Grande Via della Seta - Scoprire l'Asia Centrale - Turkestan Travel
Silk Road

Grande Via della Seta

Le informazioni sulle civiltà europee sono note dai testi di papiro egiziano, che si riferiscono al tempo di almeno 3500 anni prima di Cristo. Gli egiziani furono i primi navigatori ed esploratori. Navigarono lungo il Nilo per conto del faraone Menuhotep VII, aprirono il Mar Rosso all’Eufrate, posero la prima strada paesaggistica nel deserto della penisola araba, costruirono pozzi e stabilirono una guardia militare.

Dopo aver padroneggiato il percorso via terra, chiamato in seguito “incenso costoso”, gli egiziani inviarono la prima nave per l’incenso a Punt (Arabia meridionale) lungo il Golfo Persico. Intorno al 1500 a.C., una grande spedizione della regina Hatshepsut (1525 – 1503 a.C.) ebbe luogo lungo questo percorso.

Già nell’antichità, gli egiziani stabilirono relazioni con i greci dopo che questi dominarono il Mediterraneo (nell’8 a.C., i greci adottarono da loro l’alfabeto). L’Egitto stava già facendo affari nel XVI secolo a.C. su rotte carovaniere e marittime ben sviluppate, trasportando beni culturali a Gerusalemme, Damasco, stabilendo un collegamento con Tiro, commerciando con Mittani. Nel 1272 a.C. concluse un trattato con gli Ittiti in Asia Minore.

L’Egitto raggiunse il Mar Nero e persino il Golfo Persico, il cosiddetto Mare Inferiore. Intorno al 1400 a.C., la Grecia sorse dove la cultura cretese aveva invaso. A questo punto, gli egiziani avevano già dominato la Spagna e raggiunto le coste britanniche e dello Jutland.

Una seconda civiltà precoce si sviluppò nella penisola araba nella valle del basso corso dei fiumi Eufrate e Tigri. I Sumeri costruirono templi nel 2369 – 2314 a.C., spesero denaro per sviluppare le vie carovaniere, svilupparono il commercio, importarono metallo, legno, pietre preziose, ecc. Durante questo periodo, i Sumeri formarono e gestirono una rotta commerciale ben sviluppata tra le montagne del nord di Babilonia e il deserto del sud.

Durante il 3° millennio a.C., le persone comunicarono con la civiltà pre-ariana, si svilupparono la geometria, l’astronomia, l’astrologia, la filosofia, la medicina, la geografia, le prime mappe primitive, i costruttori di strade, ecc.

Intorno al 1500 a.C., gli Ariani arrivarono lungo lo stretto di Kabul – guerre aristocratiche e popoli pastorali. Intorno al 538 a.C., i territori dell’Asia Minore furono conquistati dal re persiano Ciro.
Poco si dice delle rotte marittime durante questo periodo, quindi ci sono informazioni su un’altra antica rotta terrestre “Shah-roh” o “Strada del Re”, dotata di pozzi di caravanserragli, file commerciali protette dalle truppe iraniane.

La strada collegava l’antica capitale Elam Susa con Efeso a ovest, con il Golfo Persico a sud-est e aveva rami verso le colonie greche sul Mar Nero a nord-est. A est fino alle profondità dell’Iran, a nord dell’Afghanistan e a nord-est fino a Nissa, Bukhara, ecc.

Erodoto, studioso e viaggiatore, visitò questi luoghi e ci ha lasciato una descrizione delle strade, delle città, delle montagne e delle persone che vi abitavano. È così che gli europei del V-VI secolo a.C. appresero per la prima volta dagli Sciti che vivevano nel deserto innevato del nord. Ha descritto il commercio lungo la rotta scita lungo la costa settentrionale del Mar Nero e il Mar Caspio.

Gli autori successivi, come Tolomeo, sapevano del commercio della seta che passava attraverso l’Asia centrale, ma non avevano un’idea geografica precisa sull’insediamento dei popoli dell’Asia centrale e sulla posizione della Cina, la via attraverso la quale la seta arrivava.

Circa 515 anni prima di Cristo, il re persiano Dario conquistò la valle dell’Indo. Più tardi, Ctesias – storico, geografo e medico – visitò questi luoghi. Si riferiva alla zona “Parapanis” – l’Hindu Kush e gli Araks o Oxus (Amudarya), Yaksart (Syrdarya) – e la considerava erroneamente come un ramo dell’Amudarya, che era già noto dall’VIII. Secolo a.C. conosciuto come il Tanais (Don) e che sfocia nel Mar d’Azov.

Lo sviluppo delle antiche civiltà in Asia centrale, Cina, Corea, Sud-est asiatico e Giappone era sconosciuto in Europa fino alla fine del II secolo a.C., prima della nascita della “Grande Via della Seta”. Lo sviluppo di molte arti in Cina risale all’antichità, a circa 2700 anni a.C.

