Margush - Gonur Depe - Turkestan Travel
Margusch - Gonur Depe

Margush – Gonur Depe

L’antica “terra di Margush”, menzionata nelle antiche iscrizioni cuneiformi persiane e dove si trova Gonur Depe, era conosciuta nei suoi “primi tempi” come “Mowru” – questo nome è registrato nel libro Avesta, che è sacro per tutti gli zoroastriani.

Gli antichi autori greci scrissero la parola “Margush” come “Margiana” e con questo nome la terra, di cui non si sapeva quasi nulla, entrò nella storia del mondo.

Per molto tempo, nessuno conosceva la posizione esatta fino alla metà del XX secolo quando l’accademico V.V. Utilizzando antiche prove scritte, Struve dimostrò che la terra di Margush si trovava nel bacino dell’antico delta del Murgab nel sud-est del Turkmenistan.

Tuttavia, c’è anche un’altra versione, secondo la quale Margiana si trovava nel corso superiore del fiume, nella regione di Merverud. Alcuni studiosi ritengono che comprendeva non solo il delta, ma l’intero bacino del Murghab.

Tuttavia, questo contraddice la totalità dei dati a nostra disposizione. Infatti, solo il delta del Murghab è densamente popolato di monumenti del III-II secolo a.C.

L’archeologo Victor Sarianidi fu lo scopritore della terra di Margush, che esisteva sul territorio dell’attuale Turkmenistan nel III-II secolo a.C. La spedizione turkmeno-russa guidata dall’archeologo Victor Sarianidi ha anche scoperto il territorio di Margush nel III-II secolo a.C. La spedizione turkmeno-russa da lui guidata ha condotto scavi nella capitale della terra di Margush, Gonur Depe, una città con palazzi, templi e tombe reali nell’antico delta del fiume Murghab per circa mezzo secolo.

Un luogo di sepoltura nell’oasi di Takhtabazar è noto da questo periodo, e anch’esso appartiene a tribù che si trasferirono dalla Bactria alla Margiana. In ogni caso, nonostante una ricerca mirata, gli archeologi non hanno trovato altri monumenti di questo tipo.

Ma la mancanza di risultati è anche un risultato, soprattutto perché questa ricerca ha posto le basi per la ricerca su larga scala di possibili tracce dell’uomo preistorico nel deserto del Karakum più di trent’anni fa.

Ora, una cultura completamente sconosciuta è stata scoperta nella vastità di uno dei più grandi deserti del mondo. È una cultura perché sono state scoperte decine, se non centinaia, di antichi insediamenti che componevano la misteriosa Margiana dell’età del bronzo.

Inoltre, i confini dell’area sono stati segnati. Molti fiumi si sono prosciugati, i raccolti sono bruciati nei campi degli antichi contadini. Allo stesso tempo, la pianura alluvionale del Murghab rappresentava una “oasi paradisiaca” la cui terra fertile non conosceva la mancanza d’acqua.

Le tribù in fuga dalla siccità vennero in questa valle e vi trovarono la loro nuova casa – un vero “Eden” terrestre che si trovava allora ai margini del mondo civilizzato.

Non fu fino agli ultimi secoli del III millennio a.C. che nuovi insediamenti di agricoltori venuti dal lontano ovest cominciarono ad apparire lungo i corsi d’acqua dell’antico delta del Murghab.

Apprezzarono questa terra fertile e iniziarono a costruire i primi insediamenti e città. La completa mancanza di pietre nella Grande Pianura di Murghab costrinse i nuovi arrivati ad adottare molte conquiste delle tribù turkmene del sud, compresa la pratica di costruire con mattoni grezzi essiccati al sole.

Dovettero anche prendere in prestito da loro (a causa della mancanza di legno per le coperture e di pilastri di legno per sostenere i tetti) la tecnica di costruire cupole, che era nota ai contadini locali mille anni prima degli eventi descritti sopra.

Ne sono la prova le tombe a cupola scoperte dagli archeologi durante gli scavi dei primi insediamenti agricoli risalenti al IV millennio a.C. vicino alla stazione di Geoxur.

