Mistero della collina Afrasiab - Turkestan Travel
Afrasiyab

Mistero della collina Afrasiab

Sorge nella parte settentrionale della città. Nella stagione delle piogge è inondata di pioggia e coperta da una coltre di neve. I venti vagano qui e ci ricordano i tempi passati con la loro canzone – Mistero della collina di Afrasiab. Ma all’inizio della primavera, la collina è coperta da un tappeto di erba verde smeraldo e di papaveri rosso vivo.

Molto tempo fa, nei tempi antichi, alla collina fu dato un nome nobile e sonoro – Afrasiab. Numerosi turisti e ospiti della città antica sono sempre interessati all’origine del nome della collina. Le guide turistiche rispondono prontamente a questa domanda e la gente del posto con una naturale cortesia. E qui la loro storia è confermata dalle pagine della storia imperitura di Samarcanda.

Il nome di questa collina risale al leggendario re di Turan – Afrasiab – in tempi molto antichi. Fu menzionato nel notevole poema “Shahname” – “Libro dei Re” – del famoso poeta dell’Est Firdausi.

Afrasiab era il sovrano del vasto stato di Turan, la cui capitale era una delle più belle città, poi chiamata Samarcanda. Questa antica città, che soffriva di frequenti guerre e disastri naturali (gli archeologi la chiamano l’insediamento di Afrasiab), fu nascosta sotto il mistero della collina per molti secoli. Grazie ai cronisti, agli storici e alle meticolose ricerche degli archeologi, abbiamo potuto svelare il mistero della collina di Samarcanda chiamata Afrasiab. Ora che sappiamo che questo nome apparteneva originariamente al leggendario sovrano di Turan, dovremmo raccontare di lui e del suo tempo.

Il territorio di Turan copriva quasi tutta la moderna Asia centrale e il Kazakistan meridionale. Mentre Afrasiab governava il vasto paese, era consapevole della minaccia rappresentata dal potente paese vicino, l’Iran, i cui confini si estendevano dalla riva sinistra dell’Amu Darya al Golfo Persico. Nei tempi moderni, il nome di questo paese è sopravvissuto, ma la sua superficie si è ridotta.

Ma torniamo al nostro eroe. Anche nei suoi anni più giovani, Afrasiab ha dimostrato di essere un guerriero senza paura. Quando suo padre dichiarò guerra all’Iran, Afrasiab fu messo a capo dell’esercito di Turan. I guerrieri attraversarono il fiume Amudarya e si diressero a ovest verso il Mar Caspio nel pittoresco Dakhistan. Secondo la leggenda, una battaglia feroce ebbe luogo qui. Afrasiab vinse la battaglia tra i due eserciti e in un duello personale con il capo degli iraniani, Novzer: al capo sconfitto fu data la vita, ma nella battaglia successiva fu ucciso. Incoraggiati dalla loro vittoria, i guerrieri di Turan caricarono in profondità nel territorio nemico.

Era un’epoca in cui, a causa della costante rivalità, uno scià dopo l’altro salì sul trono dell’Iran, finché non emerse un leader dotato e volitivo dell’esercito degli iraniani, l’affascinante Rustam. Aveva già combattuto contro i turanici. Grazie alle sue gesta, divenne un eroe leggendario. Rustam era l’unico che poteva resistere agli attacchi di Afrasiab. Più di una volta hanno dovuto incontrarsi sul campo di battaglia. E queste battaglie in corso su un piano di parità sono servite come occasione per una tregua. Al suo ritorno dalla campagna, Afrasiab consiglia al suo servitore, il ricco e potente emiro: “È tempo di dimenticare i vecchi rancori. Non abbiamo motivo di inimicizia.

L’emiro si rivolse allora allo scià dell’Iran, Qai-Kavus, con un’offerta di pace a condizione che i turanici restituissero i territori conquistati. Tale trattato fu immediatamente firmato e sigillato.

Ma in nome della verità bisogna dire che i compari dei signori di Turan e dell’Iran erano impegnati a tramare tra i due stati e a seminare inimicizia e odio, causa di nuove guerre. E in tarda età Afrasiab fece un sogno vivido come se fosse nel deserto, dove orde di serpenti strisciavano verso di lui, stormi di aquile volavano e truppe di cavalieri in abiti neri fuggivano dal suo esercito. Emozionato da questo sogno, chiamò immediatamente un amico interprete per tali visioni. Dopo qualche esitazione, consigliò al suo re di non muovere guerra all’Iran, perché in tal caso l’intero esercito di Turan avrebbe potuto essere distrutto e lo stesso Afrasiab avrebbe subito una morte ignominiosa. Afrasiab ascoltò l’opinione del saggio e nei giorni seguenti mandò l’ambasciatore in Iran e gli fece innumerevoli regali. Dopo qualche tempo, dopo laboriosi negoziati, l’ambasciatore fu inviato ad Afrasiab con una visita di ringraziamento. E il figlio del re dell’Iran – il bel Siyavush – venne da Afrasiab per confermare la sua alta fiducia. Ecco come Ferdowsi descrive la scena nello “Shahnama”.

Afrasiab, il capo del regno, seppe che Siyavush era arrivato.

Nella piazza, corse a piedi verso colui che la sua anima stava aspettando.

Il principe smontò quando improvvisamente vide il re di Turan a piedi.

Bacia gli occhi dell’altro, lo abbraccia e lo bacia di nuovo.

Disse ad Afrasiab: “Vediamo che la malvagità della terra si è addormentata.

Non ci saranno più guerre, e i cervi e i leopardi verranno all’abbeverata per la via comune.

Eravamo in costante paura; la guerra minacciava i due paesi vicini,

Non c’era pace nell’anima del popolo, ma tu sei venuto e hai dato pace alla terra”.

La lunga e intima amicizia tra Afrasiab e Siyavush fu sigillata quando Siyavush sposò la figlia di Afrasiab, la bella Farangis.

E se tu, caro lettore, vuoi conoscere altri dettagli interessanti ed emozionanti della vita del leggendario Afrasiab, dai un’occhiata al libro della storia del nostro paese, le sue pagine risponderanno a tutte le tue domande. La cosa principale è che sai già che la capitale di Turan si trovava esattamente nella zona di Samarcanda, dove un antico insediamento con un possente muro, torri rettangolari e un profondo fossato si è annidato per secoli sotto la collina misteriosa. Gli archeologi ci hanno aiutato a determinare la data di origine di questa città – più di 2500 anni.

Questa è la breve storia della grande collina che sorge nella parte nord della gloriosa città di Samarcanda.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...