Matmurod Devonbegi - Personaggi famosi - Turkestan Travel

Matmurod Devonbegi

Matmurod Devonbegi (chiamato anche Muhammad-Murod-Devonbegi Sheikh-Nazar-Yasaulbashi-Öghli, Mat-Murad, Mohammed-Murad, Mad-Murad, Mahmud-Murad Sheikhnazar-ogli, Madmurad Sheikhnazar-ogly) è nato nel 1830 a Khiva, Dishan-Kala, nella famiglia di un alto funzionario del Khanato di Khiva – Sheikh-Nazar-Yasaulbashi Muhammad Murad-Öghli, ministro militare del Khanato.

Matmurod fu anche un’importante figura politica, sociale e militare del Khanato di Khiva nel XIX secolo e uno dei più grandi proprietari terrieri (possedeva 50 mila tanaps, cioè 20,5 mila ettari di terra) e allevatore di cavalli di Khiva, il più importante dignitario dell’era del Khan Feruz Khan (Muhammad- Rahim-khan) come Devonbegi (primo ministro).

Come ha notato il generale M.A. Terentyev, “Devonbegi è il comandante in capo, è anche responsabile dell’irrigazione, della raccolta della zakat e della zecca. A quel tempo Devonbegi era chiamato ‘Mad-Murad’.

Matmurod Devonbegi si laureò alla medrese di Khiva e fece amicizia con i poeti di Khiva come Kazi-Inatullah, Baeni, Mirzo, Tabibi, Kimyab, Mutrib Chokar e altri. Era una delle persone più istruite del Khanato; conosceva quasi tutte le lingue turche (uzbeko, turkmeno, turco, tataro, ecc.) così come l’arabo, il persiano e il russo; scriveva anche poesie.

Ha servito nella guardia personale del Khan di Khiva, passando attraverso tutti i ranghi da ufficiale minore a comandante della guardia, ministro militare e comandante in capo delle truppe del Khanato. Fu insignito del grado di generale dell’esercito del Khan di Khiva e ricevette numerosi premi dal Khanato di Khiva.

Matmurod Devonbegi servì successivamente sotto cinque khan: Muhammad Amin-khan (1845 – 1855), Abdulla-khan (1855), Kutlug Murad-khan (1855 – 1856), Said Muhammad-khan (1856 – 1864) e Muhammad Rahim Khan Feruz (1864 – 1910).

Sotto gli ultimi due khan, ha guidato il Consiglio (Devon) sotto il khan. Come nota un ricercatore contemporaneo N. Polvonov: “Emerse Matmurod (Muhammad Murad) Devonbegi, nelle cui mani si concentrarono le principali funzioni di comando.

Nel 1864, Matmurod diresse la costruzione della Sayyid Muhammad-khan Medrese. Si distinse per coraggio, audacia, forte volontà, “valore ed energia” (agakhi) e partecipò più volte alle battaglie contro le tribù ribelli turkmene e kazake, nonché contro le truppe iraniane e russe. Nel 1871, costruì la madrasa a Khiva conosciuta come Muhammad-Murod-Madrasa.

Nel 1866 Matmurod Devonbegi alla testa delle truppe di Khiva schiacciò i ribelli vicino alla fortezza di Ghaziabad, nel 1867 – in una serie di battaglie (vicino al villaggio di Kattabagh, il lago Korp, il canale Ak-yab, Keneges) citato ad Agakhi.

Per queste e altre vittorie fu premiato più volte (una veste di Khan tessuta in oro con cintura, un pugnale con pietre preziose, uno stallone arabo purosangue). Nel 1869 Matmurod comandò le truppe di Khiva inviate a Tau-Kara (Dau-Kara), che è annotato da Bartold: “Arrivò la notizia che i russi, che avevano costruito una fortezza a Kazalinsk sulla riva nord del Syr-Darya, avevano intenzione di sottomettere i kirghisi, che avevano case estive sul lato sud del fiume e pagavano zakat e haraj al governo di Khiva. Il Khan decise di inviare una deputazione sotto la guida di ‘Muhammad Murad Devonbegi’ nella zona di Tau-Kara. Come ha notato V.V.Bartold in un altro saggio, “Devan-begi Mat-Murad era a capo della forza inviata nella steppa nel 1869”.

Come è stato notato nella rivista pietroburghese “Niva”: “Il primo posto tra i consiglieri e i ministri del khan appartiene a Mad-Murad Devan-begi, un uomo di grande talento, Mad-Murad ha guadagnato una forte influenza sul debole sovrano”.

Il generale Maksud Alikhanov-Avar ha notato lo stesso: “il principale dignitario del Khanato come ex precettore del Khan e come persona determinata ed energica, Mat-Murad ha avuto una grande influenza su di lui, e grazie a questo ha governato l’intero Khanato quasi indefinitamente”.

