Leggenda di Emir Timur - Turkestan Travel
Ak-Saray Palast in Shahrisabz

Leggenda di Emir Timur

L’emiro di Shahrisabz Bekbuwa invitò una sera un astrologo a casa sua e gli chiese: “Dimmi, dotto indovino, chi mi strapperà il potere su questa terra! E il dotto astrologo, che Bekbuwa aveva appositamente incaricato dalla Persia, dopo aver indovinato le stelle della sera, disse: “O Signore! Perirai per mano di un forte guerriero di nome Timur. Allora il sovrano chiese: “Ora dove vive questo guerriero per mano del quale devo perire?”. Allora l’astrologo rispose: “Questo guerriero non è ancora nato; non nascerà prima di due mesi. La madre del bambino vive nel villaggio di Ilgar vicino alla capitale della vostra ricchezza”. Il sovrano decise di distruggere il bambino non ancora nato. Dei guerrieri furono mandati al villaggio per catturare la donna incinta e distruggerla nel grembo di colui per mano del quale il bambino doveva morire.

La conversazione tra il sovrano e l’astrologo fu ascoltata da una cameriera. Era l’amica d’infanzia della madre di Timur. La cameriera salì a cavallo, prese la via più breve per raggiungere la casa di Taragan e gli raccontò la minaccia. Il padrone di casa partì per i guerrieri del Bey e mandò sua moglie in un lungo viaggio accompagnata da una cameriera e due servi, uno dei quali era Haqqul.

Dopo diverse ore di viaggio, la moglie incinta si sentì male e pregò Batyr Haqqul di fermarsi. Ma lui non ne volle sapere, perché aveva paura che venissero raggiunti dagli inseguitori. La giovane donna entrò in travaglio prematuramente, o per la velocità del viaggio o per l’eccitazione. Poi Batyr Haqqul decise di fermare la sua piccola carovana. In lontananza, i viaggiatori videro una luce tremolante. Si è rivelata essere la casa solitaria di un contadino. Qui i fuggitivi trovarono riparo. Presto la giovane donna partorì. È nato un bambino. Si chiamava Timur. E il luogo di nascita si chiamava Chirahchi, che significa “splendente”.

Quando il contadino che dava rifugio ai nottambuli vide il ragazzo, disse: “Questo bambino è destinato a crescere per essere un grande guerriero e un conquistatore di molte terre. Anche se io, come agricoltore e capofamiglia, non voglio che le guerre vengano combattute, il destino ha voluto così e non si può sfuggire.

Il giorno dopo, la donna in travaglio, per salvare il bambino dal disastro imminente, scese il fiume Kashkadarya fino alla città di Karshi con i suoi compagni su un kajuk (una zattera di legno). Lì ha trovato rifugio presso il principe locale e ha vissuto con Tamerlan per tre anni. Poi è tornata in patria. Il sovrano di Bekbuw non dimenticò la predizione dell’indovino e cercò di cacciare Timur dal mondo con ogni mezzo.

Il ragazzo crebbe vivacemente, si divertiva a fare giochi di guerra con i suoi coetanei, e all’età di dieci anni iniziò a vagare con suo padre, il sultano Taragai. Al giovane ragazzo fu insegnato il jigging e l’uso della lancia e della sciabola da Palvan Haqqul. Il ragazzo era industrioso, perseverante, poteva stare tutto il giorno senza mangiare, non scendeva dalla sella per molto tempo, non era inferiore agli adulti nei lunghi viaggi e nelle missioni militari.

Quando il ragazzo aveva dodici anni, incontrò l’emiro di Shahrisabz, che teneva una gara di lotta (kurash) nel suo palazzo. Era consuetudine tenerli a corte nei giorni delle grandi feste. La gente accorreva da tutte le parti a questi concorsi e il vincitore riceveva un titolo onorifico e un premio.

Il primo evento è stato il concorso Dzhigit per i gruppi di età più giovani. Il figlio del Bek di Shahrisabz, Hüseyin, di solito li vinceva tutti. Era fisicamente sviluppato, forte e resistente. In quegli anni, i governanti cercavano di preparare i loro figli ad una vita difficile, perché essere un governante significava dimostrare costantemente non solo la propria intelligenza ed educazione, ma anche la propria pretesa di potere. Quando nessuno era disposto a combattere contro Hüseyin, Timur si offrì volontario, anche se aveva due anni in meno del suo rivale.

Tutti i presenti hanno seguito la lotta tra i due principi – l’erede al trono del Bey di Shahrisabz e il figlio del sultano Taragai – con particolare eccitazione. Timur combatté un feroce duello dal quale uscì vittorioso. Avrebbe ricevuto il titolo onorifico di batiro e una pelle di leopardo come ricompensa. Ma l’emiro Bekbuwa, infuriato dall’esito della battaglia, ordinò ai suoi guerrieri di catturare Timur e di giustiziarlo. Il giovane Batyr fu legato e portato al trono. Il popolo, però, gridò indignato: “Non è giusto! Il vincitore non sarà condannato!”. L’Emiro non aveva altra scelta che lasciare andare Timur.

