucide, causando la perdita di grandi regioni storiche come Partenone e Bactria all’Impero Seleucide.

Nel II secolo a.C., il re partico Mitridate conquistò la città di Merv. Il viaggiatore moderno conosce la storia di questi edifici nella zona del parco storico di “Ancient Merv” sotto il nome di Kyz Kala. Nel VII secolo, gli arabi presero il posto dei Sasanidi.

In fuga dalle persecuzioni, l’ultimo re sasanide Yezdigerd di Merv arrivò a Merv. Il sovrano decise di scendere a compromessi con gli invasori, e nel 651 gli arabi conquistarono Merv senza combattere, facendone un trampolino di lancio per la conquista di tutta l’Asia centrale.

L’antica Merv ha giocato un ruolo importante nella storia del califfato islamico. Nel IX secolo, Merv era governata dalla dinastia locale Tahirid. Nei due secoli seguenti, Merv fece parte degli stati Tahirid, Samanid e Ghaznavid e poi dei Grandi Selgiuchidi.

Nel 1040, i Selgiuchidi sconfissero i Ghaznavidi a Dandanakan vicino a Merv e cominciarono a costruire la capitale orientale del loro giovane impero, ora Sultan Qala, a Merv.

Si trova accanto al Gyaur Kala, ma non gli è inferiore per dimensioni. Nel 1092, il sovrano di Merv e del Nord Khorosan divenne il figlio di Melik Shah, il grande e leggendario Selgiuchide Sanjar, che aveva conquistato il vasto territorio dell’Asia centrale, dell’Iran, dell’Afghanistan e dell’Asia minore.

La Merv selgiuchide, con le sue numerose biblioteche, attirava come una calamita i famosi studiosi dell’epoca. La città di Sultan Kala fu distrutta senza pietà dalle orde di Tuloyi Khan, il figlio di Gengis Khan.

Juweini scrisse: “… l’esercito mongolo entrò nella città. L’intera popolazione, senza distinzione di proprietà, fu portata fuori dal paese ad eccezione di 400 artigiani e di una parte dei bambini di entrambi i sessi che furono fatti prigionieri, l’intera popolazione di Merv insieme a donne e bambini fu uccisa…”.

Secondo Juweini, fino a 700 mila persone sono state uccise a Merv. A due chilometri dalla Merv medievale si trovano le rovine della Merv tardo medievale, note ai viaggiatori moderni come Abdulahan Qala e Bairam Ali Khan Qala.

Abdulahan Qala fu costruita nel XV secolo dai discendenti di Amir Temur. Bairam Ali Khan fu l’ultimo sovrano di Merv nel XVIII secolo. Nel 1999, i monumenti dell’antica Merv sono stati iscritti nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

L’antica città di Merv è la riserva più importante del Turkmenistan per quanto riguarda i monumenti spirituali. Qui si possono trovare le tracce di religioni antiche come lo Zoroastrismo, associato al culto del fuoco, e il Manicheismo – una dottrina religioso-filosofica, una varietà dello Zoroastrismo, che fu stabilita in Iran alla fine della prima metà del III secolo.

Anche il cristianesimo e il buddismo erano diffusi nell’antica Merv. Gli arabi portarono con sé una nuova religione, l’Islam, e a loro volta i costumi della popolazione locale si rifletterono anche in alcuni rituali musulmani.

Gli arabi, che conservavano le tradizioni della vita nomade, si stabilirono soprattutto fuori della città, vicino alla porta occidentale di Gyaur-kala, lungo il canale Razik, dove cominciò a formarsi una zona residenziale, il rabat. Dopo l’adozione dell’Islam, diverse moschee permanenti furono costruite a Merv.

Alla fine della X. Nel secolo scorso, Merv divenne uno dei centri fortificati dello stato selgiuchide. Più tardi, sotto Alp Arslan (1063-1072) – il successore del primo sovrano selgiuchide Tagrul-Bek – Merv divenne la capitale.

Dopo la morte del sultano Sanjar nel 1157, la dinastia selgiuchide cadde in declino, e il mausoleo costruito sulla sua tomba divenne la più magnifica struttura religiosa del Turkmenistan.

I brevi decenni di dominio dei Khorezmshakh, che presero il controllo di Merv subito dopo la morte del sultano Sanjar, furono buoni per la città. La costruzione di edifici religiosi fu intensa, come attesta il grande geografo Yakut al-Hamawi (che visse a Merv dal 1216 al 1219): “Merv-Shahijan (persiano per ‘anima del re’) è la famosa Merv, la più famosa delle città del Khorasan e la sua capitale….

Il sultano Sanjar ibn Malikshah as-Seljuqi vi visse fino alla sua morte. La sua tomba si trova in un grande mausoleo con una finestra a grata rivolta verso la moschea della cattedrale.

La sua cupola blu può essere vista a un giorno di viaggio …. Se non fosse stato per la distruzione causata dall’invasione tartara, non avrei lasciato Merv prima di morire perché la gente lì è così gentile, amichevole e servizievole e ci sono così tanti libri sulle basi della scienza.

Al momento della mia partenza c’erano dieci depositi di libri – waqf…”. La migliore e più prosperosa città del Khorasan cessò di esistere nel 1221 quando fu completamente sconfitta dalle orde mongole e la sua intera popolazione fu spazzata via.

Negli anni 1450, Mirza Sanjar, un pronipote di Amir Temur, governò su Merv. Costruì una nuova città, le cui rovine sono ora conosciute come Bairam-Ali Khan-Kala – dal nome del sovrano turkmeno che possedeva brevemente Merv.

La storia del periodo Temurid a Merv può essere vista non solo nel muro della fortezza di Abdullah Khan-Kala, ma anche in una struttura monumentale nella parte meridionale di Iskander-Kala sotto forma di due aivan a volta e tombe venerate di compagni del Profeta, Ashab’s Bureyda ibn al-Husseib al-Aslami e al-Hakam ibn Amr al-Gifari.

Il XVIII secolo è segnato a Merv dalla moschea di Khoja Yusuf di Hamadan, che si trova dietro il muro nord di Iskander-Kala. Nelle strade tra Mary e Bairam-Ali ci sono numerosi monumenti di diverse epoche, di cui la Moschea Talhatan-Babad e, più vicino a Merv, il vecchio e molto fatiscente mausoleo di Khudoy-Nazar Auliye sono i più significativi.

Nella periferia nord della vecchia Merv si trovano diverse strutture antiche, tra cui una grande moschea con i resti di un minareto. Molti monumenti di valore sono stati conservati nelle vicinanze della vecchia Merv.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...