Il noto storico Sima Qian, vissuto intorno al 90 a.C., ci ha lasciato la storia della creazione della Via della Seta, che rese possibile il commercio della seta alla fine del II secolo a.C. Sima Qian cita leggende secondo cui il commercio della seta fu iniziato dalla moglie di Huang Di intorno al 2700 a.C., ma lui stesso dubita che sia così lontano e cita una storia più plausibile sull’apertura ufficiale della via della seta come parte di un trattato tra l’imperatore cinese Wu Di e Dawan (Fergana).

Secondo Sima Qian, nel nord della Cina, nelle steppe della moderna Mongolia Interna, viveva un popolo militante Hunnu che resisteva e contro il quale i cinesi iniziarono a costruire la “Grande Muraglia cinese” nel V secolo a.C. 176 – 165 a.C. Sotto la pressione dei nomadi, gli alleati dei cinesi Yuezhi (una delle tribù Massagetan) si spostarono oltre il Tien Shan fino alla città di Wusun sul fiume Ili, una piccola tribù dei Saks, e poi si spostarono oltre Yaksart (Syr Darya), spingendo gli Unni poi a sud verso Tahia o Bactria.

L’imperatore Wu Di voleva sapere qualcosa sul futuro destino dei suoi alleati, così mandò un certo Zhang Qiang a cercarli. Tuttavia, Zhang Qian fu catturato dagli Unni.

Negli anni 114 – 108 a.C., fino a 10 grandi ambasciate (carovane) arrivarono a Davan dalla Cina. Il percorso attraverso Kashgar – Fergana verso l’Europa orientale o attraverso Turfan – Taraz e oltre, con alcune interruzioni, esisteva fino alla fine del XIX – inizio del XX secolo.

A volte (durante le guerre) la “Via della Seta” portava dal bacino del Tarim a ovest attraverso le difficili colline del “Tetto del Mondo” – il Pamir o nell’alto Amu Darya attraverso le “cime vertiginose” e i “ponti sospesi” – all’India e da lì lungo il fiume Indo via mare – al Golfo Persico.

E a volte – a nord, sulla riva sud dell’Issyk-Kul, lungo il fiume Talas, attraverso il Taras (Dzhambul) o il fiume Ili e collegato con la “Strada dell’Oro” o la “Strada degli Sciti”, lungo il fiume Syr Darya – verso gli Urali del Sud, il fiume Emba, il Volga – verso le steppe del Mar Nero del Nord, attraverso la strada dei Dardanelli – verso la Grecia e Roma e verso l’Europa occidentale.

Dal 1° al 4° anno d.C. Chr, durante il regno Kushan quasi tutte le strade erano in uso: da Fergana via Kojamda (Khodzhent) – Zaamin – SamarcandaBukhara – Amul (Kharjev) – Merv (Maria) – Serahs – Meshed e oltre verso l’Europa; da Fergana via Kamchik – Passo di Tashkent, a Syrdarya – verso l’Ovest; via Tashkent – Jizzak – SamarcandaBukhara – Kyat (Beruni) – Urgench (Kunya – Urgench) – verso la regione del Nord Caspio – verso l’Europa orientale; via Samarcanda – Kesh (Shahrisabz) – Xenippu (Kassansay) – Amul (Chargev) – Merv (Mary) – Nissa (vicino ad Ashgabat) – Jurjan (Gorgan) – verso la Siria o Babilonia nel sud del Mar Caspio; da Samarcanda via Kesh (Shahrisabz) – Guzar – Sherabad – “Iron Gate” – Darmamitra o Tarameet (antiche Termez), attraverso l’Amu Darya – a Bactra (Afghanistan settentrionale, – India settentrionale (Pakistan), sul fiume Indo, via mare – al Golfo Persico o al Mar Rosso.

Nel VI secolo le rotte terrestri settentrionali erano più attive, nell’VIII-IX secolo quelle meridionali, ecc. La lotta per la proprietà delle rotte commerciali, per la mediazione negli accordi commerciali, per la riscossione dei dazi doganali ha danneggiato gli scambi internazionali e il progresso della scienza e della cultura.

Le rovine di 96 manieri situati a 17 km di distanza in una striscia di 2-3 km da sud a nord – questa è la cosiddetta “oasi morta” di Chorezm – ricordano le tragedie avvenute nel Medioevo.

In diversi periodi storici, le vie carovaniere erano gestite e mantenute in modo diverso. Nel XIV – inizio XV. Secolo – all’epoca di Amur Temur – un’importante figura politica, un famoso leader militare e un mecenate delle arti – grande importanza fu data alle rotte commerciali.

Per migliorarli e proteggerli, inviò ambasciatori in India e in Cina, in Asia Minore e in Egitto, a Venezia e in Francia, in Spagna e in Inghilterra. “Buon giorno e pace dichiaro” – inizia una lettera del Sahibkiran Temur al re Carlo VI di Francia nel 1402, una copia della quale fu data 600 anni dopo al presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Islam Karimov durante la sua visita amichevole in Francia nel maggio 1996.

La situazione storica e politica cambiò a metà del XV e XVI secolo. Le invasioni nomadi e le guerre interne portarono alla disintegrazione dello stato Temurid in diversi stati in guerra che cercavano di impossessarsi delle vie carovaniere.

