Kirk Kiz - la Leggenda delle Ragazze Guerriere - Turkestan Travel

Kirk Kiz – la Leggenda delle Ragazze Guerriere

Per migliaia di anni, sono state create leggende sulle donne senza paura, le Amazzoni. Molti eserciti sono fuggiti dalle ragazze guerriere. La leggenda delle Kirk Kiz (quaranta ragazze guerriere) di Samarcanda vive tra la gente. Secondo la leggenda, una truppa delle Kirk Kiz (quaranta ragazze guerriere) era di stanza nella fortezza di Kirk-Kiz-Tepe¹. Un esercito nemico si avvicinò alle mura della fortezza e iniziò un assedio. Le ragazze di Samarcanda, guidate dalla loro leader Gauhar, si alzarono per difendere la fortezza. Per innumerevoli giorni e notti hanno respinto gli attacchi del nemico. Molti nemici sono caduti sul campo di battaglia. I ranghi delle donne guerriere erano esauriti. Solo Gauhar e alcune ragazze rimasero indietro, e poiché non arrivarono rinforzi, si prepararono a difendere la città.

La fortezza stava bruciando, si sentivano gemiti e urla tra le fiamme, le mura erano distrutte. La speranza aveva abbandonato i difensori. Ma Gauhar raccolse tutte le sue rimanenti faretre di frecce e colpì i guerrieri nemici con successo. Quando finì le frecce, il guerriero lasciò la fortezza ferito a morte. I guerrieri nemici, pronti a fare a pezzi il difensore della fortezza, si bloccarono come storditi. Gauhar si alzò lentamente, l’elmo insanguinato le cadde dalla testa, le sue trecce lussureggianti si sparsero sull’armatura. La guerriera alzò la sciabola e parlò con una lacrima: “Sono Gauhar, la mia truppa femminile è caduta in battaglia e sfido il vostro signore della guerra a combattere”.

L’esercito ha risposto con un ruggito stordito. Mai nessuno aveva combattuto così coraggiosamente contro un potente esercito. Il capo diede alla ragazza uno sguardo penetrante e le sue labbra sussurrarono: “Vorrei avere dei guerrieri così”. Scese da cavallo, si avvicinò educatamente a Gauhar, la guardò profondamente negli occhi e capì che non sarebbe stato in grado di conquistare Samarcanda e avrebbe incontrato la sua fine qui. Il comandante chinò la testa e baciò la mano di Gauhar. Si rivolse ai suoi guerrieri e chiamò a gran voce: “Ho visto il gioiello di Samarcanda e sono contento di ciò che ho visto. Lasciateci tornare a casa!”. L’esercito mormorò in accordo e mentre montavano i loro cavalli, i cavalieri scomparvero dalla vista.

La coraggiosa Gauhar guardò l’ultimo guerriero nemico e il suo viso si illuminò di gioia mentre scomparivano dietro l’orizzonte e lasciavano la terra di Samarcanda. In quel momento apparvero i cavalieri della fortezza e accorsero in aiuto delle Amazzoni. Gauhar abbassò la testa con sollievo e sussurrò: “Finalmente! – E barcollava all’indietro e cadeva all’indietro. Tutto il suo corpo era sfregiato e un rivolo di sangue scarlatto scorreva sulle sue belle labbra. I volti dei suoi genitori le passarono davanti agli occhi chiusi: Qui sua madre cucinava focacce e suo padre raccontava storie, qui lei e sua sorella correvano al mercato per comprare dolci, qui il suo fidanzato raccontava del suo amore – tutto questo balenò davanti allo sguardo annebbiato di Gauhar, e mentre guardava la steppa, i giardini e la città di Samarcanda, la gioia si accese nei suoi occhi. “La città è salva!” – balenò una felice constatazione.


¹La fortezza delle quaranta ragazze

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...