40 passi da Shahi Zinda - Turkestan Travel

40 passi da Shahi Zinda

Quando si attraversa il portale d’ingresso di Shahi Zinda, un mondo pieno di leggende e misteri si apre davanti a voi. Proprio all’inizio del complesso Shahi Zinda, i visitatori vedono i 40 passi che rappresentano il cammino della purezza e della preghiera. La leggenda ad esso associata è ancora viva nel cuore della gente. Ogni visitatore di Shahi Zinda, che sia un credente o un viaggiatore, inizia inevitabilmente a contare i gradini che portano su e giù. La leggenda dice che una persona può essere assolta dai suoi peccati se il numero corrisponde mentre sale e scende. Oggi, un estraneo può guardare con interesse i numerosi visitatori di Shahi Zinda che contano diligentemente i 40 passi. Ma non molti sono consapevoli che stanno seguendo una tradizione spirituale più profonda.

Nel Medioevo, la tomba di Qussam ibn Abbas era un luogo di pellegrinaggio – una specie di Mecca dell’Asia centrale. Durante questo periodo, la scala, simbolo della grande trasformazione dello spirito umano, appare nel mausoleo. I pellegrini dovevano recitare versetti del Corano e meditare su Allah mentre salivano ogni gradino della scala. Alcuni hanno fatto un viaggio simile nelle loro anime mentre erano seduti sotto il tetto dell’Aywan ai piedi delle scale. Solo al 40° giorno il credente poteva salire le scale che portavano alla moschea superiore del complesso e al mausoleo principale.

Tutto questo ha avuto luogo durante il giorno. Di notte, i pellegrini erano sollevati dai mistici musulmani, i sufi, che eseguivano i loro canti – riferimenti concentrati ai nomi di Allah – sulle scale. A seconda della scuola spirituale che seguivano, questa esultanza era tranquilla, parlata tra di loro, o forte con grida.

Secondo la leggenda, il leader spirituale del più importante ordine Sufi Naqshbandīya, Baha-ud-Din Naqshband, teneva il suo servizio di preghiera di 40 giorni a Shahi Zinda. Pensando quotidianamente ad Allah e salendo le alte scale passo dopo passo, raggiunse presto la piattaforma superiore. Nello stesso momento, vide un cavaliere su un cavallo bianco venire rapidamente verso di lui. Per un momento il Sufi pensò che sarebbe stato calpestato dal cavallo, ma il cavaliere, osservando il volto del Maestro, altrettanto improvvisamente fermò il cavallo e chiese qualcosa al grande Sufi.

I pellegrini attoniti che osservavano l’incidente dal basso videro il cavaliere sconosciuto girare il cavallo e scomparire nella direzione da cui era apparso così improvvisamente. Secondo la leggenda, fu lo stesso Qussam ibn Abbas a decidere di mettere alla prova il grande maestro al culmine del suo viaggio.

In seguito, il mausoleo ha attirato ancora più pellegrini che hanno eseguito le loro preghiere il giovedì sera. Cantavano preghiere che risuonavano sotto le antiche volte e gli archi.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...