Leggenda dello Sceicco Maturidi - Turkestan Travel
Abu Mansur al-Maturidi Mausoleum

Leggenda dello Sceicco Maturidi

La leggenda dice che un sant’uomo viveva una volta a Samarcanda – lo sceicco Maturidi. Gli piaceva il posto dietro Siyab, ma non c’era acqua. Lo sceicco prese il suo bastone, andò a Siyab, sopra Chupan-ata, lasciò cadere l’estremità del bastone nell’acqua e lo trascinò con sé. Immediatamente dietro lo sceicco, lungo la traccia lasciata dal personale, l’acqua scorreva. Dove lo sceicco camminava più velocemente, l’acqua scorreva più velocemente, e dove era più calma, l’acqua scorreva più calma. Così ora scorreva. Così il santo raggiunse il luogo di sua scelta e vi pose il suo bastone. Dal bastone è cresciuto un albero. Non è cresciuto come qualsiasi altro albero a Samarcanda, perché il bastone è stato portato dalla Mecca, dove si è recato per l’Hajj. Lo sceicco decise di piantarvi un vigneto. Un giorno mise dell’uva in terra e il suo discepolo gliela portò. Stava per piantare altre talee quando la voce di un muazzin chiamò per il namaz (preghiera) della sera. Lo sceicco voleva abbandonare la semina e andare subito al namaz. Ma il diavolo entrò nel discepolo e cominciò a tentare il santo con la bocca per piantare al più presto quelle poche talee e poi andare a pregare: Lo sceicco fu sedotto dal discorso ingannevole e cominciò ad affrettarsi a piantare le restanti talee. Ma non aveva fretta ed era in ritardo per la preghiera. Da allora, lo sceicco stava aspettando la sua punizione da Allah. Aveva molta paura del suo peccato.

Non si sa quanto tempo sia passato da allora, ma un giorno un uomo mandato dal re di Samarcanda venne dallo Shaykh e chiese dell’uva da diversi cespugli in natura. Lo sceicco gli diede per sbaglio tutte le bacche dei cespugli che aveva piantato perché era in ritardo per la preghiera, e il re ordinò di farne del vino. Da allora, il vino è stato fatto e bevuto a Samarcanda. Lo sceicco capì che questo era stato fatto come punizione per il suo peccato e sradicò tutte le viti del suo giardino, ma non smise di fare il vino e di berlo.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...