Leggenda di Bibi-Hanum e del Serpente - Turkestan Travel

Leggenda di Bibi-Hanum e del Serpente

La leggenda narra che un giorno un derviscio venne da Bibi-Hanum e durante una conversazione predisse, tra le altre cose, la sua morte per un morso di ragno. Bibi-Hanum, che non era imbarazzata da una tale previsione, si rivolse ad Emir Timur e con calma gli spiegò la sua morte imminente e il suo desiderio di non essere sepolta nella terra secondo l’usanza musulmana, ma sopra di essa in una bara.

Il dolore e l’orrore presero l’Emir. Il marito sconvolto cercò con tutte le sue forze di distrarla dai suoi malinconici pensieri di morte, ma quando Bibi-Hanum, nonostante le sue suppliche e ammonizioni, persistette nella sua convinzione espressa una volta e credette con tutta la sua anima nella sua correttezza, Emir Timur ordinò la costruzione dell’edificio. Ordinò ai suoi maestri che stavano costruendo i muri dell’edificio di prendere il materiale principale per il lavoro – l’argilla – da sotto l’edificio. Sia che i lavori di costruzione siano durati più o meno a lungo, sotto l’edificio è stato creato un enorme sotterraneo e gli artigiani alla fine hanno invitato Bibi-Hanum a visitare l’edificio. La bella, insieme a suo marito, si recò nel luogo dove il suo corpo doveva trovare l’ultima dimora.

Lasciatemi dire francamente che un edificio così bello avrebbe dovuto servire solo per la gioia e il piacere della vita e non come casa di tristi ricordi. Emir Timur stesso era molto soddisfatto del lavoro dei costruttori e sperava che questo meraviglioso edificio avrebbe distratto la sua amata moglie dai suoi tristi pensieri. E come si potrebbe pensare alla morte guardando la gioiosa bellezza delle pareti fiorite di questo edificio?

Anche gli operai edili si sono rallegrati per l’apprezzamento del loro lavoro. Inoltre, sono stati trattati con un vero e proprio banchetto nel cantiere – Emir Timur stesso ha distribuito pezzi di carne cotti agli operai. I musicisti e i cantanti hanno cercato di brillare nella loro arte.

Bibi-Hanum stava ancora ispezionando l’edificio quando improvvisamente un serpente strisciò fuori dalla prigione e iniziò a crogiolarsi al sole. I lavoratori volevano uccidere immediatamente il serpente perché temevano che potesse mordere qualcuno. Ma Bibi-Hanum li fermò dicendo: “Lasciatelo stare, non farà male a nessuno; perché prendere la vita di questa creatura che non sapete da dove viene e dove sparirà?”.

Dopo essersi crogiolata al sole per qualche tempo, il serpente permise a Bibi-Hanum di avvicinarsi e le fece un cenno affettuoso, mentre il sovrano le accarezzava la testa come un gattino addomesticato e diceva: “Oh, mio fedele animale! Tu non hai paura di me e io non ho paura di te”.

Al culmine delle celebrazioni, quando il Muezzin¹ annunciò l’ora della preghiera, il serpente scomparve inosservato e non fu più visto. L’incidente fu completamente dimenticato dai cittadini.

Nessuno sa quanto tempo sia passato da allora, ma un giorno Bibi-Hanum era seduta nel cerchio delle sue serve, distribuendo uva su una tovaglia (dostarkhan) stesa su un tappeto. Improvvisamente sentì un forte dolore alla mano e quando la guardò, vide un grande ragno che scappava sul tappeto, che prima si era nascosto nell’uva. Il morso del ragno era molto pericoloso.

Il sovrano ordinò che Emir Timur ne fosse informato, e quando lui arrivò, ansioso e preoccupato, lei gli disse, sorridendo dolcemente:
-Ebbene, non era vero quello che diceva il derviscio errante, che sarei morto per il morso di un ragno? Ora queste parole erano giustificate.
-No, no! – Emir Timur cominciò a convincere la sua amata. – È solo un morso di ragno e non è affatto velenoso.

Al calar della sera, tuttavia, una nebbia febbrile e dolorosa si era posata sulla bellezza. La sua forza la lasciò in un lampo, e il dolore permeò ogni cellula del corpo della sovrana come un terremoto che distrugge tutto.

L’ultima cosa che chiese fu l’adempimento del suo desiderio di non essere sepolta nella terra, ma di far riposare il suo corpo nel bellissimo edificio che era stato costruito di fronte alla Moschea del Venerdì nella capitale.

Il mattino seguente, l’anima di Bibi-Hanum fu trasferita per sempre nel regno dell’Onnipotente.

Allah ha esaudito la sua richiesta in maniera santa. Le ordinò di essere vestita con abiti ricchi, collane preziose di doppi fili di corallo e perle da mettere al collo, e i suoi amati anelli e orecchini di rubini e diamanti per adornare la sua eterna solitudine. Poi il coperchio della tomba fu inchiodato con l’oro e la bara posta in una volta buia dove non penetrava nessun raggio di sole o suono dal mondo terreno.

La voce sulla ricchezza di quelli sepolti con Bibi-Hanum si diffuse rapidamente tra la gente. Tuttavia, tra la gente c’erano dieci ladri che decisero di rubare dalla tomba. Si avvicinarono alla tomba nella notte buia, strapparono le collane, presero i chiodi d’oro e vollero lasciare la tomba. In quel momento, un serpente strisciò fuori dalla tomba e li uccise tutti sul posto con il suo veleno.

Al mattino, le persone riunite erano dapprima perplesse sulla provenienza dei dieci uomini morti. Ma quando videro gli oggetti sparsi, non dubitarono più che i ladri morti fossero stati puniti da un potere sconosciuto per il loro crimine efferato.

Si decise di rimettere gli oggetti nella tomba, ma nessuno osò toccarli per paura di subire la stessa sorte dei numerosi morti che giacevano davanti alla tomba. I corpi dei ladri furono gettati dalla gente dalle mura della città fino a una discarica, dove caddero vittime dei cani randagi e degli uccelli da carogna.

Infine, uno degli anziani, dopo aver detto una preghiera, prese con riverenza gli oggetti rubati, entrò nell’edificio con essi e li mise al loro posto. Mentre stava per tornare in pace, la porta che conduceva all’uscita si chiuse improvvisamente da sola, così saldamente che non poté aprirla. Il povero vecchio rimase sepolto vivo. Si dice che sia rimasto vivo nell’edificio chiuso a chiave fino ad oggi. Gli angeli lo hanno scelto per mantenere l’ordine. Dopo tutti questi anni, alcuni di loro si avvicinano alla porta della tomba, si mettono all’orecchio e ascoltano le dolci parole di preghiera.

Finora, nessuno ha visitato la tomba dove è sepolto Bibi-Hanum. Questa è la volontà di Allah! Perché disturbare la pace dei degni credenti?


¹Nella liturgia islamica, il Muezzin (pron. [mueʣˈʣin]; in turco müezzin, dall’arabo مؤذن muʾadhdhin) o muezzino, anticamente chiamato in Italia talacimanno, è la persona incaricata di salmodiare cinque volte (tra notte e giorno) dal minareto il richiamo (adhān) che serve a ricordare l’obbligo di effettuare validamente la preghiera islamica della ṣalāt.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...