Leggenda di Shah-i-Zinda - Luoghi misteriosi - Turkestan Travel

Leggenda di Shah-i-Zinda

Samarcanda – non c’è nessun’altra città in Oriente che la eguagli in bellezza. La migliore carta del mondo è fatta a Samarcanda. Vi si produce anche una carta non fatta a mano chiamata “juwaz”, fatta nel fango del fiume Siyob, conosciuto anche come Obi Rahmat. Un’altra produzione di Samarcanda è la stoffa cremisi, che viene esportata in tutti i paesi, dato che non si trova un materiale simile in nessuna parte del mondo. La città presenta alla gente uva, meloni, mele, melograni e le pesche che vi crescono sono semplicemente dorate. L’halva a Samarcanda è di una qualità tale che non si trova nemmeno a Tashkent. I frullati di Samarcanda abbellivano le tavole di tutti i regnanti, dalla Cina a Roma.

In questa città e nei suoi dintorni ci sono molti monumenti e giardini fondati da Amir Temur e Mirzo Ulugbek. Nella cittadella di Samarcanda, Amir Temur costruì l’enorme palazzo a quattro piani conosciuto come “Kök Saray”. La struttura di altezza straordinaria. Ha anche costruito una moschea di marmo Djuma in città, vicino alla Porta di Ferro, che tutti chiamano “Bibi Honim”. È stato costruito da maestri scalpellini venuti dall’India. Su un portale di questa moschea c’era un versetto del Corano: “Ed ecco, Ibrohim (Abramo) pose la prima pietra di questa casa insieme a Ismoil (Ismaele)”, con lettere così grandi che si potevano leggere da ottomila passi di distanza. L’edificio è anche di grande altezza.

Amir Temur fondò due giardini a est di Samarcanda: il più vicino – “Dilkusho” e il lontano “Bogh-böldi”, da cui fu piantato per suo ordine un viale ombreggiato di pioppi fino alla Porta Turchese. Nel giardino “Dilkusho” è stato costruito anche un grande palazzo, con un dipinto che rappresenta una delle battaglie indiane di Amir Temur sulle sue pareti. Ai piedi della collina Kuhak, sopra il ruscello Kanigil, chiamato Obi-Rahmat, lo stesso sovrano piantò il giardino “Nakshi-Jagan”. Quando ero lì, questo giardino era già stato distrutto e il suo nome consegnato all’oblio. Ha anche piantato un giardino “Boghi Chanor” a sud di Samarcanda, vicino alla città, e giardini a valle della capitale – “Boghi Shamol” e “Boghi-Begisht”.

Il nipote di Amir Temur e il figlio di Jahongir Mirzo – Muhammad Sultan Mirzo fu costruito una madrasa dentro le mura della città, dove la figlia di Amir e tutti i suoi discendenti che governarono Samarcanda furono sepolti. Tuttavia, tutto ciò che rimane di questa madrasa è una tomba a volta con passaggi sepolti nei sotterranei. Queste rovine si trovano a 50 passi da “Gur-Emir” – la tomba di Amir, a sud, ma sono coperte da case su tutti i lati e poche persone lo sanno.

Tra gli edifici di Mirzo Ulugbek all’interno della città ci sono la Madrasa e la Khanaka, la cui cupola è così grande che si dice non abbia eguali nel mondo. Vicino alla Madrasa e alla Khanaka, aveva costruito un meraviglioso bagno conosciuto come “Hammam di Mirzo”, il cui pavimento era costellato di pietre preziose di vario tipo. Non è noto che tali bagni esistessero già in Khorasan o anche in Babilonia. A sud della madrasa, Mirzo Ulugbek costruì una moschea “Masjidi Mukatta”, così chiamata perché tutte le pareti e il soffitto della moschea sono coperti da singoli pezzi di legno dei tipi più costosi, dipinti nel gusto di “Suulsi” e in stile cinese. La direzione della “Qibla” è calcolata con l’aiuto dell’astronomia. Infine, Mirzo Ulugbek costruì un enorme edificio osservatorio a tre piani ai piedi del Kuhak per la compilazione delle “tavole astronomiche di Guragani”, che sono attualmente le più utilizzate nel mondo.