In Asia Minore, i turchi ottomani soppressero i forti legami stabiliti tra l’Europa e i paesi orientali e assunsero il ruolo di intermediari. Il più grande stato dell’Asia meridionale, il Grande Impero Mughal, tentò di estendere il suo potere in tutta l’India settentrionale e centrale, nell’Afghanistan settentrionale e orientale, nei Khanati di Bukhara e Khiva nei secoli XVI-XVII.

L’Iran safavide, che aveva conquistato le regioni occidentali del moderno Afghanistan, parti del Turkmenistan, la Transcaucasia e l’Iraq, rivendicava l’India settentrionale e i khanati dell’Asia centrale.
A questo punto i portoghesi avevano aperto le rotte marittime intorno all’Africa e raggiunsero le isole giapponesi nel XVII secolo, conquistando i più importanti punti commerciali nel Golfo Persico e nel sud-est asiatico, in Indonesia e nella Cina meridionale.

Gli inglesi si stabilirono sulla costa occidentale dell’India, gli olandesi sull’isola di Ceylon (Sri Lanka) e sulla Malesia meridionale, gli spagnoli nelle Filippine, ecc. Le vie di terra erano quasi inutilizzate, il commercio marittimo si sviluppò intensamente.

Nel 40° del XVIII. La crisi economica ha colpito gli stati dell’Asia centrale. Dalla metà del XVII secolo al 1911. La Cina era sotto la dinastia manciù, a seconda di come era la Corea.

Allo stesso tempo, dal Portogallo, gli olandesi conquistarono roccaforti lungo la costa occidentale dell’Africa e crearono nuovi punti dall’Europa all’Estremo Oriente, stabilendo un monopolio sulle risorse di materie prime nel Golfo Persico e lungo la costa dall’Hindustan a Malacca.

Iniziarono le guerre commerciali tra la Compagnia Olandese delle Indie Orientali e l’Inghilterra. Alla fine del XVIII. I Paesi Bassi passarono sotto il potere della Francia e furono coinvolti nella guerra con l’Inghilterra.

Nella seconda metà del 18° secolo, l’India, con la sua migliore produzione di tessuti di cotone, lana e seta, beni in metalli preziosi e gemme, si dimostrò uno stato dipendente prima dalla Francia e poi dall’Inghilterra.

La Cina originale, con i suoi bellissimi monumenti culturali, la seta, la porcellana e altri, ha prima annunciato una politica di auto-isolamento e, dopo la crisi economica della fine del XVIII – inizio XIX secolo, ha perseguito una politica di “porta aperta”.

Gli stati dell’Asia centrale: i khanati di Bukhara, Khiva e Kokand divennero vassalli della Russia dalla metà del XIX secolo. Alla fine del XVIII – inizio XIX secolo, la Turchia, indebolita dalle guerre, conobbe un declino.

Solo il Giappone, dopo la “chiusura” del paese nel 30 del XVII secolo, riuscì a superare le difficoltà economiche e a fare un grande salto nell’industrializzazione all’inizio del XIX secolo, pur mantenendo l’indipendenza politica.

La “Grande Via della Seta” perse la sua missione storica di unire le civiltà europee e orientali, la seta cinese cessò di svolgere il ruolo di moneta mondiale. Lo sviluppo del progresso tecnico in Europa, la lotta per ridistribuire i mercati dei beni e le fonti di materie prime portò alle guerre mondiali, al commercio di materie prime strategiche, armi, attrezzature, ecc. sui mercati mondiali.

Attualmente, molti paesi si sforzano di far rivivere la rotta commerciale pacifica della “Grande Via della Seta” per tornare alle tradizioni del passato. La Repubblica Sovrana dell’Uzbekistan, che ha mostrato iniziativa in questa onorevole questione, si sta aprendo al mondo e offre l’opportunità di conoscere i suoi più di 4.000 monumenti archeologici e architettonici, tra i quali ci sono musei a cielo aperto unici sotto la protezione dell’UNESCO, dove si può seguire lo sviluppo delle civiltà più antiche del mondo, che rappresentano la cultura di molti popoli eurasiatici.

In relazione all’implementazione del programma dell’UNESCO “Revival of the Great Silk Roads – Paths of Dialogue and Cooperation” nella Repubblica sovrana dell’Uzbekistan negli anni ’90 del XX secolo, sono stati eseguiti ampi lavori di restauro di siti archeologici e architettonici, sono stati sviluppati itinerari turistici lungo le Grandi Vie della Seta, e sono stati prodotti prodotti scientifici, popolari e promozionali per vari profili di scienziati, operatori culturali, uomini d’affari e turisti.

La prima mappa turistica proposta “Lungo la Grande Via della Seta” non può riflettere pienamente un fenomeno storico così sfaccettato come l’impatto delle secolari rotte commerciali sul progresso culturale dell’umanità.

L’obiettivo è quindi quello di fornire una panoramica generale della portata e delle direzioni delle principali rotte commerciali, di disegnare i più importanti monumenti archeologici e architettonici e di segnare i percorsi turistici lungo la “Grande Via della Seta”.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...