Palazzi e fortezze di Khorezm - Turkestan Travel
Toprak Kala

Palazzi e fortezze di Khorezm

Situata sul corso inferiore del fiume Amudarya, questa terra ha occupato un posto speciale nella storia antica dell’Asia Centrale. Questa terra, che si estende a nord fino alle profondità della steppa, si separò dall’impero achemenide nel IV secolo a.C., prima delle campagne di Alessandro Magno. Nell’inverno del 329-328 a.C., il re Farasman di Khorezmia venne da Alessandro Magno per negoziare e gli offrì un’alleanza e un’amicizia. Insieme alla Greco-Bactria e alla Parthia, Khorezm era uno dei centri culturali più importanti dell’Asia Centrale. Qui si è sviluppata presto una cultura urbana distintiva. Separata dalla Greco-Bactria e dalla Parthia dalle sabbie del deserto, Khorezm si trovava al di fuori della portata dei loro re bellicosi. Allo stesso tempo, le connessioni di Khorezm con le tribù nomadi del Kazakistan e della Siberia meridionale erano abbastanza strette. Il materiale più ricco sulla storia degli antichi palazzi e fortezze di Khorezm è stato fornito dagli scavi a Toprak Qal’a, un noto sito archeologico sulla riva destra del fiume Amudarya. Gli scavi di Toprak Qal’a, iniziati già alla fine degli anni ’30, sono stati condotti da studiosi sovietici nel corso di diversi decenni.

Nella seconda metà del III – inizio del IV secolo, Toprak-Qal’a era la residenza del re Khorezmian. Coprendo un’area di 500 x 350 m, il vasto castello era circondato da un bastione e da un muro di cinta con torri. Un ampio percorso di parata (fino a 10 m) attraversava il suo territorio. Una chiara rete di strade longitudinali e trasversali divideva la città in quartieri regolari. Nell’angolo nord-ovest c’era un enorme palazzo reale a tre torri costruito su una piattaforma di mattoni alta 12 metri. Era una costruzione che non aveva alcun equivalente nel Khorezm, o nell’Asia Centrale. Secondo il progetto originale dei costruttori, il palazzo era a pianta quadrata, con una lunghezza laterale di 80 metri. Un po’ più tardi, tre torri quadrate di 40 metri per 40 metri ciascuna furono aggiunte all’edificio principale. Il risultato è una composizione estremamente maestosa e originale. Le alte e vuote mura esterne davano all’intero complesso del palazzo l’aspetto di una fortezza inaccessibile e inespugnabile. L’edificio centrale del palazzo Toprak-Qal’a ospitava un gran numero di stanze diverse – residenziali, cerimoniali, economiche e ausiliarie – alcune delle quali erano disposte su due piani. Tutti questi locali erano chiaramente divisi in diversi complessi indipendenti per scopi specifici, separati l’uno dall’altro da muri massicci. Tra le rovine, gli archeologi hanno trovato più di cento documenti economici, scritti in aramaico nella lingua di Khorezm. Molte stanze del palazzo erano decorate con murales e sculture in argilla, ma la sala cerimoniale centrale, la Sala dei Re (280 mq), spiccava per la sua decorazione. Lungo le sue pareti dipinte con colori vivaci c’erano le statue d’argilla dei sovrani di Khorezm, ognuna delle quali era il doppio della sua dimensione naturale.

Purtroppo, solo i frammenti di queste sculture sono sopravvissuti. Non un solo volto tra i frammenti di torsi, braccia, gambe, teste è sopravvissuto. Il fatto che queste statue rappresentassero dei re è confermato dalla scoperta di due corone scultoree conosciute dalle immagini sulle monete. Ogni re seduto era circondato da figure in piedi di donne, regine e principesse, uomini, principi e nobili vicini e bambini. Una vera e propria “galleria di ritratti”! Di questi ritratti scultorei, tuttavia, solo due teste gravemente danneggiate sono sopravvissute – la testa di una donna (“la moglie del re Vasamar”) e di un giovane principe. Nonostante i danni, il desiderio dello scultore di ritrarre l’individualità dei volti raffigurati è evidente nel loro aspetto. Non meno interessante e ricca era la decorazione della Sala dei Guerrieri. Questa grande stanza (circa 60 metri quadrati) era anche decorata con sculture di argilla. Tuttavia, il layout e la struttura della sala dei guerrieri completamente ripetuto usuale per Toprak-Qal’a disposizione del palazzo e la struttura dei saloni. Questo ha portato gli studiosi a sospettare che la Sala dei Guerrieri servisse come camera da letto reale. Vicino a una delle pareti della “Sala dei Soldati” c’era un camino. Nelle nicchie lungo le pareti c’erano grandi statue d’argilla di re, e negli spazi intermedi, su speciali supporti, c’erano figure di soldati con armi in mano.