Ai piedi del Kuhak, verso ovest, Mirzo Ulugbek ha sistemato un giardino chiamato “Boghi-Maydon”, al centro del quale ha eretto un edificio a due piani chiamato “Chil-Sutun”. Tutti i pilastri di questo edificio sono di pietra e dai suoi quattro angoli si alzano torri con passaggi interni simili a minareti che portano verso l’alto. L’ultimo piano è una sala aperta con una terrazza avvolgente.

Durante il regno del sultano Ahmad Mirzo, i giardini furono sistemati dalla nobiltà e il giardino del derviscio Muhammad Tarkhan ha pochi equivalenti in termini di purezza dell’aria, decorazione interna e vastità. Si trova sotto il giardino Boghi Maydon. I terreni sono terrazzati e piantati con bellissimi olmi, cipressi e pioppi.

A sud di questi giardini da favola si trova il luogo più venerato per le anime dei defunti. Questo paradiso terrestre per le anime dei defunti è chiamato “Shah-i-Zinda”, che significa “il re vivente”.

Abbas, che era lo zio dello stesso Profeta Muhammad (S.A.V), aveva figli dalla stessa moglie: Fazil, la cui tomba si trova a Yarmuk, in Siria; Abdullah, che fu sepolto a Medina, dove il Profeta stesso andò ad incontrare l’Onnipotente; Qussam, che partecipò all’abluzione del corpo del Profeta.

Di tutti i figli di Abbas, solo Qussam, sia nell’aspetto che nel carattere, era molto simile al Profeta del mondo islamico. Nel regno di Khalifa Ali, Qussam era Hakim nella città di Mubarak in Arabia per sua nomina. Nel regno seguente, andò a Mawarounnahr per ordine del kalifa Maawiya e succedette al comandante Saghid, figlio del kalifa Usman, che divenne l’Hakim del Khorasan dopo Ubaydi Ziya.

Samarcanda si arrese ai conquistatori arabi e i suoi abitanti si convertirono all’Islam. Qussam alla testa di una piccola truppa di soldati arabi fu lasciato a Samarcanda per rafforzare il potere e la fede tra il popolo conquistato.

Si stabilì in una grotta vicino a Samarcanda, nel luogo dove oggi si trova il suo mazar (tomba), e cominciò con grande zelo a diffondere le verità di una nuova religione tra gli infedeli. Grazie alla predicazione di Qussam, la gente di Samarcanda abbracciò l’Islam e la sua grotta divenne un luogo di ritrovo per le persone che vi giungevano con lo scopo di comprendere le verità divine.

I sermoni di Qussam, il figlio di Abbas, ebbero un tale successo che ben presto fu impossibile trovare un solo miscredente in tutta Mawarounnahr. Questa popolarità spaventò così tanto gli infedeli che una notte osarono attaccare Samarcanda. In piena furtività, i Kuffar attraversarono il fiume Kuhak e circondarono Ahanin Qussam e un gruppo di ortodossi che in quel momento stavano pregando in un luogo chiamato Banunajiyya vicino alla porta della città.

Iniziò una terribile battaglia. I kafir hanno attaccato il piccolo manipolo di ortodossi come una tempesta. La battaglia continuò per tutta la notte fino al mattino. La sciabola di Qussam ha frantumato orde di nemici come un fulmine senza pietà. Inaspettatamente, San Qussam fu fatto indietreggiare da una freccia scoccata da un arco. La luce dell’Islam è caduta a terra morta. Gli ortodossi circondarono il corpo del loro maestro e combatterono i miscredenti fino all’estremo finché Hazrat Jabra’il sollevò le loro anime sulle sue ali e le portò alle dimore del Profeta (la pace sia su di lui e misericordia per sempre!).

I miscredenti si rallegrarono della loro vittoria e circondarono il corpo di Qussam figlio di Abbas. Hanno tagliato la testa del morto Qussam, sperando di mostrarla al mondo per dimostrare la mortalità di un musulmano. Ma improvvisamente Qussam si alzò e afferrò la testa dei nemici. Li strinse a sé con la mano destra, e con la sinistra brandì una frusta e si diresse verso una grotta. Ad ogni colpo di frusta, cento infedeli cadevano morti. Poi si nascose nella sua grotta, che aveva un pozzo, e da allora non apparve più da lì. I miscredenti si precipitarono dopo di lui nella grotta, ma la grotta e il pozzo erano bloccati da grandi pietre.

