Cavalli celesti di Fergana - Turkestan Travel

Cavalli celesti di Fergana

Nel 104 a.C., una cavalleria cinese di 60.000 uomini fu inviata a Dawan su ordine dell’imperatore Tang Wu-Di. Il motivo dell’inizio della guerra furono gli Argamaks¹, i “cavalli celesti di Fergana“, come sono chiamati in tutte le fonti. Questi cavalli possedevano una grande forza e resistenza e “sudavano sangue”, che per i cinesi era un segno della loro origine divina. Consideravano i cavalli di Fergana come “cavalli celesti” sui quali si poteva cavalcare “nella terra dell’immortalità”. L’imperatore cinese Wu-Di, che cercava un modo per diventare immortale, desiderava soprattutto i cavalli celesti. “I cavalli celesti divennero oggetto di venerazione in Cina e furono persino oggetto di poesie di poeti. Tuttavia, il segreto della peculiarità degli Argamaks e della loro capacità di “sudare sangue” era che la loro pelle era mangiata dai parassiti, che causavano questo effetto insolito.

Tuttavia, tutto questo è stato chiarito nel ventesimo secolo, e nel secondo secolo a.C. gli Argamak erano l’obiettivo di un certo culto. Dopo la loro sconfitta nel 104 a.C., i cinesi attaccarono nuovamente Dawan, ma questa volta il popolo di Fergana dovette scendere a compromessi: Si sono impegnati a fornire all’imperatore cinese 300 cavalli ogni anno per il suo esercito.

La questione dell’origine di questi cavalli è ancora aperta. Così, il viaggiatore e diplomatico cinese Zhang Jian scrisse: “Nell’impero Dawan ci sono alte montagne. Su queste montagne ci sono cavalli che sono difficili da ottenere: Quindi le cavalle colorate vengono selezionate e portate ai piedi delle montagne per accoppiarsi con gli stalloni di montagna. È da queste cavalle che nascono i puledri macchiati di sangue, ed è per questo che sono chiamati “puledri della razza del cavallo celeste”.

Non si può negare l’importanza dell’origine “celeste” degli Argamaks, ma bisogna notare che la ragione principale per possedere questi cavalli era la necessità di fare la guerra contro gli Unni, che a quel tempo stavano causando molti danni ai confini con la Cina. Come tutti i nomadi, gli Unni avevano un’eccellente forza di cavalleria armata – i catafratti – che i cavalieri cinesi su cavalli piccoli e meno robusti non erano all’altezza. Pertanto, i cinesi avevano bisogno degli Argamak dell’Asia centrale, che erano considerati una delle migliori razze dell’epoca.

Secondo alcuni rapporti, i discendenti di questi “cavalli celesti” sono oggi i cavalli turkmeni Akhal Teke, giustamente considerati una delle migliori razze di cavalli del mondo.


¹Argamak → Uzbek: Arg’umoq / Arghumoq

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...