Fortezza di Erk Kala - Turkestan Travel

Fortezza di Erk Kala

La fortezza di Erk Kala si trova su una collina naturale a 261,9 m sul livello del mare nel parco storico e culturale dell’antica Merv, 6,3 km a nord-est della città di Bayramali, 4,1 km a sud-ovest del villaggio International, 2,5 km a est e leggermente a nord del Mausoleo del Sultano Sinjar a Bayramali etrap di Mary velayat.

Le rovine dell’antica Merv comprendono cinque siti di periodi diversi e si trovano sul corso medio del fiume Murghab in Turkmenistan. Il più antico di essi è l’Erk-kala ovale (400 x 500 metri – 20 ettari), che è incastonato nella parete nord delle mura della fortezza Gyaur-kala.

L’unico accesso alla fortezza di Erk Kala era sul lato sud. I bordi delle mura di fortificazione sono alti da 23 a 27 metri, al centro dell’insediamento, con uno spostamento verso sud-ovest, c’è una cittadella (50 x 50 metri) alta più di 25 metri, a sud e a est è delimitata da cumuli di antichi edifici, a nord della cittadella, di fronte alle fortificazioni, c’è una zona bassa che serviva per ospitare guarnigioni militari e cannoni lanciapietre.

I primi scavi nella fortezza di Erk Kala furono effettuati nel 1890 da V. A. Zhukovski nell’ambito della Commissione Archeologica. Nel 1904, un lavoro esplorativo fu realizzato dalla spedizione americana guidata da R. Pampelli. Nel 2004, il Turkmenistan ha celebrato il 100° anniversario della scoperta americana della cultura Anau e degli scavi a Merv.

Gli scavi alla fortezza di Erk Kala furono effettuati nel 1937 da B.B.Piotrovskiy, A.A.Marushchenko e nel 1947 da S.A.Vyazigin, e dal 1950 iniziarono le ricerche archeologiche fisse sotto la direzione dell’accademico M.E.Masson. Masson, che è durato fino al 1992.

Attraverso la sezione del muro della fortezza portata sulla terraferma, è stato ottenuto materiale fattuale per risolvere questioni di urbanizzazione antica e metodi di sviluppo urbano. I primi castelli di fango sono stati trovati alla base delle mura con un muro di fango allungato con ceramica e una caratteristica corona a forma di becco, così come un pilastro del muro nella transizione alla fondazione. Questi ritrovamenti degli anni ’70 suggeriscono che l’insediamento fortificato risale alla metà del I millennio a.C. al più presto.

Tuttavia, il foro stratigrafico scavato a sud di quello centrale della fortezza di Erk Kala ad una profondità di 17 m ha rivelato due strati culturali precoci al livello della terraferma con materiali simili alla ceramica delle vecchie mura. Antichi terreni paludosi sepolti con frammenti di ceramica indicavano un’occupazione precedente nell’area – dal secondo quarto del primo millennio a.C., che fu poi confermata dagli scavi sul tumulo centrale nel 1986 – 1992.

Qui, nello scavo 7, è stata confermata la presenza del primo strato culturale al confine tra le culture Yaz I e Yaz II, corrispondente ai suoli sepolti nelle fosse stratigrafiche. Su questa base, l’autore di queste righe data l’età della fortezza di Erk Kala a 2700 anni nelle ultime pubblicazioni.

La sezione della motta centrale della fortezza di Erk Kala lungo il versante nord indica una piattaforma rettangolare di materiale grezzo nelle fondamenta, le cui sporgenze formavano una nicchia incassata sul lato nord, attorno al cui bordo si trovava un camino aperto ad un’altezza di 15 m, che era in funzione nello stesso periodo dei primi edifici dell’insediamento.

Il fuoco ardente poteva essere visto fuori dalle mura della città, che erano molto più basse della cittadella stessa, alta 10 metri. I materiali ottenuti durante l’indagine quarantennale di Erk-Kala permettono quindi di ricostruire il quadro storico dell’insediamento urbano nella zona dell’antica Merv.