All’ultimo momento, prima di fuggire nella grotta, Qussam lanciò la sua clava contro l’ingresso della grotta, da cui crebbe un albero che non è stato annaffiato fino ad oggi. Si può vedere alla fine del corridoio aperto sul lato est nel cimitero di Shah-i-Zinda. Tutti i pellegrini al luogo santo vengono necessariamente a questo meraviglioso albero, che è chiamato – “darakhti kamchin” (l’albero della frusta). Secondo la credenza dei saggi, l’albero ha poteri miracolosi. Se una donna che non partorisce un bambino ingoia una sola bacca dell’albero, darà alla luce il bambino del sesso desiderato. Gli sceicchi di Mazar raccolgono queste bacche e curano le donne musulmane che vogliono avere figli con loro.

Una volta Amir Temur tornò da una lunga campagna nella sua capitale Samarcanda. La campagna si trasformò in un evento felice: Amir Temur vinse molte terre, portò molti beni nella capitale. Il sovrano si rallegrava per il successo della campagna ed era felice, ma prima di iniziare a celebrare le sue vittorie, prima di darsi alle fatiche e al lavoro militare, voleva fare “ziarat” (culto) presso le tombe dei santi, molti dei quali sono sepolti a Samarcanda.

Con un grande seguito, i suoi figli e vari parenti, con splendore e magnificenza reale, percorreva i luoghi santi, smontando dappertutto da cavallo e adorando. Alla fine Amir Temur si avvicinò a quel pozzo (grotta) dove Qussam ibn Abbas si nascondeva dai pagani. Qui i dubbi di Temur attaccarono se era vero che Shah-i-Zinda, grande e stimato da tutti i santi, era ancora vivo? Si rivolse ai suoi servi e disse:

-Ho letto nei libri storici e tutti sanno che Shah-i-Zinda si nascose in un pozzo quando fu inseguito dai Samarcanda ribelli che rinunciarono all’Islam, che è vivo e si sofferma in questo pozzo della grotta. Voglio sapere se è vero che Shah-i-Zinda non è già morto?

Gli operatori hanno risposto:

-Onorato Signore, nessuno può conoscere ciò che è nascosto se non Allah. È impossibile dire se Shah-i-Zinda è attualmente vivo o morto senza vederlo con i propri occhi.
Poi un nobile continuò:
-Grande Signore, ho letto in un libro che Shah-i-Zinda rimarrà in preghiera in questo pozzo fino a quando il Profeta Isa (Gesù) tornerà sulla terra. Allora Qussam, figlio di Abbas, uscirà dal pozzo e si mostrerà al popolo.

Queste parole non dissiparono i dubbi di Temur e cominciò ad essere tormentato dal desiderio di conoscere le cose nascoste.

Amir Temur non si è mai fermato davanti a nulla. Immediatamente cominciò a convocare dal suo seguito colui che voleva scendere in un pozzo. Ha promesso molte ricchezze, molti onori a chiunque avrebbe consegnato qualsiasi notizia su Shah-i-Zinda dal pozzo. Ma per quanto le promesse fossero allettanti, non si trovava nessuno che fosse disposto a farlo. Tutti avevano paura di causare problemi al santo. Molti pensavano che un drago sputafuoco sorvegliasse il suo ingresso.

Amir Temur si rattristò e gli ordinò di proclamare quanto segue al suo esercito: “Prodi guerrieri, non si trova tra voi un uomo coraggioso che scenda nel pozzo di Shah-i-Zinda e porti la notizia se il santo è ancora vivo o già morto. Quest’uomo sarà ricompensato innumerevoli volte, sia con ricchezze che con onori”.

Un uomo tra i guerrieri, di nome Hida, si offrì volontario per accettare l’offerta di Amir Temur. Era il guerriero senza paura che possedeva una forza tremenda. Era tentato da grandi ricchezze e onori. Apparve davanti allo Stato e dichiarò che avrebbe soddisfatto il desiderio del Signore e sarebbe sceso nel pozzo. Amir Temur si rallegrò e gli disse:

-Hey, Hida, questo difficile affare può essere eseguito solo da te. Ti auguro un ritorno rapido e sicuro affinché il mio cuore sia liberato dai dubbi e dalle ambiguità.

