Ali Shir Nava'i - Personaggi famosi - Turkestan Travel
Alisher Nawoi

Ali Shir Nava’i

Ali Shir Nava’i (1441-1501) fu un grande poeta e pensatore, uno statista. Il suo nome completo era Niẓām al-Dīn Mir Ali Shir. Ha scritto poesie con lo pseudonimo Nava’i sia in Chagatai (antica lingua uzbeka) che in Farsi (nelle opere persiane). È la figura di spicco della letteratura uzbeka, conosciuta in Occidente come letteratura Chagatai. Non c’è una figura più grande di lui nella letteratura dei popoli turchi.

Infanzia e gioventù

Niẓām al-Dīn Ali Shir è nato a Herat il 9 febbraio 1441. A quel tempo, Herat era la capitale del Khorasan (ora il territorio dei moderni Uzbekistan e Iran), una provincia all’interno dello stato di Maverannahr creato da Amir Temur. C’è ancora un dibattito accademico sull’origine di Ali Shir Nava’i. Due versioni sono contestate: secondo la prima, è un discendente dei Bakhshi (cantastorie) uiguri; secondo la seconda, appartiene alla tribù dei Barlas, da cui proveniva lo stesso Amir Temur.

Da qui la posizione privilegiata di suo padre – Giyasiddin Kichkina, che serviva come funzionario alla corte Temurid ed era un uomo della dinastia illuminata e colta. Uno degli zii di Ali Shir era un poeta, un altro era un musicista e un calligrafo.

Fin dall’infanzia, Nava’i era amico del futuro sovrano del Khorasan (Transoxiana) Husayn Boyqara (1469-1506). Ha iniziato a scrivere poesie all’età di 10-12 anni. Secondo le informazioni del contemporaneo di Nava’i, lo storico Khandamir (1473 (76) – 1534), il famoso poeta uzbeko Lutfi (1369-1465) incontrò un bambino chiamato Nava’i nella sua vecchiaia e apprezzò molto il suo talento poetico.

Nel corso della sua vita, Ali Shir Nava’i visitò vari paesi dell’Oriente musulmano e incontrò notevoli personalità del suo tempo. Ha sviluppato le sue capacità poetiche. Nel 1464-65, gli ammiratori della creazione di Nava’i prepararono la prima raccolta delle sue poesie (Diwan). Questo fatto dimostra che Nava’i era già diventato famoso come poeta in questo periodo. Fino al 1469 – durante i disordini interni Temurid – Ali Shir Nava’i fu costretto a vivere lontano dalla sua città natale – Herat.

Attività dello Stato

Nel 1469, Husayn Boyqara conquistò Herat e divenne governatore del Khorasan. Da questo punto in poi, inizia una nuova fase della vita di Nava’i. Partecipa attivamente alla vita politica del paese. Nello stesso anno, il sovrano del Khorasan nomina Nava’i come amministratore del sigillo di stato (Muhrdar), e nel 1472 viene nominato vasir. Nella sua posizione fornisce un grande aiuto agli intellettuali culturali e scientifici del paese. Diventa proprietario di una grande proprietà.

Negli anni 1480 costruisce a proprie spese a Herat e in altre regioni del paese diverse medre, 40 rabat (luoghi di dimora per i viaggiatori), 17 moschee, 10 capanne sufi (khanakah), 9 bagni, 9 ponti…. E molti altri per uso pubblico. Ma tali attività di Nava’i a beneficio del popolo non piacciono all’entourage del sovrano e attraverso intrighi riescono a rovinare la relazione tra Ali Shir Nava’i e Husayn Boyqara.

Quest’ultimo sollevò Nava’i dal suo incarico e lo mandò a capo della città di Astrabad nel 1487. Rimane lì per due anni, e solo dopo questo tempo Husayn Boyqara gli permette di tornare a Herat e gli offre un posto nel governo. Ma Nava’i si rifiuta. Nonostante il suo rifiuto, Husayn Boyqara gli dà il posto di confidente più stretto del sovrano (“mukarrabi hazrati sultani”). In questa posizione, Ali Shir Nava’i aveva il diritto di partecipare al processo decisionale di tutti gli affari dello stato.

Poiché questo periodo segna l’inizio di una nuova era nella vita del poeta, egli è più preoccupato della creazione. La maggior parte delle sue opere sono state scritte durante questo periodo. Nava’i visse e creò negli ultimi anni della dinastia Temurid (1370-1506). Pertanto, lo spirito pubblico, i problemi urgenti dell’epoca sono forti nelle sue opere. Negli anni 1490-1501 Nava’i creò la maggior parte delle sue opere liriche, pubblico-filosofiche e scientifiche.

