Silk Road, Seidenstraße

Leggende della Via della Seta

La storia di questa storica rotta commerciale è piena di mistero. Interi popoli sono nati e morti, civiltà sono scomparse e riapparse, i viaggiatori hanno fatto scoperte, gli artigiani hanno creato monumenti di grande grandezza, e il filo conduttore del percorso è sopravvissuto per secoli, collegando la Cina con le regioni eurasiatiche. Nel corso della sua lunga esistenza, la “Strada della Vita” – la Via della Seta si è coperta di leggende e racconti…

La spedizione di Zhang Qian

L’incredibile spedizione di Zhang Qian, segnata da straordinarie avventure, ha giocato un ruolo importante nella creazione della Grande Via della Seta, secondo la maggior parte degli storici. Nel 139 a.C., l’imperatore Wudi inviò un inviato ad ovest per formare un’alleanza con i popoli che vivevano lì e per combattere insieme contro gli Xiongnu. Un’attenzione speciale è stata data ai nomadi che si sono insediati in aree significative dell’Asia Centrale.

Secondo la leggenda, il talentuoso diplomatico Zhang Qian era un guerriero coraggioso e determinato. È stato assente dalla Cina per ben 13 anni (di cui è stato prigioniero per più di 10 anni, ma è riuscito a fuggire). Alla fine raggiunse lo stato di Dawan, che si trovava nella valle di Ferghana.

Qui il rappresentante dell’imperatore cinese fu ricevuto calorosamente – il governo sperava di stabilire relazioni commerciali con il Celeste Impero. A Qian furono mostrati i cavalli di Ferghana, che secondo un’antica leggenda sono i diretti discendenti dei draghi. I cavalli, che “sudano sangue”, si dice che discendano da “cavalli celesti”. Hanno fatto una grande impressione sull’inviato.

Più tardi, con l’aiuto del popolo di Davan, Zhang Qian raggiunse lo Stato di Kangju (la zona tra Balkhash e Issyk Kul) e poi Dayuezhi (bacino dell’Amu Darya). Poi Zhang Qian tornò in Cina, ma fu di nuovo catturato dagli Xiongnu. Solo nel 126 a.C. raggiunse la capitale del Celeste Impero, dove i suoi viaggi e i dati ottenuti furono apprezzati dall’imperatore e dagli alti dignitari.

Durante i viaggi difficili e pericolosi, durante i quali dovette spesso rischiare la vita, Zhang Qian raccolse ampie informazioni sulle terre del nord-ovest e sui popoli che le abitavano. Sulla base del rapporto dettagliato dell’inviato, l’imperatore Wudi emise un decreto che stabiliva quattro nuove province nei territori recentemente riconquistati dagli Xiongnu.

Intorno allo stesso periodo, iniziò la costruzione di potenti fortificazioni per proteggere e sorvegliare le vie carovaniere. E i nuovi territori formarono il cosiddetto Corridoio del Gansu, che aprì la strada al libero scambio.

Il prodotto principale

Dal secondo secolo d.C. circa, era la seta ad essere trasportata dai mercanti cinesi in terre lontane. Questa merce compatta e leggera era facile da trasportare e, nonostante il suo prezzo elevato, attirava l’attenzione di molti mercanti lungo il percorso delle carovane.

Era molto apprezzato in Asia Centrale e nel Turkestan, in India e a Roma, ad Alessandria. Si dice che la regina Cleopatra avesse un gusto per gli abiti di seta molto lussuosi, e nei primi secoli dopo Cristo c’era persino un mercato speciale della seta a Roma.

Si sa anche che il re visigoto Alarico pretese 4000 tuniche di questo materiale come riscatto durante l’assedio di Roma nel 408.

In vari momenti, sono stati fatti grandi sforzi per rivelare i segreti della produzione della seta. Per esempio, il sovrano di Hotan non poteva ottenere la ricetta per produrre il materiale più fine. Su consiglio del suo ministro Yuichi Mu, decise di barare e organizzò un matrimonio con una principessa cinese.

Quando la proposta fu accettata, un messaggero del sovrano di Hotan sussurrò alla principessa che la patria del suo futuro marito era ricca di giada fine ma mancava di seta fine, e che avrebbe dovuto portare bozzoli di bachi da seta e semi di gelso se voleva indossare gli stessi bei vestiti di prima del matrimonio.

Non passò molto tempo prima che la ragazza fosse tormentata da dubbi angoscianti sull’opportunità o meno di divulgare un segreto di stato. Ha portato tutto il necessario a Hotan, nascondendo i bozzoli in un’elaborata acconciatura che le guardie di confine non potevano ispezionare, e i semi nel suo bagaglio di erbe e pozioni.

È interessante notare che la sposa intraprendente pensava su una scala molto più grande del suo sposo e portava con sé sotto le sembianze di domestici ed esperti nell’allevamento dei bachi da seta e nella tessitura della seta. E anche un giardiniere, un esperto nell’allevamento dei bachi da seta. E la tecnologia di fabbricazione della seta contrabbandata a Hotan trovò presto la sua strada verso altri paesi e divenne ampiamente utilizzata in India, per esempio.