Hida legò un capo della corda intorno alla sua vita e i guerrieri di Temur presero l’altro capo e iniziarono a calare il temerario nel pozzo. Passò molto tempo e diverse altre corde furono legate, ma Hida continuò a scendere. Finalmente sentì la terra sotto i suoi piedi. Si guardò intorno e non vide nulla: buio totale. Hida era un uomo intuitivo, aveva visto e sentito molto nella sua vita ed era abbastanza intelligente. Si sedette sul fondo del pozzo, strinse gli occhi e li premette strettamente con i palmi delle mani. Rimase seduto in questa posizione per un po’ di tempo, e poi aprì immediatamente gli occhi – aprì e vide che l’interno del pozzo era illuminato come la terra in una giornata limpida.

Hida si guardò intorno e vide una grotta in un lato del pozzo. Entrò coraggiosamente nella grotta e, dopo aver percorso la distanza di una freccia, vide un palazzo che assomigliava al tesoro di Firidun. Il palazzo era adornato dentro e fuori con pietre preziose che bruciavano come il sole in un giorno d’estate, gettando raggi di luce multicolore in tutte le direzioni. Il sufa era attaccato su tutti e quattro i lati, e la sua facciata era intonacata con oro fuso. Su ogni lato di esso si trovava un trono decorato con pietre preziose. Hida si meravigliò molto della bellezza incomparabile del palazzo. Ha viaggiato con Amir Temur, ha visto molte cose curiose, ha sentito molte cose meravigliose, ma non ha sognato questo palazzo.

Ma per quanto tempo aspettasse, per quante volte guardasse in diverse direzioni, non usciva nessuno e non si vedeva nessuno da nessuna parte. Hida entrò nel palazzo, ma anche lì non c’era nessuno. Camminava e camminava intorno al palazzo, e alla fine aprì una porta e uscì in un enorme giardino che era più bello di qualsiasi altra parte del mondo. In questo giardino c’erano ampie vigne composte da viti di tutti i tipi, alberi da frutto e ornamentali e arbusti di varie dimensioni e di tutte le razze esistenti, magnifiche aiuole con i fiori più meravigliosi del mondo che sbocciavano in bellezza e fragranza, vasti prati e radure con erba morbida dei colori più tenui e panorami sorprendenti; molti ruscelli di acqua brillante di primavera scorrevano attraverso il giardino; i fossi correvano via dai ruscelli in varie direzioni. L’acqua, gorgogliando, scorreva attraverso di loro in tutte le parti del giardino, riempiendo con se stessa houzes (stagni) qua e là, piantati con grandi olmi, che davano ombra densa e freschezza. I fondi e le rive dei ruscelli, dei fossati e degli houze erano ricoperti di grani di corallo, smeraldi, jacchon e rubini di varie dimensioni invece di pietre e sabbia. Frutti maturi pendevano dagli alberi ovunque. Innumerevoli uccelli meravigliosi con voci piacevoli e accattivanti, con piume come gioielli, riempivano il giardino. Singolarmente e in stormi volavano da un albero all’altro, cantando a voce alta e incessantemente le lodi di Dio.

Hida vagò a lungo per il magnifico giardino, dimenticando completamente il motivo per cui era venuto qui. La vista del frutto, tuttavia, era così bella che non poté trattenersi dall’assaggiarlo. Ma proprio mentre allungava la mano per prendere il ramo, sentì una voce terribile e tonante:

– Ehi tu, pazzo! Se osi prendere qualcosa da qui, ti strappo la linea della vita, ti spacco la testa con questo bastone!

Hida tremò di paura e la sua mano cadde a terra come se fosse spontanea. Guardò nella direzione da cui proveniva la voce e vide un vecchio di dimensioni straordinarie in piedi con un enorme bastone tra le mani. All’inizio Hida voleva fargli una domanda, ma quando vide quel mostro, il suo coraggio lo lasciò e scappò via in preda all’orrore. Corse a lungo finché non raggiunse la fine del giardino. Un bellissimo, ampio, verde prato si aprì davanti a lui senza fine in vista. In questo prato pascolavano milleduecento cavalli. Erano tutti sellati con selle d’oro tempestate di pietre preziose, e anche con briglie; ma non si vedevano pastori.