A cavallo tra la cultura Yaz-I e la cultura Yaz-II, qui sorse un insediamento fortificato. Viene eretta una poderosa e rozza piattaforma della cittadella, con un tempio del fuoco funzionante ed edifici, lasciando uno strato culturale spesso più di 2 m con ceramica antica sul versante orientale della piattaforma.

È stato trovato un frammento di una ceramica modellata dipinta del tipo Yaz I con una miscela di argilla di fuoco e mola nell’impasto, ricoperta di ingobbio spesso e che mostra dipinti geometrici. I ritrovamenti di un bossolo a doppia canna, una punta di freccia di bronzo e un’anima di pietra biconica, tipici degli antichi insediamenti di Margiana, sono anche associati a questo strato.

Su questo strato culturale antico, è stato scoperto un edificio con pareti di fango achemenide.

In una delle stanze, sul versante nord, sono stati trovati grandi tumuli incassati nel terreno, le cui pareti verticali terminano con una corona piatta che dà un profilo a forma di becco, disegnato in basso e ricoperto di ingobbio chiaro fino alla pendenza delle pareti all’incrocio con il pavimento incassato nel terreno.

Sono state trovate diverse punte di freccia in bronzo con una guaina sporgente, simili a quelle trovate nel palazzo di Dario I a Persepoli. Questa fase della storia della fortezza di Erk Kala è associata al periodo in cui Margiana faceva parte dello stato achemenide nel VI-IV secolo a.C.

Le mura di Erk-Kala furono ulteriormente rafforzate, e sulla sua piattaforma furono eretti nuovi palazzi e templi. L’esercito greco trovò Erk-Kala in questo modo e la chiamò Alessandria di Margiana in onore del loro comandante.

La fortezza di Erk Kala a quel tempo aveva molto in comune con l’attuale città di Bactra in termini di costruzione e storia. In epoca ellenistica (dal IV al III secolo a.C.) Erk-Kala perse il suo status di città indipendente e fu incorporata come cittadella fortificata prefabbricata nel lato nord delle mura della fortezza come parte integrante della nuova città rettangolare costruita da Antioco I Soter.

Da allora, la storia della fortezza di Erk Kala è inseparabile dallo sviluppo dell’antica città nella zona di Gyaur-kala. Erk-Kala murata fu intensamente colonizzata soprattutto a sud e a sud-est dell’antica cittadella (collina centrale), mentre la metà settentrionale rimase libera.

Oggi è ancora una valle, dove nell’antichità si trovavano l’arsenale e i cannoni di pietra. L’ulteriore storia della fortezza di Erk Kala è associata alla costruzione e al funzionamento di un complesso di palazzo-tempio a est della porta della città dal II secolo a.C. in poi, così come i quartieri residenziali per la classe dirigente adiacenti alla collina centrale da est, dove sono conservati strati culturali del periodo antico.

L’accumulo di strati culturali sasanidi è registrato nel sud-est della collina centrale, dove lo spessore totale dello strato culturale raggiunge i 17 metri, di cui 5 metri rientrano nel periodo sasanide.

Non ci sono depositi successivi nella fortezza di Erk Kala. Il periodo in cui Margiana faceva parte dello stato sasanide (III-V secolo) ha lasciato una traccia significativa nella storia della fortezza di Erk Kala. Sulla collina centrale, sopra l’antico edificio, fu costruito un edificio amministrativo su una forte piattaforma, che fu poi utilizzato dagli arabi come residenza del califfo Mamun a Merv.

A ovest della collina centrale, ai piedi del muro della fortezza, c’era un arsenale. Alla porta sud, sul sito del complesso palazzo-tempio, fu costruita una fortezza sul lato nord con un muro con false feritoie, una delle quali era una figura in terracotta di una donna guerriera con una spada.

Oggi, la fortezza si trova ad un’altezza di 34 metri dai piedi del muro della fortezza e offre un’ampia vista panoramica del paesaggio circostante dalla sua piattaforma più alta, con una circonferenza fino a 30 chilometri.

I Sassanidi attribuivano grande importanza al rafforzamento dei confini del loro stato nel nord-est; per questo motivo, grandi strutture furono costruite a Merv e soprattutto nella fortezza di Erk Kala: Sono stati costruiti protezionismi, corridoi a doppia parete interna parallela, ecc.