Questo fatto è stato notato anche dall’americano J.A.Mak-Gahan: “Finora egli (khan. – R.N.) ha affidato l’intera amministrazione dello stato al suo ministro, Mat-Murad Devon-begi.

Riuscì anche a guadagnarsi il favore del giovane Khan, e quest’ultimo ne fece il suo consigliere principale dopo la sua ascesa al trono”. Riuscì anche a guadagnarsi il favore del giovane Khan, e quest’ultimo ne fece il suo principale consigliere dopo la sua ascesa al trono. Ha guidato l’esercito di Khiva a Sheikh-aryk e poi ha accompagnato il Khan”. Fu capo dell’esercito di Khiva a Sheikh-aryk e poi accompagnò il Khan, cioè durante l’attacco delle truppe imperiali russe a Khiva nel 1873. I dipinti del pittore N. N. Karazin intitolato La campagna di Khiva 1873.

Passaggio del commando del Turkestan attraverso la sabbia morta fino ai pozzi “Adam-Krilgan”, “La prima apparizione delle truppe russe all’Amu-Darya. Il passaggio del commando del Turkestan a Sheikh Aryk”. N. Polvonov chiama Matmurad “l’eroe della lotta contro gli invasori russi”.

Matmurod Devonbegi ebbe 6 figli (Kutlug Murad, Sheikh Nazar, Husain Muhammad, Amankeldi, Kutlugkadam, Khudaibergan), tutti alti funzionari militari e civili del Khanato di Khiva.

Nel 1904 – 1905, i figli di Matmurod raccolsero attivamente donazioni per la guerra russo-giapponese nel Khanato. Nel 1873 Matmurod comandò le truppe di Khiva, perdendo il figlio maggiore Kutlug Murad nei combattimenti.

A differenza di un certo numero di altri dignitari del Khanato (come Mat-Niyaz, Said-Amir-ul-Umar, Yusuf-Maksum e altri) che erano sostenitori del primo trattato di pace con l’Impero russo, Matmurod Devonbegi era un sostenitore della lotta armata contro gli invasori.

Come dichiarato da Mak-Gahan: “Quando Khan si arrese ai russi, Matmurod Devonbegi fu catturato. Grazie a Matmurod e ad alcuni altri patrioti (Rahmatulla-Bek Yasaulbashi, Abdulla-Bek) che guidarono la resistenza anti-imperiale, il Khanato di Khiva non fu completamente liquidato (questo era previsto nei piani originali).

Dopo la sconfitta del Khanato di Khiva e la firma di un accordo con l’Impero russo, i membri più attivi della resistenza contro le truppe zariste furono soppressi. Anche Matmurod subì la repressione – fu esiliato con la sua famiglia prima a Kazalinsk (1873 – 1874), e poi – a Kaluga, dove visse fino al 1880, i suoi 2 figli più giovani sono nati lì.

Come nota Bartold: “Dopo la cattura di Khiva, la sua proprietà fu confiscata e fu esiliato a Kaluga, dove visse per 6 anni”. Insieme a lui, i suoi due più stretti collaboratori, Rakhmatulla-Yasaulbashi e Abdulla-Bek, furono esiliati.

Secondo alcuni rapporti, Matmurod Devonbegi aveva contatti con parenti e compagni dell’Imam Shamil in esilio che vivevano a Kaluga. Una delle particolarità di Kaluga era che era praticamente l’unica città del centro della Russia (a parte Mosca) ad avere una moschea.

Probabilmente per questo motivo, i musulmani disobbedienti venivano spesso esiliati qui. L’ultimo Khan di Crimea Shagin-Giray, l’ultimo Khan del Giovane Kazako Zhuz Aryngazy-khan, il leader della rivolta turkmena Cherkez-khan, il sufi ceceno Kunta-Khadji, l’Imam Shamil e infine gli esiliati di Khiva Matmurod Devonbegi, Rakhmatulla-Bek-Yasaulbashi, Abdulla-Bek furono inviati qui in vari momenti.

Alla fine degli anni 1870 e all’inizio degli anni 1880, il governo zarista cominciò a passare da una politica di duro confronto e pressione sulle élite dei popoli musulmani a una diversa tattica di avvicinamento con loro.

Questo si esprimeva nell’ammissione dei membri delle famiglie nobili alle scuole militari russe e a servire nelle unità d’élite dell’esercito e della guardia del corpo russa (compreso il seguito dello zar stesso).

Durante il periodo di esilio a Kaluga, i due figli di Matmurod, Sheikh-Nazar (futuro Yasaulbashi) e Husain-Muhammad, studiarono alla sezione musulmana del corpo dei cadetti di Voronezh (1878-1880).