Più avanti, Hida vide un palazzo con un’alta terrazza, simile a quello che aveva visto prima. Avvicinandosi, vide davanti al palazzo una folla di migliaia di uomini, alcuni vestiti di bianco, altri di verde. Per non dubitare dell’esattezza del numero di cavalli e uomini indicati, è necessario sapere che Hida era inequivocabilmente in grado di stimare la quantità di uomini e bestiame a vista. A causa di questa capacità, Amir Temur lo mandava avanti ogni volta prima della battaglia per scoprire il numero delle truppe nemiche. Hida saliva su qualsiasi collina da cui si poteva vedere l’intero esercito nemico, poi andava a riferire al re che il numero dei nemici era così grande.

Mentre Hida guardava il palazzo, i cavalli e gli uomini, notò del movimento e dell’inquietudine tra questi ultimi. Gli uomini in abito bianco e verde cominciarono a parlare tra di loro:

-Sembra che un estraneo sia entrato nel prato! Come se un estraneo fosse molto vicino a noi?

E in quel momento Hida vide un vecchio in un abito bianco splendente seduto sulla terrazza del palazzo; e alla sua destra e alla sua sinistra c’erano altri due vecchi, anch’essi vestiti di bianco. Tutti e tre sembravano parlare. Raccogliendo il coraggio, Hida si avvicinò rispettosamente alle persone in piedi intorno al palazzo e disse:

-Assalamu alaykum!

Dopo aver ricevuto la risposta di auguri, si rivolse a uno di loro con una domanda come questa:

-Taqsir! Chi è questo grande uomo che irradia luce e quali sono i nomi dei due nobili anziani seduti accanto a lui?

Uno ha risposto:
-Sappi, o servo di Allah, che quello seduto in mezzo è Shah-i-Zinda Qussam, il figlio di Abbas (che Dio sia soddisfatto di entrambi!); quello seduto a destra è il Profeta Khizir e quello a sinistra è il Profeta Ilyas. Le persone che vedete qui sono le anime delle persone future e le anime delle persone giuste che sono morte – le prime in abito bianco, le seconde in verde. Tutte (le anime) si riuniscono qui ogni giorno al comando di Dio per adorare e servire Hazrat Shah-i-Zinda e poi si disperdono in tutto il mondo su questi cavalli che vedi a destra e a sinistra, a est e a ovest.

Nel frattempo, le anime continuavano ad essere disturbate dalla presenza di un intruso tra loro. Shah-i-Zinda lo notò e volle sapere la ragione della loro irrequietezza. Gli spiriti risposero:

-O, Hazrat! Oggi un uomo che non ci appartiene è entrato nel pozzo ed è entrato qui; è uno straniero.

Shah-i-Zinda si arrabbiò e ordinò immediatamente che quest’uomo fosse portato. Prima che Hida potesse pensare a qualcosa, si trovò davanti al trono. Ha piegato le mani sullo stomaco, la mano destra sulla sinistra, ha piegato la coscia in avanti e ha salutato:

-Assalamu alaykum!
Al che Shah-i-Zinda rispose:
-Walaykum assalaam!

Shah-i-Zinda guardò Hida con rabbia. Era un uomo coraggioso e senza paura, ma il suo volto cambiò a quello sguardo, tremò come una foglia sciolta e cadde in ginocchio. Shah-i-Zinda chinò la testa e pensò. Ma Hida era già caduto a terra, tremando per la vita, né vivo né morto. Finalmente Hazret alzò la testa e si rivolse a lui con queste parole:

-Schiavo di Allah, hai commesso un’impertinenza scendendo nel pozzo senza invito e comparendo tra le anime dei giusti. Non hai avuto paura di provocarmi con la tua richiesta? Non sapevi che per mio ordine potevi essere reso membro del mondo permanente, ridotto a una forma primitiva, pre-terrestre? – Poi Shah-i-Zinda pensò un po’ e aggiunse:

-Se lo faccio, mi libererò così di altri temerari come te, che potrebbero anche voler scendere nel pozzo e visitare il regno delle anime pure per curiosità.