Per ottenere nuovi dati sulla topografia storica del forte della collina e per identificare la natura degli strati culturali, gli scavi sono stati effettuati nel 1990-991 a 100 metri a est della collina centrale su uno dei tumuli che delimitano la pianura della parte nord del forte della collina.

In superficie, sono stati trovati soprattutto frammenti di ceramica noti dalla scala delle ceramiche di Merv per i secoli dal 3 al 7. Lo strato superficiale piuttosto fragile è il risultato di secoli di distruzione delle strutture precedenti e di insabbiamento.

I resti delle strutture sono stati trovati solo ad una profondità di 1,5-2 metri durante lo scavo. Una parte dell’abitazione composta da 4 stanze è stata scoperta e sono stati notati due livelli di piani associati a due epoche di costruzione.

La stratigrafia degli strati è complessa a causa di diverse alterazioni e ristrutturazioni. L’alloggio consiste in una stanza con pareti di pakhs e focolari di mattoni con un gruppo di vasi interi sul pavimento: un hum, un humchi e un bollitore da cucina.

A nord dei vasi c’erano due macine e mattoni incastrati. Nella seconda fase della costruzione, un nuovo livello di pavimento è stato costruito sul riempimento della stanza, sovrapponendo la parete sud livellata.

La dimensione della già nuova stanza è notevolmente aumentata dall’estensione a sud, mentre la precedente parete nord rimane. Questo si sovrappone allo spazio a sud della stanza.

I muri sono costruiti in una dimensione di 38 cm x 42 cm da 10 a 12 cm di spessore, pietre grezze. Nella seconda stanza, il livello del primo piano è stato abbassato di 15-20 centimetri verso sud.

Lì è stata scoperta una collezione di vasi interi e i loro frammenti, che erano di particolare interesse perché erano incastrati tra i pavimenti e potevano essere datati con più precisione.

Questo complesso ha permesso di chiarire la sequenza cronologica dei diversi tipi di vasi trovati qui, mentre potrebbero essere datati separatamente a tempi diversi.

Questo è particolarmente vero per i vasi con stelo, che generalmente risalgono a un periodo successivo. La caratteristica della stanza è la mancanza di una parete sud, che può essere vista nella parete est, che ha ancora un bordo sud liscio e tracce di intonaco.

La stanza è un iwan che era aperto sul cortile e aveva la funzione di un’anticamera lunga 4,5 m e larga 2,2 m, tipica dell’architettura di palazzo partico-sanide.

Tali aivan erano utilizzati anche nell’architettura residenziale e servivano come stanze cerimoniali con accesso al cortile. Questa è una scoperta unica per Merv, che ci permette di discutere nuovi principi di pianificazione e tecniche di costruzione nell’architettura residenziale della fortezza di Erk Kala, dato che la città fu usata come cittadella e fortezza durante i periodi partico e sasanide.

La stanza 3 è a est della stanza 2 e l’ingresso era dal cortile. I muri consistevano in 40 x 42 per 10 x 11 centimetri di pietra grezza, con mezzi muri come rivestimento.

Il muro ovest si univa al muro est della seconda stanza e formava un ulteriore supporto per il soffitto a volta dell’Ivan. Sopra il portale sud, si possono vedere le tracce del passaggio alla volta.

A un metro di distanza dal muro ovest in IV-V c’è una fossa che è stata abbassata dall’alto, nel cui riempimento sciolto sono stati trovati 32 frammenti di ostraconi. Le iscrizioni sono in inchiostro nero sulle pareti dei vasi di argilla grigia; alcuni hanno iscrizioni su entrambi i lati.

Sulla base della scrittura e della stenografia tipica della scrittura persiana media (Pahlavi basato sull’aramaico), l’ostraka può essere assegnato al 6°-7° secolo. Il primo esame dei reperti da parte di A.B. Nikitin gli permise di collocarli nella stessa categoria degli ostraka del monumento buddista di Merv e di datarli al 6°-7° secolo.

