Leggenda sulla Costruzione della Moschea Bibi-Khanum - Turkestan Travel
Bibi Khanum

Leggenda sulla Costruzione della Moschea Bibi-Khanum

Bibi-Khanum era la moglie preferita di Timur e la donna più bella del suo Harem. Quando Timur partì per una delle sue campagne, lei ebbe l’idea di fargli un regalo e allo stesso tempo di immortalare il suo nome: costruire una grandiosa moschea che avrebbe superato tutti gli edifici esistenti per dimensioni, splendore e decorazione. Affinché gli artigiani e gli operai non dubitassero che lei ne avesse i mezzi, il sovrano ordinò di mostrare loro le pile di oro e gioielli destinati alla costruzione. Il lavoro cominciò a gorgogliare. Commissionò il lavoro a un giovane architetto, che si innamorò della bellezza della regina.

La moschea è quasi finita, l’unica cosa che manca è un enorme arco del portale. Bibi-Khanum visita più spesso gli edifici e sollecita l’architetto. Ma lui non ha fretta, perché sa che non vedrà più la moschea una volta finito il suo lavoro.

Nel frattempo, Timur fa sapere che tornerà presto. Bibi-Khanum attende con ansia il completamento della costruzione. Ma l’impudente architetto pone una condizione: la moschea sarà completata solo se la regina si lascerà baciare. La regina è furiosa perché l’architetto ha dimenticato chi è lei in realtà! Ma l’architetto non perdona. Allora Bibi-Khanum decide di ricorrere a un trucco: ordina di portare delle uova dipinte con colori diversi. “Guardate queste uova, sembrano tutte diverse, ma dentro sono tutte uguali. Noi donne siamo così! Ti darò tutte le mie schiave che vuoi”. A questo l’architetto fece portare due bicchieri, uno dei quali riempì di acqua chiara e l’altro di vino bianco. “Guarda questi due bicchieri, sembrano uguali. Ma quando ne bevo uno non sento niente, quando bevo l’altro mi brucia. L’amore è così!”.

Nel frattempo, Timur si sta già avvicinando alla capitale. Bibi-Khanum è fuori di sé dalla rabbia: la sorpresa che ha a lungo desiderato e quasi preparato per suo marito non deve arrivare. Il sovrano non osa permetterla. Lei acconsente a un bacio. Ma durante il bacio si copre il viso con un cuscino (l’altro è una palma); il bacio era così caldo che ha lasciato un segno sulla guancia della bella.

E così Timur si dirige verso la capitale, il suo sguardo rapito si presenta in tutto lo splendore della Moschea del Venerdì – un regalo della sua amata moglie. Immaginate l’imbarazzo di Bibi-Khanum quando l’astuto marito scoprì la macchia sulla sua guancia.

La morte attendeva l’architetto. Così si arrampicò su uno dei minareti della moschea che aveva costruito con il suo discepolo. I guerrieri si precipitarono su, ma quando raggiunsero la cima, incontrarono solo l’allievo. “Dov’è il maestro?”, gli chiesero. “Il Maestro si è fatto le ali ed è volato a Mashhad”, rispose. Questa è la leggenda.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...