Hida, nella sua paura, cominciò a scusarsi:
-O, Hazrat! Non punitemi, non sono entrato nel pozzo di mia spontanea volontà. Un grande sovrano, Amir Temur, è venuto al mondo. Ha già conquistato metà dell’universo e vuole conquistare tutta la terra. Mi ha mandato qui con la forza. Come potrei disobbedirgli?

Al che Shah-i-Zinda disse:
-Tu menti, miserabile, e non temi Dio. Amir Temur non ha ordinato con la forza di calarti in un pozzo. La vostra avidità vi ha portato qui. Sei sceso volontariamente nella speranza delle ricchezze e degli onori che Amir Temur ti ha promesso”, continuò Shah-i-Zinda dopo un silenzio. – Questa volta ti concedo la vita e ti perdono per quello che hai fatto, ma a condizione che tu non riveli nulla di quello che hai visto qui al tuo re o a chiunque altro, che tu tenga tutto segreto. Ma se non mantieni il segreto, se parli, ti troverai nell’angoscia e nella miseria, e perderai il più importante dei cinque sensi dell’uomo.

Sentendo queste parole di Shah-i-Zinda, Hida pianse amaramente. I suoi singhiozzi e lamenti erano così forti che scuotevano le mura del palazzo.

-Amir Temur mi crederà se non gli dico il segreto?” gridò Hida in preda alla disperazione. -Mi ordinerà di essere torturato e tormentato. Qual è la mia punizione, o Hazrat, se non riuscissi a sopportare la tortura e a salvare la mia vita rivelando ciò che ho visto e sentito qui?

-Se tradisci il segreto, se non realizzi il mio desiderio, tu stesso diventerai cieco e tutti i tuoi discendenti nasceranno ciechi. Pensa alla punizione e non tradire il segreto.

-O, saggio Hazrat! – Hida ha pregato. – È giusto che io, un povero servo, debba eseguire gli ordini dell’altezzoso emiro ed essere punito per questo?

-Stai zitto, essere umano ingrato! – Shah-i-Zinda ha gridato. – Non sta a te, umile schiavo, giudicare la giustizia di Dio. Vattene subito da qui, e ad Amir Temur per aver osato dubitare che io sia vivo, tale punizione è definita: tutte le terre e i terreni che ha guadagnato rimarranno con lui fino al giorno della sua morte, ma non sarà la Cina a governarlo. Se marcia verso la Cina, la sua razza sarà tagliata fuori da coloro che lo accompagnano nella sua ultima campagna in vita! Vada via e abbia paura di disturbarmi la prossima volta!

Hida si alzò dalle ginocchia e cominciò ad allontanarsi dal palazzo, piegato, con la postura china e le mani giunte davanti allo stomaco, mormorando i suoi ringraziamenti. Poi, senza sentire il suo corpo, corse velocemente attraverso il prato, il giardino, il palazzo, raggiunse la grotta e si trovò in fondo al pozzo. Annodò rapidamente l’estremità danneggiata della corda e cominciò a tirarla rapidamente e con forza, il che gli diede il segnale di essere tirato fuori. Gli uomini erano in piedi in fondo al pozzo in attesa del segnale.

Tirarono fuori Hida e non lo riconobbero subito nel vecchio magro, arruffato e dai capelli grigi. Immediatamente lo portarono da Amir Temur, che aspettava con ansia notizie da Shah-i-Zinda. Hida cadde a terra davanti al re e la baciò. Dalla sua faccia il re capì che gli era successo qualcosa di straordinario e disse:

-Dimmi, Hida, cosa hai visto nel pozzo? Shah-i-Zinda è vivo o no?

-Grande signore, sono sceso in fondo al pozzo, ma non ho visto nulla”, cominciò a mentire e a girare Hida. – Perché non c’è niente e Shah-i-Zinda non c’è.

Amir Temur si arrabbiò molto a queste parole e cominciò a gridare forte contro Hida:
-Verme mortale, tu giaci davanti al tuo sovrano! Tutti sanno che Shah-i-Zinda è nel pozzo; è scritto nei libri più saggi e voi dite che non c’è! Dimmi in fretta quello che hai visto o ti torturerò e poi ordinerò di ucciderti.

