Le moschee di Khorezm - Scoprire Uzbekistan - Turkestan Travel
Juma Mosque in Khiva

Le moschee di Khorezm

Una moschea, luogo di preghiera per i musulmani e luogo di residenza da loro venerato, è stata utilizzata per alcuni eventi a partire dal XI secolo. Le moschee di Khorezm, come ovunque nelle terre musulmane, erano per le preghiere di un gran numero di musulmani nei giorni delle feste musulmane “Qurban Hayit” (Id al-Adha) e “Ramadan Hayit” (Id al-Fitr), celebrate due volte all’anno, dove si riuniscono molti abitanti di una città e di un villaggio.

Queste moschee, chiamate “Namazgahs”, erano situate in una zona speciale dietro le mura della città. Le moschee erano costruite frontalmente e il cortile non era delimitato in alcun modo: Lo scopo della costruzione di tali edifici era quello di permettere ai musulmani di rivolgere la loro faccia verso la Mecca (cioè la Qibla) durante la preghiera.

In Khorezm, il punto di orientamento di una qibla è verso il sud; quindi, in Khorezm, il mihrab (nicchia di preghiera dove i musulmani girano la faccia durante la preghiera) delle moschee era posto nella parte meridionale del muro dell’edificio.

Questo tipo di moschee suburbane “Namazgah” con composizione standard non è sopravvissuto in Khiva, solo nel distretto di Khazarasp nella regione di Khorezm c’è una sola moschea chiamata “Namazgah” nel complesso Ismail Eshanbobo.

Tuttavia, è costruita in forma di un’ampia sala a cupola con una galleria a tripla volta, che ha un’uscita verso l’Aiwan su un lato, cioè è costruita come una moschea Mahalla. Altre moschee juma (“jami”, cioè cattedrale o juma significa preghiera del venerdì) sono utilizzate per eseguire la preghiera del venerdì una volta alla settimana, dove la maggior parte dei musulmani della città si riunisce per la preghiera.

Architettonicamente, queste moschee jami sono di solito costituite da un edificio principale longitudinale e da una galleria lungo i muri perimetrali. In Khorezm, le moschee di questo tipo non si sono conservate.

Nei primi secoli dell’Islam, le moschee erano solo per l’esecuzione delle preghiere, questo edificio era una sorta di casa nazionale che santificava la vita della popolazione di tutte le epoche attraverso varie cerimonie – rituali, è rimasto nelle moschee makhalla costruite in luoghi affollati e vicino ai bazar.

Le loro forme differiscono molto l’una dall’altra, ma tuttavia la loro struttura ha conservato un’unica composizione: si tratta di un edificio con una piccola sala sul davanti, delimitata da un aiwan.

La sala di preghiera poteva essere a volta e l’aiwan poteva essere una galleria a portale a volta di carattere imponente e monumentale o uno spazio coperto da un tetto piatto di travi sostenuto da colonne di legno e dotato di aiwan.

Nella parte meridionale delle moschee a Khorezm e in parte a Khiva, non sono state fatte aperture o sfondamenti perché c’era un mihrab (una nicchia di preghiera rivolta verso la Mecca) nella loro parte interna.

Questa circostanza è molto rara nelle moschee di Khiva, come si dice, si può contare sulle dita, ma è stata conservata in alcune moschee elencate qui sotto.

Una sala a cupola con annesso aiwan a una colonna si trova nella moschea Yarmuhammad Dewon (Sayid-Ota), situata vicino al mausoleo di Sayid Alauddin nel sud-ovest, una moschea Bagbanly, situata nella parte meridionale di Ichan-Kala.

Anche i soffitti delle moschee Abdalbobo e Matriz Kushbegi sono coperti da un tetto piatto fatto di travi. La moschea in cui i tre lati della sala di preghiera sono circondati da un aiwan è la moschea Ak, situata accanto alla porta Palvan Darwaza di Ichan-kala.

Davanti alle moschee del distretto di Khiva, c’è di solito un lungo cortile con l’aiwan alto della moschea di fronte e un aiwan della darvazakhana o ters-aiwan (l’aiwan opposto) sul lato opposto.

La moschea era anche un luogo per immagazzinare provviste, oggetti domestici e taharat-hana (sala per le abluzioni).

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...