Nel 1879, su richiesta personale del Khan di Khiva, Matmurod fu graziato dall’imperatore Alessandro II e gli fu permesso di tornare a Khiva. Nel dicembre 1879, il governatore generale del Turkistan, l’aiutante generale von Kaufman, scrisse al Khan di Khiva: “In conformità con la mia sottomissione alla petizione di Vostra Eccellenza riguardante il ritorno a casa dei dignitari di Khiva Devonbegi Magamed Murad e Yasaulbashi Rakhmatulla, che furono esiliati nel 1873, l’Imperatore, il misericordioso Re Bianco, ha decretato il 27 settembre di quest’anno che i suddetti di Khiva ritornino in patria”.

Informo Vostra Altezza di questo ordine imperiale e vi chiedo di esercitare una stretta sorveglianza su Magamed-Murad e Rakhmatulla dopo il loro ritorno a casa”.

Al suo ritorno in patria nel 1880, Matmurad fu nuovamente nominato Devonbegi. Come nota Bartold, “Al suo ritorno a Khiva fu reintegrato e nel 1883 era il ministro capo”.

Va notato che molto spesso Matmurod non ha eseguito molti ordini delle autorità zariste, il che è menzionato nei documenti. Per esempio, nella lettera del governatore generale del Turkestan Dukhovsky al Khan Khiva del 17 giugno 1898, si dice: “Muhammad Murad non poteva non apprendere il concetto che gli ordini del Lord Governatore Generale del Turkestan, in quanto persona dotata della piena fiducia di Sua Maestà Imperiale, sono riportati alle autorità di Khiva per l’esatta esecuzione, e quindi non capisco assolutamente quali considerazioni potrebbero guidare Muhammad Murad Devonbegi a non eseguire il mio ordine.

Sotto il nuovo imperatore Alessandro III, Matmurod ricevette una serie di ordini russi (San Stanislav, Sant’Anna, San Vladimir) e il grado di colonnello nell’esercito russo (lo stesso Khan di Khiva aveva il grado di maggior generale). Matmurod ricevette anche le decorazioni del Khanato di Khiva, dell’Emirato di Bukhara e della Persia (in particolare, l’Ordine della Stella Nascente della Nobile Bukhara e l’Ordine Persiano del Leone e del Sole).

Molti hanno notato il desiderio di Matmurod (soprattutto dopo il suo ritorno dall’esilio) di forme europee di organizzazione della vita. Come ha notato V. Bartold, “A Khiva aveva una casa in stile europeo, con mobili e finestre europee; non c’era nessun’altra casa con tali comodità usuali per l’europeo nella capitale del Khan in quel momento”.

Come membro delle ambasciate di Khiva e privatamente, Matmurod ha visitato varie città russe (Mosca, San Pietroburgo, ecc.) molte volte. Morì a Khiva nel 1901 e fu sepolto a Khiva nella tomba di famiglia.

Tra i discendenti di Matmurod ci furono molti famosi statisti e personaggi pubblici, scienziati e scrittori, tra i quali i più importanti sono:

  • Figlio dello sceicco Nazar Yasaulbashi (1869 – 1918) – Yasaulbashi (ministro militare e comandante della guardia del corpo) di Mukhammad-Rahimkhan Feruz e Isfayandiyar-khan. Era stato più di una volta a San Pietroburgo, Mosca, ecc.
  • Il figlio Husayin-bek Matmurodov (1871 – 1918) – uno dei leader del movimento “Giovani Khivaani”.
  • Il nipote Islam-khoja (18…-1913) – il figlio della figlia di Matmurad e Ibrahim-khoja, visir nel 1899 -1910, gran visir del khanato sotto Isfandiyar-khan nel 1910 – 1913
  • Nipote Sayid Nazar (1909 – 1959), figlio di Sheikh-Nazar-Yasaulbashi, poeta, scrittore di prosa, drammaturgo e giornalista, nel 1942-1952 capo della sezione di Samarcanda dell’Unione degli scrittori uzbeki
  • Il nipote Davlat Nazarov (1913 – 1988) era il figlio dello sceicco Nazar Yasaulbashi, un eroe della seconda guerra mondiale, una vittima delle repressioni di Stalin, uno statista e una figura importante
  • Il pronipote Renat Saidovich Nazarov (nato nel 1936) – il figlio di Said Nazar, il meritevole lavoratore agricolo dell’Uzbekistan, dottore in scienze agricole, professore, esperto leader dell’Uzbekistan nel campo della coltivazione del cotone
  • La pronipote Rakhima Saidovna Nazarova (nata nel 1946) è la figlia di Said Nazar. Un eminente professionista medico, uno dei principali specialisti in esami ad ultrasuoni
  • Il pronipote Nazarov Nodir Saidovich (nato nel 1952) – il figlio di Said Nazar, insegnante, diplomatico, personaggio pubblico
  • Il pronipote Ravshan Rinatovich Nazarov (nato nel 1966) è il figlio di R. S. Nazarov, laureato all’Università Statale di Mosca, dottore in filosofia, scienziato – etnologo, storico, politologo
Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...