Leggenda di Tomyris, regina dei Massageti - Turkestan Travel

Leggenda di Tomyris, regina dei Massageti

Nella vastità delle steppe eurasiatiche, i leggendari guerrieri nomadi tra gli Sciti hanno regnato nella profonda antichità – i Sciti, i Massageti, i Sarmati e gli Sciti. Per un millennio, dall’VIII secolo a.C. al IV secolo d.C., hanno terrorizzato le civiltà dell’Oriente e dell’Europa: Grecia, Roma, Egitto e Persia. Le tribù orientali comprendevano i Sciti e i Massageti, che vivevano in Asia Centrale.

Nel sesto secolo a.C., il primo impero mondiale degli achemenidi fu fondato in Persia. Dopo che il re persiano Ciro II unì le terre della Mesopotamia, lanciò una politica di conquista. Progettò una grande conquista dell’Egitto. Tuttavia, Ciro aveva previsto che una guerra con uno stato così grande, che era stato rafforzato dalla politica del faraone Amasis, sarebbe stata difficile. Ciro decise di rimandare la campagna in Egitto e di assicurare i confini orientali dell’impero, dove i nomadi dei Sciti e dei Massageti si trovavano nelle vaste steppe. Le tribù della steppa avevano una forza militare impressionante ed erano imprevedibili nei loro movimenti, quindi potevano invadere i territori dell’Asia centrale conquistati dai persiani in qualsiasi momento dell’anno. Nel 530 a.C. Ciro il Grande si mosse verso est alla testa del suo vasto esercito.

I Massageti erano governati in questo periodo dalla regina Tomyris. Era la figlia di Spargypis, il capo di tutte le tribù dei Massageti. Dopo la morte del capo, Tomyris ereditò il potere come suo unico figlio, ma molti capi tribù, insoddisfatti del fatto di essere governati da una donna, cercarono di rovesciare il suo dominio. La regina Tomyris ha combattuto tutta la sua vita per il diritto di guidare i Massageti, e lo ha dimostrato attraverso il suo coraggio, le sue abilità militari e la devozione al suo popolo.

C’è una leggenda su come Tomyris abbia scelto il proprio marito. Durante la guerra con le altre tribù Sciti, Spargapis chiese aiuto al suo alleato, il capo Sciti Tigrahaud Kawad. Anche Kawad stava combattendo sui suoi confini in quel momento, così mandò il suo amato figlio Rustam al suo posto. Quando Rustam arrivò alla fortezza dei Massageti, ci fu una gara tra i Batyrs. Il premio di questo concorso era la mano della figlia del capo, Tomyris. Colui che avrebbe raggiunto Tomyris nella corsa dei cavalli sarebbe diventato suo marito. Tomyris era uno dei migliori cavalieri della sua tribù, quindi solo il migliore dei guerrieri poteva raggiungerla. Rustam ha vinto la competizione.

Quando Tomyris seppe dell’attacco di Ciro II, ordinò ai Massageti di lasciare il loro campo e di andare nella steppa. Ciro, da parte sua, decise di usare uno stratagemma per prendere il potere sui Massageti. Ha inviato un emissario con una lettera alla regina Tomyris. In esso, Ciro elogia la sua bellezza e intelligenza e le propone di diventare sua moglie. In questo modo salva il suo popolo da una guerra sanguinosa. Ma la saggia Tomyris capì che il sovrano persiano non aveva bisogno di lei, ma del suo regno, e rifiutò. Sembrava che la campagna fosse iniziata con successo per i persiani. La cavalleria Massageti, coprendo i nomadi che avanzavano sempre di più nella steppa, cercò di non farsi coinvolgere in combattimenti seri e si ritirò davanti all’esercito persiano che avanzava. Questa era una tattica per attirare il nemico nella steppa. Dopo le scaramucce, i Massageti hanno sempre eluso con successo l’inseguimento sui loro cavalli veloci. È così che i persiani raggiunsero Yaxart.

Qui Ciro decise di usare un inganno. Ordina al campo di avvelenare tutti i soldati feriti e malati mentre lui stesso si apposta in un’imboscata con le forze principali. I Massageti, guidati dal figlio di Tomyris, Spargapis, attaccarono il campo di notte ma non furono respinti perché pensavano che i Persiani fossero fuggiti. Per celebrare la loro vittoria, hanno bevuto il vino lasciato dai persiani, che era stato avvelenato. Di notte, quando la maggior parte dei Massageti dormiva, i Persiani attaccarono e massacrarono quasi tutta l’unità. Il figlio di Tomyris fu fatto prigioniero. Quando la regina Tomyris lo venne a sapere, inviò un messaggero a Ciro chiedendo che suo figlio fosse rilasciato, poiché non era stato catturato “con la forza delle armi in una lotta leale”. La regina di Massageti avvertì minacciosamente il sovrano persiano: “Se non lo fai, giuro sul dio sole, il sovrano di Massageti, che ti darò davvero il sangue, per quanto tu sia insaziabile”. Ciro rifiutò Tomyris, e Spargapis si suicidò, non volendo che Ciro manipolasse Tomyris con lui.

Quando Tomyris viene a sapere della morte di suo figlio, decide di attaccare i persiani. Ne segue una battaglia nelle steppe, in cui i Massageti scatenano tutta la loro potenza e la loro furia sull’esercito persiano. Ciro II muore nella battaglia. Tomyris ordinò di riempire di sangue un mantice di vino, e dopo aver tagliato la testa di Ciro, lo gettò nel mantice di sangue con le parole: “Hai voluto il sangue, quindi bevilo in abbondanza!”

La vittoria di Tomyris su Ciro è diventata leggendaria. Per molto tempo i Sciti e i Massageti assicurarono le loro frontiere contro i Persiani. La regina Tomyris divenne un simbolo della libertà e della forza dell’esercito dei Sciti e dei Massageti.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...