Così, i nuovi arrivati usarono le conquiste dei nativi e trasferirono loro le loro abilità per stabilirsi nel delta del Murghab per un lungo periodo. Grazie alla diligenza dei Margush, queste terre producevano grandi raccolti di grano, orzo e altri cereali, che erano più che sufficienti per una vita confortevole.

Inoltre, le eccedenze sono rimaste. Probabilmente venivano venduti a parte, e il ricavato veniva utilizzato per costruire strutture monumentali per scopi religiosi e secolari, che a loro volta contribuirono al fiorire dell’artigianato e alla comparsa di artigiani professionisti: intagliatori di ossa e tagliatori di pietra, fabbri e gioiellieri, i cui prodotti sono ammirati ancora oggi.

Gli abitanti del Margush costruirono i loro primi insediamenti sul bordo del delta, dove presto sorsero piccoli palazzi e templi come Gonur Depe. Così, negli ultimi secoli del III millennio a.C., fu creata un’oasi di irrigazione autonoma nella parte nord del delta, che oggi si chiama Kellelii.

Parallelamente alla costruzione dell’oasi, fu costruita la capitale Margush. Dopo che i nuovi arrivati si furono stabiliti, probabilmente iniziarono subito a costruire una capitale.

A quel tempo, si dava molta importanza alla posizione. Avendo calcolato che il drenaggio naturale delle acque del Murghab inizia alla sorgente del ventaglio del delta, hanno costruito lì il loro centro.

L’atteggiamento speciale dei coloni verso la costruzione della città si riflette anche nel suo design generale. Costruirono un’enorme fortezza con forti mura difensive e torri rettangolari al centro, in cui fu costruito un complesso palazzo per lo zar e la sua famiglia.

Gli antichi costruttori scelsero la posizione più alta per il palazzo – una collina naturale che si innalzava quasi un metro sopra la pianura e forniva la necessaria visibilità a tutto tondo e una tattica ottimale per un possibile lungo assedio. Naturalmente, il Cremlino serviva anche come protezione per i templi.

È ovvio che questo enorme insieme di palazzo e tempio fu costruito secondo un piano preliminare ed era una città per il re, l’élite dirigente e i sacerdoti.

Qui si tenevano varie cerimonie cultuali, sacrifici e pasti comuni. Alla fine del III millennio a.C., Margiana aveva una propria scuola indipendente di architettura, che occupava una posizione speciale nel Vicino e Medio Oriente.

Alcuni edifici erano laici (il palazzo), altri di culto (i templi); questi ultimi differivano anche per il loro scopo (il tempio del fuoco, il tempio dell’acqua, il tempio sacrificale, il complesso dei refettori collettivi), il che condizionava la loro diversa pianificazione.

In breve, anche le descrizioni più generali e concise mostrano quanto fosse difficile il compito di costruire un enorme complesso di palazzi e templi. Tutto qui è sorprendente.

Questi includono la magnifica conoscenza degli antichi architetti delle basi dell’astronomia e della geometria – in alcuni casi la direzione assiale dei muri esterni è allineata con i paesi della terra con una precisione sorprendente.

E angoli perfettamente retti delle stanze! – Non è ancora chiaro come i maestri di Gonur Depe li abbiano creati nella terra di Margush. L’argilla grezza mescolata con paglia tritata veniva pressata in speciali stampi di legno (dimensioni approssimative 55 x 30 x 15 cm o 45 x 20 x 10 cm) e asciugata al sole fino a quando non era quasi dura come la pietra, proprio come oggi.

Questi mattoni di fango furono usati per costruire le capanne dei poveri e i magnifici palazzi e templi delle prime città dell’Oriente. Gli esperti hanno stimato che diversi milioni di mattoni modellati erano necessari solo per la costruzione del Cremlino e del Palazzo Gonur.

La muratura è stata fissata con malta di argilla liquida e le pareti sono state intonacate su entrambi i lati con la stessa malta di argilla mescolata con paglia. Questo intonaco è stato levigato fino a una lucentezza quasi a specchio quando necessario.

Share This Article

Ti potrebbe anche piacere...