Un’altra leggenda dice che nel sesto secolo, l’imperatore di Bisanzio, Giustiniano, incaricò due monaci di portargli i preziosi bachi da seta di gelso dalla Cina. I monaci nascosero il “tesoro” in un bastone di bambù. E se i cinesi avessero scoperto i bozzoli, gli ecclesiastici avrebbero affrontato la pena di morte. Cosa sia successo veramente è difficile da dire oggi, ma il segreto secolare della produzione della seta è stato finalmente rivelato.

Oltre alla seta, agli specchi di bronzo, alla porcellana e alla ceramica, anche la carta e le merci di metallo venivano spedite dalla Cina in terre lontane. Nel Regno di Mezzo (come si chiamava allora la Cina), c’era una grande richiesta di giada da Hotan e lapislazzuli da Bodakhshan, tappeti indiani e arazzi dalla Parthia, vetro dal Mediterraneo e cavalli da Ferghana.

“Carta velina”

Documenti e lettere private dal secondo al quinto secolo mostrano che la carta, apparsa per la prima volta in Cina intorno al secondo secolo a.C., era ampiamente utilizzata in Asia Centrale 300 anni dopo.

La composizione della prima carta del mondo non è ancora del tutto compresa, ma si ipotizza che il materiale ausiliario usato fosse quello fatto con la lana di pecora, creato durante la tessitura della seta. Forse è per questo che il lato sinistro del geroglifico “zhi” (“carta”) significa “filo di seta”.

Più tardi, i giovani germogli di bambù furono usati per fare prodotti di alta qualità. Questa carta veniva prodotta principalmente nel sud, dove c’erano molti boschetti di bambù. Ben presto, anche le canne furono utilizzate come materia prima. A metà del VI secolo, la carta colorata veniva già prodotta nel Celeste Impero. Nei paesi europei, la produzione indipendente di questo materiale non è emersa fino al XII secolo, più recentemente in Inghilterra nel 1491.

“Buddismo di seta”

Tuttavia, la Via della Seta non era solo responsabile del movimento delle merci. Ha facilitato un intenso scambio di valori culturali e spirituali tra gli stati dell’Eurasia. Le rotte commerciali divennero canali di diffusione delle lingue e delle religioni. Anche il buddismo entrò nel Celeste Impero attraverso la Grande Strada.

Così, le grotte dei Mille Buddha di Kizil sono l’esempio più chiaro della diffusione delle idee religiose. Situato nello Xinjiang, questo complesso di grotte è il più antico tempio cinese buddista in grotta. Fu costruita tra il terzo e l’ottavo secolo nel regno Tochariano di Gaochan. Più di 200 grotte sono scavate direttamente nella roccia lunga due chilometri.

Alcuni dei templi sono semplici celle. Altri sono stanze rituali riccamente decorate con affreschi (le cui origini rimangono un mistero per gli archeologi e gli storici). L’assenza di frammenti cinesi suggerisce che sono stati dipinti prima dell’influenza della dinastia Tang nella regione nell’VIII secolo. La presenza di elementi iraniani e greco-indiani sugli affreschi suggerisce che gli enigmatici dipinti sono stati fatti molto prima.

Un ramo di alta montagna del Cammino

Nel 2005, una tomba di 1800 anni è stata scoperta in Tibet che indica una parte della Via della Seta sconosciuta alla scienza. La tomba, situata a più di 4 km sopra il livello del mare, conteneva seta cinese e vasi di ceramica (così come bronzi e una maschera d’oro), suggerendo antichi contatti commerciali tra Cina e Tibet.

La tomba contiene anche antichi campioni di foglie di tè. Gli storici ritengono che sia stato coltivato nella provincia di Yunnan (Cina meridionale). I ricercatori hanno detto: questi ritrovamenti sono la prova di un ramo d’altopiano a lungo perduto della Grande Via della Seta.

Marijuana nella Via della Seta

Proprio di recente, nel 2016, un sito di sepoltura è stato trovato durante gli scavi nell’Oasi di Turfan, vicino alla Via della Seta. E vi è stata trovata della cannabis. Gli storici credono che tale ritrovamento sia la prova della diffusione della marijuana tra i commercianti della “Strada della Vita”. La tomba ha circa duemila e cinquecento anni. L’uomo di 30 anni è stato sepolto con 13 piante di cannabis lunghe fino a un metro.

Il corpo vi era avvolto come un sudario. I ricercatori sospettano che la tomba appartenga all’antica cultura Subeiha, che dominava la regione in quel periodo. E l’oasi di Turfan era una tappa per i commercianti della Via della Seta.

Fatti storici

Le moderne prove archeologiche suggeriscono che il commercio lungo la “Strada della Vita” è precedente alla dinastia Han (202-220 a.C.), quando si dice che la Grande Via della Seta sia stata aperta.

I viaggiatori europei come Marco Polo hanno raggiunto il Turkestan orientale e sono tornati senza ostacoli con l’aiuto dei mongoli.

Secondo alcuni storici, la peste si diffuse anche lungo la Via della Seta nel XIV secolo.

La parte occidentale del percorso era controllata nei secoli XIV e XV dai Veneziani e dai Genovesi, che avevano fabbriche fortificate sulle rive del Mar Nero.

Nel XV secolo, la Via della Seta era in declino a causa di nuovi conflitti militari in Asia Centrale. Questo stimolò il commercio marittimo e portò l’Europa alle grandi scoperte geografiche.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...