Gli archeologi chiamano un’altra anticamera del Palazzo Toprak-Qal’a la “Sala delle Maschere Danzanti”. La decorazione di questa sala era dedicata al culto di Dioniso – l’antico dio greco del vino e del piacere, che era popolare non solo nell’antichità. I bassorilievi che decoravano le pareti della sala rappresentavano danze bacchiche. Forse i danzatori indossavano maschere dionisiache – durante gli scavi gli archeologi hanno trovato la testa di una delle figure con una lunga barba nera e orecchie di capra. La Sala dei Cervi, relativamente piccola ma riccamente decorata, deve il suo nome ai rilievi in argilla con figure di daini al pascolo che esistevano quasi a grandezza naturale. A giudicare dai resti conservati del dipinto, i daini erano marroni e lo sfondo era blu. Le immagini di daini sono state integrate con alberi avvolti da viti, i rami con frutti di melograno. Le stanze più piccole – probabilmente salotti – erano decorate con murales colorati. Una di queste stanze fu chiamata “Sala dell’Arpa” – dopo l’immagine della giovane donna con l’arpa che vi si trova. L’altra stanza, la Sala delle signore nere, apparteneva probabilmente al complesso dell’harem ed era decorata con immagini di donne su uno sfondo chiaro coperto da cuori rossi.

Mentre il palazzo Toprak-Qal’a può essere tranquillamente considerato una residenza reale, lo scopo dell’antico complesso corezmiano di Qoy Qırılg’an Qala non è ancora del tutto compreso. Questo esteso insediamento sulla riva destra del fiume Amudarya, 22 km a nord-est della città Karakalpak di Turtkul, attirò l’attenzione degli archeologi nel 1938. I primi scavi a Qoy-Qırılg’an-Qala furono effettuati dalla spedizione di Khorezm. Dopo la seconda guerra mondiale, le indagini sui palazzi e le fortezze di Khorezm continuarono e nel 1951-1957 il monumento fu completamente scavato. L’enigmatica struttura di Qoy Qırılg’an Qala fu costruita nel IV-III secolo a.C. La prima fase di esistenza e funzionamento fu seguita da un lungo periodo di desolazione fino alla fine del secolo. Poi la struttura “rinacque” ed esistette fino al IV secolo d.C. Nella prima fase, l’insieme di Qoy Qırılg’an Qala era un edificio circolare a due piani di 44,4 m di diametro. Era circondato da un muro difensivo con nove torri equidistanti. Una delle torri aveva un ingresso con un complesso sistema di corridoi che portava al secondo piano dell’edificio centrale con l’area aperta circolare. Al piano terra c’erano due gruppi isolati di stanze, ognuno con quattro stanze. È probabile che il complesso di Qoy Qırılg’an Qala fosse associato a riti funerari: le stanze del piano terra erano per la sepoltura dei resti del re Khorezm e di sua moglie, e il primo piano era per gli strumenti funerari, destinati alla cremazione. Alcuni ricercatori ritengono che l’edificio di Qoy Qırılg’an Qala non fosse solo una tomba ma anche un tempio dedicato al culto di un re divinizzato. Anche le osservazioni astronomiche sono state probabilmente fatte qui. I risultati notoriamente notevoli dell’astronomia medievale dell’Asia Centrale ebbero probabilmente le loro origini remote nelle osservazioni fatte in strutture come il Qoy Qırılg’an Qala corezmico.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...