Leggenda del Mausoleo Ishratkhona - Turkestan Travel
Ishrat Khana Mausoleum

Leggenda del Mausoleo Ishratkhona

Prima leggenda del mausoleo di Ishratkhona

Un giorno, nella periferia di Samarcanda, Emir Timur stava cavalcando attraverso il cimitero di Hodja Abdi Darun e vide una donna di indescrivibile bellezza in un frutteto di pesche in fiore. Saltò da cavallo, smontò davanti alla bella e si inchinò. Poi si fidanzò con lei e la prese in moglie, e nel luogo del loro felice incontro costruì la casa di piacere e vi trascorse il suo tempo con la moglie.

Seconda leggenda del mausoleo di Ishratkhona

La moglie preferita di Emir Timur fece costruire una tomba che servisse da luogo di riposo. Il peshtak dorato e l’alta cupola furono eretti, le pareti del mausoleo furono dipinte con motivi Kunu’al e le stelle furono disposte a stella. Quando tutto fu pronto, Emir Timur fu invitato a ispezionare la costruzione. L’amante della bellezza si rallegrò e baciò il costruttore così forte nella sua ammirazione che lei trasformò la tomba nella Casa dei Piaceri per perpetuare il bacio. E si è costruita un mausoleo altrove.

Terza leggenda del mausoleo di Ishratkhona

Un giorno Emir Timur, i suoi bahadur¹ (guardie del corpo) e gli emiri si spogliarono delle loro armature di guerra e indossarono le loro vesti leggere per ritirarsi in questo edificio e abbandonarsi ai piaceri della vita. Affinché nessuno potesse disturbarli nella loro piacevole occupazione, misero delle guardie all’ingresso e ordinarono loro di non far entrare nessuno nella casa del piacere.

Durante l’allegra festa, Mirza Ulug Bek, il nipote di Emir Timur, si immerse, come era sua abitudine, nello studio delle stelle e osservò i loro movimenti, collegando le leggi della loro posizione con i destini del popolo, della terra e di tutto il mondo sublunare. Il giovane ha lavorato a lungo e duramente alla lettura delle stelle e ha compilato oroscopi di fortuna e sfortuna. Vide che suo nonno, Emir Timur, era in pericolo mortale nella Casa del Piacere, la mano del destino aveva già estratto la spada per tagliare il filo della sua vittoriosa vita terrena.

Mirza Ulug Bek montò a cavallo e cavalcò verso Ishratkhona. Ma come poteva avanzare al festival? Come vedere suo nonno! La porta era saldamente chiusa dalle fidate guardie, in modo che nemmeno un piccolo topo potesse passare. Così Ulug Bek sguainò la spada, fece imbrigliare il suo cavallo, svegliò i servi, si precipitò sotto la cupola della festa, afferrò il nonno per un braccio e, senza dire una parola mentre il momento fatidico si avvicinava, lo tirò verso l’uscita. Era seguito da una folla di ospiti che non potevano essere capiti e servi che dovevano essere scusati.

Non appena Mirza Ulug Bek e Emir Timur uscirono da sotto l’arco dell’ingresso, ci fu un botto, la terra tremò e la cupola dipinta sotto la quale gli emiri e i bahadur stavano festeggiando crollò, rompendosi in quattro pezzi e coprendo con i suoi frammenti l’alto trono sul quale Emir Timur era seduto solo pochi minuti prima. Tutti sono caduti in ginocchio e hanno ringraziato Allah per averli salvati. L’edificio di Ishratkhona non fu mai ricostruito, perché essi videro in ciò che era accaduto un segno dell’Onnipotente e la predestinazione scritta nel libro era irresistibile per il popolo.


¹La parola Bahadur significa originariamente eroico o coraggioso ed è etimologicamente legata al mongolo Baatar, al turco Baghatur, al turco Bahadır, al russo bogatir (богатырь “eroe”) e all’ungherese bátor “coraggioso”.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...