La creazione

Il lavoro creativo di Ali Shir Nava’i è magnifico. Il volume delle sue sei poesie è di circa 60.000 linee (misra). Nel 1483-85 Nava’i creò “Khamsa” (“Cinque”, composto da 5 storie diverse, 50. 000 versi; per lo più chagataici), che include poemi come “Hayrat al-abrar” (“Confusione dei giusti”), “Farkhad va Shirin” (“Farkhad e Shirin”), “Layli va Majnun”, “Sab’ai sayyar” (“I sette pianeti”) e “Saddi Iskandari” (“Il muro di Iskandar”). Erano basati sulla tradizione Khamsa (cinque poemi).

Khamsa” di Nava’i è la prima opera di questo genere creata in lingua turca. Egli dimostra che un’opera così voluminosa può essere scritta anche in lingua turca. Infatti, Nava’i vuole dimostrare che è possibile creare un’opera anche in Chagatai (vecchio uzbeko), che può stare alla pari con le opere della letteratura persiano-tajik. E certamente lo dimostra attraverso il suo Khamsa (Cinque).

Ali Shir Nava’i si diletta in quasi tutti i generi comuni della letteratura dell’Oriente musulmano e dimostra di avere una firma e uno stile propri. Più di 120 poesie sul tema “Layli e Majnun” sono state scritte nella letteratura orientale. Anche Nava’i crea una poesia su questo tema con il suo proprio approccio. La poesia descrive l’amore tra Laili e Majnun. Nava’i cerca di esprimere e interpretare l’amore umano e sufi attraverso le descrizioni di questi. Ali Shir Nava’i esprime anche le sue opinioni sufi nelle poesie “Farkhad e Shirin” e “Hayrat al-abrar”. I temi sufi nelle sue poesie salgono al livello filosofico generale.

Allo stesso tempo, queste poesie mettono all’ordine del giorno i problemi attuali del mondo attraverso la visione umanistica del poeta. In altre due poesie del “Khamsa” di Nava’i – “Sab’ai Sayyar” e “Saddi Iskandari” – vengono alla ribalta i problemi legati al sovrano.

Si sa che Ali Shir Nava’i era vicino alla corte di Temurid e aveva la possibilità di influenzare in qualche modo il sovrano e amico Husayn Boyqaro. Pertanto, nelle poesie di cui sopra, Nava’i ha espresso le idee rivolte a Husayn Boyqaro: l’impermanenza del mondo e del trono reale; la responsabilità di un sovrano verso il suo popolo…. Il “Khamsa” di Ali Shir Nava’i si distingue nella tradizione della scrittura Khamsa per il suo carattere sociale e politico e la sua originalità. Abd al-Rahman Jami (1414-1492) lo stimava molto dopo aver letto “Khamsa” di Nava’i.

In termini di importanza pubblica e artistica, il “Khamsa” di Nava’i ha avuto un grande posto in Asia centrale. È stato copiato molto spesso. Attualmente abbiamo molti fogli di “Khamsa” o singole poesie da esso. La sola collezione dell’Istituto di Studi Orientali Abu Rayhan Al-Biruni contiene 166 manoscritti trascritti dal XV al XX secolo, che contengono tutte e cinque o alcune poesie della “Khamsa”. Di questi, 84 fogli hanno tutte e cinque le poesie. La distribuzione e il numero di fogli del “Khamsa” di Nava’i mostrano che aveva un posto speciale nella vita intellettuale dell’Asia Centrale.

Durante la sua vita, Ali Shir Nava’i ha composto un gran numero di opere liriche. Finì di compilare una raccolta di tutte le sue poesie nel 1498 e creò quattro raccolte divan sotto il titolo Khazoin ul-Maoniy (La casa del tesoro del pensiero). Tutte le poesie di questa raccolta sono lunghe più di 50.000 righe. Tuttavia, ha scritto poesie in 16 dei 21 generi esistenti della letteratura orientale musulmana.

Ali Shir Nava’i ha compilato le sue poesie scritte in persiano sotto il titolo “Diwani Fani”. Voleva anche competere con i poeti persiani. Se contiamo solo il numero di poesie del genere ghazal delle collezioni sopra citate, il loro volume è di 3.150. Si può sostenere che Nava’i è in testa almeno per il numero di poesie che ha creato. Nava’i raccolse anche i suoi qasidas in persiano e creò due collezioni: Sittai zaruriya (“Le sei necessità”) e Fusuli arbaa (“Le quattro stagioni dell’anno”).