A nord della stanza 3 c’era la stanza 4, che segnava il livello del piano con i camini. Nelle vicinanze c’erano dei mattoni incastrati e un ronzino rovesciato usato come tandoor. Il pavimento copriva il riempimento delle stanze 1 e 2 ed era collegato allo strato culturale superiore crollato.

Le monete di rame trovate durante gli scavi sono state identificate da A. B. Nikitin come monete sasanidi di conio nazionale e locale. La ceramica del primo piano degli edifici 1 e 2 comprende le seguenti forme: bombi, khumcha, vasi, barattoli di vari tipi, pentole, ciotole e una grande tazza simile al kelch con un manico.

Tutti i vasi sono fatti al tornio e la ceramica è di buona qualità, di colore rosa, grigio e giallastro con ingobbio chiaro, rosa e grigio. Alcuni vasi mostrano tracce di scanalatura verticale, decorazioni in forma di linee ondulate.

La sabbia e la graniglia sono state aggiunte alla pasta degli utensili da cucina, la superficie è levigata, l’ingobbio è ben conservato. Frammenti di oggetti di vetro, punte di freccia di bronzo, l’involucro di bronzo di un manico di coltello, uno stampo di pietra e un vaso di ceramica sono stati trovati nel riempimento della stanza 3.

La stratigrafia dello scavo mostra che la parte sud-est dell’insediamento fu intensamente abitata nel III-V secolo d.C. I piani identificati indicano diverse fasi di costruzione e ristrutturazione sullo stesso sito, suggerendo che l’area della cittadella era densamente edificata e non c’era spazio per vivere sparsi all’interno delle forti mura della città.

Questo è ciò che determina un accumulo così potente di strati culturali qui.

L’abitazione nel sito di scavo 9 è stata costruita sulle rovine di un edificio della metà del III secolo d.C., quando Merv divenne parte dello stato sasanide. A partire dal IV secolo, c’era una vera minaccia militare da parte delle tribù nomadi del nord, e Merv era costantemente sotto l’osservazione dei re sasanidi.

Shapur II concluse un trattato con i Chioniti e i Galani. La crisi indebolì molto Merv, soprattutto sotto Chormizd (302-309). Un certo declino è stato avvertito nella vita economica del paese. A Gyaur Qala, un intero settore di quartieri artigianali si è svuotato di ramai, fabbricanti di farina, vasai e soffiatori di vetro.

A Erk Kala, l’edificio del sito di scavo 3 e il sito del futuro arsenale stanno cadendo in rovina. Non c’è materiale del III o IV secolo su queste colline. Il declino economico fu aggravato dalla lotta con gli Eftaliti nella prima metà del V secolo.

Varahran V (420-438) sconfisse gli Eftaliti vicino a Merv, mentre Ezdigerd II sostenne il suo esercito sul confine settentrionale e stabilì a questo scopo la sua stazione militare nell’oasi di Merv. Tuttavia, le operazioni militari di Yezdigerd II contro gli Eftaliti e i Chioniti si conclusero con una sconfitta.

Questa battaglia indebolì lo stato sasanide ed ebbe un grave impatto su Merv, che fu teatro di un conflitto militare. All’inizio del V secolo, l’oasi era ancora in declino economico. A quel tempo, non solo la comunità cristiana viveva pacificamente nel Giauk Kala vuoto (quarto e inizio quinto secolo), ma anche una comunità buddista nella parte sud-est dell’insediamento, dove furono costruiti uno stupa e un sangarama.

Durante questo periodo difficile per Merv, c’era una casa d’abitazione funzionante nella fortezza di Erk Kala, che si sta studiando nello scavo 9. Nella seconda metà del V secolo, Merv superò la crisi, si consolidò un nuovo modo di vita economica e i castelli cominciarono a giocare un ruolo importante nella vita economica e culturale della città e dei suoi dintorni.

L’ultima tappa della storia di Erk-Kala è associata agli arabi, quando durante il soggiorno del califfo qui, le porte della città e le corone delle mura della fortezza furono fortificate con mattoni cotti. Secondo fonti scritte, la fortezza di Erk Kala è in rovina dal X. Secolo in rovina.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...