-Cosa posso dirle, signore, se non ho visto nulla? – Hida continuò la sua argomentazione.

Allora Amir Temur fece segno ai suoi servi di chiamare i carnefici. In un attimo vennero, caddero davanti al trono del re ed espressero rispettosamente la loro volontà di servire il re e di fare qualsiasi cosa egli comandasse. Un Temur infuriato ordinò l’esecuzione di Hida. Uno dei carnefici uscì, afferrò l’elsa della sua spada, la sguainò rapidamente, abbassò la testa di Hida e spalancò la spada per un solo colpo per separare l’anima dal corpo. Allora Hida capì quanto fosse dolce la vita:

-Fermo, boia! Ho una parola da dire al re! – gridò in preda alla disperazione.

Il boia si fermò.
-Grande signore, se rivelo il segreto di Shah-i-Zinda, perderò sicuramente la vista. Inoltre, tutti i miei discendenti nasceranno ciechi. – O Signore, ti ho servito a lungo e diligentemente. Spero che non mi augurerete questa terribile disgrazia, né vorrete che io sia cieco e che i miei discendenti lo siano perché conosco il segreto di Shah-i-Zinda.

Ma Temur rispose:
– Le mie decisioni non saranno annullate. Desidero così tanto conoscere il segreto di Shah-i-Zinda che le tue paure non mi fermeranno. Ma se diventi cieco e i tuoi figli nascono ciechi, io provvederò a te: costruirò per te una madrasa a Samarcanda, nelle cui celle vivrai e studierai il Corano. Chiamerò questa madrasa “Madrasa dei ciechi”, creerò per voi un giardino che chiamerò “Giardino di Hida”, vi doterò di un ricco waqf. Sali su un cavallo e vai in un posto che ti piace di più. Qualunque sia la quantità di terra che rilevi lì, entro un giorno sarà tutta ripulita per te e per i tuoi discendenti. Inoltre, convertirò dodici file di negozi nel bazar di Samarcanda in waqf.

Di buon grado, Hida dovette accettare l’offerta di Temur. Quando arrivò a casa, cominciò a considerare quale posto avrebbe dovuto scegliere in modo più vantaggioso per la sua prossima escursione. Di tutti i possedimenti di Temur, la terra di Samarcanda gli piaceva più di ogni altra. Quando si fermò a Samarcanda Viloyat, cominciò a riflettere: “Non c’è abbastanza acqua nell’Angora Mist perché il Dargom aryk erode spesso la diga di Zaravshan e non c’è abbastanza acqua al momento giusto. Non per niente c’è un detto: “Se non vuoi causare dolore a te stesso, non passare per Dargom”. Con una tale terra, sarà difficile per i miei discendenti. La terra di Sugud è fertile, ma il fiume Zarafshan è inondato a volte – è difficile muoversi, inoltre questa regione è nota per il suo fango – è una sofferenza camminare e viaggiare su di esso. Inoltre, questa zona è caratterizzata dal fango – è un calvario camminare e viaggiare su di esso.

Infine, trovò che le terre di Shaudor erano le migliori e le più economiche: Erano vicini alla città, il terreno era asciutto e piatto, i raccolti erano buoni e l’acqua non mancava.

Il Muazzin non aveva ancora chiamato l’invocazione per Bam-dood, ma Hida aveva già sellato il suo cavallo ad Ak-tepe, da dove intendeva iniziare la sua circumnavigazione. Aveva un cavallo da corsa che era sempre vincente nel Köpkari e nel Poyga. Non appena il sole sorse dietro le montagne Penjikent, Hida stava già correndo come un falco verso le montagne Kara-Tube, allargando il cerchio. Il suo cavallo galoppa con passo leggero, salta i fossi di irrigazione e le buche, poi salta fuori dalla gola o si nasconde nella gola per un momento. Il vento gli fischia nelle orecchie, gioca con il suo cappotto di seta, e Hida continua a guardare il sole. Una cosa incredibile: gli sembra che il sole stia sorgendo velocemente oggi, ma il cavallo non va abbastanza veloce. Chagrin conduce Hida al cavallo. Con tutta la sua forza lo frusta, con ampie spazzate di gambe lo colpisce al ventre.