Ali Shir Nava’i ha portato la letteratura uzbeka (Chagatai) ad un nuovo livello attraverso la sua poesia. La sua poesia è di gran lunga superiore alla letteratura uzbeka prima di lui in termini di ampiezza di temi e varietà di generi. Nella sua poesia, così come nelle sue poesie, ha espresso l’attualità secolare e spirituale, temi sufi. Furono pubblicate anche opere religiose di Nava’i: “Arbain” (“Quaranta quartine”), “Munajat” (“Una supplica ad Allah”).

È stato pubblicato un testo più completo dell’opera in prosa sufi “Nasaim al-muhabbat” (“Colpi d’amore”), contenente le informazioni su 750 sceicchi sufi. Nava’i ha anche creato opere accademiche. Le opere sul confronto delle lingue persiane e turche includono “Mukhamat al-lugatayn” (“La disputa delle due lingue”, 1499), gli studi letterari – “Majalis al-nafais” (“La raccolta dei raffinati”), la teoria dell’aruz (grandezza della composizione in versi) – “Mezan al-avzan” (“L’equilibrio delle dimensioni”), la teoria del genere mu’amma – “Mufradat” (Sciarada).

Inoltre, creò un trattato su argomenti storici intitolato “Tarikhi muluki Ajam” (“Storia dei re iraniani”), in cui descrive la storia dei re iraniani, e “Tarikhi Anbiya va Hukama” (“La storia dei profeti e dei saggi”). Ha raccolto le sue lettere nella sua collezione “Munsha’at”. Le sue memorie includono “Khamsat al-mutahayyirin” (“La quintuplice controversia”, 1494), “Khalati Sayyid Hasan Ardasher” (“La vita di Sayyid Hasan Ardasher”), “Khalati Pahlavan Muhammad” (“La vita di Pahlavan Muhammad”).

L’opera più recente di Nava’i è “Mahbub al-Qulub” (1500). Esprime le sue ultime opinioni sulla società e la politica.

Ali Shir Nava’i combinò azioni letterarie e politiche durante tutta la sua vita. Come uomo di alta reputazione, ha contribuito molto al miglioramento della vita sociale ed economica del paese; ha promosso la scienza, l’arte e la letteratura e ha sempre cercato di stabilire la pace e l’armonia.

Come possiamo vedere, l’eredità di Nava’i è diversa per tema e genere. Le sue opere dal XV al presente servono allo sviluppo della letteratura uzbeka. Per secoli, le sue opere sono state oggetto di imitazione e di ispirazione.

Vita privata

Ali Shir Nava’i apparteneva all’ordine sufi di Naqshbandiyya, era un uomo pio e volontariamente prese su di sé l’ascetismo – non era sposato, non conosceva il piacere di avere figli. Come disse di lui il poeta e sovrano Temurid Ẓahīr al-Dīn Muḥammad Babur nel suo poema epico “Baburnama“:

“Senza un figlio, senza una figlia, senza una moglie, andava per la sua strada nel mondo, bella, solitaria e facile”.

Tuttavia, c’è una leggenda sulla vita privata del poeta che dice che Ali Shir Nava’i e Husayn Boyqaro si innamorarono della stessa ragazza – Guli – quando era giovane. Il nobile Nava’i non poteva ferire il suo amico e convinse la bella a diventare la moglie di Husayn. Si dice che il poeta portò il suo amore per Guli per tutta la vita.

Nelle sue poesie, il poeta condanna la solitudine e scrive anche dei versi meravigliosi:

“Colui che ha scelto la solitudine come destino.
Nessun uomo: ha rubato il suo destino.
È solo con gli uomini, i suoi giorni sono amari:
Qualcuno ha sentito il battito di una sola mano?”.

Ali Shir Nava’i è stato descritto dai suoi contemporanei come un uomo dal carattere tormentato, dal carattere corto e persino arrogante.

“Era un uomo di alta e fine intelligenza e di eccellente educazione”, Ẓahīr al-Dīn Muḥammad Babur caratterizza Ali Shir Nava’i, “e pretendeva che tutte le persone si comportassero allo stesso modo e quindi aveva difficoltà ad andare d’accordo con loro.

La sua morte

Ali Shir Nava’i morì a Herat il 3 gennaio 1501, indebolito da una lunga malattia. Prima della sua morte, si ritirò dagli affari mondani e visse da uomo solitario in una cella vicino al mausoleo del suo maestro sufi.

L’uomo ha lasciato una ricca eredità letteraria: circa 30 opere – poemi, poesie, scritti. Le sue opere sono state tradotte in decine di lingue, i suoi libri e manoscritti sono conservati nelle più grandi biblioteche del mondo.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...