Ma Emir non era uno che lasciava andare il temerario facilmente. Per ordine del sovrano di Shahrisabz, le gambe di Timur furono rotte in modo che non potesse più andare in battaglia. Da allora zoppicava con la gamba destra. Lui, il futuro dominatore del mondo, sarebbe diventato noto in Europa come Tamerlano – dalla parola turca “Temirlang”, che significa “lo zoppo di ferro”.

Anche se era diventato zoppo, non ha perso la calma, non ha avuto paura. Il giovane divenne fisicamente e mentalmente più forte e con invidiabile perseveranza iniziò a migliorarsi, praticando le arti marziali e allenando il suo corpo per le future campagne e battaglie. All’età di sedici anni, Tamerlano era già più forte di chiunque altro nella zona.

Un giorno, insieme a suo padre, riunì un grande seguito, marciò verso l’emiro di Shahrisabz e attaccò il suo palazzo. In questa battaglia, come aveva predetto l’astrologo, Bekbuva fu ucciso da Tamerlano. Ma nella stessa battaglia Timur perse suo padre, il sultano Taragai.

Il vincitore non punì il figlio di Bey Hüseyin di Shahrisabz, ma decise di conquistare la sua amicizia. In segno di amicizia, fece un giuramento a Hüseyin, garantendogli il legame di sangue, e sposò la sorella del figlio del Bey, Uljan Turkan-aga. Il nuovo Bey Hüseyin e il giovane sultano Timur governarono insieme a Shahrisabz, e in breve tempo rafforzarono notevolmente la città, raccolsero un forte esercito e sottomisero l’intera area.

In questo periodo, Kasangai Khan, un discendente di Gengis Khan, governava Samarcanda. Quando vide due giovani governanti forti salire al potere a Shahrisabz, decise di farne i suoi seguaci promettendo loro il potere in tutte le Uidah adiacenti a Shahrisabz.

Kazangan Khan non era destinato a rimanere al potere a lungo – fu sconfitto da un altro discendente di Gengis Khan, Tugluk Timur Khan. Non gli piacevano i due giovani governanti di Shahrisabz. Il nuovo sovrano di Samarcanda dà a suo figlio Keles Khan l’ordine scritto di catturare e uccidere Timur. Ma i fedeli guerrieri di Timur intercettano il messaggero con l’ordine. Timur è così avvertito della minaccia che deve affrontare. Con amici fedeli, parte per le montagne. Sulla strada vengono raggiunti da Kelles-Khan con un grande esercito e sconfitti da un piccolo gruppo di fuggitivi.

Timur porta il resto del gruppo dal suo vecchio maestro, Palvan Haqqul. Quest’ultimo ascoltò la storia del giovane sultano e disse: “Figlio mio, non credo che sia il momento per te di opporti a Kelles Khan. Non avete ancora ottenuto il potere, il popolo non vi ha ancora seguito. Penso che dovresti diventare forte e invulnerabile, poi conquisterai Samarcanda. Dovresti radunare un buon seguito, prepararlo per la battaglia, insegnare ai guerrieri a padroneggiare le loro armi, e combattere sulle montagne e nelle steppe contro le mura della città”.

Timur chiede al suo maestro: “Dove posso addestrare i miei guerrieri? Tutto il vicinato ne sentirà parlare e informerà il governatore di Samarcanda, che naturalmente sarà felice di trattare con noi. Haqqul-palvan rispose: “Conosco un’antica grotta sulle montagne dove si può sistemare tutta la truppa. Timur ha seguito il consiglio. Dopo cinque giorni di viaggio, era già sulle montagne, insieme ai giovani guerrieri dei dintorni di Shahrisabz. Qui, in una delle gole, Timur trovò la grotta indicata da Haqqul-palvan.

Il terreno si è rivelato incredibile. Era come se fosse stato creato appositamente per preparare le future battaglie in segreto.

Timur aveva solo 23 anni all’epoca. Dopo aver investigato la grotta e averla trovata adatta all’addestramento dei futuri guerrieri, inviò i suoi guerrieri nella zona per selezionare giovani uomini per il suo seguito. In due mesi, quasi un migliaio e mezzo di giovani si erano riuniti nella grotta. Erano giovani forti e coraggiosi. Furono divisi in divisioni e gruppi, e l’addestramento iniziò.

Timur si accampò nella grotta per quasi un anno. Il giovane leader preparò il suo esercito, identificò coloro che erano meglio in grado di guidare gli altri e scelse i comandanti tra di loro.

Ben presto Timur e il suo esercito si avvicinarono alle mura di Samarcanda. Le forze nemiche erano più numerose dell’esercito che avanzava, e la città era sorvegliata da ventimila soldati. Timur era comunque sicuro di poter sconfiggere il nemico. L’abilità militare del giovane leader e il coraggio della sua forza di un migliaio e mezzo di uomini assicurarono il successo. Timur divenne il sovrano di Samarcanda. Di battaglia in battaglia, Timur rafforzò il suo esercito, schiacciò il nemico e divenne padrone di tutto il Mawara’unnahr.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...