Non fu prima di mezzogiorno che Hida galoppò verso Kara-tepe, avendo già conquistato un bel po’ di terra. Il suo cavallo correva già con salti bruschi e sporadici come un’otarda in salita e poi andava, ondeggiando da un lato all’altro, coperto di schiuma, respirando pesantemente…. Hida aveva riposto troppa fiducia nel potere del cavallo ed era avido oltre misura. L’avidità chiuse gli occhi e oscurò la sua mente. Hida raggiunse Agalyk e girò il cavallo verso Chungul. Era circa l’ora del namaz “Asr”. Il cavallo esausto riusciva a malapena a muovere le gambe e non aumentava il passo a causa delle frustate crudeli. Infine, il cavallo barcollava, non riusciva più a stare in piedi, cadeva e non riusciva a rialzarsi.

Hida guardò il sole – aveva già cominciato ad assumere un colore ardente e non era più doloroso guardarlo. Scese da cavallo e cominciò a correre. Correva e correva, correndo attraverso il ponte Chor-Minor su Dargom, cominciando ad ansimare per la fatica e passando dalla corsa alla camminata. Si è tolto l’accappatoio e la camicia, gli stivali sono spariti da tempo. Ansimando, guardò ancora una volta il sole – stava per scomparire….

Da dove veniva lo slancio – ha ripreso a correre e ha corso fino a cadere. Ma l’avidità non lo abbandonò: si precipitò giù, fece oscillare il più possibile una frusta che aveva per caso in mano e la lanciò in avanti per afferrare un altro pezzo di terra. Il villaggio di Kamchinon fu fondato sul luogo dove cadde la frusta, e il suo nome deriva dalla parola “kamchin” (la frusta).

Poi Hida apparve all’Amir Temur, che gli ordinò di iniziare immediatamente una storia. Hida ha raccontato in dettaglio tutto ciò che ha visto e sentito, senza aggiungere nulla di sé e senza nascondere nulla. Finì la sua storia proprio mentre due grosse lacrime nere gli uscivano dagli occhi e divenne immediatamente cieco. Tutti erano stupiti di questo miracolo.

Da allora, i discendenti di Hida sono nati ciechi – questo è ben noto a Samarcanda. Amir Temur ha mantenuto la promessa: Costruì una madrasa a Samarcanda dove ancora oggi vivono dei ciechi, la maggior parte dei discendenti di Hida. Nessuna traccia del giardino di Hida è rimasta oggi e i sakuf lasciati in eredità da Temur a favore dei discendenti di Hida si sono persi nella maggioranza, perché da allora ci sono state molte invasioni spiacevoli di Samarcanda, molte generazioni di persone sono state sostituite in essa e sono avvenute anche diverse rivolte interne.

Il castigo predetto all’Amir Temur si è avverato. Aveva già conquistato tutto il mondo, solo il regno di Cina non era soggetto a lui e voleva conquistare anche quello. L’orgoglio prese il grande Amir Temur e dimenticò la predizione di Shah-i-Zinda.

Amir Temur raccolse un grande esercito, così grande che non si poteva contare, che non si poteva vedere da un capo all’altro. Nessuno dubitava della sua vittoria. L’esercito ha continuato a marciare. Cosa potrebbe resistere, cosa potrebbe bloccare il suo cammino? È possibile bloccare il cammino della tempesta o trattenere le acque del fiume Syrdarya?

Amir Temur portò con sé in questa grande campagna tutti i suoi figli e nipoti, venerabili principi. Questa vittoria doveva immortalare i loro nomi per tutti i tempi. L’imperatore cinese era terrorizzato quando seppe che l’invincibile Temur stava venendo a prenderlo. Decise di cedere tutto il suo impero a Temur senza combattere per non versare sangue invano e gli inviò degli ambasciatori con ricchi doni.

Ma proprio in quel momento, Amir Temur morì improvvisamente. Anche i leader e i re invincibili sono impotenti contro la morte e il proposito di Dio! Le truppe di Amir Temur si dispersero e tutti i suoi discendenti scomparvero nella notte dei tempi, la gente andò a venerare la sacra Shah-i-Zinda e continua ancora oggi….

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...